Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
L'essere straniero per me non è altro che una via diretta al concetto di identità. In altre parole, l'identità non è qualcosa che già possiedi, devi invece passare attraverso le cose per ottenerla. Le cose devono farsi dubbie prima di potersi consolidare in maniera diversa.

Wim Wenders
-

Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 14/12/2010 @ 09:26:55, in casa, visitato 1417 volte)

Il presidente del Tribunale di Busto ha disposto la riunione dei fascicoli: il processo civile per l'area del campo di via Lazzaretto ripartirà nel 2011

La causa civile tra Comune e famiglie del campo Sinti di via Lazzaretto riprenderà a gennaio: il presidente del Tribunale di Busto Arsizio ha disposto che i fascicoli dei singoli procedimenti (nove, in mano a tre giudici diversi) siano riuniti e affidati ad un unico giudice. L'udienza è stata fissata per il 25 gennaio: il legale del gruppo di famiglie del campo chiederà probabilmente l'ammissione di alcuni testimoni, per ricostruire la tesi sostenuta fin dall'inizio, vale a dire che tra Comune e Sinti non vi fosse un contratto vero, ma una proposta unilaterale.

Anche se spesso si parla di comunità Sinti, in realtà in via Lazzaretto (nella foto) abitano nuclei famigliari distinti, per ognuno dei quali è stato avviato un procedimento di sfratto: da questo è nato l'allungamento dei tempi del processo. Parallelo al percorso scelto dai 9 nuclei che si sono affidati ad un avvocato, prosegue l'iter della causa per le altre sei famiglie: la prossima udienza per questo gruppo è fissata martedì 21 dicembre. Anche in questo caso probabilmente i procedimenti saranno riuniti e aggregati agli altri. E anche in questo caso, dunque, è previsto l'ulteriore rinvio a gennaio.



Le famiglie Sinti di via De Magri furono trasferite nel settembre nel 2007 in via Lazzaretto, in una zona periferica tra Cedrate, Caiello e Cavaria, sulla base di un accordo di durata annuale. L'anno dopo l'affitto non venne rinnovato, nonostante non emergessero problemi particolari (la Lega invece denunciava degrado legato all'accumulo di rifiuti). Le associazioni cattoliche hanno sempre criticato l'isolamento eccessivo del campo, poco favorevole a percorsi d'integrazioni: per questo Acli, Caritas e San Vincenzo proposero anche un progetto specifico, che però non è stato ritenuto adatto dall'Amministrazione. Si confidava forse proprio nella possibilità dello sfratto, per cercare di spingere le famiglie ad abbandonare l'idea della vita in comunità e in case mobili. I tempi degli sfratti però sono risultati ben più lunghi di quanto previsto dall'Amministrazione.

11/12/2010
Roberto Morandi - redazione@varesenews.it

 
Di Fabrizio (del 26/11/2010 @ 09:17:02, in casa, visitato 1972 volte)

Corriere della Sera Famiglia nomade fa sgomberare gli abusivi: quell'alloggio era assegnato a noi

MILANO - Rosa quasi non ci credeva più, e invece. Dieci anni di attesa ma alla fine anche lei e la sua famiglia - marito e quattro figli, sinti italiani del campo di via Idro - dopo tutta la trafila erano riusciti a scalare la classifica dell'Aler e ottenere una casa. Peccato solo che quando si sono presentati a prenderne possesso l'abbiano trovata già abusivamente occupata. Da una famiglia italiana a sua volta, che solo ieri è stata a sua volta sfrattata: inizialmente aveva pensato di rivolgersi a sua volta alla Casa della Carità, ma in serata ha evidentemente trovato il modo di arrangiarsi altrimenti.
«Adesso ci manca soltanto - ironizzava ieri don Virginio Colmegna con amarezza - che qualcuno scateni la campagna sugli italiani che vengono sfrattati per far posto agli zingari...».
L'episodio, in verità, rappresenta un capitolo parallelo rispetto al problema dello svuotamento di quell'altro - più famoso - campo rom di via Triboniano: quello interessato dalle polemiche degli ultimi mesi sulle famose case Aler che il Piano Maroni sottoscritto dal Comune destinava, prima che il Comune stesso cambiasse idea, ai percorsi di uscita dei suoi occupanti. Un'area complessa, una parte della quale - il vecchio settore bosniaco - si è peraltro già svuotata quasi del tutto un po' alla volta senza tanto rumore, attraverso gli itinerari più vari e l'individuazione di alloggi anche sul mercato privato: salvo la presenza di un'ultima famiglia, attualmente «circondata» dalle altre di origine romena tuttora in attesa di una soluzione.

Ma la famiglia di Rosa non c'entrava nulla con tutto questo. Quella di Rosa, come altre famiglie italiane del campo di via Idro, è solo una di quelle che da molti anni hanno fatto una semplice, regolare domanda in cui segnalare i propri requisiti per l'assegnazione di una casa popolare. E alla fine Rosa ce l'ha fatta: presentatevi in via Vincenzo da Seregno - diceva la lettera che le era arrivata qualche giorno fa - e andate a vivere nella casa che vi è stata assegnata. Solo che quando ci sono arrivati hanno trovato la porta chiusa e un'altra famiglia già dentro da anni. Anche in questo caso una donna con un marito e quattro figli, di origine calabrese. La variazione sul tema è che questa volta gli abusivi erano loro, e a dover chiedere l'intervento della polizia sono stati gli «altri».
La polizia è intervenuta ieri. E così nel pomeriggio è stato lui, l'occupante abusivo italiano, a ritrovarsi in strada con i mobili: le sue proteste davanti alle telecamere e ai fotografi non sono servite. E oggi la famiglia di Rosa, salvo sorprese, entrerà nella sua nuova casa.

Paolo Foschini
24 novembre 2010

 
Di Fabrizio (del 12/11/2010 @ 09:59:06, in casa, visitato 1421 volte)

Segnalazione di Paolo Teruzzi

 il link per chi legge da Facebook

De Corato (Pdl): "Se cominciamo a dare le case ai Rom, ne arriverà un milione". Salvini (Lega): "Nessuno fa politica nella Lega per dare privilegi a chi vive nei campi".

Trascinata fino alle soglie della nuova campagna elettorale per le prossime comunali, a Milano l'emergenza nomadi stenta a trovare una conclusione. Nonostante i milioni di euro stanziati dal ministero dell'Interno, la maggioranza di centro destra litiga sulle soluzioni.

Le ambizioni di Roberto Maroni si infrangono sui muri del più grande campo di Milano, quello di via Triboniano, dove l'assegnazione di alcune case comunali ha fatto insorgere Lega e Pdl. Il Comune fa marcia indietro, ma i contratti ci sono, e i Rom portano Maroni e la Moratti in tribunale.


A proposito:

Nell'ambito della campagna DOSTA! di Milano

12 novembre - ore 18-20.30 Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, via Romagnosi 3 MILANO
"Rom: a Milano si può? Politiche abitative (e altro): soluzioni possibili"
Saluti: Carlo Feltrinelli presidente della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli
Introduzione: un esponente dell'UNAR; Alfredo Alietti, Upre Roma, docente di sociologia università degli studi di Ferrara

Testimonianze: don Massimo Mapelli, Casa della Carità; abitanti dei campi; Interventi: Laura Balbo, docente di sociologia università degli studi di Padova; Antonio Tosi, docente di sociologia urbana al Politecnico di Milano; Tommaso Vitale, Scientific Director of the Master "Governing the Large Metropolis" CEE, Sciences Po Paris

E' stata invitata Mariolina Moioli, assessore alle politiche sociali Comune di Milano.

 
Di Fabrizio (del 06/11/2010 @ 09:33:52, in casa, visitato 1316 volte)

quiBrescia.it venerdì 05 novembre 2010

(red.) Potrebbe finalmente trovare una soluzione la questione che ha visto contrapposti comune di Brescia e comunità sinti sulla questione del campo di via Orzinuovi (leggi qui, qui e qui).

La parola fine potrebbe essere definitivamente messa con il cosiddetto "Patto di cittadinanza", un documento, approvato da entrambe le parti, che consente la permanenza temporanea delle famiglie di sinti nel campo alla periferia della città e obbliga l'Amministrazione a bonificare l'area entro febbraio 2011.

Secondo quanto previsto nell'accordo, che è al centro di un incontro promosso da Arciragazzi, Cgil e Fondazione Piccini in programma sabato alle 21 nella Casa del Popolo di via Risorgimento 18, la Loggia "procederà alla chiusura del campo allo scadere dell'anno di validità del Patto, prorogando eventualmente i tempi dello sgombero per massimo tre mesi, in funzione del rispetto o meno delle regole stabilite e dell'impegno assunto nella ricerca di proposte alternative di collocazione".

Il Patto ha ottenuto il sì anche di Damiano Galletti, segretario della Cgil di Brescia (leggi qui) che si era battuta per una bonifica del campo, e da Donatella Albini, consigliere comunale.

Le venti famiglie attualmente nel campo di via Orzinuovi vi potranno rimanere fino al completamento dei lavori, al termine dei quali cinque di esse saranno trasferite in un altro contesto con il supporto del comune.

I sinti, per rimanere nel campo, saranno tenuti a rispettare il pagamento di alcune quote (leggi qui).

L'accordo prevede anche che in ogni piazzola possano sostare due caravan, mentre nell'area attrezzata per famiglie non potranno fermarsi altri mezzi.

Una volta avvenuta la bonifica dell'area, ogni nucleo familiare dovrà versare al comune 150 euro al mese per i consumi elettrici. 50 euro in più nel caso in cui nella piazzola fosse presente più di una famiglia.

La spesa per l'acqua, invece, sarà suddivisa in base al numero degli occupanti, calcolato al 50% per i bambini al di sotto dei 12 anni e secondo i consumi effettivi.

Inoltre, i sinti dovranno pagare 47 euro mensili per lo spazio occupato. La manomissione e/o il danneggiamento delle strutture presenti nell'area comporteranno invece l'allontanamento delle famiglie responsabili.

 
Di Fabrizio (del 13/10/2010 @ 09:59:26, in casa, visitato 1381 volte)

Gazzetta di Reggio di Marco Martignoni

L'assessore Matteo Sassi propone: "Una casa popolare anche per le giovani coppie di nomadi, purché lavorino e mandino a scuola i figli".

REGGIO. E se le campine non fossero l'unica soluzione per l'integrazione dei nomadi? Ne è convinto l'assessore comunale al welfare Matteo Sassi che dopo le dichiarazioni del sindaco Delrio - "i soldi per proseguire in questo momento non ci sono e il provvedimento è fermo" - lancia il suo progetto. Un progetto per molti versi innovativo e che, probabilmente, farà discutere. "Non mi sogno certo di chiedere a un capo famiglia Sinti di lasciare il campo e le sue tradizioni per sposare un progetto casa - dice Sassi - ma se noi investiamo nelle giovani coppie, allora possiamo invitarle a partecipare alle graduatorie per l'assegnazione degli alloggi popolari. E' un modo per avere un'integrazione vera che ci possa permettere di ricacciare la paura".

LE CRITICHE. Invitare i giovani nomadi a "gareggiare" per avere una casa popolare, potrebbe provocare reazioni pesanti, in particolare tra i reggiani. "Sulle giovani generazioni - aggiunge l'assessore - possiamo avviare un progetto con punti saldi precisi: scolarizzazione, casa e lavoro. Il principio cardine sul quale deve basarsi il nostro ragionamento politico è il superamento della logica del campo nomadi. I cittadini forse non lo sanno, ma su una popolazione nomade residente in città di 800 persone, solo 300 vivono nei campi. I reggiani non si sono accorti che sono in realtà decine le campine sparse per la città. Il mio obiettivo è che per il cittadino, il Sinto sia una persona e non un demone. Ecco perché dove si è realizzato un percorso di integrazione vero, si sono ottenuti risultati ottimi. Campine sì, campine no? Non mi faccio certo calamitare da un dibattito che non mi appartiene".

NESSUN PRIVILEGIO. L'assessore poi ci tiene a precisare. "Lo strumento che propongo - spiega - parte dalle condizioni economiche di una coppia giovane. Potremo dare loro una casa se ne faranno richiesta e senza alcun privilegio, ma solo se avranno diritto ad accedervi. Questa è la differenza tra noi e quanto succede a Milano. Dove una persona, in quanto nomade, non ha nemmeno la possibilità di accedere ai servizi abitativi". Poi un accenno su quanto dichiarato dal sindaco in merito ai tagli agli enti locali. "Il sindaco - aggiunge Sassi - ha riportato al tema attuale degli enti locali. Il tentativo del governo è quello di destrutturare il meccanismo degli enti locali. La manovra incide a questo livello. Le campine, al pari delle altre opere pubbliche, sono progetti congelati. Basta fare un esempio: da aprile ad oggi il Comune ha speso meno della metà sulle manutenzioni straordinarie. Questo tanto per dare il senso della crisi economica che incombe anche su di noi".

LE SOLUZIONI. Secondo Sassi per affrontare nel migliore dei modi il "problema" nomadi, il ragionamento politico da fare abbraccia anche la nascita delle campine. "Perché fare le campine? - si chiede l'assessore - L'obiettivo vero è superare i campi nomadi. La campina non è il fine, ma il superamento dei campi è il traguardo da tagliare. Le microaree sono sempre state uno strumento per farlo. Non lo strumento, ma uno strumento. Il punto politico è il superamento del campo che non permette una vera integrazione sociale e culturale. Finché non si arriva a un punto di incontro, la soglia dei pregiudizi e della paura non si abbassa".

CONTINUITA'. "Non abbiamo ripensato la nostra politica - ha detto nei giorni scorsi il sindaco Delrio alla Gazzetta -, la prospettiva di arrivare a chiudere i campi nomadi è una prospettiva che come amministratori locali abbiamo tutti, e che si pone all'interno di un programma nazionale di riduzione dei campi nomadi. Il tema di via Gramsci è da avviare a soluzione, ma va detto che la prima micro-area è stata allestita con finanziamenti regionali. Oggi, però, hanno tagliato tutti i fondi. I soldi per proseguire in questo momento non ci sono, e il provvedimento è fermo. Mancano le risorse: le difficoltà che riguardano i reggiani purtroppo riguardano anche loro". E' su queste basi che si fonda un'altra proposta di Sassi. "Per abbassare il livello di paura dei cittadini - dice - proviamo a rendere più visibili le condizioni in cui vivono i nomadi nei campi. Allora i reggiani si accorgeranno di quanto avviene in quelle aree. Conoscendo quella realtà, la si potrà vivere senza paura".

10 ottobre 2010

 
Di Fabrizio (del 10/10/2010 @ 09:02:10, in casa, visitato 1313 volte)

Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer

I capi del Pdl e della Lega di Milano, il Sindaco e il Vicesindaco del capoluogo lombardo e tutti gli altri illustri esponenti delle istituzioni locali e nazionali, che in queste ultime settimane hanno animato l'incredibile gazzarra sulle 25 case ai rom di via Triboniano, dovrebbero semplicemente chiedere scusa ai cittadini e alle cittadine.

Lo farebbero, se gli fosse rimasto ancora un briciolo di dignità, perché la realtà che sta emergendo, dopo settimane di politica politicante ed urlante, ci consegna la fotografia di un'ignobile montatura elettorale, fatta da bugie, prese per i fondelli e violazioni di regole ed accordi sottoscritti.

L'ultimo atto di questa imbarazzante e disgustosa commedia l'abbiamo letto stamattina su il Giorno di Milano, che accanto al solito ritornello decoratiano del "verranno sgomberati", riporta le dichiarazioni del Prefetto di Milano, Gian Valerio Lombardi, il quale dichiara, invece, che il campo di via Triboniano non verrà sgomberato. Anzi, trattandosi di un campo regolare e non abusivo, sgomberarlo "sarebbe come intervenire in una casa privata; si commetterebbe reato". In altre parole, bisogna trovare soluzioni concordate.

E bene ha fatto, dunque, la Casa della Carità a pubblicare sul suo sito web finalmente la dettagliata e documentata cronistoria degli ultimi mesi. Nulla di nuovo, beninteso, nel senso che non rivela certo segreti, ma in cambio mette in fila quei fatti, coperti e nascosti da settimane di fango.

Infatti, i 25 (venticinque) appartamenti non sono stati sottratti ai milanesi in graduatoria per una casa popolare, poiché vuoti, abbandonati e bisognosi di ristrutturazione. E quindi, la Giunta regionale ha deliberato il 5 agosto scorso, all'unanimità, dunque Lega compresa, di toglierli da patrimonio Erp dell'Aler. La ristrutturazione sarebbe stata gestita dal Comune di Milano e finanziata da un apposito stanziamento di 300mila euro del Ministro Maroni.

Riassumiamo. Il Triboniano è un campo comunale e regolare e suoi residenti sono regolari e quindi non possono essere sgomberati. Quindi, volendo liberare l'area, visto che si trova sulla traiettoria dell'Expo, il Comune, la Regione e il Ministero degli Interni, gestiti tutti quanti dalle stesse forze politiche, cioè Pdl e Lega, hanno deciso di concordare con la Casa della Carità un piano, al fine di trovare soluzioni alternative e negoziate per le 104 famiglie riconosciute del Triboniano.

A tal fine, sono già stati firmati, dai rappresentanti del Sindaco e del Ministro, alcuni accordi, relativi all'ingresso negli appartamenti dei primi 11 nuclei familiari.

Ma poi, qualcuno si è ricordato della campagna elettorale e del bilancio disastroso dell'amministrazione Moratti e ha pensato bene di riesumare un po' di campagna razzista contro i rom, che funziona sempre.
A questo punto, però, il re è nudo e non rimangono che due strade. La prima ci porta fuori dalla democrazia e dalla Costituzione e consiste nel fissare formalmente il principio che in Italia c'è un'etnia a cui è inibito l'accesso ad alcuni servizi e diritti. La seconda è quella di porre fine alla gazzarra, assumersi le proprie responsabilità e trovare delle soluzioni.

La scelta sta unicamente alla Moratti, a De Corato e a Maroni.

 
Di Sucar Drom (del 08/10/2010 @ 09:35:14, in casa, visitato 1446 volte)

Il Mattino

GIUGLIANO (5 ottobre) - Un muro traccerà la linea di confine tra le imprese e le nuove case dei rom.
La barriera di mattoni alta tre metri, finanziata dalla Provincia, assieme a una nuova ordinanza di sgombero, farà scattare a breve il conto alla rovescia per portare gli ex nomadi fuori dalla zona Asi.

Dopo anni di braccio di ferro tra gli imprenditori e le associazioni, venerdì se ne discuterà in Prefettura. Sul tavolo le modalità di trasferimento e, probabilmente, di selezione dei 120 rom – sui quasi seicento presenti da metà degli anni Ottanta all’interno dell’area industriale - che dovranno alloggiare nel villaggio attrezzato dal Comune, sempre a pochi passi dall’Asi. Addio baracche di legno e lamiere, senza acqua e senza luce, ma solo per una parte delle famiglie, in pratica. Di soluzioni abitative alternative, infatti, finora non si è mai discusso, né era andato a buon fine il tentativo di provincializzare - cioè di spostare in altri comuni - i rom in esubero.

Sul destino degli ex nomadi restano vigili le associazioni che già a dicembre 2009 erano scese in campo per strappare la sospensione dell’ordine di sgombero della Procura, legato all’inquinamento delle aree. Ora, però, i tempi sembrano maturi per andare avanti. Le condizioni per far scattare il piano ci sarebbero quasi tutte. Il villaggio attrezzato del Comune potrebbe essere completato entro ottobre con l’installazione dei 24 alloggi prefabbricati. Mentre si attende che sia tutto pronto il Comune paga un istituto di vigilanza per proteggere l’area dai vandali...

Tonia Limatola

 
Di Fabrizio (del 04/10/2010 @ 09:58:45, in casa, visitato 1524 volte)

Segnalazione di Stefano Romboli

Senzasoste.it

La famiglia patriarcale di Dibran Izeir, 12 persone tra figli, nuore e nipoti, residente a Livorno da sette anni, si è iscritta all'Unione Inquilini nel 2009 per uno sfratto di morosità con sentenza del giudice, non essendo riuscita a pagare i 1500 euro al mese richiesti in Piazza Cavallotti.

Nei due costosi appartamenti limitrofi erano stati abbandonati dal Comune di Pisa, dopo il fallimento e la conclusione di "Città sottili" che ha lascato in eredità 50 sfratti per morosità a Pisa e dintorni.
A settembre 2009 è iniziata la difficile trattativa tra Unione Inquilini e assessorato al sociale, coinvolgendo anche la Fondazione Michelucci, al fine di trovare una soluzione per la famiglia.

Grazie all'impegno dell'ex assessore Maria Pia Lessi e alle nostre pressioni, l'amministrazione di Pisa, che a settembre aveva dichiarato concluso ogni impegno nei confronti della famiglia di Dibran, è stata coinvolta ed ha accettato di dare un sostegno economico, per dare il tempo al comune di Livorno di reperire una soluzione abitativa alternativa.

A questo fine è stato coinvolto l'assessore Picchi con il suo ufficio casa, che ha individuato una possibile soluzione in una struttura ex–Asl abbandonato da 8 anni ma sostanzialmente in buone condizioni.
Tutto bene dunque: nei primi mesi 2010 la delibera è pronta, manca solo la firma del Sindaco, ma a questo punto salta il banco: l'assessore Lessi si dimette, Picchi lascia la delega alla casa e per ben 7 mesi il Sindaco non riassegna queste importantissime deleghe.

E' la fine di un sogno per questa famiglia dopo che per 12 mesi l'Unione Inquilini è riuscita a mantenerli in casa, grazie anche alla sensibilità dimostrata nel corso dei quatto picchetti, dall'ufficiale giudiziario e dagli avvocati della controparte, che hanno seguito insieme a noi l'evolversi della trattativa. Non c'è stato più niente da fare per l'assenza di interlocutori istituzionali a Livorno, a garanzia egli impegni presi.
La famiglia è stata costretta a lasciare la dimora di Piazza Cavallotti.

Da parte nostra continueremo a seguire l‘evolversi del caso: i bambini non devono perdere la scuola, frequentata regolarmente da 5 anni a Livorno, dove sono ben inseriti con il nonno e la famiglia.

Il giorno 8 ottobre, nell'incontro con il Sindaco intendiamo riaffermare le nostre proposte e la necessità di concludere il percorso iniziato da Lessi e da Picchi.

per l'Unione Inquilini
Daria Faggi

Livorno 30 settembre 2010

 
Di Fabrizio (del 05/09/2010 @ 09:14:43, in casa, visitato 1302 volte)

VareseNotizie.it GIOVEDÌ 02 SETTEMBRE 2010 17:27 VALERIA DESTE

GALLARATE - I sinti sono fiduciosi: "Crediamo che il giudice che segue la questione si sia messo una mano al cuore e abbia deciso di prolungare i tempi per trovare una soluzione". Comunque andranno le cose, loro ribadiscono il concetto: "Noi da Gallarate non ce ne andiamo.

Siamo residenti tutti in questa città e la maggior parte di noi è nata qui. Invece di spostarci dopo venti anni da via De Magri, per metterci qui, spendendo soldi, per un anno, potevano mandarci via subito". In realtà, i sinti "gallaratesi" sarebbero anche disposti a traslocare, "purché si decida per un'altra area a Gallarate: in quel caso saremmo disposti ad andare via in giornata, ma non all'interno di mura domestiche, moriremmo. Se, invece, l'intenzione è di spostarci in un altro comune, allora non ci stiamo. Piuttosto occupiamo abusivamente uno spazio. Non siamo pedine, ma persone. E' anche normale che un altro comune dica di no, perché dovrebbe farsi carico dei problemi di un vicino di casa?"

"ABBIAMO DEMOLITO LE STRUTTURE ABUSIVE"
I sinti del civico 50 si riferiscono ai vari muretti in mattoni realizzati in più zone dell'area attrezzata. Una volta che gli è stata fatta presente la situazione di abusivismo, li hanno smantellati. "Ciò che c'era d'abusivo non c'è più", dichiarano.

"VENITE A VEDERE L'AREA ATTREZZATA"
Questo è l'invito che lanciano a chiunque fosse scettico. "Questo non è un campo nomadi – continuano – è una vera e propria area attrezzata. Qui non c'è il rischio che qualcosa bruci, abbiamo tutti il salvavita. Abbiamo spostato le roulotte in modo da mantenere una distanza di sicurezza l'una dall'altra. Noi viviamo qui, ci teniamo alla sicurezza dei nostri figli. Non rubiamo e paghiamo per l'utilizzo della piazzola. Alcuni campi nomadi di Milano e Roma, che fanno tanta paura alla gente, fanno paura anche a noi: nemmeno noi ci entreremmo".

 
Di Fabrizio (del 03/09/2010 @ 09:27:33, in casa, visitato 1700 volte)

Segnalazione da Sara Palli

PisaNotizie.it

Oggi intorno all'ora di pranzo donne, uomini e bambini, hanno invaso il cortile delle case che devono da tempo essere assegnate. Poiché non tutti troveranno alloggio all'interno dei nuovi edifici, oggi sono arrivati due container destinati ai nuclei familiari che rimarranno esclusi. Le famiglie: "Quei container sono invivibili, chiediamo chiarimenti e risposte al Comune"

Esplode la rabbia e la protesta delle famiglie che abitano al campo di Coltano. Per le decine di famiglie che aspettano da anni che siano assegnate loro le case costruite proprio accanto al campo, la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la comparsa intorno all'ora di pranzo di due vecchi container della Protezione Civile, uno dei quali è stato posizionato all'interno del complesso delle costruzioni ormai da tempo completate.

Infatti il numero di abitazioni che è stato costruito è inferiore rispetto al numero di famiglie che abitano nel campo, per cui questi primi container sarebbero destinati a coloro a cui non verrà assegnata la casa. Gli edifici di Coltano potranno ospitare 17 famiglie, ma i nuclei familiari presenti nel campo sono 23 e le abitazioni sono fatte di due o tre vani mentre nella maggior parte dei casi siamo di fronte a nuclei familiari molto numerosi.

La mancanza di qualsiasi comunicazione preventiva di questa decisione ha fatto perdere la pazienza alle famiglie, che da anni attendono una sistemazione. Da qui la decisione di entrare per protesta all'interno dei cortili delle nuove abitazioni per chiedere chiarimenti all'amministrazione comunale, affinché si apra un confronto e per non essere rinchiusi in container che risultano essere anche peggiori delle baracche in cui oggi abitano le famiglie.

La protesta è durate oltre tre ore. Sul posto è giunto in forze il personale della polizia municipale, della polizia e dei carabinieri. Si è aperto così un canale di comunicazione tra le famiglie e il capo della polizia municipale, dott. Massimo Bortoluzzi. Alla notizia che l'amministrazione comunale avrebbe discusso del problema, data dallo stesso Bortoluzzi alle mamme, ai papà e ai bambini che hanno "invaso" pacificamente il piazzale, la situazione si è sbloccata ed intorno alle 16 tutte le famiglie sono uscite dal cancello che delimita le nuove abitazioni.

"Non vogliamo più essere presi in giro - afferma uno degli uomini che vive nel campo da oltre dieci anni - Si sapeva da tempo che non c'era il posto per tutti in quelle case ed ora senza che nessuno ci avesse mai detto nulla prima, arrivano dei container che sono delle trappole invivibili".

"Sono mesi che aspettiamo - incalza una donna con il suo bimbo al collo - e ancora non si sa chi verrà fatto entrare e chi no. Noi non vogliamo vivere nei container ma nelle case come tutti. Lavoriamo, mandiamo i nostri figli a scuola, è una questione di giustizia".

Con le famiglie era presente Padre Agostino Rota Martir: "Questo episodio conferma ancora una volta come le vittime siano i rom, che non vengono mai coinvolti ma devono solo subire le decisioni. Nessuno li aveva mai informati che alcune famiglie sarebbero state chiuse nei container. Il Comune deve gettare la maschera ed assumersi le sue responsabilità".

Ad oggi, infatti, nonostante da mesi una commissione lavori ad hoc su questa questione, non è stato definito chi entrerà nelle abitazioni e quando le porte di queste case saranno aperte. Nel corso del 2010 l'apertura è già slittata più volte e non vi è ancora una data precisa.

Le famiglie attendono quindi una risposta dal Comune: "Oggi siamo andati via - ci spiega uno degli abitanti del campo - perchè vogliamo chiarimenti. Se domani o dopodomani il Comune non ci spiegherà veramente cosa intende fare, riprenderemo la protesta, riaprendo questi cancelli".

Uno dei container è così rimasto sul piazzale accanto alle case, l'altro invece è stato portato via. "Mi chiedo come non si capisca - afferma Padre Agostino - che portare accanto alle case dei container sia una scelta sbagliata, tanto più che una cosa simile non era mai stata annunciata. Serve un confronto, ma non sembra che l'amministrazione sino ad oggi sia stata di questo avviso".


Ricevo inoltre da Agostino Rota Martir

Ci avete rubato anche la festa!

Mentre scrivo a pochi metri da qui, il villaggio Rom è cinturato da un ingente dispiegamento delle forze dell'ordine, venute per chi? Ce lo chiediamo in molti, per cercare di capire il motivo di tanta polizia... era evidente lo scopo di tenere a distanza i Rom per tutelare i "benefattori", asserragliati all'interno del villaggio, il cancello chiuso e sotto guardia che impedisce l'accesso ai Rom.

E' l'esatta fotografia del Progetto Città Sottili: molti Rom fuori che gridano la loro rabbia, altri piangono disperati per le ferite inflitte all'animo, a volte con arroganza, tutti gli altri smarriti, increduli. All'interno gli operatori, assistenti sociali, dirigenti, responsabili... Un Progetto che esclude dei Rom e protegge i suoi "benefattori". E' il paradosso che si celebra in questa triste giornata, è la parodia del ridicolo vissuta alla luce del sole, senza alcun senso di vergogna: il villaggio Rom occupato dai "prepotenti", da coloro che molte volte si sono serviti dei Rom per inseguire i loro interessi e che non accettano di essere smascherati dai Rom stessi, ecco allora, fare mostra della loro arroganza e meschinità. Anche chi riceveva la consegna dell'appartamento, aveva stampato sul volto lo smarrimento e la paura.

Ieri un gruppo di Rom, con le loro famiglie ormai stanchi di non avere una minima risposta alle loro domande, occupava il villaggio, impedendo di fatto l'accesso a due container: per chi sono questi container (uno fatiscente, senza porte e finestre, ammuffito...)? Volevano delle risposte, puntualmente negate dal responsabile Simone Conzani, così il gruppo, stanco del silenzio, esasperato dall'ennesimo rifiuto, messo in disparte, come fossero degli appestati, senza una plausibile ragione, decidono di occupare il villaggio e di chiudersi all'interno, bloccando di fatto i container fuori del villaggio.

Dopo una trattativa in cui chiedevano garanzie per un dialogo con l'Assessore alle Politiche Sociali di Pisa, per essere coinvolti nelle decisioni riguardanti la loro vita e quella delle loro famiglie, ecco la risposta arrivare puntuale questa mattina: il dialogo è visto come una minaccia per il comune di Pisa, che finalmente accetta di togliersi la maschera che in questi anni abilmente ha utilizzato, e mostrare il suo vero volto: quello della forza e della prepotenza. Il dialogo visto come un istigazione, una minaccia, un intralcio, una perdita di tempo.

Chi è il vero istigatore in tutta questa vicenda? Sono forse i Rom, l'Associazione Africa Insieme, il sottoscritto, chi chiede il rispetto verso le persone e i loro diritti? So solo e lo constato amaramente che quest'oggi il comune di Pisa di fatto "legalizza" un'ingiustizia! Lo ripeto ancora a distanza di qualche anno: "Le persone sono più importanti del progetto", ed oggi questa verità risulta sempre vera e quanto mai provocatoria: le forze dell'ordine impiegate a difesa del progetto contro persone che hanno pazientato per otto anni, che hanno avuto forse il torto di fidarsi di tante promesse.

Il Comune di Pisa ci ha rubato la festa. Posso testimoniare che tutte le famiglie Rom del campo in questi ultimi anni attendevano con ansia e gioia l'apertura del villaggio, c'era chi risparmiava in vista di entrare nel nuovo alloggio, era un'attesa carica di timore ma anche di speranza. Poca fa, una donna del campo che ha avuto l'appartamento, mi disse con un po' di amaro in bocca: "Quando sono entrata nel villaggio mi tremavano le ginocchia dalla paura... (non certo a causa dei Rom, come qualcuno vorrebbe far credere!!) con tutti quei poliziotti attorno." Come leggere questo dispiegamento di forza, del tutto inutile, se come una prova di "cattiveria", con lo scopo di umiliare la dignità delle persone e come uno schiaffo all'integrazione?

Quando la forza sostituisce il dialogo è un brutto segno, per tutti! E' un allarme da prendere in seria considerazione.

A quest'ora, che i "benefattori" e le forze dell'ordine hanno lasciato il villaggio, i Rom finalmente possono distendere i sorrisi sui loro volti. Gli altri esclusi, nel vecchio campo discutono ancora sull' immediato futuro, le donne con le lacrime agli occhi stringono a sé i più piccoli, per tranquillizzarli e scacciare da loro cattivi incubi.

Don Agostino Rota Martir

Coltano, campo Rom, ai bordi del nuovo villaggio Rom – 2 Settembre 2010

 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


27/10/2021 @ 15:08:56
script eseguito in 63 ms

 

Immagine
 Manifestazione a Sofia (BG) contro la discriminazione... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 137 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< ottobre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
LOAN OFFER TO SERIOUS PEOPLEDo you need a quick lo...
20/10/2021 @ 13:32:11
Di patiala
OFFERTA DI PRESTIT0 GRATUITO klauscampregher21@gma...
14/10/2021 @ 14:28:34
Di klauscampregher
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2021 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source