Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Desideri, disperazioni e voglia di normalità dalla periferia più periferica.

-

\\ Mahalla : VAI : scuola (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 31/12/2012 @ 09:04:08, in scuola, visitato 1203 volte)
ЕТНОСИ Borsa di studio per Rom qualificato miglior studente in tre università

"Da bambina volevo diventare un medico e aiutare i malati. Sia perché mi piace aiutare le persone, gli altri - ma anche perché questa professione è molto redditizia", afferma Antonia Valentinova, che ha ricevuto un premio come studente candidato di maggior successo medico.

E' stata adottata simultaneamente in tre facoltà di medicina - Sofia, Pleven e Varna, con un punteggio molto alto. Ha scelto di studiare nella capitale. In preparazione per gli esami, Antonia viene aiutata dal programma di borse di studio per gli studenti di medicina e medici laureati rom - una iniziativa del progetto "Rom Salute" - programma di borse di studio Roma Education Fund e dell'Open Society Institute di Budapest, con i partner Amalipe e Promedia. Il progetto mira a sostenere l'istruzione superiore degli studenti rom, nelle specialità di medicina, farmacia, ostetricia, radiologia, riabilitazione e gestione della salute.

[...] Oggi Antonia è convinta che il suo successo sia dovuto principalmente al sostegno avuto dal programma. "Esplorando il mondo della medicina, da loro ho imparato molto. Siamo stati e continuiamo ad essere una buona squadra con insegnanti e colleghi, anche quelli in altre università," dice un'altra ragazza. Sicuramente il sogno diventa più grande.

Antonia ha ricevuto una borsa di studio che copre costo di iscrizione, libri di testo e articoli di cancelleria. Oltre a questo il supporto per gli studenti delle scuole superiori mediche e professionali e collegi e medici laureati, il programma funge da mentore sul campo, per giovani accademici e professionali e la loro formazione.

Sono stati premiati durante una cerimonia dei partecipanti al progetto il vice ministro della sanità, Desislava Dimitrova, e il vice ambasciatore degli Stati Uniti, Brian Dalton. Antonia si definisce una donna fortunata. Il suo messaggio a colleghi ed amici è la sua frase preferita di Louis Pasteur: "La felicità aiuta la mente ben preparata."

Il progetto ha ricevuto premi e studenti mentori - ". Yordanka Filaretova" Prof. Ivaylo Tarnev coinvolti nel programma sin dal suo inizio, ostetrico-ginecologo dottor Krassimir Kamburova Romanov e Galia, professore presso il Medical College / Salute

 
Di Fabrizio (del 25/12/2012 @ 09:10:47, in scuola, visitato 1171 volte)

IlSole24ore 21 DICEMBRE 2012 - 10:18 Il futuro dei consumi di Roberto La Pira Riceviamo e pubblichiamo questa testimonianza:

La temperatura in questi giorni gira intorno allo zero. Neve, freddo, nebbia. Mi telefona Florina e mi chiede un paio di scarpe n° 36, le sue si sono bagnate con la neve e non si sono più asciugate, a "temperatura ambiente" non è possibile. Da una settimana non va a scuola perché non ha le scarpe. Vive con i genitori nello scheletro di una fabbrica non terminata.

Ho della frutta e qualche panettone, vado a trovare Luminita e i suoi figli. Mi offre un caffè, entro nella baracca rischiarata dall'alcool che brucia in una lattina scoperchiata di aranciata; il sistema di sicurezza è la pentola dentro cui la lattina è posta. Albert, sette anni toglie il quaderno dallo zaino per farmelo vedere; tratti incerti, un po' troppo per un bambino che fa la seconda, ma gli brillano gli occhi quando parla dei compagni e della sua maestra. Entra anche Monica, che ha iniziato l'asilo quest'anno.
Chi sono questi bambini che vivono in baracca, senza luce, senza riscaldamento, senza acqua e spesso con poco cibo? In quale città siamo?

Siamo a Milano, periferia est, ma qualunque altra periferia andrebbe benissimo perché i luoghi disprezzati diventano casa per tanti bambini, per i loro papà e per le loro mamme, che non hanno altra possibilità se non quella di "occupare abusivamente" ciò da cui chiunque di noi si tiene assolutamente lontano.
Sono i miei amici rom che ci abitano. Anche per loro il freddo, la fame, la mancanza di elementi primari sono duri e brutti. Non vivono lì perché è la loro indole, vivono lì perché la loro povertà non consente altro. Unica speranza è che le forze dell'ordine non distruggano anche la poca protezione che una baracca può offrire. Incontro questi bambini e i loro genitori a scuola, li incontro andando a trovarli, accompagnandoli a fare le vaccinazioni, ascoltando le loro storie e i loro sogni, che sono quelli di tutti noi.

Cara Florina, le scarpe ora non le ho, ciò che arriva riparte subito, ma te le cerco in fretta. Di bambini come lei e Albert, Monica, ce ne sono tanti a Milano, arrivano a scuola con tanta fatica addosso, con tante difficoltà, ma anche con tanta voglia di farcela, e i loro genitori fanno il possibile per fare sì che la storia bella della scuola continui, e che i loro figli siano come gli altri bambini.
Storie che vanno sostenute innanzitutto guardando questi bambini con occhi diversi e apprezzando la loro fatica. Storie che, se accompagnate, rendono Milano una città più giusta e aprono strade di cittadinanza a bambini altrimenti destinati all'esclusione.

Chi volesse aiutare i bambini delle baraccopoli milanesi, può scrivere a santegidio.rubattino@gmail.com

Flaviana Robbiati

 
Di Fabrizio (del 23/12/2012 @ 09:05:08, in scuola, visitato 1033 volte)

Il 50% dei nuovi utenti delle biblioteche appartengono alle minoranze

[...] lo dice all'agenzia "Focus" Trendafil Meretev, di "Biblioteche globali".

"Ha provocato grande interesse tra i bulgari che rom e turchi trovino le librerie un posto molto interessante," dice Trendafil Meretev. "Anche se in un primo momento è quasi un gioco, vanno lì per l'accesso ai libri e ad altri tipi di servizi forniti dalle biblioteche. Inoltre, imparano a comunicare meglio tra di loro, ed essendoci molti altri bambini, la biblioteca diventa un luogo di attività sociale per tutti gli utenti."

Ha aggiunto che un buon esempio di ruolo moderno delle biblioteche pubbliche sono i paesi nordici - Finlandia, Svezia, Danimarca ed in occidente - Inghilterra e Paesi Bassi.

"Ci sono molti esempi di biblioteche pubbliche valorizzate, in cui le persone sono realmente attive. La direzione delle nostre biblioteche lascia molto a desiderare, confrontata con quelle simile in Europa occidentale, soprattutto negli Stati Uniti. Per esempio, negli USA il 65% della popolazione frequenta le biblioteche, mentre in Bulgaria la percentuale è inferiore al 10%. Anche questo è importante," ha concluso.

 
Di Fabrizio (del 02/12/2012 @ 09:06:44, in scuola, visitato 784 volte)

Da Czech_Roma

  Prague, 23.11.2012 20:46, Per avere successo studentessa rom deve lasciare le scuole ceche

Il portale di notizie Novinky.cz ha pubblicato (in lingua ceca, tradotto in inglese da Gwendolyn Albert ndr.)) la seguente intervista con Magdaléna Karvayová, una donna rom che ha frequentato le superiori, nonostante la perdurante discriminazione a causa del colore della sua pelle. Sin da giovane si è trovata di fronte odio, non ha mai avuto molti amici a scuola ed era disprezzata dagli insegnanti, anche se i voti che prendeva dimostravano che era un'alunna di talento. Si è iscritta ad una scuola superiore internazionale per sfuggire da quell'ambiente sgradevole, ed anche là ha ottenuto successo. Per lungo tempo nessuno ha creduto che potesse farcela, ma alla fine è riuscita a segnare un percorso praticabile per i suoi fratelli più piccoli.

Cosa faceva tuo padre per vivere?

Si guadagnava da vivere come indovino. Aveva una laurea, che dopo la rivoluzione non è stata riconosciuta. Mia madre faceva le pulizie.

Sei cresciuta in una vasta comunità rom?

Allora a Jince u Příbrami c'erano solo tre famiglie rom, ma avevamo sempre dei parenti in visita, quindi di volta in volta mi trovavo in una specie di comunità rom.

Incontravate intolleranza e pregiudizi?

All'inizio. Ho avuto dei conflitti con dei bambini che avevano qualche anno più di me, e non solo a scuola. Ad esempio, una volta era andata in negozio ed un ragazzo che era in agguato mi ha afferrato la gola. Era è più tranquillo, perché tutti ci conosciamo.

Quanto, i tuoi genitori ti hanno motivato a studiare?

Mi hanno appoggiato, ma la motivazione veniva soprattutto da me stessa. Avevo due fratelli e sorelle più piccoli e dovevo prendermi cura di loro, ma quando uscivo dicevo loro che dovevo studiare.

Com'era a scuola?

Una catastrofe. In tutta la scuola eravamo soltanto due studentesse rom. Non avevo amiche e le mie compagne mi perseguitavano. Se solo camminavo nel corridoio, i ragazzi mi spintonavano dicendo "Fuori di qui grassa zingara!". Mi avrebbero spinto la testa nella tazza del gabinetto. Se mi lamentavo con l'insegnante, lei mi accarezzava il viso rispondedomi "Facendo così, ti succederà di nuovo". Così mio padre veniva a scuola tutti i giorni per lamesso.entarsi, ma il direttore si limitava ad annuire ed il giorno seguente era lo stesso.

Com'erano i tuoi voti?

Non ho mai preso meno del massimo dei voti. Facevo del mio meglio per combattere, per mostrare loro - posso studiare anche meglio di voi, allora perché mi trattate così? Poi è scattata una reazione e ho iniziato io stessa a diventare una persona aggressiva, cosa che non piaceva a me né alla mia famiglia. Decidemmo che avrei studiato alla Scuola Superiore Internazionale (Mezinárodní gymnázium), dove c'erano sol studenti stranieri. L'ambiente multiculturale mi attraeva. Ci sono andata a 12 anni.

Il tuo ambiente come ha reagito quando ti hanno accettata?

Gli insegnanti delle elementari mi hanno detto che non dovevo nemmeno provarci, nessuno di loro credeva in me. Quando ho ottenuto un premio come miglior studentessa del mese, mio padre l'ha portato alla scuola elementare per mostrarlo. Dopo, anche i miei fratelli minori sono andati alle stesse mie elementari, Anche loro hanno incontrato problemi, ma mai quanto me.

Com'era alle superiori?

Esattamente all'opposto. Il personale mi ha baciato e abbracciato per tutti i miei sei anni di scuola. Il mio inglese non era del livello richiesto lì, ma gli insegnanti mi aiutavano. Mi sono integrata in pochi mesi. Non c'era nessuna ragione perché gli stranieri mi discriminassero, al contrario: ero qualcosa di speciale per loro. Gli altri studenti venivano da tutto il mondo, ma io ero la prima romanì.

Perché hai deciso per l'Anglo-American College?

Quando volevo iscrivermi alla Charles University, la prima domanda che mi hanno fatto, guardando la mia carta d'identità, è stata: "Tu non sei Ceca, vero?" Quell'approccio mi ha spento, avevo paura di ritrovarmi quella roba daccapo. Dato che l'istruzione individualizzata funzione anche meglio per me, ho scelto di frequentare l'Anglo-American.

Come fai fronte alla retta, che è piuttosto alta?

Lì c'è una borsa di studio per gli studenti rom - copre il 100% della retta se si mantiene una certa media di valutazione. Così finora non ho pagato nessuna tassa scolastica.

Perché stai studiando diritto comparato?

Dopo le esperienze che ho passato, ho deciso di aiutare gli altri, perché sono sicura che non è capitato solo a me. Dovevo scegliere tra diritto e psicologia, e diritto mi è sembrato più confacente. Voglio dedicare me stessa all'istruzione, ai diritti umani e soprattutto alla minoranza romanì.


da Czech_Roma

Ostrava, 24.11.2012 20:16, Gli insegnanti cechi affermano che la comunità romanì non è interessata allo studio Deník.cz, translated by Gwendolyn Albert

I genitori di alcuni studenti rom di Ostrava sono recentemente scesi in strada a manifestare davanti al Municipio Nuovo. Tra i problemi che li preoccupano, il fatto che ai bambini romanì non siano offerte le stesse condizioni educative degli altri bambini, che vengono discriminati ed esclusi dall'istruzione regolare, per essere mandati in scuole e classi per soli rom. Il portale di notizie Deník.cz ha ora pubblicato un rapporto sulle esperienze negative e positive di quanti insegnano hai rom nella scuola pubblica. Romea.cz ne presenta qui la traduzione.

Esperienze negative

Gli insegnanti contattai da Deník.cz e quanti lavorano nella scuola con i bambini romanì, dicono che la situazione è un po' differente da come è stata dipinta dai suoi critici. Dicono che i genitori rom non partecipano spesso alle riunioni di classe e non mostrano interesse nell'istruzione dei loro figli, e spesso, neanche lo mostrano i bambini stessi.

Il punto è che l'istruzione non è importante nella loro cultura. Un altro problema è che i genitori di questi bambini non hanno mai completato l'istruzione primaria, quindi per loro è difficile aiutare i loro figli con le responsabilità scolastiche, questi è la reale situazione," dice Šárka Honová, direttrice dell'elementare Trnkovecká a Slezská Ostrava. Molti degli alunni sono rom.

Honová dice che un altro problema è che i bambini romanì spesso non hanno il materiale scolastico che serve. "E' stato annullato il beneficio per le matite e le famiglie semplicemente non hanno i soldi per comperarle, o li usano per altro," ritiene Honová.

Barbora (36 anni) è un'insegnante con parecchi bambini romanì in classe. Dice che non è facile interessarli nell'istruzione. "Funziona quando sono più giovani, ma già a 13-14 anni non hanno più alcun interesse nell'istruzione. Non ho il tempo per focalizzarmi solo su di loro, specialmente quando le famiglie non cooperano," dice Barbora, che non vuole rivelare il suo vero nome, per paura che dei genitori si vendichino su di lei. "I genitori di questi studenti non sono mai venuti alle riunioni di classe.

Secondo Jolana Šmarhovyčová, un'assistente sociale, sarebbe d'aiuto contare più mediatrici scolastiche romanì, che aiuterebbero i bambini nell'uso del materiale scolastico e nel rapporto con le insegnanti. Anche la direttrice Honová è dello stesso parere.

Aggiunge: "Sfortunatamente, nessuno ci da il denaro che servirebbe. Però, se i genitori non hanno interesse nell'istruzione dei figli, neanche gli assistenti potranno servire."

Esempi positivi

Markéta (26 anni) lavora per un'organizzazione che assiste i bambini romanì ad Ostrava. Dalla sua esperienza ha appreso che a molti di loro piace andare a scuola.

"Ho visitato la famiglia di un bambino di 10 anni. Durante il periodo in cui l'ho aiutato, i suoi voti sono migliorati di molto. Occorre pazienza," dice la giovane.

Šmarhovyčová sottolinea che spesso i bambini romanì vivono segregati dalla società maggioritaria. Anche se ufficialmente classi e scuole per soli rom non esistono, dice che nel pratico ci sono queste divisioni.

Chiede: "Come possono questi bambini essere sufficientemente motivati, quando mancano di esempi positivi? Quando i loro compagni di classe sono tutti nella loro stessa situazione?"

Recentemente si è tenuta ad Ostrava una conferenza sull'istruzione per le minoranze. Vi hanno preso parte autorità locali e organizzazioni non-profit, oltre a genitori e dirigenti scolastici.

"Abbiamo proposto che l'ente legale incaricato delle scuole, monitori la percentuale dei bambini romanì che le frequentano. Se la percentuale dovesse raggiungere una data cifra, lì non si dovranno più iscrivere bambini romanì," dice Šmarhovyčová, aggiungendo che dev'essere aumentato anche il numero di mediatrici scolastiche. "Penso che le parti si apriranno tra loro e che la situazione migliorerà."

 
Di Fabrizio (del 02/12/2012 @ 09:04:18, in scuola, visitato 889 volte)

Buongiorno Slovacchia Presov: dal prossimo anno gli alunni rom saranno a fianco degli altri bambini - 21 novembre 2012

Secondo una sentenza della Corte regionale di Presov del mese di ottobre, la scuola primaria di Šarišské Michalany, che ha creato classi separate per bambini provenienti da "ambienti socialmente svantaggiati", ha violato il principio della parità di accesso all’istruzione. Secondo quanto scrive oggi il quotidiano Sme, la scuola, con quasi i due terzi di questi alunni (per lo più dalle comunità rom), dovrà pertanto chiudere le 15 classi separate e comprendere gli alunni rom nelle classi regolari entro l'inizio del nuovo anno scolastico. In questo modo si eviterà, ha scritto la corte, una discriminazione su base etnica.

Il nuovo direttore Jaroslav Valastiak ha però dei dubbi: se non rispetta il verdetto, infrange il verdetto della corte. Ma se formasse solo classi solo socialmente miste, la struttura diverrà esclusivamente una scuola rom. Dopo la sentenza, ha detto, quattro bambini hanno lasciato la scuola e altri genitori stanno pensando di farlo, e cercarsi una scuola diversa per evitare che i loro figli condividano le classi con bambini rom spesso affamati e non preparati, con scarse abitudini igieniche. La discriminazione, pensano i genitori, è contro i loro figli che devono adattarsi al ritmo più lento di apprendimento dei bambini delle comunità emarginate.

Secondo Valastiak, scrive Sme, la sentenza è legittima ed è contro ogni forma di segregazione sociale nella scuola, ma secondo lui l'integrazione forzata non porterà ad alcun beneficio. La sua posizione è condivisa dalla maestra di appoggio per i rom, Monika Duzdova, che pensa che gli oltre 400 bambini della scuola a diversi livelli di istruzione, diversa estrazione sociale e con prospettive diverse non possono essere semplicemente "mischiati". Lei è scettica nei confronti di questo tipo di "giustizia", considerando che addirittura gli stessi genitori rom sono contro quest'idea di classi miste ove i loro bambini dovrebbero studiare fianco a fianco con i figli di famiglie "bianche".

Del resto, la scuola stessa ha già provveduto a trasferire i migliori studenti rom nelle classi ordinarie per favorirne l’integrazione.

(Fonte Sme)

 
Di Fabrizio (del 11/11/2012 @ 09:11:00, in scuola, visitato 1424 volte)

 Post plebeo e ad alto tasso di intolleranza (GRATUITA?)

    Ricordate quel film di Mike Nichols? Il laureato è uno che vorrebbe un matrimonio felice e magari una bella macchina e tanti figli, ma la potenziale (e borghesissima) suocera, piuttosto che ammollare l'adorata figlioletta a qualcuno senza arte né parte, è disposta a scoparsi lei il giovanotto, per ricattarlo e minacciarlo in futuro. E non è che il giovanotto in questione resista più di tanto a queste avances.

Qualche anno fa, davo una mano a traslocare i volumi del Centro Documentazione dell'Opera Nomadi di Milano... a proposito, che fine avrà fatto? (non l'Opera Nomadi, il centro intendo). Al centesimo scatolone, bestemmiavo sulla mole di libri scritti su di un popolo tendenzialmente ANALFABETA.

Da quando frequento Rom e Sinti, per forza ho iniziato a frequentare anche laureati. Sempre di più. Probabilmente è dovuto al momento di crisi: senza prospettive di lavoro e con un riconoscimento pubblico prossimo allo zero, è probabile che nei campi trovino quel po' di considerazione che altrove viene negata loro.

Dentro i campi, timidi, i laureati rispondono con sorrisi e magari fanno qualcosa coi bambini. Quando ne escono, scrivono, convinti di aver scoperto un filone che darà loro fama e importanza. E cosa scrivono di bello? Di cosa hanno visto, di come provare ad instaurare un rapporto tra DIVERSI? Di solito invece scrivono rimasticature di altri laureati (di più lungo corso), sulle origini degli zingari, sul loro cammino, sulla loro miseria materiale ed intellettuale, su quanto noi stanziali siamo razzisti e malvagi... insomma, cose risapute.

Il problema è che questo timbro di notizie, da parte di una classe che ha studiato da dirigente, restituisce lo STATUS QUO, il perpetrarsi della distanza che si è creata nel tempo. Mi son chiesto spesso se sia un comportamento cosciente, mirare a mantenere lo STATUS QUO, o sia la reazione di chi col mondo del lavoro (che continuo a considerare il motore universale del cambiamento) ha pochi rapporti precari, ma alla fine abbia comunque una casa che lo attenda, finita la corveé al campo nomadi. Altro punto su cui mi interrogo: quanto è disposta ad imparare (a mettersi in discussione), una persona che spesso si auto-considera già istruita?

Insomma: cosa si può pretendere da una situazione così socialmente sfilacciata? Attualmente: di farsi una risata di tanto in tanto, senza perdere la speranza che questo rapporto possa evolversi. L'esempio mi viene da una delle ultime letture di Paul Polansky (anche lui è laureato, nessuno è perfetto...) a cui ho assistito. Domanda, da parte di un laureato in antropologia:

  • Come sei riuscito a svolgere il tuo lavoro di antropologo tra gli zingari?

Risposta:

  • Gli zingari non sanno neanche cosa sia, l'antropologia. Hanno però dei bisogni, come tutti, e meglio degli altri sanno riconoscere se qualcuno si interessa a loro con sincerità e con impegno. Abbiamo costruito un rapporto, e così sono stato facilitato nel mio lavoro di antropologo. Ma tutto ciò è venuto dopo.
 
Di Fabrizio (del 10/11/2012 @ 09:03:59, in scuola, visitato 991 volte)

Lettere

Gentile direttore, da cosa si misura la civiltà di un Paese?

Sono comparsi in città dei manifesti imbarazzanti: "Abbiamo fatto pagare i Rom e i Sinti" - Lega Nord. Non credo che qualcuno potrà dimenticare quei bambini che camminavano lungo la strada senza marciapiede, la mensa vietata, l'accesso alla scuola materna proibito. Ci sono stati buoni cittadini che hanno raccolto la cifra necessaria per ripristinare i diritti negati a quei bambini a cui non solo è stata fatta pagare la crisi e la povertà delle proprie famiglie, ma sulle cui spalle è stato costruito un pezzettino della campagna elettorale.

Bisogna creare un nemico per giustificare e coprire il vuoto delle proprie idee, la crudeltà del proprio cuore e la pochezza del proprio operato. Meglio prendersela con i Rom piuttosto che affrontare, di fronte alla cittadinanza, lo scandalo delle mostre taroccate e delle centinaia di migliaia di euro regalati ad Artematica. Meglio insultare i Sinti piuttosto che raccontare dei tagli ai servizi sociali e alla scuola, dell'aumento dei costi per le famiglie. Meglio prendersela con qualche migrante piuttosto che raccontare di quando si spendevano allegramente i soldi della cittadinanza per le Miss Padania o i mondiali delle nazioni non riconosciute.
Siamo una delle città più inquinate d'Europa e il primo Consiglio Comunale sull'argomento sarà convocato a novembre, a pochi mesi dalla fine del mandato. Una grande prova di efficienza! Meglio parlare e prendersela con i poveracci, che non hanno voce. Meglio alimentare l'odio, il disprezzo.

Caro direttore, le ripeto la domanda iniziale: da cosa si misura la civiltà di un Paese? Dalla capacità, fra le altre cose, di creare anticorpi contro questo razzismo e questo modo di fare politica. Abbiamo bisogno di altro.

Paola Dioni

 
Di Fabrizio (del 16/10/2012 @ 09:15:29, in scuola, visitato 1691 volte)

Da Baltic_Roma

The ADVOCACY PROJECT I BAMBINI SARANNO BAMBINI, CONDIZIONI PERMETTENDO - Elise Filo | Posted October 8th, 2012

Primo giorno di scuola

In Lituania il primo giorno di scuola (1 settembre) è caratterizzato da una mezza giornata, gratuita ed obbligatoria, durante la quale i genitori accompagnano i bambini nel cortile della scuola dove si riuniscono gli studenti di ogni grado. Il preside farà un discorso di benvenuto, verranno eseguite delle canzoni, ed alla fine dell'evento i bambini di ogni grado si terranno per mano. Gli altri li seguiranno all'interno. Lì, si divideranno e doneranno fiori alle insegnanti. Così inizia il nuovo anno scolastico.

Però a Kirtimai i bambini non cantano. Né sono in molti ad andare a scuola. E tra questi ci sono i molti che interrompono gli studi già dalle elementari. L'istruzione è uno dei problemi più formativi dei Rom in Lituania e Kirtimai non fa eccezione. Le ragioni sono tante, dai problemi logistici alla comprensione delle questioni sociali.

I bambini di Kirtimai frequentano una delle due scuole di Vilnius, di lingua lituana o russa, entrambe a poco più di quattro km. dall'insediamento. Già prima di iniziare la giornata scolastica, i bambini trovano le prime difficoltà ad arrivare a lezione. A causa della strategia contro lo spaccio di droghe, gli autobus nopn passano di frequente nell'insediamento. Di pomeriggio, ci vogliono due ore di attesa prima che parta il primo autobus verso Kirtimai, con grandi rischi per la sicurezza di questi bambini lasciati a se stessi (soprattutto d'inverno). D'inverno la frequenza deve anche fare il conto col fatto che molti bambini non possiedono scarpe o vestiti adeguati al rigido clima dello stato baltico. Capita che con queste condizioni gli autobus congelino, limitando ulteriormente le possibilità di partecipazione di questi studenti. A ciò si aggiungano le povere condizioni finanziarie delle loro famiglie: oltre a non avere le risorse per la scuola, la disoccupazione influisce sul senso dei tempi e delle scadenze. I libri scolastici non sempre vengono acquistati per tempo, ed i bambini non solo non sono in grado di seguire le lezioni, ma si trovano anche in imbarazzo nei confronti dei loro compagni di classe.

Anche raggiunta la scuola, spesso l'istruzione resta inaccessibile. Per quanto inaudito, insegnanti ed altro personale scolastico usano atteggiamenti e comportamenti discriminatori verso i bambini rom. E' una sfida la parte più coinvolgente per i bambini delle dinamiche scolastiche: l'amicizia. Gli studenti rom tendono a fare gruppo, i compagni di classe li evitano chiamandoli "zingari". La vergogna conseguente a queste interazione spinge molti bambini ad abbandonare, specialmente quando gli insegnanti non affrontano le discriminazioni.

Gli insegnanti non sono in grado di fornire un supporto adeguato. In aula sono oberati e non sono operatori sociali. Il budget scolastico soffre per i tagli; gli insegnanti sono esausti, perché sono pagati di meno ma le ore di lavoro aumentano. Sfortunatamente, quando si tratta dei bambini rom, non tutti hanno la pazienza che è cruciale per fornire loro un valido ambiente di apprendimento. Le questioni linguistiche ostacolano sin dall'inizio la partecipazione scolastica dei Rom. La loro prima lingua è il romanés; il livello di lituano o russo acquisito all'inizio della scuola è molto vario, ma spesso non fluente. I bambini tendono ad avere molta energia e non riescono a stare seduti durante tutti i 45' della lezione, che spesso non capiscono, così spesso lasciano la classe. Parte di questo problema discende anche dalla differente socializzazione che i bambini apprendono nell'insediamento; non hanno familiarità con le norme della società maggioritaria e non le impareranno se non verranno trasmesse loro dagli insegnanti a scuola. I bambini hanno bisogno di assistenza sociale. Crescono in una situazione molto difficile di esclusione, povertà e droghe. Non si tratta di situazione di comunità, ma di diffidenza e criminalità, e tutto ciò lascia un forte impatto sulla socializzazione dei bambini.

Da dove iniziare

Molti di questi bambini hanno sperimentato direttamente gli effetti perversi dello spaccio di droga a Kirtimai. Vivono in mezzo a tossicodipendenti e arresti, sostenendo traumi psicologici non curati. I bambini crescono nel timore delle autorità, non importa se giudiziarie o scolastiche, e parimenti, in assenza dei genitori, hanno paura di essere messi in orfanotrofio (dove spesso non viene rispettato l'obbligo di istruzione). Anche la situazione abitativa è fonte di ansia incessante. La case di Kirtimai sono una specie di limbo giuridico; in quanto non registrate sono a rischio perenne di demolizione. Le famiglie non si sentono sicure nelle loro tristi condizioni di vita. Kirtimai non è un ambiente favorevole allo studio.

Inoltre, e ci sono poche prospettive di successo, ai bambini manca la motivazione. Una volta che capiscono di "trascinarsi" dietro ai loro compagni di classe, capiscono anche che non potranno mai raggiungerli, né avere successo a scuola o realizzare i loro sogni d'infanzia, questi bambini si arrendono. Nella loro sfortuna, i figli di Kirtimai hanno una forte educazione alla realtà.

Vale la pena ricordare che attualmente si sta sviluppando un progetto, delegato a due insegnanti nelle due scuole di Vilnius, che coinvolge 78 bambini rom di Kirtimai.  Il progetto è ancora nella sua fase iniziale, scontando difficoltà logistiche che ora non vorrei affrontare. Ritengo comunque che sia uno strumento molto importante, se correttamente attuato, per l'integrazione scolastica.

Tuttavia, le soluzioni non arrivano da sole. Le facilitatrici scolastiche hanno il potenziale come modelli positivi e per facilitare la comprensione e le dinamiche sociali scolastiche; ma non il potenziale per risolvere le questioni sociali e materiali fuori dalle scuole. Se non ci sono autobus, non ci saranno alunni. Se non ci sono libri di testo, i bambini saranno svantaggiati in classe. Se la situazione a Kirtimai non cambia, senza prospettive costruttive nel futuro, non ci sarà motivazione e nessuna facilitatrice potrà salvare questi bambini.

Se non riusciremo ad educare questi bambini, se non saremo in grado di fornire loro un lavoro normale, questa sarà un'altra generazione perduta

 
Di Sucar Drom (del 12/10/2012 @ 09:18:36, in scuola, visitato 857 volte)
 
Di Fabrizio (del 07/10/2012 @ 09:16:16, in scuola, visitato 956 volte)

Da Slovak_Roma

ROMAREACT. org FLASHMOB, PER SVESTIRSI DEGLI STEREOTIPI, 30 settembre 2012

Un gruppo internazionale di 40 studenti ha lanciato romareact.org, una nuova piattaforma online per mobilitare le comunità rom con flashmob mozzafiato in cui ragazze e ragazzi pubblicamente si spogliano degli stereotipi.

Questa gioventù ne ha abbastanza di essere percepita come mendicanti, ladri, cartomanti, anche quando un numero crescente tra loro si sta laureando all'università.

"Make the Change" è il messaggio di appello all'azione del flash mob, che si riferisce ad un urgente bisogno di aiutare i Rom a sollevarsi dalla povertà e misurarsi con successo con i non-Rom.

Hanno perciò occupato il centro di Edirne in Turchia alle 13 di sabato 29 settembre, e messo in atto il primo flash mob nella storia del paese.

Anche la folla è rimasta attonita, era qualcosa di mai visto prima. Romnià danzatrici del ventre, cartomanti, mendicanti ed alcolizzati che attorniano un pubblico congelato. La musica li sblocca e si trasformano in avvocati, infermieri, ingegneri attraverso le loro storie personali che necessitano il cambiamento.

I "re-attori" - come la rete ERGO che si è occupata dell'iniziativa chiama i giovani agenti del cambiamento - vogliono anche mostrare la battaglia che i Rom istruiti conducono per essere differenti tanto nel mondo rom che in quello non-rom.

RomaReact.org intende celebrare il successo dei giovani rom istruiti, dando luogo ad eventi simili nelle loro stesse comunità e fornendo visibilità internazionale a loro. State all'erta!

ERGO Network ed i suoi membri in Albania, Bulgaria e Macedonia, hanno organizzato il flash mob per la campagna Roma Women Empowerment dal titolo Il Nostro Spazio, Il Nostro Spazio, Il Nostro caso. La campagna riguarda l'accrescimento delle donne rom. Ha anche una componente online nel sito Roma React, per visualizzare posti, spazi e casi delle donne rom nelle nostre società.

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie piů cliccate


28/01/2020 @ 20:34:19
script eseguito in 47 ms

 

Immagine
 c'era una volta... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 631 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< gennaio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
27/01/2020 @ 16:13:20
Di Monica
Testimonianza su come metto fine alle mie preoccup...
23/01/2020 @ 18:28:29
Di MR PENDELIS
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source