Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Blog INDIPENDENTE di informazione e divulgazione

-

\\ Mahalla : VAI : scuola (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 05/04/2006 @ 10:00:27, in scuola, visitato 1711 volte)

Si è conclusa settimana scorsa una ricerca sui Rom in Serbia, di cui hanno dato notizia parecchi media internazionali.

30 marzo (UPI) - Oltre il 72% dei bambini rom di Serbia non hanno mai completato la scuola dell'obbligo e il 9% non gode di assistenza medica.

Questi i risultati della ricerca condotta su 630 famiglie rom a Belgrado e nelle quattro più grandi città della Serbia. La stessa ricerca mostra che circa il 20% dei minori non sono presenti nelle liste scolastiche [...]. La ricerca è stata organizzata da Save the Children e dal Centro Diritti per l'Infanzia, secondo quanto riferito dall'agenzia BETA.

Vesna Dejaniovic, del Centro Diritti per l'Infanzia, afferma che i bambini rom iniziano di solito gli studi all'età di 7 anni, e passano 4 bocciature prima di completare il ciclo dell'obbligo.

Le ragioni principali risiedono nello scarso livello scolare dei genitori e nelle condizioni di vita, la maggior parte [degli intervistati] risiede in baraccopoli, sgomberati continuamente da un posto all'altro.

Vesna Dejaniovic ha aggiunto che l'8% dei bambini soffre di gravi disturbi e non ha effettuato le vaccinazioni prescolari [...]

Da: Roma_ex_Yugoslavia


 
Di Fabrizio (del 30/03/2006 @ 10:12:29, in scuola, visitato 2383 volte)
26 Marzo 2006

Nuova vita per i racconti a rischio discriminazione

By Charlene Sweeney

LA ricca cultura orale dei Viaggianti Scozzesi è diventata parte di un vasto progetto di ricerca, che vuole superare i secoli di discriminazione rivolti alla comunità.

Lo studio è durato tre anni, ed è stato condotto dall'Elphinstone Institute e dall'Università di Aberdeen, col finanziamento dell'Heritage Lottery Fund; è la prima iniziativa di questo genere nel Regno Unito.

Il progetto intende preservare e promuovere ballate, melodie e storie originarie della comunità dei Viaggianti Scozzesi, tramandate di generazione in generazione.

C'è il rischio reale che queste tradizioni vadano perse, perché gli stessi Viaggianti tendono a reprimere la propria cultura e nascondere la loro identità.

Viaggianti e Romanichals sono considerati un gruppo di minoranza etnica distinta dal Governo scozzese, ma - nonostante una esplicita richiesta del Parlamento nel 2001 - le due comunità non sono riconosciute nel Race Relations Act.

Stanley Robertson, Viaggiante che risiede ad Aberdeen, è convinto che questo progetto potrà contribuire a mantenere il patrimonio culturale.

"La lingua e la cultura hanno sofferto perché molti di noi dagli anni '50 non hanno più voluto essere associati ai Viaggianti" ci dice. "Volevano diventare Scaldies [non-Viaggianti] e togliersi un'etichetta che reputavano scomoda."

Crede che così i giovani saranno spinti al recupero delle loro radici. "Ci sono studenti che sono venuti nel mio ufficio a chiedermi, 'Sai dirmi perché mi sono state deliberatamente negate la mia lingua e la mia cultura?' La colpa è stata dei lor genitori, ma ora questi giovani vogliono conoscere meglio loro stessi."

"La gente non dovrebbe a priori chiudere la propria mente ai Viaggianti. Deve aprire gli occhi e non giudicarci secondo l'immagine che si è formata di noi."

Ian Russel, direttore dell'Elphinstone Institute e coordinatore della ricerca, ritiene che l'iniziativa contribuirà a riconoscere il contributo portato dai Viaggianti Scozzesi alla società. "E' gente eccezionale con centinaia di canzoni e ballate nella loro memoria. Sono molto importanti per la Scozia. Possiamo imparare molto da loro."

Stanno già emergendo i frutti di questa ricerca, che indaga sulla "diversità culturale"  che esiste tra i Viaggianti scozzesi. "Non si stanno limitando a guardare il passato [...] molti giovani Viaggianti stanno avvicinandosi ad internet e alle nuove tecnologie per diffondere le loro tradizioni sinora orali."

Alcune tra le centinaia di storie e canzoni riemerse durante la ricerca saranno incluse nel CD "Rum, Scum, Scoosh" edito dall'Elphinstone Institute, mentre altre saranno pubblicate sul sito web curato dal centro.

Ali Jarvis, direttore ad interim della Commissione sull'Uguaglianza Razziale in Scozia, così ha accolto il progetto: "La comunità Romanichal/Viaggiante è tra le più vilipese in Scozia. Hanno di fronte altissimi livelli di discriminazione, che si perpetuano attraverso gli stereotipi dei media. In Scozia nessuno dovrebbe nascondere la propria identità".

Un portavoce del Governo ha così concluso: "I Romanichals/Viaggianti sono un gruppo riconosciuto dalla nostra campagna Una Scozia Molte Culture" aggiungendo che la campagna verrà rilanciata anche durante l'anno in corso, con l'intervento di Viaggianti che illustreranno le discriminazioni a cui sono soggetti.

Rif: 11 settembre 2005

 
Di Fabrizio (del 26/03/2006 @ 10:16:44, in scuola, visitato 2182 volte)

Due notizie dalla Moldavia, comunicate dall'associazione Tarna Rom di Chisinau:

Il 18 marzo, al termine del terzo Meeting della Gioventù Rom della Moldavia (coorganizzato da Tarna Rom, Unione dei Giovani Rom di Moldavia e Hotel Jazz di Chisinau) i ragazzi che erano intervenuti sono stati accusati senza prove o motivo della sparizione di sei cucchiaini da te.

Il caposala ha detto di aver contato precedentemente il numero delle posate e delle stoviglie, perché "si sa come sono questi bambini". Al termine del servizio ha notato che mancavano 6 cucchiaini e per questo ha cominciato ad apostrofarci malamente. Gli abbiamo spiegato perché non era possibile che qualche bambino avesse preso le posate.

Dopo una decina di minuti è intervenuto il direttore dell'albergo, a scusarsi per il fraintendimento e per la condotta del cameriere.

Ion DUMINICA è il primo Rom nella storia della Repubblica di Moldavia ad ottenere il titolo di Dottore in Scienze Politiche.
  • 1994 - 1999 Bachelor in scienze politiche
  • 1999 - 2001 Master in Relazioni Internazionali
  • 2000 - 2003 (2006) Dottorato in Scienze Politiche

Ion Duminica è tra i fondatori e membro dell'Unione dei Giovani Rom di Moldavia "Tarna Rom".

E' fermamente convinto che il popolo dei Rom non debba essere giudicato secondo i pregiudizi creati dalla storia, ma secondo il valore personale. Il titolo di Dottore in Scienze Politiche lo pone al vertice nel campo scientifico tra i Rom di Moldavia ed è un chiaro esempio per gli altri Rom. Ion Duminica chiede ai Rom di mantenere la propria identità ed essere orgogliosi della loro nazionalità.

Conosce molte celebrità che non vogliono identificarsi come Rom, a causa degli stereotipi che circondano il loro popolo.

Nel contempo, Ion Duminica è a capo della Sezione di Storia e Cultura Rom della Repubblica di Moldavia, ospitata dall'Istituto di Ricerca Interetnica dell'Accademia delle Scienze.

Il suo messaggio ai giovani è di studiare e di non perdere la propria identità.

 
Di Fabrizio (del 20/03/2006 @ 09:56:10, in scuola, visitato 1384 volte)
Carissimi,
Vi invio un testo del giornalista Zoran Ivanov,, direttore dell'Agenzia Informativa Macedone, sulla situazione della scolarizzazione dei Rom in Macedonia.
Asmet Elezovski
National Roma Centrum
elezovski@nationalromacentrum.org

LA CHIAVE E' NELL'EDUCAZIONE

Alvaro Hil Roblens, commissario per i Diritti Umani del Consiglio d'Europa, ha recentemente presentato a Strasburgo il proprio rapporto. Il rischio per i diritti dei Rom è uno dei leit-motiv del rapporto, che ha anche toni allarmati per la situazione che coinvolge 10 milioni di abitanti della Comunità Europea all'alba del XXI secolo.

All'atto pratico, il rapporto si limita a sottolineare la necessità del collegamento tra autorità, istituzioni e gli stessi Rom per arrivare ad una serie di misure di generico livello di civilizzazione, che appoggi gli sforzi del "Decennio Rom" in tutte le sfere della vita sociale ed economica.

Di conseguenza, la base proritaria di ogni sforzo è nell'impulso alla scolarità ed all'educazione più in generale. Causa i bassi standard, gli anni se non i secoli di nessuna attenzione allo status dei Rom, nelle stesse nazioni più sviluppate, la loro attuale situazione è di non essere competitivi sul piano della scolarizzazione e su quello economico, o se preferite sul piano della civilizzazione. Sono la cattiva coscienza dell'Europa.

Parlando statisticamente, è corretto notare che tra loro ci sono dottori, avvocati, insegnanti, uomini d'affari e politici. Ma il fatto è che le autorità e gli stati hanno fatto poco o niente per aiutare questi concittadini, perché a livello globale uscissero dalla loro ignoranza. Questa la ragione ed assieme la conseguenza della miseria sociale globale che attanaglia i Rom.

Questo è il secolo della globalizzazione. E' una sfida per tutti, anche i Rom di questa regione sono coinvolti i questo sommovimento economico. Ma la globalizzazione esclude quelle comunità che non sanno porsi in comunicazione e cooperare indipendentemente dall'appartenenza etnica o religiosa: finiscono isolati e marginalizzati. In questo Decennio Rom,

La Repubblica di Macedonia sta facendo contemporaneamente molto e poco per la comunità Rom. In questo Decennio Rom, una risoluzione che il nostro paese firmo già 18 mesi fa, corre l'obbligo di un contributo attivo e reale. Mancano però le linee guida del programma, assieme alle indicazioni di spesa che potrebbero garantire un progresso sociale alla comunità rom.

"La chiave è nelle tue mani" è il titolo della campagna dell'OnG National Roma Centre. Come molte altre OnG romani, dipende per buona parte dei progetti da finanziamenti stranieri. Bene per loro se dirigono questi progetti in direzione della scuola. Il dato, su 7868 bambini rom iscritti alle elementari, meno di 600 terminano quel ciclo, è chiarissimo; riguarda lo stato e le istituzioni, soprattutto.

Riteniamo di saperne abbastanza, ma in realtà conosciamo troppo poco sulla  vita dei Rom, quelli che stanno sotto i nostri balconi, agli incroci stradali, lungo le sponde del Vardar... Qiuanti di noi si preoccupano che migliaia di famiglie rom, nostri concittadini, non hanno assistenza sanitaria, per fare un esempio.

Naturalmente, lo stato ribatterà con le proprie statistiche, dicendo che si prende cura dei Rom, che sono state assegnate borse di studio a 800 di loro, che sono stati stanziati 1,2 milioni di euro, che hanno le loro municipalità, che la percentuale di frequenza della scuola elementare è cresciuta dal 18 al 23%, che il nostro paese è indicato come un esempio degli sforzi per l'integrazione dei Rom nella società maggioritaria, ecc. ecc.

Ma pesa su questo Decennio tutto il tempo passato di isolamento, particolarmente alle elites romanì su come disegnare e imporre una loro strategia nazionale per i prossimi dieci anni. Quindi, come interloquire con le istanze statali. All'inizio di tutto e come priorità, l'educazione. Come risultato, l'educazione.

Zoran Ivanov,
Director of Macedonian Informative Agency.

Rif: dal sito del governo macedone

 
Di Fabrizio (del 16/03/2006 @ 10:36:45, in scuola, visitato 1352 volte)

La Campagna europea contro le discriminazioni, invita gli studenti degli istituti artistici e del design, a mettere la loro creatività a servizio della diversità, partecipando al concorso per il manifesto "Rompere gli stereotipi". Il concorso, aperto agli studenti di tutti gli stati membri dell'Unione, lanciato il 13 febbraio scorso, si concluderà il 31 luglio 2006. I vincitori verrano proclamati a fine agosto 2006.

In English // in French
 
Di Fabrizio (del 11/03/2006 @ 10:19:31, in scuola, visitato 1717 volte)

Gli studenti delle classi sul folklore rom celebrano la festa nazionale di Deyan Kolev – Amalipe BG

Il 3 è [stata] la festa nazionale bulgara, in cui viene celebrata la liberazione dal dominio turco e la restaurazione dello stato bulgaro nel 1878. Purtroppo, il crescente nazionalismo tenta di utilizzare questa festa nazionale come ulteriore occasione di odio etnico e di intolleranza contro le minoranze rom e turche [rispettivamente, il 5 e il 10% della popolazione ndr.]. Questo lo scopo dei raduni indetti dal partito ultranazionalista Ataka [cfr. Mahalla ndr.] a Sofia e in altre città.

Ciononostante, gli studenti di differenti origini etniche (rom, turca, bulgara) che a scuola assieme studiano il folklore rom, sono riusciti ad indicare che la differente origine etnica non è di ostacolo alla convivenza e alla partecipazione alla vita del paese, senza per questo rinnegare la propria specifica identità.

Questo ha dato luogo all'iniziativa comune del Centro Amalipe e degli studenti di 12 scuole nel distretto di Veliko Turnovo. L'iniziativa aveva carattere regionale ed hanno aderito molte scuole di altri distretti. Gli allievi hanno preparato un puzzle di 2000 fogli che riproduceva la bandiera nazionale e l'hanno poi presentato ai compagni di scuola, alle insegnanti, alle autorità intervenute alla festa, che è continuata con uno spettacolo musicale, chiuso dall'inno nazionale bulgaro e da quello rom “Gelem Gelem”.

Si è voluto dimostrare che non esiste contraddizione nell'essere contemporaneamente cittadini bulgari e rom, nel rispetto dei simboli e delle tradizioni reciproche, e senza dover condividere l'odio tra etnie. “Lo spirito nazionale della Bulgaria non è nelle torce dei raduni ultranazionalisti, ma nella fiamma che brilla negli occhi dei bambini di ogni differente etnia” (Teodora Krumova – Centro Amalipe).

 
Di Fabrizio (del 02/03/2006 @ 18:00:46, in scuola, visitato 1559 volte)
Ho il dubbio... che ci stiamo pedinando a vicenda : - )
 Questi gli ultimi aggiornamenti (al solito, linkando il titolo, potete leggere l'articolo completo e vedere le immagini):

C’ERA UNA VOLTA……..
Perché raccontarvi storie di miseria, disagio, malattia, discriminazione ? Basta leggersi i rapporti dell’Unicef sullo stato dell’infanzia nel mondo con le loro cifre impressionanti…ma queste cifre, ahimè, forse non colpiscono quanto dovrebbero, forse ci siamo abituati e non suscitano più sdegno ? Dietro quelle...

SUPPORTO PER 13 BAMBINI PER LA FREQUENZA DELLA SCUOLA DI MUSICA

Nel quartiere di Cerkez Mala c’è un asilo diurno per i bambini rom, costruito dal Governo Svizzero, che l'UNICEF ha contribuito ad arredare ed avviare e che, dopo un periodo di inattività, è stato riaperto nel giugno del 2004 grazie all’aiuto della...
 
Di Fabrizio (del 26/02/2006 @ 09:29:18, in scuola, visitato 2516 volte)

[RIASSUNTO]

II puntata La strada per educare al futuro

Avvicinandosi alla scuola non ci si rende conto di cosa ci sia dentro. Posta in un angolo pulito e quieto di un altrettanto lindo villaggio, a 90 km. da Sofia in una valle circondata da montagne, la scuola Vidrare appare per quello che è: una scuola normalissima, col campo di calcio, il recinto di rose che testimoniano il lavoro di un giardiniere coscienzioso. Il campus è costituito da quattro edifici [...]

Sono circa 90 gli studenti, tra i 7 e i 16 anni. La maggioranza di loro sono Rom, che dividono le loro abitazioni col bestiame esono sparpagliati nei villaggi montani lì intorno, spesso anche distanti dai centri abitati. Per questo gruppo di studenti la lotta per l'educazione comincia da casa, con la quotidiana sfida della distanza da percorrere, della mancanza di vestiti o di nutrizione adeguata.

La scuola Vidrare è unica nel suo tentativo di rompere le barriere che incontrano questi bambini: pur non essendo un orfanotrofio (i bambini hanno i genitori), è attrezzata per ospitare gli studenti ce arrivano da lontano, provvede al mantenimento di quelli più bisognosi, fornisce quaderni, libri di testo, gessi e materiale per la scrittura.

Quattro anni fa se ne ventilava la chiusura. La caldaia centrale aveva oltre 60 anni e tutto l'impianto era a rischio incendio. La nuova direttrice, Maya Pencheva, aveva inviato una richiesta alle organizzazioni umanitarie, nel tentativo di salvare la scuola. Un'organizzazione riuscì a trovare una nuova caldaia e un'altra donò i computer. Negli anni successivi, le due associazioni hanno continuato ad investire finanziariamente e personalmente nel mantenimento della scuola.

Maya Pencheva in un'intervista ha sottolineato le barriere che circondano il suo gruppo di studenti. I loro genitori di solito sono scettici di fronte all'istituzione scolastica; ci sono eccezioni, ma di solito la scuola tradizionale non è una priorità. Maya Pencheva è convinta che la maggior parte di quei bambini vuole andare a scuola e si mostra particolarmente preoccupata per quanti vorrebbe frequentare ma trovano ostacolo nella volontà dei genitori.

Lei e il gruppo di otto insegnanti sono tutte Bulgare e risiedono nell'area del villaggio. Si ingegnano nel comprendere

  1. cosa potrebbe motivare i genitori a mandare i propri figli alla scuola e

  2. come insegnare al meglio con le scarse risorse a disposizione.

Le insegnanti a turno devono essere disponibili nottetempo per quanti si fermano a dormire. La dieta scolastica, che consiste primariamente in pane e fagioli, viene integrata coi prodotti dei loro orti. A natale si ingegnano con la vendita di cartoline d'auguri autoprodotte o altre realizzazioni artigianali.

Le ragioni del rifiuto dei genitori sono varie: uno dei fattori più comuni è la paura che i figli partano per non tornare più. I Rom sono estremamente orientati alla famiglia, creano un'unità dal combinarsi di generazioni multiple. Difatti, in molte comunità l'autorità risiede nei membri più anziani della famiglia allargata. Inoltre c'è un'innata sfiducia nel governo e verso “quelli di fuori” - sfiducia legittima, visto come i libri di storia descrivono la “piaga zingara” negli ultimi secoli. Per finire, la religione presso i Rom è una confusa miscela di tradizione, folklore e della religione dominante della cultura “patria”, che produce una gran varietà di credenze. Fondamentale, i Rom ritengono “quelli di fuori” come contaminati e rifiutano i contatti eccessivi. Tutto questo assieme, costruisce quel muro che gli insegnanti devono abbattere per dare un'opportunità ai giovani.

Le sfide che minacciano la scolarità non sono solo filosofiche, ma soprattutto pratiche. A una giovane madre è stata posta la domanda: “Cosa ti impedisce di mandare i figli a scuola?”. Nella sua risposta, la madre anticipò che i figli si alzavano e si vestivano da soli, che avevano assunto anche la responsabilità di fare i compiti e di frequentare. Ma la risposta vera era: “Non li posso mandare quando sono senza scarpe”.

Le barriere per questa generazione fondamentalmente sono simili a quelle di altri gruppi minoritari: povertà, paura, sfiducia. Come può un gruppo di insegnanti con un budget di 200 leva annui, provvedere a calzare i propri studenti perché facciano a piedi le due-tre ore di percorso verso la scuola? Come può una cultura assimilata investire in un gruppo minoritario riluttante? Basta un decennio per sovvertire secoli di barriere? Alcune certezze ci sono. Le divisioni permarranno per anni ancora e il cammino verso l'inclusione resterà in salita, ma cominciare a dare attenzione e risorse alle giovani generazioni, darà frutti in futuro. [...]


La scuola Vedrare, immagine tratta da "The Sofia Echo"

fine II puntata

 
Di Fabrizio (del 24/02/2006 @ 09:45:53, in scuola, visitato 1546 volte)

L'Università di Birmingham, dopo aver contribuito al Romani Project, in collaborazione con le facoltà di Graz (A) e di Aarhus (DK), ha dato vita a Romlex project, un database lessicale di 25 variazioni del romanés, tradotte in 15 lingue differenti (al solito, manca l'italiano, funziona con Explorer e Firefox, con Opera non si intende) : - (

 
Di Fabrizio (del 21/02/2006 @ 01:25:19, in scuola, visitato 2761 volte)

[RIASSUNTO] Il 2 febbraio 2005, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Ungheria, Macedonia, Romania, Slovacchia, Serbia e Montenegro [...] diedero inizio al Decennio dell'Inclusione Rom, che sino al 2015 promuoverà azioni positive nel campo della scolarizzazione, della sanità, del miglioramento delle condizioni abitative e la creazione di posti di lavoro.

POLINA SLAVCHEVA, TEANNA SUNBERG e NEIL CONNOLLY tracciano un rapporto sulla situazione ad un anno di distanza:

In Bulgaria sono circa 400.000 gli appartenenti alla minoranza Rom.

Scolarizzazione: Non è un compito facile questa priorità. Sono stati stanziati un milione di leva. Questa la situazione nella cittadina di Botevgrad, dove vivono 2.325 Rom.

Vi dirò perché non vado a scuola – perché mi strappano lo zaino e mi rubano i guanti, mi spingono nei bagni e se cerco di scappare mi chiudono lì dentro” racconta Bobinka, bambina rom di sette anni; non sembra sorpresa di quanto le accade. Kamenov, suo padrino l'ha accompagnata fuori di casa per farla parlare. Lo stesso viene ripetuto da altri quattro vicini, sbucati dalle case a due piani di nudi mattoni.

Come faccio a mandarla a scuola? Torna a casa con la febbre. Dev'essere una forma nervosa, non so”. Vicino a Bobinka si è messo Miko, un altro ragazzino. Racconta di come fu espulso da scuola, quando picchiò chi se la prendeva con lui. Da qualche parte al primo piano, esce una chalga (musica tradizionale rumena) assordante, e intanto gli adulti elencano a Martn Peev, capo del Dipartimento di Integrazione Etnica di Botevgrad le rimostranze sulla disoccupazione, sulle cattive condizioni delle abitazioni, sulla riluttanza a mandare i figli a scuola nella parte meridionale della città.

Non ascoltate questi nonsense Malgal” (un dispregiativo per Rom) Anche Peev è un Rom e quel termine stupisce sentirlo dalla sua voce. “Le ho parlato e mi ha detto che lei vorrebbe andare a scuola,ma suo padrino non la lascia. Lui se ne frega. Non è sua figlia. Sua madre è da qualche parte in Germania, lavora. Lui non ha voglia di alzarsi presto, vestire la bambina e accompagnarla all'autobus. Poi dovrebbe andarla a prendere a mezzogiorno, quando torna. Ma preferisce andare a bere al bar.”

Il quartiere dove vive Bobinka ospita la maggior parte dei Rom di Botevgrad, circa l'11% della popolazione. Il quartiere ha un centro cittadino, negozi, uffici municipali, che il sindaco Georgi Georgiev ha donato ai Rom come regalo; il blocco di case ancora non terminate è costato circa 50.000 leva, le strade sono asfaltate. Altre case devono essere costruite e tutto sembra bello e dignitoso. Da quando è entrato in carica, Georgiev ha aiutato molti Rom a trovare lavoro nelle fabbriche comunali, ha fondato una squadra di calcio e un gruppo di ballo rom. Ciononostante, l'integrazione si blocca alle soglie della scuola. “E' una dannata fatica” dice Peev, “io mollerei, ma il boss (Georgiev) mi ripete: No, resterai fin quando te lo dirò io.”

Così, ad un anno dall'entrata in vigore del Decennio dell'Inclusione, i quattro Rom impiegati presso il Dipartimento di Integrazione Etnica si trovano ancora ad interpretare il ruolo dei genitori dei bambini di Botevgrad. Se un ragazzo non frequenta, ha brutti voti o qualche altro problema, gli insegnanti chiamano il dipartimento, che deve recarsi dalle famiglie per discutere sul da farsi. Secondo loro, spesso i genitori si disinteressano se i loro figli vadano o no a scuola.

Gli abbiamo parlato (a Kamenov), ci ha promesso che il giorno dopo l'avrebbe accompagnata, ma non l'ha fatto.” racconta Peev. “Ora dovrò fargli firmare dei documenti in cui si impegna a continuare a manfdare la bambina a scuola, anche se dovesse ripetere l'anno.” Continua Pavel Marinov, direttore della scuola Levski, adiacente il quartiere dei Rom: “L'attitudine dei genitori deve cambiare a livello nazionale, le istituzioni devono punire chi non manda i figli a scuola.”

Kamenov dice che vuole iscrivere Bobinka alla scuola Levski, dopo che è scappata dalla più grande Nikola Vaptsarov, nella zona sud della città. La scuola Vaptsarov dista circa un chilometro dal quartiere rom, e molti genitori si lamentano di non aver tempo di accompagnare i bambini sino lì. A luglio iniziò un collegamento via pullman verso la scuola “ma i bambini non volevano andare lì lo stesso” dice Peev, “perché... non so cosa volevano ancora”.

Marinov dice che non c'è posto per Bobinka nella scuola Levski, perché tutte le classi sono al completo. “Il numero di alunni per ogni classe viene deciso dal ministero. Non possiamo fare eccezioni. Se non manteniamo le proporzioni tra alunni rom e bulgari, questi ultimi inizieranno a lasciare la scuola. Non ci sono veri e propri conflitti tra di loro, è che un alto numero di alunni rom, toglerebbe spazio agli altri”.

Non si tratta soltanto di paventata minaccia identitaria. “Non è che [i bambini Rom] non vogliano studiare, è che non ne hanno l'abitudine [...]” dice Marinov. Poi continua spiegando che nell'ultimo anno ci sono stati miglioramenti connessi al programma di inclusione, messi rapidamente in crisi dalla crisi demografica della Bulgaria [vedi QUI ndr]. Se in classe ci sono più di sei o sette bambini rom, i genitori di quelli bulgari ritirano i loro figli. Secondo Marinov la soluzione sarebbe nel coordinamento con la più grande scuola Vaptsarov, ma il suo direttore Petia Kochkova “appare prevenuto ed è alla continua ricerca di un sistema per ripulire etnicamente le proprie classi”. Kochkova rifiuta le accuse e dice di aver sempre incoraggiato i bambini rom a frequentare la sua scuola: “Il problema non sono io e nemmeno gli insegnanti. Sono i loro genitori che non vogliono accompagnare i figli alla Vaptsarov. Noi andiamo personalmente in visita dalle famiglie che non mandano i figli a scuola, li invogliamo a frequentare [...]”.

(fine I puntata)
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


29/03/2020 @ 11:15:13
script eseguito in 47 ms

 

Immagine
 Dale Farm: The Big Weekend... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4226 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< marzo 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Ciao Hai bisogno di finanziamenti per la tua casa,...
26/03/2020 @ 11:24:51
Di gian
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, ch...
21/03/2020 @ 14:35:25
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source