Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Desideri, disperazioni e voglia di normalità dalla periferia più periferica.

-

Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 22/08/2013 @ 09:04:44, in media, visitato 1772 volte)

Nella locandina: interpretazione trash della zingara

[...c'è del vero sulle sovvenzioni ai nomadi, non so in che misura, ma so che esiste una legge in proposito che inoltre permette loro di avere terreni su cui sostare e vivere, allacciamenti all'elettricità e all'acqua...] Non dico chi abbia fatto questa affermazione, non la conosco, so come si chiama - e il nome non ha nessuna importanza, di sicuro so che non è nomade e non se ne occupa.

    (Apro una parentesi linguistica: il mio uso delle parole CONOSCO e SO sono oggettivamente personali. Ma se una persona che con l'argomento "nomadi" usa C'E' DEL VERO... SO CHE ESISTE manco fosse un Pasolini che lancia il proprio IO SO, o motiva le sue affermazioni, oppure ha un grave problema di insicurezza, da sfogare su questi "nomadi").

Raga,
si impone il dibattito. Come si riesce a contrastare una VOX POPULI? Come affrontare (non dal punto di vista razionale, ma da quello della comunicazione) una bufala?

Poco male, se qualcuno crede alla leggenda dei coccodrilli nelle fogne di New York (è un posto che TUTTI frequentano di rado). Ma poi il TUTTI non ha la più la stessa valenza: nel senso che NON TUTTI (quelli che hanno accesso ai mezzi di comunicazione) hanno un rapporto frequente con Rom, Sinti ecc. e così questi ultimi entrano di diritto nell'ambito del DI RADO, SCONOSCIUTI, e perciò facile oggetto di qualsiasi diceria. FACILE OGGETTO: a volte i Romanì sono oggetto di una bufala, lanciata a freddo, ma FACILE significa anche che se in una qualsiasi discussione si parlasse di "zingari", bisogna sempre prevedere che può arrivare un commento inaspettato come quello iniziale, giusto perché il commentatore non sa cosa argomentare, ma sugli "zingari" vuole dire comunque la sua.

Qua non si tratta di coccodrilli a New York. Avete presente la storia dei bambini rapiti dagli zingari? Sono state fatte diverse ricerche (qua siamo nel 2005) a proposito, documentate in seguito da un libro, ma non c'è verso: la voce rimane: nugoli di bambini sparirebbero sotto i gonnoni delle zingare, manco si trattasse di sottane di preti arrapati (e qua non si tratta di leggenda metropolitana - ma i preti hanno frequenza meno rada col nostro mondo e anche un ufficio stampa più efficiente delle zingare).

DI RADO, SCONOSCIUTI, significa che nelle discussioni quotidiane, entrano ciclicamente:

e tanti altri casi, col risultato che l'insicurezza e la voglia di sproloquiare di gente CHE NON CONOSCE viene alimentata, quasi quotidianamente. Ed in maniera da alimentare rabbia, perpetrando la divisione tra un NOI vittime e un LORO sanguisughe, sfruttando argomenti a cui siamo sensibili (praticamente SOLDI e DISGRAZIE). Tra i tanti esempi:

... e potremmo continuare.

Un po' di dati sullo specifico, a questo punto. Questo è quanto io conosco, non prendetelo come oro colato, ma almeno potete verificare:

  1. Sovvenzioni, assegni (c'è addirittura chi spara la cifra esatta) per nomadi non esistono, non sono mai esistiti, a dispetto delle certezze spacciate con leggerezza (o volutamente). Esistono dei rom o dei sinti che percepiscono contributi dallo stato? Certamente. Ma l'etnia (o il nomadismo) non c'entrano: AL PARI DI QUALSIASI ALTRO CITTADINO, se in stato di indigenza e in regola con le norme che stabiliscono la permanenza sul suolo italiano, possono richiedere aiuto ai servizi sociali. Questi ultimi a loro volta valuteranno i SINGOLI casi, faranno i necessari controlli e decideranno in merito, IN MANIERA ASSOLUTAMENTE AUTONOMA.

  2. Case, terreni, allacci: non esistono leggi in proposito, non possono neanche esistere leggi a livello nazionale. A livello locale cambia il discorso: ci sono amministrazioni che intervengono e altre che sono un portone stabilmente chiuso alle esigenze delle popolazioni "nomadi". Non parliamo di leggi, casomai si tratta di regolamenti, o addirittura di mozioni consiliari; che il più delle volte hanno una durata ancora più limitata della legislatura. Che poi siano anche applicate, è un azzardo: tanto, gli "zingari" non protestano mai. Nonostante la voglia sempre più diffusa che hanno Rom e Sinti di abbandonare i campi, farlo, ottenere un allaccio, ottenere un permesso (anche temporaneo) rimane un'impresa, ma di fronte all'inazione quasi generale, sembra l'unica strada percorribile.

Rimane un ragionamento finale: a cosa serve (dal punto di vista meramente politico) SPRECARE SOLDI PUBBLICI per gente che tanto non ha mai protestato per le mancate promesse, e che spesso non è neanche cittadino della Repubblica? MOTIVI UMANITARI? Gli elettori (sono loro e non gli zingari a garantirti una poltrona), non sempre sono sensibili a questo argomento. E' più facile che le motivazioni derivino dall'emergenza in cui Rom e Sinti talvolta vivono, che porta INSICUREZZA e CONDIVIZIONI SANITARIE PRECARIE anche nei nostri quartieri di votanti, oltre che SCANDALO nei media. La sicurezza è un'industria: non solo per i professionisti della politica e della comunicazione, ma anche per centinaia di piccole-medie ditte e cooperative, immancabilmente abbonate agli appalti che si generano. Controlli, pochissimi: il modello è PRENDI I SOLDI E SCAPPA.

Ma, se Rom e Sinti continueranno ad accontentarsi delle briciole, si può accarezzare il pelo dell'INSICUREZZA congenita degli ignoranti. Per ridestarla schizofrenicamente la prossima volta, in previsioni di nuovi appalti da distribuire e di elettori da rassicurare.

 
Di Fabrizio (del 17/08/2013 @ 09:08:21, in media, visitato 1065 volte)

CORRIERE DELLA SERA La città nuova di Maria Egizia Fiaschetti

Occhi di pece, acquattati tra le pagine. Assorti tra immagini e parole del taccuino che Rebecca Covaciu, 17 anni, custodisce come una reliquia. E' il suo piccolo tesoro, sopravvissuto agli sgomberi: "Lo tenevo sotto il cuscino assieme alla Bibbia e, quando ci cacciavano dalle baracche - ricorda l'adolescente Rom, originaria di Arad - temevo sempre che andasse distrutto". Il diario è ancora qui, dopo la diaspora dalla Romania in Italia passando per Brasile e Spagna. Intatto come il suo amore per l'arte: dai primi acquerelli con terra, fior e fili d'erba al liceo artistico Boccioni. Una favola a lieto fine se non fosse che, malgrado il successo del libro "L'arcobaleno di Rebecca" (UR Editore, 2012), per la ragazza i problemi non sono finiti. E a settembre, senza un sostegno economico, rischia di dover abbandonare gli studi a un passo dal diploma (l'anno scorso, era riuscita a iscriversi grazie a una borsa di studio).

Famiglia numerosa - oltre ai genitori quattro fratelli, una cognata e tre nipotini - e condizioni di vita precarie ("Viviamo in uno scantinato in viale Certosa, senza finestre né pavimenti. L'inverno è stato durissimo"). Tutti senza lavoro, a parte lei che, con i suoi disegni cerca di racimolare i 380 euro di affitto al mese:

    "Li vendo a offerta libera tra Brera, il Duomo e i Navigli", racconta la giovane pittrice dal tocco espressionista.

Con un trittico su Milano ha anche vinto un concorso: "La mia scuola ha avuto 6 mila euro per gli studenti poveri, io un computer, ma ho dovuto venderlo per aiutare a casa". Online naviga solo dagli internet point dei nordafricani: nativa digitale malgrado il divide, non solo tecnologico, con i suoi coetanei. Già, perché all'inizio i compagni di classe hanno fatto muro:

    "Ricordo l'assemblea su di me, non sopportavano che avessi fatto troppe assenze. Ho provato a spiegare la mia situazione: alcuni hanno capito, altri no. Il pregiudizio sui Rom, purtroppo, è ancora forte".

L'antidoto di Rebecca sono i suoi disegni: onirici, ma sempre con un sottofondo di realtà. Svelata dalle rime che li accompagnano:

    "La mia vita è come un armadio - annota la 17enne sulle prime pagine del suo diario - tanto tempo ho vissuto nel buio, poi ho visto una chiave d'oro, ho aperto la porta e sono uscita".

Quando parla della sua passione, Rebecca si illumina: "Vorrei finire il liceo e aiutare i bambini poveri e malati". Immagina laboratori di pittura in ospedale e corsi sui diritti umani. Nella testa, i suoi autori preferiti: Marc Chagall, Frida Kahlo, Jean-Michel Basquiat. Visionari e un po' sciamani come lei.

 
Di Fabrizio (del 11/08/2013 @ 09:05:26, in media, visitato 967 volte)

2 agosto 2013 - di Gabor Czene
traduzione dall'ungherese all'inglese su ROMEDIA FOUNDATION

Fanni Gurbai gioca nel ruolo di centrale nella squadra di pallamano femminile a Derecske, in seconda divisione. In precedenza aveva giocato nelle giovanili di Debrecen e si ispirava a Bojana Radulovics e Anita Goerbicz. Anche se spesso i tifosi locali la contestano per la sua etnia, è sempre stata ben accetta dalle compagne di squadra. Sinora, la pallamano l'ha aiutata a superare le situazioni di stallo, però lei ha trovato una nuova passione: il giornalismo.

Vive normalmente a Koeroesszakal, nella regione di Hajdu'-Bihar - un piccolo villaggio, con alti tassi di povertà - ma adesso stiamo parlando nel giardino di una pensione a Dunabogdany, non lontano dalla capitale. Fanni Gurbai è una delle dodici giovani romnià che stanno prendendo parte al media summer camp Buvero (conchiglia), organizzato da Romedia Foundation.

"Durante le due settimane di formazione, le ragazze - tra i 16 e i 22 anni - prendono confidenza con le basi del giornalismo, soffermandosi su visuals, cinematografia, e un uso complessivo di internet," dice Kristof Asbot, regista televisivo e ora leader del progetto. "Lo scopo non è di farne dei giornalisti professionisti, ma di stimolare il loro interesse verso la stampa e il mondo dei media, dando loro le conoscenze che le aiuteranno a navigare nelle piattaforme dei social media."

Le ragazze provengono da tutto il paese, ma soprattutto da piccoli villaggi. Alcune delle loro famiglie hanno avuto difficoltà a mandarle, mentre altre sono state aiutate da organizzazioni civiche locali, altrimenti non avrebbero potuto.

"All'inizio," dice Kristof Asbot, "due delle ragazze erano decisamente diffidenti e si erano chiuse a riccio. Difficile credere che dopo un paio di giorni si sarebbero mostrate così aperte e fiduciose."

"Le donne hanno un ruolo speciale nelle comunità rom, ecco perché è così importante dar voce alle loro opinioni," dice Kata Barsony, organizzatrice e direttrice esecutiva di Romedia Foundation. In origine avevano pianificato un evento su larga scala, ma tutte le domande furono respinte. Alla fine, il campus si è realizzato col sostegno di NED (Assegnazione Nazionale per la Democrazia).

Le apparecchiature tecniche sono state donate dalla Budapest Business School e dall'Università Corvinus. Le partecipanti hanno l'opportunità di provare in diversi modi le loro capacità, come con le riprese o conducendo interviste. Più avanti sul campo gireranno un video su un soggetto di interesse, in varie località come: Debrecen, Szekesfehervar o Pecs. Programmi simili a Buvero esistono anche in Germania e in Serbia. Al termine del campus, un gruppo ristretto verrà scelto per prendere parte allo Youth Media Summit di Belgrado.

Mercedesz Kalo', formatasi nella "Gypsy Row" a Szendroelad, ora studia alla scuola d'arte di Miskolc: "Mi piace mettermi alla prova e provare nuove cose, voglio essere una reporter," riassume i suoi progetti futuri. Dice anche: "I Rom hanno molte più opportunità di studiare di quanto pensiamo. A Szendroelad abbiamo molti programmi educativi,, soprattutto per bambini socialmente svantaggiati. Non è per niente facile, ma se si tiene duro, si può lasciare la povertà alle spalle."

Vivien Szajko', da Pecel, ha solo 16 anni, ma da quattro anni fa parte di un gruppo teatrale locale. Dicono che ha parecchio talento. E' interessata a fare cinema, ma soprattutto vuole diventare presentatrice di un canale musicale televisivo.

Tutti sono entusiasti della loro esperienza a Dunabogdany. Abbiamo chiesto a Vivien Szajko' di raccontarci cosa non le è piaciuto del campus. Dopo averci pensato un po', si è lamentata del doversi svegliare presto tutte le mattine, e che le lezioni obbligatorie iniziassero la mattina alle 7,30.

Hanno chiesto ai leader del campus di poter dormire di più, almeno la domenica. La mattina è stato concesso a tutti di svegliarsi alle 8.

La pagina su facebook

Video promozionale con i partecipanti a Buvero

 
Di Fabrizio (del 25/07/2013 @ 09:09:12, in media, visitato 1374 volte)

MEDIAROMA I mass media non dovrebbero provocare odio a Bursa

22 luglio - I cittadini questa mattina si sono svegliati questa mattina leggendo notizie riguardo a tensioni a Bursa (nella regione di Marmara). Secondo quanto pubblicato "un giovane rom ha ferito una ragazza con un fucile", e la famiglia di lei ha assaltato l'insediamento rom e dato fuoco ai loro mezzi di trasporto. I media non sottolineano l'origine etnica dell'altra parte, ma soltanto quella dei Rom. Anche se enfatizzano che una delle parti in causa è rom, nessuno di loro è stata chiamato a testimonianza, dando un'informazione pregiudizievole.

Non abbiamo la possibilità di sapere cos'è realmente accaduto nel quartiere Osmangazi Gueneshtepe di Bursa, causa il solito modo dei media di fare notizia. Non siamo stati in grado di contattare chi vive laggiù. Quindi non conosciamo i dettagli dell'incidente e la sua reale portata. D'altra parte, è lampante che i mass media vogliano legittimare quanto è accaduto. Vogliono cioè legittimare gli attacchi alle case rom e l'aver bruciato i loro mezzi di trasporto. Nelle cronache, incolpano i Rom di rubare e i loro cavalli di sporcare le strade, usando questi dettagli per giustificare il comportamento di una folla aggressiva che si può vedere nel loro video. Non c'è tuttavia nessuna ragione per giustificare un linciaggio.

Quando riceveremo i dettagli sull'incidente, li diffonderemo. A questo punto, censuriamo le provocazioni e l'approccio unilaterale dei media. Non è giornalismo usare argomenti che possono portare a gravi tensioni tra cittadini Rom e non-Rom. Ci auguriamo che che simili discorsi separatisti e provocatori terminino presto.

 

Pubblicato Martedì, 16 Luglio 2013 14:29

Egregio dottor Ezio Mauro, direttore de La Repubblica

    Le chiediamo la cortesia di leggere i commenti dei vostri lettori all'articolo di Franco Vanni "Sul villaggio abusivo arriva l'Expo: maxi risarcimenti alle famiglie rom - Infrastrutture Lombarde (con la mediazione del Comune di Milano) paga fino a 50mila euro per liberare i terreni in via Monte Bisbino: l'area è occupata da decenni da costruzioni che sono state edificate senza licenza" apparso sul sito on-line il 16 luglio 2013, perché le sia facile capire come persino un giornale come il suo favorisce, se non addirittura fomenta, il pregiudizio e la discriminazione nei confronti delle comunità rom. Le fornisco delle informazioni che la possono aiutare a capire quanto sia grave e offensivo il modo con il quale sono state date le notizie in questa occasione.

In primo luogo i terreni sui quali sono state costruite le case sono stati acquistati nei primi anni 90 - ricorda la guerra in Jugoslavia? - dai rom a prezzi salati nonostante fossero terreni qualificati come seminativi-irrigui cioè agricoli. Da qui l'abuso per aver costruito edifici su terreno inedificabile, abuso peraltro rimasto a lungo tollerato dalle precedenti amministrazioni.

Dal momento che l'area di via Monte Bisbino è interessata ai lavori Expo sono iniziate le procedure per l'esproprio dei terreni (non delle case!). Infrastrutture lombarde negli atti formali per l'esproprio offriva 7€ (sette euro) per metro quadro di terreno e nessun indennizzo per i beni che insistevano sui terreni. Si parla di indennizzi di qualche centinaio di euro, dal momento che pochi terreni sono superiori ai 1000 mq!

In questa situazione la Consulta rom e sinti di Milano ha aperto un confronto con l'amministrazione e con Infrastrutture lombarde per una soluzione pacifica e possibilmente positiva per le famiglie coinvolte e destinate a perdere tutto (tra l'altro questa comunità vede la più alta frequenza scolastica di minori rom a Milano), trovando la disponibilità di entrambi gli interlocutori. Con un'azione su più piani: è stata chiesta e ottenuta da Infrastrutture lombarde una piccola variante al tracciato della nuova strada che ha consentito di ridurre il numero di terreni da espropriare; è stato verificato che in base al nuovo PGT i terreni da agricoli passano ad ARU (Area di riqualificazione urbana), quindi edificabili e quindi gli abusi diventano sanabili; è stato raggiunto quindi un accordo con Infrastrutture sull'entità del risarcimento in una misura che consente un decoroso risarcimento a chi perde tutto, non solo il terreno ma la casa e tutto ciò che vi ha investito in oltre 20 anni; infine per il gruppo di famiglie più fragili è stata raggiunta un'intesa con l'amministrazione per una soluzione.

Se fossero state fornite queste informazioni, non molto difficili da ottenere, non crede lei che forse qualche lettore avrebbe avuto un'occasione in più per farsi un'opinione non a senso unico? Qual è la differenza tra i manifesti di Lega e PdL condannati a Pescara per istigazione all'odio, o quelli della Lega sulla Zingaropoli di Pisapia e questi messaggi, dal momento che entrambi sono discriminatori e favoriscono il pregiudizio e l'odio antizigano?

Per questa ragione, dal momento che l'effetto di questo modo di fare informazione è quello che i suoi lettori esprimono con dovizia nei commenti che, ripeto, la invito a leggere, siamo costretti non solo a chiedere che il suo giornale almeno completi l'informazione fornita, ma anche a verificare se non sia il caso di procedere contro il suo giornale per istigazione all'odio razziale, ragione per la quale ci legge in copia l'avvocato della Consulta.

Cordiali saluti Milano, 16 luglio 2013

Dijana Pavlovic, portavoce della Consulta Rom e Sinti di Milano - tel. 3397608728

Paolo Cagna Ninchi, presidente associazione UPRE ROMA - tel. 3391170311

 
Di Fabrizio (del 08/07/2013 @ 09:02:25, in media, visitato 1010 volte)

Ancora settimane ricche di spunti dalla Repubblica Ceca: continuano pestaggi e violenze nel nord, mentre nel sud, a Budejovice (Boemia) estremisti attaccano un quartiere rom con pietre e bastoni; attaccata anche la polizia, che poi reagisce. Il senatore Okamura (il cognome tradisce origini giapponesi) propone di riportare i Rom cechi (e quelli arrivati  da Slovacchia, Ungheria, Ucraina) in India; non è nuovo a provocazioni simili, ho paura che sentiremo ancora parlare di lui. Infine riporto un articolo che nasce dagli attacchi a Budejovice. Tutte le segnalazioni arrivano da Czech_Roma

Frantishek Kostlan Photo: Archiv Romea.cz - Commento: Perché la frase "aggressore bianco" da fastidio ai lettori? Prague, 2.7.2013 15:58, (ROMEA) Frantishek Kostlan, translated by Gwendolyn Albert

Recentemente, in molti articoli pubblicati sui media cechi di ogni tipo, notiamo la seguente espressione usata sempre più spesso: "aggressore romanì" o al plurale "aggressori romanì", "aggressori razzisti romanì", "brutale banda romanì", "romanì violento", "un gruppo di aggressori (romanì, naturalmente)", "sei aggressori (romanì)". I neonazisti Dufeke Svoboda, che non molto tempo fa organizzarono a Duchcov una manifestazione contro i Romanì (tutti), usarono lo slogan "Contro gli aggressori romanì".

Questo è quanto, oltre alla frase "aggressori romanì" che è già di uso comune eanche quando l'etnia presunta dell'aggressore non ha alcuna attinenza col caso particolare. L'espressione "aggressori romanì" viene purtroppo adoperata anche da alcuni scrittori romanì, come in un recente articolo di Patrik Banga (vedi QUI, ndr).

Non sto difendendo quei crimini che sono stati commessi da gente romanì. Se qualcuno picchia qualcun altro, deve essere data una punizione adeguata - non ho dubbio alcuno - non importa chi sia.

La mia preoccupazione è la formulazione della cronaca di questi incidenti. Quando un autore di nazionalità ceca picchia qualcun altro, non succede mai che il reporter usa una descrizione più violenta di "autore" o "violento/violenti", "gruppi che hanno agito", ecc. Tuttavia, quando si presume che l'autore di un medesimo crimine sia romanì, improvvisamente si adopera il termine "aggressore" e se le persone coinvolte sono più di una, diventano immediatamente una "banda di aggressori romanì razzisti".

I commenti online postati sotto gli articoli in cui vengono usati questi termini, riecheggiano l'odio fatto lievitare da questo tipo di linguaggio. Possiamo leggere appelli al genocidio dei Rom, al loro omicidio, alla loro deportazione dalla Repubblica Ceca, per la rinascita dei campi di concentramento e di sterminio.

E' del tutto comune leggere esclamazioni razziste, come "zingari nelle camere a gas", "porci neri", "musi neri", ecc. Naturalmente, nessuno è disturbato da ciò o, per essere più precisi, disturba solo pochi "buonisti" come me - e soltanto quando qualcuno di noi prende una posizione pubblica contro.

Recentemente, ho usato il termine "aggressore bianco" in un articolo di risposta alla crescente ondata di "aggressori romanì" riportati da ogni media, e questo ha disturbato i lettori - soprattutto di nazionalità ceca, ma anche molti di nazionalità romanì. A volte fa bene reggere uno specchio, cosicché gli altri possano vedere che le loro azioni, incluso l'accordo o il silenzio, non sono corrette.

Capisco quei Romanì che si hanno obiettato sul termine "aggressore bianco". Sono preoccupati perché qualcuno della società maggioritaria potrebbe perdere l'affetto che avrebbero per il news server Romea.cz o per i Romanì in generale, vedendo adoperata qui una simile espressione.

Alcuni non amano tutto quanto sia formulato in modo estremo. Altri sono soltanto prudenti,  e dato quanto sta succedendo in questa società, non ne sono sorpreso.

Naturalmente, come persona coinvolta in questi problemi da oltre 20 anni, so che ci sarà chi ribatterà che obietterà ai Romanì  (in toto) sarà così indipendentemente da quanto scriviamo io o Romea.cz. Quanti riflettono sulla questione capirà cosa intendevo usando la frase "aggressore bianco".

Capisco che altri la pensino diversamente. Sarei loro grato se rispettassero il mio punto di vista, per quanto differente dal loro.

Nell'area dedicata alla discussione dell'articolo dove avevo usato "aggressore bianco", sono state postate le seguenti opinioni (alcune da allora sono state cancellate):

  • "Aggressore bianco"- se lo scrive uno zingaro non è razzismo, ma se un ceco scrive "aggressore nero" è razzismo al terzo grado...
  • Signor Kostlan, cosa accadrebbe se scrivvessi "aggressore n...o"? Perché stavolta lei usa quelle parole? In uno dei suoi articoli lei condannava Nova, Blesk, ecc. ma sta usando la medesima tattica?Non aggiunga benzina al fuoco...
  • perché scrive "aggressore bianco", quando condanna quanti usano "aggressore romanì"?
  • ...quando scrive aggressore bianco, la cosa puzza davvero.
  • ...Lo girerò alla polizia, che decidano se tutto è stato ispirato dal diavolo, da un brutto aggressore bianco o da Marcela...
  • Ad essere corretti, si dovrebbe scrivere "Aggressore bianco attacca due passanti neri", giusto?
  • Potrebbe essere accaduto differentemente. Forse quel piccolo gruppo ha sopravvalutato la propria forza e la vittima si è rilevata troppo dotata fisicamente, o non era abbastanza ubriaca. Scenario molto più probabile dato l'usuale modello di comportamento dei Rom.
  • Ma il violento era un aggressore bianco o un drogato???
  • I cosiddetti politically-correct, i giornalisti sei, non menzionano l'origine etnica dei colpevoli, ma gli attivisti del news server Romea basano la loro esistenza sul presunto razzismo, la "lotta" contro di questo, e soprattutto sul contributo finanziario statale che ricevono per la loro attività. Quindi, se un bruto che è ubriaco ed attacca con violenza due donne, l'informazione che questi sia bianco è particolarmente importante. Significa che il flusso di denaro statale verso Romea non si esaurirà ancora.

Per tutti quanti hanno postato questi commenti, vorrei solo citare Nikolai Vasilievich Gogol: "Non rimproverare lo specchio, se il tuo muso è storto".

 
Di Fabrizio (del 07/07/2013 @ 09:09:42, in media, visitato 889 volte)

Nella foto, Paula Baudet Vivanco. Alla sua destra la "nostra" Igiaba Scego.
30 giugno 2013 | Stefano Galieni CORRIEREIMMIGRAZIONE

"Fatto" da redattori nati in altri Paesi o comunque di origine straniera. Un fenomeno poco visibile ma in crescita. Conversazione con Paula Baudet Vivanco.

"Gestire la comunicazione e i suoi strumenti è a mio parere una questione di importanza strategica per modificare la percezione di noi cittadini di origine straniera in Italia". Paula Baudet Vivanco è una giornalista nata in Cile. Si è trasferita in Italia negli anni Ottanta, con i genitori. "Il nostro ruolo in questo Paese non potrà mai cambiare fino a quando saremo visti solo come i "muratori" o le "collaboratrici familiari". Dobbiamo puntare anche ad occupare ruoli diversi nella società per esserne percepiti come una parte integrante e non relegata", dice. "Per questo abbiamo fatto tante battaglie . I risultati adesso si cominciano a vedere, e a maggior ragione non ci dobbiamo fermare".

Dopo aver contribuito a far crescere l'esperienza G2 per i cittadini di "seconda generazione" - termine che in sé meriterebbe una trattazione - Vivanco si è gettata a capofitto in una professione ardua per tutti ma in cui gli ostacoli si moltiplicano per chi non è cittadino Ue. Nel 2010 ha contribuito a creare l'Ansi (associazione nazionale stampa interculturale) di cui è segretaria nazionale e in cui sono iscritti numerosi professionisti di origine straniera o, appunto, di seconda generazione. "A questa associazione, nata all'interno della Fnsi (il sindacato unitario dei giornalisti italiani) e riconosciuta dall'Ordine dei Giornalisti, siamo arrivati attraverso un percorso complesso. La mia esperienza nasce nelle "radio comunitarie", altri di noi hanno lavorato in diverse testate, pochi in quelle a larga diffusione. Ma il punto di partenza era comune: l'aspirazione ad essere soggetti e non oggetti di informazione. Un ragionamento che facevamo in un percorso coadiuvato dal Cospe a Firenze e che ci portò nel 2005 a realizzare una piattaforma tematica, basata sull'interculturalità. Volevamo visibilità all'interno della categoria: per questo siamo nati dentro l'Fnsi. Il nostro obiettivo era fornire informazioni per l'accesso all'ordine, ai cittadini di origine straniera ma anche chiarire la nostra posizione. Noi non siamo "corrispondenti", ma vogliamo entrare nelle vie normali di accesso senza discriminazioni, sulla base del lavoro svolto e dei titoli necessari per poter diventare pubblicisti o giornalisti professionisti. Ci siamo in parte riusciti attraverso una circolare interna che l'Ordine ha inviato alle varie sedi regionali, basata a sua volta su una circolare del ministero della Giustizia del maggio 2005".

Il testo della circolare è chiaro ed è la risposta ad un quesito specifico presentato in materia: "...Come correttamente ricordato da codesto Consiglio Nazionale, ai sensi dell'art. 47 del d.p.R. n.394 del 31 agosto 1999 - Regolamento di Attuazione del Testo Unico sull'Immigrazione di cui al D.Lgs. n.286/1998 - , specifici visti d'ingresso e permessi di soggiorno... possono essere rilasciati agli stranieri che hanno conseguito il diploma di laurea presso una Università italiana, per l'espletamento degli esami di abilitazione all'esercizio professionale. Il superamento degli esami unitamente all'adempimento delle altre condizioni richieste dalla legge consente l'iscrizione negli albi professionali, indipendentemente dal possesso della cittadinanza italiana". Pertanto, alla luce di tale normativa, non appare possibile opporre rifiuto basato sulla cittadinanza all'iscrizione all'albo professionale, in presenza del possesso dei necessari requisiti, e a prescindere dalle condizioni di reciprocità" (fra Stati).

È stato ed è ancora faticoso far recepire questa circolare agli ordini regionali. "Ma c'è anche una questione irrisolta che, a nostro avviso, è ancora più rilevante. La legge sulla stampa 47/48 stabilisce, all'articolo 3, che se non si è cittadini italiani non si può né divenire direttori responsabili di una testata né tantomeno registrarne una. Siamo, insomma, giornalisti di serie B. Ce ne siamo resi conto quando una nostra associata, Domenica Canchano, che aveva passaporto peruviano e scriveva per il Secolo XIX a Genova, ha provato a lanciare una testata e le è stato impedito in virtù di tali disposizioni. Ci siamo allora rivolte all'Unar, perché vorremmo una risposta in merito ad una discriminazione che va sanata e abbiamo chiesto aiuto all'allora segretario nazionale dell'Fnsi, Roberto Natale".

Nel nuovo Parlamento sono entrate anche figure come Girgis Sorial e Khalid Chaouki, giovani ed estremamente motivati a portare avanti questa battaglia significativa di civiltà, sono interlocutori validi che hanno già permesso all'Ansi un incontro con il sottosegretario all'editoria. "L'attuale normativa rappresenta un problema per tutti i cittadini che non appartengono all'Ue e che aspirano a diventare editori di testate italiane. Si tratta di norme che inibiscono nuovi sbocchi di mercato. Oggi, ad esempio, è difficile trovare giornalisti in grado di dirigere testate in cinese, o che si vogliano lanciare in avventure editoriali multiculturali. Eppure questo tipo di informazione avrebbe un senso e un seguito. Noi non ci arrendiamo, la nostra Domenica Canchano è una delle due protagoniste del nuovo cortometraggio di ZaLab Italeñas e racconta la discriminazione incontrata nel suo percorso per essere riconosciuta direttrice responsabile di una testata italiana. Adesso sta provando a realizzare una rivista in Toscana che si chiamerà Prospettive: vogliamo capire se a Firenze verranno posti ostacoli come sono stati posti a Genova. E vorrei essere chiara: la nostra idea non è quella di divenire concorrenziali a prodotti come Corriere Immigrazione, ma di mettere in moto processi partecipativi e reti di relazioni di cui tutti potremmo far tesoro. Il caporedattore sarà Karim Metref, un altro giornalista che si sta affermando, per ora siamo un portale on line dei media multiculturali rivolti alle comunità straniere, e siamo sostenuti da Open Society".

Paula Baudet Vivanco, dopo le esperienze radiofoniche si è "specializzata" nelle questioni connesse all'immigrazione, soprattutto per quanto riguarda i figli di cittadini di origine straniera. Ha collaborato con Migra News e poi con Metropoli, il coraggioso dorso multietnico di Repubblica. Scrive per Terre di Mezzo e con altri ha lanciato la campagna Le parole lasciano impronte, per proporre un linguaggio diverso e più corretto quando si parla o si scrive di immigrazione.

L'esperienza dell'Ansi è rivolta molto anche ai giornalisti italiani, soprattutto a quelli che lavorano sulle testate più rilevanti. Giornalisti a cui offrire formazione per impedire che diventino, anche inconsapevolmente, veicolo di discriminazione razzista. "Parlando di questi temi è assolutamente necessario non accontentarsi delle fonti istituzionali. E se si cerca la realtà, si incontra anche un Paese all'altezza di una società che è cambiata. Se si investisse per promuovere questo cambiamento si potrebbe andare molto lontano".

"È cresciuta in Italia la parte "reale" dell'immigrazione, quella che più deve essere rappresentata e, per poterlo fare, occorre che nelle redazioni si lavori con gli "autoctoni" da colleghi, spalla a spalla".

 
Di Fabrizio (del 29/06/2013 @ 09:06:47, in media, visitato 1104 volte)

Pensavo qualche sera fa: se io fossi un qualche "zingaro", in Italia starei molto attento a dichiararmi. Perché, un qualsiasi autoctono (vicino di casa, collega di lavoro, ecc.), magari simpatico, magari aperto e democratico, se va bene mi guarderebbe strano, altrimenti si sentirebbe autorizzato a chiamare la polizia.

E' RAZZISTA quel vicino, quel collega, che è pure simpatico, aperto e democratico? NON NECESSARIAMENTE. Cioè: è perfettamente logico e normale: se tu italiano (simpatico, aperto e democratico) vieni educato sin da piccolo agli zingari che rapiscono bambini, rubano ecc. crescerai con questa convinzione. Non è razzismo: è una vera e propria SCUOLA.

    Sì, lo so che per voi la SCUOLA significa tutt'altro, ma ragioniamoci qualche volta: continuiamo a ripeterci (come per consolarci) che contro il razzismo occorre la cultura - NEI FATTI gli operatori culturali nei secoli sono stati sempre i più strenui difensori del razzismo.

Però, molti amici (anche loro simpatici, aperti e democratici) continuano a chiedermi la cosa più importante per loro, già sapendo in cuor loro la risposta: MA ALLORA, E' VERO CHE GLI ZINGARI RUBANO? Cosa volete che risponda? CERTO!!! COSA VI ASPETTATE DA CHI VIVE IN QUELLE CONDIZIONI? CHE FACCIANO GLI OPERATORI DI BORSA?

Ma, sia detto tra noi, il fatto che QUALCUNO DI LORO rubi, non mi ha mai disturbato più di tanto, ho buoni amici anche nella loro categoria e ORA non ho neanche più problema a lasciare a casa loro lo zaino, dimenticarmi qualcosa e poi ritrovarlo puntualmente; anche il ladro ha un suo onore. Perché IN ITALIA, il problema non è il rubare, ma saper convivere col furto.

Perché, sia detto tra noi, dopo cinquanta anni e passa che vivo nella bella penisola, non ho ancora capito se ci sono più indagati nel campo rom sotto casa o nella passata giunta regionale in Lombardia. E quando sento parlare male degli stranieri, noto che quando bevo il caffè nei bar gestiti dai cinesi, mi hanno sempre fatto lo scontrino, altrettanto non posso dire dei miei conterranei. In Italia, ruba l'antirazzista e ruba il leghista, ruba l'idraulico e ruba il grande manager. SBAGLIO?

Se torniamo alla SCUOLA di cui accennavo sopra, ci ha inculcato un altra nozione (una volta erano i media della destra ad occuparsene, ora direi che destra e sinistra fanno a gara): gli zingari rubano e sono persone sporche, brutte, che vivono in baracche e roulotte scassate. E il vicino, il collega, l'amico... per anni e anni si è educato a non vedere i furti dei suoi simili, delle persone a cui segretamente voleva assomigliare. O credete che l'aspirazione dell'Italiano medio sia vivere tra topi e macerie, senza acqua e soldi? Ecco perché scriveva Gianni Biondillo:

    Dio padre onnipotente, padrone delle nostre anime e protettore dell'Occidente, grazie di avere inventato gli zingari. Popolo inutile, inetto, nazione di servi, paria dell'umanità. Non ci hanno mai tradito, i nomadi, non ci hanno mai deluso. (I materiali del killer - Guanda)

Senza zingari, non avremmo NOI l'illusione di crederci migliori di qualcun altro. Soprattutto, dovremmo chiederci seriamente CHI RUBA? A CHI SI RUBA? PERCHE' SI RUBA?

    PS: è da un po' che ci ragionavo sopra, ma ho riordinato qualche pensiero dopo questa segnalazione di Barbara (redattrice di Mahalla, ndr). Di quella testata mi giunse un'altra segnalazione un mese fa: Zingari intercettati telefonicamente: "Venite in Italia, tutti rubano!!" L'articolo è del 2013, ma se fate qualche ricerca, troverete che l'intercettazione è di un po' di anni fa. Che senso ha riproporla PAROPARO se non quello a scopo di indottrinamento?
    Ma, ma... leggevo recentemente su Corriere Immigrazione, un articolo di Daniele Barbieri, su come certi errori (di traduzione, appunto) hanno rischiato di sfociare in tragedia. Stavolta, nessuna tragedia, però mi viene da chiedermi, quel TUTTI RUBANO dell'intercettazione di qualche anno fa, non potrebbe essere riferito al comportamento standard di buona parte dei nostri amati (e onestissimi a prescindere) compatrioti?
 
Di Fabrizio (del 25/06/2013 @ 09:05:54, in media, visitato 1188 volte)

Ricordate gli auguri di buone ferie di domenica scorsa? Il mio articolo è stato ripreso su uno dei blog di Paolo Teruzzi, col titolo:

MONZA: DOPO LA BELLA GITA A PREDAPPIO LAURA MARINARO ALL'ATTACCO DEGLI ZINGARI
LAURA MARINARO, GIORNALISTA DI RAZZA (ARIANA?)

Sempre tramite Teruzzi, vengo a conoscenza di questa risposta (a Teruzzi, non a me):

    Matteo Riccardo Speziali (direttore di MBNews online)
    Buonasera, se mi posso permettere le direi che semmai era più corretto dire che Longo ha quel tipo di "ascendenza" e non la giornalista visto che le dice lui quelle ipotesi di reato verso gli zingari. (E perchè non risponde a Longo attraverso MBnews con una lettera al giornale, crede che non gliela pubblichi? Si baglia!)
    P.S.
    Guardi che tra l'altro usa il logo di MB news in modo improprio. Lo levi, grazie.

Il logo l'ho tolto (ci mancherebbe una guerra per un logo), poi fate voi...

Comunque, per completezza d'informazione, su Facebook salta fuori anche questo:

    Alessandro Gerosa: Dopo l'articolo in cui strizzavano l'occhiolino anche troppo esplicitamente ai neofascisti che andavano a ricordare mussolini a Predappio, la stessa giornalista si esibisce in un articolo in cui si da spazio a commenti di stampo razzista e xenofobo contro i rom.
    Il fatto più preoccupante? Che le venga ancora dato spazio per scrivere.
 
Di Fabrizio (del 16/06/2013 @ 09:02:48, in media, visitato 1046 volte)

Da Roma_Daily_News

VICE-beta By Alon Aviram - Artur Conka fotografa i Rom poveri che ha lasciato

Artur Conka è uno dei pochi Rom che ha documentato la propria comunità da dietro l'obiettivo. Originario di Lunik IX (vedi qui, ndr), una delle più grandi e povere comunità della Slovacchia, la sua famiglia ha viaggiato attraverso l'Europa, prima di stabilirsi infine in Bretagna, quando Artur aveva otto anni. Anni dopo, fornito di una laurea in fotografia, Artur ha rivisitato la sua vecchia casa, per vedere com'era cambiata la vita di chi era rimasto.

Molte cose si sono rilevate cambiate. Al posto del luogo gioioso che aveva fatto da sfondo ai suoi anni d'infanzia, Artur ha tyrovato una comunità di 10.000 persone segregate razzialmente, che soffre al 99% di disoccupazione, disagio diffuso e abuso pervasivo di droghe. Una volta lì, ha girato un breve documentario sulla vita quotidiana a Lunik IX, che andrebbe visto.

L'ho chiamato per una chiacchierata.

Ciao, Artur. Dimmi un po' di te.
Sono nato a Lunik IX in Slovacchia, ma la mia famiglia se n'è andata quando avevo due o tre anni. Abbiamo viaggiato in tutta Europa per un po' e alla fine siamo arrivati in Inghilterra che avevo otto anni. Anche se ero molto giovane, ricordo molto di dove son nato. Penso che ciò mi abbia permesso di vedere chiaramente il modo in cui è cambiato, quando ci sono tornato la prima volta nel 2009.

E cosa è cambiato?
Molto. Mi ricordo che c'era molta tensione razziale, ma al tempo in cui ce ne andammo - all'inizio degli anni '90 - c'era ancora una specie di integrazione a Lunik IX tra Rom e Slovacchi. Ora gli Slovacchi se ne sono andati da Lunik IX e la situazione tra la comunità rom e le altre minoranze è lentamente deteriorata. Questo a causa della crisi economica, la caduta del comunismo, e la rivoluzione di velluto che ha avuto luogo dopo la scissione della Cecoslovacchia.

La segregazione sembra aver spinto i Rom in una situazione dove non possono permettersi il cibo, l'alloggio e altre necessità di base. E' ciò che succede quando si stigmatizza un popolo, quando lo si taglia dalla società. Senza un'adeguata istruzione e le altre necessità, la gente non sviluppa le competenze di cui ha bisogno per sopravvivere nel mondo d'oggi, e tutto ciò alimenta il pregiudizio e l'odio razziale tra gli Slovacchi. Tornare è stato sicuramente uno schock.



Il tuo caso è unico, sei uno dei pochi fotografi rom che si impegna nel suo lavoro con la propria comunità. Questo progetto cambia in qualche modo la tua prospettiva sui Rom?
Sì, sicuramente. Crescere in un determinato sistema d'istruzione, lavorando in un altro paese - non importa se è quello da cui provieni - inavvertitamente cambia il tuo punto di vista. Cambia tutto guardando da dietro l'obiettivo. Qualcuno guarderà al mio lavoro dicendo che è molto di parte, propagandistico, o troppo empatico verso la comunità rom. Ma quella per me è la realtà - non puoi nasconderla o spingerla sotto il tappeto.

Nel tuo documentario hai catturato alcuni simpatici momenti abbastanza intimi. Come hanno reagito i residenti di Lunik IX quando li riprendevi?
Quando sono arrivato la prima volta è stato difficile, perché la gente non mi riconosceva. Quando ho accennato con chi ero imparentato, mi hanno mostrato rispetto, specialmente perché ero nato lì. E la generazione più vecchia conosceva mia madre e mio padre. Il film comprende anche alcuni membri della mia famiglia. Posso garantire che se fossi stato un non-Rom non avrei ottenuto la stessa apertura. Credo che sarei stato cacciato dalla comunità.

Per te, com'era una tipica giornata a Lunik IX?
Ci arrivai a marzo e si congelava. A Lunik IX non esiste gas o riscaldamento centralizzato, e l'acqua viene fornita solo due volte al giorno. Questo significa che la mattina devi prendere dei contenitori per l'acqua da un amico che ha lavorato nell'idraulica. Poi si esce in cerca di legna o qualsiasi altra cosa che bruci, da usare come riscaldamento. La legna si usa anche per cucinare. [...] La gente cerca di trovare un lavoro, ma la segregazione rende la cosa difficile.

Se vai nella città più vicina, Kosice (la seconda città della Slovacchia) troverai negozi esclusivi. Poi prendi l'autobus per Lunik IX ed in 20 minuti sei in un mondo differente. L'odore di fogna e dei rifiuti ti colpisce immediatamente.

E riguardo alle disposizioni statali, cosa si può fare?
Difficile da dire. Le famiglie ottengono sovvenzioni, come il sostegno al reddito. D'altra parte, a causa dell'economia e della recessione, i prezzi sono lievitati. E' dura per una famiglia con quattro bambini sopravvivere per un mese di soli sussidi, perché il cibo costa molto caro. L'istruzione, le scuole sono segregate. Slovacchi e Rom non vogliono condividere le stesse classi o i parchi giochi. E'come tornare ai tempi della segregazione razziale in America. I non-Rom sono cresciuti con questa paura e l'idea che i Rom siano esseri umani orribili, e viceversa.

Quindi, data l'enorme quantità di disoccupazione nella comunità ed il fatto che le sovvenzioni statali non bastano, come sopravvive la gente?
La gente guadagna con la vendita di rottami metallici, furto ed elemosine. O prendono benefici dal governo. Si vive col minimo indispensabile.

Ci sono problemi di droga?
Sì. C'è un grande problema con la droga. Vivere in condizioni così orribile può solo portare alle droghe come un tentativo di soluzione. Molti acquirenti sono bambini - letteralmente di cinque o sei anni. Ho visto bambini e adulti ubriacarsi assieme.

Immagino che condizioni simili portino anche molte tensioni domestiche. L'abuso domestico è una questione importante?
Sì, lo è. Stavo filmando in questa casa e il marito della donna è tornato veramente ubriaco e ha cominciato un diverbio. Ha iniziato a colpirla e schiaffeggiarla di fronte a me. Inoltre, sembra ci sia parecchio traffico del sesso in tutta la Slovacchia e in particolare a Lunik IX.



Vengono trafficanti del sesso a Lunik IX?
Sì. E alcuni di loro persuadono le giovani rom ad andare all'estero, con l'illusione che la vita sarà migliore, così finiscono in schiavitù.

Cosa speri di ottenere con questo progetto?
Devo ritornare qualcosa ed è per questo che ci sto dando da lavorando. Il fatto è che quando finisci in povertà, pensi che la vita sia così. Non ti rendi conto che fuori c'è una classe media in espansione. Ho alcuni ricordi molto felici della mia infanzia, ma ricordo anche le cose brutte. Ricordo mia madre assalita per motivi razziali. Ricordo che una volta non ci servirono al ristorante, a causa del colore della pelle. Per queste esperienze sento di dover dare una voce ai Rom. E per me l'unica via è attraverso la fotografia ed il cinema.

 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


23/01/2020 @ 00:26:04
script eseguito in 62 ms

 

Immagine
 Il gruppo Dhoad Gipsy del Rajasthan... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 1223 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< gennaio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
15/01/2020 @ 10:21:54
Di ANNA
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
14/01/2020 @ 08:31:24
Di ANNA
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source