Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Conoscere non significa limitarsi ad accennare ai Rom e ai Sinti quando c'è di mezzo una disgrazia, ma accompagnarvi passo-passo alla scoperta della nostra cultura secolare. Senza nessuna indulgenza.

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 11/11/2008 @ 08:55:50, in Italia, visitato 1511 volte)

Da Roma_Italia

Giovedì 20 novembre 2008 - Ore 10.00
Provincia di Viterbo
Palazzo Gentili - Sala Conferenze
Via Aurelio Saffi, 49 Viterbo (VT)
www.24marzo.it

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Principi Fondamentali - Art. 3:
Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.
È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.


RAZZA = RAZZISMO
Riflessioni a settant’anni dalle leggi razziali

Daniela Santucci, ricercatrice dell’Istituto Superiore di Sanità "La biologia delle razze animali"

Marcello Gentili, avvocato penalista "La legislazione razzista italiana del 1938"

Vera Vigevani Jarach, scrittrice e Madre di Piazza di Maggio "La via dell'emigrazione degli ebrei in Argentina"

Giulia Spizzichino, della Comunità ebraica di Roma "La vita nel ghetto di Roma: dalle persecuzioni, alle deportazioni, alle Fosse Ardeatine"

Giorgio Bezzecchi, Presidente Vicario Nazionale dell'Opera Nomadi "Le persecuzioni dei zingari italiani: dalle schedature ad Auschwitz"

Maurizio Pagani, Presidente della Opera Nomadi di Milano "Le politiche pubbliche verso le minoranze zingare"

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 10/11/2008 @ 14:40:33, in musica e parole, visitato 1059 volte)

L' associazione culturale Thèm Romanò organizza, nell'ambito della stagione teatrale 2008-2009 del Comune di Lanciano, in collaborazione con l' Istituzione Deputazione Teatrale a partire dalle ore 21.30 di sabato 15 novembre a Lanciano presso il Teatro Fedele Fenaroli la quindicesima edizione del...

continua a leggere

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/11/2008 @ 14:09:33, in Italia, visitato 1463 volte)

Da Il Secolo XIX

Uno dei ragazzini aveva subito un furto in casa e ha dato la colpa ai circensi

I luoghi comuni, gli stereotipi sono difficili da cambiare. Un ragazzino di 16 anni giorni fa aveva subito un furto in casa. Con un’ardita associazione mentale ha pensato immediatamente agli zingari. E quando ha visto il cartello pubblicitario di un circo ha dato subito la colpa a loro. E, insieme ad un amico, ha subito escogitato una vendetta: lanciare una molotov contro il tendone.

E’ questa l’assurda motivazione data per “giustificare” una cosa tanto grave. Poteva essere una strage, ma per fortuna non è andata così. Dopo la paura, i lavoratori del circo parlano tranquillamente con i cronisti. «Non abbiamo avuto problemi con nessuno, la gente del posto ci saluta con cordialità, i nostri bambini da una settimana frequentano le scuole della città. Non è la prima volta che veniamo a Sarzana è una città accogliente dove ci siamo sempre trovati bene - racconta una giovane donna con l’aria spaventata che ben interpreta lo stato d’animo dei circensi che poi continua - Questa bravata poteva costare davvero cara: se la bomba fosse stata lanciata di notte avremo potuto bruciare tutti quanti, insieme ai nostri bambini».

«Il nostro è un circo grande, una cittadella recintata - dice Francesca Karoli, contitolare del circo - Quel gesto poteva distruggere le nostre vite, il nostro lavoro di anni di sudore. Giriamo l’Italia da anni e anche i paesi vicini, non ci è mai accaduta una cosa tanto grave. Siamo sconvolti!». Dopo il lancio delle molotov nel recinto dei cavalli tra la gente del circo Karoli si respira un’aria di paura. L’ ordigno è stato gettato poco prima dello spettacolo pomeridiano che ospitava un gran numero di bambini e le loro famiglie. Solo per un caso la bomba non è esplosa: nella stalla, poco distante il tendone già gremito di persone, si trovavano una trentina di cavalli ed è facile immaginare che se i quadrupedi si fossero spaventati per lo scoppio dell’ordigno, all’interno dell’area del circo sarebbe stato il caos.

I responsabili del gravissimo gesto, sono due ragazzini di 16 anni uno residente a Sarzana e l’altro a Vezzano. Entrambi sono subito stati individuati dai carabinieri che li hanno fermati e denunciati al Tribunale dei minori di Genova. La cronaca della terribile giornata ha avuto inizio poco prima delle ore 17, quando i due con gli scooter, si erano fermati in via Silea, proprio dietro il grosso parcheggio della variante Aurelia (ex “area Gerardo”) dove in questi giorni fa tappa il circo Karoli. Uno dei due, acceso l’innesco di una bottiglia incendiaria, l’ha lanciata nell’area delle scuderie, dove si trovavano una trentina di cavalli.

Poi sono fuggiti a tutta velocità. L’azione però è stata vista da un testimone che è riuscito ad annotare – seppur in maniera parziale e confusa entrambe le targhe. Per un caso fortuito la bottiglia, rimbalzata sul tetto della stalla e caduta sul cortile, proprio in mezzo ai cavalli, non s’è rotta e quindi la benzina contenuta non è esplosa.

Uno degli stallieri, vista la fiammata, è subito accorso e ha prontamente spento l’ordigno. Immediata la chiamata al 112. Diramate le ricerche, i due ciclomotori sono stati presto trovati. Infatti, due mezzi corrispondenti alla descrizione e con le targhe compatibili a quelle parziali riportate dal testimone, erano parcheggiati, col motore ancora caldo, uno a fianco all’altro nel parcheggio di Porta Romana. I giovani proprietari erano poco distante, come nulla fosse, a chiacchierare con alcuni amici presso il monumento di piazza Garibaldi, in pieno centro a Sarzana.

Accompagnati in caserma, i ragazzini hanno subito confessato, permettendo anche di ritrovare il panno usato per l’innesco e l’accendino che, insieme alla bottiglia e ai due motorini, sono stati sequestrati. In caserma sono arrivati anche i genitori dei giovani: non volevano credere a quello che avevano fatto i loro figli. I due sedicenni sono accusati di fabbricazione, detenzione e porto materiale esplosivo e tentato incendio doloso.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 

Ricevo da Tommaso Vitale

Il Coordinamento Rom (ACLI; Arci; Associazione Liberi; Associazione Nocetum;  Associazione Oltre il Campo; Aven Amenza;  Caritas Ambrosiana; CGIL Milano; Comitato per le libertà e i diritti sociali; Comitato Rom e Sinti Insieme; Comunità S.Egidio; Fondazione Casa della Carità; Gruppo Abele; Naga;  Opera Nomadi; Padri Somaschi) organizza un

Incontro con le associazioni e con gli operatori del diritto su:
Combattere la discriminazione strutturale contro i ROM: cause strategiche e ruolo della società  civile

con

Lilla Farkas Avvocato esperto in tutela dei diritti umani, Componente del  Network of Independent Experts in the Non-discrimination Field della Commissione Europea e dell’ Hungarian Equal Treatment Authority

e

Mariana Berbec Rostas Associate Legal Officer for Legal Capacity Development Program, Legal Aid and Community Empowerment Clinics  della Open Society Justice Initiative

Camera del Lavoro  di Milano
corso di Porta Vittoria 43
Sala De Carlini
12 novembre 2008 Ore 19.30

L’incontro sarà l’occasione per riprendere la discussione sulla costituzione a Milano di un Osservatorio sui diritti fondamentali, sui possano aderire operatori del diritto, docenti ed  esperti che intendono far valere gli strumenti legali di lotta alla xenofobia, al razzismo e alle discriminazioni e di tutela dei diritti fondamentali.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/11/2008 @ 10:48:51, in blog, visitato 1201 volte)

Da Postcrazia

L'idea "buona" di schedare i Senza Dimora l'aveva già avuta Alemanno ad agosto. Adesso rispunta dal cappello della Lega insieme a un'impressionante cocktail di porcherie e ieri sera è stata inserita nel "pacchetto sicurezza", in votazione martedì. Questo il testo dell'emendamento:

Dopo il comma 3 dell'articolo 2 della legge 24 dicembre 1954, n. 1228 è aggiunto il seguente:
"3-bis. 1. E' comunque istituito presso il Ministero dell'interno un apposito registro delle persone che non hanno fissa dimora. 
2. Con decreto del Ministro dell'interno, da adottarsi nel termine di 180 giorni dall'entrata in vigore della presente legge, sono stabilite le modalità di funzionamento del registro di cui al comma 1 attraverso l'utilizzo del sistema INA-SAIA.".

Il vizietto di schedare le persone anziché occuparsi dei loro problemi resta. Il problema in questione è la residenza. La mancanza di residenza anagrafica impedisce ai senza dimora di accedere ai propri diritti, perché li rende invisibili rispetto alla burocrazia. In molti comuni si è provveduto, in molti altri no: se si vuole fare qualcosa si parta da questo.

La sicurezza è prima di tutto un diritto delle persone più fragili. Spero che qualcuno se lo ricordi, prima o poi.

(grazie a Giro per la segnalazione)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/11/2008 @ 09:46:49, in Italia, visitato 1200 volte)

Da Chiesa Evangelica Zigana in Italia

L'Espresso- Repubblica di Sandro Mortari: Basta raduni dei sinti al Migliaretto
Il Comune ha destinato l’area solo a manifestazioni sportive!

Basta mega raduni al Migliaretto con tanto di tendone sotto il quale si radunano centinaia di persone, come ogni anno succede, sul finire dell’estate, con i sinti evangelici. Porte sbarrate anche per i turisti che arrivando a Mantova in camper decidessero di occupare le piazzole attrezzate con luce e acqua corrente. D’ora in poi quell’area attigua ai campi di calcio, rugby, atletica e agli impianti di tiro a segno e per il motocross avrà un uso esclusivamente sportivo. L’unica eccezione sarà fatta per le roulottes e gli autocaravan degli esercenti che installeranno le loro giostre, bancarelle e attrazioni varie al luna park del Te, in occasione della fiera di Sant’Anselmo. Ma solo per quanto riguarda l’occupazione dell’area attrezzata.

Tutto il resto dell’area (ad eccezione del sedime recintato, considerato ancora aeroporto dall’Ente nazionale per l’aviazione civile) sarà off limits. O meglio, potrà essere utilizzato solo in funzione delle manifestazioni sportive che verranno organizzate dalle società che gestiscono gli impianti sportivi nella zona.

Il giro di vite è stato deciso dalla giunta comunale dopo che il raduno della missione evangelica zigana dello scorso settembre aveva costretto i dirigenti del rugby Mantova e Viadana ad annullare il tradizionale torneo dei due fiumi.

La decisione da parte delle due società sportive era stata presa perché 200 camper e più di 400 persone arrivati da tutt’Italia per il raduno annuale degli evangelici sinti avevano ridotto di molto gli spazi attorno agli impianti sportivi, abitualmente utilizzati da chi li frequenta. Inoltre, vari sopralluoghi della Polizia comunale avevano accertato la pericolosità per la circolazione pedonale e veicolare. Una situazione che solitamente si prolunga per due settimane, da metà a fine settembre. «Era un atto dovuto - dice l’assessore allo sport Fabio Aldini -. Le esigenze delle società sportive andavano salvaguardate. Se l’assemblea della missione evangelica zigana chiederà di venire a Mantova anche l’anno prossimo troveremo un’altra area».

La delibera della giunta comunale parla chiaro: dopo aver stabilito «la vocazione prevalentemente di natura sportiva e ricreativa» del Migliaretto, viene vietato l’utilizzo di quell’area «per qualsiasi manifestazione che non abbia carattere sportivo, ad eccezione dell’area attrezzata per la sosta dei caravan e delle roulottes utilizzate dagli operatori esercenti lo spettacolo viaggiante».
(02 novembre 2008)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/11/2008 @ 09:02:32, in Regole, visitato 1206 volte)

Da Roma_Francais

Actualité Boulogne - 07.11.2008, 04:58 - La Voix du Nord

Annullato dal tribunale amministrativo a febbraio, l'arresto anti-mendicità deciso dal sindaco di Boulogne, ha nuovamente occupato la giustizia. Il 30 ottobre, gli avvocati del comune e quelli della Lega dei Diritti dell'Uomo si sono nuovamente scambiati i loro argomenti a Lille.

Nel febbraio 2008, il tribunale amministrativo aveva condannato il sindaco di Boulogne ed annullato l'arresto anti-mendicità preso nel 2007.

La Lega dei Diritti dell'Uomo, a fianco dei Rom sin dal loro arrivo due anni fa, aveva fatto un reclamo ed aveva anche ottenuto una vittoria contro il sindaco di Wimeureux... che aveva deciso di non ricorrere in appello.

Frédéric Cuvillier invece ha contrattaccato. E' stata la corte d'appello amministrativa che ha ripreso il dossier evocato il 30 ottobre scorso. "Ho deposto le stesse conclusioni della prima istanza", spiega la signora Calonne, avvocato della Lega, vale a dire che stima che le misure erano senza dubbio sproporzionate nei confronti del rischio incorso: il famoso disturbo all'ordine pubblico. In attesa della decisione della corte, che potrebbe arrivare molto presto, nessun arresto proibisce più la mendicità. Il sindaco stima che "ormai ci siano meno" mendicanti in città.

O. M.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/11/2008 @ 09:32:43, in sport, visitato 1402 volte)

"Effettivamente, se stasera bruciassero le tende degli zingari, domani potremmo vincere la partita di calcio… Se brucia anche la casa di Andrei, che è fortissimo, domani non verrà a scuola".
Questo pensavo ieri sera, dopo aver origliato le discussioni da grandi che mio padre faceva nella tavernetta con i suoi amici. Mi aveva detto: "Andrea, vai in camera tua che dobbiamo fare discorsi da grandi!" Ero già molto agitato perché oggi si doveva giocare ancora, a scuola, una partita del torneo di calcetto.

Ieri pomeriggio mio padre aveva occupato il telefono per più di due ore. Appena metteva giù la cornetta, il telefono squillava di nuovo e papà urlava: "Adünansa… ci troviamo da me, prima di cena, vedi di trovare anche Giuanin il Viscunt e il Vunsc, Magher, Ratt, Tigher, Diaul, Busciun, Quader, Esercent, tucc!".
Tra tutti i sopranomi che avevano gli amici di papà Esercent era quello che mi piaceva di più. Sembrava il nome di un rapper d’oltreoceano. Gli amici chiamavano mio padre Parabula, forse perché ogni volta che iniziava un discorso diceva: "Par esempi…". Invece la mamma diceva che lo chiamavano così perché era un po’ la sua storia di impegno politico. E mia madre chiamava Parabula anche lo zio, il fratello del papà, che è nel sindacato. Ieri sera erano tutti lì, tranne lo zio, nella tavernetta di sotto, e Giuanin diceva: "Dobbiamo mandarli via quei baluba. Quelli che rubano nelle case e rubano i bambini e ammazzano la gente… zingari comunisti mangiabambini…"
Il mio sogno è quello di fare il calciatore. E sogno di fare gol come Mutu. Lo avevo visto quando ero andato allo stadio con il nonno, a San Siro. Il nonno m’aveva detto: "Si va allo stadio, Andrea. Per vedere il bel calcio e fare festa".

Oggi invece, a scuola, si doveva giocare contro quelli della sezione B, fortissimi. E sono diventati ancor più forti da quando è arrivato Andrei, “il rom”. Io invidio Sergio, il mio amico d’infanzia, non mi vergogno e gliel’ho detto in faccia. Sergio è il mio vicino di casa e siamo stati compagni di classe fino all’anno scorso. Poi Sergio ha cambiato sezione da quando mio padre aveva detto, alla riunione coi genitori, che la sezione A doveva rimanere degli italiani e non si dovevano inserire ragazzi stranieri. "E nemmeno terroni…" aveva aggiunto papà a denti stretti mentre si sedeva. Ma ormai gli altri genitori l’avevano sentito ed il padre di Sergio ha deciso di spostare suo figlio in un’altra classe.
Sergio fa le vacanze estive dai nonni a Palermo. Nella sezione B ha in classe un cinese, un marocchino, due filippini, un romeno e due zingari “rom”. "I rom non sono romeni", dice Sergio. Glielo ha spiegato Gabriel, il compagno romeno. Ma Andrei e Sergiu, i due rom, vengono dalla Romania. Giocano benissimo a pallone. Arrivano ogni giorno a scuola con un pulmino. Vivono in un campo nomadi in delle “tende provvisorie”. Li hanno mandati via dalle baracche di un altro campo.
"Sono un po’ vivaci, come noi" dice Sergio. E sono anche fortissimi nella corsa e nel calcio.

Sotto, nella tavernetta, mio padre stava urlando parolacce, ieri sera.
E domenica gioca il Milan, andremo allo stadio… Anche lì papà dice le parolacce…
Ieri sera papà ha tirato fuori la maglietta con la scritta: Tegn dur contro il sud magrebino. "Non si sa mai", ha detto alla mamma.
Quella maglietta papà l’ha comprata qualche anno fa, a una festa dove erano tutti vestiti di verde, come dei marziani o come la squadra dell’Irlanda. C’era un rito dell’acqua e tutti che gridavano: "Fuori i terroni dall’Italia, fuori l’Italia dalla Padania, fuori la Padania dall’Italia, e fuori l’Italia dall’Europa…". Poi col tempo hanno cambiato, gridano lo stesso, ma cose tipo: "Fuori gli zingari dall’Italia” e "Tutti i baluba a casa loro".
Ricordo che c’era quella volta un uomo col fazzoletto verde che urlava al microfono: "Noi quella gente non la vogliamo, padroni a casa nostra, stiamo bene da soli…".
Io pensavo che è triste vivere da soli. Si era agitato per un’ora quel signore col microfono. E tutti si agitavano con le bandiere quando lui alzava la voce, diciamo ogni due minuti circa. Aveva sbagliato qualche congiuntivo il signore col fazzoletto, ma ho capito che non era il momento per farglielo notare a mio padre.
Papà era impegnato a urlare, con bandiera verde legata al collo e con il volto rosso carminio: "Se-ces-siò-ne, Se-ces-siò-ne, Se-ces-siò-ne".
C’erano tutti a urlare e agitare bandiere: Giuanin il Viscunt, il Vunsc, Magher, Ratt, Tigher, Diaul, Busciun, Quader, Esercent. Col ritmo un po’ rap. "Se-ces-siò-ne, Se-ces-siò-ne, Se-ces-siò-ne". Il via alle urla l’aveva dato ancora l’uomo col microfono. Quello con la voce rauca, quello che poi mio padre aveva messo sul desktop del computer, a casa. La foto di quell’uomo vestito da Zio Sam con la scritta: "Mì te voeuri!"
Ogni volta che accendevo il pc mi ritrovavo la faccia di quell’uomo, con il cilindretto, il frac e il dito puntato minaccioso: "Mì te voeuri!". Altro che uomo nero. L’uomo verde ad ogni accensione del computer: "Mì te voeuri… mì te voeuri!" Era diventato l’incubo dello schermo, il tormento del monitor. "Mì te voeuri…?" In qualche modo l’uomo verde se l’era preso, mio padre. Infatti papà ogni tanto tornava la sera in garage vestito di salopette, come un imbianchino, sporco di vernice bianca e verde. E sentivo che diceva alla mamma che lo aspettava con il vin brulé: "Che ciulada sul cavalcavia!".
Scriveva sui muri di cemento cose tipo "Padania libera, Padania ai padani" e altri slogan sentiti al rito dell’acqua. Lo zio sindacalista, prendendolo in giro, le chiamava "installazioni artistiche".
Non penso che lo chiameranno mai alla Biennale di Venezia per una scritta da cavalcavia tipo "romaladrona, padaniastato"…
Per il compleanno il papà aveva regalato alla mamma, tempo fa, un "elegante set cucina sale pepe serigrafato con sole delle alpi", ordinato su Internet. La mamma aveva detto: "Adesso anche i miei regali sono diventati sovvenzioni per il partito". E ha messo il suo regalo nella tavernetta, per le riunioni degli amici di papà. Che a volte giocano al Risik Padan. E bevono grappa "Va’ Pensiero".
Papà dice che il comunismo ha fatto tante vittime e che non bisogna falsificare la storia. Lo zio gli risponde che forse è vero ma neanche bisogna dimenticare quando noi andavamo in America. Il papà dice che lo zio andrà all’inferno per quel "forse" e che noi però non eravamo "con le toppe al culo". Lo zio risponde: "Allora per chi fate la “toppa Sole delle Alpi”?".
Mio padre sotto la doccia canta: "Va’ pensierooo…". Che poi lo zio gli dice: "A furia di lavà el penser… ghe n’è pù… l’è andaa…". La mamma a volte fa dei lunghi sospiri e dice che quei due, fratelli, prima o poi si prenderanno a botte.
Lo zio ha sposato una pugliese. Papà chiama anche lei, quando non c’è la zia, baluba. "Maschile o femminile, sempre baluba è" mi disse papà quando gli chiesi se anche mio cugino fosse un “balubo”.
Il papà dice: "Ognuno a casa sua". Che tristezza, ognuno a casa sua! E ieri sera dicevano, nella tavernetta, gli amici di papà: "Organizziamoci, difendiamo il nostro… fratelli sul libero suol, meniamo i baluba… contro i baluba… uniamoci!". E poi sono usciti tutti insieme, ringraziando mia madre per la torta. E mia madre scuoteva la testa, preoccupata.

Allora, se Andrei non si fosse presentato a scuola per il torneo noi avremmo sicuramente vinto… Andrei gioca scalzo ed è fortissimo. Sogna di fare gol come Inzaghi. Un giorno, all’intervallo, quando Sergio me lo ha presentato, gli ho detto: "Ciao, sono Andrea, quasi come Andrei. Ma tu, se giocasse Italia contro la Romania, chi tiferesti?". Andrei mi aveva risposto "la Romania", anche se dicono che lui è rom. Però viene dalla Romania. E aveva aggiunto: "Ma comunque deve vincere il migliore. E se nessuno migliore va bene anche uguale".
"Uguale?" ho chiesto io perché non capivo. "Sì, uguale, cioè pareggio", m’aveva risposto Andrei. Ma oggi non si è giocata la partita del torneo, a scuola. Andrei è arrivato tardi a scuola, lo hanno portato, col solito pulmino, delle persone grandi, preoccupate. Anche le prof erano preoccupate.
All’intervallo Andrei raccontava a Sergio: "Oggi tenevo stretto per mano mio papà… hanno bruciato le nostre tende… non si sa chi è stato. Papà dice che è gente razzista… “razzista” sembra cattivo… se brucia le tende in cui dovevamo abitare… forse lo è…"
"Era arrabbiato mio padre" - raccontava Andrei a Sergio - "voleva dire tante cose ai giornalisti ma secondo me sbagliava qualche parola. Io imparo l’italiano, non è facile ma papà dice di studiare che così avrò più fortuna di lui nella vita e saprò anche difendermi con le parole e parlare bene coi giornalisti".
Questo pensava Andrei oggi, nel giorno della partita del torneo a scuola. È venuto lo stesso a scuola e ci ha detto che gli dispiaceva per la partita ma anche perché ora sentiva dire che si doveva traslocare di nuovo, proprio sotto Natale, come un anno fa, perché si diceva che la gente qui non li vuole. Proprio ora che suo padre aveva trovato un lavoro e sua madre era contenta perché non si doveva più andare in giro a chiedere la carità, come qualche mese fa.
E ci ha detto Andrei che ieri sera erano pure felici, era il compleanno di sua sorella Adela, era venuto il Don, Massimone, Maria Grazia e tanti amici a portare una torta ed una bambola. Per Adela era il primo vero compleanno. Ma forse, diceva lei, non avrebbe potuto mai collezionare bambole. Traslocavano troppo spesso.
Mi dispiaceva vedere Andrei così triste. Poi lui mi ha detto: "Se vuoi possiamo giocare a pallone insieme qualche volta, se troviamo un luogo dove giocare…".

Avvertenze per i lettori: In quella scuola andavano anche Adela, Elena, Elisabeta, Georgia ed erano compagne di Adele, Elena, Elisabetta, Giorgia.
La faccia di quel signore vestito da Zio Sam che punta il dito: "Mì te voeuri!" esiste. E pure il Risik Padan. E se volete sapere di più delle ciulade padane fatevi un giro in rete.
Avete fato un po’ fatica a districarvi tra Andrea e Andrei, tra Sergio e Sergiu? Affari vostri. Quella piccola differenza nei nomi vi ha disturbato nella lettura? Affari vostri.
Quella piccola differenza nei nomi racconta molte altre differenze nelle loro vite. Ma non nei loro sogni da bambini. Che sono affari nostri, di tutti. Anzi, ci riguardano.

Dedica:
Ai ragazzi che menano il balòn sul campo di calcetto in un parco di Milano.
Ai sognatori che hanno regalato loro il campo per giocare, i palloni e qualche sogno in più.
A coloro che rendono i sogni dei bambini realtà.

Mihai Mircea Butcovan è nato nel 1969 in Transilvania, Romania. In Italia dal 1991, vive a Sesto San Giovanni e lavora a Milano come educatore professionale. Vincitore nel 2003 del premio "Voci e idee migranti", ha pubblicato il romanzo "Allunaggio di un immigrato innamorato" (Lecce, Besa 2006) e con la raccolta di poesie "Borgo Farfalla" (Eks&Tra 2006) ha vinto, nel 2006, la XII edizione del Premio Eks&Tra. Collabora con vari giornali e riviste, tra cui Internazionale.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/11/2008 @ 09:25:42, in Italia, visitato 2030 volte)

(AGO PRESS) "La Zingara rapitrice" è il tema di una conferenza stampa che si terrà lunedì 10 ottobre (alle 12.30 ndr) a Roma presso la sala Marconi della Radio Vaticana. Promossa dalla Fondazione Migrantes, sarà l'occasione per presentare una ricerca commissionata al Dipartimento di Psicologia e Antropologia Culturale dell’Università degli Studi di Verona sui presunti tentati rapimenti, addebitati ai rom nell’arco di tempo che va dal 1986 al 2007 in Italia. I casi sono stati individuati e analizzati partendo dalle notizie fornite dalla stampa nazionale e esaminati attraverso la consultazione dei fascicoli nei diversi tribunali italiani. Il risultato principale che emerge dalla ricerca è che "non esiste alcun caso in cui viene commesso un rapimento. Nessun esito, infatti, corrisponde ad una sottrazione dell’infante effettivamente avvenuta e provata oggettivamente. Anche laddove si apre un processo, il fatto contestato viene sempre qualificato come delitto tentato e non commesso, le cui circostanze aprono ad una complessa valutazione - all’interno della quale possono a volte far capolino le categorie del senso comune - dell’esistenza o meno della volontà dolosa".

Durante la conferenza stampa saranno presentati anche i dati di un’altra ricerca volta a verificare quanti bambini figli di rom e sinti siano stati dati in affidamento e/o adozione dai tribunali dei minori italiani a famiglie "gagè", non zingare.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/11/2008 @ 08:52:08, in Italia, visitato 1771 volte)

Ricevo da Flora (QUI il file.pdf)

Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Giurisprudenza

Da qualche secolo la coesistenza con "zingari", "nomadi", "Rom" è un problema irrisolto della società europea. Inconciliabile "diversità culturale"? Irriducibile
pregiudizio e intolleranza? Qualunque prospettiva si adotti, è inevitabile osservare come l'azione politica si trovi a ricorrere agli strumenti del diritto, confrontandosi con i suoi vincoli e limiti.

In otto incontri, aperti a tutti, chi voglia comprendere cosa gli Stati hanno fatto, e possono fare, rispetto alla "questione zingara", avrà a disposizione un'occasione di confronto con persone che, da vari punti di osservazione, hanno cercato di interpretare fatti e contesti.

Gli incontri si svolgono presso il Polo delle Scienze Sociali di Novoli, palazzina D5, aula 0.10.
Per informazioni:
Università degli Studi di Firenze
Dipartimento di Diritto Comparato
e Penale, via delle Pandette 35,
50127 Firenze
e-mail: francesca.mariani@unifi.it

LEZIONI APERTE
Venerdì 14 novembre, ore 12.00, "Modernizzazione giuridica e 'questione zingara' nella formazione degli ordinamenti europei", lezione introduttiva di Alessandro Simoni.

Sabato 15 novembre, ore 9.00, "L'identità rom nella prospettiva dei giuristi: esiste una specificità italiana?", lezione introduttiva di Alessandro Simoni.

Giovedì 20 novembre, ore 12.00, "Una libertà ripugnante? Mendicità, Rom e politiche di 'legalità urbana' in Italia, Inghilterra, Francia e Stati Uniti", lezione-discussione con Alessandro Simoni.

Venerdì 21 novembre, ore 12.00, "Una pregiudiziale antizingara nella cultura delle istituzioni?", lezione-discussione con Eva Rizzin, OsservAzione. Centro di ricerca azione contro la discriminazione di Rom e Sinti.

Sabato 22 novembre, ore 9.00, "Le ordinanze 'emergenza nomadi': diritto, anti-diritto o politica?", lezione-discussione con Nazzarena Zorzella, avvocato in Bologna, e Costanza Hermanin, Ricercatrice, Istituto Universitario Europeo.

Giovedì 27 novembre, ore 12.00, "La mitologia antizingara e la macchina del diritto", lezione-discussione a partire dal volume di Sabrina Tosi Cambini, La zingara rapitrice. Racconti, denunce, sentenze (19862007), Roma, CISU, 2008. Partecipano l'autrice e Carlotta Saletti Salza, antropologa, Università di Torino.

Venerdì 28 novembre, ore 12.00, "La costruzione del 'problema zingaro' e la partecipazione politica di Rom e Sinti", lezione-discussione con Nando Sigona, ricercatore presso il Refugee Studies Centre, University of Oxford .

Sabato 29 novembre, ore 9.00, "I Rom e lo Stato. Una prospettiva storico-antropologica", lezione-discussione con Leonardo Piasere, professore di antropologia culturale nell'Università di Verona.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


23/09/2019 @ 09:54:52
script eseguito in 160 ms

 

Immagine
 popoli e idee in movimento... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 90 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, pe...
15/08/2019 @ 09:29:56
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source