\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Scoppia la protesta delle famiglie del campo rom
Di Fabrizio (del 03/09/2010 @ 09:27:33, in casa, visitato 1561 volte)

Segnalazione da Sara Palli

PisaNotizie.it

Oggi intorno all'ora di pranzo donne, uomini e bambini, hanno invaso il cortile delle case che devono da tempo essere assegnate. Poiché non tutti troveranno alloggio all'interno dei nuovi edifici, oggi sono arrivati due container destinati ai nuclei familiari che rimarranno esclusi. Le famiglie: "Quei container sono invivibili, chiediamo chiarimenti e risposte al Comune"

Esplode la rabbia e la protesta delle famiglie che abitano al campo di Coltano. Per le decine di famiglie che aspettano da anni che siano assegnate loro le case costruite proprio accanto al campo, la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la comparsa intorno all'ora di pranzo di due vecchi container della Protezione Civile, uno dei quali è stato posizionato all'interno del complesso delle costruzioni ormai da tempo completate.

Infatti il numero di abitazioni che è stato costruito è inferiore rispetto al numero di famiglie che abitano nel campo, per cui questi primi container sarebbero destinati a coloro a cui non verrà assegnata la casa. Gli edifici di Coltano potranno ospitare 17 famiglie, ma i nuclei familiari presenti nel campo sono 23 e le abitazioni sono fatte di due o tre vani mentre nella maggior parte dei casi siamo di fronte a nuclei familiari molto numerosi.

La mancanza di qualsiasi comunicazione preventiva di questa decisione ha fatto perdere la pazienza alle famiglie, che da anni attendono una sistemazione. Da qui la decisione di entrare per protesta all'interno dei cortili delle nuove abitazioni per chiedere chiarimenti all'amministrazione comunale, affinché si apra un confronto e per non essere rinchiusi in container che risultano essere anche peggiori delle baracche in cui oggi abitano le famiglie.

La protesta è durate oltre tre ore. Sul posto è giunto in forze il personale della polizia municipale, della polizia e dei carabinieri. Si è aperto così un canale di comunicazione tra le famiglie e il capo della polizia municipale, dott. Massimo Bortoluzzi. Alla notizia che l'amministrazione comunale avrebbe discusso del problema, data dallo stesso Bortoluzzi alle mamme, ai papà e ai bambini che hanno "invaso" pacificamente il piazzale, la situazione si è sbloccata ed intorno alle 16 tutte le famiglie sono uscite dal cancello che delimita le nuove abitazioni.

"Non vogliamo più essere presi in giro - afferma uno degli uomini che vive nel campo da oltre dieci anni - Si sapeva da tempo che non c'era il posto per tutti in quelle case ed ora senza che nessuno ci avesse mai detto nulla prima, arrivano dei container che sono delle trappole invivibili".

"Sono mesi che aspettiamo - incalza una donna con il suo bimbo al collo - e ancora non si sa chi verrà fatto entrare e chi no. Noi non vogliamo vivere nei container ma nelle case come tutti. Lavoriamo, mandiamo i nostri figli a scuola, è una questione di giustizia".

Con le famiglie era presente Padre Agostino Rota Martir: "Questo episodio conferma ancora una volta come le vittime siano i rom, che non vengono mai coinvolti ma devono solo subire le decisioni. Nessuno li aveva mai informati che alcune famiglie sarebbero state chiuse nei container. Il Comune deve gettare la maschera ed assumersi le sue responsabilità".

Ad oggi, infatti, nonostante da mesi una commissione lavori ad hoc su questa questione, non è stato definito chi entrerà nelle abitazioni e quando le porte di queste case saranno aperte. Nel corso del 2010 l'apertura è già slittata più volte e non vi è ancora una data precisa.

Le famiglie attendono quindi una risposta dal Comune: "Oggi siamo andati via - ci spiega uno degli abitanti del campo - perchè vogliamo chiarimenti. Se domani o dopodomani il Comune non ci spiegherà veramente cosa intende fare, riprenderemo la protesta, riaprendo questi cancelli".

Uno dei container è così rimasto sul piazzale accanto alle case, l'altro invece è stato portato via. "Mi chiedo come non si capisca - afferma Padre Agostino - che portare accanto alle case dei container sia una scelta sbagliata, tanto più che una cosa simile non era mai stata annunciata. Serve un confronto, ma non sembra che l'amministrazione sino ad oggi sia stata di questo avviso".


Ricevo inoltre da Agostino Rota Martir

Ci avete rubato anche la festa!

Mentre scrivo a pochi metri da qui, il villaggio Rom è cinturato da un ingente dispiegamento delle forze dell'ordine, venute per chi? Ce lo chiediamo in molti, per cercare di capire il motivo di tanta polizia... era evidente lo scopo di tenere a distanza i Rom per tutelare i "benefattori", asserragliati all'interno del villaggio, il cancello chiuso e sotto guardia che impedisce l'accesso ai Rom.

E' l'esatta fotografia del Progetto Città Sottili: molti Rom fuori che gridano la loro rabbia, altri piangono disperati per le ferite inflitte all'animo, a volte con arroganza, tutti gli altri smarriti, increduli. All'interno gli operatori, assistenti sociali, dirigenti, responsabili... Un Progetto che esclude dei Rom e protegge i suoi "benefattori". E' il paradosso che si celebra in questa triste giornata, è la parodia del ridicolo vissuta alla luce del sole, senza alcun senso di vergogna: il villaggio Rom occupato dai "prepotenti", da coloro che molte volte si sono serviti dei Rom per inseguire i loro interessi e che non accettano di essere smascherati dai Rom stessi, ecco allora, fare mostra della loro arroganza e meschinità. Anche chi riceveva la consegna dell'appartamento, aveva stampato sul volto lo smarrimento e la paura.

Ieri un gruppo di Rom, con le loro famiglie ormai stanchi di non avere una minima risposta alle loro domande, occupava il villaggio, impedendo di fatto l'accesso a due container: per chi sono questi container (uno fatiscente, senza porte e finestre, ammuffito...)? Volevano delle risposte, puntualmente negate dal responsabile Simone Conzani, così il gruppo, stanco del silenzio, esasperato dall'ennesimo rifiuto, messo in disparte, come fossero degli appestati, senza una plausibile ragione, decidono di occupare il villaggio e di chiudersi all'interno, bloccando di fatto i container fuori del villaggio.

Dopo una trattativa in cui chiedevano garanzie per un dialogo con l'Assessore alle Politiche Sociali di Pisa, per essere coinvolti nelle decisioni riguardanti la loro vita e quella delle loro famiglie, ecco la risposta arrivare puntuale questa mattina: il dialogo è visto come una minaccia per il comune di Pisa, che finalmente accetta di togliersi la maschera che in questi anni abilmente ha utilizzato, e mostrare il suo vero volto: quello della forza e della prepotenza. Il dialogo visto come un istigazione, una minaccia, un intralcio, una perdita di tempo.

Chi è il vero istigatore in tutta questa vicenda? Sono forse i Rom, l'Associazione Africa Insieme, il sottoscritto, chi chiede il rispetto verso le persone e i loro diritti? So solo e lo constato amaramente che quest'oggi il comune di Pisa di fatto "legalizza" un'ingiustizia! Lo ripeto ancora a distanza di qualche anno: "Le persone sono più importanti del progetto", ed oggi questa verità risulta sempre vera e quanto mai provocatoria: le forze dell'ordine impiegate a difesa del progetto contro persone che hanno pazientato per otto anni, che hanno avuto forse il torto di fidarsi di tante promesse.

Il Comune di Pisa ci ha rubato la festa. Posso testimoniare che tutte le famiglie Rom del campo in questi ultimi anni attendevano con ansia e gioia l'apertura del villaggio, c'era chi risparmiava in vista di entrare nel nuovo alloggio, era un'attesa carica di timore ma anche di speranza. Poca fa, una donna del campo che ha avuto l'appartamento, mi disse con un po' di amaro in bocca: "Quando sono entrata nel villaggio mi tremavano le ginocchia dalla paura... (non certo a causa dei Rom, come qualcuno vorrebbe far credere!!) con tutti quei poliziotti attorno." Come leggere questo dispiegamento di forza, del tutto inutile, se come una prova di "cattiveria", con lo scopo di umiliare la dignità delle persone e come uno schiaffo all'integrazione?

Quando la forza sostituisce il dialogo è un brutto segno, per tutti! E' un allarme da prendere in seria considerazione.

A quest'ora, che i "benefattori" e le forze dell'ordine hanno lasciato il villaggio, i Rom finalmente possono distendere i sorrisi sui loro volti. Gli altri esclusi, nel vecchio campo discutono ancora sull' immediato futuro, le donne con le lacrime agli occhi stringono a sé i più piccoli, per tranquillizzarli e scacciare da loro cattivi incubi.

Don Agostino Rota Martir

Coltano, campo Rom, ai bordi del nuovo villaggio Rom – 2 Settembre 2010