Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Da maggio 2005 circa 6.000 post

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 12/12/2008 @ 09:34:25, in casa, visitato 1429 volte)

Da Roma_Daily_News

Una via di Sulukule, dove molte case attendono la demolizione per trasformarsi in hotel e centri commerciali. Articolo di Eve Coulon per TheNational

In una piccola casa di una strada percorsa dal disordine e dalle rovine di appartamenti i cui abitanti sono già andati, Goksel Gulkoperan aspetta di essere sgomberato. Al signor Gulkoperan è stato dato il termine odierno per lasciare la sua casa vicino alle mura antiche della metropoli turca, o viceversa di essere buttato a forza per strada.

"Non so dove andare," dice il signor Gulkoperan. Casa sua, come il resto del povero quartiere di Sulukule, una parte della vecchia Istanbul che una volta era un popolare centro della vita notturna e per la predominanza di popolazione Rom, sta per essere demolita per fare spazio ad appartamenti di lusso, hotel e centri commerciali.

Le autorità cittadine dicono di voler fermare il "decadimento" in questa parte di Istanbul e dare alloggi sani agli abitanti da qualche altra parte, ma i residenti e gli attivisti dicono che il piano è parte di un programma implacabile e guidato-dal-soldo di ristrutturazione che distrugge le vite di migliaia di gente.

Da quando la Turchia si è arricchita per il boom economico degli ultimi anni, molte città hanno iniziato programmi di rinnovamento urbano che rifletta questo nuovo benessere e modernità. Questo è maggiormente visibile ad Istanbul, una città con 3.000 anni di storia, diventata improvvisamente la "cool Istanbul", che attrae oltre sei milioni di turisti all'anno.

In diverse parti della città sono spuntati centri commerciali, hotel e appartamenti di lusso. Ora è il turno della storica penisola sulla parte europea che ospita l'Hagia Sophia, il Palazzo Topkapi e la Moschea Blu, ma anche quartieri come Sulukule, che letteralmente significa "torre d'acqua" perché da qui entrava un'importante tubatura al tempo dei Bizantini.

Una volta ospitava 5.000 persone, ma la popolazione di Sulukule si è dimezzata dopo il programma di reinsediamento iniziato due anni fa, dice Nese Ozan, attivista della Piattaforma Sulukule, un gruppo che sta lottando contro questi piani. "Sono già state distrutte due case su tre," dice la signora Ozan. Alcune strade nel quartiere sembrano zone di guerra, con molti edifici distrutti  e ridotti a cumuli di macerie, allontanati i vecchi proprietari.

Altre case sono ancora in piedi, ma le finestre e le porte sono state divelte. Un gruppo di uomini raccoglieva il metallo da una casa distrutta, per poterlo rivendere come ferraglia.

Ai proprietari di Sulukule è stata offerta una somma di compensazione di 500 lira (Dh1,170) a metro quadro per le loro case. Ma dato che molte delle piccole case misurano soltanto 60 mq., il denaro offerto non basta per comperare un appartamento da qualche altra parte, dice Ozan.

Sulukule ed altre zone simili della penisola storica "sono diventate regioni di decadenza e macerie nel centro di Istanbul" a causa di anni di negligenza, riporta una dichiarazione del governo municipale di Fatih, di cui Sulukule fa parte.

Inoltre, possibili terremoti sarebbero un pericolo per gli abitanti a causa dello stato precario di molte case. "Daremo appartamenti a quelli che vivevano negli edifici demoliti, si sposteranno lì" in una nuova sistemazione, ha detto in un discorso dell'anno scorso Kadir Topbas, sindaco di Istanbul. "Credeteci".

Ma in molti a Sulukule rifiutano il programma per una semplice ragione: non vogliono lasciare il loro quartiere per nuovi appartamenti in un sobborgo remoto e senza lavoro.

Yilmaz Kucukatasayyar, discorrendo con gli amici di fronte a una casa sventrata che era della sua famiglia, ha detto che i suoi genitori si sono spostati in un blocco d'appartamenti a Tasoluk, 40 km. a nord di Sulukule, vicino alle coste del Mar Nero. "Non potrei starci, è davvero molto lontano. Là non siamo felici. La nostra casa è qui, nel cuore di Istanbul," dice Kucukatasayyar. Per il momento alloggia nella vecchia casa di famiglia e sta tentando di ottenere la licenza di venditore da strada.

Quando gli si chiede cosa farà se la casa sarà abbattuta, uno dei suoi amici, Ercan Ozkulan, risponde per lui con una risata: "Allora andremo in un'altra casa, finché non finiranno."

Ma per il signor Gulkoperan nella sua casa vicina a quella di Kucukatasayyar e dei suoi amici, le cose non sono così facili. Nella sua stretta sala, Gulkoperan, 47 anni, tiene in mano delle radiografie. Ha un cancro ai polmoni, e i dottori gliene hanno già asportato uno durante un'operazione.

Quando gli venne offerto un appartamento a Tasoluk come tenutario a Sulukele, lo rivendette immediatamente per pagarsi le cure mediche e ritornò nel quartiere, dove vive con i suoi tre bambini e uno zio anziano. Ora il denaro è andato ed aspetta l'arrivo dei bulldozer.

Lì vicino, un altro proprietario, Adem Ergucel, dice che le autorità volevano pagargli un compenso per uno solo dei suoi appartamenti, quando lui ne ha due. "La municipalità è sopra la legge?" si chiede. La signora Ozan dice che gli attivisti ed i residenti hanno promosso due cause per fermare il progetto, ma anche se sinora la corte non si è espressa in merito, le demolizioni continuano.

Un gruppo di circa 30 accademici ed esperti è uscito con un progetto alternativo che hanno chiamato Stop e che dicono renderebbe possibile ai residenti di Sulukule di rimanere nel quartiere. Mustafa Demir, sindaco di Fatih, ha promesso di riguardare al progetto.

"Non è troppo tardi" per salvare Sulukule, dice la signora Ozan. Ma i progressi del progetto, che dovrebbe completarsi nei prossimi due anni, suggeriscono che i piani cittadini sarebbero duri da fermare. "Le conseguenze sociali saranno terribili," dice la signora Ozan.

Ci sono anche critiche internazionali. "La popolazione Rom ha affrontato diverse istanze di demolizione di comunità, sgomberi forzati ed esposizione a povere condizioni di vita e sanitarie, senza far mai ricorso pubblico," ha detto questo mese la UE in un rapporto sui progressi della Turchia come paese membro candidato.

"Le demolizioni dei quartieri rom, in alcuni casi sono diventati sgomberi forzati," continua. Il rapporto della UE ha notato anche che la commissione per i diritti umani del primo ministro turco, ha richiesto un'indagine su possibili violazioni dei diritti umani a Sulukule.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/12/2008 @ 08:45:05, in Italia, visitato 1490 volte)

Ricevo da Piero Maria Maestri

Ciao a tutte/i,

ieri pomeriggio (10 dicembre, ndr) ho partecipato ad un incontro con il Prefetto (in qualità di Commissario straordinario alla "emergenza Rom") con una delegazione della Commissione consiliare Servizi sociali della Provincia.

Voglio condividere con voi alcune informazioni che ci ha fornito – magari le avevate già registrate, e in questo caso mi scuso – e alcune riflessioni.

Sui numeri. I dati del censimento parlano di 3531 "nomadi" presenti nel territorio della Provincia di Milano tra campi autorizzati e abusivi. A questi, secondo il Prefetto vanno aggiunti circa 500 persone "itineranti", presenti cioè ora in un comune ora in un altro.

Sempre secondo il Prefetto altre 800/900 persone (soprattutto neocomunitari) sarebbero andate via per evitare il censimento. Tra parentesi, il censimento si sarebbe svolto in maniera tranquilla con qualche caso di polemiche (come via Impastato "a causa dell’orario in cui si è svolto" – sic!).

In sostanza, nella provincia ci sarebbero stati nella scorsa primavera circa 5000 "nomadi": più o meno quello che le ricerche più serie sostengono da anni.

Alla faccia dei Penati e DeCorato di turno che hanno parlato di 10.000, poi 25.000, di "invasione eccetera.

E alla faccia del Ministro Maroni che alla presentazione del censimento (vedi comunicato che vi allego) parlava di 12.000 allontanatisi all’inizio di giugno (a meno che fossero tutti a Roma e Napoli….).

Per meglio specificare:

  • nei 12 campi autorizzati nel Comune di Milano ci sono 1331 persone (di cui 601 minori) – 587 italiani;
  • nei 18 campi non regolari del Comune di Milano ci sono 797 persone (299 minori) – 109 italiani, 307 comunitari, 380 extracomunitari e 1 apolide;
  • nei 9 campi autorizzati nel resto della provincia 363 persone (134 minori), in maggioranza italiani;
  • nei 34 comuni con presenza di insediamenti irregolari ci sono 1071 persone (422 minori) – di cui 526 italiani.

A questi vanno appunti aggiunte circa 500 persone "itineranti".

Anche in questo caso, come sostengono le ricerche più credibili, circa il 35-40% dei "nomadi" sono cittadini italiani.

Capitolo minori (ai quali, parole del Prefetto "a nessuno sono state prese le impronte digitali").

Prendendo i dati delle presenze nel comune di Milano, nei campi autorizzati su 359 bambine/i in età scolare, 341 risultano iscritti alle scuole e di questi 299 sarebbero frequentanti!

Nei campi irregolari su 299 minori (mi manca il dato di quelli in età scolare, che presumo sia intorno a 220/250…) 208 risultano frequentare le scuole dell’obbligo.

Non sono così convinto che i dati siano così "idilliaci" (scherzo: un centinaio di bambini che non frequentano la scuola dell’obbligo è una sconfitta per tutti noi…), ma in ogni caso i soliti dati allarmistici (il solito Penati parlava del 3% di bambini Rom frequentanti le scuole!) sono piuttosto ridimensionati.

Resta il problema di una politica inadeguata a garantire la scolarizzazione dei Rom, assolutamente possibile visti i numeri di bambine/i di cui si sta parlando.

A questo punto, secondo il Prefetto, si dovrà avviare la "Fase B2, quella della "razionalizzazione delle presenze".

In primo luogo si sta approntando (con il Comune di Milano) un regolamento della presenza nei campi (che parte anche dai Patti di legalità…), di cui non siamo riusciti ad avere la bozza, anche perché sarà in discussione anche nel gruppo di lavoro specifica presso il Ministero dell’Interno (come dice un comunicato del Ministero "con i Prefetti di Roma, Milano e Napoli, Commissari straordinari per l’emergenza relativa agli insediamenti di comunità nomadi, e con i rappresentanti del ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali, del ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, e con il presidente dell’UNICEF").

L’ipotesi è comunque quella di far gestire i campi (quello continua a essere il nome, alla faccia del "zero campi"!) ad un "gestore sociale", che farebbe anche "servizio di portierato, vigilanza e collaborazione con il Comune". Si vorrebbe scegliere per questo il terzo Settore (olè!).

Una volta fatto il regolamento "si vorrebbero evitare nuove presenze".

Dalle risposte ad alcune domande rivolte (tralascio qualche battutina polemica che è stata rivolta al Prefetto) risulta anche che:

  • non esiste alcun progetto per gli attuali insediamenti "abusivi" – ribadendo che negli ultimi tempi non sono stati fatti veri sgomberi e solo per ordinanze, sicurezza ecc. Si penserebbe a nuove localizzazioni nei comuni ("ma i sindaci non sembrano molto disponibili…");
  • il Prefetto sarebbe propenso a chiedere poteri su tutto il territorio della Lombardia (perché in provincie come Cremona, Mantova ecc. ci sarebbero più spazi vuoti. Tenete conto che il Prefetto già altre volte ha fatto capire di ritenere "spazio vuoto" il verde agricolo!!!) ;
  • per l’emergenza il Commissario ha un finanziamento di 1 milione di Euri (non ancora arrivati, peraltro);
  • il Prefetto ha eluso la domanda sul coinvolgimento del "Tavolo Rom" (reso superfluo dai poteri commissariali, pare di capire) e tantomeno risulta interessato ad un coinvolgimento di rappresentanti dei Rom ("anche perché rifiutano qualsiasi tipo di regolamento"…).

Questo l’incontro. Nulla di nuovo, quindi, ma solamente la conferma che non esisteva né esiste alcuna "emergenza Rom"; che di fronte alla vera emergenza (2000 donne, uomini e bambini in condizioni disperate e in questi giorni sotto la neve) non esiste alcun progetto (anzi, De Corato parla di sgombero di Bacula a gennaio!); che i Rom sono solamente materia di scontro elettorale e di propaganda sicuritaria.

Vi abbraccio tutte/i, Piero

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/12/2008 @ 09:35:29, in Italia, visitato 1585 volte)

Premessa noiosa: da circa un mese sento discutere su quanto Facebook sia alienante, sul fatto che bisogna starne distante perché è pieno di gruppi fascisti (che si chiudono e riaprono a velocità pazzesca), sul fatto che è pieno di programmi inutili. Io rimango della vecchia idea che non bisogna buttare via bambini assieme all'acqua sporca. Ad esempio, ho conosciuto meglio persone che già frequentavo, trovato nuovi collaboratori e lettori, frequento gruppi di discussione sugli argomenti che mi stanno a cuore, ho trovato partecipanti ad iniziative...

Proprio su Facebook mi è stato segnalato questo lungo e interessante articolo di Eugenio Viceconte sul portale di Sinistra Democratica: spiega bene gli arretramenti delle politiche sociali negli ultimi 10 anni, in particolare l'odissea di quest'ultimo anno, dove media e politica hanno fatto gli straordinari per costruire "il pericolo zingaro". Noto lo sforzo di chi ha scritto nel cercare anche soluzioni "politiche" e non di buonismo alla presenza di forse 150.000 Rom e Sinti in Italia. Insomma: grazie per la solidarietà, ma ora è tempo di sporcarsi le mani e di promuovere soluzioni politiche!

Quando il governo ha dato corso alle promesse elettorali sulla sicurezza ed ha messo in scena le azioni repressive contro "zingari", in particolare la sciagurata campagna della raccolta delle impronte ai bambini, nel popolo della sinistra si è colto qualche segnale di indignazione e s'è fatta strada l'idea che alla gente Rom e Sinti venisse negato qualcuno dei diritti fondamentali dell'uomo previsti dalla Dichiarazione Universale e le immagini dei roghi di Ponticelli hanno creato dolore e sconcerto facendo prendere coscienza che il razzismo del nostro paese è una realtà concreta.

Poi è arrivato l'attacco alla scuola, la crisi economica e nei sondaggi la paura della povertà ha sostituito l'ansia per la presenza dei Rom; il risultato è stato che di Ponticelli e di impronte non si parla più.

Ovvero, la litania contro il governo "che prende le impronte ai bambini rom" e rimasta nelle frasi fatte negli articoli politici e nei blog, anche se la norma, per l'intervento della comunità europea, è stata ritirata.

Un modo per connotare il governo di destra e delle città amministrate dagli sceriffi quando anche l'opposizione dei Diritti dei Rom sembra essersi completamente dimenticata.

La "crisi" ha fatto ripiombare sul tema dei diritti umani della più grande minoranza europea la cortina di silenzio che grava da sempre.

Non che sia scemato in questi mesi "l'accanimento contro gli zingari".

L'opinione pubblica continua ad essere ferocemente xenofoba fomentata da una stampa ed una TV spietatamente attive nel creare odio cieco ed ingiustificato allarme.

Da parte sua il governo e le amministrazioni comunali hanno continuato un'azione costante di intimidazione sulla popolazioni rom e sinti.

Continuano di buon passo i piani per smantellare quel poco di sostegno sociale che, malamente, era stato dato per far fronte a progetti di integrazione vecchi di venti anni; come continuano i progetti di rimozione sociale dell'etnia rom da allontanare, marginalizzare, isolare, espellere, nascondere.

Si vanno anche consolidando preoccupanti progetti di allontanamento dei minori dalle famiglie con la creazione dei presupposti ideologici nella società tali da far accettare l'equazione "povertà = perdita della patria potestà".

Ma non è questa la sede per fare l'analisi puntuale delle discriminazione in corso contro la gente rom e sinti da parte di questo governo e delle amministrazioni locali ne per mettere in evidenza il pensiero razzista insito nella società italiana. Ci sono siti che quotidianamente si battono su questi temi (*) ed a questi vi rimando.

Invece è importante fare il punto sui ritardi della politica italiana in generale e della sinistra in particolare sulla battaglia per l'applicazione della Dichiarazione universale dei Diritti dell'uomo per la gente Rom e Sinti in Italia.

Le direttive europee per l'applicazione della Dichiarazione universale dei Diritti dell'uomo.

La comunità europea riconosce che in Europa i Rom e i Sinti sono ancora oggetto, in varia misura, di discriminazione, emarginazione e segregazione.
In Italia, a dispetto da quanto previsto dalle raccomandazioni europee, non c'è un riconoscimento giuridico dei Rom e Sinti come minoranze etnica e linguistica.

Su questi temi c'è uno storico ritardo della sinistra che praticamente non ha fatto niente per difendere il diritto all'identità culturale al popolo rom e sinti. Ritardo è ancora più triste se si pensa che negli anni settanta, in particolare per l'azione di Lelio Basso, la sinistra italiana ha contribuito in maniera determinante alla stesura della Dichiarazione universale dei diritti dei popoli, espressa nella Carta di Algeri, e fatta proprio nelle direttive dell'ONU e della Comunità europea.

Il tema della identità è centrale per superare l'attuale emergenza civile della discriminazione di una minoranza fortemente penalizzata da una oggettiva segregazione economica in gran parte derivante dal pregiudizio etnico.

Le raccomandazioni europee per il pieno conseguimento dei Diritti dell'Uomo per la minoranza Rom e Sinti dovrebbero rappresentare un percorso politico per la sinistra italiana.

Nelle raccomandazioni europee si richiede:

  • Il riconoscimento dello status giuridico dei Rom e dei Sinti
  • Programmi per il miglioramento dell'integrazione nella società come individui, comunità, gruppi minoritari,
  • Partecipazione ai processi decisionali a livello locale, regionale, nazionale ed europeo
  • Garantire, come gruppo minoritario, trattamenti per l'istruzione, l'impiego, l'assistenza medica, i servizi pubblici e situazione abitativa
  • Mettere in atto azioni positive a favore delle classi svantaggiate quali i Rom ed i Sinti per l'impiego, l'alloggio e l'istruzione
  • Creare istituzioni speciali per proteggere la lingua, la cultura, le tradizioni e l'identità Sinte e Rom
  • Combattere il razzismo,la xenofobia e l'intolleranza e garantire in trattamento non discriminatorio dei Rom e Sinti a livello locale, regionale, nazionale ed internazionale. Si veda la Raccomandazione N.R. 1557 (2002) adottata da l'Assemblea Parlamentare del Consiglio d'Europa, il 25 Aprile 2002 [http://sucardrom.eu/europa.html#1557 ]

Questo percorso politico sociale, che deve garantire ai Rom e sinti, tra l'altro, l'accesso alla piena cittadinanza ed alla libera circolazione, il diritto all'abitazione, al lavoro ed alla scolarizzazione, deve sfociare nel riconoscimento del diritto alla differenza come valore sociale ed occasione di incontro tra diverse società e culture.

Occorre aver ben presente che l'etnia Rom e Sinti non è un corpo estraneo in Italia ed in Europa.

Più della metà dei Rom e praticamente tutti i Sinti sono cittadini italiani, radicati nella cultura regionale e nazionale da secoli, e non hanno niente a che fare con il nomadismo.

Su questa parte di popolazione italiana sopravvivono, nella cultura maggioritaria, preconcetti e mitologie che non permettono il superamento delle barriere all'integrazione nella diversità culturale della gente rom-sinti. La "zingara ladra di bambini" ne è l'esempio più eclatante mille volte smentito e ancora ingiustificatamente vivo. Una stampa spesso appiattita sul luogo comune xenofobo, quando non asservita all'interesse politico, non aiuta a modificare i preconcetti di una opinione pubblica prevenuta ed impaurita.

Di contro l'Italia non ha mai fatto i conti con il suo passato razzista.

Un chiaro sintomo, simbolico quanto significativo è la mancanza nella Giornata della Memoria del ricordo dello sterminio dei Rom, (porrajmos,divoramento in lingua romanì)

I rom balcanici, la cittadinanza e lo jus soli

Se ci sono fortissimi ritardi sul riconoscimento pieno dei diritti dei Rom e dei Sinti italiani, che anzi stanno regredendo per situazione abitativa e per accesso al lavoro, la situazione dei Rom di vecchia e recente immigrazione è particolarmente critica.

Per ben quarant'anni ben poco è stato fatto per approntare politiche di accoglienza rispetto al flusso migratorio dei Rom provenienti dalla area dell'allora Jugoslavia, flusso cominciato negli anni 70 e culminato all'inizio degli anni 90 in concomitanza con la dissoluzione del paese.

A ben vedere l'immigrazione rom dai Balcani è stata costituita da rifugiati per la situazione bellica, etnica e di disgregazione nazionale del paese di provenienza.

La popolazione Rom balcanica paga con l'emarginazione la decennale mancanza di politiche di accoglienza e di inserimento graduale. L'effetto più disastroso è la sciagurata situazione dei grandi dei grandi "campi nomadi" che restano l'unica possibilità abitativa per queste popolazioni.

Da tener presente che tra i rom di origine balcanica c'è una nettissima prevalenza di persone arrivate giovanissime in Italia o nate in Italia (seconda e terza generazione) che non hanno più alcun legame linguistico e di cittadinanza con le zone d'origine, di fatto apolidi poiché non riconosciuti dalle neo repubbliche balcaniche e che in pochissimi hanno avuto la cittadinanza Italiana.

In Italia non è previsto lo jus soli (cittadinanza per diritto di suolo) e quindi un ragazzo nato e cresciuto in Italia, con la scolarizzazione dell'obbligo e, qualche volta, con un diploma, divenuto maggiorenne si trova quasi sempre nella paradossale situazione di non poter accedere ne alla carta d'identità ne al permesso di soggiorno. Quindi viene loro negato l'accesso al lavoro.

Esiste quindi la necessità di definire una normativa che garantisca la cittadinanza per diritto nascita sul territorio italiano. Alla estrema destra che raccoglie firme per espulsioni indiscriminate qualcuno dovrebbe spiegare che questa componente non ha altro luogo in cui andare se non l'Italia.

Per questa popolazione, in gran parte apolidi di fatto, non esistevano e non esistono problemi di censimento. Sono infatti da sempre inseriti nell'assistenza sanitaria, nei programmi di sostegno e di scolarizzazione e, per alla nascita, registrati all'anagrafe.

L'immigrazione dei Rom Rumeni

L'ultima parte dell'immigrazione rom, a partire dalla fine degli anni 90 è stata costituita da rom provenienti dalla Romania.

Una immigrazione "alla spicciolata" di piccoli nuclei familiari estremamente poveri, spinti all'emigrazione da una situazione di disaggio sociale fortissima nel paese d'origine. Poco propensi a creare una presenza stabile in Italia hanno occupato spazi di sopravvivenza ancora più marginali.

In particolare questa popolazione è dispersa sul territorio in piccoli gruppi, in situazioni abitative precarie ed ha poco a che vedere anche con i campi nomadi.

La sicurezza, le politiche abitative e l'integrazione con il territorio

Intorno all'arrivo dei Rom Romeni, nel frattempo divenuti cittadini europei, è montato un allarme sociale spesso immotivato che ha travolto anche le popolazioni preesistenti. Tra l'altro i numeri sulla presenza rom propagandati dalla stampa e dalla politica all'inizio della campagna di allarmismo seguito al caso Reggiani erano enormemente sopravvalutati, anche rispetto alle stime in possesso delle autorità all'inizio del 2007, stime che poi si sono rilevate rispondenti alla realtà.

L'effetto è stato che le politiche e gli inasprimenti introdotti dal decreto sicurezza rischiano di fermare il processo, lentamente iniziato di inserimento nel tessuto sociale di tutte le popolazioni rom e sinti,, ormai di fatto italiana, ledendo i diritti di base di persone già fortemente marginali nel tessuto economico.

La politica proposta dal governo e dalle amministrazioni comunali, incentrata sull'isolamento sociale, tende a non superare la logica dei megacampi.
Anzi si tende ad "istituzionalizzare" il disaggio e l'emarginazione sociale mediante la segregazione abitativa.
Questo non aiuta la risoluzione di un problema essenzialmente di carenza di diritti per l'etnia rom, e non risolve neanche i problemi legati all'illegalità verso cui una popolazione priva di fonti di sostentamento e di possibile inserimento nel mondo del lavoro viene sospinta.

La politica abitativa è essenziale per creare fattori di inserimento sociale.
Oggi, ad esempio una ragazzina rom del famigerato Casilino 900, una vera favela, va a scuola con classi di ragazzi del quartiere, va dal medico di base, quando sarà trasferito il campo al di fuori del raccordo anulare, secondo il progetto Alemanno, si troverà a far scuola in un container tra soli bambini rom ed ad essere assistita da un medico della croce rossa, in una situazione di militarizzazione e di isolamento.

La rappresentanza politica e l'autodeterminazione

Ultimo ma non meno importante punto è quello della rappresentanza politica del mondo Rom e Sinti. Prevista dalla normativa europea è forse l'aspetto più disatteso del processo di integrazione del contesto italiano.

Fino ad oggi le comunità Rom e Sinti non hanno mai avuto una voce diretta per esprimere le proprie posizioni ne per governare e partecipare all'impostazione dei processi di integrazione.

Una politica realmente aperta al rispetto dei diritti dell'Uomo deve necessariamente aprire degli spazi di rappresentanza sia alle organizzazioni che aggregano la complessità etnica, nazionale e culturale delle genti Rom e Sinti, sia aprirsi ad accogliere singoli esponenti provenienti da questa cultura minoritaria.

La politica deve diventare anche luogo di incontro perché si possa arrivare all'obiettivo dell'integrazione nel rispetto della diversità culturale.

Fonti

FEDERAZIONE "ROM SINTI INSIEME"
È la maggiore organizzazione di autorappresentanza delle numerose associazioni del mondo Rom e Sinti si esprime tramite il un blog istituzionale [http://comitatoromsinti.blogspot.com/ ].

Sucar Drom
È un blog [http://sucardrom.blogspot.com/ ] è la voce dell'Istituto di Cultura Sinta, e dell'associazione Sucar Drom e costituisce la fonte più sull'argomento.
Di particolare utilità è il sito istituzionale di Sucar Drom [http://sucardrom.eu/home_it.html ] che raccoglie la documentazione essenziale per capire e cominciare a conoscere le Minoranze Nazionali ed Europee Sinte e Rom e per definire gli obiettivi per il pieno riconoscimento dei diritti di cittadinanza. Utilissimo è il quadro legislativo [http://sucardrom.eu/legislazione.html ], che a partire dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo, riporta la vastissima legislazione internazionale, europea, italiana, regionale che dovrebbe garantire a questo popolo dignità ed eguaglianza ed è invece largamente disattesa.

RomSinti@Politica
È il vivace e combattivo blog di gran parte del direttivo della Federazione Rom e Sinti Insieme [http://coopofficina.splinder.com/ ]

Mahalla
È una finestra sulla galassia rom, raccoglie e segnala notizie da tutto il mondo con una specifica attenzione ai temi della difesa dei diritti dell'uomo. [http://www.sivola.net/dblog/ ]

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/12/2008 @ 09:49:46, in scuola, visitato 1388 volte)
Czech_Roma

Discriminazione nelle scuole

A fine novembre, dopo lunghi periodi di silenzio dal governo ceco sulla segregazione scolastica dei Rom, Ondrej Liska, il ministro dell'istruzione, intende adoperare un metodo rivoluzionario di "inclusione" volto a "terminare la discriminazione nelle scuole". Ma cosa significheranno in pratica queste parole?

Un primo test cruciale arriverà all'incontro di questa settimana del Consiglio dell'Unione Europea, quando la Repubblica Ceca renderà pubblica l' agenda per la sua presidenza dell'UE, programmata per il 1 gennaio.

Secondo rapporti interni, la questione Rom sarebbe assente dall'agenda. Sarebbe un'opportunità persa, non solo per i Rom, ma per l'Europa nel suo complesso.

Nonostante alcuni progressi, persiste una rigida realtà per i Rom. Continuano ad essere i più poveri, ad avere meno accesso al sistema sanitario e soffrire di tassi di disoccupazione più alti  tra le maggioranze nazionali. La media di vita dei Rom nell'Europa Centrale è di 10 anni inferiore a quella dei non-Rom. Molti Rom non completano l'istruzione primaria, pochi vanno alle superiori e ancora meno all'università.

L'anno scorso, la più alta corte europea pubblicò una decisione approfondita secondo cui la segregazione razziale nelle scuole - una brutta cicatrice su gran parte del paesaggio europeo - era una violazione di legge. La decisione riguardava 18 bambini della Repubblica Ceca che erano stati assegnati a scuole speciali per disabili mentali con modelli razziale sproporzionati.

Come suggeritomi dal consulente legale, ero incoraggiato dalla decisione del tribunale; ma passato un anno, i Rom rimangono confinati in scuole separate.

Le autorità ceche hanno la possibilità di rimediare a questo danno. Dovrebbero iniziare annunciando alla sessione di giovedì del Consiglio che i Rom saranno una priorità per la prossima presidenza. L'approfondimento della recessione globale solo sottolinea l'assurdità di continuare a marginalizzare 10-12 milioni di cittadini.

James A. Goldston, Prague Executive director, Open Society Justice Initiative.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/12/2008 @ 12:53:58, in Italia, visitato 3465 volte)

Dal blog Casilino 900

foto tratta da reterom.blogspot.com

E' accaduto all'1.30, mentre l'intera città era colpita da una pioggia dura e incessante.
Arriviamo al campo alle 10 di mattina, dove troviamo Hackja (uno dei direttori dei lavori, il portavoce dell'area bosniaca del campo) assieme ai figli e al gruppo operativo NAE.
La casa è recintata dai nastri gialli della Polizia Municipale.
Mancano le parole, a tutti.

Due giorni prima accanto alla casa si era tenuta la riunione degli anziani del campo. Erano 50 anni che non accadeva una cosa simile. Il fuoco acceso in una vasca da bagno ardeva scaldando i pensieri e le parole dei saggi, argomentando le posizioni da intraprendere per il futuro delle famiglie e dell'insediamento.
Desiderio di futuro e voglia di parteciparne.

Credo che con Savorengo Ker sia andata definitivamente in fumo la burocrazia che ha bloccato i lavori di costruzione della casa e nient'altro. Dal 28 luglio la casa aspettava di essere completata e inaugurata. Cavilli burocratici, posizioni politiche e l'ambiguità di chi ha patrocinato il progetto hanno bruciato Savorengo Ker.

Il degrado è figlio dell'abbandono, della mancanza di cura. Per questo l'architettura in legno di Savorengo Ker è crollata bruciando nel rogo dell'impotenza, lasciando che cenere e fango si confondessero nel presente di una città dei forti.

Savorengo Ker avrebbe potuto essere la biblioteca di un nuovo sapere, i suoi libri avrebbero testimoniato la nascita di una cultura dell'incontro e della reciprocità, le mappe archiviate negli scaffali avrebbero testimoniato il passaggio epocale dalla discrimanzione all'accoglienza del popolo rom nel mondo dei gagè, i suoi video infine avrebbero raccontato come sia possibile costruire assieme la città attraverso la fiducia reciproca.

Savorengo Ker avrebbe contenuto volumi pericolosi. Tutti i cittadini avrebbero potuto leggervi la vera storia di una persecuzione, quella del popolo rom, oscurata dalla televisione e dai giornali.

Ma con Savorengo Ker è bruciato solo il legno che la teneva in piedi.
Dalle ceneri della casa nasce un nuovo desiderio.

per stalker, ilaria

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/12/2008 @ 08:52:08, in Italia, visitato 1604 volte)

Ricevo da Roberto Malini

Favola di Natale a Pesaro: Marco, un 44enne italiano, perde il lavoro, quindi la casa. I servizi sociali ignorano il suo caso e si ritrova in mezzo alla strada, povero, al freddo e senza un futuro. Gruppo EveryOne: "Quando tutto sembrava perduto, un "carabiniere buono" l'ha aiutato e le famiglie Rom di Pesaro l'hanno accolto, condividendo con lui un tetto sulla testa, un po' di zuppa e tutto il loro calore umano. La favola di Marco deve essere un monito perché le Istituzioni e la gente ritrovino la via della solidarietà".

Pesaro, 13 dicembre 2008. Natale si avvicina e in Italia vi sono migliaia di senzatetto che sopravvivono in condizioni socio-sanitarie tragiche. Gli ospedali sono pieni di un'umanità dolente, sopraffatta dalla fame, dal freddo, dalle malattie, dall'indigenza. Il 10 novembre scorso ha destato orrore il caso di Andrea Severi, senzatetto di Rimini aggredito mentre riposava su una panchina e dato alle fiamme da quattro giovani italiani di buona famiglia. E' ancora in gravi condizioni, con ustioni estese e terribili. Ma l'odio che circonda i poveri è vivo e palpabile in tutta Italia, tanto che spesso le cittadinanze accusano i volontari della Caritas di essere "un ricettacolo di barboni, alcolizzati e sbandati". Da mesi i dirigenti dell'associazione cristiana lanciano l'allarme: "Il razzismo e l'intolleranza dilagano; hanno vinto gli impresari della paura".

"Natale 2008 sarà ricordato dai 'clochard', dai Rom e dai migranti più svantaggiati che vivono in Italia come un giorno di emarginazione, povertà e gelo," affermano preoccupati Roberto Malini, Matteo Pegoraro e Dario Picciau, leader del Gruppo EveryOne. "Le Istituzioni non solo hanno abbandonato a se stessi i disagiati, ma fanno a gara per emanare ordinanze atroci, la cui crudeltà è sempre più raccapricciante". In questo clima di intolleranza e sofferenza, però, si è verificata anche una commovente "Favola di Natale", all'insegna dell'amore e della solidarietà. "E' una vicenda che si svolge tra Fano e Pesaro," raccontano Malini, Pegoraro e Picciau, "due città in cui purtroppo l'intolleranza verso i poveri, gli stranieri e i Rom raggiunge punte fuori controllo di persecuzione, avversione e indifferenza. A Pesaro siamo costretti a lottare ogni giorno, fra mille difficoltà, per salvare la vita a cittadini Rom romeni in condizioni spaventose, abbandonati a se stessi e sgraditi. Fano è nota per le ordinanze contro i senzatetto, che obbediscono alla linea dura del governo italiano, ma violano di fatto tutte le leggi internazionali sui diritti dell'uomo. In questo clima che non ha niente di natalizio né di civile o cristiano," proseguono gli attivisti, "il sentimento di solidarietà, che è alla base della vera civiltà, non è però morto". A Fano è iniziato il calvario di un uomo, Marco Ripanti, 44 anni, che dopo aver lavorato per tanti anni con coscienza, gli ultimi nove alla Berloni - dove i colleghi lo ricordano ancora per la sua attività svolta sempre con puntualità e sacrificio - si è separato dalla famiglia, a causa di un matrimonio sfortunato ed è rimasto disoccupato, dopo i tagli del personale effettuati dal mobilificio pesarese. "Marco, che è nato a Fano e risiedeva da sempre in città, si è trovato così in mezzo alla strada, senza casa e senza mezzi di sostentamento," continua EveryOne. "Ha chiesto aiuto ai servizi sociali, ha presentato una domanda di alloggio popolare, ha cercato disperatamente un nuovo lavoro, anche umilissimo. Nonostante la chiara situazione di urgenza, però, le Istituzioni locali hanno incredibilmente respinto tutte le sue richieste, lasciandolo nella condizione di senzatetto".

"Quando si è abituati a una vita normale, la vita di chi lavora per mantenere la propria famiglia, va in chiesa e al cinema con i propri cari, fa il tifo per una squadra di calcio o di basket, abituarsi all'esistenza del 'clochard' è difficile," dice Marco, sconsolato. "Vivendo nelle strade, mi sono accorto di quante ingiustizie esistano, di quanto dolore ci circondi. La gente guarda i poveri con diffidenza e paura, non sa che quello che è capitato a me può succedere a chiunque, da un giorno all'altro". Marco trascorre giornate durissime. E' difficile, per lui che vuole mantenersi una persona onesta, procurarsi il pane quotidiano e un tetto sulla testa, quando scende la notte, la temperatura diventa gelida e il mondo esterno è pieno di insidie. A Fano le Istituzioni, le autorità di ordine pubblico e una parte della cittadinanza mostrano una vera e propria avversione per i poveri. Un gruppo di cittadini è giunto a sequestrare le panchine su cui i derelitti si coricavano la notte. Episodi di intolleranza, in città, sono piuttosto frequenti e i 'clochard' sono guardati a vista, mentre i servizi sociali, la cui missione dovrebbe essere proprio quella di aiutarli, girano la faccia altrove. Così si è spostato a Pesaro, dove incontra, è vero, disprezzo e rifiuto da parte di molti, ma anche un barlume di accoglienza. "Abbiamo battezzato Pesaro 'la città dal cuore di metallo' in riferimento alla celebre scultura di Arnaldo Pomodoro," proseguono i leader EveryOne, "ma soprattutto all'atteggiamento intollerante e alla mancata assistenza da parte delle Istituzioni verso i poveri, i migranti in difficoltà e i Rom. Questi ultimi suscitano addirittura una fobia irrazionale, da parte del sindaco e di molte autorità locali, che non solo li condannano all'esclusione, ma rifiutano persino di ricevere i nostri rappresentanti quando si verificano emergenze umanitarie. Marco però ha conosciuto, proprio a Pesaro, anche i 'buoni' di questa Favola di Natale. Il primario dell'Ospedale San Salvatore, che ha aperto tutte le porte ai bisognosi, senza eccezioni né distinzioni. Poi, un carabiniere, che svolge il suo dovere con coscienza, ma non ha mai rinunciato ad amare il prossimo, a 'servire e proteggere' i più deboli. E' lui che ci ha fatto conoscere il caso di Marco. Ma i veri protagonisti della nostra fiaba natalizia sono... i Rom di Pesaro. Quando sono venuti a sapere della situazione in cui si trova Marco, povero come loro, emarginato come loro, esposto ai pericoli del freddo e dell'intolleranza come loro, le famiglie Rom romene che vivono fra mille difficoltà in città hanno fatto a gara per accoglierlo. Non posseggono niente, sopravvivono in due edifici abbandonati - una casa colonica fatiscente e una fabbrica dismessa - ma sono ancora capaci di solidarietà e amore per il prossimo".

"Nessuno deve vivere da solo e senza un rifugio," ha detto la signora Mariana Danila, quando ha saputo delle vicissitudini di Marco. "Qui nella fabbrica c'è ancora posto e almeno potrà vivere al sicuro. Un piatto di zuppa e un po' di pane non gli mancheranno e di notte potrà dormire ben coperto e senza timore. Siamo poveri anche noi, perché nessuno dà un lavoro né a me né ai miei figli e il Comune ci ha detto che non ha la possibilità di aiutarci, ma siamo buoni cristiani". Da oggi Marco vive con i Rom di Pesaro, che gli hanno teso la mano proprio quando la disperazione era divenuta insopportabile e gli hanno offerto il calore umile di un desco e di una famiglia. "Un altro dramma è stato scongiurato," concludono gli attivisti, "nella 'città dal cuore di metallo'. Ora dobbiamo continuare a dialogare con Istituzioni che sembrano insensibili come pareti di ghiaccio, perché si torni sulla via della civiltà e del rispetto dei Diritti Umani. La 'favola' di Marco e dei Rom non deve toccare i cuori solo per un attimo, come se fosse un film di Natale, ma deve indurre tutti, a partire da chi ci governa e dalle autorità locali, a cambiare atteggiamento verso gli emarginati e comprendere che la solidarietà non è solo 'assistenzialismo', ma un aspetto basilare della società umana, fondamento della democrazia e della civiltà. La solidarietà produce la vera sicurezza e il vero benessere, mentre l'intolleranza semina odio, dolore e morte".

Gruppo EveryOne
Tel: (+ 39) 331-3585406 - (+ 39) 334-8429527
www.everyonegroup.com :: info@everyonegroup.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/12/2008 @ 09:09:19, in casa, visitato 4222 volte)

CityRom ha ripreso la presentazione di alcuni campi sosta comunali del milanese. Oggi si parla del campo di via Bonfadini, domani di quello di via Impastato.

(@2008 google - Immagini @2008 digitalGlobe, Cnes/Spot image, GeoEye)

L'"area abitativa comunale per cittadini di origine rom e sinti" di via Bonfadini occupa un triangolo di 5.000 metri quadrati nei pressi dell'Ortomercato, i cui lati sono definiti dai binari del passante ferroviario. Vi si accede con una strada cieca che, dopo aver attraversato un'area di stoccaggio dell'Ortomercato, passa al di sotto della ferrovia e sbuca in un'isola tra i binari occupata interamente dal campo. Emergendo dal sottopassaggio – che è l'unico accesso all'"isola" da quando, qualche anno fa, due passaggi a livello sono stati eliminati – Milano scompare e ci si trova improvvisamente in un altro continente. Progettato dal Comune nel 1987 come "area di sosta attrezzata per roulotte e case mobili", per alcune famiglie di rom abruzzesi che dagli anni sessanta si erano stabiliti in un terreno nelle vicinanze, il campo si presenta oggi come uno slum costituito da un denso agglomerato di case mono-famigliari autocostruite, alcune in muratura, altre in legno e qualche casa mobile e roulotte. Varcato l'ingresso – costituito da uno spazio libero che interrompe la schiera di case rivolte verso l'interno del campo che ne recintano il perimetro, - ci si trova in un villaggio brulicante di vita. Tra le case e le auto parcheggiate i bambini giocano mentre gli adulti si dedicano alle più svariate attività: chi aggiusta una motocicletta, chi cucina, chi pialla in un laboratorio di falegnameria a cielo aperto, chi semplicemente chiacchiera in gruppo seduto davanti a casa. Dappertutto fervono lavori di ristrutturazione, manutenzione e ampliamento delle casette. Il disegno delle piazzole di 200 mq originariamente assegnate ad ogni famiglia per parcheggiare l'auto e la roulotte o la casa mobile non si riconosce più. Come racconta M. A.- una giovane abitante del campo in attesa di essere riconfermata mediatrice culturale dal Comune - non appena il campo comunale fu pronto, nel 1987, e furono assegnate alle famiglie le piazzole in cui dovevano trasferirsi per liberare l'area dove vivevano da vent'anni, tutti cominciarono a costruire casette di legno e da allora nel villaggio i lavori per renderle sempre più confortevoli non si sono mai interrotti. Il Comune aveva predisposto il campo come un campeggio, con la possibilità di collegarsi alla rete elettrica e con un blocco di servizi comuni - gabinetti e docce con l'acqua fredda - ma la maggior parte delle famiglie ha provveduto in proprio ad allacciare la propria abitazione alla rete fognaria e all'acqua. Ora quasi tutte hanno l'acqua corrente e il gabinetto in casa. Secondo le informazioni fornite dal Nucleo problemi del territorio della Polizia locale, la maggior parte delle costruzioni abusive sono state condonate per “stato di necessità".

Nel campo vivono oggi 25 famiglie, per un totale di circa 120 persone, tra cui moltissimi minori. Secondo Valerio Pedroli dei Padri Somaschi, l'associazione che si occupa di assistenza e mediazione sociale nel campo di via Bonfadini, la posizione e la struttura del campo ne fanno un ghetto destinato fin dalle origini ad essere un vivaio di disagio e asocialità. Il tentativo dell'associazione è quello di mettere in comunicazione il campo e il territorio, soprattutto attraverso progetti che coinvolgono i bambini del campo che frequentano le scuole del quartiere e i loro genitori.

M.A.: La mia famiglia è venuta dall'Abruzzo negli anni Sessanta in cerca di lavoro. I genitori di mia madre in Abruzzo vivevano da sempre in casa, quelli di mio padre si occupavano di cavalli e si spostavano con la roulotte. Noi non siamo nomadi, siamo sedentari e ci siamo dovuti costruire da soli questa casa, con il bagno, la cucina e lo spazio per vivere in sei persone. I bambini vanno a scuola e hanno bisogno di spazio. Abbiamo già ricevuto una denuncia per abuso edilizio ma siamo stati assolti perché abbiamo fatto i lavori per necessità, per avere una casa dove vivere. Ora stiamo facendo altri lavori e abbiamo paura di ricevere un'altra denuncia. Non capisco perché ci denunciano, noi abbiamo reso la nostra casa a norma, ora i soffitti sono dell'altezza giusta, l'impianto elettrico è a norma e abbiamo usato materiali a norma per gli incendi. Qui tutti sistemano continuamente la propria casa, per renderla più comoda. Fanno il bagno con l'acqua calda, la ampliano perché i figli si sono sposati. In questo campo vivono le stesse famiglie che c'erano quando è nato, ma i figli sono cresciuti, si sono sposati e hanno avuto dei bambini. C'è ancora l'abitudine di sposarsi giovani - questi che si stanno costruendo la casa qui a fianco hanno vent'anni e tre figli - e per tradizione la nuova famiglia resta a casa dei genitori dello sposo. A me piace vivere qui perché sto vicino ai miei parenti e perché ora che abbiamo sistemato la casa mi trovo bene. Ogni tanto c'è qualcuno che va a vivere fuori dal campo, in una casa normale, come una ragazza che fa la mediatrice culturale come me. Ma sembra che il Comune non le rinnovi più il contratto perché da quest'anno solo chi vive nel campo può fare la mediatrice culturale. Trovo che sia assurdo: lei al campo conosce tutti, viene sempre, non è necessario abitare nel campo per fare il lavoro di mediazione culturale. Noi rom abbiamo la nostra cultura e il nostro lavoro di mediatrici coi bambini che vanno a scuola, i loro genitori e le maestre è molto importante. La mia collega aveva un lavoro e poteva pagare l'affitto fuori dal campo e ora che le tolgono il lavoro che cosa fa? deve tornare ad abitare nel campo?

Valerio Pedroni: Il campo si trova ai margini di una zona storicamente indigente e disagiata di grandi case popolari. Nella zona più decentrata e marginale di una zona marginale, chiuso tra i binari della ferrovia. Questo significa che è destinato all'emarginazione. Tra gli adulti c'é una percentuale impressionante di persone in carcere o agli arresti domiciliari. C'è una situazione di povertà non certo materiale, perché a nessuno manca da mangiare, ma immateriale, di disagio sociale. Nel campo ci sono due tendenze opposte: da una parte una tendenza centrifuga, che riguarda le donne e i minori che rifiutano fortemente di vivere in campo e che vorrebbero una situazione abitativa diversa. Dall'altra una tendenza centripeta, di chi cerca di rimanere nel campo, un po' perché ha paura di quello che c'è fuori, e il campo diventa una forma di protezione dai pericoli esterni, e un po' anche perché per certi versi costituisce una zona franca. Il campo sicuramente favorisce il formarsi di percorsi devianti e rappresenta un ostacolo alla riuscita un percorso positivo di uscita dall'emarginazione.

Alcuni degli abitanti del campo ora vivono in case popolari – alcuni le occupano abusivamente, altri invece ne hanno ottenuta una –, altri hanno provato ad andare a vivere in una casa popolare, non ci sono riusciti e sono tornati al campo. Sicuramente il campo, sia per quelli che ci vivono, sia per quelli che abitano nelle case popolari, costituisce ancora il centro nevralgico della comunità sociale.

Dal momento che il problema è che questo campo è un esempio di esclusione sociale allo stato puro e non ha nessun tipo di comunicazione con il territorio, quello che intendiamo fare col nostro intervento è portare il territorio nel campo e il campo nel territorio. Il territorio è ossigeno e noi dobbiamo fare in modo che le due realtà, campo e territorio, si parlino. La prima cosa che abbiamo fatto è stato conoscere molto bene il territorio - i comitati d'inquilini, le parrocchie, gli oratori, le varie associazioni di volontariato, le istituzioni – e cercare di portare gli adulti a usufruire dei servizi che questo offre, creando alcune prime occasioni di conoscenza reciproca. Nello stesso tempo stiamo cercando di creare occasioni per portare persone del territorio all'interno del campo attraverso il volontariato, in modo tale che questo circuito di ossigeno cominci a funzionare. Lavoriamo molto con i minori e la scuola: ci sono, tra elementari e medie, circa trenta minori iscritti. Lavoriamo insieme a due mediatrici culturali del campo e gestiamo uno “sportello scuola" con alcuni insegnanti delle elementari e delle medie, cercando di proporre ai minori anche attività extra-scolastiche sul territorio, concertate insieme alle scuole stesse. E gli adulti, in un certo senso, si ancorano alle traiettorie dei minori. Per cui, se un ragazzo del campo inizia a frequentare il doposcuola e conosce un altro ragazzo, le due famiglie riescono a parlarsi più facilmente. Questo moto che abbiamo cercato di innescare sembra dare i primi risultati, tenendo conto che siamo in questo campo solo da febbraio. Ma il percorso evidentemente è molto lungo e il lavoro da fare è con tutte le istituzioni, il Comune di Milano in primis.


(Il sopralluogo al campo è stato effettuato il 17 ottobre 2008, l'intervista a Valerio Pedroni il 25 ottobre 2008)

Articolo Permalink Commenti Oppure (22)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/12/2008 @ 09:16:24, in Italia, visitato 1398 volte)

Da Tg Roseto. altre notizie su Coopofficina

12 Dicembre 2008 - Martedì 16 dicembre alle ore 15.00 si svolgerà presso il Centro Polivalente per Immigrati "Melting POinT", in via C. Battisti 31 a Martinsicuro, un incontro pubblico di approfondimento sulla cultura Rom. Fonti storiche segnalano l’arrivo dei Rom in Abruzzo già nel XIV secolo, eppure i Rom costituiscono ancora "cittadinanze imperfette".

La parola "rom" suscita ancora timore e troppo spesso rappresenta causa di allarme sociale.

Per cercare di ovviare a questo "stato di emergenza", la Provincia di Teramo e la Casa Circondariale di Teramo organizzano un incontro pubblico di approfondimento sulla cultura Rom, rivolto a cittadini, operatori sociali e famiglie Rom.

All’incontro parteciperanno:

§ MIRELLA DI GIORGIO - Rinnovare le pratiche e le parole: zingaro o Rom?

§ ANNA RITA SILVESTRI - 60 anni e 6 giorni dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo: raccomandazioni, leggi e progetti per promuovere la dignità di ciascun individuo

§ ERNESTO RUSSO - La presunta non integrabilità: casi di Rom al lavoro
E’ tutto a posto con i Rom?

La parola "rom" fa ancora timore quando viene espressa nella società italiana, e per vari politici rappresenta causa di grande allarme sociale con possibili gravi ripercussioni sull’ordine pubblico e la sicurezza, in una parola costituisce "uno stato di emergenza".

Prima di arrivare a queste affermazioni, i politici dovrebbero farsi la domanda…

Quanto conosciamo di questo popolo? Già, con la legge 482 del 1999 che riconosce le minoranze linguistiche, all’ultimo momento i rom e i sinti vennero cancellati e purtroppo, finora niente non è mai stato fatto.

La missione a Roma, il 18 e 19 settembre scorsi, di un gruppo di europarlamentari ha già prodotto un rapporto in cui si legge, tra le molte osservazioni: "le azioni perpetrate contro i rom dalle autorità italiane violano diversi obblighi dell’Italia rispetto alle norme internazionali sui diritti umani".

Al termine delle 40 pagine della bozza di rapporto, scritto da Gèrard Deprez eurodeputato belga liberale e presidente della Commissione libertà pubbliche si legge: "le autorità italiane devono abrogare immediatamente tutte le normative e ordinanze che hanno come bersaglio i Rom. Oltre ad abrogare, il governo italiano viene invitato anche a fare, a non dire e a condannare".

E’ un richiamo verso tutte le istituzioni a un impegno per ricercare, con il tempo, un dialogo costruttivo che prevede un processo di integrazione a lungo termine, e non un processo di colpevolezza.

La legislazione europea afferma che soluzioni abitative che emarginano, dal punto di vista geografico, comunità minoritarie come i rom e i sinti sono soluzioni razziste; e tanto altro è previsto ancora.

Il cambiamento può avvenire dentro di noi. Liberarsi dei pregiudizi, lavorare su noi stessi, rispettare i diritti degli altri, accogliere le diversità come una risorsa non come una minaccia, è poi, chiedere di essere rispettati.

Un noto scrittore sottolinea:" i rom e i sinti sono belli e brutti, intelligenti e stupidi, modesti e falsi, aperti e chiusi come tutti noi, come i nostri parenti e i nostri vicini di casa".

E si trasformano e si adattano al mondo. L’importante è crescere insieme, conoscersi e fare tesoro delle nostre diversità.

Finora, però, le risposte ancora mancano; per questo, ci associamo anche noi alla domanda; E’ tutto a posto con i Rom?

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/12/2008 @ 09:20:51, in casa, visitato 1491 volte)

Come promesso ieri, CityRom va in via Impastato a Milano

(@2008 google - Immagini @2008 digitalGlobe, Cnes/Spot image, GeoEye)

Il piccolo campo comunale di via Impastato occupa un "vuoto" di forma quadrata tra via Rogoredo, la tangenziale Est - nei pressi dello svincolo per l’autostrada del Sole - e l’anello di prova per i treni del deposito di Rogoredo della Metropolitana 3.
Il campo è costituito da un piazzale di terra battuta con tre piccole case prefabbricate e alcuni container ed è situato dietro un terrapieno che ne nasconde la vista dalla strada. È occupato interamente dai membri di una stessa famiglia, quella dei Bezzecchi, in tutto una quarantina di persone. Giorgio Bezzecchi, vice-presidente nazionale dell’Opera Nomadi, che ha lavorato 23 anni all’Ufficio nomadi del Comune, racconta come la sua famiglia si è dovuta trasferire in questo campo comunale cinque anni fa dopo vare vissuto per ventanni in affitto su un terreno demaniale nelle vicinanze. Secondo Pasquale Maggiore dell’Ufficio nomadi del Comune per la famiglia Bezzecchi essere spostata in un campo comunale anziché pagare l’affitto per il terreno che occupavano costituisce una regressione. Goffredo Bezzecchi, patriarca della famiglia, infatti, aveva scelto di non vivere in un campo nomadi, rifiutando l’assistenzialismo del Comune e questo era un segno di responsabilità e autonomia che avrebbe dovuto essere sostenuto anziché frustrato.
Il 6 giugno 2008 all’alba il campo nomadi fu oggetto di un "blitz" della polizia per effettuare il "Censimento dei rom" voluto da valerio Lombardi, super commissario per i rom con gli ampi poteri previsti dall’ordinanza della Presidenza del Consiglio. Fu il primo e l’ultimo effettuato nei campi autorizzati di rom cittadini italiani, dopo che la vigorosa protesta degli interessati e dell’opinione pubblica mise in evidenza gli aspetti discriminatori e anticostituzionali dell’iniziativa.



Giorgio Bezzecchi
Siamo rom harvati, cittadini italiani anche se la mia famiglia è di origine slovena, che vuol dire che fino alla prima guerra mondiale aveva la cittadinanza austriaca e poi abbiamo scelto di essere italiani. Mio nonno, il padre di mio padre, era un militare italiano. È andato in guerra e non è più tornato. Mio padre è stato in campo di concentramento durante il fascismo… Girava con la giostra ma ha deciso di fermarsi e nel 1966 ha affittato con un regolare contratto un terreno demaniale, in via Bonfadini, nei pressi di quello che è ora il campo comunale dei rom abruzzesi, su cui ha posizionato delle strutture facilmente rimovibili: prefabbricati, case mobili. Pagavamo un regolare affitto, l’acqua e la luce. Abbiamo dovuto lasciare l’area perché era interessata a lavori pubblici: doveva passare il Tav, il treno ad alta velocità. Non volevamo stare nello stesso campo dei rom abruzzesi, che il Comune aveva costruito nel 1987 e abbiamo chiesto un’altra soluzione. Ci hanno dato quest’area di risulta. L’area non é stata attrezzata e nemmeno pavimentata. L’unico intervento strutturale fatto dal Comune è stato quello di costruire questa montagna alta oltre due metri per nascondere il campo alla vista del quartiere. C’è l’allacciamento all’acqua, alla fogna e all’elettricità e vengono pagate tutte le utenze, perché ogni famiglia ha un contratto privato con l’Enel e l’AEM, cosa che non accade negli altri campi. Abbiamo firmato una specie di contratto e il Comune ha dato un tot di metri quadri a famiglia e alla casa abbiamo dovuto provvedere noi. Nei campi nomadi c’è il regolamento che vale per il circo e si possono posizionare solo strutture non ancorate a terra, facilmente rimovibili. Questa casa dei miei genitori è un prefabbricato. Era in via Bonfadini, è stata divisa in due, caricata e trasportata coi "trasporti eccezionali". Una casa di questo tipo quando è nuova si può trasportare anche più di una volta, ma quando ha trent’anni come questa, nel trasporto, si rompe…vedete le crepe? L’ho detto anche a mio fratello che ne ha comprata una da poco: se tra quindici anni la devi spostare, si rompe tutta…
Gli altri stanno nei container perché non possono permettersi queste casette, che sono a norma ma costano molto. Se si chiede ai Rom dove preferirebbero abitare, non si ottiene una risposta univoca. In questo campo, alcuni ragazzi giovani hanno fatto domanda di alloggio popolare; uno o due ha anche occupato abusivamente un alloggio popolare, come molti italiani. Mio padre vuole continuare a vivere in questo modo, mia sorella anche, l’altro mio fratello anche… Una mattina di giugno alle cinque si sono presentati 70 agenti – da notare che in questo campo vivono 40 persone –: Carabinieri, Polizia di Stato, Polizia Municipale e furgone della Scientifica. Hanno circondato il campo e hanno svegliato tutti. In base all’ordinanza di Berlusconi, siamo stati censiti, fotografati, sottoposti a rilievi dattiloscopici dalla Polizia Scientifica. Anche i bambini. Si è istituito per noi un archivio speciale in Prefettura, nonostante siamo cittadini italiani, residenti in via Impastato, regolarmente registrati all’anagrafe civica. Un intervento istituzionale differenziato. Sarebbe bastato andare in anagrafe per rilevare le presenze. Per fortuna la nostra è rimasta l’unica famiglia italiana che è stata censita. Per ora in questo archivio parallelo ci sono solo la mia famiglia e i Rom stranieri. Siamo riusciti in qualche modo, sembra, a fermare il censimento attraverso la Procura. Abbiamo presentato un esposto citando il capo del Governo, il Sindaco e il capo della Polizia…




Goffredo Bezzecchi
O fai lo zingaro e giri o quando ti fermi ti devono dare la possibilità di farti una casa, comprartela, sennò sei fuori… Prima io giravo perché avevo le giostrine. Non mi sarei fermato con la mia giostrina, anche se mi avessero regalato un posto io non ci sarei stato. Andava bene così: mi fermavo due o tre giorni e non davo fastidio. Poi me ne ne andavo e il posto rimaneva pulito. Allora era diverso: avevi la giostrina e ci vivevi, non c’erano tante esigenze. Oggi fare lo zingaro non è facile. Mi sono fermato perché avevo otto figli e ho preferito per loro la scuola e il lavoro. Mi sono fermato in via Bonfadini. Ero in affitto su un terreno e non volevo vivere nel campo nomadi. Il funzionario era una brava persona, adesso è in pensione. Lui e la moglie mi hanno aiutato molto, anche per il lavoro. Io ho detto "pago l’affitto" e sono andato avanti per tanti anni, e i ragazzi andavano a scuola. E dalla scuola sono passati al lavoro: uno ha fatto per 19 anni il portinaio; mio figlio Paolo da 30 anni lavora sempre sotto lo stesso padrone; Giorgio è stato assunto dal Comune. Alcuni fanno i lavori che trovano: mia figlia stamattina è partita alle cinque per andare a lavorare in un’impresa di pulizie… Io sono scappato dal campo e mi sono accorto che i miei figli hanno una testa, non sono stupidi e possono farcela. A molti invece il campo fa comodo, specialmente ai furbacchioni. A molti piace scroccare, ma non solo ai rom. Anche nelle case popolari ci sono i furbacchioni. Ma se non puoi andare fuori dal campo, dove vai? Se non ti lasciano, non hai scelta… Io ormai alla mia età non ci andrei più a vivere in una casa e ci sono alcuni ragazzi che continuano a preferire vivere qui, nella casetta o nel container, ma con mio figlio Giorgio, che ha sposato una gagia ho insistito. Gli ho detto "per amor di Dio, tu non devi più stare qui con la tua signora, lei è abituata a stare in una casa…".

(Il sopralluogo al campo e le interviste a Goffredo e Giorgio e Bezzecchi sono stati effettuati il 22 ottobre 2008, l’intervista a Pasquale Maggiore il 16 ottobre 2008 )

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/12/2008 @ 09:28:37, in Europa, visitato 1922 volte)

Ricevo da Maria Grazia Dicati


Nell’anno 2007 i gruppi maggiormente colpiti da episodi di razzismo sono stati i cittadini romeni, i rom ed i sinti.
Scaricate il rapporto in formato pdf

La Rete Europea contro il Razzismo ha pubblicato il suo ultimo rapporto sul razzismo in Europa. I rapporti specifici su 25 paesi affrontano il tema del razzismo e della discriminazione in Europa a livello sia legislativo che locale, dalla politica alla pratica, su un periodo di 12 mesi.

I Rapporti non sono studi scientifici sullo stato delle pratiche razziste e discriminatorie in Europa, quanto piuttosto una compilazione di informazioni e dati raccolti dalle organizzazioni membri dell’ENAR. Questo contributo ha un particolare valore poiché il razzismo è spesso difficile da documentare e registrare, specialmente da parte delle fonti ufficiali, quindi le ONG offrono dati alternativi che provengono direttamente dalle esperienze di individui e comunità che sperimentano il razzismo spesso quotidianamente.

Il Rapporto, inoltre, presenta uno speciale sulla situazione dei Rom in Europa, la maggiore minoranza europea- concluso a Settembre 2008. Una raccolta di dati ed informazioni su Rom, Sinti e Camminanti tratti dai rapporti in Irlanda, Ungheria, Slovacchia, Repubblica Ceca, Romania, Bulgaria, Polonia, Italia, Lettonia, Lituania, Estonia e Regno Unito. Il Rapporto rivela un quadro allarmante di discriminazione nell’occupazione, istruzione, salute ed accesso a beni e servizi così come stereotipi negativi, discorsi fondati sull’odio nei media ed una crescente violenza razzista

Lo Shadow Report 2007 non mette in evidenza miglioramenti nella situazione delle discriminazioni sulla base della nazionalità, origine etnica o religione in Italia rispetto all’anno precedente.

In tutti gli ambiti analizzati, le discriminazioni verso migranti e minoranze sono rimaste immutate e la rappresentazione particolarmente negativa dell’immigrazione da parte dei media e del discorso pubblico ha alimentato un clima di paura e insicurezza che ha determinato un aumento del livello di xenofobia in Italia.

Nell’anno 2007 i gruppi maggiormente colpiti da episodi di razzismo sono stati i cittadini romeni, i rom ed i sinti. In queste senso si assiste ad un cambiamento nei gruppi target, che negli anni precedenti erano costituiti soprattutto da cittadini non comunitari e persone di fede musulmana, mentre nel 2007 sono i cittadini comunitari o in alcuni casi italiani appartenenti a minoranze (come i rom) i bersagli più colpiti. La situazione di particolare debolezza dei minori ne fa un gruppo particolarmente a rischio di discriminazione.

Nel settore dell’occupazione sono numerose le forme che può assumere la discriminazione. Si va dal mancato riconoscimento dei titoli di studio acquisiti nel paese d’origine, all’inserimento dei lavoratori stranieri nei livelli contrattuali più bassi e tra la manodopera generica o di bassa qualifica, all’applicazione di condizioni di lavoro più sfavorevoli. Lo scarso ricorso alla formazione e la mancata applicazione delle norme sulla sicurezza hanno determinato una crescita degli infortuni sul lavoro per i cittadini non comunitari, in controtendenza rispetto all’andamento generale degli infortuni.

Nel settore abitativo continua l’innalzamento dei prezzi delle case, che ha determinato nel corso dell’anno un aumento nel numero degli sfratti per morosità. Gli immigrati ricorrono all’acquisto dell’abitazione come soluzione sia per contrastare gli altissimi costi dell’affitto sia per evitare di incorrere nel diffuso problema del rifiuto dei proprietari di case di affittare ad inquilini non italiani. Permane la drammatica situazione abitativa dei campi rom (difficili condizioni igieniche e mancanza di qualsiasi tipo di servizio), che nel corso del 2007 sono state più volte al centro del dibattito pubblico.

Nell’ultimo anno scolastico si sono iscritti nelle scuole italiane poco più di 500.000 alunni con cittadinanza non italiana ed il loro numero è in costante aumento. Emerge il problema della alta concentrazione di alunni stranieri in alcune scuole e cominciano ad essere oggetto dell’attenzione dei ricercatori le questioni relative alle seconde generazioni. Molte polemiche sono state sollevate dalla circolare del Comune di Milano che escludeva dalle scuole dell’infanzia i figli di immigrati irregolari.

Per quanto riguarda il settore sanitario, le difficili condizioni di vita incidono pesantemente sulle condizioni di salute degli immigrati irregolari e dei rom. Questi ultimi incontrano inoltre grandi difficoltà nell’accesso ai servizi sanitari, anche quando possiedono un regolare permesso di soggiorno. I dati sulle interruzioni volontarie di gravidanza continuano a evidenziare una situazione particolarmente preoccupante per le donne straniere.

Tra le novità che registrate per il 2007 vi è la maggiore disponibilità di dati sulla violenza razzista da parte di fonti governative, segnale di un maggior interesse per il rilevamento del fenomeno. I dati forniti da queste fonti rimangono però distanti dalle informazioni rilevate dal ONG e associazioni, che hanno registrato per il 2007 numerosi episodi di violenza, sia verbale che fisica, soprattutto in concomitanza con alcuni fatti di cronaca.

Dal punto di vista del racial profiling l’evento più significativo dell’anno è stata la dura reazione delle forze di polizia all’uccisione di una donna italiana da parte di un cittadino rumeno, che ha portato a vaste operazioni di controllo e di sgombero dei campi.

Il rapporto sottolinea il fatto che nel 2007 la tendenza dei media a rappresentare gli immigrati in maniera fortemente negativa e ad associare il fenomeno migratorio ai temi della sicurezza si è accentuata ed è apparsa particolarmente evidente in corrispondenza di particolari eventi avvenuti durante l’anno. Il linciaggio mediatico nei confronti di rom ed immigrati (in particolare di nazionalità rumena) ha determinato un clima diffuso di ostilità e xenofobia.

Dal punto di vista legislativo, nel 2007 le speranze emerse l’anno precedente di veder realizzate alcune importanti modifiche alla normativa sull’immigrazione e sulla cittadinanza vengono meno, anche se nel corso dell’anno vengono emanate alcune circolari che modificano aspetti minori ma significativi della condizione dei cittadini stranieri. Da segnalare anche la procedura di infrazione avviata dall’Unione Europea nei confronti dell’Italia in merito alla trasposizione della direttiva 2000/43/CE ed il decreto approvato dal governo alla fine dell’anno che ha colpito soprattutto i cittadini romeni e i rom, additati come i responsabili della maggior parte dei crimini.

Tra le raccomandazioni presentate nel rapporto, le principali sono le seguenti:
  • Promuovere un discorso pubblico sull’immigrazione più equilibrato, meno legato ai temi della sicurezza e agli interessi politici ed elettorali dei partiti;
  • Progettare e realizzare un sistema di raccolta dati sulle discriminazioni nelle diverse sfere della vita pubblica;
  • Introdurre il diritto di voto alle elezioni amministrative e alle elezioni politiche per i cittadini stranieri residenti in Italia;
  • Riformare la legge sulla cittadinanza per permettere ai lungo residenti, ai bambini nati in Italia da genitori non italiani ed a quelli che arrivano in Italia da piccoli di avere più facilmente accesso alla cittadinanza;
  • Riformare la legge sull’immigrazione, in particolare abolire il “contratto di soggiorno” ed introdurre il meccanismo dello sponsor al fine di permettere ai potenziali migranti di entrare in Italia per cercare un posto di lavoro.
     

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


26/10/2020 @ 10:31:09
script eseguito in 163 ms

 

Immagine
 6 maggio: Djurdjevdan - Herdelezi - la festa di san Giorgio... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 1076 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, ch...
20/10/2020 @ 08:03:13
Di FRANCO
LEGGI UN MOMENTO QUESTA OFFERTA DI PRESTITO .... O...
07/10/2020 @ 20:34:53
Di Alesi Gallo
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source