Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non un altro blog - giornale o chissacosa ma: 1. raccogliere notizie direttamente dalle fonti; 2. far conoscere come la pensano i diretti interessati.

La redazione
-

Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 28/08/2010 @ 09:31:08, in casa, visitato 1918 volte)

Da Roma_Daily_News (notizie precedenti QUI)

Hürriyet Daily News by SEVİM SONGÜN

Anche se casi giudiziari in merito al progetto di rinnovamento sono ancora in corso, le autorità hanno continuato il progetto di ristrutturazione nella zona di Sulukule a Istanbul. Foto DAILY NEWS, Hasan Altinisik

Istanbul, 20/08/2010 - La Corte Europea dei Diritti Umani ha accettato il ricorso dell'Associazione Rom contro il progetto di rinnovamento del comune di Fatih nell'area storica di Sulukule, [che prosegue] nonostante le cause tuttora in corso.

L'associazione ha fatto ricorso alla Corte Europea accusando il progetto di trasformazione urbana in corso a Sulukule di violare sei articoli, precisamente: "protezione della privacy e della vita familiare", "prevenzione della discriminazione", "protezione della proprietà", "diritto ad un processo equo", "rispetto dei diritti umani" e "diritto ad ottenere un'istanza efficiente".

Hilal Küey, avvocato dell'associazione, ha detto che questa ha fatto ricorso alla Corte Europea il 20 maggio, con un documento di 22 pagine ed altre 48 di allegati. "Di solito la Corte Europea non accetta ricorsi se i casi nei tribunali locali sono ancora aperti. Ma hanno accettato il nostro," dice Küey, aggiungendo che ci sono almeno tre casi in discussione nei tribunali in Turchia sul progetto di rinnovamento a Sulukule.

Küey ha detto che la corte ha accettato il ricorso perché il processo giudiziario in Turchia non ha dato frutti per tre anni e nel frattempo molta gente è stata mandata via dalla sua casa.

Viki Ciprut, della Piattaforma per Sulukule - organizzata per appoggiare i Rom a Sulukule, ha detto che i casi in tribunale sul progetto di rinnovamento stanno andando avanti, ma che le autorità continuano con il progetto, demolendo tutte le case di Sulukule e rimuovendo i Rom che vi abitavano da sempre. Dice: "In realtà, è finito tutto, ma i casi sono ancora discussi in tribunale. Penso sia per questo che la Corte Europea ha accettato il ricorso."

Mustafa Demir, sindaco di Fatih, rigetta l'accusa di "evacuare la gente dalle proprie case" e ha detto di essere sorpreso che la Corte Europea abbia accettato il ricorso.

Le associazioni e tre residenti hanno intentato una causa nel 2007, quando iniziarono le demolizioni a Sulukule, contro il progetto di rinnovamento, dicendo che si stava danneggiando la cultura rom ed il tessuto storico del quartiere, aggiunge Küey. Dice anche che c'è in corso un altro processo, dato che alcuni residenti non hanno accettato le somme per l'esproprio loro offerte dal comune di Fatih, che guida il progetto di rinnovamento.

"A nome di alcuni residenti, ho obiettato che le offerte per l'appropriazione erano troppo basse. Secondo la legge, il comune di Fatih ha aperto un caso per valutare il reale valore dell'esproprio di queste proprietà," dice Küey, aggiungendo che questo secondo caso è durato sino al 2008. La Camera dell'Unione Turca degli Ingegneri ed Architetti, TMMOB, ha a sua volta intentato una causa contro il progetto per Sulukule, che è ancora in corso.

 
Di Fabrizio (del 26/08/2010 @ 09:05:14, in casa, visitato 1348 volte)

Da Roma_Daily_News

Reuters AlertNet.org - Source: World Vision Middle East/Eastern Europe/ Central Asia office (Reuters e AlertNet non sono responsabili per il contenuto di questo articolo o per qualsiasi sito Internet esterno. Le opinioni espresse sono del solo autore.)

Una delle otto famiglie rom inizia ad insediarsi nella loro nuova casa. Photo by Isabela Stefan - World Vision MEERO, http://meero.worldvision.org

17/08/2010 - Nuove case per otto famiglie rom nel comune di Cumpana, distretto di Costanza, hanno non solo cambiato le loro vite, ma hanno anche avuto un impatto positivo sull'intera comunità. Un anno fa, l'Organizzazione di Base Comunitaria (CBO) ottenne il suo primo prestito dall'Unione Europea, in partenariato col consiglio locale ed il municipio, per costruire otto case per famiglie rom svantaggiate del posto.  Settimana scorsa, le otto famiglie rom selezionate si sono trasferite nelle loro nuove case e hanno iniziato a decorarle, pulirle e arredare le stanze. E' già evidente che il progetto ha cambiato l'attitudine dell'intera popolazione rom di Cumpana e sta nel contempo ricostruendo la fiducia nell'appoggio della comunità ed aumentando l'auto rispetto dei Rom.

L'aspetto contento dei nuovi proprietari dice tutto. Camminano con orgoglio, sorridono apertamente e parlano con esuberanza delle loro nuove case. Avere una casa propria da a queste famiglie un senso di uguaglianza con gli altri nel comune e con la comunità maggioritaria e le loro facce lucenti rivelano quanto ciò sia importante.

Nuren, 33 anni e madre di tre bambini, viveva in una baracca di fango e cartoni, senza servizi e acqua corrente. Il tetto sfondato era una fonte costante di pericolo per i bambini e quando pioveva la casa spesso si allagava. Ora, hanno una casa di tre stanze con bagno e cucina interni.

Dice Nuren: "Ero ansiosa di entrare in casa mia e quello che ho provato quando l'ho fatto è stato meraviglioso. Anche se c'è ancora molto lavoro, è casa mia e lo farò con tutto il cuore."

A Cumpana vivono circa 900 Rom, e qui i tassi analfabetismo e di disoccupazione sono molto alti.

Aise Hasan è un'altra madre di cinque bambini, il più piccolo ha solo due mesi. Questa famiglia è molto povera ma sta facendo ogni sforzo per finire la casa. Ali Regep, il compagno di Aise, investe ogni soldo risparmiato per comperare la pittura per decorarla. Dice che celebreranno il trasloco nella nuova casa appena l'abitazione sarà pronta. Nel frattempo, Aise cura i bambini e aiuta Ali come può.

"La prima notte sotto questo tetto, ho pregato e ringraziato Dio per un regalo simile. Persino nei miei sogni più audaci, non avevo il coraggio di chiedere una casa così bella. Prima, vivevamo in una piccolo stanza in affitto. Adesso abbiamo tre stanze ed un grande bagno. Ho lavato i bambini nella vasca, con l'acqua calda. E' bello e ci sentiamo rispettati, come esseri umani. Appena possibile, mi sposerò con il mio compagno per vivere legalmente insieme sottola benedizione divina," dice Aise.

Come da accordo, le famiglie rom dovranno coprire i costi di acqua ed elettricità e dopo cinque anni di locazione soddisfacente, ne assumeranno la proprietà. Le famiglie che non manterranno le promesse di curarsi dell'alloggio, perderanno l'opportunità della proprietà - una condizione che i membri dell'Associazione credono aumentare il senso di responsabilità sin dall'inizio.

"Il processo di selezione è stato duro. Prima, abbiamo selezionato 100 famiglie rom povere, condotto investigazioni sociali per ognuna di loro e poi le abbiamo ristrette a otto.. Alcuni dei criteri di differenzazione erano: numero dei bambini, livello di alfabetizzazione, situazione finanziaria, se i bambini erano iscritti a scuola, possesso di carta d'identità, livello dei debiti, sanzioni o precedenti penali," dice Marcela Avram, capo referente sociale per il comune e Manager assistente del progetto.

Scopo del progetto è di di integrare i Rom nella comunità aiutandoli a qualificarsi per lavori di costruzione ed incoraggiandoli a mandare i bambini a scuola. Il consiglio locale ha co-finanziato il progetto con 52.725 euro ed assistito con la raccolta dati e selezione dei beneficiari. Altri 200.000 euro sono stati forniti tramite i fondi PHARE (Unione Europea).

"Queste otto famiglie rom che andranno nelle nuove case hanno avuto un effetto straordinariamente positivo sull'intera popolazione rom di Cumpana. I residenti rom non credevano che i Rumeni li avrebbero aiutati. Ora ci credono, ed hanno cambiato il loro atteggiamento. Ti salutano differentemente, con maggior rispetto. E poi, non sono più recalcitranti ed aggressivi. Con questo progetto abbiamo fatto di passi positivi e le cose miglioreranno dopo che verrà sviluppato un secondo progetto simile, il cui obiettivo è costruire altre dieci case per i Rom," dice Mitu Stan, consigliere locale per i Rom e membro dell'Organizzazione di Base Comunitaria di Cumpana.

 
Di Fabrizio (del 22/08/2010 @ 09:00:14, in casa, visitato 1441 volte)

Il Giorno - Milano Triboniano chiuderà entro il 2011 e al suo posto sorgerà una strada per Expo. Stessa sorte per Novara, Bonfadini e Idro. [...]

Milano, 20 agosto 2010 - Milano come Parigi? Non proprio. Mentre il presidente francese Nicolas Sarkozy ha avviato i rimpatri forzati dei rom, l'Amministrazione di Palazzo Marino si avvia allo smantellamento del campo nomadi più grande della città. Il Triboniano chiuderà i battenti entro la primavera del 2011, cioè quando Letizia Moratti si giocherà la riconferma a primo cittadino.

Al posto dello storico campo, che ospita attualmente 600 tra romeni e bosniaci, sarà costruita una strada prevista nel progetto Expo 2015. Non esisteranno più nemmeno i campi di via Novara e via Bonfadini, mentre quello di via Idro sarà riconvertito in un'area di transito, alla quale potranno accedere anche gli italiani in camper. Spariranno così dalla mappa tre degli insediamenti più importanti della metropoli. Del resto, la presenza dei nomadi a Milano è piuttosto articolata. Ci sono una decina di campi regolari, che ospitano più di mille persone. E poi ci sono quelli irregolari. Quelli itineranti, che rinascono dopo uno sgombero e poi vengono nuovamente demoliti: proprio ieri, la polizia locale ha chiuso un accampamento non autorizzato in via Barzaghi, in un'area utilizzata dalla Protezione civile.

Prosegue la politica della tolleranza zero per gli abusivi. Per quanto riguarda, invece, gli spazi comunali, si applicherà nei prossimi mesi il cosiddetto piano Maroni, che punta alla messa in sicurezza dei campi e all'integrazione dei residenti nella società civile. Per far questo, il ministro dell'Interno ha stanziato 13 milioni di euro, di cui 4 destinati alle attività sociali; altri 2 milioni saranno invece ripartiti tra le borse-lavoro, il rimpatrio di alcuni nuclei familiari e la ristrutturazione di abitazioni da assegnare ai rom. "Il lavoro sta andando avanti nel migliore dei modi - assicura il prefetto Gian Valerio Lombardi, commissario straordinario per l'emergenza rom -. Le associazioni del terzo settore stanno procedendo con i colloqui e contiamo di far tutto entro i termini fissati".

Sul Triboniano, in particolare, "c'è stata un'accelerazione in questo ultimo periodo e speriamo di chiudere entro la metà di ottobre". Secondo gli operatori della Casa della Carità, fondazione che gestirà fino a dicembre il campo a due passi dal Musocco, una decina di famiglie di rom romeni avrebbe già deciso di tornare in patria, dove alcune organizzazioni non governative si occuperanno di facilitarne l'inserimento nel mondo del lavoro. In alternativa, si può scegliere di restare in Italia, magari in alloggi con affitti calmierati. D'altro canto, mancano pochi mesi allo smantellamento dell'insediamento, quindi tutti giocoforza dovranno prendere una decisione.

Restano scettici quelli dell'Opera Nomadi, l'associazione che cerca da anni di promuovere la piena integrazione delle popolazioni rom, sinte e camminanti in Italia: "La maggior parte delle persone non vuole abbandonare i campi né tantomeno tornare in Romania - attacca Giorgio Bezzecchi, presidente della sezione di Milano -. E poi non bisogna dimenticare che ci sono campi, quelli di via Idro e via Negrotto, interamente occupati da rom italiani, nati e cresciuti qui". Negativo anche il parere di Dijana Pavlovic, vicepresidente della Federazione Rom e Sinti insieme, che torna a chiedere più trasparenza sui 13 milioni di euro messi a disposizione dal Viminale: "Solo una esigua parte - sostiene - andrà a sostenere le politiche abitative di chi resterà senza casa dopo lo sgombero del Triboniano e degli altri campi legali a Milano: appena 1,8 milioni di euro. Nove milioni sono serviti per costruire muri e puntare inutili telecamere".

 
Di Fabrizio (del 21/08/2010 @ 09:54:29, in casa, visitato 1868 volte)

20/08/2010 Azuni: "su azioni come queste coinvolgere tutti gli attori"

"Il governo dei campi nomadi attuale è roba da improvvisatori". A dichiararlo in una nota la consigliera del Gruppo Misto, Maria Gemma Azuni, alla notizia dell'ampliamento e riqualificazione del campo rom La Barbuta , dichiarato abusivo da una sentenza del Tar Lazio del 2004.

Solo pochi giorni fa un incendio si era sviluppato al confine con il comune di Ciampino, di fronte l'Aeroporto. Il fuoco, divampato all'interno del campo nomadi, aveva causato alcuni disagi al limitrofo tratto del Grande Raccordo Anulare nonché all'atterraggio dei voli.

Il delegato del Sindaco alla Sicurezza Giorgio Ciardi, dopo aver rassicurato i cittadini preoccupati per l'incendio, aveva evidenziato "la necessità di un intervento rapido e radicale sul campo abusivo" ."Il campo nomadi della Barbuta - aveva dichiarato in una nota - che rientra nel Piano Nomadi del Comune di Roma, come stabilito diventerà un campo attrezzato, in grado di garantire a chi vi abita maggiore dignita' di vita e ai cittadini della zona un maggior livello di decoro urbano e sicurezza".

"E' fondamentale - commenta la Azuni - il continuo rapporto con i responsabili delle famiglie Rom per la gestione interna dei campi, come è importante rapportarsi con i Presidenti dei Municipi e dei Comuni limitrofi per l'attivazione di idonee azioni finalizzate all'inclusione sociale.

Il Prefetto di Roma non ha minimamente coinvolto il Sindaco di Ciampino, soggetto fortemente interessato in quanto il campo è prospiciente allo stesso comune. sull'ipotesi dell'allargamento del campo della Barbuta, da 300 a 600 ospiti.

E' chiaro che l'incremento di popolazione Rom in questo territorio avrà delle ripercussione sui cittadini di Ciampino e sulle famiglie Rom.
In questo tipo di cambiamenti è necessario rassicurare la cittadinanza sul monitoraggio del campo e sulle azioni di sistema tese a prevenire l'esclusione e a far crescere in termini di rispetto dei contesti, delle regole e del vivere civile.

Ancora una volta le azioni impositive e le scelte non condivise produrranno tensioni sociali a scapito dei cittadini e dei Rom.
Chiedo al Prefetto di Roma - conclude la Azuni - il rispetto degli Organi politici Municipali e dei Comuni limitrofi dove si prevedono azioni di costruzione od ampliamento di campi Rom, con un fattivo coinvolgimento nelle azioni da intraprendere!.

 
Di Fabrizio (del 02/08/2010 @ 09:17:59, in casa, visitato 1835 volte)

Da British_Roma (cronologia della vertenza di DALE FARM)

I Viaggianti di Dale Farm: "Non ci arrenderemo e non ce ne andremo" by Rachel Stevenson

A Dale Farm nell'Essex, il più grande sito in GB di Zingari e Viaggianti, le famiglie si oppongono ad uno dei più grandi sgomberi della storia britannica

27/07/2010 - Per il momento, regna la pace nei pomeriggi di Dale Farm, che ospita circa 1.000 persone ai margini di Basildon, nell'Essex. I cani dormono nei vicoli, le donne vanno avanti e indietro, stendono il bucato, riordinano casa. Quando finisce la scuola, il ronzio della vicina A127 viene soffocato dai giochi dei bambini, che corrono attorno in bici. Nei caldi giorni estivi, ci sono le grida e le delizie delle lotte con l'acqua. Potrebbe sembrare qualsiasi sistemazione estiva in Gran Bretagna.

Ma tutto ciò è lontano da un idillio suburbano. Qui vengono disegnate le trincee di uno dei più grandi sgomberi della storia britannica. Dale Farm è il più grande sito in GB di Romanì e Viaggianti Irlandesi, e una parte di esso sta per essere demolita.

Un certo numero di Zingari e Viaggianti ha vissuto a Dale Farm del tutto legalmente dagli anni '60. Negli anni, si sono aggiunte più famiglie dopo che i consigli iniziarono a chiudere i siti pubblici ed i Viaggianti furono obbligati a cercare posti permanenti dove insediarsi. Ma il terreno che i nuovi arrivati comprarono a Dale Farm è cintura verde protetta, rendendovi lo sviluppo illegale. Dopo una quinquennale battaglia legale col consiglio, sono stati nominati gli ufficiali giudiziari per sgomberare circa 90 famiglie dai lotti non autorizzati.

"Non ce ne andremo," proclama uno striscione appeso all'ingresso. Oltre il filo spinato avvolto attorno alle impalcature, fervono i preparativi per resistere agli ufficiali giudiziari. Recentemente, il consiglio ha demolito dei lotti di un sito più piccolo e non autorizzato lì vicino, cosa che ha messo tutti in allerta. Si profila un brutto confronto.

"I nostri ragazzi sono pronti a quando arriveranno gli ufficiali giudiziari. Non intendiamo alzarci ed andarcene - ci sarà una lotta terribile e non vogliamo che succeda," dice Mary Ann McCarthy, nonna di 69 anni che con la sua famiglia ha vissuto a Dale Farm per otto anni. "Sono passata attraverso gli sgomberi e ho visto cose - gente che urlava e donne che si strappavano i capelli. Questo non dovrebbe succedere mai."

Alcuni dei residenti dei villaggi vicini, d'altronde, applaudiranno ai bulldozer. Ci sono denunce di reati e per comportamento antisociale ed intimidatorio da parte dei Viaggianti. Un uomo del posto, che non vuol essere nominato, ha detto. " Dobbiamo rispettare le leggi sulla pianificazione - non possiamo costruire dove ci piace, perché dovrebbero farla franca?"

I Viaggianti dicono che le leggi sulla pianificazione sono discriminatorie nei loro confronti, e che non hanno altro posto dove andare. "Qui ci sono persone davvero malate, che non possono tornare sulla strada," dice McCarthy. "Senza un indirizzo, non puoi avere dottori, i nostri bambini non possono andare a scuola. I nostri campi sono stati chiusi e barriccati. La vita del nomade è finita per i Viaggianti."

Anche se rimangono come un gruppo etnicamente definito, con le loro pratiche culturali e lingua, circa i due terzi della popolazione zingara e viaggiante britannica ora vive nelle case. Il problema dei siti non autorizzati è minoritario, e la gran maggioranza di quanti vivono in roulotte lo fanno in terreni di loro proprietà o affittati da privati.

Basterebbe un miglio quadrato di terreno a fornire a tutte le famiglie zingare e Viaggianti in GB un posto dove stare, secondo una relazione della Commissione sull'Eguaglianza ed i Diritti Umani, ma c'è carenza di piazzole autorizzate. Tuttavia, il governo ha tagliato 30 milioni di sterline per il finanziamento di nuovi siti.

Il consiglio di Basildon sta facendo tutto il possibile per evitare uno sgombero a Dale Farm. Ha offerto ad alcuni residenti una sistemazione alternativa e sta incoraggiando la gente ad andarsene volontariamente. Ma i Viaggianti dicono che questa non è una soluzione realistica.

"L'unica cosa che ottengono è di spostarci da un'altra parte, cosa sperano di ottenere mandandoci fuori da qui?" chiede McCarthy. "Tutti devono avere un posto dove vivere, un posto dove andare. Perché non ci lasciano restare in pace e tranquilli sulla terra che abbiamo comprato e pagato?"

 
Di Fabrizio (del 31/07/2010 @ 09:36:32, in casa, visitato 1530 volte)

I finanziamenti per la realizzazione di una cittadella per i nomadi (attualmente ospiti in un campo a Scampia) sono fermi: colpa del buco finanziario denunciato dalla nuova amministrazione regionale e dell'esigenza di rispettare il patto di stabilità. Ma in gioco c'è molto di più
Domenico Pizzuti

In riferimento alle notizie più volte circolate circa l'inizio dopo l'estate della costruzione di un villaggio attrezzato per i rom del campo "nomadi" di via Cupa Perillo, sulla base di un progetto approvato da una delibera di giunta comunale con un finanziamento regionale di 7 milioni di euro, abbiamo voluto verificare presso la Regione Campania la disponibilità effettiva del finanziamento deliberato dalla precedente Giunta Regionale.

Dall'informativa ricevuta risulta che la somma in questione – insieme ad altri finanziamenti - è bloccata per rispondere alle esigenze del patto di stabilità in ragione del buco finanziario riscontrato dalla nuova amministrazione regionale. Dopo la verifica di tutte le risorse disponibili in seguito a contatti in corso con il Ministero del tesoro, sono previste le decisioni politiche in merito alla rimessa in bilancio o alla revoca dei progetti a suo tempo finanziati per le politiche sociali. E' un percorso non solo formale o finanziario e su cui occorre aprire una discussione pubblica con le Istituzioni ed associazioni interessate e soprattutto con le famiglie rom del campo, secondo gli orientamenti alla partecipazione più volte ribaditi dalla Commissione Europea per la formazione delle decisioni che li riguardano.

In primo luogo, a nostro avviso, si tratta di dar compimento al piano previsto dal Ministero dell' Interno per gli interventi successivi al censimento - realizzato in Campania nei mesi di giugno-luglio 2008 (2784 censiti a Napoli e Provincia) - che prevedevano la chiusura dei campi non autorizzati, la realizzazione di villaggi attrezzati dotati dei servizi essenziali, l'avviamento al lavoro dei giovani e soprattutto la scolarizzazione dei minori nomadi che secondo il censimento anche a Napoli sono più della metà di coloro che vivono in questi insediamenti. Il progetto elaborato dal Comune di Napoli prevede la costruzione di due unità abitative con moduli monofamiliari per circa 200 persone (delibera Comune di Napoli n. 1261 del 30 luglio 2009), che non esaurisce le 565 persone censite nel campo spontaneo di Scampia. Avranno accesso ai nuovi insediamenti abitativi coloro che hanno il permesso di soggiorno, per cui è in atto una verifica delle posizioni degli abitanti dei campi per il rilascio del permesso di soggiorno nell'ambito delle norme vigenti.

In secondo luogo, si deve tener conto delle speranze suscitate con il censimento a cui le famiglie rom del campo hanno volontariamente cooperato, in vista di un riconoscimento legale e di una sistemazione abitativa vivibile, se si tiene conto delle precarie abitazioni ("baracche") in cui un buon numero di famiglie ha vissuto per venticinque anni e più, e del degrado dell'area che abbiamo più volte denunciato anche per l'emergenza estate .

Al di là di considerazioni ragioneristiche di bilancio, si tratta di una motivata scelta di civiltà a favore della vita delle famiglie che abitano il campo, di cui si è fatto promotore un Ministro leghista ed attuata dal Commissario straordinario per l'emergenza relativa agli insediamenti rom in Campania, Prefetto Alessandro Pansa, augurandoci che il suo successore dia compimento al piano. Invitiamo il Presidente Caldoro in nome della legalità e civiltà, e della solidarietà sociale che caratterizza il suo pedigree politico, a rimettere in bilancio il finanziamento previsto per l'attuazione del progetto del Comune di Napoli, per dare compimento al piano formulato dal Ministero dell' Interno. Augurandoci che si tratti solo di sospensione e non di revoca, torneranno i conti, caro Presidente Caldoro, con un bilancio sociale!

 
Di Fabrizio (del 29/07/2010 @ 09:39:18, in casa, visitato 1577 volte)

Autore: Simone Di Stefano

 Link per chi legge da Facebook
Durata: 00:17:13 - La mafia, i rom, due case confiscate e il diritto negato a Palermo

Riferimenti:

1
2
3

 
Di Fabrizio (del 11/07/2010 @ 09:50:39, in casa, visitato 2337 volte)

IL GIORNALE DI VICENZA SOCIALE. Nuovo sviluppo per il discusso progetto di integrazione che punta alla stanzialità di una famiglia nomade. In attesa che l'Ater liberi un alloggio, saranno ospitati al Caile, vicino al rustico Pettinà

L’accampamento attrezzato di via Lago di Vico. FOTO DONOVAN CISCATO

08/07/2010 Una casa per la famiglia Helt. Intanto provvisoria ma presto definitiva. Siamo ad una svolta decisiva in quello che è stato il primo e assai discusso progetto di inserimento sociale di un nucleo nomade, partito nel 1989 e oggetto persino di un referendum consultivo.
L'obiettivo dichiarato dal Comune è semplice: rendere definitivamente stanziali questi sinti che, a suo tempo hanno deciso di lavorare e restare in città, relegati però con le loro roulotte nell'area di sosta di via Lago di Vico.
Adesso si va "Oltre l'area", nome del nuovo progetto in collaborazione con la cooperativa Primavera Nuova, per superare la condizione di precarietà.
Un'operazione promossa in vista di una probabile assegnazione di alloggio di edilizia residenziale pubblica (ATER), visto che gli Helt sono i primi nella graduatoria. Prevede la sistemazione temporanea di alcuni dei componenti della famiglia sinti italiani in uno o più appartamenti dell'ex centro di accoglienza al Caile, un'ala del rustico Pettinà, centro civico del quartiere.
Servono alcuni interventi per riadattare la struttura, da un anno e mezzo non più utilizzata dopo l'apertura in centro di Casa Bakhita,
Il progetto prevede la sottoscrizione di un patto di corresponsabilità dove sono definite regole e impegni economici (tra cui affitto e utenze) da rispettare. Tra i punti, oltre al rispetto delle regole di buon vicinato, anche il divieto di sosta a roulotte di altre famiglie.
«Più di venti anni fa una famiglia di nomadi sinti italiani ha scelto di fermarsi a Schio. Con loro abbiamo avviato un progetto di accompagnamento e stretto un patto di impegno reciproco. Ne è nato un percorso di stanzializzazione, a volte non facile, ma che ha portato frutti importanti: con la frequenza della scuola da parte dei bambini e l'impegno nel lavoro da parte degli adulti sottolinea il sindaco Luigi Dalla Via Da quei primi passi oggi la situazione è quindi molto cambiata e ora, come la famiglia auspica da tempo, si prospetta la possibilità di un loro ingresso in un alloggio. È un passaggio importante, sia per la famiglia che per la comunità, e noi vogliamo accompagnarlo».
La messa in pratica di "Oltre l'area" sarà seguita dagli operatori della Cooperativa Primavera Nuova.
«Il progetto aggiunge l'assessore Antonietta Martino - ha l'obiettivo di far superare i disagi della sistemazione attuale rispondendo alla volontà espressa da tempo dalla famiglia di stabilirsi in un alloggio. Diamo loro questa opportunità convinti che il vivere sotto un tetto possa essere un aiuto concreto all'integrazione, oltre che un reale miglioramento della situazione legata all'area di sosta attuale».
Al Caile la sistemazione sarà dunque provvisoria ma stanziale, in attesa che si liberino gli alloggi Ater.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mauro Sartori

 
Di Fabrizio (del 07/07/2010 @ 09:36:20, in casa, visitato 1248 volte)

Da Roma_Francais

Ci sono campi di fortuna, nascosti sotto un ponte, rannicchiati su un terreno abbandonato... improvvisati dietro una strada. L'anticamera dell'espulsione. E poi ci sono, tra i Rom, quelli che sopravvivono al vagare. A Lilla, alcuni vivono nel vecchio ospedale Saint-Antoine, a Moulins.

Altri nel villaggio d'inserimento di Fives, in un pugno di case mobili. Altri infine avrebbero potuto stabilirsi a Wazemmes. Nell'ex scuola privata di rue Gantois, Saint-Michel. "Sette pezzi potevano essere trasformati molto rapidamente, sarebbe bastato mettere due docce." Chi racconta è padre Arthur, uno dei pionieri della questione rom nella metropoli. Pensava di avere una soluzione d'emergenza per sette famiglie a Mons-en-Baroeul, alloggiati in tende da quando le ruspe hanno demolito i loro ripari di fortuna a fine maggio. Ma Rom in rue Gantois, il sindaco non ne vuole. "Non voglio aprire quella scuola, anche se provvisoriamente", taglia corto Marie-Christine Staniec-Wavrant.

"Come utilizzare"

A padre Arthur, che gli aveva telefonato in settimana, l'assistente del comune di Lilla alla solidarietà ha opposto un niet categorico. Secondo la socialista, Lilla non ha la vocazione per accogliere tutta la miseria del mondo e fa già la sua parte. "Abbiamo 1.200 posti letti ricovero, il 30% dell'agglomerato. E' sempre lo stesso, si porta la povertà dove c'è già. Padre Arthur può chiedere a Bondues, Marcq-en-Baroeul o Lambersart." Cero. Ma questi tre comuni non si sono autoproclamati "Città della solidarietà". Padre Arthur, non demorde. "A Mons-en-Baroeul, queste famiglie sono state cacciate dal loro bosco, sono finite con le loro poco cose nella metropolitana. Che ne sarà di loro? Quella scuola sarebbe meglio per loro." C'è un esempio. Un precedente. A gennaio, cinquanta Rom si stabilirono in una vecchia scuola privata a Ronchin. Una struttura in disuso, messa a disposizione dal suo proprietario, l'Associazione fondiaria di Lilla e periferia (AFLB). La stessa, braccio immobiliare delle istituzioni cattoliche, recentemente ha avvertito padre Arthur: Lilla ha una scuola privata vacante, Saint-Michel, chiusa a giugno 2009. Alleluia, ha detto l'uomo di chiesa, che ha visto la possibilità di duplicare l'esperienza di Ronchin.

Ma, l'AFLB non ne è più proprietaria. La sindaca ha fatto valere il suo diritto di prelazione. L'edificio è suo. "L'atto è firmato," afferma Mme Staniec. "Riguarda un programma di alloggi sociali." Padre Arthur propone un compromesso: "Noi ci impegniamo a partire da una data convenuta. In attesa che si facciano i lavori, si può utilizzarlo."

Ma Mme Staniec non vuole intendere. "Se ci incontreremo, non si potrà fare niente. E poi mettere delle persone in un edificio non idoneo, non è rispondere ai loro bisogni." Rinviando ancora le responsabilità alle città vicine. Morale, quando Lambersart virerà a sinistra e la presidente Aubry negozierà una soluzione europea a Bruxelles, allora i Rom saranno salvati. Padre Arthur avrà la pazienza di attendere questo dono dal cielo? • S. B.

 
Di Fabrizio (del 04/07/2010 @ 09:47:19, in casa, visitato 2012 volte)

Da British_Roma

Roma Buzz Aggregator

30/06/2010 - I bulldozer sono al lavoro demolendo le case degli zingari anche se si avvicina il termine dato dall'ONU per la risposta che la Gran Bretagna deve fornire alla domanda fatta da Dale Farm (vedi QUI ndr) sullo sgombero di massa che allontanerebbe novanta famiglie dalla propria terra.

Ieri mattina sono entrati a Dale Farm una mezza dozzina di veicoli che portavano gli operai addetti alla demolizione, apparentemente per spaventare i residenti che saranno reindirizzati alla vicina Hovefields. Qui i Viaggianti hanno avuto un'ora per fare i bagagli prima dell'inizio della distruzione.

"Bambini piccoli giocavano attorno alla scavatrice," riporta Malcolm Tully, a membro della New Life Church. "Né gli ufficiali giudiziari, né la polizia hanno mostrato alcuna preoccupazione per la loro sicurezza. E' un chiaro infrangimento della legge."

Le denunce sono state immediatamente presentate all'UK Health and Safety Executive che ha iniziato un'indagine. Ma le demolizioni sono continuate ed alla fine della giornata diverse proprietà zingare, la maggior parte vacante, erano state rese inabitabili.

Ciononostante, gli avvocati hanno prevalso sul consiglio distrettuale di Basildon di sospendere la demolizione di Five Acres Farm, il cui proprietario è in un ospedale di Londra per cure cardiologiche. Sua moglie è tornato al sito, subito dopo l'arrivo degli ufficiali giudiziari, e ha trovato tagliate acqua ed elettricità.

Il giorno prima, la proprietaria romanì Sylvia Taylor aveva contattato Basildon e ricevuto assicurazione che non sarebbe stata presa nessuna azione senza un preavviso di 28 giorni. Nel caso ci fossero gravi e continuati danni nel vicinato, la sua proprietà verrebbe risparmiata dalla demolizione immediata grazie al ricorso del suo avvocato.

Un avvocato, che ha partecipato settimana scorsa ad un incontro ai massimi livelli con la polizia dell'Essex, ha espresso rammarico perché quanto ottenuto allora sembra ora messo in discussione. Ha dichiarato che qualsiasi richiesta motivata riguardo attività penali da parte di ufficiali giudiziari, in particolare le violazioni del diritto alla sicurezza dei bambini, deve dar luogo ad una denuncia formale.

Non vi è dubbio che questo sgombero stile cowboy sia il risultato di azioni pianificate da tempo. Questo si aggiunge al sospetto ventilato solo una settimana fa, che il consiglio distrettuale di Basildon, che ha assunto la compagnia privata Constant per allontanare i cosiddetti Zingari illegali dal distretto al costo di quattro milioni di euro, sia impegnato in quello che equivale ad una cospirazione criminale.

Nell'ambito della procedura di un'azione urgente, Anwar Kemal, presidente del Comitato ONU sull'Eliminazione della Discriminazione Razziale, ha richiesto alla Gran Bretagna di sospendere il previsto sgombero di Dale Farm ed invece di impegnarsi a dialogare con la comunità per arrivare a fornire adeguate sistemazioni alternative.

Aggiunge che secondo le informazioni ricevute, Constant & Co si è resa responsabile di sgomberi brutali di altre comunità romanì e viaggianti, durante i quali sono state distrutte proprietà private e sono avvenuti abusi razziali. La compagnia è stata criticata dall'Alta Corte.

"Se il  vostro governo decide comunque di procedere come previsto nello sgombero," scrive Kemal, "dev'essere effettuato d'accordo col diritto internazionale ed accompagnato da una rilocazione verso un sito destinato a sistemazione alternativa."

Il governo britannico ha tempo sino al 30 luglio per rispondere a questa richiesta.

 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


27/10/2021 @ 15:17:05
script eseguito in 62 ms

 

Immagine
 Milano via Idro 62 - anno 1990... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 171 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< ottobre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
LOAN OFFER TO SERIOUS PEOPLEDo you need a quick lo...
20/10/2021 @ 13:32:11
Di patiala
OFFERTA DI PRESTIT0 GRATUITO klauscampregher21@gma...
14/10/2021 @ 14:28:34
Di klauscampregher
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2021 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source