\\ Mahalla : Articolo : Stampa
I sinti: "Il nostro campo attrezzato è sicuro"
Di Fabrizio (del 05/09/2010 @ 09:14:43, in casa, visitato 1240 volte)

VareseNotizie.it GIOVEDÌ 02 SETTEMBRE 2010 17:27 VALERIA DESTE

GALLARATE - I sinti sono fiduciosi: "Crediamo che il giudice che segue la questione si sia messo una mano al cuore e abbia deciso di prolungare i tempi per trovare una soluzione". Comunque andranno le cose, loro ribadiscono il concetto: "Noi da Gallarate non ce ne andiamo.

Siamo residenti tutti in questa città e la maggior parte di noi è nata qui. Invece di spostarci dopo venti anni da via De Magri, per metterci qui, spendendo soldi, per un anno, potevano mandarci via subito". In realtà, i sinti "gallaratesi" sarebbero anche disposti a traslocare, "purché si decida per un'altra area a Gallarate: in quel caso saremmo disposti ad andare via in giornata, ma non all'interno di mura domestiche, moriremmo. Se, invece, l'intenzione è di spostarci in un altro comune, allora non ci stiamo. Piuttosto occupiamo abusivamente uno spazio. Non siamo pedine, ma persone. E' anche normale che un altro comune dica di no, perché dovrebbe farsi carico dei problemi di un vicino di casa?"

"ABBIAMO DEMOLITO LE STRUTTURE ABUSIVE"
I sinti del civico 50 si riferiscono ai vari muretti in mattoni realizzati in più zone dell'area attrezzata. Una volta che gli è stata fatta presente la situazione di abusivismo, li hanno smantellati. "Ciò che c'era d'abusivo non c'è più", dichiarano.

"VENITE A VEDERE L'AREA ATTREZZATA"
Questo è l'invito che lanciano a chiunque fosse scettico. "Questo non è un campo nomadi – continuano – è una vera e propria area attrezzata. Qui non c'è il rischio che qualcosa bruci, abbiamo tutti il salvavita. Abbiamo spostato le roulotte in modo da mantenere una distanza di sicurezza l'una dall'altra. Noi viviamo qui, ci teniamo alla sicurezza dei nostri figli. Non rubiamo e paghiamo per l'utilizzo della piazzola. Alcuni campi nomadi di Milano e Roma, che fanno tanta paura alla gente, fanno paura anche a noi: nemmeno noi ci entreremmo".