Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Gli Zingari fanno ancora paura?

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 08/02/2014 @ 09:08:20, in Europa, visitato 1381 volte)

La popolazione europea e quella Rom - tra le quali non c'è stato un significativo mescolamento genetico - condividono però un gruppo di geni del sistema immunitario, assenti in altre etnie, che si sono evoluti in seguito all'esposizione alle stesse grandi epidemie, in particolare alla Peste Nera (red)

I geni del sistema immunitario di europei e Rom mostrano segni di un'evoluzione convergente dovuta alla pressione selettiva esercitata dalle grandi epidemie del Medioevo, e in particolare dalla Peste Nera. A scoprirlo è un gruppo di ricercatori dell'Universitat Pompeu Fabra a Barcellona, della Radboud University a Nijmegen, dell'Università "Iuliu Hatieganu" a Cluj-Napoca, in Romania, e del Dayanand Medical College and Hospital a Ludhiana, in India, che firmano un articolo sui "Proceedings of he National Academy of Science".

L'evoluzione dei geni del sistema immunitario sotto la pressione selettiva delle malattie infettive è un fatto ben noto, ma finora pochi studi hanno analizzato i meccanismi di questo processo a livello di modificazione del genoma.

Hafid Laayouni e colleghi hanno potuto sfruttare la rara condizione demografica di due popolazioni con un'ascendenza genetica diversa, europea e Rom, ma che hanno vissuto nella stessa area geografica senza un significativo mescolamento, e sono stati esposti a rischi ambientali simili, comprese le infezioni. Studi linguistici e genetici hanno infatti mostrato che la popolazione rom è originaria delle regioni settentrionali dell'India, paese che ha lasciato fra il V e il X secolo, per stabilirsi in Europa nel XI secolo, soprattutto nell'area dell'attuale Romania.

La popolazione rom ha condiviso per secoli lo stesso ambiente della popolazione europea rumena, ma geneticamente è più affine a un'etnia che ancora vive in India, dalla quale si è separata per migrare verso l'Europa, in più ondate, fra il X e il XII secolo. (Cortesia H. Laayouni et al./PNAS)

I ricercatori hanno effettuato un confronto incrociato fra i geni immunitari della popolazione rumena, di quella Rom stabilitasi in Europa e dell'etnia indiana da cui discendono i Rom (poiché la storia delle grandi epidemie in Europa e in India è differente).

Per un complesso di ragioni non perfettamente chiarito – la quasi aella popolazione rumena, di quella Rom stabilitasi in Europa e dell'etnia indiana da cui discendono i Rom (poiché la storia delle grandi epidemie in Europa e in India è differente).

Per un complesso di ragioni non perfettamente chiarito – la quasi assenza nell'ambiente indiano di pulci della specie Xenopsylla cheopis, che vi si sarebbe diffusa solo dal XVII secolo, le barriere geografiche e le difficoltà di spostamento su distanze quali quella che separano l'Europa dall'India - la peste risparmiò il subcontinente indiano, dove si diffuse in misura limitata e con una mortalità non superiore al 5 per cento.

Analizzando il genoma di soggetti dei tre gruppi etnici per saggiare ben 196.524 varianti genetiche (polimorfismi a singolo nucleotide, o SNP), i ricercatori hanno identificato sul cromosoma 4 un cluster di geni che codifica per recettori immunitari, e che è presente nelle popolazione rumena e in quella rom, ma non in quella dell'India settentrionale.

Attraverso una serie di esami i ricercatori hanno poi confermato che questo gruppo di geni è coinvolto nella risposta immunitaria degli europei al bacillo Yersinia pestis, l'agente eziologico della peste, e a Y. pseudotuberculosis, un suo stretto parente.

Grazie a questi risultati la ricerca fornisce una prospettiva unica sugli effetti dell'evoluzione sul sistema immunitario sotto pressione dalle infezioni.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/02/2014 @ 09:00:13, in Italia, visitato 1226 volte)


Prefazione di PIERO LEODI
Le fotografie della fiaccolata sono di CLAUDIO FRATI

Dall'introduzione
Seconda edizione, dunque, dopo oltre vent'anni. Un documento storico, con foto e testi che altrimenti sarebbero andati perduti.
A parte questo, un pezzo importante - secondo me - per alcune ragioni:

  • restituisce un'immagine niente affatto stereotipata di una delle comunità più discusse e meno conosciute in Italia;
  • la raccolta a caldo delle loro impressioni. Magari in maniera sgrammaticata (allora erano un gruppo poco scolarizzato e le interviste fecero parte del programma di alfabetizzazione, ma anche di quella di una sorta di "educazione civica"), comunque convinta e partecipe per un evento che era stato voluto e organizzato da loro stessi.

Avranno loro il tempo di formulare, di rivedere quei pensieri, noi potremo essere d'accordo o meno, ma se si vuole uscire dai recinti della scarsa conoscenza e degli stereotipi, è necessario ascoltarli in prima persona.
Infine, il valore del documento è dato dall'evento stesso: forse la prima manifestazione di Rom in Italia: il tentativo di uscire tanto dall'isolamento che dalla rassegnazione.
Si trattava, oggi i termini non sono molto cambiati, di chiedere migliori condizioni di vita, di essere riconosciuti come persone non più "nomadi", ma cittadini con diritti e doveri.
Questo veniva richiesto attraverso il riconoscimento a vivere in un "campo nomadi", che fosse civile ed attrezzato.
Interessanti anche le reazioni della stampa di allora, molti snobbarono l'evento, altri lo raccontarono in toni - tutto sommato - più generosi di quelli a cui gli anni seguenti ci avrebbero abituato.
Vent'anni dopo, quando la situazione "campo sosta" ha mostrato tutti i suoi limiti, chiudo con una ricostruzione della storia di questo campo, dall'inizio alla probabile fine. Si tratterà di un punto di vista parziale e localizzato, nonostante ciò la riflessione riguarderà anche considerazioni più generali.
PS: lo striscione c'è ancora, nell'armadio di casa mia...

Copyright Attribuzione Creative Commons 2.0
Pubblicato 4 febbraio 2014
Lingua Italiano
Pagine 51
Formato del file PDF
Dimensioni del file 8.19 MB
Prezzo: € 3,00
SCARICA

Una chicca: ; - ) 


Usciti il mese scorso:

Ulteriori informazioni

Ulteriori informazioni

Siamo a 13 ebook 

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/02/2014 @ 09:09:07, in casa, visitato 1262 volte)

Campo delle Tagliate

La NAZIONE - Lucca - Vicenda alloggi, ecco come la pensano i diretti interessati

Lucca, 4 febbraio 2014 - Per chi ancora si immagina rom e sinti come amanti della vita itinerante, tutti stretti intorno al fuoco, sempre pronti a trasferirsi in altre città con la propria roulotte, deve ricredersi. Loro le case le vogliono eccome, la stanzialità gli è entrata sottopelle al punto che il campo di via delle Tagliate, che dovrebbe essere di passaggio, per alcuni è dimora fissa da due-cinque anche dieci anni e oltre. Lasciamo che nel dibattito di questi giorni sul progetto del Comune di costruire le casette di legno in via delle Tagliate - anzi no - di ristrutturare 7 appartamenti in via Brunero Paoli, entrino anche i diretti interessati: rom e sinti che occupano le due ale del campo nomadi con una convivenza spesso non facile. Ma uniti da un punto fermo: le case si devono fare, anche per chi - più di uno - ci confessa candidamente di essere stato sfrattato dalle case popolari di S.Anna perché da tempo non pagava l'affitto.

"Certo, vogliamo una casa - dice Adrian - . Io in Romania vivevo in una casa, ora da 5 anni sono qui con due figli e nipoti, arrangiato in una roulotte, con 93 euro di bolletta Geal e 100 di luce. Neanche i cani vivono così, in mezzo alle pozzanghere e al freddo. Non ci hanno dato nemmeno le bombole per riscaldarsi, soltanto gli estintori, uno per piazzola". Gli chiediamo se lavora e annuisce. Gli chiediamo perché ha una bella Audi berlina parcheggiata accanto alla sua roulotte. "Una macchina come un'altra. In Romania costano meno…". Molti ci vengono incontro per dirci che si arrabattano con alcuni lavoretti (commercio auto, trasporti, vendita ferro) e che a volte non riscuotono perché il ‘capo' gli contesta il lavoro, che devono pagare l'acqua maggiorata per via del nuovo impianto ("ma il contatore mica ce lo portiamo via?"), che non rubano anche se "le mele marce sono ovunque", che ci sono bimbi piccoli nati prematuri che non possono vivere così, e che la scalata alle graduatorie delle case popolari dà qualche buona speranza. Molti sono iscritti da tempo.

"Io ho 8 punti - ci dice una giovane mamma rom - dovrei essere vicina alla casa, ma mi hanno detto che forse scenderò, non so perché. E' un'altalena continua, non c'è da capirci niente". Alcuni ragazzi sinti, uno dei quali con orgoglio ci dice che è "contrattualizzato" e lavora 14 ore al giorno, ci indicano le pozzanghere tra le roulotte. "Quattro mesi fa hanno fatto tanti lavori: tubature nuove agli impianti, ghiaino e piazzale ‘nuovo'. Adesso siamo di nuovo punto e a capo". Scuote la testa Nico, 55 anni, sposato, separato e poi riaccompagnato con una ragazza. Una presenza storica la sua: è qui da 12 anni, con un intermezzo di vita in un alloggio popolare della periferia. Ma l'affitto era troppo salato.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 05/02/2014 @ 09:01:10, in media, visitato 1475 volte)

La foto è riportata su Giornalettismo, che la attribuisce al Tempo. Un vero capolavoro artistico e di satira, il sindaco capitolino vestito da romnì! Non fosse che in passato s'è sentito e visto di molto peggio, e ultimamente la lotta politica si svolge secondo le regole del wrestling,

Vignetta a parte, è interessante anche il testo: Per dare ristoro agli alluvionati li sistema insieme agli zingari. A parte che se fossi un alluvionato, la cosa non mi scandalizzerebbe più di tanto (ma è un giudizio personale), da quell'ignorante che sono non capisco il collegamento tra "dare ristoro agli alluvionati" e "Marino sindaco di Rom". Forse, per essere sindaco di "non Rom" avrebbe dovuto lasciare (Rom e non-Rom) sotto l'acqua?

Misteri della politica!

Credo che la domanda se la siano posta anche nella redazione del Tempo, perché indecisi se avessero scritto qualche grossa stronzata, piuttosto che ammetterlo provano a insistere nella loro opera di convincimento con un secondo articolo: Marino sistema gli sfollati dai rom

Stavolta il giornalista fa un ragionamento più articolato, di cui continuo a non capire la logica, ma inizio a capire a chi si rivolge: quei lettori convinti che "meglio sfollati che zingari". Non ha neanche bisogno di parlare male degli zingari, lo si fa già tutti i giorni: si usano i tanti odiati zingari come arma contro un avversario politico, con un evento di sfondo, l'allagamento, che sta mettendo in ginocchio tutta la città, rom e no.

Leggendo l'articolo, c'è qualcuno che si lamenta di questa convivenza (saranno casi singoli? Un sentimento diffuso? Non possiamo saperlo), c'è l'assessore che tenta di giustificarsi, la consigliera che parte all'attacco. Tutto abbastanza scontato. E poi c'è un albergo con i letti caldi e le colazioni e, credetemi, tutto ciò sta diventando un sogno anche per molti di noi non-rom.

Vorrei dire a chi si lamenta di questa convivenza forzata, che ha avuto la grande fortuna che è mancata a noi "buonisti da trincea": conoscere i Rom senza doverne condividere le miserevoli condizioni in cui spesso sopravvivono. E anche di essere scampati ad una piena che li avrebbe portati in un REALITY SHOW che per molti Rom è realtà quotidiana. AVETE AVUTO QUESTA FORTUNA, SFRUTTATELA!

E può darsi che in queste condizioni, date da un evento eccezionale, non ci si inizi a conoscere.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 04/02/2014 @ 09:02:44, in Europa, visitato 1366 volte)

su Casa Europa; di Paolo Soldini

"La Romania è entrata nell'Unione europea con tutti i suoi Rom". Il capo del governo di Bucarest Traian Basescu è stato chiarissimo: la Romania non accetterà discriminazioni etniche nell'accettazione dei suoi cittadini in Germania, in Gran Bretagna e in tutti gli altri stati dell'Unione. E' caduta così l'assurda pretesa avanzata da più parti sia a Berlino che a Londra di distinguere legalmente tra immigrati rumeni (e bulgari, perché il problema è comune) "normali" e immigrati di etnia rom: sono tutti cittadini con uguale dignità e uguali diritti, anche quando si recano in altri Paesi. Il principio dovrebbe essere pacifico, ma - fino alle perentorie parole che Basescu ha pronunciato a Berlino (e presumibilmente nei colloqui che aveva avuto prima con i dirigenti tedeschi) - non lo era affatto. L'idea che si possano discriminare i Rom inventando per loro regole e divieti che non valgono per i loro connazionali è abbastanza diffusa e il premier rumeno ha ricordato che qualcuno questa politica ha provato pure a metterla in pratica: l'Italia, al tempo del non rimpianto ministro dell'Interno Maroni, provò a rimpatriare d'autorità gli "indesiderati" di etnia rom e cittadinanza rumena. Con l'unico risultato che quasi tutti, appena scesi dagli aerei su cui erano stati caricati a forza, ripartirono per il Bel Paese, al cui governo le autorità di Bruxelles ricordarono con una certa rudezza gli obblighi derivanti dalle regole della libera circolazione all'interno dell'Unione. Dal 1° gennaio scorso sono caduti i limiti per i cittadini di Bulgaria e Romania, fissati al momento del loro ingresso in Ue nel 2007.

Timori d'invasione
Proprio questa scadenza ha sollevato in vari Paesi, ma soprattutto in Germania e nel Regno Unito, una sindrome da invasione del tutto irrazionale e ingiustificata, o meglio: spiegabile con le pulsioni populistiche delle destre dei due Paesi. Nella Repubblica federale a cavalcare la tigre è stata ed è prevalentemente la Csu, la sorella bavarese della Cdu della cancelliera Merkel. Da settimane è in corso una campagna contro gli "immigrati per povertà", che arriverebbero in Germania dai due Paesi balcanici con l'unico obiettivo di approfittare indebitamente delle misure del welfare tedesco: sussidi di disoccupazione, contributi per la maternità e via elencando. Sui muri di Monaco e delle altre città del Land compaiono manifesti in cui si minaccia: "Chi imbroglia vola via". La realtà è molto diversa. Secondo l'Ufficio federale del lavoro i cittadini rumeni e bulgari che vorrebbero emigrare in Germania sono non più di 180mila, oltre un quarto dei quali con titoli di studio alti: soprattutto medici e ingegneri, ma anche informatici, infermieri, operai specializzati. Secondo i ricercatori dell'Istituto per gli studi economici di Colonia il saldo tra la spesa per le prestazioni sociali che verrebbero erogate agli immigrati balcanici e gli introiti per lo Stato in termini di tasse e contributi sarebbe largamente positivo. D'altra parte, tutti gli istituti di ricerca concordano sul fatto che l'economia tedesca è in una fase in cui ha un forte bisogno di manodopera e il governo federale ne è ben consapevole, visto che promuove continue campagne di richiamo di stranieri, qualificati o meno.
Non si sa quanti dei 180mila in arrivo da Bulgaria e Romania sarebbero di etnia rom: numerose missioni inviate nei mesi scorsi in Romania per indagare sulla quantità di Rom intenzionati a partire per la Repubblica federale non hanno permesso di accertarlo. Certo, nessuno nega che qualche problema di integrazione delle comunità nomadi rumene e bulgare, comunque, si porrà, come peraltro si è già posto in altri Paesi, come l'Italia e la Francia, ma anche in Germania e in Austria, dove un certo flusso migratorio di gitani orientali si registra da anni. Ma i problemi sono del tutto gestibili e, soprattutto, le autorità dei due Paesi sono intenzionate a farsene carico. Basescu ha proposto a Berlino un programma di sostegno alle comunità rom in Germania. Bucarest potrebbe inviare forze di polizia, medici, assistenti sociali e soprattutto educatori e insegnanti che si prenderebbero cura degli emigrati di origine rom. Esperienze simili sono state già compiute, per esempio in Italia per quanto riguarda la collaborazione delle polizie, e hanno dato buoni risultati.


Approfondimento: Roma are EU citizens too, Romanian President says su Euobserver.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 03/02/2014 @ 09:05:44, in lavoro, visitato 1382 volte)

Giovedi 23 Gennaio 2014 "Volevo essere come gli altri" di Sabine Wagner

E perciò Niza Bislimi ha nascosto a lungo la sua provenienza, sia in Kosovo che qui in Germania. E' una Rom, per essere precisi: una Romnì. Lei conosce tutti i pregiudizi contro i Rom. Da quattro anni è avvocato specializzato in diritto dell'immigrazione. Solo ora Niza Bislimi ha dichiarato la propria origine. Cosa che, come lei sa, non compiono altri Rom che hanno fatto carriera.

Ora è avvocato, non è stato facile

Attraverso tutti gli ostacoli verso il successo

Lei conosce la discriminazione sin dall'infanzia. [...] La incontro alla Corte distrettuale di Essen. Il vestito le si adatta perfettamente. [...]. Da quattro anni Nizaqete Bislimi, detta Niza, parla apertamente della sua provenienza. [...] In questo tempo è entrata in contatto col razzismo e lo sta contrastando in occasione di manifestazioni per i diritti umani. Fin da bambina ha nascosto di essere una zingara. Voleva soltanto essere come tutti gli altri. Da allora la sua storia è buona come soggetto di un dramma: a 14 anni la fuga da Kosovo verso la Germania con l'aiuto dei contrabbandieri - la vita in un centro profughi. Per 13c anni la paura costante di essere deportata. Ha avuto una madre e quattro fratelli e sorelle molto capaci. Una famiglia tedesca l'ha aiutata a studiare nei momenti iniziali e così nelle più avverse circostanze ha imparato il tedesco, prendendo poi il diploma. Alla fine, ha ottenuto il titolo di avvocato, titolo puramente "tollerato" nello stato dello Jura.

Come avvocato, si è specializzata in diritto dell'immigrazione

Un essere umano

Avendo a lungo nascosto qui in Germania il suo essere Rom, ha avuto anche a che fare con la loro già scarsa posizione di richiedenti asilo. Dice: "Eravamo tenuti d'occhio perché indossavamo solo abiti della Caritas e vivevamo nelle baracche alla periferia della città." L'appartenere ad una minoranza etnica tanto criticata, oltre all'aspetto visivo, spiega la sua riluttanza. Cosa sarebbe successo se si fosse scoperta la sua origine? Niza Bislimi non ha una risposta a questa domanda. Quello di cui è sicura, è che senza l'appoggio di sua madre e la coesione della famiglia non ce l'avrebbe fatta. Impariamo da una grande donna e dalla sua famiglia cosa può significare per una tedesca, una kosovara, una romnì "un essere umano". Che in romanés si traduce proprio con Rom.

[...]


Lettura consigliata da Mahalla

L'Europa che c'è: un giro tra i racconti e i pensieri di intellettuali e professionisti rom nel nostro continente

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/02/2014 @ 09:08:32, in casa, visitato 1359 volte)

Cosenza, la comunità rom accampata lungo il fiume Crati sperimenta una stufa che trasforma in calore il rischio incendio. Così si punta su energia alternativa e riciclaggio
Nella foto la stufa Rmh all'interno della Scuola del Vento (© Coessenza \ Confluenze) - Corriere della Calabria

COSENZA Riscaldarsi riciclando, con una stufa semplice da realizzare ed efficiente. Sembra lo spot di una televendita. E ad alcuni sembrerà pure impossibile, ma chi la sta provando è pronto a giurare che la stufa Rocket Mass Heater fa egregiamente il suo lavoro ed è un oggetto rivoluzionario. Il "target" è inedito: vista la loro capacità di riciclare materiali, è ideale per i rom. In più, i costi di realizzazione sono vicini allo zero e soprattutto, grazie alla struttura e al funzionamento, il rischio di incendio e di ustioni è molto più contenuto: sono due dei motivi per cui un oggetto così - che potrebbe essere venduto in tv o sul web ma attualmente è utilizzato nella "Scuola del Vento" Coessenza all'interno del campo nomadi di Cosenza lungo il fiume Crati - è stato salutato con entusiasmo. La baraccopoli rom del capoluogo calabrese festeggia così la Scuola del Vento, un progetto educativo che quest'anno spegnerà 5 candeline: lezioni gratuite in una baracca autocostruita dai rom e dai volontari di alcune associazioni della città.

L'Rmh, l'"oggetto misterioso" con cui la Scuola si sta riscaldando da qualche mese, è una stufa a legna con un'efficienza termica tale da ottenere la stessa quantità di calore utilizzando tra il 50 e l'80% in meno di legna rispetto a una stufa tradizionale: ciò è possibile grazie al processo di pirolisi, che consente di far bruciare la maggior parte dei gas della combustione (il fumo del fuoco) ottenendo così altro calore, ed emissioni minime composte quasi esclusivamente da Co2 e vapore acqueo. "Considerato poi che la forma e il funzionamento della camera di combustione creano un tiraggio consistente - spiegano i volontari della Scuola del Vento -, è possibile indirizzare il tubo di uscita degli esausti nella direzione desiderata, anche orizzontalmente, e ciò permette di farlo passare all'interno di una massa termica di materiale inerte pietroso (il pavimento, una panchina, un letto, un muretto o un qualsiasi altro elemento architettonico) ottenendo così di accumulare all'interno della casa una notevole quantità di calore che andrebbe altrimenti disperso". Anche i costi e i tempi di realizzazione di questo sistema innovativo sono eccezionalmente contenuti: è possibile infatti realizzare un impianto base con massa termica per meno di 150 euro e in meno di due giornate lavorative. Inoltre, sono già stati sperimentati sistemi che incorporano la possibilità di produrre acqua calda.

RMH, UN SISTEMA RIVOLUZIONARIO
NON SOLO PER LA COMUNITA' NOMADE

Un impianto di riscaldamento a costo ridotto e più sicuro dei metodi finora usati dalle fasce di cittadini meno abbienti che popolano la città potrebbe essere una salvezza se pensiamo agli episodi drammatici dell'ultimo anno: ai primi di marzo 2013 due clochard morti carbonizzati in una vecchia palazzina abbandonata, a pochi metri dal salotto buono di Cosenza, mentre il 2 gennaio a fare una fine simile è stato un anziano sarto, travolto dalle fiamme nella sua mansarda alle spalle del Municipio. Ma il rischio incendi è comune a tutti i (non) luoghi d'Italia abitati da quelli che i sociologi chiamano "marginali": proprio all'alba di oggi a Roma un cittadino straniero è morto carbonizzato in un incendio scoppiato in un residence abitato soprattutto da migranti, che vivono in condizioni disumane.

Insomma, il Rocket Mass Heater potrebbe far comodo a molti, di questi tempi. Ma perché è ancora più rivoluzionario per la comunità rom? Eccolo spiegato, in quattro punti:

  • L'utilizzo di una stufa con massa termica consente di avere minori sbalzi di temperatura. Ciò è particolarmente rilevante in un ambiente come le baracche che si surriscaldano quando le stufe a legna sono accese per poi raffreddarsi molto velocemente appena la stufa si spegne, portando alla condensa dell'umidità trattenuta all'interno dai rivestimenti plastici che vengono utilizzati per isolare le baracche e, dunque, ad una sostanziale insalubrità dell'ambiente.
  • La possibilità di utilizzare un quantitativo di legna molto inferiore disincentiva il ricorso a legna con plastica o vernici attaccati e alla plastica.
  • La qualità degli esausti, che sono praticamente respirabili, migliora radicalmente la qualità dell'aria all'esterno, che, specialmente nei campi densamente popolati, è spesso molto inquinata proprio a causa della combustione di materiali tossici e del posizionamento molto basso dei comignoli, favorendo malattie respiratorie e neoplasie.
  • Il bidone incorporato nel sistema, può essere utilizzato come piano di cottura, portando ad un risparmio sul gas e ad un miglioramento della qualità dell'aria all'interno delle baracche, dove la combustione del gas per la cottura può inquinare pesantemente l'aria.

OSTILITA' DEI CITTADINI (E DELLA NATURA)
L'INTEGRAZIONE FINORA È FALLITA

La "stufa rivoluzionaria" è un tassello che arricchisce la sfida della Scuola del Vento, esperienza di integrazione come poche altre su scala nazionale. Quella della scolarizzazione dei bambini rom rumeni accampati nei due campi cittadini (a Vaglio Lise e nel Palazzetto dello Sport di Cosenza-Casali) è una questione molto delicata: i dati non proprio incoraggianti spiegano meglio la situazione. Nel biennio 2011-2012 risultavano 52 bambini iscritti a scuola, di cui 40 alle elementari e 12 alle medie. I frequentanti alle elementari sono stati 29, 11 bambini hanno invece frequentato con discontinuità. Alle medie, 8 bambini hanno seguito con costanza, 4 saltuariamente. Il disagio economico, sociale e ambientale in cui vivono le loro famiglie è una delle cause della dispersione scolastica. L'assenza di una residenza ufficiale causa, invece, la difficoltà di accesso alle vaccinazioni (un dossier appena ultimato da un gruppo di associazioni ha contato fino a oggi 23 bambini vaccinati, mentre gli operatori dell'ambulatorio dei Medici Senza Confini "A. Grandinetti" di Cosenza hanno documentato i rischi igienico-sanitari nei due nuclei abitativi (campo e Palazzetto). Secondo i volontari, un primo passo verso una reale integrazione potrebbe essere l'impiego dei rom nella raccolta e lavorazione del materiale ferroso e dei rifiuti ingombranti, sulla scorta di quanto già accade a Bolzano ma anche a Reggio Calabria e Lamezia.

Anche se la diffidenza è dura a morire, in 9 anni di presenza, le "manifestazioni" più ostili per i rom della baraccopoli sono venute dal fiume in piena, dalla pioggia o dalle fiamme (mai dolose, se non in un caso e ad opera di una persona del campo). La scorsa estate, però, dopo il boom di furti nei quartieri periferici vicini al campo ma anche in centro città, si registrò qualche episodio di violenza sotto forma di raid punitivo: i topi d'appartamento non sono mai stati individuati, ma nella vulgata dei cosentini "gli zingari" erano i colpevoli.

COSTANO 7000 EURO A BIENNIO
ECCO I NUMERI DEI 2 "CAMPI"

Nell'ultimo biennio, la cifra totale messa a disposizione del Comune di Cosenza - denunciano i volontari - ammonta a soli 7000 euro, serviti per coprire i costi dei pasti erogati ai rom sfollati da un grosso incendio scoppiato a Vaglio Lise nel luglio del 2012, e per il pagamento delle utenze del Palazzetto dello Sport di Cosenza-Casali, luogo nel quale queste persone sono state temporaneamente sistemate e dove alcuni rom risiedono tuttora. I dati ufficiali a disposizione dell'Ufficio Statistiche del Comune di Cosenza raccolti in occasione dei due censimenti effettuati prima nel marzo del 2010 e poi nel mese di luglio del 2011, indicano la presenza di sole 320 persone. Di queste, la maggior parte è collocata nell'"insediamento informale" di Vaglio Lise, mentre una cinquantina di persone, circa 13 famiglie, si trovano all'interno del Palazzetto dello sport di Cosenza-Casali.

Il primo ottobre 2009, con una massiccia operazione congiunta di polizia, carabinieri, guardia di finanza e corpo forestale in collaborazione con vigili del fuoco e 118, furono notificati 90 provvedimenti di allontanamento dall'Italia per motivi di sicurezza emessi dal prefetto di Cosenza, su segnalazione della questura - e fu di fatto eseguito il primo "censimento" dei rom rumeni che vivono nella baraccopoli lungo il Crati. Oggi da quella stessa baraccopoli arriva una piccola ma significativa lezione sulle nuove energie.

eu. f.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 01/02/2014 @ 09:08:56, in lavoro, visitato 1392 volte)

Come un villaggio ungherese lotta contro la disoccupazione tra la minoranza rom - da ETHOCИ [video in tedesco, articolo tradotto (insomma...) dal bulgaro con Google translator]

Un gruppo di Rom di un villaggio ungherese non ha altra scelta che lavorare in agricoltura: raccolta di rifiuti da compostare o la costruzione di serre. Vi è impiegato il 50% della popolazione rom.

"Abbiamo bisogno di vedere. La mattina, quando ti alzi, la prima cosa che viene in mente è se funzionerà o no. Carcere o prestazioni sociali non sono la soluzione al problema della disoccupazione. Abbiamo bisogno di un cambiamento," dice il sindaco a "Deutsche Welle".

La soluzione al problema della disoccupazione in questo paese è percepita dal governo di Viktor Orban come un modello da applicare alla strategia nazionale epr i Rom. [...] E' raro il successo di simili modelli. In un altro villaggio, a 300 km dalla capitale, la disoccupazione ha raggiunto proporzioni preoccupanti. Senza programmi per il lavoro i residenti [...] possono scegliere tra morire di fame o lavorare quasi come schiavi, senza cibo e senza le condizioni sanitarie necessarie. Chi raccoglie legna, riceve 200 euro al mese e il diritto a portare a casa un po' di legna da ardere. I Rom in Ungheria potrebbero vivere meglio grazie ai milioni versati da Bruxelles per i vari progetti, tuttavia i fondi non sono distribuiti correttamente.

Negli ultimi 25 anni, dice Alada Horvath, deputato del Partito Rom, tutte le parti hanno concordato su una cosa: l'odio verso gli zingari. Secondo lui, non è stato fatto nulla per migliorare la loro vita, ed il 90% dei 790.000 Rom ungheresi è disoccupato. Dei fondi beneficia solo quella parte di Rom vicini al governo, in questo caso del partito del primo ministro Orban.

Laszlo Bogdan non fa parte di quel partito, i suoi compaesani devono lavorare duro. Però, i frutti del loro lavoro sono per tutti. Si mostra come un piccolo villaggio da solo può far fronte ai problemi senza aiuti da parte dello stato.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 31/01/2014 @ 09:09:49, in Italia, visitato 1199 volte)

Pisa, 29 Gennaio 2014 Il comunicato di Africa Insieme e Rebeldia

Ci risiamo. Ancora una volta, la politica del Comune sui rom assume un solo e unico volto: quello degli sgomberi. Con un intervento effettuato la scorsa settimana, infatti, la Polizia Municipale ha notificato un'ordinanza di allontanamento a quattro nuclei familiari del campo di Coltano.
Come noto, l'insediamento di Coltano è diviso in due aree: da un lato il "villaggio", con le famose "casette" assegnate ai rom; dall'altro il "campo", dove abitano famiglie che non sono rientrate nell'area attrezzata. Da mesi si discute del destino di questa seconda area. Oggi l'amministrazione ha dato la sua risposta: quattro nuclei verranno sgomberati, ma solo a due di questi è stata proposta una dignitosa soluzione abitativa. Le altre famiglie - nelle quali vi sono anche bambini - dovranno allontanarsi.

Ci risiamo, dunque: l'amministrazione comunale ripropone la consueta strada degli anni passati. Nel frattempo, il mondo intorno a noi è cambiato. L'Italia si è dotata di un programma nazionale denominato "Strategia di Inclusione", che chiede di interrompere la spirale perversa degli sgomberi, e di avviare progetti di inserimento abitativo.
La Regione Toscana ha creato tavoli di lavoro con gli enti locali per trovare soluzioni abitative e per scongiurare gli sgomberi forzati. Vi sono fondi europei stanziati per progetti validi e innovativi, e già alcune città toscane hanno avuto accesso a questi fondi. Il Comune di Pisa non ha presentato alcun progetto ed è oggi il fanalino di coda delle politiche sociali sui rom, sia a livello regionale che nazionale.

A pochi chilometri da Coltano, un altro campo - quello della Bigattiera - ha suscitato aspre polemiche nei mesi scorsi. Una mozione del Consiglio Comunale obbligava il Sindaco a ripristinare l'erogazione della luce elettrica e dell'acqua corrente, e a garantire il trasporto scolastico dei bambini [per il testo della mozione e il dibattito in aula si veda l'apposita pagina sul sito del Consiglio Comunale di Pisa]. Oggi, a quasi sei mesi di distanza, nulla si è mosso, e quella comunità continua ad essere priva dei servizi essenziali.
Un recente dossier dell'Associazione 21 Luglio - una delle più note organizzazioni internazionali di tutela dei diritti umani - inserisce Pisa tra le città dove più frequentemente sono violati i diritti dell'infanzia rom. Non è proprio un bel biglietto da visita per un Sindaco che si definisce “amico dell'infanzia”…

Ancora una volta, ci troviamo a proporre la soluzione più semplice. Si revochi l'ordinanza di sgombero, e si apra un tavolo di lavoro con le famiglie interessate, con la Regione e con le associazioni, per trovare soluzioni condivise e rispettose dei diritti fondamentali. E' davvero così difficile farlo?

Africa Insieme / Progetto Rebeldia

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 30/01/2014 @ 09:00:02, in media, visitato 1101 volte)

Cronache che di ordinario razzismo

"Cosa pensi di quelli che rubano? Come si fa a imparare a non rubare?". Lo chiede il giornalista Paolo Griseri a un bambino, in un'intervista video pubblicata su La Repubblica. E ancora: "Hai già incontrato dei poliziotti? Che tipi sono?".

Il bambino ha scritto una lettera a una delle sue insegnanti, raccontando quali lavori vorrebbe fare da grande. "Il maestro, il poliziotto", come tantissimi bambini.

Tra le altre cose, ha scritto che vorrebbe imparare "a non rubare". Da qui la scelta di Griseri di recarsi presso il campo rom dove vive, almeno "fino a che non arriva la macchina che spacca tutto" come specifica il bambino.

Troviamo particolare la scelta di sottoporre queste domande a un minore: gli si chiede "cosa rubano" le persone che vivono nel campo, "come si fa". Gli si chiede "cosa vengono a fare i poliziotti" a casa sua.

"Vuoi trovare un lavoro per evitare di fare questo", afferma Griseri, riferendosi ai furti.

Il bambino frequenta le elementari: deve davvero già pensare alla ricerca di lavoro, per evitare di incappare in un destino che, dall'intervista, appare segnato?

Forse il video voleva presentare un possibile modello di ‘inserimento sociale'. Ma ci sembra che veicoli piuttosto stereotipi e pregiudizi, già dal titolo: Il sogno del bambino rom: ‘Voglio imparare a non rubare'.

Qui il video.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


14/11/2019 @ 01:55:56
script eseguito in 164 ms

 

Immagine
 3 febbraio 2011: benvenuti a Milano... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2747 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
08/11/2019 @ 09:18:43
Di FRANCESCA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
05/11/2019 @ 19:07:35
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source