\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Teatrino Clandestino a Carpi (MO)
Di Fabrizio (del 11/10/2009 @ 09:36:19, in musica e parole, visitato 1200 volte)

OpenOption
il nuovo progetto di Teatrino Clandestino nato nell’unica municipalità Rom del mondo, Šuto Orizari in Macedonia
sarà in scena al Teatro Comunale di Carpi il 16 e 17 ottobre 2009 per VIE Scena Contemporanea Festival

Šuto Orizari si trova a Skopje, in Macedonia, ed è l’unica Municipalità Rom esistente al mondo. Si tratta di un vera propria “città nella città” in cui l’etnia Rom si autogoverna costituendo un fenomeno molto studiato e osservato a livello internazionale. Teatrino Clandestino ha incontrato questa realtà nel febbraio 2007 decidendo subito di avviare un’esperienza di residenza in questo “mondo” da scoprire e con cui dialogare.

Nasce così un lungo percorso di incontri e di residenze in cui un gruppo di attori della compagnia viene accolto dalla comunità Rom e, come etnografi, gli artisti cercano di immergersi nella vita quotidiana di Šuto Orizari. Con numerosi artisti e intellettuali della comunità Rom Teatrino Clandestino apre un dialogo e una condivisione di esperienze intorno ai grandi temi dell’uomo: il desiderio di libertà e di uguaglianza, l’aspirazione ad una vita migliore e felice, la possibilità di seguire un proprio progetto di vita fino alla libertà di muoversi senza confini e al senso del rispetto verso una legge stabilita da uno Stato.

A Šuto Orizari Teatrino Clandestino incontra anche Theatre Roma e lavora con i suoi membri su opere legate all’immaginario sui Rom e sui pregiudizi e sugli stereotipi più diffusi.

Da queste tappe di lavoro nasce lo spettacolo OpenOption, fatto di domande offerte al pubblico, di musiche e di suoni che narrano storie ed emozioni, di racconti in cui i protagonisti sono “come dei saggi caduti in confusione per le troppe possibilità espressive a loro concesse”.

Il disegno drammaturgico e lo sviluppo narrativo dello spettacolo sono stati creati partendo dal diario che gli “attori etnografi” hanno curato durante le residenze a Skopje. Di questo stesso diario sarà fatta una pubblicazione dal titolo “Confini Diamanti” sostenuta e promossa dal Progetto Movin’Up 2008 del Circuito GAI (Giovani Artisti Italiani) per la sezione Letteratura.

Per Teatrino Clandestino
Andrea