\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Competenze rom
Di Fabrizio (del 09/06/2013 @ 09:03:19, in lavoro, visitato 1181 volte)

CORRIERE IMMIGRAZIONE - 1 giugno 2013 | di Amalia Chiovaro


Aiutare i soggetti più deboli a mettere a fuoco - e poi nero su bianco - i propri punti di forza professionali. Succede nel capoluogo siciliano. Un'idea da esportare.

Il bilancio di competenze - lo spieghiamo per chi non ne avesse sentito parlare - è uno strumento finalizzato a mettere a fuoco le capacità e le risorse della singola persona, in modo da facilitarne l'inserimento nel mondo del lavoro o la crescita professionale. In genere viene “somministrato” a manager, professionisti e a giovani in cerca della prima occupazione.

Come mai, vi domanderete, ne stiamo parlando su Corriere Immigrazione? Perché da circa un mese, a Palermo, il Fo.rom sta provando a utilizzare questo strumento a vantaggio della locale comunità romanì. Si tratta, in prevalenza, di kosovari e serbi. La maggior parte di loro vive all'interno del campo rom, ai margini del parco della Favorita, nelle vicinanze dello stadio di calcio. Altri invece sono dislocati nel centro storico della città. Pochi hanno una casa vera e quasi tutti vivono in condizioni precarie.

Mentre scriviamo ci risultano portati a compimento trenta bilanci. Altri quarantacinque saranno stilati nelle prossime settimane. Attraverso un questionario semi-strutturato, si prova a tirar fuori tutto quello che può valorizzare le esperienze maturate negli anni. Capita spesso che le persone sappiano fare delle cose particolari e/o utili (a livello artigianale, per esempio), ma non si rendano pienamente conto del valore del proprio know how. Tirare fuori certe informazioni, esplicitarle e metterle nero su bianco è molto utile per darsi un nuovo punto di partenza e una speranza di riscatto. E sortisce effetti positivi anche dal punto di vista psicologico. Ogni bilancio, infatti, è una storia, e rispettandola e portandola alla luce, le si dà il valore e il riconoscimento che merita. Chi fa i bilanci, certamente, deve possedere una reale capacità d'ascolto, che è qualcosa che va oltre la tecnica dell'intervista aperta: è un'arte della relazione, un incontro tra due persone e un percorso a ritroso nel tempo, a volte doloroso, che traccia storie e profili di immenso valore.

A circa un mese dall'avvio del progetto, si cominciano a vedere i primi risultati: due ragazze, per esempio, sono state inserite all'interno di un corso base di taglio e cucito organizzato da una sartoria sociale di Palermo, organizzata sotto il segno del riciclo e del riuso. Ma altri (buoni risultati) non mancheranno. È solo questione di tempo e di bilancio.