Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Conoscere non significa limitarsi ad accennare ai Rom e ai Sinti quando c'è di mezzo una disgrazia, ma accompagnarvi passo-passo alla scoperta della nostra cultura secolare. Senza nessuna indulgenza.

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 08/10/2009 @ 09:04:53, in Italia, visitato 1467 volte)

Martedì 6 settembre nel campo di via Bonfadini a Milano c'è stato uno sgombero parziale, raccontato nel Comunicato dell'Opera Nomadi. Quello che segue è il racconto dello sgombero, visto da Veronica, che dentro quel campo ci abita.

Si sono presentati alle 4 di mattina, bloccando tutte le strade che portano al campo. Erano più di 200 tra carabinieri, vigili e caschi blu, che dovevano solo sfrattare 19 abusivi e non Totò Riina. Hanno vietato l'ingresso ai giornalisti e ad altri testimoni esterni (ho provato lo stesso ad avvertirli). Hanno iniziato con offese verso gli zingari, questi hanno risposto con lanci di viti e bulloni, e così carabinieri e caschi blu si sono schierati, hanno iniziato il loro richiamo "oh oh oh oh", così hanno iniziato a tirare calci manganellate verso donne e uomini. Visto che in mezzo c'erano dei bambini, il capo dei caschi blu ha ordinato di non muovere più un dito, addirittura un minore il figlio di uno sfrattato si è preso due schiaffi da uno di loro, vi sembra giusto? Vi scrivo, grazie a tutti per l'attenzione, perché questa storia la voglio far sapere a tutto il mondo. Adesso sono rimaste tutte le macerie e tutto il degrado, visto che sono andati via senza neanche ripulire!!!! Cosi i bambini riescono a farsi molto male, tanto che gli frega, mica sono figli loro. Non ho mai visto niente del genere in vita mia!!!!!!!!!!!!

Alcuni bimbi ora vivono con la paura che riaccada visto che già hanno detto che lunedì prossimo torneranno per sfrattare altre 3 famiglie.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/10/2009 @ 09:34:13, in Italia, visitato 2746 volte)

Chi mi conosce, sa che il campo sosta di via Idro a Milano è quello che ho frequentato da giovane, e dove ho imparato i primi rudimenti sui Rom. Spesso il blog mi porta lontano, ma poi ci torno sempre con qualche articolo... L'occasione in questo caso è ghiotta: un quartiere che difende i propri rom.

Dallo scorso maggio sono apparse sulla stampa nazionale numerosi articoli (vedi rassegna stampa) sull'intenzione del comune di Milano di impiegare i fondi europei stanziati per i Rom, utilizzandoli per la progressiva chiusura di tutti i campi sosta comunali.

In particolare il campo di via Idro 62, che ospita da 20 anni una comunità di Rom Harvati (abitanti da più di 40 anni nella zona), vedrebbe lo spostamento dei Rom presenti, per farlo diventare un campo di transito per altre comunità rom sgomberati dagli altri campi (provvisori o regolari) a Milano.

Mercoledì 7 ottobre si è tenuta a Villa Pallavicini una conferenza stampa indetta dal comitato Vivere in Zona 2, dove si è affrontato anche questo tema.

Il comitato Vivere in Zona 2 e la comunità dei Rom residenti in via Idro, concordemente respingono il piano del comune di Milano.

La loro comune posizione è che:

Nel campo comunale di via Idro vivono cittadini italiani che hanno diritto di uscire dalla loro situazione di provvisorietà che dura da quasi mezzo secolo. Il trasferimento di questa comunità per far posto ad altri Rom, non risolverebbe né i problemi degli uni né quelli degli altri. Anzi, senza paura di essere razzisti, il punto POLITICO  è che non ci può essere una reale volontà di risolvere i problemi dei Rom arrivati in Italia negli ultimi decenni, quando colpevolmente non si affronta la questione dei Rom italiani e della loro emarginazione secolare.

I Rom tuttora residenti in via Idro hanno diritto, dopo anni di abbandono, ad una sistemazione stabile e dignitosa, ovvero:

  • possibilità di accesso alle case popolari per chi ne faccia richiesta;
  • oppure: la disposizione di un terreno dove potersi stabilire DEFINITIVAMENTE con la propria famiglia ed il proprio nucleo allargato;
  • oppure: venga riconosciuta definitivamente la loro residenza nel campo di via Idro, che deve ospitare le famiglie in condizioni salubri e civili, in strutture fisse e non provvisorie.

Ai Rom vengano quindi offerte le possibilità di essere cittadini a pieno titolo, nel rispetto delle loro tradizioni e culture, senza dover continuamente pagare lo scotto di una sistemazione provvisoria da cui possono essere sfrattati in ogni momento,in balia di emergenze che non sono provocate da loro.

Per questo, il comitato Vivere in Zona 2 e la comunità dei Rom residenti in via Idro, pur riconoscendo l'esigenza di un testo che regoli la permanenza in un campo sosta, respingono quanto proposto dai cosiddetti PATTI DI LEGALITA', in particolare quello che renderebbe un campo sosta del tutto simile ad un carcere all'aperto.

Per finire, si ricorda che la comunità Rom di via Idro, vive in un'area verde a forte rischio di speculazione edilizia. Molti componenti della comunità , che nel tempo si sono anche organizzati con una propria cooperativa, sono qualificati professionalmente come operatori del verde, altri potrebbero riconvertire le loro capacità di allevatori di cavalli per attrezzare un maneggio. Sono tutte attività che valorizzerebbero per tutta la zona l'area in cui vivono

Rassegna stampa da maggio a settembre 2009:

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 09/10/2009 @ 09:53:13, in blog, visitato 1321 volte)

Rom e Sinti, «Conoscersi ed eliminare le paure»
Il mondo dei Rom e dei Sinti va prima conosciuto, poi capito e infine integrato. Circa 40 persone, rappresentanti di associazioni sinte e rom, si sono date appuntamento in via Turra, il 17 sette...

Medole (MN), la retorica della sicurezza tra discriminazioni e violazioni dei diritti
Questa sera siete invitati all’incontro / dibattito dal titolo “La retorica della sicurezza tra discriminazioni e violazioni dei diritti. Testimonianze delle comunità sinte e rom”. L’incontro si terrà a Medole, presso la Torre Civica in Piazza Castello. Interverranno Yuri Del Bar e Carlo Berini dell’...

Non siamo "nomadi"!
Ancora oggi in Italia le minoranze storiche linguistiche sinte e rom sono oggetto di discriminazione, a partire dal negare a noi Sinti e Rom il diritto di autodefinirci. “Nomadi” è il termine utilizzato strumentalmente da alcuni politici per “risolvere” i problemi, soprattutto abitativi, vissuti dai S...

Schio (VI), un documento con 90 firme per due anziane sinte
Un elenco di novanta firme a supporto del dossier "Levacovigh/Caris". Il caso di Adriana Levacovigh e Nicoletta Caris, le due donne della comunità sinta che sostano da qualche settimana nel sagrato del convento dei Cappuccini dove hanno ottenuto un anno fa resi...

Ue: le popolazioni sinte e rom sono discriminate
Le popolazioni sinte e rom sono discriminate ovunque, in particolare però nei Paesi dell’Europa centrale. Questo è in estrema sintesi, il quadro illustrato il 28 settembre a Bruxelles, dal commissario Ue per gli Affari sociali, l’ambiente e le pari opportunità, il ceco Vladimi...

Roma, per i Rom è iniziato il quarto censimento in un anno
In giugno avevamo dato notizie del terzo censimento che lo Stato italiano stava effettuando a Roma nei cosiddetti “campi nomadi” e ci chiedevamo quando ci sarebbe stato il prossimo. Oggi abbiamo la notizia. Da alcuni giorni è iniziato il quarto cens...

Pringiarasmi, un corso di formazione che diventa laboratorio di idee
Premessa. Nel 2008 l’Istituto di Cultura Sinta è stato contattato dal Comune di Cremona, settore Politiche Educative, per organizzare un corso di formazione sulle minoranze sinte e rom, in rapporto alla scuola. Il corso doveva essere rivolto agli insegnanti della scuola materna ed element...

Roma, ultime dal Cie di Ponte Galeria
Davanti al Centro di identificazione ed espulsione [Cie] di Ponte Galeria, nella periferia di Roma, c’è un via-vai di veicoli: polizia, carabinieri, Croce rossa. Esce un uomo, indossa jeans e maglione arancione, ha in mano una busta di carta. Non sa come far...

Romania, indipendenza per la terra dei Siculi?
Con l'avvicinarsi delle elezioni presidenziali in Romania del 22 novembre, i leader della comunità magiara della Transilvania tornano a rivendicare l'autonomia della Terra dei siculi. Ma nella regione la qu...

Il film Barbarossa e le contraddizioni leghiste
Personaggi di ieri in scena al cospetto di personaggi di oggi, al Castello Sforzesco di Milano in anteprima mondiale. Quasi mille anni di storia dividono imperatori, condottieri, sindaci e politici. Si rivive lo spiri...

Il Premio Riviera delle Palme a Milena Magnani per il romanzo “Il circo capovolto”
Milena Magnani e Gherardo Colombo hanno vinto la 26a edizione del “Premio Riviera delle Palme” per la narrativa e la saggistica e hanno incontrato la città sabato 26 settembre scorso presso l'auditorium comunale...

La Lega ha un progetto, il Pdl no
Tutti i commentatori concordano nel ritenere che le disavventure che negli ultimi sei mesi hanno coinvolto Berlusconi, indebolendolo oggettivamente, hanno consentito a Bossi di acquisire ulteriore potere di indirizzo all’interno della compagine governativa. E conseguentemente di alzare i toni e il livello delle richiest...

Il Presidente della Repubblica riceve i promotori della Campagna contro il razzismo “Non aver paura, apriti agli altri, apri ai diritti”
Giovedì 8 ottobre il Presidente Napolitano riceverà i promotori della Campagna contro il razzismo, l’indifferenza e la paura dell’altro promossa da 27 organizzazioni, laiche e religiose, che operano quotidianamente per la difesa dei diritti umani. Si tratta di soggetti anche molto diversi tra loro, che per la prima volta hann...

Minoranze linguistiche, al via il 3° Rapporto Nazionale sull'attuazione degli strumenti di protezione
Trasmesso al Consiglio d’Europa il terzo Rapporto Nazionale sull’attuazione della Convenzione quadro per la protezione delle minoranze nazionali curato dalla direzione centrale per i Diritti Civili la Cittadinanza e le Minoranze del dipartimento per le Libertà civili e l’Immigrazione...

Arte a Milano, "Siamo tutti Rom": quando i Diritti Umani fanno scandalo
Meno di un anno fa, il 18 novembre 2008, l'artista sociale Alfred Breitman e il Gruppo Watching The Sky realizzavano una performance antirazzista a Milano, mentre in diversi quartieri della città le autorità, in preda a una vera e propria furia xenofoba, attuavano sgombe...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/10/2009 @ 09:43:27, in Italia, visitato 1330 volte)

Segnalazione di Roberto Malini

Dal blog del Circolo Pasolini di Pavia

Oggi, 8 ottobre 2009, Telepaviaweb manda in onda il secondo servizio dedicato all’intervista a Claudio Stan (qui). Claudio Stan vive tra Pavia e il circondario dal 2003. E’ romeno di origine Rom, in parte i visitatori del blog conoscono la sua storia. Ha nella personale quotidianità sperimentato tutte le varianti dell'avversione legale, istituzionale e antropologica racchiuse nel termine "antiromanismo". Ciò non esclude un carattere particolare, irascibile e ribelle che Claudio Stan indubbiamente possiede. Lo ritengo però uno degli individui più sfortunati della terra. Nato nella più povera delle terre (Slatina) tra le terre d’Europa (la Romania di Ceausescu), senza istruzione, educazione e alfabetizzazione degna di questo nome; una di quelle vite chiamate proprio dalla vita ad arrabattarsi fin da bambini. Quel tipo di vita che porta con una naturalezza che sgomenta a sperimentare il carcere, i giacigli di fortuna, la carità compassionevole e quella di facciata, l’elemosina davanti ai supermercati e nei parcheggi, i pestaggi che riducono su di una sedia a rotelle. Avrebbe potuto diventare un delinquente coi baffi; disposto a tutto poiché nulla ha da perdere. Ma non lo è diventato e i reati che gli sono stati contestati, e in parte ammessi, sono un piccolo furto e un materasso bruciato dalla rabbia in carcere. Ora ha un decreto di allontanamento (molto diverso da un decreto di espulsione) emesso da una autorità di pubblica sicurezza italiana. Nel fine settimana scorso, è stato fermato a Casalpusterlengo dove faceva la questua. Le forze dell’ordine, durante il controllo, hanno saputo del decreto di allontanamento. Lo hanno quindi accompagnato all’aereoporto di Malpensa. Ma la carrozzina era rotta (davanti al Comune di Casalpusterlengo – mentre "occupava suolo pubblico" - chiedeva aiuto per farsela aggiustare), e l’aereo lo avrebbe portato solo fino a Bucarest che dista da Slatina, suo luogo natale, 300 chilometri che, con una carrozzina rotta, non poteva percorrere. Molto umanamente e rispettando le direttive europee che impongono un trattamento umanitario per persone in stato di handicap fisico o di disagio e quelle che hanno intimato più volte all'Italia di non comportarsi in modo discriminatorio nei confronti dei Rom, è stato accompagnato a Pavia dove c’era un cittadino che si era offerto di ospitarlo. Tanto di cappello quindi ai funzionari della Questura di Lodi, e al Questore che ha agito secondo le leggi vigenti e secondo le priorità contingenti previste in questi casi. Ma non poteva andare bene a coloro che hanno fatto di persone come Claudio Stan un capro espiatorio e una valvola di sfogo per le proprie fissazioni etnocentriche. Il Sindaco di Casalpusterlengo, non pago che Claudio Stan fosse stato comunque allontanato dal suo Comune, ha avvertito il vicesindaco di Pavia che un pericolosissimo delinquente si sarebbe aggirato in paraggi sotto la sua giurisdizione. Il vicesindaco, invece di informarsi su dove fosse Claudio Stan e alzare il telefono per ringraziare il cittadino pavese che lo ha ospitato, chiama un giornale per dichiarare furibondo: "Pavia non lo vuole", chiamando a sostegno anche un assessore provinciale del suo stesso partito, entrambi andando al di là delle rispettive funzioni di rappresentanza e del ruolo. Ne abbiamo ormai di esperienza, quanto basta per sostenere, con indicibile chiarezza, che l’immagine dell’Italia in Europa – così compromessa sui temi dell'accoglienza - sarà salvata e protetta da quelle poche persone che avranno saputo valutare con le giuste proporzioni e risposto in cuor loro ad un imperativo categorico di ordine morale accompagnato dal rispetto della legalità, e non avranno avuto vergogna o timore di farlo. E noi informeremo il Consiglio d’Europa su quanto è accaduto tra Lodi e Pavia in un fine settimana di inizio autunno.

di Irene Campari

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/10/2009 @ 09:58:03, in casa, visitato 1302 volte)

La Voce di Venezia

Precisazione del vicesindaco su una nota ANSA diffusa ieri sera

[08/10] Una nota diffusa dall' Ansa ha fatto strabuzzare gli occhi a più di qualcuno ieri. Nel contenuto si poteva leggere che il nuovo villaggio Sinti in costruzione in Via Vallenari sarebbe costato 20 milioni di euro. Oggettivamente un'enormità che non può essere giustificata diversamente da un refuso di stampa.

Per questo motivo il vice sindaco di Venezia e assessore comunale al Bilancio, Michele Mognato, ha tenuto a precisare:

"Leggo in un lancio dell’Agenzia Ansa, a margine dell’incontro del ministro Maroni con il prefetto di Venezia, che il Villaggio Sinti a Mestre avrebbe un costo stimato di 20 milioni di euro. Spero si tratti di un semplice refuso e mi auguro quindi una immediata rettifica: il Villaggio Sinti costa infatti due milioni di euro!"

"In un altro lancio dell’Agenzia Ansa - continua Mognato - si riferisce che il ministro Maroni si è detto favorevole al superamento del patto di stabilità a Venezia a fronte della crisi del polo chimico a Marghera: sono certo che alle parole il ministro farà seguire al più presto un atto concreto in sede di Consiglio dei ministri, augurandomi che egli possa anche recepire le richieste in merito avanzate dall’Anci per tutti i Comuni italiani".

Francesca Chiozzotto

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/10/2009 @ 09:36:19, in musica e parole, visitato 1204 volte)

OpenOption
il nuovo progetto di Teatrino Clandestino nato nell’unica municipalità Rom del mondo, Šuto Orizari in Macedonia
sarà in scena al Teatro Comunale di Carpi il 16 e 17 ottobre 2009 per VIE Scena Contemporanea Festival

Šuto Orizari si trova a Skopje, in Macedonia, ed è l’unica Municipalità Rom esistente al mondo. Si tratta di un vera propria “città nella città” in cui l’etnia Rom si autogoverna costituendo un fenomeno molto studiato e osservato a livello internazionale. Teatrino Clandestino ha incontrato questa realtà nel febbraio 2007 decidendo subito di avviare un’esperienza di residenza in questo “mondo” da scoprire e con cui dialogare.

Nasce così un lungo percorso di incontri e di residenze in cui un gruppo di attori della compagnia viene accolto dalla comunità Rom e, come etnografi, gli artisti cercano di immergersi nella vita quotidiana di Šuto Orizari. Con numerosi artisti e intellettuali della comunità Rom Teatrino Clandestino apre un dialogo e una condivisione di esperienze intorno ai grandi temi dell’uomo: il desiderio di libertà e di uguaglianza, l’aspirazione ad una vita migliore e felice, la possibilità di seguire un proprio progetto di vita fino alla libertà di muoversi senza confini e al senso del rispetto verso una legge stabilita da uno Stato.

A Šuto Orizari Teatrino Clandestino incontra anche Theatre Roma e lavora con i suoi membri su opere legate all’immaginario sui Rom e sui pregiudizi e sugli stereotipi più diffusi.

Da queste tappe di lavoro nasce lo spettacolo OpenOption, fatto di domande offerte al pubblico, di musiche e di suoni che narrano storie ed emozioni, di racconti in cui i protagonisti sono “come dei saggi caduti in confusione per le troppe possibilità espressive a loro concesse”.

Il disegno drammaturgico e lo sviluppo narrativo dello spettacolo sono stati creati partendo dal diario che gli “attori etnografi” hanno curato durante le residenze a Skopje. Di questo stesso diario sarà fatta una pubblicazione dal titolo “Confini Diamanti” sostenuta e promossa dal Progetto Movin’Up 2008 del Circuito GAI (Giovani Artisti Italiani) per la sezione Letteratura.

Per Teatrino Clandestino
Andrea

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/10/2009 @ 09:44:40, in Italia, visitato 1425 volte)

Il Giornale di Vicenza 11/10/2009 CAMPI NOMADI. Rifondazione comunista e Davide Casadio dell'associazione Sinti rispondono a Pecori e Sandoli

Il campo nomadi di viale Cricoli

«Leggiamo sui quotidiani l'assurda polemica sulle microaree per Sinti e Rom. Vogliamo far presente che i "campi storici" - si legge in una nota firmata da Irene Rui, responsabile del dipartimento per le politiche migratorie ed etniche di Rifondazione comunista e da Davide Casadio, presidente dell'associazione "Sinti italiani in viaggio per il diritto e la cultura" - vivono una situazione insostenibile sia sotto il profilo della sicurezza, che igienico sanitario, essendo i sottoservizi vecchi. Le microaree rappresentano una soluzione per dare finalmente a queste famiglie una vita dignitosa e serena».

Inoltre, continuano i due rappresentanti, «facciamo presente a Massimo Pecori capogruppo Udc che non parliamo di extraterrestri, ma di cittadini vicentini. Altresì rispondiamo ad Alessio Sandoli, segretario cittadino della Lega Nord che questi cittadini, pur con difficoltà pagano tasse, servizi e vivono del loro lavoro: un'occupazione onesta e non illegale come qualcuno può pensare. Le microaree e gli eventuali alloggi non sono un regalo a cittadini facinorosi, ma un atto dovuto a famiglie che sono disposte a contribuire economicamente. Infine - concludono - vogliamo rispondere a Valerio Sorrentino attuale consigliere del Pdl, che il degrado è frutto di dieci anni della loro amministrazione che non ha voluto affrontare i problemi dei cittadini Sinti e Rom, ed ha preferito lasciare i campi al degrado e non ha dato la possibilità ai Rom, proprietari del campo di via Nicolosi, di adeguarlo con i sottoservizi e con le opere indispensabili. Con la costruzione delle microaree, non ci saranno né degrado, né microcriminalità».

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/10/2009 @ 09:45:40, in Regole, visitato 1202 volte)

Da Baxtalo's Blog

[...] I presunti assassini di Petru Birladeanu (vedi QUI ndr), il musicista rom rumeno che suonava la fisarmonica nella stazione Cumana di Montesanto, assassinato la notte del 26 maggio, sono stati arrestati a Torremolinos, vicino a Malaga, dagli agenti della brigata mobile di Napoli, con la collaborazione della polizia spagnola

Si tratta di Maurizio e Salvatore Forte, presunti appartenenti alla Camorra, secondo fonti informative della polizia napoletana.

I due arrestati, rispettivamente di 29 e 31 anni, erano assieme e la cattura da parte della giustizia italiana accade dopo alcuni mesi che furono accusati di omicidio aggravato.

Petru Birladeanu, il musicista rom assassinato dalla Camorra.

L'arresto è avvenuto ieri notte (26 settembre ndr). I due delinquenti vivevano in un appartamento e si erano anche segnalati per lo stile di vita che conducevano e per i contatti con altri delinquenti. Uno dei due, Maurizio Forte, è stato fatto uscire grazie ad uno stratagemma e catturato di fronte alla porta stessa di casa. La cattura è accaduta in queste circostanze perché la legislazione spagnola non permette alla polizia di entrare nei domicili privati senza un ordine giudiziale. Il fratello di Maurizio, Salvatore Forte, è stato catturato poco dopo, mentre faceva ritorno a casa.

Le autorità italiane ritengono che entrambe parteciparono allo scontro armato tra clan rivali nei quartieri spagnoli di Napoli dello scorso 26 maggio, in cui venne ucciso un musicista di strada di nazionalità rumena e risultò ferito un adolescente di 14 anni.

Per questo omicidio era già stato arrestato lo scorso luglio Mario Ricci, 27 anni, considerato uno dei più importanti membri del clan Ricci della camorra.

Secondo gli investigatori, i fratelli Forte possono aver collegamenti con altri due clan, quello di Mariano-Ricci e quello D’Elia, entrambi localizzati nei quartieri spagnoli di Napoli.

La vedova di Petru ed i suoi figli abbandonarono l'Italia dopo il tragico assassinio

LA CAMORRA NAPOLETANA UCCIDE UN MUSICISTA ROM

La vedova di Birladeanu, che è rientrata in Romania assieme ai suoi due figli, ha denunciato il trattamento ricevuto dal pronto intervento. "Se fossimo stati italiani non avrebbero atteso tanto", dice affermando che si è prestata attenzione solo al minore italiano ferito.

COSI' UCCIDE LA CAMORRA

Nei quartieri spagnoli di Napoli, il 26 maggio del 2009, i componenti di due bande malavitose della camorra napoletana entrano in scena a bordo di varie motociclette con l'obiettivo di segnare il loro territorio, si tratta di un regolamento di conti tra due famiglie.

Petru Birladeanu, musicista rom che per vivere suona la fisarmonica sui treni, si dirige assieme a sua moglie verso la stazione della metropolitana della Cumana, con una borsa in una mano ed il suo mezzo di sussistenza nell'altra.

La vittima riceve due colpi mortali alla gamba ed al torace, mentre tenta di rifugiarsi nella vicina stazione della metropolitana. Cade al suolo prima di raggiungere i tornelli.

Solo sua moglie tenta di aiutarlo, davanti all'indifferenza del resto dei passanti. I viaggiatori fuggono dalla stazione e lei rimane completamente sola col marito agonizzante.

Muore poco dopo, davanti all'impotenza di sua moglie. Rimane ferito anche un giovane italiano, minore di età, raggiunto alla spalla però con una sorte migliore del musicista.

Durante il tempo che aspettava i servizi di emergenza, una mezz'ora, Petru è morto. L'ospedale più vicino stava a soli 100 metri.

Tre videocamere di sicurezza installate sul luogo dei fatti hanno registrato quanto accaduto. Le immagini che ora si diffondono in diversi media italiani sono a disposizione della Direzione Antimafia del Distretto, che investiga sul caso.

FONTE: Estratto da diversi periodici che se ne fecero eco

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/10/2009 @ 09:14:58, in Italia, visitato 1412 volte)

Ricevo da Maria Grazia Dicati

Programma:

INTERVENTI
Ore 15,00 presentazione conferenza/ Saluto dei rappresentanti del Parlamento Italiano ed Europeo, delle istituzioni, del Governo, degli enti locali.
Ore 15,30 Programma politico della Federazione romanì (prima parte)
Demir Mustafà (vice Presidente Fed. Rom.) La politiche unitarie della Federazione romanì
Bruno Morelli (coordinatore Fed. Rom.) Un popolo al bivio: dalla dimensione tribale alla dimensione politica
Sergio Suffer (vice Presidente Fed. Rom.) Emancipazione abitativa e culturale di Rom e Sinti
Graziano Halilovic (Segretario Fed. Rom.) Verso una società globale. Istruzione e formazione quale opportunità di rinnovamento e profonda integrazione
Loris Levak (Delegato lavoro) Dal nomadismo alla sedenterizazione: come Rom e Sinti devono cambiare lavoro?
Ore 16.45 Rappresentanti rom di alcune organizzazioni Europee
Ore 16.45 Rappresentanti rom di alcune organizzazioni Europee
Ore 17,30 Saluto dei rappresentanti del Parlamento Italiano ed Europeo, delle istituzioni, del Governo, degli enti locali.
Ore 17,45 Programma politico della Federazione romanì (seconda parte)
Dimitris Argiropoulos (Aderente Federazione romanì - Docente Università di Bologna) Letture, Strumenti e Mediatori in una realtà culturale estrema, cercando futuri
Santino Spinelli Alexian (Aderente Federazione Romanì - docente Università di Chieti) Da ziganopoli all’autodeterminazione culturale
Roberto Ermanni (aderente alla Federazione romanì – ARCI Respons. Nazionale Rom e Sinti) Progettualità e progettazione della Federazione romanì
Najo Adzovic (Consigliere Federazione romanì con delega alle cooperative) La programmazione politica locale e la rete rom locale
Nihad Smajovic (Consigliere Federazione romanì con delega all’immigrazione) Diritti & rovesci. Sicurezza, democrazia e cittadinanza
Ore 18,45 Conclusioni di Nazzareno Guarnieri (Presidente Federazione romanì)

"Il fallimento in passato di gran parte degli interventi a favore dei rom/sinti in Italia è da attribuire al mancato coinvolgimento attivo dei "soggetti" in un processo di autodeterminazione.
La strategia della Federazione romanì mira a riconoscere e valorizzare le professionalità rom/sinte per "strappare" le redini dalle mani di una politica "sociale" di assistenzialismo culturale emarginante e segregante, e riportarla alla legittimità di una politica culturale "attiva" di autodeterminazione della
popolazione rom e sinta.
Il programma politico della Federazione romanì è finalizzato a costruire una RAPPRESENTATIVITA’caratterizzata da qualità progettuale per passare dalla mediazione alla partecipazione attiva e per promuovere una politica per la cultura romanì."

Verrà distribuito ai partecipanti il volume realizzato dalla Federazione Romani in collaborazione con CSV del Lazio con gli atti della Conferenza

Nessuno libera nessuno, nessuno si libera da solo, gli uomini si liberano insieme. Verso la rappresentatività”
Info: federazioneromani@yahoo.it
tel. e fax 0664829795 - tel. 3277393570
Web: http://federazioneromani.wordpress.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/10/2009 @ 09:54:14, in Regole, visitato 1183 volte)

Da Slovak_Roma

Il proprietario di un bar a Lucenec chiede scusa ad un Rom per discriminazione

Košice, Slovacchia: Il 5 ottobre 2009 un altro caso di discriminazione riguardo l'origine etnica è stato portato in discussione in Slovacchia. Il caso si è concluso con un accordo amichevole.

Il fatto è successo il 14 luglio 2008, quando Jan Danco visitò il bar  "Piccollo" di Lucenec (una cittadina della Slovacchia meridionale) con sua nipote. Entrato nel bar di cui era un cliente abituale, gli è stato improvvisamente rifiutato di servirlo da un cameriere, con la spiegazione che il padrone del locale non avrebbe più servito i Rom. Il caso apparve anche sulla TV privata Markiza. L'uomo discriminato decise, con la cooperazione di un'OnG  di Kosice, il Centro per i Diritti Civili ed Umani, di rivolgersi al tribunale civile appellandosi alla Legge Antidiscriminazione Slovacca.

"Il comportamento del cameriere è stato per me offensivo ed umiliante. Io stesso alcuni anni fa ho lavorato come cameriere, e non mi sono mai permesso di discriminare un mio cliente per il colore della sua pelle. Ho fatto causa per mostrare chiaramente che questo tipo di trattamento è dannoso ed illegale, e che è possibile resistervi. Sono lieto che il padrone del bar si sia scusato..." ha dichiarato Danco alla decisione della corte.

Il proprietario del bar ha espresso il proprio rammarico per l'incidente, espresso pubbliche scuse per la discriminazione e pagato un risarcimento a Danco, oltre alle spese processuali.

Chi volesse più informazioni sul caso, può contattare:

Poradňa pre občianske a ľudské práva
(Centro per i Diritti Civili ed Umani)
Krivá 23, Slovakia.
Tel./fax.: +421 55 68 06 180
E-mail: poradna@poradna-prava.sk

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


23/01/2020 @ 18:44:21
script eseguito in 157 ms

 

Immagine
 Il libro con le storie di via Idro... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 24 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< gennaio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Testimonianza su come metto fine alle mie preoccup...
23/01/2020 @ 18:28:29
Di MR PENDELIS
Testimonianza su come metto fine alle mie preoccup...
23/01/2020 @ 18:27:21
Di Mr Pendelis
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source