Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Conoscere non significa limitarsi ad accennare ai Rom e ai Sinti quando c'è di mezzo una disgrazia, ma accompagnarvi passo-passo alla scoperta della nostra cultura secolare. Senza nessuna indulgenza.

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Daniele (del 12/01/2011 @ 09:06:07, in musica e parole, visitato 1613 volte)

Da Roma_Daily_News

EMAJ Magazine Rom in Turchia, integrazione attraverso la musica di Adi Halfon | Foto di Margarita Tomo

Turchia. Il sole del mercoledì mattino splende sui vecchi affollati edifici di Bostan, un povero quartiere della città di Istanbul. Molti Rom vivono in quest'area. La sala da tè "Nazlitas" sta in una delle piccole vie. Dentro ci sono circa una dozzina di Rom, seduti attorno a semplici tavoli, che giocano a backgammon, bevono tè e guardano la televisione. L'atmosfera nel locale è molto da uomini e un po' rude. Non hanno un lavoro normale. Alcuni di loro sono disoccupati, alcuni vendono fiori o lustrano scarpe per vivere. Altri sono musicisti. Questo lavoro sembra essere molto popolare in questa comunità. Non è facile essere Rom a Istanbul. Non solo che la maggior parte di essi appartengono ad una bassa classe sociale e spesso si sentono discriminati. "Ogni volta che c'è un furto, la gente da subito la colpa a noi", dice uno dei ragazzi della sala da tè. "Ma ancora", continua, "siamo fedeli alla Turchia. La sentiamo come la nostra terra. I nostri ragazzi fanno servizio nell'esercito turco, siamo Rom e Turchi nello stesso momento". Un altro ragazzo interviene: "Mio zio fa servizio nell'esercito, aveva un alto rango. Tuttavia, una volta che l'esercito ha scoperto che era Rom, gli è stata negata la promozione ed è stato respinto.

Alla sala da tè

C'è qualcosa di interessante con il popolo Rom nella sala da tè. Sono tutti desiderosi di parlare, di far sentire le loro lamentele. Tuttavia, non si fidano dei media. Nessuno degli uomini ha accettato di dire i propri nomi, come se qualcosa accadrebbe loro come risultato. "Giornalisti turchi sono arrivati in questo quartiere ed hanno fatto foto, ma nulla è cambiato", dicono. A casa di Kazim Turkmen, il 56enne leader di una delle comunità Rom, sono state dichiarate cose simili. "Voi arrivate qui a chiedere domande sulla nostra vita", dice Sengul Turkmen, moglie di Kazim, "ma poi andate e scrivete solo quanto siamo poveri."

Nella sala da tè, uno dei ragazzi più anziani racconta la storia della sua vita. Ha 57 anni, e ha iniziato a suonare quando ne aveva 13. É figlio di un musicista, ed ora anche suo figlio segue la sua strada. "Qui la gente mantiene l'occupazione dei loro antenati", dice uno di loro. "La conoscenza di come fare musica veniva tramandata da padre in figlio. Oggi abbiamo capito l'importanza dell'istruzione. Mio figlio, ad esempio, studia musica all'università." Ciò che dice sembra essere vero, tutti gli uomini a "Nazlitas" sono relativamente anziani, eccetto uno. Ozgur Akgul, un 32enne esperto di musica Rom, è d'accordo. "Puoi sicuramente notare che la nuova generazione dei musicisti Rom sta diventando sempre più professionale".

Ozgur Akgul

Turkmen stima che circa il 75% della sua comunità suona. "Per molti di loro", dice, "la musica non è l'unica occupazione, dal momento che non guadagnano tanti soldi da essa. Anche cosi, la musica è un modo per guadagnarsi da vivere, ed anche qualcosa che la gente apprezza fare". Akgul dà un'altra spiegazione a queste cifre incredibili: "I musicisti Rom si stanno integrando nella società turca molto meglio di qualsiasi altro Rom", dice, "perché c'è un alta richiesta di musica. Alcune dei loro tradizionali mestieri, come fare i cesti, non sono più pertinenti. La musica, d'altro canto, è qualcosa che la gente ascolterà sempre." Akgul sta girando un film documentario sui musicisti Rom, che uscirà il prossimo marzo. La sua tesi di laurea è stata sulla musica e sull'identità Rom.

"Quando la musica è iniziata ad essere un'industria, c'era una grande richiesta di nuovi cantanti. Allora i turchi hanno scoperto i cantanti Rom", dice. "La musica aiuta i Rom a cambiare la loro immagine negativa. Una volta che i musicisti Rom diventano popolari, stanno cambiando gli stereotipi che la gente ha verso di loro", rivendica Akgul. Dà un esempio: "Alcuni dei cantanti Rom non sottolineano la loro origine, a causa di questi stereotipi, e a volte cambiano persino il loro nome di famiglia in uno turco", ammette Akgul, "tuttavia, c'è un popolarissimo cantante Rom chiamato Husnu Senlendirici, che ha mantenuto il suo nome e sempre dà enfasi alla sua origine. Lui ha aiutato molto il cambiamento dell'immagine dei Rom.



Le canzoni Rom contengono molta satira e sarcasmo, soprattutto su questioni relazionali. I cantanti Rom, sembra abbiano influenzato il mercato. "Il ritmo di 9/8, che è chiaramente di stile Rom, è divenuto estremamente popolare in Turchia", rivela Akgul. Ma non tutto risulta essere positivo. Nel processo d'integrazione nella società, la comunità cerca di adattarsi ai cambiamenti di stile di vita. " Ero in Grecia, e non riuscivo a comunicare con i Rom locali perché non conosco la lingua Rom", si lamenta una persona della sala da tè, "i Rom greci mi ha detto che non sono un vero Rom".

Kazem Turkman

Turkmen sente che anche il mondo non è più quello di una volta. "Il ruolo di un leader della comunità è molto tradizionale. La nostra comunità ancora ne ha uno, dal momento che la mia comunità mi rispetta per essere un attivista per la comunità stessa", dice, "in altre comunità non ci sono più leader. Sono sostituiti da organizzazioni che aiutano la gente nei loro bisogni quotidiani". E nonostante il processo d'integrazione, i Rom rimangono una minoranza che continua ad avere bisogni sociali. "Perfino ad Istanbul", dice Turkmen, "alcuni vivono nelle tende nelle periferie della città".

La musica conduce verso l'integrazione. E l'integrazione crea dei problemi. Ma se tali problemi possano minacciare i Rom o no, nessuno nella comunità avrebbe osato pensare di fermare la creazione di musica. "Condivido l'idea d'integrazione attraverso la musica, aiuta le persone a comunicare tra di loro", conclude Turkmen, "dopo tutto, il ruolo dei musicisti nella società è insostituibile".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/01/2011 @ 09:45:40, in casa, visitato 1121 volte)

Notizie precedenti QUI

Bresciaoggi.it E adesso Brixia Sviluppo deve rimborsare i sinti

Il terreno di Guidizzolo

Brixia Sviluppo dovrà forse restituire i 2.200 euro di caparra che erano stati dati dalle famiglie sinti di via Orzinuovi per l'area di Guidizzolo nel Mantovano.

La vicenda è nota e ha messo a rumore la politica bresciana: a fine 2009 Brixia Sviluppo, società controllata dal Comune al 100 per cento, acquista per 150mila euro un'area edificabile di 500 metri quadrati a Guidizzolo. Obiettivo dell'operazione è rivendere l'area a un prezzo vantaggioso ad alcune famiglie sinti del campo di via Orzinuovi che, in questo modo, lascerebbero il capoluogo e si trasferirebbero a Guidizzolo. Nei piani del Comune di Brescia questa dovrebbe essere solo la prima di una serie di permute con acquisto e successiva rivendita di terreni che dovrebbe portare alla chiusura del campo di via Orzinuovi.

L'OPERAZIONE Guidizzolo, in realtà, si arena ben presto, a causa della protesta degli abitanti e dell'Amministrazione (di centrodestra) del Comune del Mantovano, i quali, di avere come vicini di casa i sinti bresciani, non ne vogliono proprio sapere. Erigono muri, arano i terreni, deliberano atti amministrativi per impedire che nell'area (edificabile) possano esserci case mobili. La mobilitazione nel comune virgiliano occupa le cronache a cavallo tra gennaio e febbraio scorsi.
Risultato: la palla torna a Brescia, con però un nodo in più. Brixia Sviluppo ha già venduto l'area alla famiglia Quirini. L'accordo prevede il pagamento di 300 rate mensili per 25 anni da 512 euro ognuna (in tutto fanno 153.720 euro, 128.100 + Iva, esattamente il costo dell'area), una caparra iniziale di 2.200 euro, la clausola che senza il pagamento di tre rate l'area torni di proprietà della società controllata del Comune di Brescia.

COSÌ ACCADE puntualmente: i sinti, quando vedono quanto accade a Guidizzolo (con tanto di atto amministrativo che vieta l'accesso delle case mobili) si chiedono perché mai dovrebbero acquisire quell'area e infatti non pagano.

L'area torna dunque nella piena disponibilità di Brixia Sviluppo, ma resta il nodo della caparra. È dei Quirini, ma i soldi li ha in cassa Brixia Sviluppo che ora, per provare a vendere l'area ad altri privati (presumibilmente non sinti), ha bisogno di una liberatoria. Firmata da chi? Dai Quirini ovviamente, i quali però - lo hanno fatto sapere nei giorni scorsi - daranno la liberatoria solo se avranno indietro i soldi della caparra. Non si sa se con gli interessi o meno.

Nel frattempo, tramontato il piano acquisto/rivendita di terreni, l'opzione di riserva ideata dal Comune è stata la sottoscrizione del «Patto di cittadinanza» con i sinti di via Orzinuovi. L'accordo, sottoscritto un paio di mesi fa, prevede la bonifica dell'area (costo in carico all'Amministrazione: circa 150 mila euro) e il pagamento da parte di ogni famiglia che vive nel campo di una cifra forfettaria di 150 euro mensili per i consumi elettrici.

I LAVORI DI BONIFICA sono iniziati da un mesetto e dovrebbero concludersi entro poche settimane. Le famiglie che vivono nel campo sono venti (formate da 70 adulti e 35 bambini). Di queste, cinque famiglie dovranno andare via entro febbraio. Due o tre famiglie, che hanno disabili o anziani ultra 75enni, andranno in case popolari, altre due o tre si trasferiranno nel campo di via Borgosatollo.
Il campo di via Orzinuovi, sull'area che rientra fra gli snodi stradali della Piccola Velocità, dovrebbe essere lasciato libero entro un anno. Le 15 famiglie sinti del campo dovrebbero finire nel campo di via Borgosatollo, per il quale è prevista una futura bonifica. E i rom di via Borgosatollo? Alcuni si sono già trasferiti in case popolari del Comune, altri dovrebbero andarci in futuro.

TH. BEN.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/01/2011 @ 09:31:44, in musica e parole, visitato 1099 volte)

Tratta dalla raccolta Fiabe Zingare di Alberto Melis

La versione originale di questa breve fiaba dei Boyàs argentini (i Ludar), raccontata da Jorge Emilio Nedich, è stata pubblicata su "Lacio Drom". Nello stesso numero della rivista è presente anche la versione in lingua boyàs, cioè in rumaneàste, e una breve nota di Jorge M.F. Bernal (Lolo).

QUESTA È UNA STORIA molto triste, ma è una storia vera. Così raccontava mio nonno, perché lui c'era.
C'era dunque una volta, in un paese lontano lontano, una famiglia di Ludari a cui nacque un bambino. Ma era così piccolo e malaticcio, uno scricciolino tutto occhi e niente ciccia, che i suoi genitori temevano morisse prima ancora di mettere i primi denti e prima ancora di masticare il primo pane.
Il padre allora chiamò una vecchia, una di quelle che vedono le cose che devono restare nascoste (come le maledizioni dette sottovoce o le disgrazie tra capo e collo), per capire se c'era una possibilità che sopravvivesse.
La donna, dopo aver preso in braccio il piccolo, scosse il capo e disse: – Vostro figlio morirà.
Il padre però non volle rassegnarsi.
– C'è qualcosa che io possa fare – chiese – qualsiasi cosa, per impedire che muoia?
– Forse sì – rispose la vecchia. – Prendi uno stivale di pelle di capra e riempilo di tè. Poi prendi uno degli stampi con i quali fabbrichi i tuoi mattoni e mettici dentro lo stivale. Riempilo d'argilla e mettilo a cuocere al sole. Quando il sole l'avrà indurito metti il mattone con dentro lo stivale di pelle di capra pieno di tè nella culla del bambino.
Il padre seguì il consiglio della vecchia. Prese lo stivale di capra più ampio e robusto che riuscì a trovare e lo riempì di tè. Poi mise lo stivale dentro uno stampo per costruire i mattoni (il più ampio e robusto che riuscì a trovare) e coprì tutto con l'argilla. Lo mise al sole, e quando il sole l'ebbe indurito per bene, lo infilò dentro la culla del bambino.
Proprio come aveva detto la vecchia la magia funzionò. Perché il piccolo zingaro non solo non morì, ma crescendo divenne anche un ragazzo bello e intelligente.
La famiglia di Ludari riprese così a viaggiare per il mondo, e viaggiando viaggiando capitò in un deserto molto grande e caldo, dove non cresceva un filo d'erba, e dove non scorreva un filo d'acqua.
Sotto il sole che batteva e batteva, un accidente di sole tondo e sordo, il ragazzo cadde ammalato, dicendo che se non avesse bevuto almeno un po', di sicuro sarebbe morto.
Il padre e la madre, al suo capezzale, piansero a lungo e si disperarono.
– Cosa possiamo fare? – chiese l'uomo a sua moglie.
– Dovremmo dargli un po' d'acqua chiara e dolce…
– Ma la nostra provvista d'acqua è finita – ribatté sconsolato l'uomo.
– Allora di certo morirà.
Fu solo in quel momento che l'uomo si ricordò dello stivale di pelle di capra pieno di tè.
Cercò il mattone d'argilla e lo spezzò. Ma lo stivale di pelle di capra, che ormai era tanto vecchio e rinsecchito, si polverizzò nelle sue mani: e il tè si disperse nella sabbia del deserto.
Fu così che il ragazzo morì e la sua famiglia lo pianse.
Però il terreno dove era caduto il tè rimase umido e fresco. I Ludari scavarono un pozzo e trovarono una sorgente d'acqua.
E ancora oggi, quando una famiglia di Ludari passa per quei luoghi, racconta la storia del ragazzo e dello stivale di pelle di capra pieno di tè.
Anche mio nonno c'è passato, e così mi ha raccontato: «Qui un giovane Ludar ha smarrito la vita, ma al suo posto ha lasciato la sorgente d'acqua più chiara e dolce del mondo».

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/01/2011 @ 09:53:32, in Italia, visitato 1364 volte)

Wikirom

Nell'ambito delle manifestazioni per il Giorno della Memoria 2011 sono in programma quattro incontri sui temi della cultura e dell'attualità Rom in Italia, con uno sguardo sulle politiche di maggior successo per un'integrazione nel rispetto delle differenze.
L'iniziativa è promossa dalla Fondazione Anci Ideali (Fondazione Europea delle Città) ed è realizzata dall'associazione RomSinti@Politica in collaborazione con le più importanti federazioni delle associazioni Rom, enti locali ed altre organizzazioni italiane ed europee (in Spagna, Belgio e Romania). Capofila dell'intero progetto è Cittalia (Fondazione Anci Ricerche).
A Torino l'organizzazione dell'iniziativa è curata da IDEA ROM ONLUS in collaborazione con il Museo Diffuso della Resistenza e con il patrocinio del Comune e della Provincia di Torino.
Il corso è rivolto ad amministratori e funzionari pubblici, ONG che lavorano con i Rom, rappresentanze ed associazioni di Rom, scuole (dirigenti, docenti, studenti interessati), giornalisti e professionisti dei media. Beneficiari diretti dell’azione sono i Rom che vivono nei territori coinvolti mentre quelli indiretti sono i cittadini nella loro generalità.

Il modulo formativo è gratuito e prevede i seguenti incontri:

Venerdì 28 gennaio 2011 ore 15/18 - Sala Colonne Palazzo Civico, p. Palazzo di Città 1 - Torino
Risoluzione dei conflitti, stereotipo e pregiudizio: il ruolo degli schemi cognitivi e dei processi di categorizzazione.
Conducono il dott. Gabriele Guazzo (coordinatore del progetto – Cittalia) e il dott. Dimitris Argiropoulos (Università di Bologna). Presenta l'incontro e modera gli interventi il prof. Nanni Salio (Presidente del Centro Studi "Domenico Sereno Regis" di Torino).

Venerdì 11 febbraio 2011 ore 15/18 - Museo Diffuso della Resistenza, c. Valdocco 4/A - Torino
Legislazione locale, regionale, nazionale ed europea su discriminazione e razzismo.
Conduce il dott. Marco Brazzoduro (Università di Roma). Presenta l'incontro e modera gli interventi il dott. Lorenzo Trucco (Presidente nazionale dell'ASGI - Associazione Studi Giuridici sull'Immigrazione).

Venerdì 25 febbraio 2011 ore 15/18 - Museo Diffuso della Resistenza, c. Valdocco 4/A - Torino
Identità: storia, politica e cultura.
Conduce il dott. Nazzareno Guarnieri (presidente Federazione Romanì). Presenta l'incontro e modera gli interventi don Fredo Olivero (Responsabile del Servizio Migranti della Caritas Diocesana di Torino).

Venerdì 11 marzo 2011 ore 15/18 - Sala Colonne Palazzo Civico, p. Palazzo di Città 1 - Torino
Mediazione culturale e partecipazione attiva: metodologia e progettualità.
Conducono il dott. Nazzareno Guarnieri (presidente Federazione Romanì) e il dott. Dimitris Argiropoulos (Università di Bologna). Presenta l'incontro e modera gli interventi il dott. Filippo Furioso (Dirigente Scolastico dell'Istituto Comprensivo "Leonardo da Vinci" di Torino).

Per maggiori informazioni: http://www.morespect.eu/en2/
Per partecipare al corso è necessario l'accredito con la scheda d’iscrizione (www.idearom.it)

IDEA ROM ONLUS – via Garibaldi 13, 10122 Torino – fax 011.82731123
www.idearom.it - idea.rom@gmail.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/01/2011 @ 09:21:37, in media, visitato 1634 volte)



7 gennaio 2011 Siccome si sa che gli zingari rubano i bambini, allora Denise Pipitone può essere anche quella ragazzina ritrovata nel 2008 in Grecia. Così almeno dicono durante Quarto Grado, condotta da Salvo Sottile, nel servizio di ricostruzione del caso di Denise, dove affermano testualmente che in Grecia viene ritrovata (e si mostrano le foto) una ragazzina rom che somiglia tantissimo alla scomparsa, ma poi la zingara che la conduceva per mano "scompare nel nulla con la bimba, la cercano in tutti i campi rom ma non la trovano".

Mica vero. Era stata ritrovata sull'isola di Kos una bimba di otto anni che somigliava a Denise, scomparsa quattro anni fa (il 1 settembre 2004) a Mazara del Vallo mentre giocava in pieno giorno nel giardino della sua casa. L'Interpol aveva anche arrestato una donna di trent'anni (una rom albanese) che si faceva passare per la madre della bimba, ma non parlava italiano. A portare gli agenti dalla bambina, una turista italiana che aveva acquistato da lei un braccialetto era rimasta colpita dalla somiglianza. Così almeno era stata raccontata la storia, con dovizia di particolari fantasiosi, dai giornali italiani il giorno prima. Il giorno dopo, la doccia fredda: l'esame del Dna ‘scopre' che la bimba era proprio figlia dell'albanese che diceva di esserne la madre. Tu guarda il caso, alle volte.

La polizia ha fatto sapere che dall'esame del dna è emersa "una compatibilità ereditaria" tra la bambina e la zingara albanese arrestata, che aveva sempre affermato di esser sua madre. "Al 99% non è Denise bensì la figlia dell'albanese" dicono dalla Grecia dopo avere avuto i risultati, ancora informali, dell'esame. "I risultati ufficiali li avremo domani, attendiamo ulteriori disposizioni della magistratura"

scriveva il Giornale. A Mediaset si vede che, a distanza di due anni, ancora non se ne sono fatti una ragione.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/01/2011 @ 09:39:14, in casa, visitato 1439 volte)

Segnalazione di Spazio Mondi Migranti

 Link per chi legge da Facebook

In una videolettera al sindaco di Firenze Matteo Renzi, al sindaco di Sesto Fiorentino Gianni Gianassi e al presidente della Regione Toscana Enrico Rossi.
Ecco il testo della videolettera che ho scritto:

Caro Sindaco di Firenze Matteo Renzi, sindaco di Sesto Fiorentino Gianni Gianassi, presidente della regione Toscana Enrico Rossi, ho deciso di rivolgermi a voi con questa videolettera.

E' freddo. In questi giorni di gennaio il clima è rigido. Una banalità metereologica che per alcuni rappresenta la differenza fra la sopravvivenza e l'abbandono della vita.
"E' il suo tempo", dicono i saggi, "è inverno", e conformano le azioni al clima. D'inverno non si semina e non si ara la terra, la si lascia riposare. A gennaio non si dovrebbero abbattere baracche travestite da case senza prevedere un alloggio alternativo per i suoi abitanti Rom. Eppure è quello che rischia il campo di Quarracchi. Due baracche sono state distrutte nei giorni scorsi e sei delle persone che vi abitavano le sto ospitando nel mio minuscolo teatro, Cabina Teatrale; con l'aiuto di don Alessandro Santoro e della Comunità delle Piagge.
Vi chiedo una dichiarazione dello stato di emergenza che permetta alla protezione civile di aprire un tendone riscaldato, almeno per il periodo invernale.
Non voglio credere a chi dice che la vita degli esseri umani senza tessera elettorale non vi interessa. Io credo invece che l'abbiate in testa ma non abbiate trovato la strada per incrociarla con il cuore.

La politica che sogno non raccoglie voti dalla disgregazione del tessuto sociale, ma rammenda le ingiustizie intrecciando la speranza al cambiamento.
Matteo Renzi, Gianni Gianassi, Enrico Rossi, in più occasioni avete mostrato di apprezzare le raccolte fondi a favore dell'ospedale pedriatico Mayer. Anch'io guardo con ammirazione e gratitudine a questo ospedale d'avanguardia per i nostri figli, per questo vorrei che consideraste la possibilità di evitare che altri bambini rom possano essere costretti al ricovero per mancanza di una struttura di emergenza che permetta loro, cittadini del mondo, di ripararsi dal freddo.
Se davvero un bambino rom vale come un bambino italiano, non c'è motivo per cui non permettiate al vostro pensiero di fidanzarsi con l'accoglienza.
La povertà non si ferma con una ruspa e non si estromette dalla storia edificando un muro. Io so che alcune di queste scelte sono politicamente difficili, non sono facili, ma quelle vite, quelle esistenze, hanno la feroce urgenza dell'adesso.

Non c'è libertà se Firenze sceglie la guerra contro i suoi abitanti costruendo un sistema di privilegi basato sull'esclusione.
Non c'è sicurezza, nello scegliere la guerra contro chi arriva in Italia per lavorare ed è costretto ad elemosinare un briciolo della nostra felicità.
La democrazia non si esaurisce nello svolgimento delle elezioni, ma si concretizza nella costruzione di una società che ponga le persone prima degli oggetti, la vita prima della "roba".

Oggi mi piacerebbe respirare il sudore delle migliaia di giovani che nel novembre del 1966 arrivarono a Firenze per spalare il fango e i detriti della più grande alluvione capitata nella città di Dante.
Abbiamo bisogno della solidarietà espressa da quei tanti fiorentini che abitavano sopra e nei pressi del carcere delle Murate e che quel giorno d'alluvione accolsero i detenuti nelle loro abitazioni, dopo che le guardie aprirono le celle perché non facessero la "fine del topo".

Oggi abbiamo bisogno delle Chiese, che aprano le porte delle canoniche e la casa del Signore.
Oggi vorrei rivivere la decisione di quel circolo Arci che aprì i suoi spazi al primo piano per ospitare in salvo le mucche degli allevatori.
Anche oggi abbiamo bisogno di quelle stanze, anche se non sono le mucche, a dover essere salvate. Possiamo riuscirci scrollando dalle nostre spalle l'apatia dell'indifferenza, del "vorrei ma non posso", del "non tocca a me" o del "ma cosa vuoi che possa farci?"

Li chiamano "zingari", ma io in quelle persone, in quelle mani grandi, gonfie di vita, in quei tagli alle dita, in quelle ferite ai polpastrelli, riconosco le mani di mio nonno contadino. In quello strenuo attaccamento alla vita, in quella lotta per la sopravvivenza riconosco l'urgenza del nascere di ogni bambino.
E in quelle braccia, in quelle gambe, in quegli occhi, in quel naso, riconosco l'unica razza, quella umana.

Non è impossibile. E' necessario, costruire un'accoglienza.
Ed è questo quello che vogliamo. Per noi, per tutti noi.

Saverio Tommasi

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/01/2011 @ 09:36:59, in scuola, visitato 1339 volte)

CorriereFiorentino.it Una storia dove tutti sembrano più buoni, un po' da libro Cuore, ma tocca accontentarsi, e buon ritorno a scuola

Un ragazzino di dieci anni scrive al sindaco: «Non potreste mettere più pulmini, così anche noi rom possiamo andare a scuola come gli italiani?»

«Caro sindaco, ho 10 anni e abito al campo rom del Masini, vicino al viadotto Indiano. Faccio la quinta, e la scuola mi piace. Però c'è una cosa che mi dispiace molto: il pulmino ci porta a scuola solo alle 10 ed il pomeriggio dobbiamo andare via prima, così perdiamo quasi tre ore di lezione al giorno». Inizia così la lettera inviata a Matteo Renzi da un bambino rom. Una missiva che, ieri mattina, il sindaco ha menzionato come uno dei più bei ricordi del 2010. Parole, quelle del piccolo studente di una primaria fiorentina, che hanno sortito quasi subito l'effetto sperato. Il Comune ha infatti provveduto a potenziare il servizio dei cosiddetti pullman gialli, consentendo così al gruppo di alunni di arrivare in orario.

«Vado anche abbastanza bene, sono il più bravo della classe nel calcolo mentale - scrive Marco (nome di fantasia ndr) al sindaco - io cerco di studiare, ma tante volte arrivo a scuola e non capisco di cosa parlano perché hanno già incominciato da un'ora. Non potreste mettere più pulmini, così anche noi rom possiamo andare a scuola come gli italiani?» . Una richiesta a cui il sindaco ha risposto dopo poche ore: «Ho chiesto all'assessore all'educazione, di provare a vedere se riusciamo a migliorare il servizio. Mi raccomando: tu continua a studiare alla grande!» . Soddisfatto anche il preside della scuola, Doriano Bizzarri: «Andiamo fieri di questo progetto organizzato assieme al Quartiere 4 e, nonostante i primi disagi, siamo soddisfatti della risposta del Comune - spiega- un ottimo presupposto per favorire l'integrazione, non solo a parole» .

Il trasporto scolastico che serve i campi rom della città rientra infatti in un progetto più ampio, che prevede la distribuzione omogenea dei bambini e dei ragazzi su tutto il territorio comunale, evitando che certi istituti si trasformino in ghetti. «A moltissimi dei bimbi rom piace molto venire a scuola ed è difficile che vi rinuncino- ragiona il preside Bizzarri - oltretutto, in questo modo, dopo continueranno a frequentare le medie della stessa zona, perché non si vogliono staccare dagli amici delle elementari» . Una buona notizia, che si conclude con le parole tipiche della dolcezza disarmante di un piccolo studente: «Caro sindaco, io sono un bambino rom e tu sei una persona importante eppure mi hai risposto. Ti voglio dire che il servizio è migliorato molto. Anche i miei amici sono contenti. Loro non lo sanno che è perché ti ho scritto, non l'ho detto, ma io lo so. Farai il sindaco per molto tempo vero?» .

Claudio Bozza
05 gennaio 2011

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/01/2011 @ 09:46:05, in Kumpanija, visitato 1219 volte)

2 da Radicali Italiani

E' morto a Roma per una grave forma di tumore Paolo Pietrosanti, membro del Consiglio Generale del Partito Radicale Nonviolento, transnazionale e transpartito. Nato nel giugno del 1960, giornalista e scrittore, è stato storico militante e dirigente radicale sin dalla fine degli anni '70. Iniziò il suo impegno politico partecipando attivamente all'organizzazione delle iniziative antimilitariste e nonviolente dei Radicali e della Loc (Lega degli Obiettori di Coscienza) negli anni '70 e '80, subendo anche un arresto a Comiso. Autore di analisi e documenti sulla nonviolenza e sulla lotta al razzismo e all'antisemitismo, è stato tra i più grandi diffusori in Italia del pensiero di Gandhi e Martin Luther King, autore tra l'altro di pubblicazioni, libri, interventi sui metodi della disobbedienza civile e della nonviolenza passiva. E' stato più volte candidato tra i capilista radicali alle elezioni europee, politiche e amministrative. Tra i principali temi che da sempre hanno caratterizzato il suo impegno, la campagna per la salvezza dalla pena di morte in Usa di Paula Cooper, quella per i diritti del popolo Rom, le azioni contro le dittature comuniste dell'Europa centro-orientale. Per queste ultime in particolare fu arrestato a Varsavia nel 1986 e subito dopo espulso. E' stato rappresentante all'Onu dell'Unione Internazionale dei Rom, oltre che Presidente onorario della prima organizzazione europea del popolo Rom. Tra i promotori del Partito Radicale Transnazionale alla caduta del muro di Berlino, si trasferì dal '90 al '93 a Praga, dove nacque un nucleo molto attivo di radicali impegnati sui temi transnazionali.

A causa della malattia perse la vista e dal 2000 si è battuto per la trasmissione della cultura e dei testi in formato audio-digitale a beneficio dei non vedenti, alla cui conclusione positiva dette un contributo determinante durante l'ultimo Governo Prodi, quando ebbe l'incarico dal Ministero dei Beni Culturali di trattare con gli editori la relativa convenzione.

E' possibile portare l'ultimo saluto presso la Clinica Villa Speranza (Via della Pineta Sacchetti, 235 – Roma) fino alle ore 12 di sabato 8 gennaio. I funerali si svolgeranno in forma strettamente privata.

Prossimamente verrà svolta a Roma una cerimonia laica in sua memoria.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/01/2011 @ 09:15:17, in Italia, visitato 1721 volte)

Buccinasco.net

Occuparmi della Lega Nord di Buccinasco mi risulta sempre imbarazzante. La loro inconsistenza politica farebbe quasi tenerezza se non fosse pericolosa per la civile convivenza e la serenità del nostro Comune. Ne parlo oggi perché ho letto l'ennesimo articolo sul quotidiano Il Giorno. Ma cosa dice la Lega Nord di Buccinasco per bocca del suo portavoce Nando Uggeri (nella foto)?



Parla del nuovo piano regolatore? Parla della crisi economica e delle centinaia di famiglie di Buccinasco in difficoltà? Del lavoro? Della disoccupazione? Dell'ambiente a rischio? Della viabilità? Del federalismo?

Macché! Indovinate un po'?!

Sì avete indovinato, Nando Uggeri ci parla - come sempre - del nostro campo Sinti (clicca QUI + QUI + QUI link interni) al Q.re Terradeo esprimendo le sue deliranti preoccupazioni.

E di cosa è preoccupato? Si preoccupa del successo delle politiche di integrazione e di una delle pochissime iniziative positive della Giunta Cereda (PDL + Comunione & Liberazione), cioè della realizzazione di una "ciclofficina" (clicca QUI 250 Kb pdf) con i soldi stanziati dal Ministro leghista Roberto Maroni a cura della Prefettura di Milano (clicca QUI 130 Kb pdf).

Un progetto unico ed esemplare, qualcosa di cui essere orgogliosi, qualcosa che sta funzionando da decenni, indipendentemente dal colore politico delle Amministrazioni che si sono succedute, anzi, tutto è cominciato negli anni '90 con la prima Giunta Lanati (Forza Italia) con la Lega Nord in maggioranza.

Caspita ragazzi ! Figuriamoci se ci fossero stati dei veri problemi cosa avrebbero detto e scritto!

Probabilmente il sogno dei leghisti locali sarebbe quello di avere, anche a Buccinasco, un bel campo Rom, delle fatiscenti baracche, illegalità, sporcizia e malattie.

Magari un posto da sgomberare con tanto di telecamere e scontri con la Polizia (vedi il caso di Opera), con delle belle roulotte in giro per la città e postulanti bambini sporchi e scalzi davanti alle nostre Parrocchie ...

Risolvere i problemi? I "padani" romanamente se ne fregano! Per ottenere che cosa? Facile: un pugno di voti in più alle prossime elezioni.

Speriamo e lavoriamo seriamente in modo che i loro sogni non si realizzino mai a Buccinasco Italia, speriamo che voi elettori sappiate tenerli lontani dai posti di comando... altrimenti sapete già cosa vi aspetta.

Niente di personale.

Rino Pruiti
Consigliere comunale di opposizione (seria)
Buccinasco MI
www.rinopruiti.it

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/01/2011 @ 13:15:33, in lavoro, visitato 1265 volte)

Alto Adige di Antonella Mattioli

I Sinti della famiglia di Radames Gabrielli sono pronti a mettersi in proprio: gestiranno il bar Righi, grazie a un affitto molto inferiore ai prezzi di mercato

BOLZANO. Prima il corso per gelatai, approvato nel 2009 dalla giunta provinciale, costato complessivamente 222 mila euro e finanziato dal Fondo sociale europeo; poi lo stage, adesso i Sinti della famiglia di Radames Gabrielli sono pronti a mettersi in proprio: gestiranno il bar Righi, la struttura che si trova sui prati del Talvera vicino all'omonimo campo da calcio. Realizzato dalla Provincia e dato in concessione al Comune, il complesso dispone di bar e ristorante. Di recente la giunta comunale ha deliberato l'affidamento della gestione del Righi alla cooperativa Aquila. Il tutto all'interno del progetto di inserimento lavorativo autonomo di cittadini Sinti residenti in città. Il canone di subconcessione annuale è stato stimato dagli uffici comunali in 12.300 euro annui, che però sarà dimezzato in base alla scopo sociale della concessione che andrà avanti fino al 31 ottobre 2012. Il contratto è stato stipulato con Radames Gabrielli, in qualità di presidente della cooperativa Aquila. L'iniziativa rientra nell'ambito del progetto finanziato dal Fondo sociale europeo «Sintengre Avarpen - il lavoro dei Sinti». Alla coop l'obbligo di versare una cauzione pari alla metà del canone pagato.

Il bar, chiuso da circa un anno, dovrebbe riaprire fra qualche settimana grazie ad un'iniziativa destinata a far discutere esattamente com'era successo due anni fa con il corso per gelatai pensato e voluto proprio per la famiglia Gabrielli.

In precedenza, per circa cinque anni, il bar è stato gestito da Stefano Pizzo della cooperativa Cs2a: canone d'affitto 1.800 euro al mese contro i 512 chiesti oggi ai Gabrielli. «Noi - spiega Pizzo - più volte avevamo fatto presente che 1.800 euro al mese erano troppi: il bar è decentrato e proprio per questo il funzionamento è strettamente legato alle partite di baseball e di calcio. Anche in estate il giro è limitato, perché per la sua collocazione risente molto del vento che spira dalla Val Sarentina. Vedo però che ora ai Sinti il Comune concede un prezzo speciale: è chiaro che dovendo pagare un canone che è meno di un terzo del nostro la musica cambia».

Prevedendo le critiche, in Comune difendono l'iniziativa: «È sbagliato - dice l'assessore alle politiche sociali Mauro Randi - fermarsi all'aspetto economico. Questa è una grossa sfida per i Sinti: dovranno mettersi in gioco e dimostrare di sapersela cavare da soli. E comunque, se è vero che si rinuncia ad incassare un canone più elevato, è altrettanto vero che si risparmierà sui sussidi economici concessi ai meno abbienti. È un investimento che si fa pensando al futuro: queste persone devono imparare a diventare autosufficienti. Verseranno i contributi e un domani avranno una pensione». Anche l'assessore Patrizia Trincanato, che ha sempre seguito i problemi dei nomadi, è fermamente convinta della bontà dell'iniziativa: «Tutti si lamentano del fatto che i Sinti non lavorano, questa è l'occasione per dimostrare il contrario».

Sullo stesso tema
Il bar Righi al centro delle polemiche

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


20/11/2019 @ 08:32:55
script eseguito in 169 ms

 

Immagine
 Gli amici sono partiti... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2118 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
08/11/2019 @ 09:18:43
Di FRANCESCA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
05/11/2019 @ 19:07:35
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source