\\ Mahalla : Articolo : Stampa
I nomadi si appellano a Variati: "Lo abbiamo votato, ora ci ascolti"
Di Fabrizio (del 29/07/2013 @ 09:01:14, in casa, visitato 1638 volte)

Nicola Negrin - Il Giornale di Vicenza 26-7-13

L'APPELLO. Replica all'assessore Sala sul progetto per l'area Cricoli. Il presidente dell'associazione rom-sinti annuncia l'appoggio al sindaco e chiede di essere coinvolto "Prima di sistemare il campo serve un confronto"

VICENZA. "Ora basta, vogliamo partecipare anche noi alle decisioni che ci riguardano". Il messaggio è chiaro. Il mittente è Davide Casadio, presidente dell'associazione sinti italiani e vicepresidente della Federazione rom sinti insieme. Il destinatario è il Comune e l'oggetto della missiva è ormai noto: la riqualificazione del campo nomadi di viale Cricoli.

"PAROLA A NOI". Non sono passate nemmeno 48 ore da quando Isabella Sala ha assicurato che l'intervento "sarà eseguito al massimo entro un anno". Eppure Casadio frena l'assessore alla comunità e alle famiglie. "Prima di prendere qualsiasi scelta - ammette - dobbiamo essere coinvolti. Se si vuole fare qualcosa in nome dell'integrazione bisogna deciderlo assieme".

"ABBIAMO VOTATO VARIATI". Il presidente dell'associazione sinti italiani parte da una premessa. O meglio, da un precedente. "Quando Achille Variati ha lanciato la sua ricandidatura - commenta - siamo stati invitati a partecipare dall'allora assessore Giovanni Giuliari. Abbiamo accettato e abbiamo anche votato il sindaco alle elezioni di fine maggio. Per questo motivo crediamo che l'amministrazione comunale debba ascoltarci".

TAVOLO TECNICO. Rom e sinti si dicono pronti a collaborare. "Anzi - continua Davide Casadio - nei prossimi giorni chiederò un incontro con il prefetto, il sindaco e gli assessori. Ci sono numerosi sinti nel Vicentino e il Comune capoluogo deve attivare delle strategie di inclusione". Quelle che ha messo in piedi da qualche anno l'Amministrazione. E lo dimostra la volontà di proseguire con il progetto di riqualificazione del campo di viale Cricoli. "Tuttavia - fa sapere il presidente - senza un vero dialogo non si va da nessuna parte".