Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
AVVISO AI NAVIGANTI: qui potrete trovare molte notizie che abitualmente non volete conoscere.

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 01/08/2013 @ 09:01:18, in Europa, visitato 1395 volte)

Denitsa Mihaylova: una donna bulgara fiera delle sue origini rom THOMSON REUTERS FOUNDATION Source: Sun, 21 Jul 2013 11:03 PM Author: Nevena Borisova (Nevena Borisova is a freelance journalist in Bulgaria)

Denitsa Mihaylova e sua figlia Madona. Photo: Nevena Borisova

Denitsa Mihaylova è la prima e, sinora, l'unica donna di origine rom che lavora la Ministero degli Esteri. Parla a sua figlia Madona di 5 anni come ad un'adulta, chiedendole di prendere le sue decisioni, compresa quella di ordinare da un menu completo di piatti invitanti.

Nata in una famiglia di musicisti rom, Mihaylova è cresciuta in una famiglia che è sempre stata "al di qua e al di là delle comunità rom tradizionali."

Assieme ai genitori, apprezzati musicisti in Bulgaria, Mihaylova sin da bambina ha girato il mondo. Nei paesi visitati, compresi Spagna e Finlandia, i Rom sono una comunità rispettata con un proprio posto nella società.

"Mi definisco una zingara, nonostante la connotazione che questa parola ha in Bulgaria," spiega Mihaylova pranzando in un ristorante di Sofia, con sua figlia che ascolta con attenzione. Nessuno dei commensali avrebbe immaginato che Mihaylova fosse di origine rom, tranne quelli che la conoscevano, ma lei avrebbe comunque voglia di raccontarsi.

Secondo un censimento del 2011, in Bulgaria ci sono 325.343, cioè il 4,4% della popolazione. Tuttavia, secondo il Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite all'inizio del XXI secolo c'erano tra i 700.000 e gli 800.000 Rom. Molti di loro sotto la linea di povertà.

Racconta. "L'integrazione dipende anche da noi e perché accada occorre avere un ruolo attivo. Nel complesso, la comunità deve uscire da un giro vizioso. Vale per donne, bambini e uomini. Il circolo vizioso risiede nel fatto che molte famiglie, non avendo reddito, non lasciano andare a scuola i loro figli. I loro bambini indossano abiti sdruciti, molti di loro abbandonano o vanno a scuola sino alla seconda o alla terza elementare, e dopo rinunciano per iniziare ad aiutare i loro genitori."

Molti conoscono Mihaylova per il ruolo interpretato nella serie drammatica Casa di Vetro, dove era Maya, una ragazza rom. Il regista Dimitar Gochev ha presentato, per la prima volta in una serie bulgara, una trama basata sui Rom e sulle sfide sociali che devono affrontare.

Quando iniziò la carriera al Ministero degli Esteri, gli amici avvisarono Mihaylova di non rivelare le proprie origini, così "sarebbe stato più facile avanzare in carriera." Ma lei lo fece lo stesso.

Aggiunge: "Sentivo in qualche modo l'obbligo di lavorare più di qualsiasi altro; ho questo peso sulle spalle - cercare di cambiare gli stereotipi su di noi."

La famiglia di Mihaylova appartiene al clan Yerli - una comunità di mentalità aperta. Altri clan, come i Kalderash, rifiutano l'idea che le donne vadano a scuola o lavorino (SIC, conosco molte kalderasha, in Italia e altrove che non corrispondono a questa immagine stereotipata, ndr). Fermamente contrari alle influenze esterne, le ragazze dei clan Kalderash si fidanzano a 15 anni. L'ex marito di Mihaylova è di origine Kalderash e non voleva affatto che lei avesse una carriera.

"Per loro le donne sono soltanto dei beni - forse avete sentito che le vendono. Sposano le loro parenti quando sono giovani, così il loro denaro rimane in famiglia. Non lo sapevo finché non ho incontrato il padre di mia figlia. Non avevo amici nella comunità. Così, scoprii ad un certo punto che ero stata tagliata fuori da tutto." dice.

Continua: "Ero incinta di Madona, quando lui cambiò completamente. Era diventato geloso e tirannico. Non mi era permesso di alzare gli occhi da terra... Dev'essere stato così sin dall'inizio, ma prima non me ne accorgevo. Capisci, sei innamorata... Stavo studiando e non avevo altra scelta che sopportare fino all'opportunità data dal mio attuale lavoro. Il mio ex marito è un uomo di molti mezzi, ma non mi aiutò, perché io non obbedivo."

Mihaylova ha lottato per completare la sua istruzione. Ha frequentato le lezioni col bambino addormentato in un cesto al suo fianco, come se avesse paura che qualcuno potesse portarle via Madona.

L'esame per il posto al Ministero degli esteri ha cambiato la sua vita. C'erano molti candidati, ma alla fine venne scelta lei. Sorride tuttora ricordando quel punto di svolta.

Chiestole qual è il peggior problema della sua comunità, allora le si spegne il sorriso.

"I Rom sono tenuti nell'ignoranza e nella stupidità per ragioni politiche, vale a dire per essere usati durante le elezioni e corrotti con i soldi. Ne sono assolutamente convinta. I Rom sono tenuti apposta nell'ignoranza," sottolinea.

Le sue parole risuonano dei fatti legati all'educazione della comunità. Fu solo nel 2009 che ebbe inizio il primo programma anzionale per l'istruzione dei Rom.

"Tuttavia, lo scopo del programma era eccessivamente modesto," secondo un articolo del marzo 2013 su Duetsche Welle. Vi si legge: "Con un budget di poco superiore a 500.000 euro, il programma avrebbe raggiunto a fatica 1.200 rom"

Mihaylova ha una risposta sul perché questi progetti, rivolti all'integrazione dei Rom in Bulgaria, non hanno successo:

"Purtroppo, lo scopo della maggior parte dei partiti rom, o dei cosiddetti auto-proclamati leader, è di ottenere dividendi tramite alcuni eventi proforma, prendere voti e fare niente," dice. "Vendono i voti dei Rom senza avere richieste chiare. La nostra società rom ha bisogno di giovani che cambino questo modello di pensiero."

Mihaylova visita spesso gli insediamenti rom per entrare in contatto con la sua gente. Quello che la preoccupa maggiormente è il destino dei bambini.

Any views expressed in this article are those of the author and not of Thomson Reuters Foundation.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 31/07/2013 @ 09:01:50, in Europa, visitato 1247 volte)
 Frescoes porta turisti, speranza al villaggio rom - thv11.com

In questo remoto villaggio rom dell'Ungheria Orientale, è in pieno svolgimento un festival musicale. E' parte di un progetto in corso dal 2009 - per attirare visitatori che amano la musica e i murales, portando contemporaneamente soldi nel villaggio di Bodvalenke (vedi QUI, ndr).

Dice Ezster Pastor, creatore del progetto muralista: "L'idea dietro il nostro progetto è semplice. Pittori rom creano murales sulle pareti delle case. Abbiamo due obiettivi principali: combattere i pregiudizi anti-rom, che qui sono comuni e dare a questa gente lavoro per contrastare la povertà."

Il progetto di Pastor, finanziato da due banche, ha già portato 29 murales. E i turisti stanno affluendo a vedere i risultati: circa 3.500 visitatori ogni anno, e visite guidate aiutano a spiegare l'ispirazione che sta dietro i murales.

Dice Peter Boros, turista ungherese: "E' molto importante capire questa cultura piena di colore, attraverso il cibo, la gente, l'atmosfera e naturalmente, i murales sulle case, che raccontano storie meravigliose. Simbolizzano qualcosa di cui sappiamo pochissimo. Qui, la si può scoprire ed imparare."

In questa parte impoverita dell'Ungheria, i reddito medio è di 30 euro al mese. La maggior parte dei 200 abitanti è disoccupata e vive di sussidi. Dall'inizio del progetto, la loro vita è cambiata in meglio. I festival permettono ai residenti di impiantare bancarelle per gli spuntini, vendere prodotti da forno e artigianali.

Racconta Katalin Egri, che risiede a Bodvalenke: "Ogni anno nel nostro villaggio, c'è il festival del drago e altre celebrazioni. Ci visitano molte persone e questo ci aiuta a vivere. Prima, era solo uno dei tanti villaggi poveri."

Gizi, un altro residente, dice: "E' cambiato tutto. Abbiamo visto i cambiamenti nei nostri figli durante gli ultimi 4 anni, da quando hanno visto così tante persone venire nel nostro villaggio.I prati delle case sono più puliti e ci sono più opportunità di lavoro."

In Ungheria e in altri paesi dell'Est Europa, le comunità rom sono discriminate e tenute distanti dalle altre. Con questo progetto, si spera di cambiare questa mentalità, educando la gente sulla comunità rom e generando redito per gli abitanti del posto. E i progressi sono evidenti - alla scuola locale, la frequenza e le promozioni sono aumentati significativamente, da quando un po' di vernice e un'idea brillante hanno riportato in vita il villaggio.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 30/07/2013 @ 09:02:32, in blog, visitato 1126 volte)

Cervello e razzismo
Quanti hanno coraggio di definirsi razzisti? Eppure, anche se non ci riteniamo tali, ricerche recenti basate sul neuroimaging hanno mostrato che di fronte a fotografie di persone appartenenti a gruppi etnici diversi nel cervello di individui bianchi...

Emilia Romagna: Regione studia nuova legge su sinti e rom, al via confronto
Una nuova legge regionale su sinti e rom, che sia "più in sintonia con le indicazioni europee e nazionali" ed una strategia "per l'inclusione quale strumento di indirizzo e programmazione deg...

Sulla pelle dei rom
"Il nostro Piano Nomadi sarà una rivoluzione copernicana", disse nel 2008 il neo sindaco Gianni Alemanno; "Un modello da esportare in tutta Europa" aggiunse il ministro dell'Interno Maroni. Questo libro-inchiesta svela...

Corso di formazione per attivisti rom e sinti: al via le iscrizioni
L'Associazione 21 luglio e il Centro Europeo per i Diritti dei Rom (ERRC) invitano tutti gli interessati a presentare la propria candidatura per il Corso di formazione per attivisti rom e sinti. Il Corso, st...

La Lombardia non si impegna contro il razzismo
Si chiedeva un "impegno" della giunta a "finanziare una campagna contro il razzismo" con spot, inserzioni e corsi per i pubblici amministratori. Contro l’odg hanno votato i partiti della maggioranza Pdl-Lega, così come la giunta - presente in aula il governatore Roberto Maroni...

Ungheria, a fuoco i rom
Una serie di delitti costata la vita a 6 rom ed il ferimento di molti altri sarebbe stata coperta da alcune strutture statali. I roghi neonazisti contro i rom non interessano all’Ungheria. Der Spiegel racconta il processo ai neon...

Italia, al via il Piano Nazionale Antirazzismo
L'UNAR organizza martedì 30 luglio il Primo Meeting del Gruppo Nazionale di Lavoro per l’elaborazione del Piano Nazionale Antirazzismo. Ne fanno parte le associazioni, tra cui la Sucar Drom e la Federazione Rom e Sinti Insieme, che h...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 29/07/2013 @ 09:01:14, in casa, visitato 1331 volte)

Nicola Negrin - Il Giornale di Vicenza 26-7-13

L'APPELLO. Replica all'assessore Sala sul progetto per l'area Cricoli. Il presidente dell'associazione rom-sinti annuncia l'appoggio al sindaco e chiede di essere coinvolto "Prima di sistemare il campo serve un confronto"

VICENZA. "Ora basta, vogliamo partecipare anche noi alle decisioni che ci riguardano". Il messaggio è chiaro. Il mittente è Davide Casadio, presidente dell'associazione sinti italiani e vicepresidente della Federazione rom sinti insieme. Il destinatario è il Comune e l'oggetto della missiva è ormai noto: la riqualificazione del campo nomadi di viale Cricoli.

"PAROLA A NOI". Non sono passate nemmeno 48 ore da quando Isabella Sala ha assicurato che l'intervento "sarà eseguito al massimo entro un anno". Eppure Casadio frena l'assessore alla comunità e alle famiglie. "Prima di prendere qualsiasi scelta - ammette - dobbiamo essere coinvolti. Se si vuole fare qualcosa in nome dell'integrazione bisogna deciderlo assieme".

"ABBIAMO VOTATO VARIATI". Il presidente dell'associazione sinti italiani parte da una premessa. O meglio, da un precedente. "Quando Achille Variati ha lanciato la sua ricandidatura - commenta - siamo stati invitati a partecipare dall'allora assessore Giovanni Giuliari. Abbiamo accettato e abbiamo anche votato il sindaco alle elezioni di fine maggio. Per questo motivo crediamo che l'amministrazione comunale debba ascoltarci".

TAVOLO TECNICO. Rom e sinti si dicono pronti a collaborare. "Anzi - continua Davide Casadio - nei prossimi giorni chiederò un incontro con il prefetto, il sindaco e gli assessori. Ci sono numerosi sinti nel Vicentino e il Comune capoluogo deve attivare delle strategie di inclusione". Quelle che ha messo in piedi da qualche anno l'Amministrazione. E lo dimostra la volontà di proseguire con il progetto di riqualificazione del campo di viale Cricoli. "Tuttavia - fa sapere il presidente - senza un vero dialogo non si va da nessuna parte".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 28/07/2013 @ 09:04:21, in scuola, visitato 1325 volte)

di Emilia Trevisani | 24 luglio 2013 Il Fatto Quotidiano

Associazioni e volontari presentano una mozione. Il Comune chiede che alle famiglie di impegnarsi di più a mandare i figli a scuola. L'assessore al sociale: "I bambini non devono fare le spese dell'insolvenza degli adulti"

A meno di due mesi dall'inizio dell'anno scolastico 47 bambini rischiano di non poter andare a scuola perché non esiste più un servizio di scuolabus. Succede alla periferia di Pisa: i bimbi coinvolti fanno parte della comunità rom del campo di via della Bigattiera, strada che congiunge la città con il litorale. Non mancano solo gli scuolabus: al campo rom non c'è acqua corrente e luce dal 2012. "Il diritto alla sopravvivenza viene ancora prima del diritto allo studio, alla Bigattiera abbiamo fatto un salto all'indietro di 20 anni" denuncia padre Agostino Rota Martir, sacerdote del campo di Coltano. Associazioni cittadine, volontari e insegnanti hanno dato la loro solidarietà alla comunità rom della Bigattiera attraverso una mozione dove si chiede al Comune di Pisa di ripristinare al più presto il servizio di scuolabus e fare in modo che il diritto allo studio non venga negato ai bambini del campo rom. Dal canto suo l'amministrazione comunale chiede alle famiglie rom di impegnarsi maggiormente nel mandare i figli a scuola. "I bambini non devono fare le spese dell'insolvenza di nessun adulto - afferma Maria Luisa Chiofalo, assessora comunale al Sociale e all'Istruzione - Il problema deve essere risolto entro settembre, per questo è stato aperto un tavolo con la Regione Toscana per gestire quella che per noi è un'emergenza".

Lo scuolabus che non c'è più
Il servizio attuale prevede tre pulmini impegnati nel trasporto degli studenti provenienti dai campi rom di Coltano e Oratoio. Ma dal 2011 non è più previsto il collegamento con la Bigattiera: il Comune lo ha tagliato perché classifica il campo rom e i suoi abitanti come "abusivi". Ma la storia appare più complessa. Di proprietà del Demanio l'area era stata data in concessione al Comune con un contratto di tre anni (dal 2007 al 2010) affinché fossero regolarizzate le posizioni abitative di 8 nuclei familiari. Circa 40 persone che, secondo il Comune, non potevano usufruire delle abitazioni consegnate alla comunità rom di Coltano nell'ambito del progetto per l'integrazione creato dalla municipalità pisana "Città Sottili".

Allo scadere del triennio la concessione non è stata rinnovata e il numero degli abitanti del campo è cresciuto: ad oggi vivono alla Bigattiera 150 persone, un terzo sono bambini. "Per quanto riguarda le bimbe e i bimbi al campo non autorizzato della Bigattiera - si legge in una nota del Comune di Pisa - solo tre dei circa 50 appartengono a famiglie che sono residenti a Pisa e che contemporaneamente sono nel comprensorio della scuola scelta: a questi è stato regolarmente assegnato il servizio come in tutti gli altri casi cittadini (il regolamento approvato dal consiglio comunale prevede che le famiglie richiedenti debbano essere residenti a Pisa e coloro che scelgono la scuola fuori dal comprensorio di residenza vengono serviti solo a riempimento di scuolabus parzialmente pieni). Quella delle bimbe e dei bimbi del campo della Bigattiera, che lo scorso anno hanno avuto frequenze in larga prevalenza basse o nulle, assume dunque i contorni di un'emergenza".

L'assessora Chiofalo assicura: "Città Sottili è un progetto che ha prodotto buoni risultati. I suoi limiti sono dovuti al fatto che non sempre c'è stata collaborazione da parte delle famiglie per il proprio inserimento sociale e lavorativo e soprattutto per l'impegno riguardo all'inserimento scolastico dei proprio figli. In ogni caso l'equazione scuolabus-scolarizzazione non esiste". Peraltro, nel caso della Bigattiera, a causa della scarsa frequenza degli alunni i carabinieri hanno fatto scattare una denuncia per abbandono scolastico nei confronti dei genitori e questo ha scatenato l'indignazione di associazioni e volontari. Alcuni cittadini hanno deciso di presentare una mozione per il ripristino del servizio di scuolabus che sarà discussa dal consiglio comunale di Pisa nei prossimi giorni con il sostegno di alcuni gruppi consiliari.

Un campo senza acqua ed elettricità
Ma alla Bigattiera c'è un problema ancora più grave della mancanza dello scuolabus: mancano acqua ed elettricità. Di fatto si va avanti con i generatori e l'acqua corrente, anche se il sistema idrico è stato riallacciato all'autoclave, è scarsissima. Come fanno sapere dalla direzione della Società della Salute di Pisa entrambi i servizi sono stati tagliati nel 2012 in seguito alle segnalazioni della Protezione Civile e dei vigili del fuoco che avevano denunciato il deterioramento (anche a causa di manomissioni) e la pericolosità degli impianti. E anche in questo caso a farne le spese sono soprattutto i bambini.

Come spiega Milorad Petroski dell'Asifar, associazione per lo sviluppo interculturale dei rom: "I bambini hanno detto di vergognarsi quando sono in classe con i loro compagni perché sono sporchi, non possono lavarsi. Le madri stesse non vogliono che vadano a scuola in quelle condizioni e mi hanno anche detto che sarebbero disposte a farli andare a scuola a piedi se prima almeno potessero lavarli. Qui non c'è nemmeno la possibilità di avere un frigorigero e ogni volta che piove il campo si trasforma in un lago di fango". Sara Cozzani, insegnante e presidente della sezione pisana di Opera Nomadi, aggiunge: "Come si fa a vivere senza luce e acqua? Questa è un'emergenza umanitaria. Il Comune insiste sull'autonomia delle famiglie ma in molti casi non è possibile. Oltre a mancare lo scuolabus i bambini sono costretti ad andare a scuola sporchi. E' degradante ed in alcuni casi, anche se isolati, perfino le insegnanti hanno fatto degli apprezzamenti sull'odore dei bambini".

Anche se di elettricità e scuolabus ancora non si parla, l'amministrazione comunale ha aperto un tavolo di confronto con la Regione Toscana per dare il via ad un micro finanziamento finalizzato alla scolarizzazione dei bimbi rom della Bigattiera che dovrebbe garantire la frequenza scolastica a settembre ma di deciso non c'è ancora niente. "Sono stato al campo della Bigattiera venti giorni fa - spiega l'assessore regionale al Sociale Salvatore Allocca - Queste persone vivono senza i mezzi minimi. La Regione deve occuparsi di tutti e non lasciare indietro nessuno. Per quanto riguarda il campo della Bigattiera stiamo pensando ad un progetto di finanziamento leggero". Nel frattempo a pagare il prezzo più alto sono i bambini.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/07/2013 @ 09:08:59, in Europa, visitato 1219 volte)

Cosmopolitan

Contest: FUN FEARLESS FEMALE

Nome: Sabiha
Cognome: Suleiman
Età: 36

Perché è candidata?
Nata nel villaggio di Xanthi, proviene da un gruppo rom. Fino all'età di 14 anni - quando si è sposata - Sabiha ha percorso tutta la Grecia, vendendo fiori a celebrazioni e festival stagionali. Però, già in età giovanile ha asserito fortemente il suo diritto all'istruzione, nonostante le varie difficoltà. Nel 2006, ha deciso di istituire la "Associazione Educativa e Culturale Speranza di Donne Rom", per il diritto all'istruzione infantile, ma anche con l'obiettivo generale di miglkiorare le condizioni di vita dei residenti. Da allora ha partecipato a conferenze e forum europei in difesa dei diritti delle donne rom per una vita migliore e più dignitosa, e nel 2009 ha vinto il Premio Internazionale Coraggio per le Donne, per la sua presenza ricorrente nel mettere in luce e affrontare i problemi della comunità rom. In questo momento, oltre che attivista è studente di secondo grado.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 26/07/2013 @ 09:02:30, in scuola, visitato 1333 volte)

21 luglio 2013 | Sergio Bontempelli - CORRIEREIMMIGRAZIONE

Il comune nega ai bambini del campo rom un mezzo per raggiungere la scuola. Ma la città insorge.

Ma i bambini rom a scuola ci vogliono andare? Secondo un antico stereotipo, la "cultura" dei rom e dei sinti non vedrebbe di buon occhio le "nostre" istituzioni educative. Ricerche più documentate, come quelle dell'Associazione 21 Luglio di Roma, mostrano invece le numerose forme di discriminazione e di esclusione nell'accesso alla scuola dell'obbligo (e non solo a quella).

A Pisa, però, è successo qualcosa che rovescia i pregiudizi diffusi: perché qui è il Comune che ha cercato di impedire la scolarizzazione dei rom, cancellando il servizio di scuolabus per i bambini del campo "Bigattiera". La vicenda ha suscitato un'imprevista mobilitazione di associazioni, famiglie e insegnanti. Vale la pena, dunque, vedere più da vicino quel che è successo.

Il campo della Bigattiera
La "Bigattiera" è la strada che congiunge la città di Pisa al litorale. D'Estate è molto trafficata, soprattutto nel week-end: le famiglie che non possono permettersi una vacanza prendono la macchina e se ne vanno sulla spiaggia a prendere un po' di sole. Con l'arrivo della stagione più fredda, la strada diventa deserta: anche perché siamo lontani dai centri abitati, non ci sono negozi né case, tutto intorno si vedono solo campi e terreni coltivati. A perdita d'occhio.

In fondo alla "Bigattiera" c'è il vecchio campeggio della Polizia di Stato: un tempo serviva agli agenti delle forze dell'ordine per farsi un po' di ferie. Poi, alla fine degli anni Novanta, è stato adibito a centro di accoglienza per i migranti albanesi. Rimasto vuoto per anni, nel 2007 è stato utilizzato dal Comune per collocarvi alcune famiglie rom, in attesa di una sistemazione migliore.
Doveva essere un campo temporaneo - "di transito", si diceva - ma come spesso accade (almeno in Italia) il provvisorio è diventato definitivo. E i rom sono rimasti lì fino ad oggi.

Nel frattempo lo "statuto" del campo è diventato oggetto di uno strano dibattito. Il Comune, che pochi anni prima aveva aperto l'insediamento, adesso lo considera "abusivo". La Regione, nella sua mappatura ufficiale, lo classifica invece come "ufficiale o riconosciuto". Un pasticcio terminologico che copre finalità diverse: perché l'Amministrazione comunale, fino a poco tempo fa, non faceva mistero di voler sgomberare il campo, mentre a Firenze si elaboravano progetti di inserimento abitativo graduale delle famiglie. Ma non divaghiamo, e torniamo alla vicenda dello scuolabus.

La soppressione dello scuolabus
Alla fine di ottobre 2011 Guia Giannessi, insegnante nelle scuole dell'obbligo, si rivolge alla stampa locale per denunciare un fatto che giudica molto grave: il piccolo autobus (il "pulmino", come lo chiamano i pisani), che accompagnava a scuola i bambini della Bigattiera, è stato soppresso. "Negli anni", spiega la Giannessi ad un giornale locale, "eravamo riusciti a portare i bambini rom a scuola. Ora gli sforzi degli insegnanti e dei genitori rischiano di andare perduti".

In effetti, per le combattive maestre del complesso scolastico "Niccolò Pisano" l'inserimento dei bambini della Bigattiera era un vero e proprio vanto. "I bambini avevano cominciato a frequentare con continuità", ci racconta Cristina Fontanelli, "molti avevano ottimi voti, e si era creato un clima di amicizia con i loro compagni di classe...".

Dopo la denuncia della Giannessi, la Giunta comunale interviene per spiegare i motivi della sua decisione. "Nel momento in cui avevamo detto che il campo sulla Bigattiera doveva essere chiuso - dice l'assessore alle politiche sociali, Maria Paola Ciccone, alla fine di ottobre 2011 - non potevamo attivare il servizio, sarebbe servito solo ad illudere chi invece deve andarsene". Per "non illudere", insomma, è meglio impedire ai bambini di andare a scuola...

Una "gara di solidarietà"
Non basta. Nell'Estate 2012, il Comune taglia la luce e l'acqua corrente: il campo rimane al buio, privo dei servizi essenziali che consentono la sopravvivenza. La situazione delle famiglie, che tra l'altro restano sotto minaccia di sgombero, è letteralmente disperata.

Per loro fortuna, però, i rom non sono soli: l'accorata denuncia delle maestre e la mobilitazione dei genitori lasciano il segno nell'opinione pubblica. Molte associazioni e volontari si mobilitano. E così, per un intero anno succede quello che difficilmente accade quando si parla di rom. I compagni di classe vanno a trovare i bambini al campo, i genitori portano la loro solidarietà alle famiglie, mentre la Pubblica Assistenza del Litorale Pisano organizza uno "scuolabus autogestito" con i propri volontari. Tutto questo non risolve i problemi, ma è un sostegno concreto a famiglie in difficoltà.

Ritorno di fiamma
Il resto è cronaca dell'oggi. Il 26 e 27 maggio 2013 si tengono anche a Pisa le elezioni amministrative. Il Sindaco uscente Marco Filippeschi - di centro-sinistra - viene riconfermato, ma qualche volto nuovo fa capolino nel Palazzo Comunale. L'assessore Ciccone - quella che aveva cancellato lo scuolabus - non c'è più, e tra i nuovi consiglieri comunali vi sono alcuni che hanno seguito da vicino la vicenda della Bigattiera.

Pochi giorni dopo le elezioni, arriva però una notizia che sa di beffa: i Carabinieri hanno aperto un'indagine contro alcune famiglie della Bigattiera, per evasione dell'obbligo scolastico. Come dire: prima si impedisce la scolarizzazione dei bambini, poi si denunciano le mamme perché non portano i figli a scuola... Ed è proprio questa notizia che riattiva la mobilitazione di associazioni, insegnanti e volontari.

Comincia così a circolare un appello che chiede l'immediato ripristino dell'energia elettrica, dell'acqua corrente e dello scuolabus: nel giro di poche ore, vengono raccolte 250 firme di altrettante personalità note a livello locale (tra cui quella dell'allenatore della squadra di calcio cittadina).

Incoraggiati da questo primo successo, i promotori dell'iniziativa decidono di fare il secondo passo: scrivono una mozione che obbliga il Sindaco a riattivare i servizi tagliati, e la consegnano al Consiglio Comunale, chiedendone l'approvazione. Due gruppi di minoranza - il Movimento Cinque Stelle e la lista civica di sinistra "Una Città in Comune", in coalizione con Rifondazione - firmano il testo e lo presentano formalmente al Consiglio. I gruppi della maggioranza, pur non firmando la mozione, si dicono interessati a muoversi: e la Presidente della Commissione sociale convoca un'audizione con le associazioni promotrici.

In bilico
La vicenda non è ancora chiusa, e i suoi esiti sono tutt'altro che scontati. La prossima settimana la mozione approderà in Consiglio Comunale, e le intenzioni della maggioranza non sono ben chiare. Da una parte, sono molti i sostenitori del Sindaco che intendono voltare pagina rispetto al passato, e che sono decisi a garantire almeno i diritti fondamentali alle famiglie rom. Dall'altra parte, vi sono fortissime resistenze: la riattivazione dei servizi al campo della Bigattiera viene interpretata da alcuni come una pericolosa delegittimazione dell'operato della "vecchia" Giunta.

Intanto, fuori da Pisa si discute di "strategia nazionale di inclusione dei rom", e in alcune città toscane si sperimentano forme innovative di superamento dei campi. Può darsi che questo vento di novità porti qualche folata anche nei pressi della Torre Pendente. Staremo a vedere.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/07/2013 @ 09:09:12, in media, visitato 1346 volte)

MEDIAROMA I mass media non dovrebbero provocare odio a Bursa

22 luglio - I cittadini questa mattina si sono svegliati questa mattina leggendo notizie riguardo a tensioni a Bursa (nella regione di Marmara). Secondo quanto pubblicato "un giovane rom ha ferito una ragazza con un fucile", e la famiglia di lei ha assaltato l'insediamento rom e dato fuoco ai loro mezzi di trasporto. I media non sottolineano l'origine etnica dell'altra parte, ma soltanto quella dei Rom. Anche se enfatizzano che una delle parti in causa è rom, nessuno di loro è stata chiamato a testimonianza, dando un'informazione pregiudizievole.

Non abbiamo la possibilità di sapere cos'è realmente accaduto nel quartiere Osmangazi Gueneshtepe di Bursa, causa il solito modo dei media di fare notizia. Non siamo stati in grado di contattare chi vive laggiù. Quindi non conosciamo i dettagli dell'incidente e la sua reale portata. D'altra parte, è lampante che i mass media vogliano legittimare quanto è accaduto. Vogliono cioè legittimare gli attacchi alle case rom e l'aver bruciato i loro mezzi di trasporto. Nelle cronache, incolpano i Rom di rubare e i loro cavalli di sporcare le strade, usando questi dettagli per giustificare il comportamento di una folla aggressiva che si può vedere nel loro video. Non c'è tuttavia nessuna ragione per giustificare un linciaggio.

Quando riceveremo i dettagli sull'incidente, li diffonderemo. A questo punto, censuriamo le provocazioni e l'approccio unilaterale dei media. Non è giornalismo usare argomenti che possono portare a gravi tensioni tra cittadini Rom e non-Rom. Ci auguriamo che che simili discorsi separatisti e provocatori terminino presto.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/07/2013 @ 09:03:45, in conflitti, visitato 1390 volte)

Amo i francesi perché dietro la loro boria e sciovinismo, si cela la coscienza di essere popolo. E popolo, significa far parte di una comunità, a cui vengono riconosciuti diritti, e non gentili concessioni. Dove il diritto non ha bisogno di essere declinato con l'aggettivo "civile", ma è quasi un comandamento religioso. Ovvio, anche lì i diritti vengono bellamente infranti, ma la cosa difficilmente passa sotto silenzio.

Accade nella terra delle baguettes che un deputato si lasci andare a commenti poco corretti. In Italia la notizia viene ripresa dal Corriere della Sera. Poteva succedere dovunque, ma in quattro e quattr'otto il francese è stato costretto a dimettersi. QUESTA LA DIFFERENZA FONDAMENTALE.

    NOTE A MARGINE

Indignez-vous nasce 3 anni fa come libriccino che presto spopola in Francia. L'autore è un autore tedesco che ne ha viste di tutti di colori.
Il libro vende bene anche da noi, ma rimane il problema di mettere assieme il nostro tradizionale menefreghismo con i valori dell'indignarsi. Paese il nostro di guelfi e ghibellini, metà della popolazione lo ignora, l'altra metà scopre lo slogan INDIGNATEVI, evidentemente lo trova di suo gusto, e da quel momento nessuno ha più avuto scampo: ci si indigna nella chiacchiere da bar, su FB, i siti di petizioni fanno affari, per non parlare dello spam... tanto, tutto resta come prima, visto che i nostri colpevoli hanno pelle (e lacrime) da coccodrilli. MODA. Innocua (e funzionale) che può adattarsi all'antirazzista da tastiera, al legaiolo, alla grande firma da giornale, al grillino che sino a due anni fa era un servetto compiacente, al sinistro che invidia la destra.

Indignarsi: Ingenuamente mi chiedo cosa possa aver detto quel deputato francese di così scandaloso. Niente di differente da quel che pensa (di nascosto) buona parte della popolazione che i Rom li conosce solo attraverso i mezzi di informazione (buoni quelli! Prima istigano e poi scrivono articoli indignati contro il razzismo).
Ci indigniamo perché NON E' BELLO prendersela con degli sfigati a vita (poveriiiini)? O ancora perché NON STA BENE tirare nuovamente in ballo zio Adolfo? O perché "PRIMA VENNERO A PRENDERE GLI ZINGARI..."?

A tutto c'è rimedio, m'hanno sempre insegnato i Rom, vediamo però di capirci:

  1. SFIGATI: Ricordavo all'inizio che neanche la Francia è il paradiso, anzi quanto a razzismo neanche lì si scherza. Come da noi, le radici del razzismo stanno nella legge e nella sua interpretazione. Ad esempio, la legge obbliga i comuni francesi sopra i 5.000 abitanti a predisporre aree attrezzate per accoglienza delle popolazioni vacanti. Buona parte dei comuni interessati preferisce pagare multe salate (siamo in Francia!) piuttosto che rispettare la legge ma inimicarsi i votanti. Ai Rom, alla gens de voyage, non resta quindi che sistemarsi dove e come possibile, preda delle stigmatizzazioni del deputato di turno (di solito MP o FN, ma qualche volta si intrufolano anche i socialisti).
  2. ZIO ADOLFO: Rileggevo una recente lettera aperta dalla Repubblica Ceca. Se lo zietto non è riuscito lui, con tutto l'apparato che aveva a disposizione, a sterminare I ZINGARI, pensate che qualcun altro possa farcela? E come, di grazia? I Francesi, come gli Italiani del resto, l'hanno provato il tallone nazista, e non è che quell'ideologia si è fermata a Rom, Ebrei, oppositori politici o religiosi... Iniziato con qualcuno (l'appetito vien mangiando), ha proseguito fino a volersi pappare l'Europa intera. Secondo voi, è possibile un nazismo democratico e selettivo, che se la prenda con I ZINGARI ma che non tocchi il buon padre di famiglia, timorato di dio e della polizia? Forse dobbiamo ripartire dagli anni '40?
    Altrimenti, da dove si riparte? Vi propongo un esame: in quella frase su Hitler che non sterminò abbastanza zingari, cosa avete inteso? Cosa sareste disposti a tollerare? Cioè: i nazisti avrebbero dovuto sterminare l'etnia (che vivesse in casa o nei carri) e/o chi viveva in determinate condizioni (cioè, indipendentemente dall'etnia, fuori dai nostri canoni)? Capiremmo meglio 1) sin dove saremmo in grado di tollerare (quanto il nazismo può essere accettabile) 2) ci daremmo nel contempo una definizione, magari approssimativa, di cosa NOI intendiamo per zingaro (cosa noi ne conosciamo), senza la quale brancoleremo nella pura accademia, 3) definiti i punti 1 e 2 e NON PRIMA, potremmo forse dedicarci alle possibili soluzioni.
  3. POI VENNERO A PRENDERE...: Non si tratta di difendere (a prescindere) gli insediamenti abusivi, altrimenti la situazione diverrà comunque invivibile per tutti. Ma di riconoscere a chi vi abita gli stessi diritti e lo stesso rispetto di qualsiasi altro cittadino. Perché i diritti (ed il rispetto) o sono di tutti, oppure sono privilegi. E poi per una ragione molto più egoistica: le botte di Genova alla caserma di Bolzaneto, certe cariche di polizia, per non parlare dell'imbarbarimento del linguaggio politico, lo squilibrio dell'informazione sulla Val di Susa, sono anche il risultato di quel "nazismo democratico e selettivo" applicato lontano dai riflettori e dai registratori, in quella terra di nessuno che sono i campi rom. Dato che la sperimentazione ha dato buoni frutti, se non altro a livello di reazione di massa, ecco che la stessa peste può dilagare. SIETE AVVERTITI.
    NOTE FINALI

Martedì scorso a Milano è stato sgomberato il cinema occupato Maestoso.

  1. Non mi interessano tanto le ragioni di quest'operazione, giusta o sbagliata che sia, ma vorrei sapere se le modalità di questo sgombero non debbano preoccupare (stavo per scrivere INDIGNARE) di più un LIBERALE (ammesso che esistano ancora) piuttosto che uno STALINISTA (ammesso che esistano ancora).
  2. Sono solo io a notare che tra uno sgombero "civile" e quello di un campo, non ci sono solo affinità nei metodi, nella "marginalità" dei soggetti coinvolti, ma anche sulle aree coinvolte? Terreni, edifici, abbandonati e tolti al bene comune, di cui qualcuno d'improvviso si riappropria in modalità più o meno ufficiali, più o meno d'emergenza, per ritornare NON LUOGHI a sgombero avvenuto. Sapendo, che ad ogni sgombero segue una nuova occupazione.
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/07/2013 @ 09:06:08, in casa, visitato 1343 volte)

19-07-2013 di Angela Sannai

ROMA - Energia pulita e a basso costo per rom e sinti, che oggi si trovano di fronte a bollette da 6-700 euro al mese, troppi per le loro tasche. Il Comune di Bologna vuole riconvertire l'energia nei campi nomadi, magari coi pannelli fotovoltaici. Lo annuncia questa mattina in question time l'assessore al Welfare, Amelia Frascaroli, rispondendo a una domanda della consigliera della Lega Nord, Lucia Borgonzoni, che accusa l'amministrazione "di aver elargito somme pubbliche", ai nomadi, "continuando in tale politica di donazione con poche speranze di riavere quanto anticipato".

Il fatto è, precisa l'assessore, che tutte e tre le aree sosta del Comune sono alimentate con energia elettrica che viene usata per ogni cosa, dal riscaldamento durante l'inverno, alle piastre per cucinare fino agli scaldabagno, e quindi alle famiglie arrivano bollette da 6-700 euro mediamente, una spesa alla quale non possono fare fronte. "La prima cosa da fare, quindi, sarebbe mettere le persone in condizioni di non pagare somme che incidono così tanto sulla loro spesa mensile". Ed è per questo che "stiamo perseguendo l'idea di una riconversione energetica delle aree sosta che ricondurrebbe i costi a delle cifre sostenibili anche per chi ha un'economia famigliare di reddito medio-basso o basso". Detto questo, "credo si debba andare sempre più verso una responsabilizzazione o quantomeno una responsabilità condivisa nei confronti di queste persone".

Quanto ai kosovari di via della Canapa, gli stessi che lunedì scorso hanno fatto irruzione in Consiglio comunale, e sui quali Borgonzoni chiede chiarimenti, l'assessore comunica che negli anni hanno accumulato morosità per 59.000 euro. Rispetto poi ad eventuali aiuti, "invece voglio ribadire che l'aiuto è stato già ampiamente dato in questi anni", sottolinea Frascaroli suscitando l'entusiasmo della leghista. "E' evidente- prosegue l'assessore- che le situazioni sono già ampiamente conosciute, quindi non hanno bisogno di essere conosciute adesso".

Poi, se nel momento dello sfratto, dell'allontanamento delle persone dagli stabili di via della Canapa, "si verificassero situazioni di particolare fragilità, soprattutto dove ci sono minori, è evidente che prenderemo misure di protezione". Ma questo "non significa che andiamo a mettere in atto chi sa quale sostegni, ché appunto credo che siano stati già tutti giocati".

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia Dire» e l'indirizzo «www.dire.it»

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


17/11/2019 @ 03:16:38
script eseguito in 178 ms

 

Immagine
 Dale Farm: The Big Weekend... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 402 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
08/11/2019 @ 09:18:43
Di FRANCESCA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
05/11/2019 @ 19:07:35
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source