\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Denise Pipitone, se Mediaset crede ancora agli zingari che rubano i bambini
Di Fabrizio (del 10/01/2011 @ 09:21:37, in media, visitato 1956 volte)



7 gennaio 2011 Siccome si sa che gli zingari rubano i bambini, allora Denise Pipitone può essere anche quella ragazzina ritrovata nel 2008 in Grecia. Così almeno dicono durante Quarto Grado, condotta da Salvo Sottile, nel servizio di ricostruzione del caso di Denise, dove affermano testualmente che in Grecia viene ritrovata (e si mostrano le foto) una ragazzina rom che somiglia tantissimo alla scomparsa, ma poi la zingara che la conduceva per mano "scompare nel nulla con la bimba, la cercano in tutti i campi rom ma non la trovano".

Mica vero. Era stata ritrovata sull'isola di Kos una bimba di otto anni che somigliava a Denise, scomparsa quattro anni fa (il 1 settembre 2004) a Mazara del Vallo mentre giocava in pieno giorno nel giardino della sua casa. L'Interpol aveva anche arrestato una donna di trent'anni (una rom albanese) che si faceva passare per la madre della bimba, ma non parlava italiano. A portare gli agenti dalla bambina, una turista italiana che aveva acquistato da lei un braccialetto era rimasta colpita dalla somiglianza. Così almeno era stata raccontata la storia, con dovizia di particolari fantasiosi, dai giornali italiani il giorno prima. Il giorno dopo, la doccia fredda: l'esame del Dna ‘scopre' che la bimba era proprio figlia dell'albanese che diceva di esserne la madre. Tu guarda il caso, alle volte.

La polizia ha fatto sapere che dall'esame del dna è emersa "una compatibilità ereditaria" tra la bambina e la zingara albanese arrestata, che aveva sempre affermato di esser sua madre. "Al 99% non è Denise bensì la figlia dell'albanese" dicono dalla Grecia dopo avere avuto i risultati, ancora informali, dell'esame. "I risultati ufficiali li avremo domani, attendiamo ulteriori disposizioni della magistratura"

scriveva il Giornale. A Mediaset si vede che, a distanza di due anni, ancora non se ne sono fatti una ragione.