Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Gli Zingari fanno ancora paura?

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : Europa (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 15/08/2013 @ 09:07:02, in Europa, visitato 1199 volte)

Ragazza scomparsa, mentre peggiora la crisi dei Rom britannici - by Grattan Puxon

Erika Kacicova, di 13 anni, scomparsa dal 5 agosto (foto BBC)

11/08/2013 - E' stata la peggior settimana dai tempi di Dale Farm. Il governo sta chiedendo ai consigli locali di chiudere i campi, i Rom sono cacciati dalle vie delle città ed oltretutto è scomparsa una tredicenne (ritrovata sana e salva dopo due settimane, vedi DAILY MAIL, ndr.).

Erika Kacicova è stata vista l'ultima volta il 5 agosto a Darnall ed un uomo è stato arrestato come sospettato del rapimento. La polizia l'ha definito un incidente critico, in quanto ci sono timori per la sua sicurezza.

Nel frattempo, il segretario per le comunità Eric Pickles ha lanciato un doppi attacco sia a Rom che Traveller. Nonostante una diffida legale, sostiene una campagna anti-immigrati, il cui slogan "Andate a Casa o Verrete Arrestati" si diffonderà rapidamente in tutto il paese, dopo un'esperienza pilota a Londra.

Due furgoni pubblicitari hanno girato i quartieri londinesi più poveri, ammonendo gli immigrati illegali che sarebbero stai arrestati, detenuti per un periodo indefinito e deportati. A meno che non avessero scelto di autodenunciarsi, e di rimpatriare volontariamente verso destinazioni che includono Romania, Bulgaria, Serbia e Kosovo.

Nelle stazioni ferroviarie sono apparsi poliziotti e funzionari dell'immigrazione, per arrestare chiunque abbia un aspetto illegale. Mentre Rom lavoratori in proprio vengono costantemente minacciati dai tutori della legge.

"E' un inutile e continuo esercizio di spreco," dice Ladislav Balaz, di Europe-Roma. "Molti ritornano e la giostra riparte. Si aggiungono soltanto problemi, senza risolvere niente."

Ignorando questi fatti, Londra e le altre città più grandi si sono piegate a mandare lontano dalle proprie strade i più poveri e i Rom senza casa. Dormono all'aperto in una Zona Dispersa, e non avendo altri mezzi per sostenere se stessi (se non l'accattonaggio), le due cose li sottopongono a un trattamento fisico ancora più duro.

Pickles si è posizionato politicamente come zar britannico anti-zingari, caricando sulla sua stessa macchina i Traveller colti nel suo collegio elettorale. Sta alimentando le fiamme del pregiudizio richiedendo misure ancora più severe.

Questa settimana quel paffuto ministro ha esposto in un singolo documento il proprio concetto di robusti poteri ai consigli e ai proprietari terrieri, ora sotto la sua giurisdizione, per reprimere rapidamente gli accampamenti illegali e non autorizzati. Tutto ciò include chiaramente le baraccopoli dei Rom appena arrivati, recentemente demolite a Hendon, come gli assembramenti di roulotte dei gruppi di Romanì e di Traveller di più antico insediamento.

Mentre ai consigli viene detto di ignorare il loro dovere di fare controlli sociali prima di uno sgombero, le forniture di alloggi alternativi per chi è in stato di disperato bisogno, sono ridotte al lumicino. Nella migliore delle ipotesi, per quest'anno e per il prossimo c'è una previsione di 150 piazzole, quando le stesse autorità riconoscono la necessità per 3.000 famiglie. E ciò non tiene conto dei campeggi privati o comunali che possono essere chiusi nel frattempo.

"Mi sento intimidito da questo governo," dice un attivista del movimento 8 Aprile. "Ed ora abbiamo il timore di perdere Erika dalle nostre menti."

 
Di Fabrizio (del 10/08/2013 @ 09:06:24, in Europa, visitato 1125 volte)

(piatto abbondante da accompagnare con un vino adeguato)

La recente condanna (all'ergastolo!) dei colpevoli di omicidio di 6 rom in Ungheria, ha riproposto il dibattito se quello sia o meno un paese razzista. Non pretendo di conoscere la realtà meglio di altri, ma dato che quotidianamente ricevo corrispondenze e rassegne stampa dai paesi dell'Europa Centrale e Orientale, credo di essermene fatto un'idea.

Per seguire i miei ragionamenti (che vi potranno sembrare macchinosi e parziali), dovrete tenere conto:

  • Che una RELTA' OGGETTIVA non esiste. Anche se siamo in un unico continente, anche se molti stati sono associati alla Unione Europea (o hanno zone confinanti legate da trattati e iniziative comuni), nazionalismi, spinte politiche ed economiche disgreganti la fanno da padrona. Notavo un po' di tempo fa, che mentre i media e i commentatori occidentali si concentrano spesso sulla situazione di miseria (o di impoverimento) all'Est, quelli orientali non si fanno scappare occasione per descrivere le condizioni terribili dei profughi arrivati qui. Insomma. tutti guardano sempre le pagliuzze altrui.
  • Nessuno è INNOCENTE A PRIORI. A partire dall'Italia: la situazione dei Romanì è tragica qua come altrove, le colpe andranno anche condivise, ma non esiste uno stato che possa ergersi a giudice degli altri.
  • I Romanì, pur essendo da decenni POPOLAZIONI STANZIALI nell'Europa Centro-Orientale (Germania compresa), nel tempo avevano mantenuto ambiti di migrazioni interne (ad esempio Ex Jugoslavia-Albania-Ungheria-Bulgaria / Bulgaria-Grecia-Turchia / Ucraina-Ungheria-Slovacchia-Repubblica Ceca-Polonia-Bielorussia / Repubbliche Baltiche-Polonia) per motivi di parentela ed economici, ambiti che tuttora resistono. Le recenti migrazioni indicano che i Rom di Ungheria, Slovacchia, Repubblica Ceca, prediligono i paesi del Nord Europa e il Canada (finché non ha chiuso le frontiere), quelli del Sud-Est emigrano anche nei paesi di lingua latina (ora un po' meno, data la crisi economica di questi ultimi).
  • Grossomodo, tutti conosciamo la situazione precedente al crollo del Muro di Berlino: bassi redditi e una serie di servizi di base forniti dallo stato. Più sfaccettata la situazione dei Romanì come "minoranza nazionale": in alcuni casi era pienamente riconosciuta (Serbia), in altri (Bulgaria) negata. Per fare un paragone con un'altra situazione politico-economica: la Turchia. Lì i Romanì (mancano cifre precise, potrebbero essere sino a un milione), per quanto marginalizzati e discriminati, hanno sempre riconosciuto l'autorità dello stato turco, e questo li ha messi al riparo da massacri e violenze come quelli subiti da Greci, Curdi e Armeni. Da questo punto di vista oggi la situazione è ancora frammentata: Bosnia e Slovenia sono state più volte messe sotto accusa dalla comunità internazionale, per il mancato riconoscimento dei diritti politici fondamentali a chi non appartenesse alle etnie maggioritarie.
  • ULTIMO PUNTO di queste prefazioni: quei servizi che erano assicurati a tutti, indipendentemente dall'etnia, sono andati privatizzandosi, ora prima ora dopo. Questo ha portato penuria di case, lavoro, prestazioni sociali e sanitarie, di cui hanno fatto le spese soprattutto le minoranze non riconosciute. Ci siamo noi, Occidente, dietro queste privatizzazioni (noi le si chiama delocalizzazioni), fu la stessa Unione Europea, una decina d'anni fa quando si allargò a Est, da un lato a richiedere a voce più rispetto per le popolazioni romanì, dall'altro a strangolarle (a strangolare i settori più poveri della popolazioni) con l'oggettivo aumento dei prezzi e i tagli che contemporaneamente chiedeva al welfare. Una politica sostanzialmente ipocrita, che ha però creato una classe di burocrati su come sopravvivere all'occidente.

DINTORNI:
La situazione di base (abbastanza simile in tutti i paesi dell'Europa Centro Orientale) è la presenza di minoranze romanì più consistenti che in Occidente, ma non coese. Quasi ovunque esistono fasce di popolazione romanì di piccola-media borghesia - proprietari, relativamente integrati (comunque, poco disposti a palesarsi) e altre in condizione di deprivazione estrema (ancora peggio, se possibile, che da noi). Cosa che ha anche portato al continuo crearsi e sciogliersi di partiti, partitini, cartelli politici romanì, funzionali a questo o quel capoclan.

Lo stesso vale per la classe intellettuale: professionisti, docenti, giornalisti, radio, giornali in abbondanza, con scarsissimo influsso su quella che si chiama "vita e politica reale". Assistiamo al paradosso che una scena abbastanza comune in Italia è la vecchia romnì che si fa leggere qualcosa dal nipotino che finalmente può andare una scuola, sempre più spesso da quelle parti la scena si svolge a parti invertite: sono gli anziani che leggono per il resto della famiglia, che non ha più risorse per frequentare la scuola.

Leggi e violenze razziali:
Un altro paradosso (ma anche in questo in Italia abbiamo una certa esperienza), è che in diversi stati dell'est esistono norme, leggi, regolamenti molto avanzati a tutela delle minoranze (che sono quasi infinite) e anche dei Romanì. L'Ungheria sino a qualche anno fa era presa ad esempio per l'esistenza di un autogoverno rom, qualcosa di simile esiste anche in Ucraina; Serbia Bulgaria e Romania hanno legislazioni molto più avanzate di quelle occidentali. Eppure, quasi nessun effetto hanno nell'arginare crisi di violenza e pogrom. Che sono difficilmente prevedibili, vanno ad ondate: fu la Romania ad inizio anni '90. poi di volta in volta toccò a Bulgaria, Slovacchia, Ungheria, Repubblica Ceca. Ricorrenti in Ucraina e nei paesi ex-URSS, ma le notizie che arrivano da lì sono sempre datate e frammentarie.

Razzismo:.
Non è solo Ungheria (ma ricordiamoci, nessuno è innocente, molti sono impuniti). Anche la Germania, per fare l'esempio di un paese che riteniamo esempio di "civiltà occidentale", ha avuto di recente spettri nell'armadio. E sempre dalla Germania (e dagli USA) è partito, una ventina di anni fa, un coordinamento fattivo tra vari nuclei della destra estrema e radicale [ricordo che movimenti simili si ebbero in tutta l'Europa Centro Orientale (per non parlare di quella Meridionale, a proposito di innocenza!), tra gli anni '30 e '40], che attualmente opera in stretto contatto in tutti i paesi che ci riguardano. Fisicamente, sono le stesse squadre a seminare il terrore o fare comizi congiunti in Germania, Polonia, Slovacchia, Ungheria, Repubblica Ceca, e ci sono contatti molto avanzati con Serbia, Croazia, Slovenia, Romania, Bulgaria, Ucraina.

La Germania non è solo RAZZISMO VIOLENTO (che c'è ovunque e sa che può farsi sentire con poco), ma è anche (non è la sola) il paradigma del razzismo istituzionale, ad esempio:

  • impunità nel colpire i colpevoli di atti di razzismo "lievi o tollerabili". Non siamo ai livelli italiani, ma ad esempio per l'incendio che ricordavo nel link di sopra, non mi risulta che siano mai stati identificati i colpevoli. Situazione comune in tutta Europa (non solo all'est) e la sentenza ungherese è effettivamente una sorpresa. Niente a che vedere, ad esempio, col caso di Hadareni in Romania, dove ci sono voluti una decina d'anni per arrivare ad una sentenza, che alcuni dei parenti delle vittime contestano tutt'ora;
  • il razzismo istituzionale, è anche quello di uno stato che accoglie i profughi dal Kosovo, profughi che col tempo trovano scuola, casa, lavoro e dopo un decina d'anni si ritengono cittadini come gli altri. Finché, una notte, la polizia tedesca sfonda la porta di casa e ti imbarca con tutta la famiglia su un aereo, per tornare in Kosovo dove non hanno scuola, casa, lavoro. Tutto, per una ragione di stato.

Ungheria:
Dopo questa lunghissima parte introduttiva, eccoci. E' o non è un paese fascista? Non lo è, rispondo, ma se Orban sbagliasse qualcosa, allora il rischio sarebbe alto. Personaggio complesso, ha più volte ammesso di ispirarsi a Berlusconi (senza averne gli stessi capitali), ma a me ricorda Dollfuss, l'ultimo cancelliere austriaco prima dell'annessione alla Germania nazista. L'Europa contro cui sbraita, è la stessa che gli ha garantito il suo posto attuale.

Un breve riassunto della recente storia ungherese. Con la caduta del muro, i vecchi comunisti si riciclarono nel Partito Socialista, contrapposto all'altro blocco dei Liberali. Ma già precedentemente la legislazione ungherese era tra le più aperte in fatto liberalizzazioni e partecipazione dei capitali stranieri alle imprese, per cui i due blocchi (poco influenti gli altri partiti) si sono alternati senza grandi differenze sul piano economico. Anche perché a differenza degli altri paesi dell'ex blocco, con l'afflusso di capitali esteri l'Ungheria viveva una situazione di boom economico simile a quella dell'Irlanda. E purtroppo ne ha condiviso la fine, con indebitamenti pazzeschi con le banche (soprattutto tedesche) e una situazione di corruzione diffusa, che ha posto all'angolo i due partiti (il sistema elettorale è uninominale con soglia di sbarramento).

Dalla crisi sono emersi due soggetti:

  • FIDESZ (nazionalista)
  • JOBBIK (ancora più nazionalista)

Ecco, cosa fare con un governo di destra, in un paese in crisi, con un'opposizione di destra estrema con tendenze paramilitari? La scommessa di Orban si gioca tra un necessario risanamento, e la vulgata popolare (quell'accidenti che si chiamano elettori) che ha trovato il nemico esterno (LE BANCHE e LE MULTINAZIONALI) e quello interno (tanto per cambiare, EBREI e ZINGARI). Come anche da altre parti (non dirò quali) il populismo, il nazionalismo e l'antieuropeismo diventano le cifre distintive per restare a galla.

Politica interna: da un lato accarezzare la pancia di quell'Ungheria profonda e rancorosa emersa dalle urne, dall'altro, come succede nei paesi limitrofi, dare almeno l'impressione che tutto sia sotto controllo, colpendo le manifestazioni politiche-criminali-razziste più eclatanti.

Ma se questo non bastasse? Da un lato l'indebitamento, dall'altro i paramilitari che sognano le croci frecciate, girano come avvoltoi attorno alla testa di Orban. Lui, a differenza di Berlusconi, non ha giornali, tv, e altre utilità simili, il suo rapporto con i media è pessimo. Si è proposto come l'unico salvatore possibile, ma per farlo ha dovuto assumere le armi e la protervia dei suoi avversari più prossimi. Dovesse fallire, la loro strada è aperta.

CONTORNO - Investitori e benefattori:
Il crollo URSS e dei paesi satelliti, davvero qualcuno crede che sia avvenuto "solo" per motivazioni interne? Tutta l'Europa Centro-Orientale è divenuta in brevissimo tempo terra da colonizzare per gli appetiti USA ed Europei, con la Russia assolutamente incapace di contrastare economicamente questa tendenza. Visto in questa chiave, il massacro e la dissoluzione della Jugoslavia sancì l'esclusione del petrolio russo dalle rotte sud-europee, e il predominio americano rispetto alla UE. Pian piano, mentre anche la Cina si è fatta viva, mentre nei paesi con rilevanti presenze musulmane sono attivi Arabia Saudita e (dopo Erdogan) la Turchia. Con la crisi economica in Occidente, per un determinato periodo USA e Germania hanno resistito, ma con Obama anche gli ultimi appetiti si sono ridimensionati.

Ma il colonialismo non è soltanto militare o economico: Gli investimenti arrivano in due maniere: rilevare vecchie imprese statali o autogestite (nel caso ex-JU), o invece tramite vari fondi di solidarietà EU e progetti caritativi delle varie chiese, o fondazioni dagli equivoci obiettivi politici, come OPEN FOUNDATION - ma dotate di quel tanto di pragmatismo nella strategia che manca alla cultura europea. Come è successo e succede ancora in altri continenti, le motivazioni di questi interventi sono tante e spesso contrastanti: da una parte rimediare in qualche maniera al "default" economico e sociale di molti paesi, dall'altro svuotare quegli stessi paesi della capacità di badare a se stessi e renderli sempre più dipendenti dall'elargizioni di questi aiuti (e dal debito che si genera). Creare nel contempo una classe intellettuale-professionale poco legata alle dirigenze locali, che nel caso diventeranno emigranti qualificati ma sottopagati. E' quello che è avvenuto ANCHE in Ungheria, e si ripete nei paesi limitrofi. Orban lancia la sua guerra contro investitori che in questo momento non ci pensano minimamente ad investire, perché hanno finito la grana. Nel frattempo anche la Serbia sembra uscire dal suo antieuropeismo, il problema è se l'Europa ci sarà ancora.

 
Di Fabrizio (del 01/08/2013 @ 09:01:18, in Europa, visitato 1422 volte)

Denitsa Mihaylova: una donna bulgara fiera delle sue origini rom THOMSON REUTERS FOUNDATION Source: Sun, 21 Jul 2013 11:03 PM Author: Nevena Borisova (Nevena Borisova is a freelance journalist in Bulgaria)

Denitsa Mihaylova e sua figlia Madona. Photo: Nevena Borisova

Denitsa Mihaylova è la prima e, sinora, l'unica donna di origine rom che lavora la Ministero degli Esteri. Parla a sua figlia Madona di 5 anni come ad un'adulta, chiedendole di prendere le sue decisioni, compresa quella di ordinare da un menu completo di piatti invitanti.

Nata in una famiglia di musicisti rom, Mihaylova è cresciuta in una famiglia che è sempre stata "al di qua e al di là delle comunità rom tradizionali."

Assieme ai genitori, apprezzati musicisti in Bulgaria, Mihaylova sin da bambina ha girato il mondo. Nei paesi visitati, compresi Spagna e Finlandia, i Rom sono una comunità rispettata con un proprio posto nella società.

"Mi definisco una zingara, nonostante la connotazione che questa parola ha in Bulgaria," spiega Mihaylova pranzando in un ristorante di Sofia, con sua figlia che ascolta con attenzione. Nessuno dei commensali avrebbe immaginato che Mihaylova fosse di origine rom, tranne quelli che la conoscevano, ma lei avrebbe comunque voglia di raccontarsi.

Secondo un censimento del 2011, in Bulgaria ci sono 325.343, cioè il 4,4% della popolazione. Tuttavia, secondo il Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite all'inizio del XXI secolo c'erano tra i 700.000 e gli 800.000 Rom. Molti di loro sotto la linea di povertà.

Racconta. "L'integrazione dipende anche da noi e perché accada occorre avere un ruolo attivo. Nel complesso, la comunità deve uscire da un giro vizioso. Vale per donne, bambini e uomini. Il circolo vizioso risiede nel fatto che molte famiglie, non avendo reddito, non lasciano andare a scuola i loro figli. I loro bambini indossano abiti sdruciti, molti di loro abbandonano o vanno a scuola sino alla seconda o alla terza elementare, e dopo rinunciano per iniziare ad aiutare i loro genitori."

Molti conoscono Mihaylova per il ruolo interpretato nella serie drammatica Casa di Vetro, dove era Maya, una ragazza rom. Il regista Dimitar Gochev ha presentato, per la prima volta in una serie bulgara, una trama basata sui Rom e sulle sfide sociali che devono affrontare.

Quando iniziò la carriera al Ministero degli Esteri, gli amici avvisarono Mihaylova di non rivelare le proprie origini, così "sarebbe stato più facile avanzare in carriera." Ma lei lo fece lo stesso.

Aggiunge: "Sentivo in qualche modo l'obbligo di lavorare più di qualsiasi altro; ho questo peso sulle spalle - cercare di cambiare gli stereotipi su di noi."

La famiglia di Mihaylova appartiene al clan Yerli - una comunità di mentalità aperta. Altri clan, come i Kalderash, rifiutano l'idea che le donne vadano a scuola o lavorino (SIC, conosco molte kalderasha, in Italia e altrove che non corrispondono a questa immagine stereotipata, ndr). Fermamente contrari alle influenze esterne, le ragazze dei clan Kalderash si fidanzano a 15 anni. L'ex marito di Mihaylova è di origine Kalderash e non voleva affatto che lei avesse una carriera.

"Per loro le donne sono soltanto dei beni - forse avete sentito che le vendono. Sposano le loro parenti quando sono giovani, così il loro denaro rimane in famiglia. Non lo sapevo finché non ho incontrato il padre di mia figlia. Non avevo amici nella comunità. Così, scoprii ad un certo punto che ero stata tagliata fuori da tutto." dice.

Continua: "Ero incinta di Madona, quando lui cambiò completamente. Era diventato geloso e tirannico. Non mi era permesso di alzare gli occhi da terra... Dev'essere stato così sin dall'inizio, ma prima non me ne accorgevo. Capisci, sei innamorata... Stavo studiando e non avevo altra scelta che sopportare fino all'opportunità data dal mio attuale lavoro. Il mio ex marito è un uomo di molti mezzi, ma non mi aiutò, perché io non obbedivo."

Mihaylova ha lottato per completare la sua istruzione. Ha frequentato le lezioni col bambino addormentato in un cesto al suo fianco, come se avesse paura che qualcuno potesse portarle via Madona.

L'esame per il posto al Ministero degli esteri ha cambiato la sua vita. C'erano molti candidati, ma alla fine venne scelta lei. Sorride tuttora ricordando quel punto di svolta.

Chiestole qual è il peggior problema della sua comunità, allora le si spegne il sorriso.

"I Rom sono tenuti nell'ignoranza e nella stupidità per ragioni politiche, vale a dire per essere usati durante le elezioni e corrotti con i soldi. Ne sono assolutamente convinta. I Rom sono tenuti apposta nell'ignoranza," sottolinea.

Le sue parole risuonano dei fatti legati all'educazione della comunità. Fu solo nel 2009 che ebbe inizio il primo programma anzionale per l'istruzione dei Rom.

"Tuttavia, lo scopo del programma era eccessivamente modesto," secondo un articolo del marzo 2013 su Duetsche Welle. Vi si legge: "Con un budget di poco superiore a 500.000 euro, il programma avrebbe raggiunto a fatica 1.200 rom"

Mihaylova ha una risposta sul perché questi progetti, rivolti all'integrazione dei Rom in Bulgaria, non hanno successo:

"Purtroppo, lo scopo della maggior parte dei partiti rom, o dei cosiddetti auto-proclamati leader, è di ottenere dividendi tramite alcuni eventi proforma, prendere voti e fare niente," dice. "Vendono i voti dei Rom senza avere richieste chiare. La nostra società rom ha bisogno di giovani che cambino questo modello di pensiero."

Mihaylova visita spesso gli insediamenti rom per entrare in contatto con la sua gente. Quello che la preoccupa maggiormente è il destino dei bambini.

Any views expressed in this article are those of the author and not of Thomson Reuters Foundation.

 
Di Fabrizio (del 31/07/2013 @ 09:01:50, in Europa, visitato 1267 volte)
 Frescoes porta turisti, speranza al villaggio rom - thv11.com

In questo remoto villaggio rom dell'Ungheria Orientale, è in pieno svolgimento un festival musicale. E' parte di un progetto in corso dal 2009 - per attirare visitatori che amano la musica e i murales, portando contemporaneamente soldi nel villaggio di Bodvalenke (vedi QUI, ndr).

Dice Ezster Pastor, creatore del progetto muralista: "L'idea dietro il nostro progetto è semplice. Pittori rom creano murales sulle pareti delle case. Abbiamo due obiettivi principali: combattere i pregiudizi anti-rom, che qui sono comuni e dare a questa gente lavoro per contrastare la povertà."

Il progetto di Pastor, finanziato da due banche, ha già portato 29 murales. E i turisti stanno affluendo a vedere i risultati: circa 3.500 visitatori ogni anno, e visite guidate aiutano a spiegare l'ispirazione che sta dietro i murales.

Dice Peter Boros, turista ungherese: "E' molto importante capire questa cultura piena di colore, attraverso il cibo, la gente, l'atmosfera e naturalmente, i murales sulle case, che raccontano storie meravigliose. Simbolizzano qualcosa di cui sappiamo pochissimo. Qui, la si può scoprire ed imparare."

In questa parte impoverita dell'Ungheria, i reddito medio è di 30 euro al mese. La maggior parte dei 200 abitanti è disoccupata e vive di sussidi. Dall'inizio del progetto, la loro vita è cambiata in meglio. I festival permettono ai residenti di impiantare bancarelle per gli spuntini, vendere prodotti da forno e artigianali.

Racconta Katalin Egri, che risiede a Bodvalenke: "Ogni anno nel nostro villaggio, c'è il festival del drago e altre celebrazioni. Ci visitano molte persone e questo ci aiuta a vivere. Prima, era solo uno dei tanti villaggi poveri."

Gizi, un altro residente, dice: "E' cambiato tutto. Abbiamo visto i cambiamenti nei nostri figli durante gli ultimi 4 anni, da quando hanno visto così tante persone venire nel nostro villaggio.I prati delle case sono più puliti e ci sono più opportunità di lavoro."

In Ungheria e in altri paesi dell'Est Europa, le comunità rom sono discriminate e tenute distanti dalle altre. Con questo progetto, si spera di cambiare questa mentalità, educando la gente sulla comunità rom e generando redito per gli abitanti del posto. E i progressi sono evidenti - alla scuola locale, la frequenza e le promozioni sono aumentati significativamente, da quando un po' di vernice e un'idea brillante hanno riportato in vita il villaggio.

 
Di Fabrizio (del 27/07/2013 @ 09:08:59, in Europa, visitato 1243 volte)

Cosmopolitan

Contest: FUN FEARLESS FEMALE

Nome: Sabiha
Cognome: Suleiman
Età: 36

Perché è candidata?
Nata nel villaggio di Xanthi, proviene da un gruppo rom. Fino all'età di 14 anni - quando si è sposata - Sabiha ha percorso tutta la Grecia, vendendo fiori a celebrazioni e festival stagionali. Però, già in età giovanile ha asserito fortemente il suo diritto all'istruzione, nonostante le varie difficoltà. Nel 2006, ha deciso di istituire la "Associazione Educativa e Culturale Speranza di Donne Rom", per il diritto all'istruzione infantile, ma anche con l'obiettivo generale di miglkiorare le condizioni di vita dei residenti. Da allora ha partecipato a conferenze e forum europei in difesa dei diritti delle donne rom per una vita migliore e più dignitosa, e nel 2009 ha vinto il Premio Internazionale Coraggio per le Donne, per la sua presenza ricorrente nel mettere in luce e affrontare i problemi della comunità rom. In questo momento, oltre che attivista è studente di secondo grado.

 
Di Fabrizio (del 15/07/2013 @ 09:01:25, in Europa, visitato 927 volte)

Di povertà abbietta, razzismo abbietto e dei rischi di una tragedia - 11 luglio: Valeriu Nicolae

Negli ultimi anni ho visitato molti ghetti in tutta Europa. Ho visto troppi bambini che saranno parte di generazioni disperse, troppa povertà estrema e abuso di droghe. Troppa gente vivere della spazzatura e nella spazzatura, troppi passati attraverso un ciclo disastroso che iniziando dall'accattonaggio passa attraverso il riciclo dei rifiuti, prostituzione, piccola criminalità, nuovamente riciclo di rifiuti, terminando com'era iniziato: col mendicare.

Sto scrivendo una relazione sui ghetti - schietta e senza ambiguità. Abbiamo bisogno di politiche nazionali ed europee che si occupino dei ghetti reali, e non di "pratiche positive", bla bla.

Credo che i ghetti in Europa (inclusi quelli nell'Europa dell'est e nei Balcani) abbiano un potenziale esplosivo di conflitto interetnico e che siano incubatori di criminalità e povertà estrema.

Ma non avrei mai pensato di visitae un ghetto così letteralmente esplosivo.

Kakanj è a 45' di macchina da Sarajevo. Il panorama è spettacolare - una terra incredibilmente bella.

L'ingresso del ghetto è simile a quello di tanti ghetti urbani che ho visto. La strada che lo collega alla via principale è piena di buche e poi diventa sterrata.

I mucchi di immondizia sono la prima cosa che si vede entrando nel ghetto - la maggior parte degli adulti vive col riciclo di plastica, vetro, carta o metallo. Molte case sono meglio di quelle che ho visto da altre parti - la gente investe quasi tutti i propri soldi nelle case - gli inverni sono rigidi sulle montagne.

Nel ghetto vivono oltre 600 persone - la maggioranza di loro sono bambini. La terra ha cominciato a sfaldarsi qualche settimana fa. Le miniere sono parte dell'economia di Kakanj ed il ghetto è costruito su un terreno cedevole. 25 case sono troppo danneggiate per viverci - grosse crepe corrono lungo tutte le pareti.



Ma il pericolo risiede nelle crepe al suolo, più che in quelle sui muri.



L'odore del gas metano è nauseante. Mi bruciano gli occhi e ho un gusto terribile in bocca. E' un ambiente chiaramente molto tossico, dove devono vivere centinaia di bambini e di adulti. Qualcuno mi mostra che il gas è infiammabile.

Non ci sono reazioni da parte dell'amministrazione locale. Il sindaco dice di non avere soluzioni, ma non è venuto a vedere cosa sta succedendo. Nonostante i ripetuti appelli, nessuna squadra è stata mandata ad indagare sulla tossicità e sui rischi alla salute legati al gas che fuoriesce dal suolo. C'è un alto rischio di tragedia che significherebbe una  morte di massa (soprattutto bambini) in questo posto, se l'amministrazione locale non prenderà qualche misura.

Perché succede questo? Perché la maggior parte degli abitanti del ghetto sono Rom. Perché il razzismo abbietto e la discriminazione sono la principale risposta alla povertà abbietta.

Quanto sta accadendo a Kakanj va oltre la vergogna e l'incompetenza. Rinchiude l'omicidio nell'incompetenza e nella mancanza di reazione. Ed è qualcosa con cui la Bosnia Erzegovina non dovrebbe più avere a che fare.

Vi scrivo perché penso ci sia bisogno di un'iniziativa a livello internazionale che ponga in azione quello che spero sia soltanto un'amministrazione inetta. E spero che molti di voi abbiano tratto da questa lettura, sentimenti a sufficienza per inviare una lettera che chieda alla delegazione UE in Bosnia Erzegovina di reagire:

 
Di Fabrizio (del 11/06/2013 @ 09:01:04, in Europa, visitato 2319 volte)

Pagine 124 formato A4
Formato del file: PDF
Dimensioni del file: 1.25 MB
Software necessario: Tutti i lettori PDF, Apple Preview
Prezzo di lancio: 2,00 euro

Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.
Visita la Libreria di Mahalla

Succede anche nelle migliori famiglie: ho iniziato la primavera scorsa scrivendo un libro su Milano, a dicembre già l'argomento era diventato l'Italia e adesso, tocca all'Europa.

Di che si scrive? Vediamo cosa recita l'introduzione:


Sempre più spesso sento ripetere che quello contro i Romanì è rimasto l'unico razzismo che l'Europa ancora si permette. Il quadro che ne deriva è abbastanza schizofrenico, quella che chiamiamo popolazione maggioritaria, li vede:

  • o come criminali e asociali irrecuperabili, da rinchiudere in riserve (salvo poi lamentarsi se queste riserve diventano discariche invivibili);
  • oppure come vittime della società (però vorrebbero "integrarsi" nella stessa società di cui sono vittime).

Il quadro, desolatamente, è simile in tutta Europa. A fatica, Romanì e società maggioritaria trovano modi di interagire, ma i risultati riguardano frazioni minoritarie delle due popolazioni, e dopo secoli di convivenza ogni tentativo, presente e passato, appare fragile e temporaneo.
Questo non toglie che dopo secoli di presenza nel nostro continente, anche la galassia romanì abbia potuto esprimere le proprie eccellenze in diverse campi. Ma, anche se il contributo all'umanità tutta di queste personalità è stato notevole, rimane la sensazione di casi isolati.
L'ispirazione delle pagine che seguono mi viene da un libro di Stefania Ragusa: "AFRICA QUI storie che non ci raccontano". Nell'introduzione scrive l'autrice:

    Questo libro nasce dalla domanda che, qualche anno fa, mi ha fatto Sara, una mia giovane amica italianissima ma dalla pelle d'ebano. Era appena rientrata da una breve vacanza a Londra, la prima fatta all'estero e da sola. [...] Sara mi diceva che a Londra aveva visto neri che lavoravano in banca, negli ospedali, all'università, negli studi legali, a dare notizie in tv, a dirigere il traffico... Perché, si chiedeva, in Italia i neri, quando riescono a lavorare, fanno solo mestieri umili? Ho risposto che tutto questo era dovuto al fatto che l'immigrazione, africana e non, in Italia è un fenomeno recente. Perché per iella o per fortuna non siamo riusciti a essere una potenza coloniale e perché, fino all'altro ieri, eravamo noi costretti a emigrare. Ma ho risposto anche che non tutti i neri, in Italia, facevano lavori umili. Che quella del "povero negro" era in buona parte un luogo comune. Lei mi ha rivolto uno sguardo perplesso e di sfida e ha detto: non ti credo, dimostramelo. Non era un ordine ma l'indicazione di un bisogno, profondissimo e non ancora dichiarato. [...]

Per i Romanì in tutta Europa, non nella sola Italia, la situazione è simile, anzi peggiore. E, mettiamoci la mano sulla coscienza, come reagiremmo NOI se incrociassimo un medico, un vigile, un ortolano Rom o Sinto? Questo tipo di persone esistono, le ho anche incontrate, ma la paura dello "stigma" spesso è più forte della voglia di dichiararsi. Ricordo nel libro "Non chiamarmi zingaro" di Pino Petruzzelli, il racconto di una dottoressa in Italia che nasconde persino a suo marito il suo essere rom.
Se con sguardo distaccato osserviamo la situazione dei Romanì in Europa, quello che notiamo non è tanto che nei secoli possano esserci state figure prominenti, ma l'assenza di quella borghesia (non necessariamente che sia anche classe dirigente), che ha accompagnato lo sviluppo di altri popoli. Questo significa che quasi dappertutto in Europa i Romanì vivono una situazione di continuo dopoguerra, non solo economico, ma anche sociale e politico.
Il dottore, l'avvocato, il giornalista romanì esistono, a volte superano anche la paura di dichiararsi. Per anni ho raccolto frammenti di queste storie, riportati da varie testate o direttamente dalla loro voce.
Riprendere qui le loro testimonianze può servirci:

  • ad avere un quadro meno stereotipato della più grande minoranza etnica in Europa;
  • nel contempo, a comprendere quanto la forte spinta ad emanciparsi, si leghi all'attaccamento e all'interazione con la comunità d'origine, come pure al mantenimento della propria identità;
  • infine, la speranza è la stessa del libro AFRICA QUI, che le testimonianze raccolte possano incoraggiare le giovani generazioni romanì a trovare un posto dignitoso tra i popoli di un'Europa di cui fanno parte a pieno titolo.

Un ulteriore motivo di approfondimento, deriva dagli argomenti trattati nelle interviste o nei ritratti che verranno presentati: da questioni quotidiane a tematiche più propriamente politiche. Per politica, non intendo soltanto i cosiddetti "temi classici": razzismo, integrazione, convivenze... ma anche questioni di base che riguardano il futuro del nostro continente, trattate da questa futura classe intellettuale. Ancora una volta, il gioco di vederci allo specchio, e di saper cogliere i contributi ideali che possono arrivarci.

In appendice ho aggiunto tre contributi: un mio saggio su come anche le novità della tecnologia non siano estranee alla galassia romanì, la recensione di una serie televisiva di qualche anno fa - che descriveva in modo atipico la vita di una famiglia rom in Slovacchia, e un raccontino finale, che spero possa essere di buon auspicio.

Indice:

  1. L'Europa che c'è - Pag. 2
  2. Introduzione: - Pag. 3
  3. Autore: - Pag. 5
  4. Paesi, competenze e professioni: - Pag. 8
  5. FRANCIA - L'attivista atipico - Pag. 8
  6. SPAGNA - Un'antropologa - Pag. 10
  7. La situazione delle donne rom in Europa - Pag. 11
  8. SERBIA - Comunità ed emancipazione - Pag. 15
  9. EUROPA - Biglietti da visita - Pag. 17
  10. ROMANIA - e l'identità - Pag. 19
  11. REPUBBLICA CECA - Professionisti di confine - Pag. 21
  12. GRAN BRETAGNA - Un giornalista "globale" - Pag. 23
  13. SLOVACCHIA - La preside - Pag. 26
  14. UNGHERIA - Dalla scuola alla società e viceversa - Pag. 32
  15. GRECIA - Il dottore - Pag. 35
  16. SLOVACCHIA - Una dottoressa tra tradizione e cambiamento - Pag. 37
  17. REPUBBLICA CECA - Il frigorifero come questione culturale - Pag. 42
  18. AUSTRALIA - La scrittrice - Pag. 44
  19. ISRAELE - Nomade e digitale - Pag. 47
  20. GRAN BRETAGNA - I ricordi di una scrittrice - Pag. 49
  21. SLOVACCHIA - Riflessioni sull'integrazione - Pag. 54
  22. Rom, Rivoluzione delle aspettative - Pag. 59
  23. SPAGNA - Il master - Pag. 62
  24. BULGARIA - La futura dottoressa - Pag. 63
  25. BULGARIA - Il plurilaureato - Pag. 64
  26. Confessioni di un Rom laureato - Pag. 64
  27. MACEDONIA - L'avvocato - Pag. 67
  28. SLOVACCHIA - Ricominciare a 50 anni - Pag. 69
  29. REPUBBLICA CECA - giornalista o attivista? - Pag. 77
  30. SLOVACCHIA e REPUBBLICA CECA - Quando i mondi si incontrano - Pag. 80
  31. SPAGNA - Responsabile socialista sull'immigrazione - Pag. 84
  32. ROMANIA - L'altra faccia dell'attivista - Pag. 85
  33. REPUBBLICA CECA - Reporter TV - Pag. 89
  34. SPAGNA - Uno sguardo da distante - Pag. 93
  35. GRAN BRETAGNA e IRLANDA - A suon di pugni - Pag. 98
  36. SVIZZERA - Il compositore sinfonico - Pag. 101
  37. REPUBBLICA CECA - Rapper e ambasciatore - Pag. 105
  38. Questo non ve l'aspettavate... - Pag. 107
  39. UNGHERIA - Pag. 107
  40. GRAN BRETAGNA - Pag. 109
  41. REPUBBLICA CECA - Pag. 109
  42. Ultima tappa - Pag. 112
  43. GRAN BRETAGNA: giornalista e blogger - Pag. 112
  44. Appendici - Pag. 116
  45. I Rom al tempo della rete - Pag. 116
  46. Televisione - Pag. 122
  47. Finale - Pag. 123
 
Di Fabrizio (del 10/05/2013 @ 09:03:46, in Europa, visitato 1125 volte)

Emil Schuka con Vaclav Havel. (Photo: Romano vod'i 4/2013)
Emil Schuka: Manchiamo di un concetto unificante - Prague, 3.5.2013 19:13, (Romano vod'i) Adéla Galova, translated by Gwendolyn Albert

Dal teatro ai diritti

Emil Schuka è uno dei politici romanì più famosi nella Repubblica Ceca. Si è laureato in legge ed è stato pubblico ministero, ma il suo sogno era di fare carriera con qualcosa di totalmente differente. Nel 2001 la rivista Reflex citava queste sue parole:

    "Sin dall'inizio ho avuto un'enorme passione per il teatro, che semplicemente mi incanta. Per tre volte ho frequentato il Dipartimento di Regia Teatrale al DAMU (l'Accademia di Arti di Scena) a Praga. Da ragazzo mi esibivo nel teatro della scuola e durante le superiori ho diretto due gruppi teatrali, uno a scuola e l'altro nella vicina casa della Gioventù. Pensavo che il teatro fosse lo scopo e l'ispirazione della mia vita."

Dato che non era stato ammesso all'Accademia, iniziò a cercare qualche altro campo dove potesse evitare la matematica, che non gli piaceva per niente. Questo lo portò alla Facoltà di Legge, ed a lavorare come pubblico ministero dopo la laurea. Tuttavia, Schuka non dimenticò il teatro, e mentre risiedeva nella città di Sokolov vi fondò il famoso complesso teatrale "Romen".

Euforia della rivoluzione

L'attivismo e il carisma di Schuka diedero frutto in particolare durante gli anni della rivoluzione e del post-rivoluzione. Assieme a Ladislav Rusenko, rappresentò il popolo rom durante quei giorni ferventi. In una memorabile manifestazione a Piana Letna (Praga) il 26 novembre 1989, parlò sul palco assieme a Rusenko, dichiarando il proprio appoggio al Forum Civico (Obchanské forum - OF) e a Vaclav Havel.

In un'intervista a Jarmila Balazhova del 2004, Schuka ricordava così l'atmosfera e lo sviluppo degli eventi durante quei giorni rivoluzionari:

    "Ero proprio in viale Narodní il 17 novembre, per coincidenza ero con l'etnografa Eva Davidova e Honza Cherveňak,, e fummo testimoni degli eventi. Non avevamo buone ensazioni. La sera stessa ci incontrammo con Lad'a Rusenko e il 18 novembre mettemmo assieme un gruppo di Rom di Praga, perché allora erano i più vicini a noi. Il 19 novembre scrivemmo un memorandum, che fu firmato da circa 30 perone, inclusa la dottoressa Milena Huebschmannova. Essenzialmente, ci era immediatamente chiaro che non potevamo rimenare ai margini, anche se qualcuno diceva: -Non dovremmo farci coinvolgere, lasciamo che i gagé se la sbrighino tra loro, aspettiamo di vedere chi vince e gli diremo che siamo stati dalla loro parte sin dall'inizio. Non mischiamoci con loro, è la loro guerra.- Naturalmente, non eravamo d'accordo. Quella gente non si unì a noi, e neanche li volevamo. Non tutti hanno avuto la fortuna di passare per eventi rivoluzionari ed esserne direttamente al centro. Sono davvero grato di aver ricevuto questa opportunità. Allora le persone cantavano non solo a Letna, ma anche in altri raduni sulla piazza Città Vecchia e in piazza Venceslao, persino fuori Praga. Tutti erano contenti di essersi liberati delle corde che ci avevano trattenuti. In quella situazione, quando la gente iniziò a respirare più liberamente, eravamo semplicemente puri, senza secondi fini e noi, i Rom, ne eravamo parte. Volevamo respirare liberamente e assorbivamo quell'atmosfera assieme a tutti. Volevamo respirare liberamente e abbiamo assorbito quell'atmosfera assieme a tutti gli altri. In quei giorni nessuno ho incontrato attacchi, o pregiudizi, o riserve da parte degli altri."

Se si chiedono a Emil Schuka i suoi personali ricordi su allora, dopo oltre 20 anni, è ovvio che una certa sensazione di disillusione si è accumulata nell'ultima decade. per raggiungere il culmine. Il suo entusiasmo è andato perso, e ciò che rimane è il senso di qualcosa di molto tempo fa ed irreale:

    "E' stato tantissimo tempo fa, oltre 20 anni, che nel corso di una vita umana è moltissimo. Su scala storica, naturalmente, è come se fosse ieri. Non mi piace rimpiangere il passato, come dicono. La prossima generazione sta crescendo qui. Allora non mi rendevo conto che stavo prendendo parte a qualcosa di speciale, vi fummo buttati dentro, a piedi uniti. Allora avevo la sensazione che quello su cui stavamo lavorando potesse avere un futuro. Alcune cose poi sono successe, altre no. Altre sono cambiate completamente."

L'Iniziativa Civica Romani (Romska obchanska iniciativa- ROI) ed il collasso degli ideali

Poco dopo la rivoluzione, a marzo 1990, Emil Schuka divenne co-fondatore del primo partito politico romanì, il ROI, che guidò per diversi anni. L'assemblea costituente del ROI lo elesse presidente il 10 marzo 1990. Alle elezioni del giugno 1990 il ROI, che contava 20.000 iscritti in Repubblica Ceca, si unì alla piattaforma dell'OF e ottenne otto seggi in parlamento. Ovviamente, alle elezioni municipali di novembre 21990, quando la coalizione dell'OF non li contemplava, il ROI ottenne solo lo 0,11% dei voti e tre seggi. Il partito divenne un simbolo, anche se molti dei suoi ideali originali in varie maniere non trovavano applicazione. Tuttavia, fu Schuka ad insistere sulla proposta di ancorare la nazionalità romanì nella nuova costituzione, a rendere i Rom cechi e slovacchi parte dell'Unione Romanì Internazionale e creare il primo partito unificato romanì.

Nel 2000 Schuka diventò presidente dopo un mandato dell'Unione Romanì Internazionale. Oltre all'attività politica, fu alla base della creazione del programma televisivo "Romale" e del primo settimanale romanì "Romano kurko". Grazie soprattutto a lui, venne istituita la Fondazione Rajko Djuric e avviata la famosa scuola socio-legale romanì a Kolin. Si iniziò a produrre professionalmente il programma televisivo "Romale". Schuka creò anche il festival di folklore internazionale Romfest, la cui edizione inaugurale a Brno-Lishegn (1991) vide la presenza del presidente Vaclav Havel. Sfortunatamente il Romfest, che3 era quasi inestricabilmente legatoad una famosa fessta folkloristica locale, Strazhnicí ("I Guardiani"), terminò nel 1996. Venne trasformato nelo festival Romska pisenh (Canzone Romanì), che si tiene nella cittadina di Rozhnov pod Radhoshtehm.

Emil Schuka non può evitare di essere critico o quantomeno scettico quando si parla sui risultati dello sviluppo della situazione romanì in Repubblica Ceca, dal periodo post-rivoluzionario sino ai giorni nostri:

    La nostra generazione, la generazione dei Romanì di ROI, non lavorava per il denaro, eravamo pieni di ideali. Il problema più grande che intravedo è che quando è finito il ROI, non c'è stato più nessuno a continuare, a proporsi. Non intendo a continuare direttamente nel partito, ma avevamo la possibilità di iniziare qualcosa e mentre vincevamo una battaglia, non abbiamo vinto la guerra in toto. Non si è trovato nessuno per continuare il nostro lavoro, e in politica, dove è assolutamente necessario combattere per ogni singola cosa, questo è un problema piuttosto grande. Da allora, molti romanì si sono diplomati e laureati, ma tra loro non abbiamo trovato nessuno che lavorasse concettualmente. Il settore no profit si concentra su questioni a livello locale e regionale, quando ciò di cui abbiamo bisogno sono soluzioni concettuali. Questo è evidente in organismi come la Commissione Interministeriale sugli Affari Comunitari Rom, dove sembra che ogni ministro debba partire da zero con i propri concetti, invece di portare avanti il lavoro dei predecessori. La mia critica, ovviamente, è rivolta anche ai nostri stessi ranghi. Se rimaniamo chiusi in un simile approccio, allora cosa possiamo aspettarci?
 
Di Fabrizio (del 07/05/2013 @ 09:05:38, in Europa, visitato 1283 volte)

Dall'hindi all'hargot, l'incredibile storia della lingua rom LesInROCKS - 02/04/2013 | 12h23 par Eva Bester (nella foto: Il tempo dei gitani di Emir Kusturica)

    Parlata da milioni di Rom in tutto il mondo, e dopo aver fornito nobiltà al francese gergale, la lingua romanì resta quantomeno sconosciuta

Parole come surin (coltello), bouillave (fornicare) e chourer (da chourave, rubare) fanno parte dei numerosi imprestiti dal rromanì al francese che vi permettono di dare a qualcuno del narvalo (sciocco), di insistere sul numero di berges (anni) di un antenato o ancora di minacciare un caro amico di poukave (denuncia) o di marave (colpire, uccidere).

Se i francesi si concentrano soprattutto sui termini canaglia, il rromanì resta una lingua poetica, musicale e millenaria, che non ha visto la sua ufficializzazione in forma scritta se non dopo il 1990.  Come i Rom (ortograficamente Rrom), è originaria della città di Kannauj, capitale dell'India oltre 1000 anni fa. Si è costituita sulla base di antiche parlate popolari indiane, nella forma conosciuta del sanscrito.

Un dialetto diventato lingua attraverso la Storia

All'inizio dell'XI secolo, popoli di lingua rromanì vennero deportati in Afghanistan dal sultano Mahmoud di Ghazni, per le loro ricercate competenze artistiche e artigianali. Il sultano desiderava così fare del suo borgo la capitale dell'universo. Ma in una società islamica rigorosamente sunnita, la loro cultura indù non si integrò. Il sultano li vendette nel nord del paese, dove si parlava persiano. Quindi, dopo gli apporti indiani, il rromanì si arricchì di elementi persiani, ed in seguito ai viaggi, di imprestiti greci a cui si aggiunsero quelli dei paesi locali dove la maggioranza de Rom ha vissuto sino ad oggi (Romania, Bulgaria, Serbia, ecc.)

Ancora oggi, la lingua del nord dell'India ha novecento parole in comune col rromanì. L'impronta indiana è tale che padroneggiando il rromanì si può decifrare un film in  hindi. Al momento della sua uscita in Albania, il film indiano Il vagabondo di Raj Kapoor ha suscitato entusiasmi sino al delirio tra il pubblico rom, che pensava che lo fossero anche tutti gli attori del film.

Un movimento letterario rromanì molto recente

Non tutti i Rom (tra i 12 e i 15 milioni nel mondo) parlano il rromanì. Alcuni gruppi sono stati obbligati a dimenticarlo (in Spagna, Inghilterra, Finlandia...), ed altri l'hanno dimenticato date le condizioni del mondo attuale. Le memorie più vive si trovano nei Balcani, dove è parato dal 95% dei Rom. In Francia, su mezzo milione di Rom, si contano circa 160.000 che lo parlano (poco meno del 30%). La prima menzione di una possibile standardizzazione del rromanì risale al XIX secolo. quando il polacco Antoine Kalina notò l'omogeneità profonda della lingua nei diversi paesi dove veniva praticata. Otto anni dopo, un Rom ungherese, Ferenc Sztojka, pubblicava un dizionario ungherese-rromanì, contenente circa 13.000 voci e una trentina di poesie in rromanì. L'autore ambiva a fornire una lingua moderna, con nuove parole ed espressioni.

Malgrado questi tentativi per accordare al rromanì uno status equivalente alle altre lingua, occorrerà aspettare gli anni '20-'30 in Russia, perché veda la luce un movimento letterario rromanì. In quel periodo Lenin insisteva sull'importanza di dotare di un alfabeto le lingue che non l'avevano. Dall'Unione Sovietica della fine degli anni '30, molte scuole e sezioni universitarie offrirono corsi di rromanì. Da allora sono stati tradotti in lingua quattrocento libri, ed infine si c'è stato l'accesso di grandi autori come Puskin o Mérimée. Nel 1969 in Jugoslavia esce il primo libro scritto in rromanì: Il Rrom cerca un posto al sole di Rajko Djurić.

Si traducono Prévert e Barbara in rromani!

Emerge allora un movimento poetico rromanì: lustrascarpe, operai, studenti dattilografano sulle macchine da scrivere dei loro datori di lavoro poesie in un rromanì approssimativo, se le scambiano e le leggono durante le sere. Traducano anche Prévert e Barbara, s'intensifica il desiderio di una scrittura comune. Il primo congresso rom ha luogo nel 1971 a Londra, e da alla luce la commissione linguistica dell'Unione Rromani Internazionale, che ufficializzerà l'alfabeto nel 1990, sotto il patrocinio dell'UNESCO.

Riconosciuto infine come una lingua propria a tutti gli effetti, il rromanì oggi è insegnato ufficialmente solo in due paesi dell'Unione Europea: in Romania e in Francia (all'INALCO). Ma come di ce il proverbio: "O gav p-e dromesqo agor si jekh lachipe, o drom so lingrel tut othe si deś!" (Non è la destinazione che conta, ma la strada per arrivarci!).

Grazie a Marcel Courthiade, commissario alla lingua ed ai diritti linguistici per l'Unione Rromani Internazionale e professore di lingua e civiltà rromanì presso l'INALCO, per la sua conoscenza e gli illuminanti aneddoti.


Ndr: vedi anche

 
Di Fabrizio (del 03/05/2013 @ 09:08:58, in Europa, visitato 1893 volte)

Venerdì 10 maggio, ore 20.45
Libreria Popolare - via Tadino 18, 20124 MILANO

Sarà... che le cose più interessanti ti accadono sempre per caso. Sarà... che molti ne hanno scritto, e solo qualcuno c'è tornato.

Una giovane famiglia italiana, con bimbo di due anni, in Macedonia per teatro. Entrano in contatto con la comunità dei Rom di Shuto Orizari (il primo comune che è stato amministrato dai Rom stessi), e piano piano ne scoprono la storia e le sue caratteristiche, ma soprattutto sviluppano un intenso rapporto con i suoi abitanti, di cui sono ospiti, alla ricerca comune dei valori, delle tradizioni e delle conflittualità che regolano la comunità.

Ne parlano con l'autore, Andrea Mochi Sismondi
Fabrizio Casavola, redazione di Mahalla
Anna Stefi, ricercatrice e collaboratrice di Doppiozero

 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


28/02/2020 @ 07:10:55
script eseguito in 62 ms

 

Immagine
 da lontano a più vicini... di cicciosax



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 3551 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< febbraio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
04/02/2020 @ 07:35:06
Di ANNA
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
27/01/2020 @ 16:13:20
Di Monica
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source