Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Notizie in italiano dai Rom, Sinti, Kalé, Pavees di tutto il mondo

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : Europa (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 07/09/2011 @ 09:21:07, in Europa, visitato 1307 volte)

Da Roma_Daily_News

Dalefarm.wordpress.com

La data dello sgombero da 18 milioni di sterline di Dale Farm, un'ex discarica che ora ospita 90 famiglia, è stata rivelata per lunedì 19 settembre (vedi QUI ndr). La data è trapelata alla stampa tramite una sorgente nel consiglio [comunale].

I residenti di Dale Farm chiedono ai loro sostenitori di recarsi in loco per aiutarli a fermare lo sgombero. Chiedono anche agli osservatori legali e dei diritti umani ad essere presenti come testimoni. Dale Farm è solo ad una mezzora di treno dalla stazione di Liverpool Street a Londra.

Il consiglio [comunale] ha minacciato di bloccare le strade attorno a Dale Farm prima dello sgombero, così raccomandiamo di arrivare quanti più giorni prima possibile. Inoltre, c'è una gran mole di lavoro da svolgere in anticipo. Sono disponibili posti letto  in casa, ma se possibile vi chiediamo di portare una tenda con voi, perché gli spazi disponibili sono riservati a chi ne avesse bisogno. Siete tutti benvenuti in qualsiasi momento. Per dettagli, QUI.

Si prega far circolare ampliamente questo appello, e promuovere l'evento su Facebook attraverso i siti di social network.

Vi invitiamo ad iscrivervi all'avviso via SMS (NON ESTERO - solo per la GB ndr)ed alla nostro bollettino, perché non siamo sicuri che il consiglio [comunale] non voglia inviare gli ufficiali giudiziari in anticipo sulla data del 19 settembre.

Il 19 settembre il Consiglio di Basildon e la coalizione di governo che finanziano ciò, dovranno affrontare una sfida morale per spiegare a migliaia di persone ed ai mezzi di comunicazione mondiali perché abbiano scelto di lasciare oltre 100 bambini senza casa ed allontanarli da scuola. L'ONU ha chiesto al governo di sospendere questo sfratto "immaturo e imprudente", dicendo che "condizionerebbe in maniera spropositata le vite delle famiglie di zingari e viaggianti, in particolare donne, bambini ed anziani". Lo sgombero è stata condannato da un'ampia coalizione che comprende Amnesty International, sindacalisti e gruppi antirazzisti.

Ci vediamo lì! No Pasaran!

(link su Facebook)

Aggiornamento:

Rivelata la data dello sgombero, gli ufficiali giudiziari e la polizia inizieranno a chiudere gli accessi al sito la settimana del 12 settembre, ed a portare via le carovane dal 19 settembre. Abbiamo quidi urgente bisogno di persone che raggiungano Dale Farm dal 12 settembre, per sostenere la comunità dal tentativo di sgombero. La data comunicata pubblicamente è il 19, ma nelle lettere di sfratto è scritta l'intenzione di procedere anche in anticipo.

 
Di Fabrizio (del 06/09/2011 @ 09:11:36, in Europa, visitato 1185 volte)

Da Roma_und_Sinti 

FOCUS Information Agency - Die Welt: Duisburg integrerà i Rom bulgari

Duisburg, 30/08/2011 - Circa 4.000 Bulgari e Rumeni sono arrivati nei mesi recenti nella città tedesca di Duisburg. Invece di protestare la città si prepara per l'integrazione, riporta il giornale Die Welt.

"Sono Europei come noi e devono essere trattati correttamente," ha detto Karl Janssen, capo della Gioventù e Cultura di Duisburg. Quelli di cui sta parlando, sono circa 4.000 Rumeni e Bulgari, che recentemente si sono spostati nella città. Nessuno ne conosce il numero esatto. La maggior parte dei Bulgari e Rumeni si sono insediati nelle aree di Marksloh e Hohfeld.

Questi quartieri sono conosciuti da anni per gli alti tassi di disoccupazione, gli affitti bassi e la presenza di immigrati. Molti di loro vengono dal gruppo etnico discriminato dei Rom dell'Europa dell'est.

Le autorità di Duisburg hanno pianificato un programma speciale di attuazione per l'integrazione dei Rom, a cui sono è stato assegnato un budget di 1,5 milioni di euro.

 
Di Marylise Veillon (del 27/08/2011 @ 09:21:24, in Europa, visitato 1270 volte)

Da Mundo_Gitano

ALLARME IN FRANCIA Il governo Sarkozy prepara una nuova ondata di espulsioni di gitani rumeni e bulgari.

E' quello che è stato reso pubblico da diverse personalità francesi, e alcune delle organizzazioni maggiormente coinvolte nella difesa dei nostri fratelli. Il governo francese, capeggiato da Nicolas Sarkozy ha continuato a mettere in atto, dall'estate dell'anno scorso, ogni sorta di pressione, per far si che i gitani rumeni e bulgari, cittadini comunitari come ciascuno di noi, escano definitivamente dalla Francia. Per questo, viene utilizzato ogni mezzo immaginabile di pressione sociale.

Meno di una settimana fa, a Marsiglia, circa 100 gitani, tra i quali 30 bambini, stabiliti all'esterno del centro urbano, all'ingresso della città, sono stati sloggiati dalla polizia. L'ordine è stato eseguito in seguito ad una petizione del sindaco di Marsiglia, il quale appartiene allo stesso partito del presidente francese. Nell'ordinanza di evacuazione delle famiglie, si dice che costituivano una "minaccia seria contro l'ordine pubblico".

Ma siccome la repressione non conosce limiti, nel nord della Francia, dalle parti della città di Lille, il sindaco de La Madeleine, Sebastien Laprètre, ha emesso due ordinanze: una che vieta la mendicità, e un'altra che vieta ai mendicanti di cercare cibo o qualsiasi altra cosa, nei cassonetti dell'immondizia installati nelle vie della città. Inoltre, affinché non ci siano minimamente dubbi quanto ai destinatari di queste due ordinanze, sono state redatte anche in rumeno e bulgaro. (Supponiamo che nessuno abbia fatto presente al sindaco, che la maggioranza di questi disperati che cercano cibo nelle pattumiere, non sanno né leggere né scrivere).
 
Ci è capitato di avere accesso al rapporto realizzato da Medici del Mondo (MDM), in relazione alle tragiche conseguenze della politica di deportazione del governo francese. Questi sono alcuni dati:

Jean-François Corty, direttore del progetto MDM francese, ha dichiarato che "in alcuni campi si sono svolte azioni simili a quelle messe in atto nelle zone in guerra. Per esempio in Seine-Saint-Denis, abbiamo distribuito beni di prima necessità, in quanto le loro esigenze vitali, come l'accesso all'acqua potabile, non erano rispettate".

I poveri gitani rumeni e bulgari hanno paura, tanta paura di essere espulsi. Per questo hanno rinunciato all'assistenza sanitaria. Dall'anno scorso, in questo periodo, cioè da quando iniziarono le persecuzioni contro di loro, hanno cessato di andare dal medico. Il risultato è che a Nantes, Bordeaux, Marsiglia e Strasburgo, solo l'8% è in possesso di un libretto sanitario, che certifica che hanno fatto le vaccinazioni necessarie. La schiacciante maggioranza del gruppo preso in esame, non è quindi protetta né contro le malattie comuni, né contro quelle mortali. "La violenza delle espulsioni produce una soppressione dell'assistenza sanitaria", ha dichiarato Jean-François Corty.

Le gitane soffrono in modo molto particolare questa persecuzione. Lo afferma Medici del Mondo: solo una donna su dieci usufruisce di assistenza durante la gravidanza, motivo per il quale la mortalità neonatale, cioè la frequenza con la quale i bambini rom muoiono durante il primo mese di vita, è nove volte superiore alla media dei bambini "gadjé" francesi.

Il governo francese sta utilizzando la medicina come arma politica di repressione dei gitani, il che costituisce, secondo Jean-François Corty, "un paradosso dal punto di vista dell'etica medica". In Francia, esiste l'assistenza sanitaria statale, dalla quale dipendono la maggiore parte dei gitani. A partire dal primo marzo, questo aiuto è diventato soggetto a un costo annuo. Il risultato è stato devastante: tra tutti i gitani intervistati da Medici del Mondo, il 77% non ha accesso all'assistenza sanitaria statale. E le conseguenze non si sono fatte attendere: i casi di tubercolosi sono estremamente numerosi. L'ha detto Jean-François Corty: "le espulsioni ripetute, rendono il lavoro dei medici praticamente impossibile"

Crediamo che questo mese di agosto sarà più tranquillo di quello dell'anno scorso, però ora vediamo qual è il panorama futuro:

  • "Menti Criminali", programma TV della quarta rete, il quale come il nome della serie fa comprendere, ci presenta come veri demoni (vedi QUI ndr).
  • "Mi gran boda gitana" (vedi QUI ndr) di pessimo gusto, razzista e offensivo, trasmesso dal terzo canale, un film del quale alcune sequenze costituiscono chiaramente un reato, codice penale alla mano.
  • A tutto ciò bisogna aggiungere alcune informazioni apparse nella stampa spagnola, come quella che abbiamo denunciato qualche giorno fa, in relazione alla sparatoria di Merida nell'Extremadura, o il presunto stupro di una giovane a Lérida, alcune settimane fa.

Ci sono pessimi venti che corrono, amici, attraverso questa nostra Europa, vittima della crisi, dello sciopero, dell'economia senza coscienza, e di una parte della classe politica così lontana dalla cruda realtà quotidiana. E' un profondo impegno, l'essere presidente di questo grande paese, il quale fu la culla dell'illuminismo, e che oggi getta in mare tutti quei luminosi principi, che proclamarono i pensieri basilari, in merito ai quali il diritto naturale è fondato sui diritti di tutti gli uomini, dando vita alla libertà.

E' per questo che restiamo profondamente scioccati, nel prendere atto che la fame che attanaglia la Somalia e la mancanza di acqua potabile, possano essere così vicino a casa nostra.

Juan de Dios Ramírez-Heredia
Abogado y periodista
Presidente de Unión Romani
Barcelona, 18 de agosto de 2011

 
Di Fabrizio (del 26/08/2011 @ 09:41:20, in Europa, visitato 1344 volte)

Da Bulgarian_Roma

23 agosto 2011

Cittadini bulgari di minoranza rom, hanno attaccato un'ambulanza lanciando pietre nel distretto di Stolipinovo della città meridionale di Plovdiv.

I Rom erano spaventati da recenti notizie di stampa su una "misteriosa ambulanza" che girava nei villaggi vicini per raccogliere organi da mamme e bambini.

I rapporti sostengono che nella zona sono state avvistate ambulanze che trasportavano persone "senza organi".

Parlando a radio Darik, Kostadin Bakov, ufficiale della polizia locale, ha negato ogni ipotesi sull'esistenza di un'ambulanza che raccoglierebbe organi.

Il panico creato da voci simili ha portato le ambulanze in quella zona ad andare distrutte, ha sottolineato Bakov.

Stolipinovo è una delle più grandi comunità rom nell'Europa sud-orientale.


Comunque anche in Italia siamo messi bene! : - D

LA SPEZIA Finanzieri scambiati per zingari rischiano il linciaggio
I retroscena dell'inchiesta sul maxisequestro di cocaina

La Spezia, 25 agosto 2011 - L'INCHIESTA da manuale della Guardia di Finanza per risalire ai trafficanti internazionali di cocaina - dopo la scoperta in porto del maxi carico da una tonnellata occultato dietro lo schermo di una paratia approntata in un container - è passata anche dal rischio degli investigatori di essere... presi a bastonate. Sangue freddo e una eccellente capacità di recitazione hanno evitato che venisse compresa la loro effettiva attività in quel di Pallerone, quando preparavano il blitz che ha portato agli arresti.

Sì, c'è stato chi, vedendoli armeggiare nei pressi di una cabina dell'Enel - con barba lunga e vestiti qua e là sdruciti - li ha scambiati per degli zingari ed è sceso in strada con una mazza sollecitandoli a prendere il largo dal paese. «Che fate lì?Volete rubare il rame come fate spesso? Andate via, qui non vi vogliamo». Ha detto un abitante del luogo che risiede in una casa nei pressi della cabina dell'Enel. I finanzieri, in quel momento, stavano approntando un sistema per l'effettuazione delle intercettazioni telefoniche e delle riprese video per immortalare chi si sarebbe introdotto nel capannone dei mobilifici Gargiolli dove, l'11 agosto, erano giunti i quattro container accompagnati dai documenti di spedizione che attestavano la presenza all'interno di mattonelle. Gli investigatori, col bastone che roteava davanti ai loro occhi, non hanno battuto ciglio.

«TRANQUILLO, siamo degli operai dell'Enel; stiamo facendo un controllo alla linea...». Così hanno rassicurato l'uomo che li aveva scambiati per dei nomadi in 'missione' a Pallerone per compiere dei furti. Lui, tra sfida e opportunità, ha colto la palla al balzo: «Se siete davvero dei tecnici dell'Enel, potreste darmi una controllata all'impianto elettrico di casa, ogni tanto fa cilecca...».

CHE FARE? Stare al gioco, ovviamente. I finanzieri sotto mentite spoglie hanno continuato a recitare la parte. «Ma certo... facciamo un sopralluogo». Detto, fatto, con rassicurazione di rito, al termine della verifica: «Niente di grave, ora facciamo un rapporto agli uffici centrali dell'Enel... stia tranquillo, i problemi saranno risolti». Stretta di mano e via. Nei giorni successivi i finanzieri si sono presentati a Pallerone con le tute degli operai dell'Enel e furgoncino dotato di logo dell'ente elettrico. Tanto per non destare sospetti.

E hanno proseguito il lavoro che poi, il 17 agosto, li ha portati a coronare l'investigazione con i fermi di Giordano Gargiolli, Juan Carlos Romero Pereze, Juan, Pablo Ramirez Carnival e Alessandro Bernucci; questo, giunti nel capannone con l'obiettivo di prelevare i carico di cocaina per distribuirlo sulle auto dotate di apposito doppio fondo, hanno avuto la sorpresa di trovare i finanzieri con le armi spianate. Questa volta in divisa.

di CORRADO RICCI

 
Di Fabrizio (del 26/08/2011 @ 09:04:38, in Europa, visitato 1221 volte)

La rinomata affidabilità tedesca non esce bene da questa storia: un progetto che si trascina da anni, costi che lievitano... Ogni tanto sulla stampa europea esce un articolo che ci aggiorna sull'ennesimo ritardo o lite tra i committenti. Ne scrissi a gennaio 2008 e a gennaio 2011

Il Sole - 24 Ore Il memoriale della vergogna di Giulio Busi - 21 agosto 2011

I grandi cartelloni in bianco e nero, che costeggiano i viali alberati della città, lo promettono a lettere cubitali: «Berlin verstehen», «Capire Berlino».Ormai le elezioni del prossimo 18 settembre si avvicinano, e il partito socialdemocratico del sindaco uscente, Klaus Wowereit, ha scelto un motto eloquente. Non basta conoscere Berlino. Per governarla è indispensabile comprendere le infinite contraddizioni che ribollono nel crogiuolo dei quartieri difficili, tra le vetrine di lusso di Friedrichstrasse e di Ku'damm, o nei palazzi del potere. In fatto di paradossi, la capitale della prima potenza economica d'Europa non teme confronti. Nonostante sia il cuore della virtuosa Germania, Berlino è la città più indebitata del mondo: 62 miliardi di euro è il deficit attuale, destinato a crescere ancora nei prossimi anni. In gran parte, il buco è dovuto ai costi della riunificazione, che nel luogo simbolo della frattura tra Est e Ovest sono stati molto più alti che altrove. Oneri che il resto del Paese ha volentieri scaricato sull'amata-odiata capitale. Ma la città non primeggia solo nelle classifiche della miseria pubblica. Anche la povertà dei singoli è qui tangibile. Un quinto dei berlinesi vive di sussidi pubblici, e il tasso di disoccupazione è il doppio della media tedesca.

Allo stesso tempo, le contraddizioni sono anche il segreto del successo della città, che è al terzo posto in Europa per flussi turistici, dopo Londra e Parigi e prima di Roma. Con una vitalità forse oggi ineguagliata, la città ha voluto promuovere una rete di luoghi della memoria, aggregati tangibili di pietre, marmi, lamiere e alberi, che cercano di catturare la trama dei ricordi. È appena il caso di menzionare il Memoriale dell'Olocausto, con le steli di cemento ideate da Peter Eisenman e Richard Serra, aperto nel 2005, e subito divenuto una delle principali tappe del tour berlinese. Sfruttamento commerciale della Shoah, come accusano i critici, e come dimostrano i negozietti di souvenir e i bar che si allineano lungo il perimetro dell'area-monumento. Ma anche progetto faraonico (70 milioni di euro tra valore del terreno e opere eseguite) per esorcizzare e, in qualche modo, oggettivare il passato.

Con puntigliosa precisione, Berlino ha tentato del resto di render conto anche delle persecuzioni "in margine" alla Shoah, dettate dall'incubo feroce di annullamento di ogni devianza e presunta macchia della purezza ariana. Pochi turisti si accorgono che a qualche decina di metri dal luogo dedicato all'Olocausto si trova una stele per gli omosessuali perseguitati dal Terzo Reich. Inaugurato nel 2008 alla presenza di Wowereit, omosessuale dichiarato, il manufatto di cemento ha una fessura in cui viene proiettato il filmato di un lungo bacio tra due uomini. Molto più travagliata è la vicenda del monumento ai circa 500mila sinti e Roma assassinati dai nazisti. Una storia che si trascina ormai da quasi vent'anni, e che minaccia ora di concludersi in un fragoroso insuccesso, con grave imbarazzo dell'amministrazione berlinese.

Già nel 1992 infatti, il Governo federale, in piena era Kohl, si era impegnato a commemorare il "Porajmos", l'annientamento della popolazione romaní. Fu scelto uno spiazzo vicino al Reichstag, una sorta di terzo vertice di un ideale triangolo del ricordo. Dopo lunghe diatribe tra le organizzazioni che rappresentano sinti e Roma in Germania, il lavoro è stato affidato all'artista israeliano, Dani Karavan. Per un costo di 2 milioni di euro, si sarebbe dovuto realizzare uno scuro specchio d'acqua di 12 metri di diametro, con al centro una colonna e, su questa, un fiore selvatico, da cambiarsi ogni giorno, al calare del pilastro nell'acqua. Sul manufatto si sarebbe poi dovuta incidere la poesia Auschwitz di Santino Spinelli, poeta e musicista rom italiano.

I dissidi tra Karavan e le autorità locali sono cominciati quasi subito. Prima sulla qualità dei materiali e sulla ditta esecutrice, poi, più in generale, sull'atteggiamento dei committenti, che Karavan – un ottantenne tenace e combattivo – considera ottusamente burocratico e poco consapevole dell'importanza dell'impresa. Insomma, una guerra di nervi, costellata di lettere di avvocati e culminata, qualche giorno fa, nella minaccia di Karavan di abbandonare l'opera. Del resto è stato finora costruito ben poco: solo una struttura circolare che pare già desolantemente in rovina.

Che le vicende dei monumenti berlinesi siano accompagnate da polemiche non è certo fatto nuovo. Basti pensare a quelle, violente, sull'opportunità e sul modo di realizzare il Memoriale dell'Olocausto, con l'americano Serra che ritirò il proprio nome a causa delle modifiche imposte dai politici. Ma se l'impatto mediatico e culturale della Shoah è comunque servito a proteggerne il ricordo, la sorte del monumento a sinti e Roma mostra come lo sterminio di questa etnia stenti ancora a ottenere un adeguato riconoscimento collettivo. È certo un caso che il progetto si debba arenare per una disputa tra un artista israeliano e le autorità berlinesi, ma è difficile sottrarsi all'impressione che la pratica della memoria viva, in qualche modo, all'ombra di una specificità ebraica. È stato opportuno dedicare il grande memoriale "solo" agli ebrei, e prevedere monumenti diversi per gli altri perseguitati? Non sarebbe stato più giusto un unico luogo commemorativo per tutte le vittime, come si era pensato all'inizio degli anni Novanta? Chi oggi torna a chiederselo si domanda anche se ci possa essere un'alternativa alla monumentalizzazione del passato, sia a quella efficiente e "vendibile" sia a quella velleitaria e fallita. Capire Berlino per governarla. Ma Berlino capisce veramente se stessa? E l'Europa, di cui questa metropoli a un tempo ordinata e ribelle è componente fondamentale, sa rappresentare le proprie angosce, passate e presenti?

 
Di Fabrizio (del 22/08/2011 @ 09:57:46, in Europa, visitato 2030 volte)

C'è un articolo di venerdì scorso de Il Piccolo che rapidamente ha fatto il giro del web italiano. Qualcuno mi ha segnalato anche questo, e poi Adriano Sofri su Repubblica, oppure QUA. Per mia deformazione ho dato un occhio anche alla stampa estera e, posso almeno assicurarvi che è tutto vero.

La notizia sta sollevando grande scandalo ed indignazione; un po' come quando, perdonate il paragone, si scoperchia un bidone e la spazzatura è rimasta "nascosta" lì troppo tempo. CERTO CHE SENTI LA PUZZA, DOVEVI INTERVENIRE PRIMA! Insomma, succede che della Slovacchia sappiamo mediamente poco (figuriamoci dei Rom che stanno lì), anche se è a poche ore dall'Italia, e varrebbe la visita di noi turisti. Cose da non perdere: sicuramente tante città che mantengono un'impronta centroeuropea che altrove s'è persa, boschi, montagne e poi la birra.

Quello che gli Slovacchi non vorrebbero farvi vedere sono i ghetti dove vivono buona parte dei Rom: se in Italia ci vergogniamo dell'abbandono dei campi sosta, lì ci sono insediamenti di legno, pietre e fango ai margini dei comuni più piccoli, o enormi ghetti urbani di edilizia degli anni '50-'60, che da decenni necessiterebbero di interventi di risanamento.

L'ingresso della Slovacchia nella UE, come in altri paesi dell'ex blocco sovietico, era subordinato al ripianamento della situazione di grave esclusione sociale di buona parte della minoranza rom. In realtà ha provocato il fenomeno opposto, con aumento di prezzi e taglio dei servizi sociali, che hanno portato a ricorrenti rivolte urbane e disordini nel febbraio 2004, ripetutisi nel 2006.

Quindi una minoranza rom che non si rassegna ed è anche pronta a scendere in piazza, in maniera violenta se è il caso. Diciamo che da questo punto di vista, è perfettamente parte integrante della UE; dopo la GB potrebbe succedere anche nella vicina Repubblica Ceca. In Slovacchia, accanto a situazioni di estrema marginalità e devianza, convive una presenza di intellettuali rom impegnati in politica (sempre in polemica tra loro), nei media, nel campo della musica e dello spettacolo, nell'imprenditoria e manovalanza edile. Quindi la situazione è parecchio sfaccettata.

L'altra faccia della medaglia è un razzismo anti-rom sempre più esplicito e violento, con scontri ed attentati. Specchio di questo razzismo è l'atteggiamento delle autorità, riassunto nell'articolo iniziale de Il Piccolo. ATTENZIONE PERO': un atteggiamento simile, soprattutto da parte dello stato e degli intellettuali slovacchi, non nasce dall'oggi al domani, ma è saldamente radicato nel passato. Il caso delle sterilizzazioni forzate, nasce negli anni '70, ancora al periodo della Cecoslovacchia-dopo primavera di Praga, e lo scandalo scoppiò nel 2004 nella Repubblica Ceca grazie all'ERRC. In seguito le indagini raggiunsero anche la Slovacchia. Sembra (ma le ricerche sono ancora in corso) che l'ultimo caso sia avvenuto nel 2007. Nella Mahalla potete trovare diverse notizie sugli ultimi 6 anni; ECCO PERCHE' MI STUPISCE IL VOSTRO STUPORE.

Un altro fenomeno preoccupante di razzismo istituzionale, che riguarda diversi paesi dell'Europa centro-orientale, è quello della segregazione scolastica dei bambini rom posti, senza ragione alcuna, in classi differenziali. Sarebbe un discorso molto lungo, che si potrebbe riprendere in seguito (magari prima di farvi stupire da un ennesimo articolo che troverete in rete), se nel frattempo volete informarvi leggete, prendendovi il tempo che vi necessita, QUI.

Se invece cercaste altre notizie sulla Slovacchia, QUI. Buona lettura.

PS: e se volete avere un'idea di quale possa essere il dibattito pubblico in Slovacchia a proposito di questi temi, ma avete ovvie difficoltà con la lingua locale, date una scorsa a questa fila di commenti. Dove, ma sul Giornale, naturalmente...

 
Di Fabrizio (del 18/08/2011 @ 09:56:38, in Europa, visitato 1135 volte)

Da Hungarian_Roma

The Jerusalem Post By JEREMY SHARON - 02/08/2011

Photo by: Bernadett Szabo/Reuters

Ebrei e Rom parlano di alleanza in Ungheria

Voci sempre più radicali e racconti anti semiti che diventano sempre più forti, dice il capo delle OnG; i Rom in Europa da tempo affrontano discriminazioni e persecuzioni

La gioventù rom si è incontrata [...] in un piccolo villaggio, Bánk, nell'Ungheria settentrionale, per discutere e formulare piani per una migliore cooperazione tra le due comunità in Europa.

Il progetto, chiamato Volunticipate, ha avuto luogo assieme al più vasto evento chiamato Bankito Festival, ed è stato organizzato da numerosi gruppi, incluso Marom, organizzazione culturale ebraica in Europa, la fondazione pubblica educativa informale ebraica Haver e diversi gruppi di pressione rom.

Lo stesso Bankito Festival è una stravaganza musicale e culturale organizzata da diverse OnG ebraiche e no, che si prevede attragga centinaia di persone dall'Ungheria e dall'estero.

 "In Ungheria al momento c'è un alto livello di intolleranza e mancanza di pensiero critico," dice Mircea Cernov, amministratore delegato di Haver. "Le radici di ciò affondano nella scuola e sono profondamente ancorate nella società. Quello che stiamo tentando di fare è affrontare la mancanza di dibattito su questi temi."

Dice Cernov: "Le voci radicali si sono rafforzate in Ungheria negli ultimi anni."

"Ci sono segni concreti e casi di discriminazioni contro la comunità rom e il rafforzamento della retorica antisemita."

Il programma Volunticipate, che inizia lunedì e dura sino a domenica, si focalizzerà su seminari formativi in OnG e gestione di progetti, budget, raccolta fondi e reclutamento di volontari. Lo scopo, secondo Marom, è di far condividere tra i vari gruppi rom ed ebraici le esperienze su problemi e sfide comuni che le due comunità affrontano, e per facilitare un migliore sviluppo organizzativo.

I Rom in Europa da tempo affrontano discriminazioni e persecuzioni e continuano ad affrontare discriminazioni e marginalizzazioni strutturali, secondo ternYpe International Roma Youth Network, un altro degli organizzatori di Volunticipate.

European Roma Rights Center afferma che negli ultimi tre anni, nove Rom sono stati uccisi e dozzine feriti in attacchi a sfondo razziale, attraverso sparatorie, molotov, accoltellamenti e pestaggi.

"Penso sia chiaro come in tutta Europa l'estrema destra si stia rafforzando e come i suoi discorsi e retorica siano molto popolari tra certi gruppi in Europa," dice Cernov. "Le OnG ed il settore non-profit stanno facendo un grande lavoro, ma le elite politiche egli opinion maker devono davvero sviluppare empatia verso questi temi. L'attitudine della maggioranza cambierà soltanto quando queste persone si impegneranno realmente su questi problemi."

 
Di Marylise Veillon (del 16/08/2011 @ 09:13:14, in Europa, visitato 1019 volte)

Da Roma_Francais (i link sono in francese, ndr)

Le Monde

Forum con Laurent El-Ghozi, président de la Fnasat (Fédération nationale des associations solidaires d'action avec les Tsiganes) - Mis à jour le 29.07.11 | 19h28

"PER METTERE FINE ALLA QUESTIONE ROM, BISOGNA APRIRE LORO L'ACCESSO AL MERCATO DEL LAVORO"

Eric: quali sono le differenze tra viaggianti e Rom?
Laurent El-Ghozi: si intende, con il nome Rom, il quale significa "uomo adulto" in lingua romanì, una popolazione tra i 10 e i 12 milioni di abitanti, presenti in tutti i paesi europei e uniti da un'origine storica, una cultura, una lingua e dovunque vittime di discriminazioni.
Sono gli zingari, i sinti, i gitani. In Francia non c'è una minorità etnica, ma la designazione di una categoria amministrativa: les gens du voyage (i viaggianti) definiti dal loro modo di vivere itinerante. Tutti i "viaggianti" sono francesi, la maggior parte di loro sono zingari, o rom.
Coloro che chiamiamo "viaggianti" si riconoscono, per la maggior parte di loro, sotto il termine "rom" ma sono definiti dal loro modo di vita itinerante e una categoria amministrativa. Sono tra i 400.000 e i 600.000 in Francia, e subiscono anche loro numerose discriminazioni: diritto di voto, titolo di circolazione da fare timbrare dalla polizia ogni tre mesi, difficoltà di stazionamento e di accesso agli alloggi... Sono rappresentati da diverse associazioni nazionali: UFAT, ANGVC, ASNIT. La FNASAT riunisce un centinaio di associazioni, le quali lavorano con e per i "viaggianti" su tutto il territorio francese.

Anais: come giudicate l'influenza dell'Unione Europea sulla situazione dei rom in Francia?
L.El-G: l'Unione Europea aveva deciso sei anni fa, che entravamo nel decennio degli rom, 2005-2015, avendo come priorità il miglioramento della loro situazione dovunque in Europa. Per 10-12 milioni con come priorità il miglioramento della loro situazione dovunque in Francia e in Europa per 10 a 12 milioni di rom. Sei anni dopo, in tutti i paesi Europei, compresa la Francia, la situazione si è aggravata.
Le dichiarazioni del presidente Sarkozy un anno fa, stigmatizzando i rom, "viaggianti" supposti essere delinquenti, vanno nel senso di questa stigmatizzazione in aumento. La posizione della S.ra Reding è perfettamente legittima. Punta al lato deliberatamente razzista di una politica che designa una popolazione su basi etno-razziali, reali o presunte.
Oggi, tutte le istituzioni europee e internazionali si aspettano dalla Francia e da tutti i paesi europei, un piano per migliorare la situazione di rom e "viaggianti".

Anais: secondo Lei, quindi, l'Unione Europea, per via della sua (in)attività, avrebbe dunque un'influenza piuttosto dannosa sulla sorte dei rom in Europa, e il decennio dei rom non avrebbe avuto altro effetto che quello di stigmatizzarli?
L.El-G: La politica europea, da anni, è inefficace. C'è attualmente una volontà riaffermata di migliorare la situazione dei rom in tutti i paesi europei: in Ungheria, in Romania, nel Kosovo, in Italia, in Francia. Finanziamenti sono sbloccati, ma mancano operatori di fiducia, in particolare nei paesi d'origine, e una volontà politica di questi stati.
Bisogna ricordare che, fino al 1856, i rom erano schiavi in Romania. Da qui nasce l'idea che ne ha la popolazione.

David: La disfatta di Sarkozy in 2012 sarà un sollievo per la vostra comunità? Il programma del PS è migliore?
L.El-G: Non sono rom, ma gadjo. I gadjè sono tutti coloro i quali non sono né rom, né zingari, né gitani. Sono ugualmente un eletto socialista da vent'anni. Sono convinto che un governo socialista avrà la volontà, dal 2012, di mettere fine alle misure transitorie, permettendo così ai rom rumeni di essere considerati come cittadini europei, e di accedere normalmente al mercato del lavoro. Non ci sarà quindi più la "questione rom".

Bruno: Dall'estate scorsa, il governo non parla più di rom, ma di cittadini rumeni. E' una risposta positiva alle critiche delle associazioni?
L.El-G: Certo. Ricordo di una conferenza stampa nella quale il ministro dell'interno parlava di rom mentre il questore parlava solo di rumeni. In un caso, propositi razzisti; nell'altro, semplicemente propositi xenofobi. Il fatto sta che, parlando di rumeni migranti, il governo attuale fa riferimento soltanto ai rom.

Julien: Si percepisce sempre la stessa ipocrisia, da parte degli eletti del PS, i quali insorgono davanti ai propositi del presidente, ma i quali una settimana prima inviavano delle circolari chiedendo l'evacuazione dei campi rom?
L.El.G: Da una parte, la richiesta di evacuazione dei campi dei rom migranti, risponde a degli imperativi d'igiene e di sicurezza, i quali non si possono spazzare via con un manrovescio. D'altra parte, la questione dell'immigrazione dei rom rumeni è evidentemente una questione di responsabilità nazionale, la gestione della quale però, ricade inevitabilmente sulle collettività locali, quali siano i loro colori.
Sempre più città di sinistra tentano di mettere in opera dispositivi d'accoglienza meno disumani. Questo resta come un cauterio su una gamba di legno, in quanto l'unica soluzione, è l'abolizione delle misure transitorie, le quali vietano ai rom e ai bulgari di lavorare legalmente in Francia.

Thomas: Alcuni vengono per trovare aiuto, altri sono organizzati per truffare i turisti. Quando vediamo questi ogni mattina, capisco la voglia di alcuni di cacciarli nei loro paesi. Ma quale sarebbe la soluzione migliore?
L.El.G: Le cose sono due: quando la gente viene in Francia sia per motivi economici, sia per reali persecuzioni subite nei loro paesi, e che non possono lavorare legalmente nel paese che li accoglie, da una parte sono costretti a provare a guadagnarsi da vivere come possono, per esempio vendendo giornali, mendicando, svolgendo lavoretti al nero, e d'altra parte sono come tutti i poveri indigenti, vittime di banditi che sfruttano la loro miseria.

David: Appunto, perché non hanno diritto di lavorare?
L.El.G: Le misure transitorie che la Francia ha instaurato al momento dell'ingresso della Romania e della Bulgaria nell'Unione Europea, fatte per proteggere il mercato del lavoro, vietano in realtà ogni accesso al lavoro salariato normale per i rumeni e i bulgari. Queste misure ricorrono fino a fine 2011.
Il governo ha già annunciato che le avrebbe prolungate fino a fine 2013, data limite. In realtà, ci sono 15.000 rom migranti in Francia, ovvero da tremila a quattromila persone suscettibili di cercare un impiego. Sono 20 anni che tutti i rom che hanno avuto un titolo di lavoro, permettendo loro di lavorare legalmente, hanno trovato lavoro, pagano le tasse, si sono accasati, hanno scolarizzato i loro figli e non sono più un peso per la Francia.
Bisogna aggiungere che sono considerati come delinquenti dalla polizia, tutti i rom che non si trovano più in situazione regolare sul territorio.

Thomas: In Francia, è loro vietato lavorare normalmente?
L.El.G: Le misure transitorie, rimaste attive soltanto in dieci paesi europei, impongono per avere un permesso di soggiorno, di ottenere un contratto di lavoro. Questo è sottomesso a tre condizioni: rientrare nel quadro dei mestieri cosiddetti "sotto tensione", per i quali si manca di manodopera; trovare un datore di lavoro disposto a pagare tasse tra i 800 e i 1600 euro; ottenere l'accordo della direzione del lavoro, il che richiede tra i due e i sei mesi di tempo.
E' quindi alquanto eccezionale trovare un datore di lavoro che sia disposto ad accettare queste condizioni, al di fuori dei datori di lavoro militanti o facenti parte di associazioni.

Voisine: cosa permetterebbe l'eliminazione delle misure transitorie? Anche perché altri migranti anno delle condizioni di accesso ancora più dure, e trovano ugualmente lavoro. Per esempio i migranti dell'Africa sub-sahariana. Possono esserci altri motivi che spiegano le difficoltà di accesso al lavoro, come per esempio una mancanza di reti?
L.El.G: Da una parte, rom rumeni e bulgari sono europei e beneficiano del diritto di libera circolazione e di libera installazione, garantiti dalle convenzioni europee. Dovrebbero quindi potere, come i polacchi, gli spagnoli o gli inglesi, accedere al mercato del lavoro e vivere decentemente.
Effettivamente, hanno poche reti a disposizione, sono poco numerosi e soprattutto soffrono di un rigetto da parte dei loro concittadini non rom. Del resto, anche i migranti africani, vivono in condizioni altrettanto pietose, e lavorano al nero, senza copertura sanitaria, e senza alcun diritto sociale.

Pierre: Dite che queste misure transitorie sono applicate in dieci paesi. Com'è la situazione dei rom negli altri paesi?
L.El.G: Prendiamo ad esempio la Spagna, la quale ha tolto le misure transitorie l'anno scorso, e non ha registrato nessun flusso massivo di rumeni o bulgari. I rom rumeni presenti in Spagna, molto più numerosi che in Francia, trovano lavoro altrettanto difficilmente come gli altri migranti europei, ma non di più. Non c'è quindi nessuna questione specifica rom, ma è il divieto fatto loro, ancora una volta, di guadagnarsi da vivere legalmente.

Voisine: La Spagna, la quale vuole ora ristabilire le misure transitorie...
L.El.G: Non per quanto mi risulta, ma tutto è possibile. Sarebbe spiacevole e contrario alle raccomandazioni europee.

David: Vi è un "interesse" per lo stato francese, nel mantenerli nella marginalità?
L.El.G: Le misure transitorie permettono di avere una popolazione di alcune migliaia di persone, capri espiatori ideali, per focalizzare le paure, l'odio, e giustificare leggi sempre più securitarie. Così la "Loppsi 2" inizialmente fatta per lottare contro le installazioni illecite dei rom, autorizza oggi i prefetti ad espellere senza misure giudiziarie, tutte le occupazioni, comprese quelle su terreni privati o municipali.
La creazione, tramite le misure transitorie, di questo gruppo di capri espiatori, giustifica i discorsi xenofobi e razzisti e libera questa parola da parte della destra dell'UMP. La sua funzione politica è quindi evidente.

David: I rom hanno ancora voglia di venire in Francia, nonostante questi discorsi xenofobi e le misure adottate dalle forze dell'ordine?
L.El.G: Il fatto è che l'immigrazione dei rom rumeni prosegue allo stesso ritmo, malgrado le espulsioni – più di diecimila nel 2010 – e le condizioni di vita riservate loro. Come dicono: "c'è più da mangiare nella vostra spazzatura che da noi".
Ciò non toglie che il numero di rom rumeni presenti sul territorio, è stazionario intorno ai quindicimila, da diversi anni.

Thomas: Ma cosa fare? Ogni giorno al Palazzo Reale a Parigi, ci sono decine di minori di 16 anni. Non è vero che per i rom esiste una cultura della mendicità?
L.El.G: Esiste una cultura della povertà e quando si è poveri, tutti i mezzi sono buoni, soprattutto quando vi si vieta di lavorare normalmente. In Romania, i rom non chiedono l'elemosina e non vivono né in roulotte né in campi nomadi. Eppure sono molto discriminati, in particolare nell'ambito del mercato del lavoro.

Pierre: I veri responsabili della situazione difficile dei rom in Europa non sono quindi i governanti romeni, ai quali incombe a priori di accettare ed integrare questa fascia della sua popolazione? Perché l'UE, la quale versa importanti aiuti per lo sviluppo alla Romania, non impone ai dirigenti rumeni di fare uno sforzo?
L.El.G: Certo, la responsabilità della Romania è intera. Ma è un paese ancora disorganizzato, povero, con molteplici priorità, che considera – a torto per quanto mi riguarda – come superiori alla situazione dei rom. Costoro sono circa due milioni in Romania. Perciò la Francia, quinta potenza economica mondiale, dovrebbe potere accogliere quindicimila rom originari di Romania senza difficoltà, se vuole farlo. Non è altro quindi, ancora una volta, che una questione politica.

David: Cosa pensate del rapporto sanitario drammatico, pubblicato questa settimana da Médecins du monde?
L.El.G: Dal 1993, Médecins du monde, grazie alla sua missione "Banlieue", tenta di facilitare l'accesso alle cure per i rom migranti. La situazione descritta oggi mostra un aggravio in confronto agli anni precedenti, legato in particolare alla moltiplicazione degli sgomberi di campi.
Impossibile infatti assicurare la continuità delle cure, della prevenzione, della vaccinazione, quando le persone vengono spostate ogni tre o sei settimane.
Questo ha ugualmente conseguenze negative per l'insieme della popolazione presente sul territorio.

Pierre: Il modo di vita itinerante non è un freno all'accesso a un'attività professionale stabile?
L.El.G: I rom della Romania non sono nomadi. Non vivono in roulotte, ma in case da decenni. Se si sono installati in roulotte marce in Francia, in mancanza di un altro riparo. Non c'è quindi nessun motivo di considerare che il fatto di essere rom, implichi una qualsiasi difficoltà per accedere a un impiego stabile.

David: Gli avvenimenti di Nimes tra comunità gitane e del Magreb (violenze, vendette) non favoriscono i "cliché" riguardo agli zingari, perfino sedentari. Come lottate contro questo?
L.El.G: Gli avvenimenti di Nimes non hanno nulla da vedere con i rom, ma riguardano gitani francesi. Che ci siano frizioni tra le diverse comunità non concerne soltanto i gitani, ma anche degli africani, dei magrebini... Quindi non credo che bisogna fare di questa storia una generalità.
La questione della pessima immagine dei gitani è essenzialmente legata ad una cultura del diverso, e in particolare in periodo di crisi, tutto ciò che è diverso viene facilmente rigettato.

Pierre: Siete a favore dell'occupazione illegale dei terreni da parte dei rom, o per delle proposte di alloggi legali alternativi? Cosa proponete?
L.El.G: E' evidente che i rom, come tutti i cittadini europei, devono potere accedere al mercato del lavoro da una parte, e a quello dell'alloggio da un'altra, senza particolari discriminazioni.
L'occupazione illegale di terreni, che sia autorizzata o meno dai comuni, è evidentemente un peggioramento indegno.

Voisine: I francesi vi sembrano maggiormente informati sulla situazione dei rom?
L.El.G: L'unico effetto positivo del discorso di Grenoble, è stato una mobilizzazione di un numero importante di cittadini militanti, collettivi di sostegno, associazioni dei diritti dell'uomo o antirazziste. A livello francese come a livello europeo.
Il fatto che oggi ancora, un forum de le Monde.fr obbliga a rispondere a delle domande delle quali le risposte sono state date da circa un anno, mostra che il lavoro sulle rappresentazioni negative e le discriminazioni non è mai concluso. Informazione: il primo ottobre 2011 avrà luogo in un certo numero di capitali europee, la prima "Roma Pride", manifestazione della fierezza del popolo rom.

Amaury: I re autoproclamati dei rom hanno fatto qualcosa per la loro comunità?
L.El.G: I re autoproclamati sono dei capi di comunità più o meno estese, ma non rappresentano molto agli occhi dei rom stessi, e soprattutto nei confronti delle istituzioni.
Altri responsabili rom s'impongono progressivamente nelle istituzioni nazionali ed europee, in particolare il Forum Europeo dei Rom, il quale riunisce da un anno i rappresentanti rom di tutti i paesi europei, e tenta di fare peso sulle politiche europee.

Chat moderata da Eric Nunès

 
Di Fabrizio (del 20/07/2011 @ 09:04:34, in Europa, visitato 996 volte)

Da Bulgarian_Roma (i link sono in inglese, ndr)

East of Center - BY BARBARA FRYE - JULY 11TH, 2011

11/07/2011 - Un amico mi ha appena inviato una dichiarazione riguardo ad una recente visita in Bulgaria di una funzionaria ONU, per vedere cosa sta facendo Sofia per migliorare il miserabile destino dei Rom nel paese. Persino le persone che hanno molto a cuore questo problema, potrebbero essere perdonate per non essere tentate di leggerla. Dopo tutto, quante volte sentiamo di un'altra condanna di un paese est-europeo da parte di un osservatorio dei diritti umani, per aver lasciato languire nella miseria e nell'ignoranza una parte della sua popolazione - ed ancora mantenere l'illusione che forse quel governo si impegnerà?

Ma questa versione è particolare. Potete sentire Gay McDougall, esperta ONU su questioni delle minoranze, stracciare i confini del linguaggio diplomatico, mentre cerca di esprimere disgusto e frustrazione dopo una settimana in Bulgaria.

Sofia potrebbe dire le cose giuste, ma lo fa poco, dice essenzialmente McDougall. "In gran parte molte politiche sembrano rimanere solo promesse retoriche rivolte ad un pubblico esterno - impegni ufficiali non soddisfatti nella pratica. ... Le discussioni con le agenzie responsabili, come il Ministero dell'Istruzione e quello del Lavoro e delle Politiche Sociali, hanno rivelato un impegno superficiale con scarse programmazione, controllo e valutazione," dice l'esperta indipendente.

Il governo troppo spesso lascia a qualcun altro il lavoro pesante:

"Le iniziative che sono state intraprese per trasportare giornalmente i bambini a frequentare le scuole miste fuori dai ghetti rom, fornendo pasti e servizi di supporto agli studenti, sono state in gran parte realizzate da un piccolo numero di OnG rom con scarse risorse, la parte del leone di questi finanziamenti viene da fonti internazionali, accompagnati da una piccola percentuale di contributi governativi. Queste OnG sopportano gran parte del carico di attuare le politiche di desegregazione che il governo approva ma non riesce a mettere in pratica."

Anche i funzionari locali che McDougall loda per aver tentato di migliorare il destino dei Rom e di altre minoranze, sono spesso ostacolati da mancanza di fondi o di supporto da parte di Sofia.

Dovrebbe essere irrilevante, lo so, ma Gay McDougall è una donna di colore degli Stati Uniti. Secondo la sua biografia su Wikipedia, è nata nel 1947 ad Atlanta e "fu scelta per essere la prima studentessa nera ad essere integrata nell'Agnes Scott College di Decatur, Georgia."

C'è qualcosa di sorprendente per come lei descrive i giorni più bui nel Sud di Jim Crow in un'intervista del 2008, apparsa sul sito web della facoltà di legge dell'università della Virginia:

"Abbiamo creduto allora che la nostra situazione fosse unicamente tragica," scrive McDougall. "Spesso guardavamo alla comunità internazionale con la speranza che in qualche modo il mondo al di là di questo paese operasse con regole diverse. Avevamo torto e ragione nel contempo."

Non è passato così tanto tempo da quando la gente nel paese natale di McDougall (e nel mio) si sentiva libera di fare le sue osservazioni sui neri americani, che oggi si fanno sui Rom: che sono criminali, non puliti, non interessati nell'istruzione, più adatti a lavori o traffici di fatica, ecc.

Riguardo il suo viaggio in Bulgaria, si legge nella dichiarazione: "L'esperta indipendente è profondamente preoccupata per i commenti, per esempio, di alcuni funzionari di alto livello, che indicano chiaramente il loro punto di vista sulle comunità rom come elementi prevalentemente criminali nella società bulgara."

Ho raccolto confidenze di molte persone bianche dell'Europa dell'Est, che si sentivano libere di condividere con me la brutta "verità" sui Rom (e probabilmente si sentiranno in dovere di rispondere a questo post). Ma mi succedeva anche negli USA. Sono bianca, così si suppone che debba essere d'accordo. McDougall non è bianca, ma non è una Romnì, quindi forse riguardo ai "funzionari di alto livello" si riferisce alla Bulgaria. Ma a chi si pensa che stia parlando? Che dire della "gente" di questa donna soltanto 50 anni fa? Lei è una lezione di storia che vive e respira loro in faccia, se riuscissero a vederla per tempo.

 
Di Fabrizio (del 18/07/2011 @ 09:25:35, in Europa, visitato 983 volte)

Da Hungarian_Roma

Romagazine.eu di Beatris Joó - 9 luglio 2011

"Non uso il concetto della cosiddetta integrazione rom. Lo trovo compulsivo. Non hanno bisogno di essere integrati... quello che dobbiamo ottenere è che la società rom e quella ungherese lavorino e vivano assieme" - dice Vilmos Kozáry, fondatore del Romaster Program, che opera dal 2007, e sostiene che la soluzione del problema risiede nel sostenere all'interno la formazione accademica rom.

Che idee ha lanciato il programma e come è stato impostato il corso?

Il programma Romaster è fondamentalmente una mia idea. Ho registrato il nome e l'ho dato al Forum Leader d'Affari Ungheresi (HBLF), un'istituzione che ha operato in Ungheria negli ultimi venti anni, principalmente si occupano di responsabilità sociale. I suoi membri, incluso un centinaio di compagnie e imprese ungheresi e straniere, ritengono che una buona resa economica non sia sufficiente di per sé. Il loro legame con la società dovrebbe caratterizzarle quanto il profitto che producono. Questa responsabilità appare anche nella loro appartenenza, perciò vengono supportati diversi tipi di programmi collegati a donne e genere, ambiente, volontariato e pari opportunità. L'ultimo gruppo di lavoro citato è guidato da me, dove viene enfatizzato il collegamento tra Rom e resto della società. Il nostro scopo è che i Rom siano riconosciuti in generale, o almeno i nostri membri, componenti importanti della società ungherese - che diviene evidente solo quando vengono offerte più opportunità ai lavoratori rom.

Il programma nasce con lo scopo di aiutare altri giovani Rom ad entrare nel mondo del lavoro. Chi sostenete in primo luogo?

Sosteniamo giovani Rom svantaggiati dai 14 anni sino al diploma, che vadano bene a scuola, abbiano buone capacità linguistiche e tendono a proseguire gli studi in economia, ingegneria, legge o scienze mediche. Lo scopo della formazione è massimizzare le loro opportunità di impiego immediato. Dopo tutto, chi li appoggia li adopererà per fornire opportunità d'impiego alla propria compagnia. Per esempio, la banca Raiffeisen supporta gli studenti della facoltà di economia.

Da dove vengono i fondi?

I 20.000 fiorini della borsa di studio che forniamo loro mensilmente vengono dalla compagnia d'appoggio. Il programma non fruisce di sovvenzioni statali. HBLF funge da coordinatore. L'anno scorso è stata istituita una fondazione, attraverso cui avvengono i trasferimenti. I ragazzi ricevono la somma totale, i costi amministrativi sono coperti da HBLF.

20.000 fiorini al mese non risolveranno tutti i problemi, ma se vengono spesi secondo i bisogni degli studenti, l'aiuto dato vale ogni centesimo. Possono iscriversi a corsi di lingua, viaggiare all'estero, comprare libri, ecc.

Ci sono altre compagnie che forniscono ulteriori sostegni in natura. Tuttavia, forse l'aiuto più grande proviene dai mentori.

Che ruolo ha un mentore?

I nostri mentori sono a disposizione degli studenti 24 h. al giorno, 7 giorni su 7, e forniscono aiuto per qualsiasi tipo di problema. Visitano l'azienda data su base regolare, garantiscono stage estivi e supervisionano lo sviluppo degli studenti. Essendo sempre accessibili, i mentori servono come un collegamento costante.

Il programma è popolare?

E' difficile ottenere l'appoggio delle compagnie e dei loro leader. Anche se non si richiede loro molti sforzi per supportare un ragazzi, questi ultimi possono (probabilmente) non raggiungere il profitto atteso. Il finanziamento annuale di un alunno costa 1.000 euro all'anno, una somma trascurabile. Le spese per i mentori sono significativamente più alte, ma difficili da definire in termine di tempo e denaro.

Attualmente sono supportati 50 studenti, 2 dei quali si sono recentemente diplomati ed hanno già un lavoro. Non è facile attrarre costantemente attenzione, dato che in Ungheria non abbiamo ancora un programma simile. Speriamo che i giovani rom coinvolti diventino ambasciatori di questo programma. L'unica possibilità per l'avanzamento sociale è l'istruzione, perché apre le porte. Con l'aiuto di psicologi, puntiamo a prepararli anche al loro ritorno, dato che il loro ambiente spesso tende a trattarli come estranei o alieni.

Perché il ritorno è così difficile?

L'ambiente da cui provengono non valorizza il lavoro e l'istruzione. Di chi sia la responsabilità, individuale o della società, è una questione complessa. Credo che da entrambe le parti bisogni iniziare ad avvicinarsi.

Cerchiamo anche di aiutarli anche con il coinvolgimento di esperti; per loro è assolutamente essenziale preservare la loro identità, nonostante il cambio di ambiente. Tuttavia, rimane la questione: come si comporteranno nella vita di ogni giorno dopo la fase di supporto, è qualcosa a cui solo loro potranno rispondere.

I ragazzi che sostenete, sono in contatto l'un l'altro?

C'è un elemento all'interno del programma, chiamato Romaster Alumni, che è una comunità sociale per chi si laurea nella medesima istituzione. Fornisce loro la possibilità di rimanere in contatto, condividere esperienze ed incoraggiarsi l'un l'altro, ed in quanto tale, gioca un ruolo importante nella loro vita.

Le persone coinvolte quali prospettive hanno in programma?

Se qualcuno è incline a credere che questo lo toglierà dalla povertà, ho paura che si sbagli. Noi cerchiamo di dare una visione realistica. Ciò che offriamo è un piccolo sostegno finanziario, mentoraggio, relazioni e migliori possibilità di impiego. Tutto ciò può contribuire al beneficio degli studenti se sono capaci e vogliono impegnarsi tramite duro lavoro e sforzi. Così potrebbe funzionare per arrivare alle compagnie se i loro sforzi si rivelassero nonostante tutto insufficienti. Diamo loro l'opportunità di orientarsi più facilmente nel mondo del lavoro. Motivandoli a studiare e lavorare, qui è il fattore chiave. (Lo so) C'è una grande quantità di idealismo alla base del concetto, ma senza questo non nascerebbe niente.

Alla luce di quanto detto, possiamo considerare di successo questo programma?

Anche se il programma è stato lanciato non molto tempo fa,  i risultati sinora ottenuti son estremamente positivi. Nel bilancio includiamo tanto le risposte dei Rom che pubbliche, ed in entrambe i casi, l'accettabilità è piuttosto alta. E' un regalo ed un'opportunità perché i giovani rom migliorino ulteriormente le loro motivazioni. Naturalmente sono costantemente monitorati e posti di fronte a (certe) esigenze didattiche, ma le regole non sono così rigorose. Quanti sono coinvolti nel programma, apprezzano molto di far parte della comunità.

Anche le compagnie coinvolte hanno grandi benefici. Si verificano cambiamenti significativi di prospettiva, soprattutto quando vengono supportati ragazzi rom. Possono esserci molti discorsi sociali e conferenze per affrontare il problema, ma la reale comprensione avviene solo quando si agisce assieme.

Secondo me gli intellettuali rom sono un media che (potenzialmente) hanno un'influenza dominante sulla loro società. Credo che la soluzione chiave sia che la società rom guadagni conoscenza nella cultura maggioritario, abbracciandosi l'un l'altra. Non uso il concetto della cosiddetta "integrazione rom". Lo trovo compulsivo. Non hanno bisogno di essere integrati, non è questa la soluzione. Ciò che si deve ottenere è che le società rom e ungherese lavorino e vivano assieme. I processi di alienazione, il declino del ruolo della famiglia, la perdita del senso di amicizia, non possono essere percepiti all'interno delle comunità rom. Difatti, ci sono molti controesempi: sono famiglia-centrici, ricchi di emozioni, innamorati della musica. Loro trasmettono anche questi valori, che vale la pena di adottare. Quindi, di nuovo, adattarsi a noi in tutte le aree della vita ed aspettare che abbandonino i loro costumi non è la soluzione.

Il programma Romaster è stato mutualmente lanciato dal Forum Leader d'Affari Ungheresi (HBLF) e da IBM Ungheria a febbraio 2007. Intende aumentare la comunità di quanti nella società rom posseggono adeguate competenze linguistiche e titoli di studio.

Il programma è gestito dalla fondazione Romaster in conformità alle compagnie di sostegno. Il supporto è costituito da tre pilastri: finanziamenti aziendali, tutor nominati dalle aziende e stage.

 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


22/02/2020 @ 20:47:45
script eseguito in 63 ms

 

Immagine
 Dale Farm: The Big Weekend... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2345 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< febbraio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
04/02/2020 @ 07:35:06
Di ANNA
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
27/01/2020 @ 16:13:20
Di Monica
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source