Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Gli Zingari fanno ancora paura?

La redazione
-

Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 21/02/2014 @ 09:02:08, in media, visitato 1217 volte)

Di SANREMONEWS me ne ero occupato un paio di anni fa, per un articolo francamente stupido e scorretto. Ci furono altri articoli di quella testata sullo stesso tono, ma mi ero stancato di segnalarli, non sono un Osservatorio, non ancora... ; - ) Ieri uno dei soliti lettori di quel portale ha scritto cose intelligenti e (a parte qualche piccola caduta di stile) quasi condivisibili. Visto che non mi piacciono le guerre, riporto integralmente il suo scritto:

Sanremo: bivacco e pic-nic sul nuovo prato di Santa Tecla, il commento di un nostro lettore

Un nostro lettore, Francesco Rossi, ci ha scritto per commentare il nostro articolo sui clochard oggi presenti sul prato di fronte a Santa Tecla:

"Ho letto giusto ieri una mail di protesta e quest'oggi l'articolo che documenta il pic nic di un gruppo di zingari sul nuovissimo prato di santa Tecla. Dato per scontato che eventuali deiezioni canine non raccolte dai rispettivi padroni,sporcizia e resti alimentari lasciati da zingari e non, bivacchi di clochard,ecc ecc sono fatti di inciviltà, nonchè reati che vanno repressi e puniti dalle forze dell'ordine preposte (non solo alle contravvenzioni delle auto in divieto...), mi chiedo a cosa dovrebbe servire un prato se non a calpestarlo, poterne cioè usufruire in modo civile. Già tutta Sanremo, che pure è dotata di parecchi parchi e giardini che costano centinaia di migliaia di euro di manutenzione, è ben poco godibile visto che ogni angolo di verde è recintato ed interdetto a tutto (a parte la vista), e solo San Romolo è dotata di un ampio prato su cui bambini, adulti ed animali possono giocare e rilassarsi. Mi sembra insomma che il problema, se esiste, è solo quello della mancanza di senso civico di alcuni cittadini (che non rispettano il bene comune) e dei tanti clochard, zingari e clandestini vari (che non rispettano niente e nessuno). Un prato, un parco, uno spazio aperto DEVE essere fruibile, e deve essere tenuto pulito, rispettato insomma. Sennò mettete una bella recinzione alta 3 metri, il prato rimarrà bello! Ed inutile".

 
Di Fabrizio (del 14/02/2014 @ 09:07:59, in media, visitato 1107 volte)

Posted on Feb 6, 2014

Questa è la posizione di Valery Novoselsky, direttore esecutivo di uno dei più grandi network dedicato a pubblicare informazioni sulle questioni rom. Le notizie pubblicate non sono solo per un pubblico rom, ma anche per i non-Rom, soprattutto quanti sostengono le comunità romanì e che lavorano per e con loro.

C'è dibattito sulle questioni rom?

Sì, in modo regolare, ma non intensivo, sui link relativi a Roma Buzz Monitor, che è una parte del Roma Virtual Network. Da aprile 2010 una volta alla settimana io o qualcuno degli abbonati ai canali del Roma Virtual Network poniamo domande su questioni riguardanti la situazione attuale dei Rom. Prima del giugno scorso erano postate su http://debatewise.org ma da allora appaiono regolarmente su http://romadebates.wordpress.com e una dozzina di liste di Roma Virtual Network e gruppi rom su Facebook. I dibattiti si svolgono soprattutto su Facebook, in alcuni casi sono davvero "caldi", soprattutto riguardo le deportazioni dei Rom da Francia, Italia e Germania. Controllo comunque che non diventino offensivi o provocatori.

Ci sono stati alcuni cambiamenti a seguito di questi dibattiti?

Ha detto la parola esatta: "alcuni". Sì, ci sono cambiamenti, quando la gente nel corso della discussione diventa più istruita. Più fatti e mente più aperta modificano il punto di vista di gente dal carattere molto radicale. Così si rendono conto che dovrebbero conoscere i fatti e individuare i veri co-pensatori prima di lanciare campagne sociali.

Quanto sono importanti le informazioni sulle questioni rom?

Per i Rom sono sicuramente importanti sotto tutti gli aspetti. Non soltanto musica o aiuto sociale, anche possibilità di iscrizione ai programmi MA e PhD, o sul supporto logistico alle imprese, sulla Roma Police Union, ecc. Tutte queste notizie sono importanti anche per i non-rom, che hanno un buon rapporto con i Rom, quanti lavorano con loro nei medesimi progetti, o semplicemente chi è preoccupato per il benessere e la tolleranza della società civile. Informazioni attentamente selezionate e moderate su varie questioni rom sono postate su diversi nodi elettronici del Roma Virtual Network dal luglio 1999, aiutano tuttora migliaia di persone nell'apprendere sulle questioni rom, sulle opportunità offerte ai Rom e agli eventi legati alla storia, alla cultura e al miglioramento della situazione dei Rom in tutto il globo.

Qual è il tuo gruppo-target? Come arrivano le informazioni alle comunità rom? E, viceversa - alle istituzioni e ai decisori politici?

In breve: a Rom e pro-Rom. Indipendentemente dalla collocazione geografica o anagrafica. A quanti sono interessati alla politica, alla letteratura, alla difesa dei diritti umani, alla lingua, alla storia, alla prevenzione dei crimini di odio razziale, al business e ai progetti educativi. Molti Rom già accedono a Internet e Roma Virtual Network è già presente in diversi social network. Non soltanto su Yahoo e nelle sue mailing list, dove conta oltre 11.000 abbonati (singoli o associazioni). Ci sono anche 7.000 contatti su Facebook e 1.300 connessioni dirette su Linkedin. E un account su Twitter aggiornato regolarmente.
In termini tecnici anche le istituzioni e i decisori politici sono collegate a Roma Virtual Network. C'è il principio di uguaglianza nella raccolta delle informazioni pubblicate dalle varie fonti informative. Io col comitato di redazione del RVN rispettiamo quel principio. Facciamo del nostro meglio per far circolare le informazioni più accurate sugli eventi e le notizie relative alle comunità rom, a livello locale, nazionale e internazionale. L'accuratezza è più importante della velocità e spesso lo è anche del diritto d'informazione. Ci sforziamo di essere onesti e di mentalità aperta, di riflettere tutte le dichiarazioni significative di opinioni differenti, esplorando la gamma e il conflitto delle opinioni. Forniamo anche ugualmente notizie e opinioni dalle diverse sezioni delle comunità rom. RVN è aperto alle critiche costruttive e ai contributi che possano portare a un migliore servizio per Rom e non-Rom, a chi vuole imparare di più sulle questioni rom e contribuire al processo dell'emancipazione e dell'integrazione romanì nel mondo contemporaneo.


Suggerimenti di lettura:

Con un brano di Valery Novoselsky inedito per l'Italia

Rom e Sinti al tempo della rete

 
Di Fabrizio (del 05/02/2014 @ 09:01:10, in media, visitato 1486 volte)

La foto è riportata su Giornalettismo, che la attribuisce al Tempo. Un vero capolavoro artistico e di satira, il sindaco capitolino vestito da romnì! Non fosse che in passato s'è sentito e visto di molto peggio, e ultimamente la lotta politica si svolge secondo le regole del wrestling,

Vignetta a parte, è interessante anche il testo: Per dare ristoro agli alluvionati li sistema insieme agli zingari. A parte che se fossi un alluvionato, la cosa non mi scandalizzerebbe più di tanto (ma è un giudizio personale), da quell'ignorante che sono non capisco il collegamento tra "dare ristoro agli alluvionati" e "Marino sindaco di Rom". Forse, per essere sindaco di "non Rom" avrebbe dovuto lasciare (Rom e non-Rom) sotto l'acqua?

Misteri della politica!

Credo che la domanda se la siano posta anche nella redazione del Tempo, perché indecisi se avessero scritto qualche grossa stronzata, piuttosto che ammetterlo provano a insistere nella loro opera di convincimento con un secondo articolo: Marino sistema gli sfollati dai rom

Stavolta il giornalista fa un ragionamento più articolato, di cui continuo a non capire la logica, ma inizio a capire a chi si rivolge: quei lettori convinti che "meglio sfollati che zingari". Non ha neanche bisogno di parlare male degli zingari, lo si fa già tutti i giorni: si usano i tanti odiati zingari come arma contro un avversario politico, con un evento di sfondo, l'allagamento, che sta mettendo in ginocchio tutta la città, rom e no.

Leggendo l'articolo, c'è qualcuno che si lamenta di questa convivenza (saranno casi singoli? Un sentimento diffuso? Non possiamo saperlo), c'è l'assessore che tenta di giustificarsi, la consigliera che parte all'attacco. Tutto abbastanza scontato. E poi c'è un albergo con i letti caldi e le colazioni e, credetemi, tutto ciò sta diventando un sogno anche per molti di noi non-rom.

Vorrei dire a chi si lamenta di questa convivenza forzata, che ha avuto la grande fortuna che è mancata a noi "buonisti da trincea": conoscere i Rom senza doverne condividere le miserevoli condizioni in cui spesso sopravvivono. E anche di essere scampati ad una piena che li avrebbe portati in un REALITY SHOW che per molti Rom è realtà quotidiana. AVETE AVUTO QUESTA FORTUNA, SFRUTTATELA!

E può darsi che in queste condizioni, date da un evento eccezionale, non ci si inizi a conoscere.

 
Di Fabrizio (del 30/01/2014 @ 09:00:02, in media, visitato 1115 volte)

Cronache che di ordinario razzismo

"Cosa pensi di quelli che rubano? Come si fa a imparare a non rubare?". Lo chiede il giornalista Paolo Griseri a un bambino, in un'intervista video pubblicata su La Repubblica. E ancora: "Hai già incontrato dei poliziotti? Che tipi sono?".

Il bambino ha scritto una lettera a una delle sue insegnanti, raccontando quali lavori vorrebbe fare da grande. "Il maestro, il poliziotto", come tantissimi bambini.

Tra le altre cose, ha scritto che vorrebbe imparare "a non rubare". Da qui la scelta di Griseri di recarsi presso il campo rom dove vive, almeno "fino a che non arriva la macchina che spacca tutto" come specifica il bambino.

Troviamo particolare la scelta di sottoporre queste domande a un minore: gli si chiede "cosa rubano" le persone che vivono nel campo, "come si fa". Gli si chiede "cosa vengono a fare i poliziotti" a casa sua.

"Vuoi trovare un lavoro per evitare di fare questo", afferma Griseri, riferendosi ai furti.

Il bambino frequenta le elementari: deve davvero già pensare alla ricerca di lavoro, per evitare di incappare in un destino che, dall'intervista, appare segnato?

Forse il video voleva presentare un possibile modello di ‘inserimento sociale'. Ma ci sembra che veicoli piuttosto stereotipi e pregiudizi, già dal titolo: Il sogno del bambino rom: ‘Voglio imparare a non rubare'.

Qui il video.

 
Di Fabrizio (del 11/01/2014 @ 09:02:27, in media, visitato 1070 volte)

Sergio Bontempelli - 6 gennaio 2014 su Corriere delle migrazioni Si ringrazia l'amico Arcomanno Paone per la segnalazione

Shutka è il nome di una delle dieci municipalità di Skopje, capitale della Macedonia. Ha poco più di quindicimila anime, e una caratteristica unica al mondo: i suoi abitanti sono in grandissima maggioranza rom (il 76,7% secondo il censimento del 2002). E in effetti a Shutka (nota anche col nome di Shuto Orizari) la lingua maggioritaria - riconosciuta come idioma delle comunicazioni ufficiali - è il romanì. Un caso davvero unico, raccontato un anno fa in un notevole reportage di Andrea Mochi Sismondi.

Molti abitanti di Shutka sono emigrati all'estero. Intere famiglie, soprattutto negli anni ‘90, si sono trasferite in Italia: oggi abitano nei "campi nomadi" che punteggiano le città piccole e grandi del Belpaese, o vivono in alloggi propri. Altri gruppi sono andati a lavorare in Germania e in Francia: come sempre accade nelle storie degli emigranti, qualcuno ha fatto fortuna, qualcuno è riuscito a fare una vita dignitosa, qualcuno è finito nei circuiti dell'emarginazione abitativa e sociale.

E proprio da Shutka viene Andrijano Dzeladin, 33 anni, tredici dei quali trascorsi a Parigi da emigrato. Per mantenersi ha fatto di tutto: è stato venditore di tappeti, cameriere, poi ha lavorato in un albergo, come coordinatore del personale di servizio. Tanto per smentire lo stereotipo del rom eterno abitatore di campi e baraccopoli, Dzeladin ha sempre vissuto in case "vere", in muratura.

Negli anni è riuscito a mettere da parte un po' di risparmi, che poi ha deciso di investire in un'impresa originale: un'emittente televisiva "rom al 100%", che trasmette in Francia usando la lingua romanì. L'iniziativa, nata nel 2010, ha avuto proprio in questi giorni l'onore di finire su un blog di Le Monde.

"Il debutto della "sua" televisione" - si legge nel sito del prestigioso quotidiano transalpino, "risale al 2010, al giorno in cui ha assistito allo smantellamento di un campo rom proprio sotto le sue finestre. Dzeladin abitava già nella regione di Parigi e il caso ha voluto che lui, Rom di Macedonia, si trovasse vicino alla povertà da cui era fuggito dieci anni prima. A farlo reagire non è stato lo sgombero in sé, ma il modo in cui questo venne raccontato dai media: "Ancora una volta, veniva proposto un ritratto molto semplicistico dei rom", lamenta. Dzeladin era già da tempo impegnato nella difesa della sua comunità. Ma quella volta decise di investire tutti i suoi risparmi nel lancio della Tv".

L'emittente si chiama Shutka City Tv, e prende il nome dalla città natale di Dzeladin. Trasmette programmi culturali, culinari e musicali, e ha un proprio sito internet con 120.000 accessi giornalieri: il tutto, rigorosamente in lingua romanì. Il programma di punta è un talk show quotidiano, dove lo stesso Andrijano Dzeladin riceve le chiamate degli spettatori e dialoga con loro degli argomenti più disparati.

La gestione dell'emittente è molto artigianale, e ha una dimensione quasi familiare. Dzeladin fa un po' di tutto: si occupa della regia, cura l'amministrazione, risponde al telefono e fa il presentatore. Gli altri protagonisti di questa esperienza provengono dalla sua cerchia ristretta: Le rêve des enfants (Il sogno dei bambini), una trasmissione dedicata ai giovani, è condotta dal figlio quattordicenne, mentre lo zio cura un programma sulla cultura rom, Traditions chez les Roms.

L'obiettivo dell'intraprendente Dzeladin è quello di proporre un'altra immagine dei rom. Per i francesi - come per gli italiani - gli "zingari" sono un popolo confinato nei campi e nelle baraccopoli, dedito esclusivamente al furto, all'accattonaggio e alla "microcriminalità". E invece, spiega lo stesso Dzeladin al blog di Le Monde, "c'è una maggioranza di rom che rimane invisibile, e che spesso deve nascondere le sue origini per non essere vittima di stigmatizzazione". Molti tra coloro che telefonano alla sua trasmissione, ad esempio, sono medici, avvocati, insegnanti rom.

Shutka City Tv vuole dar voce al mondo rom, proponendo ai francesi un'immagine diversa del proprio popolo, lontana dagli stereotipi e dai pregiudizi. L'obiettivo è quello di ritrovare "l'orgoglio di essere rom", e di risvegliarlo non solo nelle comunità emigrate in Francia, ma - possibilmente - anche nei 15 milioni di persone che compongono questa minoranza in Europa.


da scaricare per i lettori di Mahalla, un articolo del 2003 dalla rivista Millecanali

 
Di Fabrizio (del 06/12/2013 @ 09:07:52, in media, visitato 971 volte)

Elmas Arus, regista turca di origine rom, insignita del premio Raoul Wallenberg - 02/12/2013, da Consiglio d'Europa

Strasburgo, 02.12.2013 - La giuria del premio Raoul Wallenberg - Consiglio d'Europa ha assegnato per la prima volta il premio a Elmas Arus, giovane regista rom della Turchia. Il premio 2014 riconosce l'eccezionale contributo di Arus nel sensibilizzare sulle condizioni dei Rom in Turchia e altrove. Ha cercato di migliorare la loro situazione, particolarmente quella delle donne, e di portare la discriminazione nei loro confronti alla ribalta del dibattito politico.

"Il duro lavoro portato avanti da Elmas Arus, con coraggio e perseveranza, è un contributo realmente impressionante alla lotta contro i pregiudizi radicati a fondo e le discriminazioni sofferte dal popolo rom in tutto il nostro continente," ha detto il segretario generale Thorbjoern Jagland, annunciando la decisione della giuria.

Tra il 2001 e il 2010, Arus con un gruppo di volontari della sua università ha visitato oltre 400 insediamenti rom in 38 città turche. Hanno prodotto 360 ore di documentazione, e creato un documentario di un'ora sulle sfide dei differenti gruppi rom in Turchia. Successivamente, Arus ha fondato l'organizzazione Zero Discriminazione, che ha aperto la strada ad altri gruppi simili, ora in Turchia ci sono oltre 200 associazioni rom. Il suo lavoro ha giocato un ruolo cruciale nell'elaborazione nel 2009 della politica di "Apertura ai Rom" del governo turco.

La cerimonia di assegnazione del premio - che ammonta a 10.000 euro - avrà luogo il 17 gennaio 2014 alla sede del Consiglio d'Europa a Strasburgo.

Sito di Zero Discrimination Organisation (in turco)

 
Di Fabrizio (del 18/11/2013 @ 09:05:30, in media, visitato 1079 volte)

By Ivan Ivanov - 6th November 2013

Ivan Ivanov spiega perché il "resocontare responsabile" è così essenziale nel cambiare le opinioni e gli atteggiamenti verso i Rom

La recente copertura mediatica sul caso di una bambina greca ritrovata in un campo rom in Grecia, ha sollevato la consapevolezza che ci sono "angeli biondi" anche tra i Rom. Ciò contrasta con il ritratto fin troppo stereotipata e dannoso dei Rom come "diavoli scuri". Rimuovere la sola bambina bionda dalla famiglia rom con altri 14 figli di pelle più scura, è la dimostrazione che lo stereotipo dei "Rom che rubano i bambini ai non-rom" è tuttora vivo nella testa della gente. Voce smentita dato che la bambina è di origine romanì. L'altro stereotipo generato dalle autorità e dai media è che i Rom siano "trafficanti d'infanzia". Anche questo teorema è stato smontato, dato che la bambina bionda è stata informalmente adottata da una famiglia molto povera della Grecia con 14 bambini, da un'altra famiglia povera della Bulgaria con 10 figli.

Un'azione così ben combinata da parte di alcuni media e politici anti-rom, ha un forte impatto negativo in un momento in cui i sentimenti anti-rom in Europa sono in crescita. L'impatto della recente isteria mediatica è profondamente preoccupante in quanto riproduce miti e stereotipi negativi sui Rom, rinforzando pregiudizi che possono incitare al razzismo e alla discriminazione contro queste comunità. Resoconti parziali e bigotti possono avere dure conseguenze sulla vita quotidiana delle comunità rom in tutta Europa ed indebolire qualsiasi sforzo della società civile, del mondo accademico e di alcune istituzioni nel promuovere un'identità ed un'immagine rom che sia differente e maggiormente positiva. Purtroppo, il giornalismo sensazionalista e di parte vende più della cronaca etica e responsabile, libera da stereotipi e pregiudizi.

Il caso della bambina rom bionda ritrovata in una famiglia rom mi da speranza. Questo caso è un chiaro esempio della forza dei media e della loro rapida influenza nella società. Perché non lavoriamo assieme per redirigere il potere dei media verso un cambiamento progressivo, utile a combattere i pregiudizi e gli stereotipi anti-rom, invece che ad incitarli? Dato che altri canali e strumenti non sembrano funzionare o essere così efficaci, perché non adoperare l'influenza dei media per cambiare opinioni e atteggiamenti della gente? So che questo genere di media non vende, ma lo spero comunque.

Ivan Ivanov è direttore esecutivo dell'European Roma Information Office

 
Di Fabrizio (del 17/11/2013 @ 09:03:54, in media, visitato 945 volte)

A cura di AMISnet - 15 novembre 2013

"Noi apparteniamo al mondo, questo è secondo me un lato molto bello della nostra cultura. Noi non diciamo questo è mio, quest"altro pure. Noi non abbiamo niente la nostra cultura è libertà." Marinela Constantin, attivista Rom

Due anni fa veniva approvata la strategia nazionale d"inclusione di rom sinti e camminati che avrebbe dovuto favorire un cambio di rotta nelle politiche d"inserimento sociale di queste minoranze. Il tempo passato è tanto ma dell"applicazione di tale piano, imposto dall"Europa e recepito in ritardo dall"Italia, non se n"è fatto niente.
A livello locale i danni sono ancora più gravi. A Roma dove il destrorso Gianni Alemanno è stato sostituito dal sindaco democratico Ignazio Marino, gli sgomberi dei campi sono continuati con le stesse procedure superficiali della gestione precedente e le associazioni nazionali e internazionali non smettono di farlo presente.
In un panorama altrimenti buio è nato e si è sviluppato il progetto fuochi attivi rivolto ai giovani rom di tutta italia.
L"obiettivo è trasformare questi ragazzi in comunicatori professionisti che possano un giorno portare avanti le rivendicazioni e le aspirazioni di una minoranza da troppo tempo emarginata e messa sotto silenzio.

Ospiti della puntata:

Passpartù:

  • In redazione questa settimana: Andrea Cocco, Marzia Coronati
  • Passpartù, la radio a porte aperte è un programma a cura di Marco Stefanelli
  • Per notizie, suggerimenti e commenti scriveteci a: passpartuitalia@gmail.com
 
Di Fabrizio (del 08/11/2013 @ 09:02:54, in media, visitato 1070 volte)

Un anno contro l'antiziganismo - Sfoglia il calendario --- Acquista il calendario

Martedì, 22 ottobre, 2013 - Talvolta basta un incontro, uno sguardo, una parola per abbattere le spesse barriere che ci separano fisicamente e idealmente dalle famiglie rom che abitano le periferie delle nostre città.

Il Calendario 2014 "Un anno contro l'antiziganismo" ci aiuta, con gli scatti di Davide Bozzalla e la poesia di Paul Polansky, a combattere, mese dopo mese, l'antiziganismo che abbiamo ereditato dalla storia, che scorre nelle vene della società e che ne condiziona i pensieri, alimentando stereotipi e pregiudizi diffusi.

  • Acquista il Calendario 2014 dell'Associazione 21 luglio e trascorri con noi dodici mesi all'insegna dei diritti umani!

Il ricavato della vendita servirà a finanziare la ristrutturazione e le attività del Theatre Roma (Teatro Rom) di Shuto Orizari, quartiere alla periferia di Skopje, in Macedonia, e unica municipalità rom al mondo.

Riconosciuto ufficialmente nel 2000, il teatro debutta con Dog Years di Günter Grass, spettacolo teatrale pluripremiato messo in scena nel 2001 a Stenkovec 2 e Dare Bombol, campi profughi per rifugiati rom ai confini con il Kosovo. Un teatro di impegno civile che attraverso la promozione della cultura e della lingua romanes intende "parlare dei rom parlando dell'uomo".

Pratica teatrale autofinanziata e forma di resistenza culturale in direzione ostinata e contraria, verso il sogno di un Teatro Nazionale Rom. Nel 2009 l'incontro fra la comunità di Shuto Orizari, il Theatre Roma e la compagnia italiana Teatrino Clandestino porterà in scena il progetto OpenOption, esperienza umana e teatrale raccolta in Confini Diamanti. Viaggio ai Margini d'Europa, ospiti dei rom, reportage narrativo di Andrea Mochi Sismondi.

Da oltre due anni, tutte le attività sono ferme per mancanza di fondi. Insieme potremo far sì che il Theatre Roma torni a vivere e continui a esercitare la sua necessaria funzione civile, culturale e sociale! GUARDA LE FOTO DEL TEATRO (COM'ERA PRIMA E COM'È OGGI)

  • DONAZIONI MINIME:

1 calendario: 7 euro, con consegna a mano
1 calendario 10 euro, con spedizione postale

5 calendari: 30 euro, con consegna a mano
5 calendari: 40 euro, con spedizione postale

10 calendari: 50 euro, con consegna a mano
10 calendari: 70 euro, con spedizione postale

Puoi scaricare una versione digitale in pdf del calendario a 3,5 euro su LULU.com

  • COME ACQUISTARE IL CALENDARIO:

Invia una email a segreteria@21luglio.org, specifica il numero di calendari richiesti e i dati per la consegna postale (nome, cognome, indirizzo). Oppure, se sei a Roma, ti consegneremo il calendario direttamente di persona!

Per effettuare il pagamento, puoi utilizzare le seguenti modalità:

Bollettino postale al conto n. 3589968 intestato ad Associazione 21 luglio;
Paypal


La libreria di MAHALLA

 
Di Fabrizio (del 04/11/2013 @ 09:08:47, in media, visitato 1084 volte)

di Cinzia Gubbini su Cronache di ordinario razzismo

La giovane rom espulsa dalla Francia verso il Kosovo durante una gita scolastica in Francia ha scatenato un aspro dibattito politico sulle leggi sull'immigrazione. In Italia ci concentriamo sui reati del padre della ragazza e sulla "cultura rom"

Léonarda Dibrani ha 15 anni, e la sua è una storia che ha fatto il giro del mondo. Nella Francia socialista, dove mai si era assistito a una cosa del genere nei due mandati del presidente Sarkozy, la giovane rom la cui famiglia è originaria del Kosovo, è stata prelevata dal bus della scuola mentre era in gita scolastica con i suoi compagni. Da lì è stata portata direttamente in aeroporto per essere espulsa con sua madre e i suoi cinque fratelli. Il padre era già stato rimpatriato a Mitrovica. In Francia la storia è diventata un affare di Stato. Il presidente Hollande è intervenuto in televisione per lanciare un messaggio alla nazione: l'espulsione di Léonarda ha rispettato la legge, ma la polizia ha agito "senza discernimento". Per questo il presidente ha proposto a Léonarda di tornare in Francia per continuare i suoi studi. Ma senza la famiglia. Altro "inciampo" del governo socialista che ha scatenato una nuova esplosione di polemiche. Il ministro dell'Interno Valls ha inoltre diramato una circolare in cui vieta di intervenire nel "quadro scolastico" per effettuare delle espulsioni.

La storia di Léonarda
La ragazza rom e la sua famiglia hanno fatto per quattro volte (c'è chi dice sette) domanda di asilo in Francia. Si sono stabiliti lì il 29 gennaio del 2009 nel Comune di Levier, vicino al confine svizzero. Secondo quanto raccontato dal padre di Léonarda venivano dall'Italia. La stessa ragazza era nata in Italia, a Fano, mentre l'ultima della famiglia, una bambina di un anno, è nata in Francia. Ma il padre, Resat Dibrani, 47 anni, ha spiegato di aver distrutto tutti i documenti italiani e raccontato che la famiglia arrivava dal Kosovo - dove lui è nato - sperando di avere qualche possibilità di ottenere asilo. "Se avessi detto che venivo dall'Italia mi avrebbero immediatamente rimandato indietro", ha spiegato. La famiglia Dabrani invece vuole vivere in Francia. E che siano intenzionati a fare sul serio lo dimostra il fatto che i figli vanno tutti a scuola, sono ben integrati, parlano perfettamente francese tanto che le due ragazze più grandi sono in possesso dei requisiti di lingua e conoscenza della cultura francese inseriti da Sarkozy per ottenere la naturalizzazione.

Tutto però finisce quando il padre viene arrestato per mancanza di documenti a Colmar, in Alsazia. Lui viene rinchiuso in un centro di detenzione a Strasburgo. La sua famiglia viene messa in una casa di accoglienza, in ottemperanza alla legge che prevede il divieto di "trattenere" i minori, dove tentano la regolarizzazione in base alla circolare Valls del 2012 (di cui parleremo più avanti). Il 9 ottobre, all'improvviso, la polizia si presenta alle 7 di mattina alla porta della famiglia Dibrani. Solo Léonarda non c'è: ha dormito da una amica - ora che da due mesi è costretta a vivere nel centro di accoglienza- in modo da essere puntuale alla partenza per la gita scolastica, che prevede la visita a una officina della Peugeot. La prefettura rinuncia? Neanche per idea: uno dei professori viene raggiunto sull'autobus da una telefonata del sindaco: l'autobus si deve fermare perché una volante della polizia sta per andare a prendere Léonarda per eseguire l'espulsione. Si può immaginare il panico: il professore dice di non poter fare una cosa del genere, ma a fargli cambiare idea ci pensa la polizia. Nella lettera dei professori viene descritta molto bene quella giornata.

In Francia, e in Italia
La vicenda ha scatenato un putiferio quando gli studenti sono scesi in piazza per protestare contro questa espulsione. C'è stata una vera e propria rivolta dei ragazzi. Viene da chiedersi se in Italia sarebbe mai avvenuta una cosa del genere. E forse è interessante leggere la storia di Léonarda analizzando come è stata affrontata in Francia, e come è stata affrontata in Italia. Il dibattito in Francia ha riguardato soprattutto (e quasi esclusivamente) la legge che ha portato alla espulsione della famiglia Dibrani. Quando è stato eletto il nuovo governo, si è subito posto il problema se fare o no una regolarizzazione ("tradizione" presto abbandonata dall'Italia). La risposta è stata sì ed è stata emanata la circolare Valls che prevede la possibilità per le persone irregolari soggiornanti da almeno cinque anni in Francia di presentare richiesta di permesso di soggiorno. E' stata molto criticata, perché prevede un esame individuale assegnato alle prefetture, il che rende molto discrezionale la sua applicazione. Ma leggerla è comunque interessante, soprattutto per fare un paragone con l'Italia, per l'approccio che propone sottolineando le storie di sfruttamento sessuale, presenza di minori scolarizzati, e così via. Ma aldilà di questo, la questione è che permane un elemento di "temporalità" che ha escluso a priori casi come quelli della famiglia Dibrani. Che aveva tutte le caratteristiche previste nella circolare, solo che mancavano pochi mesi al compimento del quinto anno su suolo francese. Il che ha obbligato Hollande a sostenere che l'espulsione era stata eseguita "secondo la legge".

Secondo aspetto: la reazione della "comunità". Come abbiamo visto i professori e la scuola hanno preso parola, scritto una lettera pubblica e apertamente condannato l'espulsione, anche se in linea con la legge del governo socialista. Gli studenti sono scesi in strada, protestando contro l'espulsione violenta di una minorenne e della sua famiglia. Una famiglia rom. Sarebbe mai accaduto in Italia? Il tutto in un contesto di forte spaccatura visto che secondo un sondaggio tre francesi su quattro sono d'accordo con la decisione di espellere la famiglia Dibrani.

La stampa italiana
E veniamo all'Italia. Dopo le prime notizie che hanno reso conto di quanto accaduto, e delle conseguenze di questa storia sulla calante popolarità di Hollande ecco cominciare i reportage. Anche i giornalisti italiani, come i giornalisti di molti paesi, si sono recati a Mitrovica per intervistare la famiglia Dibrani. Leggere questi articoli è interessante: sembra esista una specie di "lente italiana" di cui i giornalisti italiani non riescono a disfarsi quando devono osservare una famiglia rom. Persino una famiglia espulsa da un altro paese, in tutt'altro contesto, completamente estraneo alla politica italiana. Ad esempio: Francesco Battistini che tiene un blog sul Corriere della Sera dal titolo "La città nuova", dedicata ai temi interculturali, descrive un quadro in cui il papà - noto come una persona violenta - è il cattivone (qui l'articolo). I bambini più piccoli sono "gattini", molto contenti di vivere in una catapecchia kosovara "perché c'è il sole". Il loro entusiasmo rovinerebbe il "copione mediatico" messo in piedi dal papà rom violento, che invece vuole per forza tornare in Francia con la sua famiglia. Battistini non lo dice, ma sembra voler sottolineare: a fare qualcosa di losco! La conclusione del giornalista è che nella cultura rom, definita "gattare rom" (sempre per la metafora dei gatti, che all'autore pare evidentemente essere molto efficace), è meglio essere "bradi ma tutti uniti". Ovvero: se fossero una famiglia mediamente più "evoluta" la quindicenne la manderebbero di corsa in Francia a studiare. Sola come un cane, verrebbe da dire.

Ma di questi giudizi un tantino affrettati è zeppa la stampa nostrana del "dopo choc" da espulsione. Pure per il corrispondente da Parigi Alberto Mattioli de La Stampa, 10 giorni dopo l'espulsione di Léonarda, il tono dedicato all'espulsione della giovane rom cambia totalmente. Prima è di cronaca, anche vagamente indignato. Il 19 ottobre, parlando dell'intervento televisivo di Hollande ecco cosa dice il giornalista: " ha trasformato definitivamente l'«affaire Leonarda» in un affare di Stato o, a seconda dei punti di vista, in un'incredibile telenovela politico-mediatico-emozionale con complicazioni da psicodramma nazionale" (qui l'articolo). Su Il Giornale del 17 ottobre i precedenti del padre di Léonarda diventano "violenza fisica contro la moglie e la figlia". Una accusa piuttosto pesante, addossata a un uomo in un momento difficile, inserita in una frase e tra due virgole e introdotta da un "pare peraltro".

Insomma: una storia che mette sul piatto un problema serio, complicato da risolvere, ma anche urgente come la gestione di famiglie che hanno bambini scolarizzati anche se non "regolarmente soggiornanti", in Italia assume un tono moraleggiante. Sotto i riflettori non c'è la "rule of laws" e il sistema di controllo dei flussi migratori. Ma la famiglia-vittima, le sue presunte contraddizioni. E, ovviamente, il reato bieco.

 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


29/01/2020 @ 06:03:25
script eseguito in 47 ms

 

Immagine
 Parigi, 4 settembre 2010, manifestazione dei 50.000... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 1510 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< gennaio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
27/01/2020 @ 16:13:20
Di Monica
Testimonianza su come metto fine alle mie preoccup...
23/01/2020 @ 18:28:29
Di MR PENDELIS
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source