\\ Mahalla : Articolo : Stampa
I laureati
Di Fabrizio (del 11/11/2012 @ 09:11:00, in scuola, visitato 1472 volte)

 Post plebeo e ad alto tasso di intolleranza (GRATUITA?)

    Ricordate quel film di Mike Nichols? Il laureato è uno che vorrebbe un matrimonio felice e magari una bella macchina e tanti figli, ma la potenziale (e borghesissima) suocera, piuttosto che ammollare l'adorata figlioletta a qualcuno senza arte né parte, è disposta a scoparsi lei il giovanotto, per ricattarlo e minacciarlo in futuro. E non è che il giovanotto in questione resista più di tanto a queste avances.

Qualche anno fa, davo una mano a traslocare i volumi del Centro Documentazione dell'Opera Nomadi di Milano... a proposito, che fine avrà fatto? (non l'Opera Nomadi, il centro intendo). Al centesimo scatolone, bestemmiavo sulla mole di libri scritti su di un popolo tendenzialmente ANALFABETA.

Da quando frequento Rom e Sinti, per forza ho iniziato a frequentare anche laureati. Sempre di più. Probabilmente è dovuto al momento di crisi: senza prospettive di lavoro e con un riconoscimento pubblico prossimo allo zero, è probabile che nei campi trovino quel po' di considerazione che altrove viene negata loro.

Dentro i campi, timidi, i laureati rispondono con sorrisi e magari fanno qualcosa coi bambini. Quando ne escono, scrivono, convinti di aver scoperto un filone che darà loro fama e importanza. E cosa scrivono di bello? Di cosa hanno visto, di come provare ad instaurare un rapporto tra DIVERSI? Di solito invece scrivono rimasticature di altri laureati (di più lungo corso), sulle origini degli zingari, sul loro cammino, sulla loro miseria materiale ed intellettuale, su quanto noi stanziali siamo razzisti e malvagi... insomma, cose risapute.

Il problema è che questo timbro di notizie, da parte di una classe che ha studiato da dirigente, restituisce lo STATUS QUO, il perpetrarsi della distanza che si è creata nel tempo. Mi son chiesto spesso se sia un comportamento cosciente, mirare a mantenere lo STATUS QUO, o sia la reazione di chi col mondo del lavoro (che continuo a considerare il motore universale del cambiamento) ha pochi rapporti precari, ma alla fine abbia comunque una casa che lo attenda, finita la corveé al campo nomadi. Altro punto su cui mi interrogo: quanto è disposta ad imparare (a mettersi in discussione), una persona che spesso si auto-considera già istruita?

Insomma: cosa si può pretendere da una situazione così socialmente sfilacciata? Attualmente: di farsi una risata di tanto in tanto, senza perdere la speranza che questo rapporto possa evolversi. L'esempio mi viene da una delle ultime letture di Paul Polansky (anche lui è laureato, nessuno è perfetto...) a cui ho assistito. Domanda, da parte di un laureato in antropologia:

  • Come sei riuscito a svolgere il tuo lavoro di antropologo tra gli zingari?

Risposta:

  • Gli zingari non sanno neanche cosa sia, l'antropologia. Hanno però dei bisogni, come tutti, e meglio degli altri sanno riconoscere se qualcuno si interessa a loro con sincerità e con impegno. Abbiamo costruito un rapporto, e così sono stato facilitato nel mio lavoro di antropologo. Ma tutto ciò è venuto dopo.