Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
AVVISO AI NAVIGANTI: qui potrete trovare molte notizie che abitualmente non volete conoscere.

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : Regole (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 24/06/2006 @ 12:14:49, in Regole, visitato 2111 volte)

Servizio di assistenza legale per gitani, a cura di Union Romani (in spagnolo)

 
Di Fabrizio (del 10/05/2006 @ 00:55:44, in Regole, visitato 1577 volte)
Da: Balcani Cooperazione:

Dal 2007 raddoppierà il costo dei visti per entrare nello spazio Schenghen. L'aumento deciso dai ministri degli interni europei porta a 60 euro il visto per i soggiorni brevi di tre mesi. Preoccupazione nei Paesi balcanici dove 60 euro sono quasi lo stipendio di un mese

Scrive: Roberta Bertoldi - Osservatorio sui Balcani...

 
Di Fabrizio (del 02/05/2006 @ 09:46:48, in Regole, visitato 2750 volte)

Ricevo da Alessandro (la presente vale come invito a partecipare):

Cittadinanze Imperfette.
Rapporto sulla discriminazione razziale di rom e sinti (edizioni Spartaco), 2006.

Cittadinanze imperfette sarà presentato dagli autori in occasione della tavola rotonda “Contrastare la segregazione abitativa e l’esclusione sociale di rom e sinti”, 8 maggio 2006, 9.30-13.00, Roma, MACRO

Rom e sinti, quelli che comunemente chiamiamo “zingari” o “nomadi”, sono la minoranza etnico-culturale più discriminata d’Europa (vedi rapporto EUMC, 2005).
Come documentano i numerosi casi riportati in questo volume – il primo rapporto sulla discriminazione razziale di rom e sinti presentato da osservAzione e redatto da Nando Sigona e Lorenzo Monasta – anche in Italia questo popolo è oggetto di discriminazione in molti ambiti, in molti modi e da parte di diversi soggetti, talvolta anche istituzionali. Una discriminazione che si manifesta nella vita di tutti i giorni, nella scuola, sul lavoro e nella negazione del diritto ad un alloggio adeguato, come ha denunciato recentemente il Comitato Europeo per i Diritti Sociali. Una discriminazione che arriva fino al rifiuto di riconoscere ai rom e ai sinti lo status di minoranza nazionale.
I “campi nomadi”, tanto quelli legali quanto quelli illegali, di cui si parla solo quando qualche bambino muore nell’incendio accidentale di una baracca o di una roulotte, sono il risultato di politiche pubbliche razziste che segregano chi è ritenuto irriducibilmente diverso.
Essi sono il luogo dove i diritti dei residenti sfumano, dove la discrezionalità di chi ha il potere diventa la regola, dove la normalità dell’abuso e dell’ingiustizia è tanto palese, estesa e radicata da diventare, dicono gli autori, paradossalmente quasi invisibile.
Nelle politiche pubbliche i rom e i sinti sono assenti, senza voce.
Quello che si vede, con poche importanti eccezioni, nella migliore delle ipotesi, sono simulacri di partecipazione, laddove le decisioni vengono prese da altri referenti in altre sedi. Nella peggiore, invece, rom e sinti sono meri oggetti, nuda vita, da utilizzare come spauracchi per mobilitare elettorati benpensanti e spesso razzisti.

osservAzione - centro di ricerca azione contro la discriminazione di rom e sinti è un'associazione di promozione sociale (ONLUS) impegnata nella lotta contro l'anti-ziganismo e le violazioni dei diritti umani e per la promozione dei diritti di rom e sinti in Italia.

7 MAGGIO 2006
ESC Atelier Occupato
Via dei Reti 15, Roma (San Lorenzo) ore 17.00
GLI ULTIMI INVISIBILI
I ROM ROMENI NELLE CITTÀ ITALIANE

incontro/confronto su esperienze locali e pratiche di azione
Le cronache riportano ormai a scadenza quasi quotidiana episodi in cui sono coinvolti cittadini romeni appartenenti alla minoranza rom. Molto spesso si tratta di notizie inaccurate, quando non false, un alone di mistero avvolge i protagonisti, offrendo gli ingredienti sufficienti per far crescere l'allarme sociale. Un allarme che è oggetto di facile strumentalizzazione a fini politici, soprattutto in tempi elettorali. Le persone di cui si parla in queste cronache vivono frequentemente in condizioni di grande disagio abitativo, vengono in Italia con progetti migratori diversi, cercano lavoro, cercano assistenza, vivono negli spazi che si aprono tra il dettato della legge sull'immigrazione e la sua applicazione. In molte città italiane, i rom romeni sono tra i gruppi che vivono nelle condizioni peggiori, pagano il pegno di essere gli ultimi arrivati, trovano amministrazioni comunali che per anni hanno dichiarato che "il vaso è colmo", che di rom ce ne sono già troppi, che la città non ce la fa ad accogliere, hanno trovato i campi nomadi che erano ancora pieni dei profughi delle guerre balcaniche, dei sinti in perenne attesa di aree di sosta attrezzate e non di parcheggi in cemento, hanno trovato pregiudizi profondi e radicati e una legge sull'immigrazione razzista e sbagliata, che rende le persone precarie nei loro diritti, sfruttate sul lavoro e sempre ricattabili.

PROGRAMMA:
Moderatrice: Francesca Saudino, osservAzione
Introduzione: Nando Sigona, osservAzione
Interventi da: PISA, MILANO, NAPOLI, ROMA, FIRENZE, BOLOGNA
L’incontro è stato organizzato in collaborazione con Africa Insieme (Pisa) e Chi rom e... chi no (Napoli)

8 MAGGIO 2006
MACRO
(museo di arte contemporanea)
Via Reggio Emilia 54, Roma

CONTRASTARE LA SEGREGAZIONE
ABITATIVA E L’ESCLUSIONE SOCIALE DI ROM E SINTI IN ITALIA
tavola rotonda

La tavola rotonda "Contrastare la segregazione abitativa e l'esclusione sociale di rom e sinti in Italia" si prefigge di aprire un dialogo tra organizzazioni internazionali, istituzioni e organizzazioni non governative italiane sulle possibili azioni e strategie da intraprendere per il superamento dell'esclusione sociale di rom e sinti in Italia. La situazione italiana è ormai da un decennio sotto osservazione da parte dell'ONU, del Consiglio d'Europa e dell’Unione Europea che, a più riprese, hanno espresso preoccupazione per le gravi forme di discriminazione di cui sono oggetto rom e sinti in Italia.
L'obiettivo di questo incontro è di avviare un percorso che possa, nel rispetto delle funzioni di ciascuno degli interlocutori, portare al miglioramento delle condizioni di vita della minoranza rom e sinti in Italia.
La tavola rotonda è organizzata dallo European Roma Rights Centre (ERRC) e da OsservAzione - centro di ricerca azione contro la discriminazione di rom e sinti ed è parte del progetto transnazionale "Roma and Sinti Participation for Effective Policy in Employment and Education” finanziato dall'Unione Europea nell'ambito del Community Action Programme to Combat Discrimination.

PROGRAMMA
8 MAGGIO

9:00-9:20 Apertura Claude Cahn, ERRC
Moderatore: Piero Colacicchi, OsservAzione

9:20-10:00 Obblighi e Impegni degli Stati Membri del Consiglio d’Europa nell’ambito del Diritto alla Casa. Violazioni dei Diritto alla Casa contro Rom e Sinti in Italia
Mr Jean-Michel Belorgey, Presidente del Comitato Europeo per i Diritti Sociali
Mr Henry Scicluna, Coordinatore delle attività a favore di rom e sinti presso il Consiglio d’Europa

10:00-10:30 Risposte Istituzionali alla Segregazione di Rom e Sinti
Dott. Renato Fedele, Dirigente presso il Dipartimento Affari Regionali, Presidenza del Consiglio dei Ministri.

10:30-10:50 Discussione

10:50-11:05 Pausa Caffè

11:05-11:25 Esclusione e Discriminazione dei Rom e Sinti in Italia. Presentazione di “Cittadinanze imperfette. Rapporto sulla discriminazione razziale di rom e sinti in Italia”

Nando Sigona e Lorenzo Monasta, OsservAzione

11:25-11:45 La Collocazione dei Gruppi Rom e Sinti nel Sistema Giuridico Italiano
Prof. Alessandro Simoni, EU Network of Independent Experts on Fundamental Rights

11:45-12:05 Strumenti Legali per Combattere la Discriminazione Razziale
UNAR – Ufficio Nazionale Antidiscriminazione Razziale

12:05-12:30 Discussione

12:30-12:50 Riepilogo e Conclusioni
Savelina Danova, ERRC

13:00-13:30 Conferenza Stampa

Per ulteriori informazioni e contatti: info@osservazione.org - www.osservazione.org

 
Di Fabrizio (del 29/04/2006 @ 21:56:48, in Regole, visitato 2611 volte)

Premessa: un paio di giorni fa, ho ricevuto la mail seguente, che riporto come mi è arrivata:

Sequestrato e picchiato degli Carabinieri: Marin Costantin (Ventila) cittadino Rumeno (Rom) 56 anni residente lavoratore edile in Italia da 16 anni padre di cinque figli picchiato e sequestrato per 3 ore al reparto di Carabinieri di zona Bongola Milano
Nuova Multietnica 2001

a cui è seguito un rapido e concitato giro di telefonate, perché Ventila è rispettato e conosciuto da tutti nella comunità dei Rom rumeni di Milano, è socio attivo di diverse associazioni e partecipe a manifestazioni ed iniziative a Milano ed in Italia. Al momento, non ho divulgato la notizia, sia per ricostruire i fatti, sia per capire se Ventila intendeva sporgere denuncia o informare i mezzi di comunicazione.

I fatti, dopo aver sentito un po' di persone, sono di una semplicità disarmante: Ventila ha portato la macchina (di sua proprietà, in regola con bollo e documenti) all'autolavaggio, ma per qualche disattenzione la macchina al posto di incamminarsi nel tunnel è scivolata indietro, ammaccandosi. Alle proteste di Ventila, il benzinaio ha telefonato ai carabinieri di Rho (non di Bonola), che l'hanno trattenuto qualche ora in centrale, tirandolo per la barba, scaricandogli un po' di botte nel costato e minacciandolo di rimpatrio.

Ora, col consenso del diretto interessato, è uscito un primo comunicato, firmato da Opera Nomadi Milano. Non escludo che a breve ne seguano altri:

Gent.le Direttore, 
in merito al grave episodio denunciato dal nostro socio e componente del Direttivo dell’Opera Nomadi di Milano, Sig. Constantin Marin, vogliamo innanzitutto esprimere pubblicamente al medesimo Constantin detto “Ventila”, il nostro incondizionato sostegno perché è persona stimata e conosciuta per la propria onestà e il proprio generoso impegno in campo sociale, profusi sempre nel rispetto delle persone e delle istituzioni di questa città.

Il fatto da lui denunciato, ovvero un presunto atto di abuso e intimidazione subito da parte di un ufficiale del Comando dei Carabinieri nel corso di una normale operazione di accertamento di responsabilità per un danno materiale di modesta entità, per altro subito passivamente dallo stesso Ventila, provoca la nostra indignazione e solleva dei seri interrogativi di carattere più generale circa la condizione dei cittadini socialmente più “deboli”di questa città.

L’episodio in sé và certamente circoscritto in un misero atto arrogante e offensivo della dignità personale da parte di un singolo tutore dell’ordine che, per altro, avrebbe potuto riguardare anche un qualsiasi altro nostro concittadino.

Tutto ciò ci riporta però alla constatazione di come molti Rom subiscano, in forme molteplici, delle sistematiche angherie, particolarmente odiose e inaccettabili se perpetrate da esponenti delle forze dell’ordine, rappresentanti dei pubblici poteri o da singoli cittadini, come i molti datori di lavoro che senza scrupolo alcuno e approfittando di una condizione di “oggettiva diversità o discriminazione” di fronte all’applicazione e al rispetto delle leggi, favoriscono il lavoro nero e lo sfruttamento attraverso il più bieco “caporalato”.

Non possiamo quindi non sollevare l’attenzione su un più generale stato di involuzione dei rapporti tra la comunità cittadina, gli apparati di controllo addetti all’ordine pubblico e le molte minoranze, tra cui quella dei Rom continua ad essere la più stigmatizzata, relegata com’è in una condizione di esclusione ed emarginazione che non ha precedenti.

Non solo quindi ci sentiamo allarmati dagli ultimi tragici episodi di cronaca cittadina, è di pochi giorni or sono la notizia della morte di una bambina di appena un mese di età in via Triboniano, ma ci facciamo portavoce di una indignazione morale e di una denuncia pubblica che troppo poco e faticosamente viene raccolta dalle istanze civili di questa città.

Non è un caso che tale argomento non trovi spazio, se non in termini prettamente scandalistici, nemmeno nella imminente competizione elettorale per il governo della città, che pure potrebbe essere una buona occasione per manifestare l’intenzione concreta di sviluppare un diverso approccio ai problemi che ogni giorno vengono sollevati dai nostri concittadini rom e dagli abitanti dei quartieri delle periferie.

A noi semplici cittadini dunque il compito di vigilare e intervenire con attenzione e puntualità nella condanna di quelli che sono piccoli o macroscopici episodi di intolleranza e discriminazione quotidiana, ma anche l’onere di saper indicare modalità e contenuti diversi che aiutino a costruire e migliorare la convivenza e la coesione sociale tra tutti i cittadini di Milano. 

Il Vicepresidente – Opera Nomadi Sezione di Milano

(foto pubblicata il 22 luglio 2005) da destra: Bogdan Kwappik (allenatore di Multietnica2001), Ventila (scrittore e carpentiere Rom rumeno) e quello vestito di nero potrebbe essere Direktor, sullo sfondo Milano, via Barzaghi.

 
Di Fabrizio (del 21/04/2006 @ 09:40:20, in Regole, visitato 1467 volte)

Su Le Journal Chrétien è stato pubblicato il 16 aprile il RAPPORTO 2005 di Amnesty International. 149 i paesi accusati di violazione dei diritti umani.

Rispetto all'Europa e agli USA: i paesi che hanno spesso fatto dei diritti la propria bandiera, il giudizio si può sintetizzare in queste righe:

... Continuiamo a criticare le politiche che spingono alla deportazione verso i paesi dove i diritti umani sono minacciati. E' una pratica oltraggiosa," dice Barbara Lochbihler, segretaria generale di Amnesty in Germania. "Troviamo scandaloso che le repubbliche federate spingano verso le deportazioni, come per le minoranze dei Rom e dei Sinti rispediti nel Kosovo dove sono minacciati...

Rif: Kosovo_Roma_News

 
Di Daniele (del 21/04/2006 @ 09:05:18, in Regole, visitato 2718 volte)

Bruxelles – Diritti della minoranza rom e casi dimostrati della brutalità della polizia romena contro di essa. Adozioni internazionali, diritti della minoranza ungherese, situazione delle persone disabili mentali e del traffico di esseri umani – queste erano le questioni discusse la settimana scorsa a Bruxelles, nel sottocomitato per i diritti umani nel Parlamento europeo.

Elly De Groen-Kouwenhoven (Greens/ European Free Alliance NL) ha richiamato l'attenzione su delle "allarmanti notizie" sulla comunità rom in Romania. Ha citato un documentario presentato dalla Ong Romani Criss, a Bucarest, riguardo ad un raid della polizia nella comunità rom vicino Cluj Napoca, quando alcune persone rom, anche donne e bambini, sono stati "picchiati con crudeltà", il tetto della loro casa dato alle fiamme e le loro proprietà confiscate. Dopo aver dichiarato che cose come questa non possono essere possibili in una nazione che vuole aderire all'Unione europea, Elly De Groen ha ricordato che il Parlamento europeo e la Commissione hanno ripetutamente richiamato l'attenzione del governo romeno sulla "tolleranza zero della polizia romena contro i rom", ma che il loro messaggio è rimasto senza nessuna eco.

Elly De Groen-Kouwenhoven ha detto di avere un video di questo episodio, che intende presentare al Parlamento. "La situazione dei rom sta diventando un problema europeo che deve essere affrontato seriamente; ora, in Europa, ci sono circa 7-8 milioni di cittadini rom, e una volta che Romania e Bulgaria aderiranno, il loro numero crescerà di 5 milioni", ha detto Arpad Duca-Zolyomi (PPE-DE, SK). "È preoccupante che noi qui (…) stiamo parlando di atrocità, come se i rom non fossero esseri umani; facciamo pressioni in modo che questo problema sia risolto prima dell'ingresso, dopo sarà molto più difficile", ha detto.

A favore dell'aumentata pressione sulle autorità romene rispetto a ciò, sono state anche Elizabeth Lynne (ALDE, UK) e Yiannakis Matsis (PPE-DE, CY), le quali hanno considerato che una denuncia di questo tipo deve essere studiata opportunamente prima, non dopo l'ingresso.

Riguardo "questo triste incidente", la baronessa Emma Nicholson di Winterbourne (ALDE, UK), ha detto che il Parlamento europeo non ha competenza negli affari di giustizia ed ha consigliato di attendere il verdetto del sistema giudiziario romeno, ricordando, allo stesso tempo, che la Romania è quasi nell'Unione europea.

Il rappresentante della Commissione ha mostrato interesse per la visione del contenuto del video col documentario della Romani Criss, ma ha detto che il miglior modo di affrontare è attendere il verdetto delle autorità romene competenti e mantenere regolari contatti con gli alti funzionari a Bucarest.

L'accesso della minoranza rom all'educazione e altri servizi sociali, intelaiatura della legge sulle minoranze, non ancora adottato nel Parlamento romeno, ha aumentato finanziamenti per l'apertura di molte università in lingua nativa ungherese, situazione di persone disabili mentalmente e traffico di esseri umani – questi erano i temi che sono stati discussi dal sottocomitato dei diritti umani.

a) Facendo riferimento all'accesso dei rom all'educazione e agli altri servizi sociali, il rappresentante della Commissione ha citato le richieste di Bruxelles per l'integrazione dei rom nella società (staff e incremento dei fondi), ma ha anche accennato che uno dei problemi è il fatto che molti cittadini rom non hanno un documento d'identità. Ha anche sottolineato l'alto assenteismo nella scuola, a causa dei rom stessi.

b) Riguardo alla struttura della legge sulle minoranze – che non è stata ancora recepita dal Parlamento romeno – il rappresentante della Commissione ha convenuto che questo è un "ombra", ma ha annunciato che ci sono regolari contatti con Bucarest e che la Commissione sta aspettando altre informazioni. Come da richieste della minoranza ungherese, il rappresentante della Commissione ha detto che la situazione è molto migliorata negli ultimi anni, e che in Romania ora c'è l'accesso alla formazione superiore incluso nella lingua nativa ungherese, "anche se la minoranza ungherese si sta ancora lamentando di non ricevere finanziamenti adeguati", che la minoranza ungherese è rappresentata a tutti i livelli, compreso quello governativo.

c) Riguardo le persone disabili mentalmente – menzionate soprattutto da Kinga Gal (PPE-DE, HU), il rappresentante della Commissione ha annunciato che l'Esecutivo, in stretta cooperazione con le autorità romene, sta sottoponendosi ad una serie di esami simili

d) Parlando del traffico di esseri umani, il rappresentante della Commissione ha detto che il controllo alle frontiere romene è considerevolmente migliorato.

e) Per ultimo, ma non meno importante, riguardo al problema delle richieste di adozioni internazionali fatte prima dell'entrata in vigore della recente legge, ha detto la baronessa Emma Nicholson di Winterbourne (ALDE, UK), citando alti funzionari dell'ufficio adozioni romeno, che ora la Romania è molto avanti rispetto alle scadenze imposte per risolvere questi problemi (31 marzo), tutti i casi essendo stati risolti. Ella ha attirato l'attenzione sulla tendenza a colpire un paese, come la Romania, a causa della massiccia copertura mediatica di questo problema senza prendere in considerazione che forse situazioni molto più serie accadono in altri paesi, anche nell'UE. "Ci sono molti equivoci qui ed è ora che questo problema sia chiarito una volta per tutte", ha detto.

European Roma Information Office

Ivan Ivanov, Executive Director, ivan.ivanov@erionet.org

Da: Roma_Benelux

 
Di Fabrizio (del 17/04/2006 @ 10:45:08, in Regole, visitato 2166 volte)

Ustiben report by Grattan Puxon

Il dodici aprile scorso la Suprema Corte di Giustizia ha decretato come fuorilegge la decisione del Consiglio Distrettuale di Basildon, di radere al suolo altre case in Hovefields Avenue, una "colonia" non distante da Dale Farm, la più grande comunità autogestita di Nomadi e Viaggianti in Gran Bretagna, che è praticamente sotto assedio da quattro anni.

Mr Ouseley ha affermato che l'uso di azioni dirette del consiglio distrettuale contro la comunità di Hovefield - parte di un più vasto piano di pulizia etnica contro 120 famiglie di Nomadi e Viaggianti - è contro la legge, perchè il comune non ha voluto tenere conto della possibilità che i proprietari dei terreni interessati allo sgombero, avevano i requisiti per ottenere in appello i permessi di residenza.

Ha inoltre criticato il comune per aver ignorato le raccomandazioni contenute in un'apposita circolare governativa dell'anno scorso, sulla necessità di andare incontro alle richieste della comunità Viaggiante. I contenuti della circolare, e l'enfasi che pone nell'individuazione di aree alternative, è stata illustrata alla corte da Richard Drabblke QC, in rappresentanza di Josie Casey e di altri residenti di Hovefield.

Il leader dei conservatori locali, Malcolm Buckley, ha annunciato che Basildon intende fare ricorso contro la sentenza. Nel contempo, il comune ha anche richiesto al tribunale di impedire ulteriori rimozioni delle trincee di terra che la compagnia Costant & Co. ha piazzato attorno a Hovefield, per impedire che i residenti sgomberati facciano ritorno alle loro proprietà.

"Senza mezzi termini" ha commentato Richard Sheridan, portavoce di Dale Farm "Il comune vuole impedire ai proprietari persino di tenerci i suoi polli..."

D'altra parte, queste misure smentirebbero le motivazioni sin qui addotte, circa la volontà di mantenere l'area a verde demaniale. In circostanze simili, altre due autorità locali hanno concesso ai proprietari il diritto di pascolo sulle loro terre nella greenbelt.

Costant & Co., assistita da H.E.Services e Terranoba Group, lo scorso 26 luglio "liberarono" due yarde a Hovefields, e altre quattro furono rase al suolo il 21 marzo. Durante queste operazioni, furono gravemente danneggiate le proprietà di Mrs. Gilheaney, che erano tutelate da un'ingiunzione del tribunale.

Il giudizio finale su Dale Farm è atteso per il mese prossimo. Il prossimo primo agosto, invece saranno esaminati una quarantina di appelli sulle aree precedentemente sgomberate.

 
Di Fabrizio (del 11/04/2006 @ 10:50:30, in Regole, visitato 1950 volte)

di Adrian Marsh - Beyoglu, Istanbul: Nell'edizione del 5 aprile del giornale Hurriyet, appare questo commento riguardo al confronto tra i sostenitori del PKK curdo e i residenti Rom a Dolapdere (quartiere di Istambul ndr.): "Qualcuno potrebbe sminuirli [i Romilor]... ma loro sarebbero veri cittadini."

Si pone la questione: quali cittadini? La Repubblica Turca sino a pochi anni fa manteneva una legge sul diniego di cittadinanza, in base alla quale "i Çingenes" venivano parificati ad anarchici, spie ed indesiderabili (Atto di Residenza, 1934). Abrogato su pressione delle organizzazioni turche ed internazionali sui diritti dell'uomo, i media sono perplessi sull'inclusione sociale degli "esmer vatandaslari" o "cittadini dalla pelle bruna" (termine usati solo per i Rom, benché la Turchia sia piena di gente di ogni colore).

L'aperta dichiarazione di sostegno alla Repubblica, mostrato dalla marea di bandiere esposte ieri a Dolapdere, ha avuto il chiaro scopo di separare i Rom dalla comunità Curda locale, certamente più religiosa e conservatrice, nell'incastro di etnie e conflitti che animano la Turchia. Nell'ordine: "Siamo Turchi, Musulmani e Rom" per riassumere i discorsi fatti tante volte negli ultimi anni. L'insistenza con cui i Çingenes reclamano la loro complessa identità, è in aperto contrasto con le modalità delle altre minoranze nel chiedere un'identità separata (come parte della comunità Curda). Questo è confermato dall'orgoglio dei genitori nei confronti dei loro figli quando sono a militare, per esempio. A differenza della situazione di altri paesi, c'è un'identificazione attiva tra Rom e stato.

Sinora cos'ha offerto lo stato e la società in generale a queste richieste di cittadinanza? Lo ritroviamo nel commento iniziale: li si difende in maniera discriminatoria verso le altre etnie, li sis dipinge in maniera stereotipata come "buffa gente", senza preoccupazioni, querula e spendacciona. Oppure violenti, criminali e licenziosi. Una sorta di eterno bambino, che non ha il coraggio delle proprie azioni. E' un'immagine che appare frequentemente nei media popolari e nell'immagine pubblica. Prima degli eventi di Dolapdere, nessuno ti avrebbe messo in guardia sul quartiere come un covo di militanti curdi separatisti, ma piuttosto avrebbe avuto paura che gli "zingari" potessero rubare la borsa o il telefonino. E' successo anche a me, mentre camminavo attorno all'Università Bilgi (dove insegno, con un campus a Dolapdere e un altro a Kustepe, entrambe quartieri rom). Era un motociclista, che addirittura fermò il suo mezzo, tanto era profondo la sua voglia di avvisarmi. Poi è rimasto ancora più confuso di me, quando gli ho menzionato le mie origini rom.

Oggi abbiamo celebrato il nostro compromesso di residenti Rom e cittadini della Repubblica, cosa che può essere vista come un gradino verso il cambio d'attitudine verso i Rom [...]. I problemi rimangono i costi legati all'inclusione sociale, e la definizione di un percorso concomitante con le altre etnie escluse. E kla definizione di un modello di cittadinanza che si attagli ad un miglior futura per la nostra comunità in Turchia.

 
Di Fabrizio (del 03/04/2006 @ 03:20:07, in Regole, visitato 1597 volte)

Da Saimir Mile, per l’associazione Aver(1), Centro di ricerca e d’azione contro tutte le forme di razzismo.

Il presunto mistero dei Rroms

I Rroms(2) comunitaristi? [Cioè referenti a loro stessi e al loro sistema di valori] Ecco una questione che vale per tutti, profani come esperti sui Rroms. Precisiamo innnanzitutto che "Rrom" è utilizzato qui nel senso largo del termine ed include tanto Rroms, in senso stretto, che Sinti (chiamati Manouches) e Kalé (Gitans). L’insieme di questi gruppi condivide una stessa origine indiana e, in gradi variati, in funzione della loro storia specifica, gli stessi riferimenti linguistici, culturali e storici. Tutta una serie di persone dai profili diversi, da alcuni sociologi all’agricoltore passando per giornalisti o lavoratori sociali, si soddisfa a mettere in evidenza il preteso "mistero" di questo popolo. Male conosciuti, i Rroms lo sono, il che fa supporre la loro chiusura su se stessi, che, a sua volta, fa supporre il loro comunitarismo.

Ma l'ignoranza su questo popolo non nasce dalla sua presunta chiusura, ma soprattutto alla mancanza d’interazione con gli altri, che credono di sapere già tutto. E quindi, occorre dirlo, ciò è funzionale sistema a diverse persone nel preservare gelosamente "il mistero " su questa gente sconosciuta... La scelta è molto ampia, da Lorca o Hugo sino alle società di consulenza in sicurezza, passando per ogni specie di "specialisti " in scienze sociali. Certamente, né gli interessi né i contesti sono gli stessi, tra la descrizione degli occhi di brace di Esmeralda, il negoziato dei contratti di vendita di materiale di sicurezza o quello della pubblicazione d’un best-seller che si dice "d'indagine sugli zingari", non è che un festival di stereotipi. Il risultato è sempre lo stesso: il Rrom è relegato allo stato di oggetto trascurato e spesso pericoloso. Ecco il risultato del modo di fare paura - pardon, di fare politica al giorno d'oggi.

E, tra le altri paure, quella del comunitarismo. Non è tra le qualità più redditizie, oggi come oggi. Anche se il timore dello zingaro "che vive di rapine" e che gira in Mercedes rende quella del zingaro comunitarista caduca, ridicola anche quando sembrerebbe profittevole. Al massimo quest'ultima [paura] nutrirebbe la prima. Ovviamente, investendo la totalità della "gens du voyage". Che si parli del nostro gruppo, o dei "musulmani della Francia "... In un caso come nell'altro, ci si spinge e poi si precipita verso il comunitarismo, più o meno coscientemente e più o meno volontariamente. Si negano identità culturali autentiche socialmente benefiche e si forzano gli interessati in scatole identitarie non pertinenti per loro e pericolose per l’insieme della società . Queste etichette sono altrettante bombe a scoppio ritardato, mentre si prende a pretesto il rifiuto del comunitarismo per mantenere questa classificazione. Sì, il comunitarismo fa timore, ma ci si chiede ci realmente cosa lo causa e come si potrebbe rallentarlo?

Possiamo chiedercelo, in assenza di ogni finalità politica - a parte quella di una società armoniosa nella sua diversità ed in vista di sradicare la peste della ghettizzazione. Questo non avverrà certamente negando l’identità culturale e linguistica delle varie componenti della nazione francese . Al contrario. Né l’identità marocchina o algerina, né la rrom sono incompatibili con la coesione della nazione, a condizione di riconoscere in loro cosa hanno di pertinente: una storia, una lingua, un sistema di valori. Sono, precisamente, questi elementi che compongono la diversità della società francese - generalmente considerata come la sua ricchezza - in questa quello di più sano, e non qualche religione o modo di vita, reali o supposti. Un riconoscimento di queste identità cancellerebbe le frustrazioni del loro peso, sommato a quello dell'abbandono a scapito di "marchi depositati " da altri per conto loro. Sono queste frustrazioni, sornionamente mantenute, che accelerano la scoppio della bomba della società multietnica

(1) Aver significa "altro" o "differentemente".
(2) Rrom ed il suo plurale Rroms, conformemente alle norme linguistiche, scritto nell'ortografia d’origine (congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa).

 
Di Sucar Drom (del 29/03/2006 @ 09:58:45, in Regole, visitato 3314 volte)


Rif: Cronache dal Belgio

Premesso che:

il Comune di Mantova, nell’aderire alle Dichiarazioni Internazionali riguardanti il riconoscimento dei Diritti dell’Uomo, riconosce i diritti civili e politici delle Minoranze Etniche Linguistiche dei Sinti e dei Rom e considera la promozione e la protezione dei loro diritti fondamento a stabilire le politiche sociali dell’Amministrazione Comunale;

il Comune di Mantova tutela il patrimonio sociale e culturale delle Minoranze Etniche Linguistiche dei Sinti e dei Rom e favorisce la fruizione dei servizi pubblici, privati e del privato sociale per la tutela della loro salute, per la promozione del loro benessere sociale nonché per agevolare il perseguimento della loro autonomia economica e politica;

Il Comune di Mantova favorisce e promuove i rapporti tra le popolazioni rom e sinte, e la restante comunità mantovana, migliorando le inter-relazioni con le Istituzioni pubbliche nel rispetto delle identità culturali;

l’articolo 2 della Legge Regionale n.77/89 “Azione regionale per la tutela delle popolazioni appartenenti alle etnie tradizionalmente nomadi o seminomadi” favorisce la partecipazione dei Rom e dei Sinti alla predisposizione degli interventi che li riguardano e salvaguarda la loro specificità culturale e linguistica;

tutto ciò premesso

Letto e recepito:
• la Raccomandazione n.1557, adottata dall’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa il 25 aprile 2002, sulla situazione giuridica delle Minoranze Etniche Linguistiche Rom e Sinte in Europa;
• la Raccomandazione n0 R (2000) 4 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sulla scolarizzazione dei fanciulli rom e sinti in Europa;
• la Risoluzione del Parlamento Europeo sulla Situazione dei Rom e dei Sinti nell’Unione Europea del 28 aprile 2005;
• il Protocollo d’Intesa stipulato tra il Ministero Istruzione, Università, Ricerca e l’Ente Morale Opera Nomadi Nazionale per la tutela dei minori sinti, rom e camminanti;
• il Rapporto di Alvaro Gil-Robles, Commissario per i Diritti Umani del Consiglio d'Europa, sulla situazione dei Rom e dei Sinti in Italia dopo la sua visita del giugno 2005, Strasburgo, 14 dicembre 2005;

tra
il Comune di Mantova
e
l’Ente Morale Opera Nomadi Sezione di Mantova

si conviene e si stipula quanto segue:

Articolo 1
Oggetto della convenzione

Il Comune di Mantova e l’Ente Morale Opera Nomadi considerano la mediazione culturale l’indispensabile metodologia di interazione, diretta alla agevolazione dei contatti ed alla costruzione di relazioni tra gli appartenenti alle culture sinte e rom ed i soggetti, pubblici e privati, della restante comunità mantovana, per la realizzazione di una cultura della conoscenza reciproca, del dialogo e della comprensione fondata sulla acquisizione responsabile di diritti reciproci.

La gestione dell’Area Attrezzata a Sosta per Sinti italiani di via Learco Guerra, 23 è il presupposto di base capace di creare stabilità e sicurezza nella maggiore comunità rom/sinta presente a Mantova.

Il Comune di Mantova e l’Ente Morale Opera Nomadi considerano fondamentale la costruzione di progetti che portino alla realizzazione di microaree e al supporto delle famiglie sinte nella realizzazione di insediamenti privati per la definitiva chiusura dell’Area di viale Learco Guerra, entro quattro anni.


Articolo 2
Oneri dell’Ente Morale Opera Nomadi, attività di mediazione culturale

L’Ente Morale Opera Nomadi si impegna a svolgere l’attività di mediazione culturale tra le famiglie sinte e rom residenti e/o presenti sul territorio comunale e la restante comunità locale allo scopo di creare i presupposti di una politica di interazione.
A tal scopo l’Ente Morale si attiverà nei seguenti ambiti: habitat, scuola (a cui si rimanda alla convenzione in atto con il Settore Politiche Educative), lavoro, servizi alla persona, cultura e sanità.

In particolare i mediatori culturali svolgono le seguenti mansioni:

a) svolgono funzioni di segretariato sociale e mediazione culturale tra le famiglie rom, sinte, camminanti e dello spettacolo viaggiante, in difficoltà, e gli EE.LL. /Istituzioni;
b) collaborano con il Settore Servizi alla Persona per l’attuazione della Legge 328, in particolare negli ambiti casa, famiglia e minori;
c) partecipano ai lavori di gruppo per facilitare l’introduzione nel Piano di Zona (Ambito Territoriale di Mantova) delle problematiche vissute dalle famiglie Rom e Sinte, in particolare negli ambiti abitativo e lavorativo;
d) svolgono funzioni di mediazione culturale tra le famiglie rom e sinte e i servizi offerti dall’ASL territoriale, favorendo la conoscenza e sensibilizzazione delle stesse famiglie sull’importanza della prevenzione in ambito sanitario e al servizio degli operatori socio – sanitari per il riconoscimento culturale delle famiglie;
e) danno sostegno alle giovani madri tramite i Consultori Familiari, anche in collaborazione del progetto norto ku romia;
f) supportano la costituzione di reti e coordinamenti tra tutti i soggetti pubblici e privati, presenti sul territorio comunale, per la programmazione, definizione e attuazione di tutte quelle attività esplicitate negli specifici settori d’intervento;
g) partecipano alla progettazione e alla realizzazione di interventi di supporto alle attività lavorative delle famiglie, anche in collaborazione con l’Assessorato alle Attività Produttive della Provincia di Mantova ed altri enti o associazioni preposte, atti alla realizzazione di un’integrazione economica, nel rispetto delle peculiarità culturali, fina¬lizzata all’inserimento nelle locali realtà economiche – produttive, anche attraverso la realizzazione del progetto mengro labatarpe
h) supportano le famiglie Sinte nella realizzazione di insediamenti privati, atti ad uscire dalle logiche ghettizzanti e assistenzialiste, proprie dell’Area Attrezzata a Sosta di viale Learco Guerra;
i) attuano azioni di mediazione tra lo stesso Comune di Mantova, le Forze dell’Ordine e le famiglie rom e sinte in transito nel territorio comunale, per agevolare il rispetto dei diritti costituzionali (articolo 16);
j) collaborano con l’Istituto di Cultura Sinta all’organizzazione di seminari, convegni e giornate di studio con l’obbiettivo di aggiornare e supportare gli operatori degli Enti Locali, delle Istituzioni e del Privato Sociale; inoltre, supporteranno tutte quelle iniziative culturali (ad esempio le manifestazioni per Il Giorno della Memoria) che mirano a costruire una nuova cultura della conoscenza reciproca
k) partecipano alle attività di coordinamento con i mediatori culturali dell’Associazione Sucar Drom, in convenzione con la Provincia di Mantova, che operano su tutto il territorio provinciale;
l) partecipano alla Consulta Provinciale sul Nomadismo istituita dalla Provincia di Mantova;
m) collaborano con gli operatori del progetto azioni d’intervento a favore della scuola in ordine a:
- coordinamento del progetto “azioni d’intervento a favore della scuola” (vedi convenzione con Settore Politiche Educative);
- mediazione tra le famiglie rom/sinte e gli operatori delle istituzioni scolastiche al fine di favorire una reale presenza degli stessi genitori nella scuola e la costruzione, dove si renda necessario, di progetti individualizzati;
- mediazione tra le famiglie sinte e gli operatori per favorire l’attività di doposcuola;
- organizzazione del Gruppo Lavoro Scuola che opera per la costruzione della didattica interculturale;
- interventi nella scuola sulla cultura, struttura sociale, lingua, storia e arte delle diverse minoranze etniche linguistiche sinte e rom;
- predisposizione di nuove progettualità riferite in particolare alle attività ludiche;
- partecipazione alle riunioni del Coordinamento Scuola, istituito dal Provvedito¬rato agli Studi di Mantova e dall’Ente Morale Opera Nomadi, in particolare per verificare l’andamento dell’anno scolastico, dei progetti in atto, delle iscrizioni dei minori e proporre nuovi progetti;
- collaborazione nei modi richiesti con il Settore Attività Educative e Ricreative e di Educazione Permanente del Comune di Mantova per la gestione dei contributi per il diritto allo studio e per la presentazione da parte delle famiglie interessate delle richieste di riduzione/esonero dalle spese per la fruizione dei servizi scolastici;
- collaborazione con l’Associazione Sucar Drom e l’Assessorato alle Politiche Sociali della Provincia di Mantova nella gestione dei contributi per il materiale didattico a favore dei minori fre¬quentanti la scuola;
n) supportano il Settore Lavori Pubblici per la manutenzione ordinaria e straordinaria dell’Area Residenziale per Sinti Italiani di viale Learco Guerra n°23.


Articolo 3
Oneri dell’Ente Morale Opera Nomadi, attività di gestione e manutenzione dell’Area Residenziale per Sinti Italiani

L’Ente Morale Opera Nomadi, con la collaborazione delle stesse famiglie che nomineranno tre operatori di gestione e manutenzione, s’impegna a supportare il Comune di Mantova nella gestione e manutenzione dell’Area di viale Learco Guerra n.23, nei modi elencati di seguito:
a) accoglienza delle famiglie sinte ai sensi del vigente regolamento all’ingresso nell’area, si intendano: spiegazione dettagliata del Regolamento di gestione, rilascio alla famiglia dell’autorizzazione provvisoria alla sosta, assegnazione della piazzola di sosta e dei relativi servizi igienici, allacciamento utenza ENEL;
b) trasmissione al Comune di Mantova, Settori dei Servizi alla Persona e di Polizia Municipale, della seguente documentazione:
- al momento d’ingresso di ogni famiglia - lettera di richiesta di autorizzazione alla sosta temporanea o permanente dei nuclei che hanno ottenuto autorizzazione provvisoria rilasciata dall’Ente Morale (in mancanza di esplicito provvedimento di diniego entro dieci giorni dal ricevimento della comunicazione, l’autorizzazione s’intende accordata), detta comunicazione dovrà indicare tutti i componenti del nucleo familiare nonché i mezzi di loro pertinenza,
- mensilmente - scheda di rilevazione delle presenze mensili, con indicazione delle uscite dall’Area;
c) rilevazione quotidiana delle presenze delle famiglie presso l’Area di Sosta di via Learco Guerra, 23 e compilazione puntuale della scheda di rilevazione mensile delle presenze e della relativa fruizione delle utenze, monitoraggio dei pagamenti, in collaborazione con il Comune di Mantova, Settori Ragioneria e Servizi alla Persona, nonché invio degli eventuali solleciti e segnalazione agli uffici competenti dei ritardi superiori ai due mesi per l’eventuale interruzione del servizio;
d) interventi, in stretta collaborazione con i mediatori culturali, finalizzati a favorire la sensibilizzazione nei pagamenti delle utenze e la risoluzione delle eventuali situazioni conflittuali tra le persone o le famiglie ospiti ed alla creazione di un clima di serena convivenza, anche in collaborazione del Settore Servizi alla Persona;
e) interventi di manutenzione ordinaria delle strutture, così come descritto nella specifica allegata e stretto collegamento con il Settore Lavori Pubblici per gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria;
f) promozione, in stretta collaborazione con i mediatori culturali, presso le famiglie domiciliate nell’Area di un corretto atteggiamento di fruizione delle risorse naturali, dei servizi, delle strutture e degli spazi comuni nonché sostegno allo sviluppo del rispetto del Regolamento di Gestione dell’Area nella sua completezza e segnalazione agli uffici comunali competenti delle eventuali violazioni


Articolo 4
Mediatori Culturali e Operatori di Gestione / Manutenzione

Le attività di mediazione culturale sono svolte da due mediatori, uno per la cultura sinta e uno per la cultura maggioritaria (in senso numerico), che presentino caratteristiche personali e professionali idonee all’incarico in oggetto.
La gestione e la manutenzione dell’Area sono svolte da tre capi famiglia sinti i quali presentino caratteristiche che li rendano idonei all’incarico in oggetto.
I mediatori culturali e gli operatori non avranno alcun rapporto di lavoro né giuridico né economico con il Comune di Mantova.
L’Ente Morale Opera Nomadi si impegna a comunicare al Comune di Mantova i nominativi degli operatori, dei mediatori e dei volontari, per i quali si impegna a garantire un’idonea copertura assicurativa per qualsiasi evento dannoso causato agli o dagli stessi.


Articolo 5
Verifica

La verifica della presente convenzione sarà effettuata con riunioni periodiche con i diversi referenti del Comune di Mantova (Settori Servizi alla Persona, Lavori Pubblici, Ragioneria, Attività Educative e Ricreative e di Educazione Permanente), durante le quali verrà steso un verbale.


Articolo 6
Formazione

Le figure indicate nel precedente articolo 4 fruiranno di momenti formativi in occasione di iniziative formative che verranno appositamente predisposte dall’Ente Morale anche in collaborazione con l’Associazione Sucar Drom, l’Istituto di Cultura Sinta, la Provincia di Mantova e lo stesso Comune di Mantova o altri enti competenti.


Articolo 7
Oneri del Comune di Mantova

Il Comune di Mantova eroga un contributo annuale fisso di euro ----- per le spese sostenute per l’attività di mediazione culturale e le attività di gestione e manutenzione dell’Area. Il contributo sarà erogato a scadenza bimestrale anticipata per euro ------ , nei mesi di gennaio, marzo, maggio, luglio, settembre 2006; l’ultima bimensilità sarà erogata nel mese di novembre per euro ------ e a gennaio 2007 i rimanenti ---- dopo la presentazione del consuntivo di spesa.
Il Comune di Mantova, attraverso i Settori Lavori Pubblici, Servizi alla Persona e Ragioneria, si impegna:
a) ad attuare la manutenzione straordinaria e ordinaria delle strutture e degli impianti dell’Area Attrezzata a Sosta di Viale Learco Guerra, in stretta collaborazione con gli operatori di gestione e manutenzione e i mediatori culturali;
b) ad affiancare l’Ente Morale Opera Nomadi nella predisposizione di un piano antincendio e di evacuazione e nella formazione degli operatori secondo quanto disposto dalla Legge 626;
c) a ricevere gli oneri dalle famiglie sinte domiciliate nell’Area Attrezzata a Sosta di viale Learco Guerra n.23.
I Settori Servizi alla Persona, Lavori Pubblici, Attività Educative e Ricreative e di Educazione Permanente, Polizia Municipale e Ragioneria individuano i referenti incaricati che si rapporteranno con il Responsabile dell’Ente Morale Opera Nomadi.


Articolo 8
Controllo sulle attività svolte

I contraenti della presente convenzione, in caso di mancanze, relazioneranno per iscritto. Resta inteso che, qualora fossero riscontrate irregolarità e queste non venissero immediatamente ovviate a fronte di lettera raccomandata di contestazione, i due enti potranno risolvere la presente convenzione senza altro preavviso con il solo obbligo di corrispondere quanto stabilito fino al giorno della risoluzione.


Articolo 9
Durata della convenzione

La convenzione in oggetto ha durata un anno, dal 1 Gennaio 2006 al 31 dicembre 2006. Laddove l’Ente Morale Opera Nomadi, durante tale periodo si trovi nell’impossibilità di adempiere ai compiti sopraindicati dovrà darne immediata comunicazione scritta con lettera raccomandata all’Assessorato Servizi Sociali.


Articolo 10
Competenze territoriali

Le parti si impegnano a risolvere amichevolmente eventuali controversie.
Nel caso in cui non sia possibile il Foro Competente sarà esclusivamente quello di Mantova.

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


25/05/2022 @ 23:51:08
script eseguito in 57 ms

 

Immagine
 Come una Lonely Planet... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2201 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< maggio 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source