Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Richiediamo chiarezza. Di Rom si parla poco e male, anche quando il tema delle notizie non è "apertamente" razzista o pietista, le notizie sono piene di errori sui nomi e sulle località

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : lavoro (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 16/02/2013 @ 09:06:39, in lavoro, visitato 1230 volte)

CASTELLI today Polemiche a Frascati per l'assegnazione a una ragazza di etnia rom di una borsa lavoro del comune - di Francesca Ragno - 13 febbraio 2013

Fa le pulizie al centro anziani del Comune di Frascati ed è assegnatrice di una borsa lavoro comunale, fin qui non ci sarebbe nulla di male se non fosse che la ragazza in questione è di etnia rom.

L'etnia della donna ha sollevato un vespaio politico di cui si è fatto paladino il Popolo delle libertà di Frascati e così il gruppo consigliare pidiellino ha chiesto un incontro immediato nella giornata del febbraio con il settore servizi sociali del comune di Frascati: "È nostro intendimento verificare che tutto si sia svolto secondo legge", scrivono in una nota i consiglieri comunali.

Intanto sui social network il dibattito è acceso e duro, il consigliere Mirko Fiasco da Facebook intende chiarire che il PDL non è razzista, ma intanto è meglio non assumere una "zingara": "Non siamo razzisti, siamo per l'integrazione, ma quanti padri di famiglia frascatani sono senza lavoro?Quanti attendono un sussidio? Sindaco Di Tommaso l'unica via sono le dimissioni". Il PDL è sicuro andrà "fino in fondo a questa storia".

 
Di Barbara Breyhan (del 02/03/2013 @ 09:02:59, in lavoro, visitato 1317 volte)

Daniel Tomescu e i lavoratori di Artezian - Repubblica di ANTONIO DI GIACOMO (22 febbraio 2013)
I rom di Japigia: "Basta con l'elemosina" Il portavoce Daniel Tomescu racconta l'esperienza della cooperativa Artezian nata nel 2008: "Sogniamo case migliori e un'esistenza dignitosa. Sono i bambini la nostra speranza"

"Dimenticare di mendicare" non è soltanto lo slogan per promuovere la cooperativa Artezian, nata a Bari nel 2008 all'interno del campo rom di Japigia. "Dimenticare di mendicare è il sogno che ci riscalda il cuore" confida Daniel Tomescu che, da 13 anni nel capoluogo, è il portavoce della comunità che raccoglie circa 130 persone, oltre un terzo dei quali bambini. "Sono loro la nostra forza e speranza e - racconta Tomescu - quando siamo con i bimbi dimentichiamo tutto. Anche la fame e il gelo".

  • VIDEO GUARDA IL REPORTAGE
  • FOTO LA VITA QUOTIDIANA DEL CAMPO

Lo sa bene Daniel che ha 47 anni, 5 figli e 12 nipoti. A Bari è arrivato da Craiova, in Romania, e da circa 7 anni è l'anima di quello che è l'unico campo autorizzato sul territorio. È riconosciuto come mediatore culturale europeo e, giunto in città, ha lavorato per cinque anni come sacrista nella parrocchia di San Sabino, guidata da don Angelo Cassano. Finché nel 2008 non s'è messo in testa di dare vita alla cooperativa Artezian che - nata per offrire servizi di pulizie, piccoli traslochi, facchinaggio, guardiania e manutenzione del verde - rappresenta un tentativo concreto di integrazione della comunità rom col territorio. Peccato che la strada sia tutta in salita, però. "Siamo arrivati anche ad avere 17 operai al lavoro, ma adesso siamo rimasti soltanto in 5: non c'era la forza per pagare i contributi per tutti, soprattutto perché stiamo lavorando a fatica".

Non è la voglia di rimboccarsi le maniche a mancare, assicura Daniel che spiega: "Alcuni dei rom che vivono in questo campo sono costretti a volte a continuare a frugare nei cassonetti o a fare l'elemosina, pur di portare pochi euro a casa la sera. Ma succede solo quando non c'è davvero più alternativa". Nel frattempo al campo arriva uno scuolabus e scendono decine di bambini rom, dopo una giornata passata fra i banchi. Anche questa, naturalmente, è integrazione ma a caro prezzo. Non è certo un villaggio turistico il campo di Japigia, i servizi igienici sono insufficienti, le baracche sono ormai vecchie e quando piove si allaga tutto.

"Speriamo che un giorno possano arrivare dei fondi per avere delle case migliori" solleva le spalle Daniel, mentre qui fa buio prima che altrove: i pannelli fotovoltaici che alimentano l'illuminazione non riescono a erogare sufficiente energia. "Fino a dicembre, almeno, diversi uomini hanno lavorato nella raccolta delle olive, dalle 6 del mattino fino a che restava un poco di luce. E c'è pure chi riesce a fare l'operaio nell'edilizia, ma non basta. Speriamo che le istituzioni possano darci una mano attraverso l'affidamento di lavori: non vogliamo mendicare, ma guadagnarci da vivere con il sudore della fronte".

Il problema, semmai, sono ancora i pregiudizi soprattutto da parte della committenza privata che "è frenata dalla paura di lasciarci soli in casa a lavorare, anche se non ci mancano le buone referenze magari". Quando, invece, una chiamata arriva troppo spesso si tratta di lavori sottopagati. "Se pensassero di pagarci come gli italiani - dice disilluso Daniel - non ci chiamerebbero di certo. Ma va bene lo stesso, così almeno possiamo guadagnare qualcosa. Meglio lavorare per poco che niente e poi, come si dice proprio a Bari, per avere un lavoro bisogna attaccare il ciuccio lì dove vuole il padrone". Non importa. L'obiettivo di Daniel Tomescu è che Artezian, e con lei le braccia dei lavoratori del campo rom, vada avanti. Il gruppo, infatti, si è strutturato ora nella forma di cooperativa sociale e questo traguardo per Daniel rappresenta la speranza di nuove opportunità.

A riaccendere presto i riflettori su questa realtà, intanto, in primavera, sarà il filmaker Giovanni Princigalli che al campo girerà la docufiction breve Testa e piedi, per protagonisti alcuni bimbi rom. Un ritorno per il regista barese che, ormai emigrato in Canada, esordì dietro la macchina da presa proprio raccontando la comunità rom di Japigia filmandola nel suo primo insediamento, una decina d'anni fa, con il pluripremiato documentario Japigia Gagì. Ed emblematica appare la vicenda al centro di Testa e piedi: "È la storia vista dagli occhi di un bambino - anticipa - di una famiglia, la sua, che, venuta in Italia, non riesce a integrarsi e decide di emigrare altrove".

 
Di Fabrizio (del 28/03/2013 @ 09:04:22, in lavoro, visitato 1370 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

Centro commerciale chiede la rimozione dei lavoratori rom

Budapest, 21 marzo 2013: Skopje City Mall, un centro commerciale macedone, ha incaricato l'agenzia che fornisce il personale addetto alle pulizie di rimuovere tutto lo staff romanì che lavorava nel reparto alimentare. Skopje City Mall ha inviato una mail il 9 gennaio 2013, richiedendo che i lavoratori romanì fossero lasciati a casa entro il 20 gennaio 2013. La vicenda è venuta alla luce sui media nazionali solo questa settimana.

L'agenzia di pulizia, Land Service, si è opposta alla richiesta. Secondo quanto riportato sui mezzi d'informazione, il centro commerciale ha motivato la richiesta in seguito ai furti di beni alimentari. L'agenzia impiega lavoratori rom e no nel reparto - soltanto i Rom sono stati stigmatizzati sulla base della loro etnia.

ERRC respinge in toto l'azione dei manager di City Mall, che viola la costituzione macedone, i codici del lavoro e quelli anti-discriminazione. L'azione viola inoltre le norme internazionali sui diritti umani.

"Non è accettabile incolpare collettivamente il personale in base alla sua origine etnica," ha detto Dezideriu Gergely, direttore esecutivo di ERRC. "Questo tipo di discriminazione sul posto di lavoro contro i Rom, presumibilmente sulla base di stereotipi come -la criminalità zingara- non devono essere tollerati."

ERRC sta sollecitando il corpo macedone sull'uguaglianza ad affrontare il caso, che sta seguendo con le pertinenti istituzioni UE.

Comunicato stampa disponibile anche in macedone.

Per ulteriori informazioni, contattare:.
Sinan Goekchen
Media and Communications Officer
European Roma Rights Centre
sinan.gokcen@errc.org
+36.30.500.1324

 
Di Fabrizio (del 01/05/2013 @ 09:08:13, in lavoro, visitato 1415 volte)

Circa un mese fa, ero in giro col computer portatile. Freddo e pioggia di una primavera che non arriva. Mi ero seduto nella sala d'aspetto di una stazione per sfruttare il WiFi e terminare una traduzione (e magari scorrere qualche inserzione di lavoro). Studenti e famigliole in partenza per il ponte pasquale. Una signora seduta accanto a me avvisa la sua vicina, una vecchietta malmessa, di fare attenzione al borsellino, perché ha visto una zingara che si aggira tra la sala d'aspetto e le macchinette delle bibite.

Esco a fumare, il bar è chiuso. La zingara mi chiede qualche moneta. Le rispondo in romanes che non ho un soldo. Quella mi guarda curiosa, sorride, e tempo un minuto ne saltano fuori altri quattro, e mi circondano per vedere uno che parla la loro lingua. Mi chiedono se sono rom e facciamo le presentazioni.

Loro sono rom rumeni, arrivati da poco dalla Spagna. Mi informo su dove siano stati e sulla situazione in Spagna. Non c'è più lavoro per nessuno, mi dicono. E si continua a parlare sul cosa fare, in un misto italiano-spagnolo-romanes. Dato che il lavoro sembra un tasto dolente per tutti, su youtube cerco qualche brano musicale rom e rumeno. Si mettono a ballare sul marciapiede, tra i passeggeri che aspettano il treno. Arriva un loro amico, credo un facchino siciliano.

Poi salta la connessione e ci si saluta.

 
Di Fabrizio (del 08/05/2013 @ 09:05:53, in lavoro, visitato 1370 volte)

CorriereImmigrazione - di Stefano Galieni - 6 maggio 2013

Sono numerosi i cittadini di origine rom che vogliono una diversa identità non per sfuggire alla giustizia, ma al pregiudizio. Un pregiudizio che mette a repentaglio tanti diritti, compreso quello al lavoro.

"Può sembrare assurdo, ma cambiare cognome è l'unica soluzione. Solo che ci vuole troppo tempo e io debbo lavorare". Sandro (necessario omettere il cognome) è un cittadino italiano di origine rom: "Cittadino da tre generazioni - ci tiene a precisare - Mio nonno è nato a Fiume, (l'attuale Rijeka, ndr) quando era una città italiana. Mio padre, emigrato, è nato a Brindisi e io a Napoli, e ho dei figli qui che rischiano di finire come me". Sandro, dopo una lunga e tormentata esperienza romana, vive con gran parte della sua famiglia allargata nel padovano. Da generazioni si tramandano un mestiere tanto difficile quanto delicato: il restauro degli arredi sacri, soprattutto oggetti in metallo. A Roma non faticavano a trovare commissioni. Ma adesso è tutto diverso. "Un lavoro con cui sono nato e che mi piacerebbe tanto continuar a fare - racconta - ma in cui attualmente sono in difficoltà per due ragioni: la crisi e la diffidenza". In tempi di magra, anche gli investimenti in opere di questo tipo diminuiscono. Ma Sandro e tanti suoi parenti non trovano lavoro anche per via di quelle "c" e quelle "h" con cui termina il loro cognome. "Capiscono subito che sei "zingaro" - dice - e trovano le scuse per non prenderti, anche se magari sei il solo che può fare bene un lavoro del genere, che ha le competenze giuste, che conosce i segreti dei metalli e di come li si pulisce. Ormai pensano che se ti porti "lo zingaro" in casa, qualcosa ti ruba. Ma che colpa abbiamo noi per reati commessi da altri?". Allora si affaccia l'idea di cambiare cognome. Togliendo quelle lettere finali o prendendo magari il cognome italiano della propria madre o della propria nonna.

Il cambiamento di cognome deve essere autorizzato dal Prefetto e la richiesta può essere presentata ed esentata dal pagamento del bollo laddove quello che appare sui documenti sia "ridicolo, vergognoso o rilevante l'origine naturale". E il terzo caso è certamente quello più appropriato. Ma c'è un iter per compiere questa procedura, già di per sé lungo e reso ancora più complesso dal fatto che, dal 9 luglio del 2012, la decisione finale in merito a tale richiesta è di competenza esclusiva del Prefetto del luogo di residenza o di quello in cui è registrato l'atto di nascita. L'interessato deve sottoscrivere la domanda in presenza del dipendente della Prefettura-U.T.G. addetto a riceverla, ovvero altra persona munita di delega e di fotocopia di un documento di riconoscimento dell'interessato. La domanda deve essere presentata in Prefettura-U.T.G. e sottoscritta dal richiedente in presenza del dipendente addetto a riceverla o, inviata per raccomandata A/R, allegando fotocopia di un documento di riconoscimento. Qualora la richiesta appaia "meritevole di essere presa in considerazione", il richiedente sarà autorizzato, con Decreto del Prefetto, a far affiggere per trenta giorni consecutivi, all'albo pretorio del Comune di nascita e del Comune di residenza, un avviso contenente il sunto della domanda. Lo stesso Decreto può prescrivere la notifica del sunto della domanda, da parte del richiedente, a determinate persone controinteressate. Se entro trenta giorni dalla data dell'ultima affissione o notificazione nessuno si oppone, il richiedente deve presentare alla Prefettura copia dell'avviso con la relazione che attesti l'eseguita affissione e la sua durata. Il Prefetto, accertata la regolarità delle affissioni e vagliate le eventuali opposizioni, provvederà ad emanare il Decreto di autorizzazione o di rigetto al cambio del nome e/o del cognome. Tempi insomma poco compatibili con situazioni di estrema urgenza con quelli delle circa 50 persone appartenenti alla famiglia di Sandro. Da quanto poi risulta, anche in assenza di dati verificabili, questo tipo di problematica è diffuso in maniera estremamente persistente in gran parte del territorio nazionale.

Tra i rom sono in molti a voler cambiare cognome, rinunciando in parte anche alla propria identità, non solo per problemi occupazionali. Molti hanno figli che vanno a scuola e non vorrebbero evitar loro di sentire, sin da piccoli, il peso della discriminazione, altri vogliono poter trovare una casa in affitto o accendere un mutuo in banca senza dover temere elementi di pregiudizio. Oltre ai tempi, esiste poi un elemento di discrezionalità nella decisione che va considerato totalmente fuori luogo. Difficile giustificare uno Stato che da una parte non solo non riconosce neanche formalmente i rom come minoranza linguistica, ma che è stato più volte sanzionato per l'assenza di politiche di inclusione sociale e per la persistenza di pratiche discriminatorie e che contemporaneamente si arroga il diritto di decidere se un cognome può essere cambiato o meno. E comunque la stessa costrizione a dover chiedere di cambiar cognome, per i motivi raccontati da Sandro, rappresenta una sconfitta culturale e politica enorme per l'intera società italiana. Se si deve ricorrere ad un sotterfugio burocratico per veder rispettato il diritto a poter lavorare onestamente, significa che qualcosa di profondo non è stato affatto rimosso. Ma Sandro non ha tempo per queste disquisizioni: "Ho una moglie e tre figli da mantenere e voglio vederli crescere felici - conclude pragmatico. - Forse un giorno in Italia non ci saranno più questi problemi di cognome e di origini, ma io oggi ho 41 anni e devo guardare al nostro presente e al futuro dei miei figli. Quindi che ci vorrebbe a rendere più snelle queste pratiche? Io non ho nulla da nascondere, mi chiedano quello che serve, ma che si sbrighino per favore. Altrimenti non so come andare avanti".

 
Di Fabrizio (del 14/05/2013 @ 09:02:49, in lavoro, visitato 929 volte)

Da Hungarian_Roma

Politics.hu - Orban guarda ai Rom come una "risorsa nascosta" per l'economia ungherese - by MTI (Magyar Tàvirati Iroda)

Martedì il primo ministro ha detto che il governo considera i Rom d'Ungheria una "risorsa nascosta" e non un problema.

Mentre la maggioranza dei partiti vede i Rom come fossero un problema, il governo vede la comunità come "un'opportunità", un potenziale inesplorato per l'economia del paese, ha detto Viktor Orban alla sessione del Consiglio degli Affari Rom a Budapest.

"Per cui, per noi non è soltanto una questione di diritti umani, come i Rom vivano in Ungheria, ma anche una sfida economica e sociale," ha detto.

Ha aggiunto che non devono considerarsi secondari né gli aspetti dei diritti umani, né quelli sociali o economici.

Orban ha definito molto importanti le opportunità d'impiego per i Rom, notando che lo schema di avviamento lavorativo del governo è più uno strumento che una meta. Parlando nel contesto del quadro strategico per i Rom europei, Orban ha notato che l'Ungheria si è impegnata a sollevare mezzo milione di persone dalla povertà e ha anche sottolineato l'accordo quadro siglato tra il governo e l'Auto-Governo Rom Nazionale (ORO), per creare 100.000 posti di lavoro per i Rom entro il 2015.

Ha detto che istruzione per i Rom, e permettere loro di preservare la propria cultura è ugualmente importante.

Ha sottolineato: "E' nostro desiderio, scopo e programma assicurare che i Rom di Ungheria possano trovare il loro posto nel futuro dell'Ungheria."

Rivolgendosi agli intervenuti,il ministro alle risorse umane, Zoltan Balog, ha notato che l'Ungheria ha incluso nella strategia rom la sicurezza pubblica e la cultura come aree ulteriori, accanto all'impiego, all'istruzione, all'assistenza sanitaria e all'alloggio. Tra i risultati raggiunti sinora, ha elencato l'impiego dei Rom nell'ambito del regime dei lavori pubblici, nuove borse di studio, formazione sull'applicazione delle leggi ed eliminazione delle baraccopoli.

Florian Farkas, capo dell'Auto-Governo Rom Nazionale, ha detto che sinora 54.000 Rom sono stati inclusi nello schema governativo di opere pubbliche.

Alla riunione hanno partecipato i ministri degli interni e dell'economia nazionale, ed anche il capo ufficio del primo ministro.

 
Di Fabrizio (del 07/06/2013 @ 09:05:42, in lavoro, visitato 1028 volte)

Leggevo martedì scorso questo accorato grido di dolore:

Milano: annullati eventi estivi, soldi spesi per il campo nomadi (clicca sull'immagine per leggere tutto l'articolo)

Immagino che la prima reazione degli amati lettori sarà stata del tipo: "Razzisti senza neanche più un briciolo di vergogna", magari con qualche riserva su quel lussuoso destinato al nuovo campo dell'Ortomercato.

Ma come sapete, per quanto io sia persona di saldissimi principi (o quantomeno, ci si prova), il mio approccio alla morale e ad appioppare giudizi (la chiamo: sovrastruttura) è piuttosto elastico.

Detto questo, mi rivolgo a tutti quei Rom e Sinti che tuttora svolgono attività di intrattenimento, cercando di farsi accettare dai gagé, ma padroneggiando ancora a stento determinati loro meccanismi economici e culturali. Fossi in loro, scriverei alla redazione (redazione@voxnews.info) una letterina di questo tenore (leggete anche le note):

    Spettabile redazione,
    Siamo ...
  • musicisti di strada
  • un corpo di ballo
  • studenti del Conservatorio
  • giostrai
  • mimi
  • bricoleur
  • una società di catering
  • attori
  • ...(1)
  • e abbiamo letto il vostro articolo di settimana scorsa riguardo la mancanza di eventi per "Verdestate". Gradiremmo porre rimedio a questa incresciosa situazione (son problemi!), proponendoci per allietare i vostri pomeriggi e le vostre serate estive (la mattina si dorme o si lavora...). Siamo Rom (e/o Sinti) anche noi, ma per niente "nomadi", e questa ci pare l'occasione più opportuna per iniziare ad appianare vecchie divergenze (o quantomeno provarci), a cominciare con l'impatto che può avere sulla zona il previsto campo all'Ortomercato.
    Speriamo di cuore che non siate infastiditi dal nostro essere "zingari": sarebbe strano (non ci permettiamo di dire RAZZISTA) lamentarsi della mancanza di eventi estivi, ma opporvisi se questi vedano la nostra partecipazione.
    Ovviamente, in quanto professionisti (2), non possiamo esibirci a titolo gratuito, ma riteniamo giusto che ad adeguata prestazione debba corrispondere adeguato compenso. TENIAMO FAMIGLIA (3).
    Con i nostri più distinti saluti,

    Firma


Note:

  • 1: scegliere la propria categoria, sono possibili scelte multiple;
  • 2: ricordarsi di dare di sé un'immagine seria e professionale. Anche se il vostro capitale iniziale è minimo, viviamo gli ultimi scampoli di un capitalismo-straccione dove la prima impressione3 vale anche di più delle proprie capacità;
  • 3: è l'occasione per dimostrare non solo la propria volontà di integrarsi, anche economicamente, nella società maggioritaria. Quel "TENIAMO FAMIGLIA" dimostra di aver appreso la filosofia economica della cultura italiana
 
Di Fabrizio (del 09/06/2013 @ 09:03:19, in lavoro, visitato 1188 volte)

CORRIERE IMMIGRAZIONE - 1 giugno 2013 | di Amalia Chiovaro


Aiutare i soggetti più deboli a mettere a fuoco - e poi nero su bianco - i propri punti di forza professionali. Succede nel capoluogo siciliano. Un'idea da esportare.

Il bilancio di competenze - lo spieghiamo per chi non ne avesse sentito parlare - è uno strumento finalizzato a mettere a fuoco le capacità e le risorse della singola persona, in modo da facilitarne l'inserimento nel mondo del lavoro o la crescita professionale. In genere viene “somministrato” a manager, professionisti e a giovani in cerca della prima occupazione.

Come mai, vi domanderete, ne stiamo parlando su Corriere Immigrazione? Perché da circa un mese, a Palermo, il Fo.rom sta provando a utilizzare questo strumento a vantaggio della locale comunità romanì. Si tratta, in prevalenza, di kosovari e serbi. La maggior parte di loro vive all'interno del campo rom, ai margini del parco della Favorita, nelle vicinanze dello stadio di calcio. Altri invece sono dislocati nel centro storico della città. Pochi hanno una casa vera e quasi tutti vivono in condizioni precarie.

Mentre scriviamo ci risultano portati a compimento trenta bilanci. Altri quarantacinque saranno stilati nelle prossime settimane. Attraverso un questionario semi-strutturato, si prova a tirar fuori tutto quello che può valorizzare le esperienze maturate negli anni. Capita spesso che le persone sappiano fare delle cose particolari e/o utili (a livello artigianale, per esempio), ma non si rendano pienamente conto del valore del proprio know how. Tirare fuori certe informazioni, esplicitarle e metterle nero su bianco è molto utile per darsi un nuovo punto di partenza e una speranza di riscatto. E sortisce effetti positivi anche dal punto di vista psicologico. Ogni bilancio, infatti, è una storia, e rispettandola e portandola alla luce, le si dà il valore e il riconoscimento che merita. Chi fa i bilanci, certamente, deve possedere una reale capacità d'ascolto, che è qualcosa che va oltre la tecnica dell'intervista aperta: è un'arte della relazione, un incontro tra due persone e un percorso a ritroso nel tempo, a volte doloroso, che traccia storie e profili di immenso valore.

A circa un mese dall'avvio del progetto, si cominciano a vedere i primi risultati: due ragazze, per esempio, sono state inserite all'interno di un corso base di taglio e cucito organizzato da una sartoria sociale di Palermo, organizzata sotto il segno del riciclo e del riuso. Ma altri (buoni risultati) non mancheranno. È solo questione di tempo e di bilancio.

 
Di Fabrizio (del 02/07/2013 @ 09:07:26, in lavoro, visitato 1146 volte)

 Segnalazione di Giacomo Marino

Pubblicato in data 28/giu/2013
Campagna Dosta! a Reggio Calabria il 5 dicembre 2012. Il dr Lamberti, nella qualità di imprenditore, riporta l'esperienza positiva registrata nella sua azienda con un gruppo di lavoratori rom .

 
Di Fabrizio (del 10/07/2013 @ 09:06:24, in lavoro, visitato 1160 volte)

Un articolo di Ilaria Sesana, su CORRIEREIMMIGRAZIONE. A parte la partecipazione emotiva dell'autrice, non racconta molto di nuovo e non entra nel merito delle soluzioni possibili. Utili i dati su una catastrofe ecologica, che comunque sentiamo lontana, come se il Ghana fosse su un altro pianeta. Non è l'ecatombe di Bhopal, per fare il primo esempio che mi viene in mente, ma un avvelenamento, vittime e carnefici assieme; lento e progressivo e soprattutto silenzioso.

Succede però qualcosa che fa impazzire il quadro informativo: situazioni simili le viviamo anche in Italia, ad esempio in quella parte di Campania che difatti è stata rinominata "Terra dei Fuochi", o in quei campi rom dove nell'indifferenza o nell'inazione totale la vita si svolge proprio come nel sobborgo di Accra. E un fenomeno che altrimenti passerebbe sotto silenzio, ci indigna quando ce lo ritroviamo sotto casa.

Omertosi i Rom, per paura di perdere l'unica fonte di reddito, complici molti non-rom che forniscono la maniera prima da smaltire, agli altri non rimane che protestare - anche animatamente - ma senza una soluzione a portata di mano.

Questo il video girato da Ilaria Sesana, se qualcuno volesse farlo circolare, soprattutto tra i Rom (non credo cambierà niente, ma cos'altro si può fare?).


capita a fagiolo: Uomini come topi. Spazzatour, il campo di zingari in una discarica abusiva - di Maria Ferdinanda Piva, su  

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


19/08/2022 @ 16:46:12
script eseguito in 88 ms

 

Immagine
 6 maggio: Djurdjevdan - Herdelezi - la festa di san Giorgio... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 5789 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< agosto 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
       
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022
Giugno 2022
Luglio 2022
Agosto 2022

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source