Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Pagine di dialogo e (forse) per iniziare a conoscersi

-

\\ Mahalla : VAI : scuola (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 15/11/2008 @ 08:45:21, in scuola, visitato 1291 volte)

Da Romanian_Roma

Circa il 13% degli studenti che hanno usufruito dei posti distribuiti agli studenti di etnia Rom nelle scuole superiori ed il 10% di quanti occupano i posti speciali assegnati ai Rom nelle università statali, non sono affiliati a questo gruppo etnico, secondo una ricerca condotta da Gallup e commissionata dal Fondo Istruzione Rom (REF).

La ricerca indica che soltanto il 7% di quanti occupano il posto riservato a giovani Rom nelle scuole superiori parla romanes. Secondo la ricerca, i beneficiari di questi posti sono giovani di piccole famiglie (1-2 figli) con una migliore situazione finanziaria, dato che il 75% di loro possiede un computer e un più alto livello d'istruzione.

Mentre i beneficiari delle istituti artistici e commerciali, la maggior parte arriva da famiglie con più di 3 bambini, con risorse finanziarie più basse (il 40% di loro ha un computer). In questo caso, il 22% di loro parla romanes ed osserva le tradizioni di questo gruppo etnico.

I beneficiari dall'ambiente universitario vengono da famiglie con 3-4 figli, il 71% di loro ha un computer proprio e soltanto il 17% parla romanes. La distribuzione di genere a livello universitario indica che la percentuale delle ragazze rom è significativamente più alta di quella dei ragazzi.

Le specializzazioni universitarie per cui hanno optato riguardano gli studi sociali: sociologia, pedagogia, filologia ecc.

La ricerca poi rivela che il 77% dei beneficiari dalla scuola secondaria e l'88% dei Rom delle istituzioni scolastiche superiori, parteciperebbero in almeno un tipo di azione nel campo delle OnG.

Tra il 2000 e il 2006, furono distribuiti circa 10.300 posti speciali a studenti rom delle superiori e 1.420 posti nelle università furono stanziati per giovani Rom, il 20% dei beneficiari provenienti dalle aree rurali.

Nel 1998, il Ministero dell'Istruzione adottò il primo regolamento ufficiale per la distribuzione di posti speciali per candidati Rom in sette università. Susseguentemente, il numero dei posti venne allargato ad un maggior numero di università.

A partire dal 2000, per ordine del Ministero dell'Istruzione, le misure affermative furono estese all'intero sistema dell'istruzione secondaria, e gli ispettorati scolastici distrettuali furono incaricati di stabilire il numero di posti e le istituzioni scolastiche dove andavano distribuiti. Furono stabiliti entro il limite massimo di due posti speciali per classe (al di sopra del tasso d'istruzione).

Il Fondo Istruzione Rom ha la missione di ridurre il gap esistente tra la popolazione rom e gli altri gruppi etnici in termini di risultati educazionali, attraverso politiche e programmi che promuovano istruzione di qualità per i Rom, incluso la de-segregazione del sistema educativo.

L'obiettivo principale del REF è di appoggiare il disegno e lo sviluppo di politiche che possano aiutare l'inclusione dei Rom nel sistema educativo. Il Fondo Istruzione Rom sta finanziando progetti educativi nei paesi dell'Europa Centrale e Orientale che partecipano al Decennio dell'Inclusione Rom.

DIVERS - www.divers.ro

 
Di Fabrizio (del 13/11/2008 @ 12:45:31, in scuola, visitato 1107 volte)

Da Fondazione Anna Ruggiu

Comunicato stampa con preghiera di diffusione

Anche per l’anno 2008, la Fondazione Anna Ruggiu conferisce alcune Borse di studio riservate a giovani appartenenti all’etnia Rom che frequentino con profitto la scuola.

L’iniziativa, giunta ormai alla V° edizione, ha favorito la scolarizzazione di diversi giovani Rom che abitano nei campi della Sardegna, alcuni dei quali hanno già conseguito un diploma delle scuole secondarie, altri le frequentano con soddisfacenti risultati e ci si aspetta che il contributo offerto dalla Fondazione possa rafforzare ed accelerare il processo di scolarizzazione ormai da anni in atto tra le comunità rom della Sardegna.

L’obbiettivo è quello di favorire, attraverso l’elevazione culturale, la comprensione reciproca tra le culture, nella convinzione che il raggiungimento di elevati livelli di istruzione tra gli appartenenti all’etnia Rom, possa svolgere una funzione estremamente positiva in tale direzione. Alcune esperienze scolastiche, peraltro, dimostrano come sia possibile raggiungere elevati livelli di integrazione.

La cerimonia di consegna delle borse di studio, che ammontano a complessivi 5.000 euri, si svolgerà sabato 15 novembre e 10,30 presso il Centro di aggregazione sociale di Pabillonis,

I ragazzi premiati quest’anno non sono semplicemente studenti che riescono a superare una classe, ma giovanissimi che si sono distinti per il merito e che, in alcuni casi, possono a buon titolo figurare tra i migliori della propria classe. Provengono da realtà diverse, Sassari, Pabillonis, Monserrato e ciascuno di essi si distingue per propri peculiari talenti.

Speriamo, un giorno, di trovare alcuni di essi tra i banchi dell’Università.

L’iniziativa, è realizzata in collaborazione con l’Unicef della Provincia di Cagliari, e con l’Amministrazione comunale di Pabillonis e coinvolge altre istituzioni, a cominciare dalla Caritas, particolarmente attive in questo settore.

Speriamo che, almeno per un giorno, le cattive notizie di cronaca relative ai Rom, alle quali siamo abituati possano lasciare il posto ad altre notizie di cronaca più positive e, soprattutto, capaci di creare un clima di fiducia e di speranza.

 
Di Fabrizio (del 08/11/2008 @ 09:44:35, in scuola, visitato 1248 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

articolo tratto da Osce.org - nella foto: Redzep Ali Cupi nella sua casa di Gostivar, 26 luglio 2007

"La cosa più importante per la mia comunità, i Rom, è l'istruzione," dice Redzep Ali Cupi.

Redzep, 24 anni, ha ragione di essere preoccupato sull'istruzione dei Rom in Macedonia. Il 33% dei Rom non è riuscito a completare l'istruzione primaria, secondo il rapporto nazionale 2005 dell'Obiettivo di Sviluppo del Millennio delle Nazioni Unite.

La mancanza di istruzione proviene da un certo numero di fattori collegati, come le deprivate condizioni economiche, svantaggi linguistici, pregiudizio contro i Rom, mancanza di motivazione e di applicazione delle leggi sull'istruzione obbligatoria. Senza un'istruzione adeguata, le opportunità per l'impiego e l'integrazione nella società maggioritaria sono limitate.

Ma il giovane avvocato vede davanti a sé dei miglioramenti. Ritiene che l'attuale processo di decentralizzazione del paese, iniziato ufficialmente nel giugno 2005, può fare la differenza.

Vede segni di progresso anche all'interno della comunità rom: "Negli ultimi 10 anni, ha messo molti sforzi nel far crescere la consapevolezza pubblica nell'aumento del numero dei Rom istruiti."

Decentralizzazione: chiave di svolta
La  decentralizzazione intende dare sempre più poteri all'auto-governo locale per venire incontro ai bisogni dei cittadini. "Attraverso la decentralizzazione, le comunità etniche più piccole finalmente hanno la possibilità di partecipare direttamente al processo decisionale locale, permettendo loro di risolvere tematiche come quelle dell'istruzione."

Ritiene anche che lo Stato dovrebbe sostenere lo sforzo di lavorare con la società civile per aumentare il livello dei tassi di istruzione e di impiego tra i Rom.

Redzep ha fatto sua l'importanza di una buona istruzione. Sta per laurearsi alla Facoltà di Legge di Skopje e spera di proseguire gli studi in legge all'estero. Dopodiché, intende ritornare per usare in patria le sue capacità professionali.

"Armato di conoscenza e capacità, si ha il potere," dice Redzep. "Questo potere dovrebbe essere condiviso col resto della comunità, per stabilire una buona qualità di vita e armonia tra tutti i componenti."

Insegnando la legge
Redzep sta già adoperando le sue conoscenze e capacità per migliorare la situazione dei Rom. Presso "Arka", un'OnG che promuove i diritti dei Rom, fa assistenza nell'ottenere i loro documenti di identificazione personali.

E' anche aiuto formatore per un progetto finanziato dalla Missione OCSE a Skopje, volta a migliorare le capacità professionali dei consiglieri di Suto Orizari, l'unica municipalità in Europa dove i Rom sono la maggioranza. Insegna le leggi importanti per il governo locale che dovrebbero guidare il lavoro di tutti i giorni.

 "A causa del mio entroterra etnico e dell'energia che ho, ho deciso di coinvolgermi nel costruire capacità. Il mio obiettivo è di aprire la strada verso una società di benessere - per la mia comunità e per tutti gli altri," dice Redzep.

Percezione del cambiamento
Ramadan Berat, Assistente Anziano sulle Tematiche Rom per la Missione OCSE, è incaricato dell'esecuzione del progetto ed è felice della partecipazione di Redzep.

"Quello di cui i Rom hanno più bisogno per compensare il loro basso status sociale, è aumentare l'interazione tra i singoli Rom e le istituzioni nella società maggioritaria," dice. "Il coinvolgimento di gente come Redzep Ali Cupi genererà un cambio. I membri della comunità Ro diventeranno creatori di politiche, invece che oggetto del processo decisionale."

"Dopo il soddisfacente completamento dei suoi studi, Redzep sarà il modello di inclusione che metterà insieme Rom e non-Rom per discutere, articolare, difendere e negoziare le loro opinioni ed interessi."

Redzep ritieene che i giovani pieni di entusiasmo ed energia possono far progredire la società, mentre l'esperienza dei più anziani può offrire un'assistenza impagabile. "Se si potesse creare una sinergia tra la capacità e la conoscenza dei giovani e l'esperienza dei loro anziani, nessuno si sentirebbe rifiutato nella società."

Written by Borce Manevski

 
Di Fabrizio (del 04/11/2008 @ 09:11:58, in scuola, visitato 1704 volte)

Da Roma_Daily_News

Ustiben report By Grattan Puxon

La decisione di demolire il Centro di San Cristoforo, nel villaggio di Dale Farm nel sud est inglese, è stata revocata - provvisoriamente.

Apparentemente ciò è dovuto a restrizioni finanziare: il leader conservatore Malcolm Buckley ha annunciato che il comune di Basildon non contesterà il controllo giurisdizionale nel voto del consiglio all'inizio del mese per prendere un'azione diretta contro la scuola ed il centro comunitario.

Tuttavia, i procuratori legali si indirizzano ai costi che l'operazione comporterebbe per Basildon. Molto più dei quattro milioni di euro stanziati per perseguire le politiche anti-zigane. E' già stato speso più di un milione di euro.

"Questo è il nostro terzo Centro di San Cristoforo," ha detto Richard Sheridan, presidente del Consiglio Zingaro, riferendosi ai due precedenti intitolati al santo patrono dei viaggianti. [...]

ALLE RADICI DEI DIRITTI CIVILI

I primi giorni del movimento per i diritti civili dei Viaggianti, collegati intimamente alle prime campagne per i diritti civili nell'Irlanda del Nord, sono attualmente al centro di una mostra fotografica nella capitale irlandese. Viene mostrato il Centro di San Cristoforo, nella versione 1 e 2, costruito in un accampamento di fortuna vicino a Ballyfermot.

L'artista Sean Lynch illustra come la costruzione del secondo Centro di San Cristoforo nell'insediamento di Cherry Orchard, dove i Viaggianti costruirono il loro primo insediamento negli anni '60, era connesso alle riprese di Dublino del film di John Le Carre La Spia Che Venne Dal Freddo.

Poco dopo l'apertura del secondo Centro di San Cristoforo il 4 gennaio 1965, appena dopo che la Dublin Corporation aveva bruciato il primo, parte del film replica il Muro di Berlino trasportato a Cherry Orchad e incorporato nell'edificio.

Nonostante l'apparenza provvisoria, la scuola era un'innovazione. Per la prima volta in Irlanda, qui venne adottato il sistema Montessori per aiutare i bambini meno fortunati. Il suo essere a Cherry Orchad, voluto da Joe Donohue, Larry Ward e da Johnny Connors, incorporò nel lungo periodo la scuola Montessori in un campo municipale.

Oggi la richiesta di innovazione viene ripetuta a Dale Farm, dove i Viaggianti ancora una volta si mobilitano per i loro diritti. Grazie all'iniziativa del pioniere dell'istruzione, prof. Stephen Heppell dell'Università Anglia Rankin, il terzo San Cristoforo intende col prossimo anno iniziare dei corsi di computer, adattati alla cultura del Viaggianti.

Sfortunatamente, Malcolm Buckley non ha ancora accettato l'idea che Basildon potrebbe ottenere dei meriti permettendo che questa scuola fiorisca nel suo distretto. Mira ancora alla sua distruzione, anche se la struttura è stata finanziata dal Consiglio della Contea dell'Essex ed appartenga al Governo.

L'11 novembre un comitato del Consiglio Distretuale di Basildon riconsidererà formalmente le opzioni riguardo Dale Farm. Ma Buckley ha già detto alla stampa locale che dopo il pronunciamento della Corte d'Appello del 5 dicembre prossimo, il consiglio si aspetta di essere in grado di eliminare tutte le installazioni non autorizzate, compreso San Cristoforo.

************ *********

PROTEST RALLY OUTSIDE BASILDON CENTRE - STOP DESTRUCTION OF SAINT CHRISTOPHER' S

7 pm 11 November 2008
For details email: dale.farm@btinternet.com
or phone 01206 523528

 
Di Fabrizio (del 30/10/2008 @ 09:17:17, in scuola, visitato 1567 volte)

Da Romano Them

La famiglia Bislimi è arrivata in Francia nel 2006. Dopo tre traslochi dovuti alla precarietà della loro situazione e diverse domande di regolarizzazione (seguite al rigetto delle domande d'asilo), Kenan, Mirusche ed i loro quattro bambini Mirem, Skender, Avni e Haldimir sono arrivati al gruppo scolastico Gaspard Monge il 4 settembre 2008. I bambini hanno bisogno di stabilità per continuare a progredire nel loro apprendimento, e questo è incompatibile con la minaccia permanente di espulsione verso il Kosovo, che pesa sulla loro vita quotidiana.

I Rom, dopo aver subito persecuzioni da parte dei Serbi e degli Albanesi, non hanno alcun diritto e nessuna prospettiva di futuro, soprattutto dopo la recente indipendenza del Kosovo. D'altra parte, abbiamo appreso che la madre di Kenan (Mirem, 47 anni) ed i suoi fratelli e sorelle (Hetem, 22 anni, Roki, 19 anni, Mustapha, 16 anni e Sabrina, 9 anni!!!) sono attualmente per strada da settembre perché la loro situazione non è stata regolarizzata malgrado le domande presentate [...]. Questo rende la scolarizzazione della giovane Sabrina presso la scuola dei fratelli Chappe quasi inesistente.

Domandiamo quindi al prefetto della Loira, Christian Decharrière, la regolarizzazione di tutta la famiglia Bislimi ed il rispetto della Convenzione Internazionale dei Diritti del Fanciullo.

Il comitato di sostegno, 25 ottobre 2008

[...]

 
Di Fabrizio (del 27/10/2008 @ 16:23:12, in scuola, visitato 1880 volte)

Foggia, 27 OTTOBRE 2008.

A S.E PREFETTO

AL SIG. SINDACO:
Assessorato alla P.I
Assessorato Servizi Sociali

AL SIG. QUESTORE:
Ufficio Minori
Ufficio Immigrazione
Al Comandante Prov.le Carabinieri
AL SIG. PRESIDENTE AMM.NE PROVINCIALE:
Assessorato Sicurezza Sociale
Garante Pro.le per l’Infanzia
Opera Nomadi
Provveditorato Studi
Unicef
Caritas Diocesana
Dott.ssa Anna Laura De Giorni, Consigliere Giuridico – Legale ACSI

Oggetto: Scolarizzazione Minori Rom Macedoni.

L’indagine conoscitiva compiuta da quest’associazione nel periodo 15 / 31 Ottobre 2008, ha registrato che il 30,6% degli scolareschi macedoni hanno cessato o frequentano occasionalmente la scuola.

I frequentatori erano 114 nel 2005, 84 nel 2007 e 42 nel 2008.

Su 137minori censiti solo 42 alunni frequentano quasi regolarmente i corsi. Alcuni hanno registrato; senza conseguenze; fino a 100 assenze.

La pedofilia e l’accattonaggio sono il gran problema.

I genitori non controllano (malgrado che loro hanno ricevuto il permesso di soggiorno grazie alla scolarizzazione dei figli), i servizi sociali non seguono le famiglie.

L’ACSI ringrazia le scuole di Foggia per gli sforzi profusi a favore di tutti i minori stranieri e chiede, gentilmente, a chi di dovere di intervenire.

IL PRESIDENTE NAZIONALE A.C.S.I
Habib SGHAIER

ASSOCIAZIONE COMUNITA’ STRANIERE IN ITALIA.
ASSOCIACION COMUNIDADES EXTRANJERAS EN ITALIA.
ASSOCIACAO COMUNIDADES ETRANGERES da ITALIA
ASSOZIATION ITALIENSCHE GEMEINSCHAFTEN ETRANGERES
ASSOCIATION DES COMMUNAUTES ETRANGERES EN ITALIE
FOREIGN COMMUNITIES ASSOCIATION IN ITALY
SHOQATE KOMUNITET HUAJ NE ITALIA
ASOCIATIA COMUNITARIA A STRAINILOR IN ITALIA

Onlus
Registrata all’Anagrafe delle Onlus dell’Agenzia delle Entrate di Bari
Via Federico Spera, 95/ 97 /99 – 71100 FOGGIA (Italy)
Tel. (39) 3497239108 - Fax: (39) 0881200015.
Codice Fiscale - Partita IVA 01740400716
E.mail: acsi.h@libero.it; com.stran@yahoo.it; morzuk@hotmail.com; AssComStrItalia@katamail.com;

«Io non condivido le tue idee ma lotterò con tutte le mie forze perché tu, come me, possa liberamente esprimere il tuo pensiero». Voltaire
 

 
Di Fabrizio (del 18/10/2008 @ 15:00:28, in scuola, visitato 981 volte)

Da Opera Nomadi Padova

La Lega sembra davvero “avere molto a cuore” la sorte dei figli dei migranti o di rom e sinti; qualche mese fa la schedatura dei minori rom per promuovere la scolarizzazione e, in questi giorni, il ritorno a classi-ghetto per favorire l’integrazione, “prevenire il razzismo, educare alla legalità e alla cittadinanza”. Nel concreto vogliono istituire delle classi riservate ai figli dei migranti e dei rom che non sono giudicati idonei alla scuola degli italiani per scarsa conoscenza della nostra lingua.

Le chiamano classi-ponte, in realtà sono classi differenziali.

Già nel 1965 lo Stato italiano si dotava di uno strumento istituzionale costituito dalle classi speciali “Lacio drom” (Buon Cammino), ghettizzando i bambini rom e i sinti all’interno delle scuole, in locali appartati, non idonei e isolati. Fortunatamente nel 1974 venne dichiarata l’eccezionalità di tali classi e nel 1982 ci fu la loro definitiva soppressione. Nel 1986, poi, il Ministero diede nuove disposizioni in materia di scolarizzazione di minori rom e sinti, disposizioni che precorrevano la Risoluzione Europea del Consiglio dei Ministri dell’ Educazione del 22/05/1989. Il Ministero, dopo aver richiamato la scuola materna, elementare e media al principio dell’obbligo scolastico che non è solo obbligo per i ragazzi a frequentare la scuola, ma anche obbligo della scuola ad assicurare il massimo possibile di apprendimento a tutti i frequentanti, prescriveva ad essa l’impegno di offrire un servizio adeguato nel “massimo rispetto dell’identità culturale dei soggetti interessati e il dovere di predisporre, per quanto possibile, un’ organizzazione, proficua, soddisfacente e rispondente ai reali bisogni degli stessi”.

Questo accadeva nel 1989, ora siamo nel 2008 e vengono ripresentate disposizioni in materia scolastica antecedenti al 1965.

Noi crediamo, quindi, che la proposta della Lega sia raccapricciante e pericolosa perché non ha altri effetti che la discriminazione e non consentirà l’integrazione perché gli studenti di origine straniera e rom saranno a contatto solo con altri stranieri e altri rom e, ad anno scolastico iniziato, verranno forse introdotti nelle classi “normali” dove i compagni avranno già socializzato tra loro e l’unica conseguenza sarà essere percepiti come diversi. E tutto ciò non servirà neanche a tenerli al passo con la classe perché non si capisce come faranno a seguire questi “corsi propedeutici” e anche ad avanzare col normale programma. Non si comprende neanche come si potrà conciliare il tutto con i tagli che il governo continua a prevedere per l’istruzione.

È evidente, quindi, che le motivazioni della Lega sono ispirate dal solito profondo razzismo che la caratterizza e costituiscono un attacco al diritto all’istruzione e al principio di non discriminazione, tutelati dalla nostra Costituzione.

I leghisti parlano di integrazione riuscendo ad immaginare al massimo un’assimilazione degli stranieri alla cultura italiana, facendo proposte anacronistiche e senza senso dettate dal timore dell’invasione dei migranti i cui figli, anche se nati in Italia, sono ritenuti colpevoli di rallentare i programmi scolastici dei figli degli autoctoni...

Crediamo che la scuola sia di importanza cruciale per una reale e sensata integrazione e per evitare gli aberranti episodi di razzismo di cui sentiamo parlare sempre più spesso in questi giorni. Sappiamo perfettamente che ci possono essere difficoltà per gli studenti stranieri ma crediamo che siano altre le strade per superarle e molte scuole le stanno già percorrendo mettendo a disposizione: corsi di alfabetizzazione pomeridiani per dare a tutti le conoscenze minime, necessarie per avvicinarsi ai linguaggi specifici di ogni disciplina, corsi di educazione all’ intercultura e ricorrendo anche all’aiuto dei mediatori culturali.

Quello di cui questo paese ha bisogno non è certo una politica dell’apartheid che porterà a classi di serie A e classi di serie B, C etc.. ma occorre mettere a disposizione fondi per avviare progetti che permettano ai docenti di fare il loro lavoro e di rispondere alla complessità del cambiamento in atto, difendendo la diversità come ricchezza e rifiutando l’assimilazione.

[ venerdì 17 ottobre 2008 ]

 
Di Fabrizio (del 15/10/2008 @ 11:51:03, in scuola, visitato 1671 volte)

Da Rom Sinti @ Politica

Non c’è giorno che non venga diffuso un rapporto che denunci violenze e violazioni contro le minoranze Rom e Sinte, che riporti cifre spesso estranee alla realtà, che riferisce sulla drammaticità delle nostre condizioni di vita. Le denunce inoltrate alle autorità preposte da Rom e Sinti non producono gli effetti che la legge specifica, anzi spesso sono un premio per chi utilizza violenze e violazioni contro Rom e Sinti

Con cadenza quotidiana all’opinione pubblica viene somministrata in forma amplificata una dose di dichiarazioni pubbliche, contraddistinte dalla fierezza dell’ignoranza e dall’arroganza del potere, che incrementano l’odio contro Rom e Sinti e ne fanno i capi espiatori di tutti i mali della società, mentre passa quasi inosservato che un Prefetto chiede la decadenza di un'amministrazione comunale per infiltrazione della criminalità organizzata, come di recente nel comune di Fondi e qualche tempo fa nel comune di Nettuno della regione Lazio, che la stampa nazionale ed i salotti televisivi hanno quasi totalmente ignorato.

La politica è incapace di evitare le "vigliaccate" contro Rom e Sinti, forse perché è capace di fare solo "porcate"; una politica consapevole che le proteste e le denuncie dei Rom e dei Sinti produrranno una crescita del consenso elettorale personale e di partito.

Questo è il contesto politico in Italia, "la descolarizzazione della società", che amplifica le disuguaglianze sociali e trasforma la massa delle persone in futuri "sudditi":

il 48,2% della popolazione italiana non ha un titolo superiore alla licenza media, gli analfabeti totali sono sei milioni,
il 25% dei ragazzi italiani che escono dalla terza media fanno fatica a leggere e scrivere,
21 milioni d’italiani sono in grosse difficoltà nel leggere un grande quotidiano.

1 ragazzo su 5 non consegue né diploma, né qualifica professionale; il 20,6% della popolazione scolastica "scompare" dopo essersi iscritti al primo anno della secondaria superiore. A questo si dovrebbe aggiungere i dati sull’insuccesso scolastico che è altissimo.

In questo contesto sociale, culturale e politico alle minoranze Rom e Sinte manca un prerequisito fondamentale: un progetto politico nazionale e una strategia organizzativa per realizzarla con il massimo della condivisione possibile.

Le "passerelle" del passato sono state solo espedienti per un becero personalismo e la strumentalizzazione di Rom e Sinti per auto accreditarsi come presunti esperti di una disastrosa politica di assistenzialismo culturale, per arrogarsi il diritto di sostituirsi a Rom e Sinti in tutte le sedi.

Per noi Rom e Sinti non è più il tempo di fare scelte senza gambe per camminare, ma dobbiamo andare al cuore delle questioni per definire il nostro futuro.

I vecchi metodi del passato non ci permetteranno di affrontare con la giusta razionalità la vera sfida che abbiamo di fronte, occorre cambiare metodo, cambiamento che deve coinvolgere anche noi.

Le iniziative a livello locale sono sacrosante, necessarie ed utili, ma non sufficienti se non contenute all’interno di un globale progetto politico nazionale per Rom e Sinti, perchè rischiano di essere il "nettare" di uno spregiudicato personalismo che tanti danni ha prodotto nel passato a noi Rom e Sinti.

La nostra condizione sociale e culturale non ci permette più:
- di tollerare che chi non ha competenze metta le mani sulle nostre vite
- di delegare altri per decidere del nostro futuro
- di rinunciare alla identità culturale collettiva
- di tollerare chi soffia sul fuoco della divisione

In particolare non ci permette più di rinviare la condivisione di un "progetto politico nazionale" per le nostre minoranze e una strategia organizzativa per realizzarlo.

Un progetto politico nazionale per Rom e Sinti capace di:
- mettere al centro la cultura Rom e Sinta,
- coinvolgere Rom e Sinti in un processo di interazione
- proporre soluzioni adeguate e collaborare per la realizzazione
- costruire un dialogo diretto con la società civile e la politica senza pregiudiziali


Se la partecipazione attiva di Rom e Sinti è la strategia fondamentale, la costruzione di un dialogo diretto con il Governo, le Istituzioni, la politica e la società civile è essenziale per un progetto politico nazionale CREDIBILE e REALIZZABILE.

Il dialogo diretto NON si realizza solo perché siamo Rom e Sinti, ma richiede un mix di condizioni; la scelta di un metodo comunicativo e relazionale, la credibilità partecipativa e professionale, la autorevolezza del progetto e della strategia organizzativa, sono i principali fattori per la costruzione di un dialogo diretto in grado di dare "valore" al progetto politico nazionale per Rom e Sinti, e "peso" mediatico e politico alla denuncia.

Nazzareno Guarnieri - presidente Federazione Rom e Sinti insieme

 
Di Fabrizio (del 14/10/2008 @ 09:25:33, in scuola, visitato 1313 volte)

Da British_Roma

Da EveshamJournal La diversità culturale difesa dalla scuola By Daniel Fawbert Mills

I poliziotti locali Julie De Paris e Julie Pardoe col contastorie romanì Richard O’Neill e gli scolari Shania Price, Sean Lunnon, e Charlie Smith

9 ottobre 2008 - La scuola primaria di Cleeve sta promuovendo il valore di differenti culture in un'unica esperienza narrativa per i più giovani.

La scuola ha aperto le proprie porte per accogliere il tradizionale narratore romanì Richard O’Neill che ha intrattenuto i bambini usando le tecniche tradizionali romanì, incluse la sua raccolta di bambole di legno.

E' stato raggiunto dall'ufficiale della polizia locale Julie De Paris e dall'ufficiale di supporto alla comunità Julie Pardoe, ed assieme hanno passato la mattina con i più giovani.

Pardoe ha detto "E' stata una grande opportunità per tutti scoprire di più sulle differenti culture in un momento di intrattenimento."

"Alcuni degli scolari provengono dalla comunità viaggiante, così questo evento è particolarmente speciale."

Il Commissariato di West Mercia ha lavorato a stretto contatto con O’Neill, lui stesso Romanì, che ha condotto due momenti formativi per loro.

Grazie a questo lavoro è in grado di offrire queste sezioni narrative uniche a diverse scuole del Worcestershire, inclusa la Blackminster Middle School di Evesham e la  Pebworth First School.

Ha detto O'Neill: "Intendiamo portare le storie a tanta più gente possibile, perché crediamo nel potere della narrazione di educare, informare, costruire ponti e divertire."

Si spera che la formazione specialistica che può fornire assista nel formare personale con una più ampia consapevolezza della cultura zingara, rom e viaggiante, come pure una migliore comprensione della negatività che alcune persone affrontano nella società.

Il consigliere per la diversità zingara e viaggiante, sergente Alistair Webster, ha detto: "Vorrei questo addestramento per focalizzarsi sul buon lavoro e le grandi opportunità che si ottengono dal comprendere meglio le differenze."

"Parimenti, gli eventi narrativi nelle scuole aiuteranno a trasportare questi stessi messaggi alle nostre generazioni più giovani."

 
Di Fabrizio (del 12/10/2008 @ 09:06:28, in scuola, visitato 2419 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

Da ALJAZEERA.net

Gli studenti rom offrono un barlume di speranza By Barnaby Phillips, Europe correspondent

Un paio di mesi fa, sono stato a Napoli [...] per riportare dell'ostilità contro il popolo Rom.

I napoletani incolpavano i Rom per l'ondata di criminalità, ed avevano bruciato uno dei loro campi.

Il fatto venne postato su You Tube da Al Jazeera (qui sotto, in inglese ndr).



Ecco un esempio di alcuni dei commenti nelle risposte; "gli zingari sono solo parassiti", "gli zingari non possono adattarsi ad un moderno stile di vita e non saranno mai i benvenuti", "solo uno zingaro morto è un buono zingaro", e così via.

Molti commenti non sono riportabili, ma questo è il senso.

Ora, è vero che l'anonimato su internet ha la tendenza deprimente ad incoraggiare le persone nel pubblicare punti di vista offensivi.

Ma, come corrispondente di Al Jazeera dall'Europa, sono rimasto sorpreso dall'esteso e radicato pregiudizio contro i Rom.

In Grecia e altrove, spesso devo riflettere sulle osservazioni di persone che altrimenti avrebbero una mente aperta.

Sembra a volte che la forma di razzismo che è ancora socialmente accettabile è quella contro i Rom.

Incidente scioccante

Settimana scorsa ero in Kosovo, dove i Rom sono in una difficile situazione.

Circa 150.000 Rom (a rischio di offendere, sto usando il termine "Rom" come scorciatoia per tre comunità differenti: i Rom, gli Askali e gli Egizi) vivevano in Kosovo agli inizi degli anni '90.

Oggi la popolazione è di circa 40.000.

L'esodo dei Rom dal Kosovo alla fine della guerra del 1999 non ha ricevuto la stessa attenzione di quello dei Serbi, ma è stato altrettanto drammatico.

In molte parte del Kosovo, la rientrante popolazione albanese ha accusato i Rom di collaborazionismo con i Serbi, e li hanno cacciati per rappresaglia.

In quello che forse è l'incidente che ha scosso maggiormente, gli Albanesi hanno distrutto un intero quartiere Rom, che ospitava circa 8.000 persone, sotto lo sguardo delle truppe internazionali.

Ma quello che è successo dopo è veramente scandaloso.

Danni al cervello

In nove anni, solo una manciata di quei Rom sono tornati alle loro case a Mitrovica sud.

L'ONU, che ha speso milioni per la ricostruzione in Kosovo, sino al 2006 non aveva ricostruito nessuna casa dei Rom.

Centinaia di Rom hanno passato anni in squallidi campi per rifugiati, contaminati da alti livelli di inquinamento da piombo (vedi ndr).

Gli attivisti incolpano molte morti all'avvelenamento da piombo, e ritengono che dozzine di bambini hanno sofferto danni irreversibili al cervello.

La storia dei campi Rom è lunga e complicata, con molti interessi contrastanti, ma una conclusione è inevitabile: nel Kosovo di oggi,è impossibile per qualsiasi altro gruppo etnico venire trattato con tale indifferenza.

I figli se ne sono andati

Ramadan Gidzic è un Rom amichevole, di circa 50 anni. Vive nel villaggio di Preoce, in un'enclave serba vicino a Pristina.

E' disoccupato dal 1999, quando molti Rom scapparono da Pristina, e ha perso il suo lavoro in una libreria.

Due figli, vedendo che non c'era una vita possibile, sono andati in Germania, portando con loro i figli. E' una storia tipica a Preoce.

Quindici delle 50 famiglie rom sono andate via, ed altre si stanno preparando a farlo.

In privato, molti ammettono di pagare i contrabbandieri per aiutarli a raggiungere illegalmente la Germania.

Ramadan ha perso i nipoti e si chiede se qualche Rom rimarrà a Preoce.

Dice: "Chiunque abbia parenti all'estero, prima o poi se ne andrà, qui non c'è niente da fare, possiamo solo stare qui e morire di fame".

Alcuni attivisti dei diritti umani ritengono che la popolazione Rom nel Kosovo del dopoguerra stia progressivamente declinando, fino al punto che in cinque anni non ci sarà più nessuno.

Altri dicono che le statistiche sulla popolazione non sono credibili, e che è impossibile trarre alcuna conclusione.

Di sicuro non è vero che ai Rom in Kosovo sia data la speranza di costruirsi lì un futuro.

Ruolo modello

La sfida forse più grande è l'istruzione. In Kosovo la frequenza scolastica dei bambini rom è notoriamente scarsa.

Secondo uno studio del 2006, soltanto l'1,4% termina la scuola secondaria. Così è stata una piacevole sorpresa incontrare Tefik Agushi, che ha 22 anni.



Tefik è l'unico studente rom all'American University del Kosovo, ed è un modello per la sua comunità.

Dice che i bambini rom sono svantaggiati a scuola per l'assenza di qualsiasi istruzione nella loro lingua nativa.

Ma dice anche che con l'impegno, i giovani Rom possono ottenere quel che vogliono.

"Non possiamo limitarci a sederci in fondo e aspettare che altri ci aiutino", dice Tefik, un giovane determinato a non permettere che il pregiudizio sia sulla sua strada.

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


24/01/2020 @ 21:27:15
script eseguito in 46 ms

 

Immagine
 Il libro con le storie di via Idro... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 3918 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< gennaio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Testimonianza su come metto fine alle mie preoccup...
23/01/2020 @ 18:28:29
Di MR PENDELIS
Testimonianza su come metto fine alle mie preoccup...
23/01/2020 @ 18:27:21
Di Mr Pendelis
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source