Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Conoscere non significa limitarsi ad accennare ai Rom e ai Sinti quando c'è di mezzo una disgrazia, ma accompagnarvi passo-passo alla scoperta della nostra cultura secolare. Senza nessuna indulgenza.

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : Europa (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 23/12/2007 @ 09:50:56, in Europa, visitato 1918 volte)

Da Bulgarian_Roma

Sociologi dell'agenzia Skala hanno condotto una ricerca pubblicata il 20 dicembre in un seminario a Borovets, secondo la quale monta un'allarmante intolleranza verso le diverse etnie e quanti hanno orientamenti sessuali non-tradizionali

[...] Secondo la ricerca [...], il 68% degli intervistati non solo sono a conoscenza della discriminazione etnica, ma l'accettano come qualcosa di normale, [...] anche da chi la subisce.

I ricercatori trovano che l'avversione etnica tra Turchi e Rom è più profonda, di quella tra i due gruppi e l'etnia Bulgara.

Il 39% dell'etnia Turca dice di aver subito discriminazioni, il 12,5% fisicamente ed il 17,3% psicologicamente.

D'altro canto, il 37,7% dell'etnia Turca non accetterebbe che i propri figli si sposassero con un Bulgaro/a, e fino al 70% non accetterebbe un matrimonio con un/a Rom. Il 36% dell'etnia Turca non vorrebbe lavorare nella stessa stanza di un Rom, il 34% dicono di non volere amici Rom, ed il 54,6% non vogliono mandare i loro figli a scuola con i Rom.

I Rom sono più negativi nella loro attitudine verso i Turchi che verso i Bulgari. Circa il 5% dei Rom non manderebbe i propri figli a scuola con i Bulgari, comparato al 27,6% che non li manderebbe a scuola con i Turchi. Oltre un quarto dei Rom non accetterebbero che i loro figli/e si sposassero con i Bulgari o i Turchi.

Oltre metà dei Rom dice di essere stato vittima di discriminazione motivata etnicamente, sino al 62% dice di incontrare regolarmente situazioni che violano i loro diritti.

Mentre l'83% degli intervistati pensa che i proprietari di edifici senza accesso facilitato per le disabilità dovrebbero essere sanzionati ed il 92% dice di non avere niente in contrario a lavorare nella stessa stanza di un disabile, solo l'11% accetterebbe che i suoi figli ne sposassero uno. Il 29% dice di non sapere come comunicare con persone con disabilità.

I sociologi dicono che la società bulgara mostra una forte omofobia. Circa l'80% dei Bulgari hanno un'attitudine negativa verso gli omosessuali, nel 53% estremamente negativa. Solo il 17% dice che potrebbero parlare tranquillamente con qualcuno che sanno essere omosessuale. Circa metà degli intervistati dicono di non volere lavorare nella stessa stanza di in omosessuale e tre quarti non vorrebbero averlo come amico. Il 70% non manderebbero i loro figli a scuola, se sapessero che l'insegnante è omosessuale. Metà dei Bulgari non accetterebbero un figlio omosessuale.

I ricercatori non hanno trovato discriminazione sul campo religioso, con l'eccezione dell'attitudine verso la chiesa evangelica, che, dicono, ha più carattere politico che religioso.

 
Di Fabrizio (del 15/12/2007 @ 09:24:28, in Europa, visitato 1951 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

11 Dicembre 2007 - Secondo informazioni fornite dal Centro Rom ed Ashkali di Pristina, i Rom hanno iniziato a lasciare il Kosovo per timore di nuove violenze. Durante le loro visite sul campo nell'enclave serba di Gracanica nei pressi di Pristina, l'OnG ha trovato che sette famiglie su 38 sono già partite.

Preoccupazioni sulla sicurezza sono le principali ragioni che guidano i Rom via dal Kosovo. Secondo l'OnG i Rom hanno paura di diventare bersaglio di attacchi a seguito di una dichiarazione unilaterale di indipendenza. Sono anche preoccupati perché né le forze internazionali né le truppe locali offrirebbero loro protezione.

La comunità Rom di Gracanica è una delle più grandi comunità Rom rimanenti in Kosovo. Si stima vivano lì 4.000 Rom, molti dei quali ex residenti della distrutta Mahala Rom di Pristina.

Source: http://kosovoroma. wordpress. com/category/ news/

For further information please refer to the Roma and Ashkali Documentation Centre in Pristina: http://www.rad- center.org


Da Roma_ex_Yugoslavia

Berlino, 10 Dicembre 2007 - I Verdi tedeschi e l'organizzazione dei rifugiati Pro Asyl hanno chiesto una moratoria temporanea dei rimpatri forzati verso il Kosovo. La moratoria dovrebbe essere almeno di sei mesi.

La leader del partito Claudia Roth ha dichiarato che gli appartenenti alle minoranze etniche sono particolarmente toccate dalla mancanza di stabilità. Per questa ragione il direttore di Pro Asyl, Günther Burkardt, ha chiesto alle autorità tedesche  di garantire uno status stabile ai rifugiati in Kosovo.

Secondo la sua organizzazione, ci sono attualmente circa 23.000 Rom kosovari in Germania.

Source: Kosovo Roma Website


Da Roma_Daily_News

Nel contesto dell'attesa dichiarazione di indipendenza del Kosovo, Knut Vollebaek, Commissario OCSE per le Minoranze, ammonisce sulla possibilità di un nuovo esodo dei Rom dalla provincia meridionale Serba.

Ha detto ad Helsinki che la sua preoccupazione è che i rimanenti membri della minoranza Rom possano partire per le vicine Macedonia e Montenegro, se la loro sicurezza, in particolare nelle parti meridionali, non fosse garantita.

[...]

Il Commissario, in carica da sei mesi, dice di aver incontrato rappresentanti di tutte le comunità durante al sua visita in Kosovo a settembre.

Nel suo rapporto conclusivo ha chiesto tanto a Pristina che a Belgrado di non dimenticare l'integrazione "della probabilmente minoranza più vulnerabile" sullo sfondo del conflitto serbo-albanese.

"I Rom vivono in comunità molto piccole. Sono stati completamente dimenticati: non hanno partecipato ai negoziati. E' come se non esistessero."

http://kosovoroma.wordpress.com/

e-mail: kosovoroma@gmail.com

 
Di Fabrizio (del 13/12/2007 @ 11:41:15, in Europa, visitato 1942 volte)

Da Ticinonews

Furono 590 i bambini della strada "sequestrati" da Pro Juventute
EDIT
11.12.07 16:25

Furono 590 i bambini jenisch tolti ai loro genitori fra il 1926 e il 1973 da Pro Juventute nell'ambito del programma "Bambini della strada". La metà di questi sequestri avvennero nel canton Grigioni, dove viveva la più importante comunità nomade. Le cifre sono pubblicate in uno studio del Fondo nazionale che si è chinato sulla storia delle popolazioni nomadi in Svizzera nel XIX. e XX secolo.

Per 47 anni i figli degli jenish, dei sinti e dei rom della Svizzera furono sistematicamente sottratti ai loro genitori e collocati presso genitori affidatari, istituti, cliniche psichiatriche e orfanotrofi. La formazione scolastica ricevuta dalla maggior parte di questi bambini fu rudimentale o addirittura inesistente, scrivono oggi in una nota i responsabili dello studio "Integrazione ed esclusione" (PNR51).

Più dell'80% di questi bambini non ebbero alcuna possibilità di scegliere un mestiere e più di un bambino su quattro fu dichiarato criminale e piazzato in un istituto chiuso. Le cifre esatte di questo oscuro capitolo della politica sociale svizzera hanno potuto essere ricostruite analizzando i dossier di Pro Juventute che sono conservati all'Archivio federale. Finora si parlava di circa 600 bambini sottratti ai loro genitori.

I ricercatori hanno analizzato l'impatto dei dossier realizzati nell'ambito del programma "Bambini della strada", arrivando alla conclusione che la stigmatizzazione e la discriminazione dei cosiddetti "vagabondi" era strettamente legata alla burocratizzazione dello Stato. I dossier non circolarono soltanto all'interno di Pro Juventute, ma furono utilizzati, con tutte le valutazione che contenevano, anche dalle autorità, dagli istituti e dalle cliniche a scopi di propaganda.


ATS

 
Di Fabrizio (del 07/12/2007 @ 11:15:20, in Europa, visitato 1430 volte)

Da Roma_Italia

Al Primo Ministro Mr. Romano Prodi

Spettabile Signore!

L'ultima volta abbiamo ricevuto diverse informazioni sui Rom e le loro difficoltà. I Rom Bielorussi esprimono la loro profonda preoccupazione sulle recenti violenze contro i Rom Rumeni in Italia. Siamo anche preoccupati sulla mancanza di azioni effettive delle autorità Italiane per prevenire le aggressioni ai Rom Rumeni.

Vogliamo protestare contro la campagna di minaccia razziale in Italia contro i Rom.

Il governo Italiano ha emesso un decreto che facilita le espulsioni dei Rumeni ed i Rom in particolare. Questo decreto viola leggi fondamentali, come la libertà di movimento ed altri diritti umani basici. Inoltre il governo italiano deve considerare che la Romania è un membro dell'UE. Come membro della UE tutti i cittadini Rumeni, senza distinzione di etnia e nazionalità, hanno libero accesso a tutti glli stati membri UE. Così i Rom Rumeni possono restare in Italia quanto lo desiderano. Non hanno bisogno di alcun tipo di permesso, precetto, visto o altro. Sono Europei. Inoltre voglio sottolineare che le espulsioni non sono una soluzione universale a tutti i problemi. Il Popolo Rom è la parte più vulnerabile della società in tutti i paesi.

L'espulsione dei Rom dall'Italia è una violazione dei Diritti Umani, degli accordi di base tra gli stati e una violazione della Costituzione Italiana.

I Rom Bielorussi chiedono al governo Italiano di cancellare urgentemente il decreto d'emergenza sull'espulsione dei Rom.

Speriamo che soltanto cooperando possiamo raggiungere il successo e la prosperità.

Spero che questi incidenti non possano influenzare su tutte le relazioni interetniche  in Italia. Spero che l'Italia, come paese democratico, possa trovare il coraggio e la saggezza di sedersi ad un tavolo e trovare la soluzione.

Con i migliori saluti

Kalinin Nicolas

Delegato Bielorusso al Forum dei Rom e Viaggianti Europei (ERTF)

3.12.2007

Minsk

 
Di Fabrizio (del 02/12/2007 @ 09:30:58, in Europa, visitato 1682 volte)

Da Osservatorio sui Balcani

26.11.2007 scrive Rando Devole

Un fatto di cronaca che fa partire una dura campagna antirom(ena): indignazione popolare, articoli, trasmissioni televisive, analisi sociologiche e dichiarazioni dei politici. Paradigmi di paure, diversità, integrazione in questo commento scritto per Osservatorio dal sociologo Rando Devole

Alla fine di ottobre un crimine efferato ha scosso l’Italia. Una donna è stata seviziata e uccisa alla periferia di Roma. Il presunto omicida è stato catturato dalle forze dell’ordine. Era romeno, e rom, abitante nelle baracche adiacenti il luogo del delitto. I media hanno dato un enorme risalto alla notizia. È seguita l’indignazione popolare, accompagnata da testimonianze, dichiarazioni, denunce, accuse, articoli, commenti, servizi, sondaggi, trasmissioni televisive ed analisi sociologiche. La politica ha risposto con un acceso dibattito senza esclusione di colpi, per finire con un decreto urgente in materia di espulsione di cittadini comunitari. Il quadro non sarebbe completo se non si ricordassero alcuni atti di xenofobia a danno di cittadini romeni, ovviamente seguiti da condanne unanimi e appelli alla calma; tutto corredato da contatti febbrili bilaterali con la Romania e da battute a distanza con l’Unione Europea.

Per le persone attente si tratta di un episodio già visto. Un déjà vu collettivo. Il caso degli albanesi è ancora fresco, per non dire attuale. Qualche cittadino albanese commetteva un omicidio o altra violenza, seguivano indignazioni e rabbie diffuse, interpretazioni strumentalizzanti, giustificanti e/o asettiche, appelli accorati, dichiarazioni di circostanza, provvedimenti immediati. Non mancavano i via vai di delegazioni ufficiali, le accuse rincorrenti, le chiamate alle ronde, gli inviti al buonsenso; si scomodavano perfino i personaggi dello spettacolo. Per concludere si interpellava, come sempre, l’Europa. Quindi, niente di nuovo sotto il sole.

Per gli amanti dei retroscena e gli appassionati di dietrologie, si tratta di un episodio da manuale. Si aspetta il momento propizio per trovare un caso eclatante: tra tanti delitti c’è sempre uno che si distingue per emblematicità. Dopo averlo scelto, lo si butta nel ciclone mediatico; ciò gli darà forza, facendolo diventare il suo occhio ciclopico per parecchi giorni. Poi si gioca al rialzo con proposte di misure emergenziali, mettendo sulla bilancia la rabbia popolare. L’attenzione dell’opinione pubblica verrà monopolizzata, mentre altre cose finiranno nel dimenticatoio, oppure passeranno in secondo piano. La formula è suggestiva, ma piuttosto inverosimile.

Qualche volta i déjà vu sono pure e semplici illusioni, mentre le interpretazioni cospirative facili fantasie. C’è una certezza sola. Il pregiudizio regna sovrano. Per giunta, aiutato da ovvietà disarmanti, ai confini delle banalità, le quali, spacciate per controargomentazioni efficaci, non riescono a scalfirlo neanche in superficie: ad. es. “non sono tutti cattivi”, “non facciamo di tutta l’erba un fascio”, “sono utili all’economia”, “i rom non sono romeni”, “i romeni non sono tutti rom”, “i romeni sono comunitari”, e così via. I rom passano sotto la radiografia dei media, che enciclopedicamente forniscono dati tra tabelle e grafici colorati: quanti sono, dove sono, ceppi etnici, quali origini, quale delinquenza. Alcuni dati fanno paura, altri meno. Dipende da come li presentano.

I Balcani ed i paesi dell’Est c’entrano sempre; quando si parla di sicurezza e immigrazione non mancano mai dalle pagine dei giornali. Non si comprende se influisce la delinquenza comune dall’immancabile “accento slavo” (ceppo a cui i romeni casualmente non appartengono), la provenienza di molti rom, oppure il lato oscuro di quelle parti, dove regna l’ignoto, dalla cui oscurità emergono vampiri per tormentarci l’immaginario. Se molti riconoscono nei Balcani la polveriera d’Europa, oppure la regione più divisa del continente, pochi sanno che i Paesi balcanici sono legati tra di loro con tanti fili, tra cui spicca quello dei rom, che con l’arte della sopravvivenza, la libertà professata e, soprattutto, la loro musica folcloristica, hanno sempre fatto da sfondo alle storie della regione e alle sue memorabili narrazioni.

Seppur uguale ad altre nella sostanza, la recente campagna antirom(ena) ha presentato elementi nuovi. Innanzi tutto la confusione totale tra rom, romeni e rom romeni. Sarebbe offensivo per il lettore spiegare nuovamente le differenze evidenti. Tuttavia, le assonanze hanno influito poco sul caos cognitivo, unico complice è stata l’ignoranza. D’altronde senza l’humus dell’ignoranza, i pregiudizi stentano a rimanere in vita. Infatti, parte dell’opinione pubblica considera i romeni come extracomunitari, non come membri a pieno titolo dell’UE. Non è un bel segnale per l’Europa allargata, specialmente per gli altri paesi balcanici che sono in sala d’attesa da tempo. Dall’altro lato, per fortuna, la religione non era in discussione questa volta. Del resto la diversità viene ricostruita con i materiali a disposizione, che non sono mai scarsi.

Se le reazioni collettive sono generate da angosce ataviche, se le certezze traballano di fronte alla diversità, se le paure aumentano nell’incontro con l’Altro, se il pregiudizio coalizza e demonizza contemporaneamente, se la propria aggressività non è più riconosciuta, se la sindrome del nemico interno ci perseguita senza sosta, se la violenza viene proiettata sui diversi, se gli stranieri sono percepiti come una minaccia, allora c’è una sola cosa da capire: noi stessi. Perché l’immigrazione è uno specchio che riflette tutto: la paura e il coraggio, la sfiducia e l’ottimismo, i difetti e i pregi. E non possiamo colpevolizzare lo specchio se ciò che riflette non ci piace. Possiamo anche romperlo volendo, ma non abbiamo risolto nulla.

Non solo il delitto di Roma, ma anche quello di Perugia e di Garlasco, con le loro vittime femminili indicano che viviamo in una società culturalmente febbricitante, in prenda alla paura, dove la violenza trova la sua ragion d’essere, perché prevale il concetto della sopraffazione sui deboli. Poco importa il passaporto del carnefice. Invece, risulta importante la cultura della legalità, i doveri che vanno di pari passo con i diritti, la giustizia giusta, il rispetto della persona. In un quadro di regole chiare, dove vige la certezza della pena, ma anche quella del merito, è più facile misurarci sui valori fondamentali inalienabili e non sulle divisioni artificiose tra noi e loro. Che siamo tutti fragili e indifesi lo dimostrano perfino le divisioni acclamate dalle stesse vittime della discriminazione, che vogliono distanziarsi dai soliti rom, come se additare l’altro fosse un atto di purificazione.

Le baraccopoli costituiscono una grande metafora dell’emarginazione. Persone che vivono ai margini della società, nell’isolamento, nella diffidenza verso gli altri, senza integrarsi, nel degrado urbano. In una situazione di paura reciproca, non cambierebbe molto se al posto delle lamiere ci fossero le mura. Neanche un bagno con idromassaggio allontanerebbe lo spettro dell’esclusione sociale. Tante isole non necessariamente fanno un arcipelago.

Lo straniero assoluto non esiste, ha scritto Tahar Ben Jelloun, perché siamo sempre stranieri rispetto agli altri. La storia dei romani, romeni e rom, con la loro somiglianza fonetica, ci insegna proprio questo: siamo uguali nella nostra diversità. Ovviamente, le potenzialità non mancano neanche ai moderni, il cui Dna culturale è fatto principalmente di diversità, forse il loro vero punto di forza. Lo dimostra inoltre il vissuto di ogni giorno, con tanti begli esempi di integrazione, di rispetto reciproco, che, purtroppo, non fanno mai notizia. Certo è che stigmatizzare i diversi, criminalizzare intere comunità, generalizzare il male, significa proiettare verso gli altri il proprio lato oscuro, trasformare le vittime in carnefici e viceversa, ed infine, accumulare macerie valoriali nella nostra anima. Ma ad un certo punto, non ci serviranno né ruspe, né zingare chiromanti, per salvarci dal nostro futuro.

 
Di Fabrizio (del 13/11/2007 @ 00:57:47, in Europa, visitato 1498 volte)

Da Osservatorio sui Balcani

06.11.2007 scrive Mihaela Iordache

La Romania in mezzo

Romeni e italiani. I legami che da sempre avvicinano questi due popoli rischiano di essere messi in discussione da episodi di cronaca simili a quello di Tor di Quinto e dalle reazioni delle istituzioni italiane. Uno sguardo dalla Romania

“Questi barbari che ci staccano dall’Europa”, ma anche “Fermati gli attacchi contro i rumeni”, “Italiani ci cacciano –noi rispondiamo con Mircea Eliade e Emil Cioran”. Così titolano i giornali in Romania dopo che la tragedia di Tor di Quinto ha aperto il vaso di pandora delle polemiche sull’immigrazione da questo paese verso l’Italia.

Giovanna Reggiani, 47 anni, era stata brutalmente aggredita e uccisa da Romulus Nicolae Mailat, 24 anni, rom di cittadinanza rumena.

In Romania non si parla d’altro che dell’Italia. I legami che da sempre avvicinano questi due popoli, legami storici, culturali e linguistici rischiano di essere messi in discussione da episodi di cronaca simili a quello di Tor di Quinto. La reazione dei romeni alla vicenda è stata di sdegno e pronta condanna nei confronti del gesto compiuto dal connazionale.

A pochi giorni dall’omicidio di Giovanna Reggiani, venerdì scorso, quattro rumeni sono stati aggrediti selvaggiamente in un parcheggio della periferia di Roma. Bucarest si è vista costretta ad intervenire in difesa dei propri cittadini: il ministero degli Esteri rumeno ha chiesto a Roma di schierarsi apertamente contro la xenofobia. Oltre a condannare con fermezza l’aggressione ai danni dei cittadini romeni, dalla Romania è arrivato un appello alle istituzioni dello stato italiano perché prendano le misure necessarie affinché atti xenofobi di questo genere non si ripetano più, indagando "urgentemente", identificando e punendo i colpevoli dell’aggressione.

Dopo aver espresso la condanna per la tragedia di Giovanna Reggiani e aver mandato tre investigatori a Roma, il primo ministro Calin Popescu Tariceanu ha annunciato nuove misure perché “i delitti commessi da una sola persona non compromettono l’immagine della Romania e dei rumeni che lavorano onestamente in Italia”.

Sono quasi 600.000 i rumeni che vivono regolarmente in Italia, la comunità straniera più numerosa del paese. “Ora si sentono minacciati e temono ritorsioni solo perché hanno lo stesso passaporto dell’assassino di Tor di Quinto” lamenta l’Associazione dei Rumeni in Italia. Sono cittadini onesti che lavorano nelle case degli italiani, prendendosi cura degli anziani, nei cantieri, costruiscono palazzi o strade. Ora subiscono accuse generalizzate per i delitti commessi da alcuni dei loro connazionali. Le associazioni dei rumeni in Italia garantiscono inoltre la loro disponibilità a collaborare con le autorità italiane per individuare i cittadini che delinquono. Perché non è giusto,dicono,che si faccia di tutta l’erba un fascio.

Se è vero che esiste una fascia di emigranti che si sposta avendo già l’intenzione di commettere reati, molti sono spinti a farlo dalle difficili situazioni con cui si scontrano. In entrambi i casi, l’emigrazione parte spesso dai villaggi poveri o dalle periferie delle grandi città, dove la mancanza di lavoro preclude l’integrazione sociale.

E’ il caso di Nicolae Romulus Mailat, 25 anni, cittadino rumeno di etnia rom, accusato dell'aggressione a Giovanna Reggiani. Nel 1997, quando aveva 14 anni, le autorità rumene lo avevano destinato ad un centro di rieducazione per minorenni, in seguito alle accuse di aver commesso diversi reati. Nel 2006 un tribunale di Sibiu lo aveva condannato a tre anni di reclusione per furto, ma fu graziato nello stesso anno. Subito dopo, la partenza per l'Italia.

Nel quadro della lotta alla criminalità, da un anno è in corso un progetto – ITARO - di collaborazione tra la polizia italiana e quella romena. Alla luce di quello che sta accadendo in Italia, dove è in vigore il decreto sulle espulsioni dei cittadini comunitari, il governo di Bucarest ha deciso mandare in penisola altri 30 ufficiali della polizia romena. Bucarest chiede che le espulsioni siano motivate e vuole che i rappresentanti diplomatici rumeni in Italia siano informati con 24 ore di anticipo in merito ad eventuali provvedimenti di espulsione presi nei confronti dei propri cittadini. Inoltre Bucarest incoraggerà il rimpatrio volontario garantendo un posto di lavoro ai rumeni che rientrano in patria. Questi inoltre potranno ricevere assistenza giuridica da parte di studi legali specializzati in ambito di libera circolazione delle persone nell’Unione Europea.

Il premier Tariceanu, che in settimana dovrà incontrare a Roma il primo ministro Romano Prodi, si appella agli investitori italiani perché contribuiscano a distendere i rapporti italo-rumeni. L’Italia è infatti il principale partner commerciale della Romania e qui risiedono ormai da anni migliaia di cittadini italiani.

A Bucarest c’è una sorta di unità di crisi che riguarda i rumeni che vivono in Italia. Le dichiarazioni si susseguono di continuo. Il presidente rumeno Traian Basescu condanna "ogni violazione della legge commessa da un cittadino rumeno in Romania, così come all'estero. Ma anche ogni atto di violenza contro cittadini rumeni così come ogni discorso che inciti la gente a non rispettare i diritti civili dei romeni, senza riguardo a dove si trovino nell'Unione europea". Basescu critica inoltre il modo in cui l’Italia sta mettendo in pratica il decreto sulle espulsioni, chiedendo che il ministro per gli affari esteri consulti la Commissione Europea in merito. “Le espulsioni di cittadini europei, che vivono in altri paesi Ue, devono essere motivate su situazioni individuali e non di gruppo”, così il portavoce della Commissione Ue Johannes Laitenberger ha commentato il decreto sulla sicurezza presentato dal governo italiano. Il vicepresidente della Commissione Franco Frattini ha spiegato che "chi non ha mezzi di sussistenza adeguati per vivere nel nostro paese deve poter essere espulso" e le espulsioni devono essere effettive.

La Romania chiede invece che sia rispettato il termine di 30 giorni entro quale i rumeni espulsi possono fare ricorso.

D’altra parte, Basescu sostiene che la questione rom non riguarda la sola Romania ma dev’essere discussa a Bruxelles, perché c’è bisogno di un progetto europeo per l’inclusione di questa minoranza (quasi 2,5 milioni di persone si avvicina al 10% della popolazione rumena).

Agli occhi dei rumeni, i rom sono gli unici colpevoli di tutte le accuse e le polemiche divampate in questi giorni, e questa percezione genera un effetto boomerang che rischia di acuire l’intolleranza nei confronti della minoranza rom.

“I rumeni commettono i loro errori, gli zingari hanno le loro debolezze, ma dobbiamo trovare insieme una soluzione per uscire da questa difficile situazione” sostiene Madalin Voicu, noto opinionista rom. “Per portare un fiore o accendere una candela basta essere uomo”, dicono invece i cittadini rumeni, per lo più di religione ortodossa. Sono stati in molti a riunirsi nel centro di Bucarest per partecipare alla messa in memoria di Giovanna Reggiani, officiata mentre a Roma si svolgeva la cerimonia funebre. Altri hanno lasciato e continuano a lasciare messaggi di cordoglio e sdegno nella piazza dell’Università, simbolo della Rivoluzione dell’89 e quindi della libertà. Una tv privata vi ha installato un cartellone sul quale si stanno raccogliendo migliaia di messaggi sotto il titolo: “Tu fai la Romania. Una preghiera per Giovanna”. I rumeni sentono il bisogno di ribadire la loro condanna e il senso di vergogna nei confronti del connazionale.

Gli italiani sanno quanto sia difficile per un emigrante sopportare una reputazione negativa di cui sono responsabili solo alcuni dei connazionali, e dovrebbero essere coscienti dell’errore insito nelle generalizzazioni. E’ un grave errore pensare che esistano popoli buoni o cattivi.

 
Di Fabrizio (del 12/11/2007 @ 09:03:32, in Europa, visitato 1250 volte)

By ČTK 7 Novembre 2007

Prague, Nov 6 (CTK) - Martedì scorso attivisti dell'associazione Dzeno hanno inviato un tubetto di crema solare ed un buono per un solarium al deputato Ministro per lo Sviluppo Regionale Jiri Cunek, leader  dei Cristiano Democratici KDU-CSL) [...]

Nella loro lettera, l'hanno ringraziato per "il lavoro modello del governo nel campo dell'integrazione dei Rom nella società" ha detto il presidente di Dzeno, Ivan Vesely.

A marzo, Cunek aveva provocato l'attenzione pubblica con le sue parole al tabloid Blesk su "le persone di pelle scura" alludendo al colore della pelle dei Rom, che "fanno disordini con la loro famiglia e appiccano fuochi in città."

Precedentemente, Cunek era stato criticato dalle organizzazioni rom e da altri attivisti per i diritti umani, per aver sgomberato degli affittuari Rom da una casa in cattive condizioni nel centro di Vsetin, quando era sindaco della città, nel nord della Moravia.

Cunek ha anche detto che la maggior parte dei Rom abusa dei benefici sociali.

Settimana scorsa, era apparso che alla fine degli anni '90 Cunek aveva rastrellato benefici sociali, depositando milioni di corone in banca.

Cunek ha detto che si dimetterà da ogni incarico governativo.

"Visto il cattivo tempo,  osiamo trasmettere un buono per la terapia solare, dato che siete conosciuto come un fan dei bagni di sole," dice la lettera.

Cunek dovrebbe accettare il "modesto regalo" come "segno di gratitudine e comprensione."

Alla fine della lettera, gli attivisti augurano a Cunek un "magnifico bagno solare per il resto dell'anno."

Cunek insiste nel proclamarsi innocente e nel dire che la sua condotta non è stata immorale.

 
Di Fabrizio (del 07/11/2007 @ 09:26:48, in Europa, visitato 1729 volte)

Rapporto sulla Violazione dei diritti basici del popolo Rrom
Presentato al Commissario per i Diritti Umani del Consiglio d'Europa

Secondo la Costituzione Albanese, ogni membro della minoranza Rrom che viva in Albania ha i medesimi diritti di qualsiasi altro cittadino albanese; questo è previsto nelle altre Legislazioni supplementari.

Questa minoranza culturale ha pure il supporto delle disposizioni del Consiglio d'Europa che tratta i diritti delle minoranze e la carta linguistica sulle minoranze regionali, ciò significa che esiste l'intera struttura legale che sanziona i diritti e la libertà fondamentali per quanto riguarda minoranza dei Rrom.

A fianco dei forum europei che monitorano i diritti della minoranza Rrom sono stati inviati rapporti, raccomandazioni e note, poste anche delle condizioni, cercando di ottenere l'attenzione del Governo Albanese e far presente che questi diritti non sono attualmente realtà. Tutte le volte che ai differenti Governi è stato chiesto di fare reali questi diritti, questa cosa è prevista come un termine per quanto riguarda l'applicazione della Repubblica di Albania nel corso dell'associazione e della stabilizzazione, nel senso verso Comunità Europea.

Esistono e perdurano differenti progetti, sostenuti finanziariamente. Tentano di materializzare in realtà i diritti e le libertà fondamentali riguardo la minoranza Rrom in Albania. Possiamo menzionare qui il Patto di Stabilità o il Decennio dei Rrom. Il Governo Albanese è spinto dal Consiglio d'Europa nel disegnare ed approvare la strategia nazionale riguardo la minoranza Rrom. Quel documento riflette le attività per raggiungere le priorità in differenti campi dove basicamente è motivato il rispetto dei diritti della minoranza Rrom.

Nonostante la realtà non sia cambiata, la vita ed il lavoro di quelle persone a volte è peggiorata a causa dei gravi problemi sollevati. Tuttora i Rrom rappresentano lo strato meno favorito della società che ancora rifiuta i diritti in campi come:

Il diritto all'educazione

Anche ora dopo 15 anni di democrazia scontiamo la mancanza di "un'intelligenzia" Rrom e di persone diplomate. La percentuale di analfabetismo nella minoranza Rrom è superiore all'80%.

Solo 7 Rrom frequentano l'università, ce ne sono 11 che frequentano la scuola secondaria, su di una popolazione che si stima approssimatamente in 120.000 persone.

Soffriamo la mancanza di insegnanti Rrom nelle scuole pubbliche costruite nelle aree di residenza dei Rrom.

Una grave situazione è rappresentata dalla selezione che frequentemente dipende da diversi insegnanti nei 9 anni di scuola primaria che non vogliono scolari Rrom nelle loro classi. Frequentemente la loro comunicazione con gli studenti Rrom è manchevole ed insultante, non in linea con i metodi pedagogici. Il mancato coinvolgimento degli studenti Rrom nelle lezioni, la loro sistemazione nei banchi in fondo alla classe è una mancanza di attenzione che sfocia nella discriminazione.

E' evidente la mancanza di asili d'infanzia nelle aree con popolazione Rrom, come è evidente la mancanza di supporto per gli asili che hanno bambini Rrom.

Il diritto ad essere registrati come cittadini della Repubblica d'Albania

La non registrazione dei bambini Rrom nei registri di base degli Uffici delle Risorse Vitali è frequentemente conseguenza delle barriere burocratiche e delle pratiche e delle procedure di registrazione, tenendo conto delle abilità e dello status economico e sociale della popolazione Rrom.

Il diritto al lavoro

La percentuale di disoccupazione tra i Rrom è molto più alta di quella di altre comunità.

Sono frequenti la non accettazione o i rifiuti cammuffati delle aziende quando la richiesta d'impiego viene dalla minoranza Rrom.

E' pure evidente la mancanza di supporto alle attività i cui soggetti sono Rrom.

Il diritto di Rappresentazione

La mancanza di rappresentazione dei membri della comunità Rrom è evidente non solo in Parlamento, ma anche a livello locale. Ovunque, nelle municipalità, nei comuni, in prefettura, nei distretti, nelle istituzioni del Sistema Giuridico, nella polizia, nelle forze armate, nelle istituzioni sanitarie come pure nelle istituzioni artistiche, scientifiche e culturali non si trovano Rrom.

La mancanza di un Codice Elettorale a base proporzionale lavora contro la possibilità di avere eletto un membro della minoranza Rrom, secondo cifre, percentuali e una reale rappresentazioni delle differenti comunità. Abbiamo lo stesso supporto legale che hanno i Rrom in altri paesi. Loro hanno rappresentanti nei parlamenti e nei governi locali e centrali.

Il diritto alla lingua Rrom

La caratterizzazione della minoranza Rrom come minoranza linguistica non è rispettata come sancito dalla Carta delle Minoranze Linguistiche Regionali. Un ruolo negativo è stato giocato dalla non inclusione del diritto di imparare la lingua rrom nella Strategia nazionale per la minoranza Rrom. La mancanza di insegnanti Rrom, capaci di insegnare la lingua, ha creato come un altro effetto negativo, moltiplicato dalla mancanza di appoggio per la progettazione e l'emissione di manuali in lingua rrom. Come pure l'assenza di programmi in lingua rrom nella televisione nazionale ha giocato un effetto negativo.

Il diritto all'informazione

I media, guidati dalla maggioranza, non hanno mai creato accesso alle problematiche e alla realtà rrom. Non si è mai offerto al pubblico la struttura della Strategia Nazionale per la minoranza Rrom. L'assenza di una presenza nei media, scritta o via radio, dei membri della comunità rrom ha portato a conseguenze negative. Il Consiglio Nazionale della Radio e della Televisione non ha mai fornito le licenze richieste, ha negato il diritto di questa minoranza, valutando la richiesta come non d'accordo con la legge attuale.

Pellumb Furtuna (Gimi)
Executive Director

Rromani Baxt Albania
Address: Rruga "Halit Bega", Nr. 28, Tirane
Telefon: 00 355 4 368 324
Fax: 00 355 4 368 324
E-mail: afurtuna@albaniaonline.net - Website: www.rromani. net

 
Di Fabrizio (del 05/11/2007 @ 09:32:53, in Europa, visitato 1413 volte)

Da La voix des Rroms

Circa 400 Rroms della Romania ha manifestato ieri, 31 ottobre a Saint-Denis (93) per denunciare le recenti incursioni sul dipartimento ed il diritto di lavorare regolarmente in Francia. Una delegazione è stata ricevuta alla vice prefettura di Saint-Denis dal segretario generale, la signora Bartoli ed il sig. Mathieu, capo d'ufficio, che hanno preso nota, ma non hanno potuto rispondere alle rivendicazioni, cioè la sospensione delle espulsioni ed un diritto al lavoro effettivo per questi nuovi cittadini europei.

Dal 1 gennaio 2002, i cittadini rumeni e bulgari hanno acquisito il diritto di entrare e restare nello spazio Schengen, fra cui la Francia per meno di tre mesi, senza visto. In estate 2003, cioè un anno dopo quest'apertura, il ministero dell'interno riconosceva che c'erano in Francia circa 5000 Rroms della Romania nelle bidonvilles, e questa cifra non è sensibilmente cambiata dopo. Varie volte quest'estate, il sig. Brice de Hortefeux ha dichiarato che l'entrata della Romania e della Bulgaria complicava il conseguimento dell'obiettivo quantificato di 25.000 espulsioni di stranieri, poiché il 30% degli espulsi 2006 era costituito da rumeni o bulgari. Nei fatti, si tratta di Rroms di questi due paesi con alcune eccezioni, cosa che vuole dire che 8.000 Rroms rumeni e bulgari sarebbero stati espulsi nel 2006, mentre in tutto sono tra 5000 e 6000, e sempre in Francia. Infatti, dei Rroms sono stati espulsi 2, o 3 volte nel corso dell'anno, da cui la cifra di 8.000 espulsioni, che rappresenta così circa 80 milioni di euro per il contribuente francese se si prende in considerazione la media di 10.000 euro con espulsione. E tutto ciò per rinviare persone di cui si sa pertinentemente che ritorneranno alcuni giorni dopo, poiché hanno il diritto di farlo.

Con l'entrata dei loro paesi rispettivo all'Ue, una nuova tecnica è realizzata: il ritorno volontario forzato. La polizia arriva sul terreno, lo circonda bloccando la circolazione e proibendo l'accesso ad ogni persona esterna. Accompagnata dall'ANAEM, fa firmare gli obblighi di lasciare il territorio francese e la domanda d'aiuto al ritorno, cioè 153 euro per adulto e 46 euro per bambino, sotto la minaccia d'imprigionamento. Nel corso di una riunione giovedì scorso, il prefetto di Seine-Saint-Denis ha dichiarato che non tollererà più nessun "accampamento selvaggio" sul suo territorio.

È in questo contesto che i Rroms si sono mobilitati numerosi per dare l'allarme all'opinione pubblica su questi metodi che distruggono i loro progetti, sprecando il denaro pubblico, la totalità sacrificata all'altare dell'obiettivo sacrosanto di misure di distanza dalla macchina infernale delle espulsioni massicce. Obbligati ad ottenere un'autorizzazione preventiva per lavorare regolarmente hanno chiesto anche l'alleggerimento delle procedure, che rendono questo diritto inaccessibile: un contributo di 893 euro a carico del datore di lavoro ed una procedura che dura in media 3 mesi. Le insufficienze di forze di lavoro non giustificano tale procedura, nella misura in cui gli 80.000 euro sprecati nel 2006 avrebbero potuto in gran parte coprire le spese per assumere più personale che studierebbe le cartelle e che delibererebbe entro alcuni giorni.

In seguito alla riunione con i rappresentanti della vice prefettura, hanno comunicato che attendevano un seguito a questo scambio ed alla relazione che sarebbe stata consegnata alle autorità aventi un potere di decisione. Nessun termine è stato indicato per la risposta. Alla fine della riunione, la delegazione ha segnalato che i Rroms attenderebbe una risposta entro un termine ragionevole, e che manterrebbero e rafforzerebbero la loro mobilitazione.

 
Di Fabrizio (del 28/10/2007 @ 09:34:01, in Europa, visitato 2300 volte)

Atene. Lunedì la sezione greca di Amnesty International ha consegnato al governo una petizione firmata da oltre 56.000 persone che condanna la discriminazione contro immigrati e Rom in Grecia.

Gli attivisti di Amnesty hanno esposto uno striscione di protesta ricoperto di firme sulla recinzione del governo mentre una delegazione era ricevuta [...]

Maro Pantazidou, rappresentante di Amnesty, ha detto: "La Grecia ha un numero molto alto di casi di violenza della polizia contro Rom e migranti, che sono automaticamente trattati come cittadini di seconda classe."

Ha aggiunto che le firme sono state raccolte in tutta Europa, principalmente in festival musicali.

Secondo Amnesty, i migranti che entrano illegalmente in Grecia - minori inclusi - sono detenuti per lunghi periodi in squallide condizioni, ed i richiedenti asilo sono quasi sistematicamente rimpatriati, anche in paesi in guerra.

Il gruppo ha detto che i Rom in Grecia sono oggetto di attacchi razzisti e di sgomberi continui dai loro insediamenti.

 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


08/04/2020 @ 13:04:45
script eseguito in 203 ms

 

Immagine
 Ricordi, idee, speranze, progetti...... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 1651 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< aprile 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
01/04/2020 @ 08:38:18
Di DIDIER
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, ch...
01/04/2020 @ 08:37:22
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source