Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Blog INDIPENDENTE di informazione e divulgazione

-

\\ Mahalla : VAI : scuola (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 02/10/2011 @ 09:21:02, in scuola, visitato 1069 volte)

Gazzetta di Parma Enrico Gotti - 26/09/2011 - STRAJÈ-STRANIERI

Non c'è acqua, non possono lavarsi: niente scuola per quattro bambini. Manuela ha nove anni, dovrebbe essere in classe assieme ai suoi compagni, nella terza elementare della Racagni. Invece gioca fra i tappeti di casa, nel campo nomadi del Cornocchio. L’Iren ha staccato l’energia elettrica e la fornitura dell’acqua, perché le bollette non sono state pagate per anni, fino a un conto totale di oltre diecimila euro.

I genitori non hanno iscritto i figli a scuola: «Qui non c'è acqua, non c'è il bagno, non c'è luce. I bambini devono essere puliti, altrimenti i loro compagni li allontanano, i genitori e le maestre si lamentano - dice la madre - E poi vogliono che lasciamo il campo. Ci hanno detto: dovete spostarvi. Come facciamo a mandarli a scuola se ci mandano via?»

Il Comune dice che il regolamento più volte non è stato rispettato, con la costruzione di strutture abusive, con l’ingresso di furgoni e di famiglie non in regola con il permesso di soggiorno.

Allo stesso tempo, la questione delicatissima: per mandare i bambini a scuola, togliendoli in questo modo dalla strada, il Comune deve fare intervenire il tribunale, il che vuol dire strappare i bambini dai genitori.

Gli altri piccoli del campo nomadi del Cornocchio vanno tutti in classe. In tutto, i minori sono 27. C'è un pulmino pubblico che li passa a prendere ogni mattina e li porta a scuola con gli educatori. Durante l’anno ci sono anche volontari che al pomeriggio li aiutano a studiare e fare i compiti.

Il campo è diviso in due, da una parte ci sono i rom macedoni, dall’altra parte, separati da una rete e da una fitta siepe, ci sono i rom bosniaci: ed è proprio qui che vivono i quattro bambini che non sono in classe. Lo scorso anno avevano fatto numerose assenze: perché si era spostati a Roma e poi erano ritornati a Parma.

I quattro bambini sono nati in Italia. Il più grande doveva essere in terza media. Un altro, più piccolo di un anno, non è tornato in seconda media. Un bambino doveva frequentare la classe seconda delle elementari di Fognano e poi c'è Manuela (in realtà ha un altro nome, ma nel campo tutti la chiamano così) che non è alla Racagni.

Suo padre abita da quindici anni nella casa «provvisoria» del Cornocchio. Dei quattro minori che non frequentano la scuola dell’obbligo, tre sono suoi figli, e uno è suo nipote: «Mi piacerebbe che andassero a scuola, per capire qualcosa nella vita, non per diventare come me, che di mestiere faccio il rottamaio» commenta lui.

Pentole e mosche. Vestiti appesi a un filo legato al palo della luce. Tappeti e letti stretti uno accanto all’altro. Fiori e roulotte. Chi vive nel campo nomadi paga affitto, costo dei consumi energetici e dell’acqua. Per cucinare o lavarsi, la famiglia di Manuela da mesi usa l’acqua dell’idrante, che è a un passo dal suo tetto. L’idrante è aperto tutto il giorno, Iren poi chiede il conto alle casse comunali.

All’ingresso del campo, dicono i responsabili della struttura, ci sarebbe la possibilità di far fare la doccia agli studenti. Ma fra maxibollette e regolamenti non rispettati è ormai muro contro muro e a farne le spese sono i più piccoli.

 
Di Fabrizio (del 05/10/2011 @ 09:45:20, in scuola, visitato 2401 volte)

Il caso all'istituto don Bosco, a largo Preneste. Per Giorgio De Acutis, responsabile di Casa per i diritti sociali, il blocco della frequenza è un'anomalia: "E il campo dove vive il ragazzino, il River, è uno a maggior tasso di scolarizzazione"

"Qui non c'è posto, vai da un'altra parte". È questa la risposta che Ibrahim, un quindicenne abitante del campo nomadi River, sulla Tiberina, avrebbe ricevuto pochi giorni fa dall'istituto don Bosco, a largo Preneste. Dove il giovane, lo scorso anno, ha frequentato il primo anno del corso da tornitore. Il ragazzo è nell'età dell'obbligo scolastico, non si spiega la decisione della scuola.

Ibrahim, nato in italia da genitori macedoni, l'anno scorso è stato bocciato. Qualche giorno fa è tornato a scuola ma: "Mi hanno detto: non c'è posto per te e mi hanno consigliato di andare in un altro istituto in zona Tiburtina-Rebibbia". Solo che quella zona non è servita dallo scuolabus che ogni mattina raccoglie gli studenti del campo: "E io lì come ci arrivo?".

In difesa del ragazzo è intervenuta Sveva Belviso, vicesindaco e assessore alle Politiche sociali di Roma, che stamattina ha visitato proprio il camping River in occasione dell'elezione dei rappresentanti. "Ibrahim - ha detto la Belviso - è un esempio positivo, vuole andare a scuola e noi vogliamo garantirgli il diritto-dovere di studio, anche perché abbiamo grande difficoltà nella scolarizzazione dei ragazzi rom dopo le elementari". Per questo, ha detto il vicesindaco, "parleremo col preside della scuola per trovare una soluzione, ma siamo sicuri che sia un semplice problema amministrativo".

L'iscrizione dell'alunno straniero nelle classi della scuola può avvenire in ogni momento dell'anno e quindi anche se è già iniziato. Secondo la Croce Rossa il problema nei campi nomadi a Roma "diventa sempre più difficile. A Milano, il numero dei rom non arriva a mille. A Roma, sono dai 7mila ai 9mila". Di questi, oltre il 60 per cento sono minorenni.

La scolarizzazione, fa sapere la Croce Rossa, funziona solo per le scuole primarie. L'abbandono scolastico inizia nelle scuole medie inferiori, anche se molti adolescenti risultano iscritti.

Per Giorgio De Acutis, responsabile di Casa per i diritti sociali, il rifiuto della frequenza di Ibrahim è un'anomalia: "Il River è uno dei campi con il maggior tasso di scolarizzazione. Sono oltre 200 i bambini e i ragazzi iscritti a scuola tra i 5 e 16 anni, su un totale di circa 400 persone. Ciò è spiegato dal fatto che le mamme sono molto partecipi e gli insegnanti tendono a responsabilizzare le famiglie del campo della Tiberina".

(29 settembre 2011)

 
Di Fabrizio (del 07/10/2011 @ 09:58:45, in scuola, visitato 1392 volte)


Spot su Youtube
venerdì 14 ottobre dalle 16.00 alle 18.00
Auditorium UNICEF Via Palestro 68 - ROMA


Come è organizzata a Roma la scolarizzazione dei bambini rom ospiti nei villaggi attrezzati? Quali enti sono coinvolti? Quali i costi e quali i risultati raggiunti?

L'Associazione 21 luglio vi invita a partecipare alla presentazione ufficiale del report "Linea 40 - Lo scuolabus per soli bambini rom", realizzato da Adriana Arrighi, Carlo Stasolla e Andrea Anzaldi.
Il report, frutto del lavoro di ricerca, verrà presentato da Carlo Stasolla, presidente dell'Associazione 21 luglio, Stefano Batori, vice preside della Scuola Media Statale "Bramante" di Roma e Dimitris Argilopoulos, ricercatore pedagogista dell'Università di Bologna.
Durante l'evento sarà inoltre proiettato il video "Da Barbiana al campo nomadi" prodotto dall'associazione stessa e realizzato da Davide Falcioni, Andrea Cottini e Ermelinda Coccia.

La scuola deve tendere tutto nell’attesa di quel giorno glorioso in cui lo scolaro migliore le dice: "Povera vecchia, non ti intendi più di nulla" e la scuola risponde con la rinuncia a conoscere i segreti del suo figliolo, felice solo che il suo figliolo sia vivo e ribelle.
Lettere di don Lorenzo Milani priore di Barbiana


Vi aspettiamo.

 
Di Fabrizio (del 18/10/2011 @ 09:41:59, in scuola, visitato 1152 volte)

Notizie precedenti

Care amiche e amici,

alla lettera sottoscritta nei giorni scorsi da tutte le forze politiche di centro sinistra e centro destra (con la sola esclusione della Lega), a quella successiva congiuntamente inviata al Commissario dalle tre Parrocchie buccinaschesi, che abbiamo portato alla vostra paziente attenzione, si aggiunge ora l'intervento del Dirigente scolastico, che testimonia "l'impegno pluridecennale" che la scuola di Buccinasco ha attuato per il diritto costituzionale all'istruzione dei bambini sinti del Quartiere Terradeo, "con riscontri positivi su tutta la popolazione scolastica".

A tutto questo lavoro ha dato un forte e continuo sostegno la Caritas Decanale, che ha sottoscritto con Apertamente le proposte iniziali al Commissario; e vi hanno contribuito nel seguire questa vicenda i media e vari blog locali. Ci auguriamo dunque che esso possa raggiungere le positive conclusioni auspicate da un'intera collettività.

Nel frattempo rimaniamo nell'attesa dell'avvio del lavoro organizzativo vero e proprio per l'attuazione della delibera commissariale che recepiva le nostre proposte.
Non è che siamo impazienti: è che sono trascorsi dieci giorni, certo impegnativi per il Comune, ma cambia ora anche la stagione e, con l'arrivo dell'autunno vero, diventerà più difficile attuare i provvedimenti previsti, che dovranno essere discussi e predisposti con la collaborazione degli Uffici e accompagnati e sorvegliati nella loro attuazione, per conseguire il migliore risultato.
Manca solo che chi dirige il Comune dia le necessarie disposizioni.
Mai pensare che i problemi siano risolti col primo sì.

Un caro saluto dall'Associazione "ApertaMente di Buccinasco", Ernesto Rossi e Augusto Luisi


Comune di Buccinasco

  • c.a. Commissario Prefettizio Dott.ssa IACONTINI
  • e.p.c. Spett.le Ass.ne Apertamente Sig.ra GABRIELI

Sono venuto a conoscenza della situazione del quartiere TERRADEO e del rischio di demolizione di alcune "casette di legno, senza fondamenta" che costituiscono l'alloggio di alcuni nuclei familiari di giostrai Sinti.

In qualità di Dirigente Scolastico, non posso e non voglio entrare nel merito della complessa questione amministrativa ma le rivolgo queste poche righe per testimoniare l'impegno pluridecennale che la nostra Scuola ha attuato per l'integrazione dei bambini Sinti, con riscontri positivi su tutta la popolazione scolastica.

Per questo motivo Le rivolgo un accorato appello affinché sia garantito a questi nostri alunni la continuità di un percorso scolastico che costituisce per loro un diritto costituzionale e per la comunità tutta motivo di soddisfazione quale garante di questo stesso diritto.

Augurandomi una soluzione positiva per tutti, porgo distinti saluti.

IL DIRIGENTE SCOLASTICO, Dott. Vittorio CIOCCA

 
Di Fabrizio (del 21/10/2011 @ 09:21:30, in scuola, visitato 1146 volte)

La Provincia Pavese 19 ottobre 2011 - di Marianna Bruschi

Belgioioso, coscritti dividono la strada tra «italiani e zingari». Il sindaco: «Contro il lavoro di integrazione, la cancelliamo»

BELGIOIOSO- Una linea di demarcazione: italiani da un lato, zingari dall'altro. Pennellate bianche sull'asfalto davanti alla scuola media di Belgioioso, in via Donna Anna d'Este. Una scritta razzista difficile da non notare, caratteri bianchi in stampatello proprio accanto alle strisce pedonali, davanti alle case, alla scuola Ada Negri, poco distante dalla bocciofila. Una goliardata dei coscritti che hanno "firmato" e imbrattato anche le strade attorno. «Potevano evitare, è di cattivo gusto – spiegano nella strada, all'incrocio con via Fratelli Cervi – quando c'è stata la sagra le bancarelle e le giostre arrivavano proprio nel punto dove è stata disegnata la linea e la scritta». Ed è a questo che riferisce la "divisione" disegnata sull'asfalto.

Nel piazzale dopo le scuole ora non ci sono più le giostre, ci sono solo le roulotte del circo che sta per lasciare Belgioioso. Un pony mangia il fieno, ci sono caprette e anatre. «Il circo non c'entra niente – spiegano al bar della bocciofila – non ci sono stati episodi di razzismo da queste parti».

Dalle finestre della scuola la scritta si vede. Non è educativo per gli studenti. Ma la preside Loredana Lanati, tramite la vice Maria Grazia Casagrande, dice che preferisce non parlare, ancora prima di poterle domandare se la scuola chiederà al Comune di cancellare la scritta razzista. Il passaggio dei coscritti classe 1993 è evidente in tutto il quartiere. Sempre davanti alla scuola hanno scritto: «La vera storia non si impara sui libri». Ma la divisione tra italiani e zingari lascia un segno sull'asfalto in contrasto con il lavoro che si sta facendo a Belgioioso per favorire l'integrazione di comunità con provenienze diverse. «Abbiamo istituito una commissione per l'integrazione di cittadini extra comunitari e comunitari – spiega il sindaco di Belgioioso Fabio Zucca – è un progetto che funziona bene, ci sono rappresentanti delle diverse comunità. L'integrazione c'è anche nelle nostre scuole, il clima è abbastanza costruttivo, con tutte le difficoltà che ci sono». E la scritta? «Ha origine più da un clima nazionale – dice Zucca – qui è stata avvertita come una goliardata, altre volte ci sono state scritte che hanno suscitato molto più fastidio». A cancellarla ci penserà il tempo. E il Comune? «Come tutte le scritte provvederemo al ripristino». Parola del sindaco.

 
Di Fabrizio (del 22/10/2011 @ 09:22:22, in scuola, visitato 1284 volte)

sabato 29 ottobre dalle ore 20.00
C.S. La Fornace Via Moscova 5, Rho
 
Serata di finanziamento per la scuola d’italiano della Fornace

20.00 – Cena
Menù Balcanico Vegano
antipasto crostini con salsa yogurt e salsa ajvar
primo pasulj (crema di fagioli bianchi con spezie e bocconcini di soia)
secondo cevapcici (polpettine vegane) in salsa ajvar con patate e cipolle soffritte
contorno insalata mista di verdura fresca con salsa yogurt
dolce baklava

22.30 – Live concert Caravan Orkestar ft. Jovica Jovic

Caravan Orkestar
Una allegra e festosa carovana di musica nello stile delle fanfare balcaniche e con un pizzico di klezmer ebraico.

La Caravan Orkestar, gruppo di recente formazione (2005) propone nel proprio repertorio musiche arrangiate principalmente secondo lo stile delle fanfare balcaniche.
Lo stile e le musiche di Goran Bregovic ed Emir kusturiza fanno da cornice a brani tratti dal repertorio ebraico popolare nello stile klezmer, non disdegnando generi quali il funk e blues.
La ricerca del repertorio musicale spazia, secondo lo spirito e il nome stesso del gruppo, in differenti generi musicali per rappresentere idealmente l’itinerario di una carovana nei diversi aspetti sociali e culturali del mondo, dove, la musica popolare rappresenta nel modo migliore , vita e usanze delle diverse popolazioni che vi abitano.
Malgrado sia presente da poco nel panorama della provincia Bergamasca, ha avuto diverse occasioni per esibirsi, riscuotendo ovunque consensi.
Si segnala la partecipazione alle ultime due edizioni del carnevale organizzato dalla provincia di Bergamo e al carnevale di Trezzo sull’Adda e al Festival di Artisti di Strada di Costa di Mezzate,
Collabora assiduamente con gruppo teatrale ERBAMIL di Ponteranica.

Il gruppo a organico variabile parte da un minimo di 10 elementi ad un massimo di 25/30.
Il volume sonoro prodotto dall’organico al suo completo non può che trasmettere una sensazione irrefrenabile di movimento da parte di chi ascolta.
QUINDI….
Caravan Orkestar Trombe, tromboni, sassofoni, clarinetti e percussioni daranno vita ad una festa balcanica-slava-ebraica in perfetto stile Kusturica in un concerto tutto da ballare!!!!

Jovica Jovic - ma penso lo conosciate bene... : - )
Balval è nato nel 1953 da una famiglia di musicisti rom. Suo padre e suo nonno erano violinisti, all’età di 9 anni ha scelto invece la fisarmonica, strumento nuovo per quei tempi. All’età di 12 anni suonava ai matrimoni e alle feste. A 18 anni ha deciso di cercare fortuna in altri paesi che potessero offrirgli maggiori possibilità della Serbia.
Dal 1971 al 1996 ha fatto il musicista in vari paesi d’Europa. Dal 1996 vive stabilmente in Italia e continua ad esercitare la professione di musicista.
Da cinque anni circa collabora con un gruppo di musica serba e balcanica, i Muzikanti. Con loro ha prodotto due dischi, e insieme a loro si esibisce in occasione di eventi pubblici e privati (feste, matrimoni, ecc). Insieme ad altri musicisti rom ha animato numerose serate in tutta Italia organizzate da Opera Nomadi, con cui collabora dal 1984.
Nella sua vita ha registrato numerosi dischi, come solista o come membro di orchestre; nel 2000 ha partecipato alla tournée di Piero Pelù, con il quale ha anche registrato un video; con Moni Ovadia ha stretto una fraterna amicizia ed insieme hanno partecipato alla mostra su De Andrè, attualmente in giro per l’Italia. Numerosi sono i suoi concerti in occasioni ufficiali, in memoria dell’olocausto con la partecipazione di enti pubblici.
La sua fisarmonica ha quasi 40 anni. Jovica Jovic l’ha acquistata appena arrivato in Italia, a Stradella, nel 1971. Per essere precisi è una fisarmonica cromatica, uno di quei modelli introvabili con i bottoni al posto della tastiera, difficilissima da suonare. Jovic è un serbo di etnia rom e a guardarlo sembra un elegante pensionato sulla cinquantina, sorridente e dai modi gentili. Ma, suo malgrado, per tanto tempo ha avuto una doppia vita. Quella ufficiale, sui palchi di mezza Italia a fianco di artisti internazionali e assieme alla sua bae l’altro. Con un’unica colpa: avere un visto scaduto. Ora il Maestro non è più clandestino.

 
Di Fabrizio (del 31/10/2011 @ 09:58:04, in scuola, visitato 1356 volte)

Scrive Agostino Rota Martir: Altra "perla" apparsa su il Tirreno di Pisa, merita leggere per intero l'articolo (ho solo il .pdf e sotto riporto l'edizione breve su web, ndr) per renderci conto della pericolosità sociale, che l'Amministrazione sta conducendo con caparbietà verso i Rom... l'assessore al sociale gradualmente e poco alla volta sta iniettando nell'opinione pubblica il virus anti rom e che purtroppo sembra assimilare bene, grazie all'impegno costante del Il Tirreno (area PD??)
Ora il loro messaggio si potrebbe tradurre così: (parole mie) l'integrazione può diventare un pericolo per la sicurezza cittadina, perché questa non scoraggia i Rom a lasciare il territorio, anzi ne attira altri! Quindi rendiamo difficile la frequenza dei bambini Rom nelle scuole cittadine...

Il Tirreno di Donatella Lascar
L'assessore: non aveva senso mantenerlo, quella struttura va chiusa

TIRRENIA. Quest'anno niente scuolabus per i bambini del campo rom della Bigattiera. Secondo Guia Giannessi, insegnate della scuola media di Marina e responsabile per l'intercultura dell'istituto, molti di questi bambini hanno smesso di andare a scuola perché non tutti i genitori hanno un mezzo per accompagnarli e la fermata dell'autobus di linea è troppo lontana dal campo per arrivare a piedi. «Molti sono venuti a scuola solo i primi giorni arrangiandosi in qualche modo - afferma l'insegnante -, sperando che poi ci sarebbe stato il pulmino come ogni anno. Quando però hanno visto che per loro questo servizio non era stato ripristinato, hanno smesso di venire. Molte mamme, che magari hanno il marito in carcere, non possono portare i bambini a scuola perché non hanno né patente, né macchina. Dei rom presenti sul territorio vengono solo quelli che risiedono all'Ittiogenico in viale D'Annunzio perché da quella strada passa l'autobus di linea. Tutto questo mette a rischio il progetto di integrazione iniziato diversi anni fa e interrompe i rapporti con le famiglie che ormai ci avevano accordato la loro fiducia». Ma per l'assessore alle politiche sociali Maria Paola Ciccone, che in questo caso è anche la dirigente scolastica dell'istituto comprensivo del litorale, la cancellazione del servizio al campo rom è dovuta alla decisione già presa da mesi di smantellare il campo e serve anche a disincentivare nuovi arrivi. «Nel momento in cui avevamo detto che il campo sulla Bigatti era doveva essere chiuso - sostiene l'assessore -, non potevamo attivare il servizio, sarebbe servito solo ad illudere chi invece deve andarsene e magari ad attivare nuovi arrivi dai comuni limitrofi. Arrivi che non sono stati autorizzati né dai comuni di provenienza e né dalla Società della Salute - afferma l'assessore Ciccone -. Comunque, nel campo ci sono genitori che hanno mezzi propri e che accompagnano i figli a scuola e la fermata dell'autobus di linea non è poi così lontana. Ci sono ragazzini che fino ad ora non hanno saltato neanche un giorno di scuola. Mentre per i piccolini delle materne stiamo cercando una soluzione con dei volontari. Il comune di Pisa sta lavorando con la Regione e i comuni di Livorno, Cascina, Santa Croce, e Cenaia, ossia quelli da cui provengono le famiglie rom che si sono aggiunte in quest'ultimo anno a quelle storiche della Bigattiera, per raggiungere un accordo su un progetto per il loro rientro».

 
Di Fabrizio (del 03/11/2011 @ 09:39:26, in scuola, visitato 1766 volte)

Istituto di cultura Rom Museo del Viaggio (Nella foto: l'albero delle pentole. Realizzzione di Mirko Bezzecchi)

IL POPOLO ROM CULTURA, LINGUA, POLITICHE SOCIALI, USI E COSTUMI, STORIA, INFANZIA

CALENDARIO 2011

3 novembre 2011
La cultura romanì tra passato e presente di Mirko e Giorgio Bezzecchi

10 novembre 2011
Comunità zigane e politiche pubbliche di Maurizio Pagani e Giorgio Bezzecchi

1 dicembre 2011
La musica zigana di Jovica Jovic

15 dicembre 2011
Uno sguardo antropologico sull'infanzia rom di Sophie Alice Sarcinelli

DALLE 17.00 ALLE 19.00
AL MUSEO DEL VIAGGIO IN VIA IMPASTATO, 7 MILANO ROGOREDO
MM3 SAN DONATO

"Lingua e cultura Rom"

Il ciclo d'incontri di Cultura Romanì, curato da Giorgio Bezzecchi e Maurizio Pagani (entrambi con una ricca e ventennale esperienza maturata all'interno dell'Opera Nomadi e in collaborazione con A.P., università e centri di ricerca culturali), sarà volto ad approfondire il tema delle Politiche Pubbliche e gli aspetti culturali dei diversi gruppi rom e sinti.
Gli incontri avranno una frequenza bisettimanale per un totale complessivo di 50 ore. E' possibile iscriversi anche a uno o più cicli d'incontro di proprio interesse.

Il corso si avvarrà della partecipazione di studiosi e docenti universitari che operano da diversi anni nel Settore, proponendo approfondimenti di ricerca tematici.

Gli incontri tematici avranno come relatori filologi, antropologi, pedagogisti, sociologi, ma anche artisti e figure del popolo Rom e Sinto.
Il corso è rivolto a insegnanti, educatori, mediatori, assistenti sociali, amministratori e impiegati pubblici, studiosi, ricercatori…. e a chiunque abbia voglia di approfondire questo tema.

"Musica zigana"

Il Maestro Jovica Jovic, proporrà un corso di cultura musicale con l'uso e la conoscenza di alcuni strumenti musicali tipici e l'insegnamento della fisarmonica. Jovica è senz'altro oggi, unanimemente, riconosciuto come uno dei più valenti musicisti nato e formatosi all'interno delle comunità Rom.Autore e protagonista di numerose performance artistiche, metterà a disposizione il suo talento musicale e la grande generosità umana per accostarsi e approfondire la conoscenza e l'insegnamento della musica zigana, attraverso lezioni frontali e di gruppo.
Gli incontri avranno una frequenza bisettimanale per un totale complessivo di 50 ore.
Il corso è rivolto a coloro che intendono approfondire la propria conoscenza musicale.

I DOCENTI:

  • GIORGIO BEZZECCHI – presidente della cooperativa Romano Drom, è un Rom Harvato, esperto di processi e politiche di mediazione culturale. Da molti anni è uno dei massimi dirigenti dell'Opera Nomadi. Vive e lavora a Milano.
  • MAURIZIO PAGANI - dirigente dell'Opera Nomadi, da molti anni è attivamente impegnato in azioni di promozione sociale delle comunità zingare e studio delle politiche pubbliche. Vive e lavora a Milano.
  • SOPHIE ALICE SCARPINELLI - dottore in antropologia presso l'Ehess di Parigi - École des Hautes Études en Sciences Sociales - si occupa di antropologia dell'infanzia.
  • JOVICA JOVIC - Musicista Rom Dal 1971 al 1996 ha fatto il musicista in vari paesi d'Europa. Dal 1996 vive stabilmente in Italia e continua ad esercitare la professione di musicista.
  • MIRKO BEZZECCHI - Anziano della famiglia Bezzecchi, Rom harvato, è l'unico della sua famiglia di origine ad essere sopravvissuto al Porrajmos. E' cittadino italiano di origine slovena.
 
Di Fabrizio (del 03/01/2012 @ 09:49:16, in scuola, visitato 1411 volte)

Ogni tanto tocca ripeterlo: in Mahalla amiamo le belle storie. Segnalazione di Fiorella

Giornalettismo.com di CLEMENTINA COPPINI
1 gennaio 2012 Un ragazzino Rom con tre nomi e il suo sogno di andare a scuola

C'è un bambino, si chiama Carlos, è un rom nato nel 1999. In famiglia lo chiamano Daniel ma lui a se stesso ha dato il nome di Lorenzo. Si è battezzato così. Ha fatto fino alla terza elementare nel suo paese, poi ha passato tre anni per strada nel nostro. Non va a scuola da anni, ma lui a scuola ci vuole andare. Così la sua mamma, che è una povera donna che chiede l'elemosina davanti al panificio Crippa, chiede aiuto al Nonno Francesco, il nonno civico della scuola elementare del quartiere, e alla Signora Maria Carmen, madre di una bambina alle elementari e di un bambino alle medie. La mamma di Daniel, di cui nessuno sa il nome e forse non lo sa più nemmeno lei, va alla scuola media del centro della bella cittadina del nord, ma è una stracciona e quindi non la fanno entrare dalla preside. La chiameremo Ferma, perché è una che per la nostra bella società è meglio che non si muova, perché nessuno desidera che si muova. Il suo posto è lì, come arredamento del marciapiede davanti al panificio. Osa andare alla scuola a chiedere l'elemosina di un posto per il suo Lorenzo. Le sgherre della preside hanno l'ordine di non far passare gli scocciatori, che sono i genitori poveri o stranieri o vestiti male o che hanno la fatica e la disillusione stampata addosso. Possono passare solo quelli con la faccia da studiati e con i vestiti stirati, perché quello è il genere di visitatore che non dà fastidio. Ferma ha altre tre figlie in Romania, ha 32 anni ed è già nonna. Vive in un catorcio di camper freddo d'inverno e caldo d'estate e la sua professione è chiedere la carità. Resta lì, Ferma, fuori dalla presidenza, con una specie di penoso sacchetto all'interno del quale stanno accartocciati i documenti suoi e di suo figlio. Passa un anno veloce o lento, ma il tempo scorre per vie e modi paralleli al normale per uno che è abituato a vivere davanti a una vetrina. Il pane ogni giorno è uguale, per chi non ce l'ha.

SCUOLA DI PERIFERIA - Un giorno Nonno Francesco e Maria Carmen vedono il bambino, chiedono alla madre perché non sia a scuola e decidono di andare a parlare con la preside della scuola media del centro. Qualcuno dirà "Come mai non se ne sono accorti prima?" oppure "Era il minimo che potessero fare". Però il fatto è che sono stati gli unici a vedere quel bambino e a pensare di chiedere spiegazioni a Ferma. Gli altri sono passati e basta, si sono accorti ma non è loro interessato e il minimo che potevano fare non lo hanno fatto. Nonno Francesco e Maria Carmen si presentano per parlamentare e vengono fatti passare, perché hanno le caratteristiche che rendono una persona atta a varcare la soglia dell'ufficio della responsabile dell'istituto. Con loro c'è Lorenzo, tutto pulito e ordinato, con ai piedi le scarpe da ginnastica più bianche che si siano mai viste ai piedi di un ragazzo di quell'età. Vuole fare bella impressione perché così magari lo prendono. Per lui sarebbe un privilegio, non sa che da noi è un obbligo. La preside ascolta Maria Carmen e dice che non ha posto per il bambino nella scuola del centro, ma è persona disponibile. Allora chiama la scuola media di periferia, che è più adatta a un bambino rom che lei è sicura che fino al giorno prima chiedeva l'elemosina. Invece no: Ferma non ha mai voluto che suo figlio chiedesse la carità, perché è una cosa troppo umiliante. All'altra scuola risponde la vicepreside (il preside non c'è, perché si vede che in certe zone basta il vice) che lo accetta tra i suoi alunni, non dimenticando di sottolineare come la media del centro abbia scaricato altrove il piccolo rom. Questa è solo una cattiveria gratuita. Se domani alla scuola del centro si presentano a iscrivere il pargolo due bei genitori eleganti e laureati anche nel loro caso la preside chiama la scuola decentrata. Chi potrebbe dubitarne?

NIENTE ISCRIZIONI PER GLI STRACCIONI - Ferma il pomeriggio stesso va in segreteria con il suo scartoccio di documenti, ma è una stracciona anche per la scuola del quartiere popolare e non le danno retta. Non può ritirare il modulo d'iscrizione perché non sa fare la sua firma, così torna alla roulotte pensando che non si può fare niente. Maria Carmen lo viene a sapere la mattina dopo, chiama la vicepreside, che non c'è. Richiama più volte, lascia il suo numero. Niente, non viene richiamata. Presidi e vicepresidi sono molto occupati, non hanno tempo da perdere al telefono. Maria Carmen aspetta, Daniel aspetta. I giorni passano e la scuola non chiama per dire quando il ragazzo potrà iniziare. Alcune anime pie intanto gli procurano del materiale. Quando vede quella che sarà la sua cartella – uno zaino usato che non sembra nemmeno usato, ma l'ex proprietario è un bambino che ne ha uno nuovo ogni anno, perché noi siamo una civiltà che insegna ai propri figli a buttare, e da noi la misurazione dell'usatezza è quantomai soggettiva – non riesce a credere che sia per lui, perché gli sembra troppo bella. Ora che ha il suo zaino della Seven, Lorenzo inizia a credere di potersi sedere a un proprio banco, bisogna insistere. E allora via di nuovo con le telefonate in segreteria e, per incentivare la risposta, con lo scrivere qualche mail alle persone giuste. Tempo poche ore la vicepreside si libera dei gravosi impegni, trovando il tempo per avvisare Maria Carmen che la settimana entrante Lorenzo comincia la scuola. Ferma viene convocata in segreteria con il suo scartoccio di documenti, e stavolta qualcuno aiuta questa zingara analfabeta. Così l'iscrizione viene perfezionata e tutto si smuove. Alla scuola ora pensano anche a come procurargli i libri e a come aiutarlo a recuperare il tempo perduto.

I ROM CHE HANNO PAURA DI NOI - Daniel è sveglio, ma deve imparare tante cose. Gli danno un insegnante di supporto. È un lunedì mattina di ottobre quando Daniel entra in classe. Ce la farà? Le difficoltà dell'affrontare la scuola media per uno che non ha nemmeno finito le elementari lo spingeranno all'abbandono? D'altronde la legge dice che le elementari non le poteva più fare. Nel paese delle eccezioni ci sono regole molto severe, imprescindibili, ferree, sebbene per alcuni soltanto. Purtroppo il ragazzo non potrà andare in mensa, non c'è posto. Con tutto quello che si butta, davvero non si può mettere qualche maccherone in un piatto per lui? No, non si può. Mangerà un panino fuori dalla classe, ma lui è abituato a stare fuori da qualcosa, a non appartenere. Almeno sarà fuori dalla sua classe, e non da una classe qualsiasi o dalla classe di un altro. Ferma lo aspetta ogni giorno fuori da scuola, non lo lascia mai andare in giro da solo. Ha paura per suo figlio, che gira bello e pulito e più ingenuo dei suoi coetanei italiani. Molto più ingenuo. Incredibile a dirsi, ma i rom hanno paura di noi. O forse non è così incredibile. Maria Carmen e una maestra elementare in pensione gli danno ripetizioni due volte alla settimana, ma la strada è lunga e l'inverno sta diventando sempre più freddo, nel camper. Daniel è a scuola, le sue scarpe bianche splendono sotto il banco. Questa storia finisce dove avrebbe dovuto cominciare, con Lorenzo che ascolta la lezione nella sua classe e ha davanti una strada lunghissima, ma ha già iniziato a mostrare di avere un'intelligenza molto brillante. Questa storia è vera, verissima e Lorenzo esiste, eccome se esiste. Studia, Lorenzo, perché, per chi deve salvare se stesso da una situazione schifosa (chi scrive lo sa per esperienza personale), ogni giorno passato a imparare è un nuovo inizio, è la speranza. È Capodanno.

 
Di Fabrizio (del 16/01/2012 @ 09:58:00, in scuola, visitato 1149 volte)

Segnalazione di Luca Klobas. Scrivevo quest'estate, sempre a proposito di un articolo del medesimo giornalista (credo):

    Un altro fenomeno preoccupante di razzismo istituzionale, che riguarda diversi paesi dell'Europa centro-orientale, è quello della segregazione scolastica dei bambini rom posti, senza ragione alcuna, in classi differenziali. Sarebbe un discorso molto lungo, che si potrebbe riprendere in seguito (magari prima di farvi stupire da un ennesimo articolo che troverete in rete), se nel frattempo volete informarvi leggete, prendendovi il tempo che vi necessita, QUI.

Il Piccolo - Classi solo per rom, scontro in Slovacchia
Per la prima volta una sentenza impone di eliminare la separazione tra i banchi. La scuola si oppone

BELGRADO
I contendenti: le autorità scolastiche e un tribunale. Il pomo della discordia: gli alunni rom di una scuola elementare in Slovacchia, quella del paesino di Sarisske Michalany. Sarà una questione che farà discutere ancora a lungo quella nata nel distretto di Presov, nel Nordest del Paese. Il caso è scoppiato con la decisione di una Corte distrettuale locale di sanzionare, per la prima volta nella storia slovacca, la pratica di un istituto scolastico di separare gli alunni di etnia rom da quelli slovacchi "puri". Alla scuola sono iscritti 430 studenti, di cui più della metà rom. Delle 22 classi attive, ben 12 sono riservate ai soli zingari. Tutte collocate su un piano diverso da quelle degli altri ragazzi, per aumentarne ancor più la distanza e l'esclusione.

Secondo la sentenza, i dirigenti scolastici hanno 30 giorni per creare classi miste ma la scuola si oppone. «Stiamo preparando un appello contro la decisione della Corte», ha dichiarato la direttrice Maria Cvancigerova al quotidiano slovacco d'indirizzo liberale "Sme". «Non discriminiamo nessuno, al contrario. Cerchiamo di aiutare i bambini rom» ha rincarato, giustificandosi col fatto che le classi "speciali" consentono di seguire meglio i rom, che spesso «non parlano slovacco, non rispettano le norme basilari d'igiene e non sono assistiti dai genitori, fattori che li condannerebbero a fallire se inseriti in classi miste», ha spiegato un'altra insegnante al giornale. La questione ora ritornerà nelle mani dei giudici – e il rappresentante del governo per la questione rom si è già schierato dalla loro parte – ma intanto i residenti "non-rom" del villaggio parteggiano compatti a favore della separazione. Minacciano di togliere i propri figli dall'istituto e di costringerli al pendolarismo pur di evitare le classi miste. Malgrado le promesse e gli sforzi delle autorità nazionali, la segregazione dei rom nel sistema educativo in Slovacchia è una consuetudine ancora molto diffusa. Secondo il commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa Thomas Hammarberg, che ha pubblicato a fine dicembre un nuovo rapporto sulla Slovacchia, la segregazione prende forma attraverso «l'assegnazione sproporzionata di bambini rom a scuole speciali per bimbi con disabilità mentali o con l'inserimento degli alunni rom in classi o scuole solo per rom». Un'abitudine, come dimostra il caso di Sarisske Michalany, difficile da estirpare.

(s.g.) - 13 gennaio 2012

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


02/04/2020 @ 05:49:48
script eseguito in 47 ms

 

Immagine
 c'era una volta... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 698 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< aprile 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
01/04/2020 @ 08:38:18
Di DIDIER
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, ch...
01/04/2020 @ 08:37:22
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source