Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Conoscere non significa limitarsi ad accennare ai Rom e ai Sinti quando c'è di mezzo una disgrazia, ma accompagnarvi passo-passo alla scoperta della nostra cultura secolare. Senza nessuna indulgenza.

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : Regole (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 08/03/2010 @ 17:08:59, in Regole, visitato 1290 volte)

Segnalazione di Sinti Italiani in viaggio per il diritto e la cultura

IlGiornale.it by Omnimilano
"I vigili sarebbero anche pronti a sequestrare le roulotte dei nomadi per reiterata occupazione abusiva. Un provvedimento che sarebbe già stato attuato se la via fosse percorribile. Salvini & company dovrebbero allora convincere i giudici. Che hanno sempre considerato questi mezzi un domicilio, la dimora abituale. Ovvero un bene di necessità primaria. I recidivi, si badi bene, sono sinti italiani. Dunque un'ordinanza sarebbe facilmente impugnabile. Con il risultato di invalidarla. Sentiti gli uffici legali della Polizia Locale non risulterebbero poi altri Comuni che abbiano applicato strumenti del genere. Va poi ricordato che il campeggio abusivo non è un reato penale e il sequestro non è previsto dalla legge". Lo dichiara il vice Sindaco e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato. "Altra cosa è la rimozione dei mezzi - sottolinea De Corato - che viene effettuata quando i nomadi non si allontanano e allorché le condizioni lo permettono ovvero il camper o la roulotte non risultino occupate. Uno strumento già applicato e previsto fin dall'ordinanza dell'88. Che consente la rimozione dei veicoli e il trasporto nelle depositerie comunali. Per riprendersi il mezzo i nomadi devono allora pagare, oltre la sanzione, le spese di rimozione e trasporto (circa 250 euro), più i diritti di custodia (circa 25 euro al giorno)" .

 
Di Fabrizio (del 01/03/2010 @ 09:54:18, in Regole, visitato 1684 volte)

Da Roma_Francais

Romandie.news Gli Zigani vogliono investire il Consiglio costituzionale contro le discriminazioni

Parigi, 25/02/2010 - L'Unione Francese delle Associazioni Zigane (UFAT), tramite l'avvocato Henri Braun, intende essere una delle prime associazioni ad utilizzare il nuovo diritto di giudizio di consultare il Consiglio costituzionale per chiedere che cessino le "discriminazioni legali" contro gli Zigani.

A partire da il 1° marzo, instaurando la riforma la "questione prioritaria di costituzionalità" permetterà ai giudicabili di contestare una disposizione legislativa già applicata, se pregiudica i diritti e libertà garantiti dalla costituzione.

"Intendiamo attaccare dinanzi al Consiglio costituzionale l'assieme delle leggi discriminatorie riguardanti gli Zigani, come quella del 1969, che ha instaurato i carnet di circolazione per cui  la gens du voyage è obbligata a collegarsi ad un comune ed il fatto che per potere iscriversi negli elenchi elettorali, una persona deve essere collegata ad un comune per tre anni", ha spiegato dott. Braun all'AFP.

L'UFAT, dopo l'espulsione recente di Rom da un terreno privato che occupavano, contesta in particolare il ricorso alla legge per imporre alla gens du voyage di installarsi su un terreno previsto a La Courneuve.

"Lunedì 1 marzo alle 00:01, invierò via fax la mia richiesta alla Corte amministrativa d'appello di Versailles, prima tappa obbligatoria per investire il Consiglio costituzionale, per fare annullare gli articoli 9 e 9-1 previsti dalla legge del 5 marzo 2007, detta di prevenzione della delinquenza, che sono stati applicati dal sotto-prefetto di Saint-Denis ed il sindaco di La Courneuve per espellere i Rom rumeni che non sono affatto gens du voyage", ha confidato l'avvocato.

La legge impone ai grandi comuni la creazione di superfici collettive d'accoglienza per gli itineranti: i due articoli permettono l'espulsione della gens du voyage che verrebbe ad occupare un terreno privato quando è stata realizzata una superficie d'accoglienza.

Il dott. Braun fa valere che “i Rom sono arrivati nei Balcani bel XIII secolo, dove sono stati schiavi sino al 1848: si sono sedentarizzati da tempo, è dunque su un criterio razziale implicito, il fatto che sia gli zigani che i Roum occupanti di La Courneuve sono stati espulsi".

L'UFAT chiama ad una manifestazione per l'uguaglianza dei diritti dinanzi al Castello di Versailles il 1° marzo con caravan e musicisti durante la quale "le galline volate nei secoli saranno restituite", ha annunciato un portavoce, Christophe Daumas.

(©AFP/25 febbraio 2010 16:44)

 

Segnalazione di Stefania Cammarata

CRONACA

Fa ricorso per infortunio e ottiene un risarcimento di 400.000 euro. Ma l'uomo, cittadino italiano, non può ricevere i soldi
Il Garante dei diritti dei detenuti: "Gli istituti di credito hanno fatto intendere che si trattava di un cliente indesiderato"


ROMA - "Una vicenda kafkiana". E' con queste parole che Angiolo Marroni, Garante dei diritti dei detenuti del Lazio, descrive questa storia. Il protagonista è un giovane cittadino italiano di origine rom che, prima di essere arrestato per reati contro il patrimonio, aveva vinto una causa per infortunio contro l'Ater, le Aziende Territoriali per l'Edilizia Residenziale Pubblica. Circa otto anni fa, infatti, l'uomo, affittuario di un appartamento di proprietà dell'Ater, era caduto all'interno dell'abitazione. Poco dopo aveva fatto causa per i danni fisici subiti. Al termine del procedimento, la sentenza del giudice: l'uomo ha diritto a un risarcimento di oltre 400.000 euro da pagare con un bonifico bancario.

Una cifra niente male, che l'interessato non è però riuscito a incassare. Nonostante le ripetute richieste indirizzate dal suo legale a svariate filiali di diverse banche, "nessun istituto di credito - spiega in una nota Marroni - ha permesso che l'uomo aprisse un conto corrente dove far accreditare tali fondi". Quello che è emerso chiaramente dalle risposte, messe anche per iscritto, è che il cliente è stato giudicato "indesiderato". "Il sistema creditizio - continua il garante - ha deciso che quest'uomo è un cittadino diverso dagli altri. Per questi motivi ho chiesto ai miei uffici di acquisire la documentazione degli istituti di credito che hanno rifiutato l'apertura del conto corrente per segnalarle sia all'Abi che alla Banca d'Italia".

Il protagonista della vicenda è attualmente detenuto nel carcere di Viterbo dove è stato da poco trasferito. La pena giungerà a termine entro la fine di quest'anno.

(16 febbraio 2010)
 

 
Di Fabrizio (del 11/02/2010 @ 09:28:32, in Regole, visitato 1619 volte)

A proposito degli ultimi sgomberi a Milano, leggo sul blog di Luciano Muhlbauer

ANCHE VIGILI URBANI DEL SINDACATO SDL DENUNCIANO USO ILLEGITTIMO POLIZIA LOCALE PER SGOMBERI DA PARTE DI DE CORATO - LEGGI IL COMUNICATO SINDACALE

Non siamo soli a denunciare l’uso illecito e strumentale della Polizia Locale da parte di De Corato. Rispetto all’impiego di operatori della polizia municipale in maniera impropria, come se fossero forze dell’ordine, intervengono ora anche i diretti interessati.
Infatti, oggi il sindacato SdL Intercategoriale della Polizia Locale di Milano ha denunciato pubblicamente, con un comunicato stampa, l’utilizzo illegittimo dei vigili urbani da parte del Vicesindaco.
Chiediamo dunque ancora una volta, dopo l’odierno voto in Consiglio regionale e dopo questa presa di posizione più che significativa, poiché proviene da chi opera sul campo, che i responsabili dell’ordine pubblico, a partire da Prefetto e Questore, intervengano sul Comune di Milano, al fine di ristabilire la legalità.
E questo significa sciogliere la celere di De Corato e tutte quelle squadre speciali che si pongono al di fuori dal quadro costituzionale e dalle normative vigenti.

QUI DI SEGUITO IL COMUNICATO DEL SINDACATO SDL:
([...] puoi scaricare il comunicato di SdL in formato pdf)

COMUNICATO STAMPA:
SGOMBERI NOMADI: UTILIZZO ILLEGITTIMO DELLA POLIZIA LOCALE

IL SINDACATO SdL, HA ACCERTATO CHE, QUASI TUTTI GLI SGOMBERI, DEI CAMPI NOMADI, EFFETTUATI A MILANO NEGLI ULTIMI MESI, SONO STATI E CONTINUANO A ESSERE ATTUATI, QUASI TUTTI IN MODALITA’ ILLEGITTIMA.
IL VICESINDACO, RICCARDO DE CORATO, AVOCANDO A SE, LE FUNZIONI SANCITE DALLA NORMATIVA VIGENTE (ART. 117 COSTITUZIONE), ART.5 Legge 65 del 07/03/1986, IN MATERIA DI ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA, CONTINUA IMPARTIRE ORDINI AI DIRIGENTI DEL COMANDO DI POLIZIA LOCALE, DISTOGLIENDO GLI AGENTI DI P.L. DAI RISPETTIVI COMPITI D’ISTITUTO.
TUTTO CIO’ CON IL SILENZIO DEL PREFETTO E DEL QUESTORE, CHE ORMAI NON FORNISCONO PIU’ PATTUGLIE DI POLIZIA DI STATO, PER ESEGUIRE VERE E PROPRIE OPERAZIONI DI ORDINE PUBBLICO QUALI, GLI SGOMBERI E L’ALLONTANAMENTO DI CITTADINI SENZA FISSA DIMORA.
QUINDI LE OPERAZIONI VENGONO ESEGUITE IN ASSENZA DEGLI UFFICIALI DI PUBBLICA SICUREZZA, QUALIFICA NON PRESENTE, PER LEGGE, ALL’INTERNO DELLO STAFF DELLA POLIZIA LOCALE. INFATTI, NEMMENO IL COMANDANTE DEL CORPO, PUO’ RIVESTIRE QUESTA CARICA, PROPRIO PERCHE’, L’ORDINE PUBBLICO E LA SICUREZZA SONO PREROGATIVE DELLO STATO, QUINDI DEVE ESSERE ATTUATA DALLE FORZE DI POLIZIA NAZIONALE.
RAMMENTIAMO CHE, NON RIENTRA NELLE FUNZIONI DEI VIGILI URBANI, GARANTIRE LA SICUREZZA, SE NON CON RIDOTTE ATTIVITÀ AUSILIARIE.
IL SERVIZIO IN QUESTIONE RISULTA PARTICOLARMENTE PERICOLOSO, VISTA LA MANCANZA DI PREPARAZIONE DEGLI AGENTI, QUINDI PRESENTI ANCHE VIOLAZIONI DELLA NORMATIVA SULLA TUTELA DELLA SICUREZZA DEI LAVORATORI.
IL SINDACATO DEI LAVORATORI, PREANNUNCIANDO UN ESPOSTO ALLA PROCURA, HA DIFFIDATO IL VICESINDACO E I RESPONSABILI DEL COMANDO DI P.L. INOLTRE HA INVITATO IL PREFETTO E IL QUESTORE, A RIPRENDERE IN MANO LA SITUAZIONE, RIPRISTINANDO LA SITUAZIONE DI LEGALITA’ IN MATERIA DI ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA.

Milano, 10 febbraio 2010

S.d.L. Pubblico Impiego Milano

 

ImmigrazioneOggi

17 dicembre 2009 Una circolare del DAP motiva la scelta affermando che “l'accesso per il colloquio con i familiari in carcere non si configura come la fruizione di un servizio pubblico ma come esercizio di un diritto, tanto da parte dei ristretti quanto da parte dei congiunti”. Il sindacato di polizia: “siamo allibiti”.

Allo straniero che si presenta in carcere per far visita a un familiare detenuto non dovrà esser richiesto alcun documento che dimostri la sua regolare presenza in Italia. È quanto stabilito da una circolare del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria che per spiegare agli agenti come agire alla luce delle nuove norme previste dal pacchetto sicurezza che hanno introdotto il reato di immigrazione clandestina.

I detenuti stranieri nelle sovraffollate carceri italiane sono oltre 25mila (circa il 27% del totale) e molti di essi sono clandestini. La probabilità che siano irregolari anche alcuni dei familiari che fanno loro visita in carcere è assai alta. Dal momento che gli agenti penitenziari sono pubblici ufficiali, come dovranno comportarsi ora che l'immigrazione clandestina è un reato?

“Il personale del Corpo di polizia penitenziaria non dovrà richiedere allo straniero che accede alla struttura penitenziaria l'esibizione di alcuna documentazione attestante la sussistenza dei requisiti legittimanti la presenza sul territorio italiano, né lo straniero sarà tenuto a dimostrare in alcun modo la regolarità della sua posizione”, scrive Sebastiano Ardita, magistrato a capo della direzione generale detenuti del Dap. E questo vale a maggior ragione “nel caso in cui a richiedere il colloquio siano i figli minori di persone prive di permesso di soggiorno”. Ma la circolare, diramata a tutti i provveditori regionali e diffusa dall’agenzia Ansa, precisa anche che il mancato obbligo di verifica sulla regolarità dello straniero all'ingresso del carcere “non esclude che il pubblico ufficiale o l'incaricato di pubblico servizio, in qualsiasi modo venga a conoscenza della sussistenza del reato” di immigrazione clandestina “non sia tenuto, in via generale, a denunciare tempestivamente il reato all'autorità giudiziaria o ad altra che abbia a sua volta obbligo di riferire a quella”. La decisione di non chiedere allo straniero in visita un documento che ne attesti la regolare presenza è stata presa - scrive Ardita - sulla base della considerazione che l'accesso per il colloquio con i familiari in carcere “non si configura come la fruizione di un servizio pubblico ma come esercizio di un diritto, tanto da parte dei ristretti quanto da parte dei congiunti”.

“Siamo allibiti” è stato il commento di Leo Beneduci, segretario generale dell'Osapp il sindacato degli agenti penitenziari. Secondo Beneduci “come agenti e ufficiali di polizia giudiziaria abbiamo l'obbligo di far rispettare le leggi e reprimere i reati, non certo di chiudere un occhio. Su questa vicenda ci rivolgeremo al ministro dell'Interno Maroni per avere giustizia”.

(Red.)

 
Di Fabrizio (del 17/12/2009 @ 20:41:29, in Regole, visitato 1247 volte)

AGI News

(AGI) Venezia 17 dic. - "Adesso qualcuno capira' quale disastro sarebbe un presidente leghista nel Veneto". Cosi' il consigliere regionale veneto Igino Michieletto (Partito Democratico) commenta il trasferimento del prefetto di Venezia Michele Lepri Gallerano. "Grazie al ministro Maroni trasformatosi in ministro di ferro - spiega Michieletto - il prefetto di Venezia viene cacciato per non aver seguito il diktat di chi voleva impedire, contro ogni buon senso e ogni regola di convivenza civile, il trasferimento dei Sinti negli alloggi preparati dal Comune di Venezia. Chi, dopo l'arrivo della signora Zaccariotto alla presidenza della Provincia di Venezia, non avesse ancora compreso pienamente in cosa consiste l'uso leghista del potere, ora e' servito". Secondo Michieletto "l'ingresso degli esponenti del Carroccio nei ruoli-guida delle istituzioni finisce per trasformarle nel braccio armato dei settori piu' xenofobi di un governo impegnato nella guerra senza quartiere a ogni pratica di umanita'". "C'e' da augurarsi - prosegue il vicepresidente dei consiglieri Pd a palazzo Ferro-Fini - che basti questo come esempio per capire cosa significhera' per il Veneto avere un presidente leghista: nessuno sforzo deve quindi essere trascurato nella costruzione di un vasto fronte che permetta, alle prossime elezioni, di fermare la marcia delle truppe di Bossi in una regione tradizionalmente libera e ricca di sensibilita' umanitaria come il nostro Veneto. Qui non ci sono bandierine e piccoli interessi da difendere - conclude Michieletto - ma valori di liberta', di diritto e di umanita', di sensibilita' cristiana, da riaffermare con forza". (AGI) Cli/Ve/Pgi

 
Di Fabrizio (del 11/12/2009 @ 08:55:00, in Regole, visitato 1829 volte)

Il caso aveva avuto tutt'altra conclusione due anni fa. Per chi non lo ricordasse, QUI

Oggi è un gran giorno per tutti i gitani europei: Il Tribunale Europeo dei Diritti Umani sentenzia che il matrimonio celebrato con il rito gitano ha piena validità

09-12-2009 - Da un paio d'anni, Unión Romaní si è aggiunta all'iniziativa della Fondazione Secretariado Gitano in difesa dei legittimi interessi di "La Nena", dividendoci le carte. Entrambe le organizzazioni sono apparse davanti al Tribunale Europeo dei Diritti Umani per coprire ampliamente i differenti lati che la difesa di María Dolores necessitava. La Fondazione, tramite i suoi avvocati, Magdalena Queipo de Llano López-Cózar e Sebastián Sánchez Lorente, ha posto le ragioni giuridiche formali che avallavano la petizione di María Luisa Muñoz Díaz di ottenere la pensione di vedova negatale dalla Sicurezza Sociale spagnola. Senza alcun dubbio il successo ottenuto da questa azione permetterà a questa brava gitana di ottenere, anche con gli arretrati, quello che il governo spagnolo ha negato per tanto tempo.

Unión Romaní, rappresentata dal suo presidente e avvocato, Juan de Dios Ramírez-Heredia, ha centrato fondamentalmente la sua difesa nel dimostrare che l'unione realizzatasi tra María Luisa ed il suo defunto marito tramite il rito gitano, quando entrambe erano giovani, costituì un vero matrimonio. Qui stava il controverso punto nevralgico della questione. Il Governo ed i giudici spagnoli non intendevano ammettere la validità delle nozze gitane e di conseguenza, non esistendo matrimonio, non riconoscevano il diritto alla pensione di vedovanza. Ai gitani spagnoli ha causato speciale tristezza la sentenza sfavorevole del Tribunale Costituzionale spagnolo quando non seppe, o non volle, accettare i ragionamenti che che gli furono presentati con assoluta precisione. L'eccezione venne costituita dal magistrato Jorge Rodríguez-Zapata Pérez, che Dio doni a lui e a tutta la sua famiglia salute e libertà, che da allora occupa un posto di affetto e rispetto nel cuore di tutti i gitani spagnoli e nel mondo per essere l'unicoche ci ha dato la ragione, ratificata dal Tribunale Europeo dei Diritti Umani.

Crediamo che oggi sia un grande giorno non solo per i gitani spagnoli ma anche per quelli europei. Così abbiamo manifestato davanti all'Alto Tribunale di Strasburgo. Quel giorno memorabile sapevamo che quanto era in gioco non era esclusivamente che "La Nena" ottenesse la sua pensione, ma che quei giudici avevano deciso che María Luisa avesse diritto alla sua pensione di vedovanza perché lei e suo marito, sposati col rito gitano, costituivano un vero matrimonio. Il Tribunale di Strasburgo ha ascoltato la nostra voce gitana ed emesso la sentenza. Una sentenza che riporta la dignità negata a tutto un popolo e che renderà possibile, perché questo giudizio costituisce giurisprudenza, che qualsiasi coppia gitana, unita col nostro vecchio rituale, in qualsiasi parte del vecchio Continente, debba venir riconosciuta dai poteri pubblici come un vero matrimonio.

Che Dio abbia uno sguardo per i membri del Tribunale Europeo dei Diritti Umani di Strasburgo e per il magistrato Rodríguez-Zapata, che da oggi occupano un posto imperituro nel nostro cuore.

UNION ROMANI
Dirección Postal/Postal Address:
Apartado de Correos 202
E-08080 BARCELONA (Spain)

Tel. +34 934127745
Fax. +34 934127040
E-mail: u-romani@pangea.org
URL: http://www.unionromani.org 

 
Di Fabrizio (del 07/12/2009 @ 09:09:00, in Regole, visitato 1548 volte)

Segnalazione di Cristina Seynabou Sebastiani

(stranieriinitalia.it) Chiarimento definitivo da parte del Viminale. “Non c’è obbligo di referto per il reato di clandestinità”

Roma - 2 dicembre 2009 - Né i medici né il resto del personale possono denunciare gli immigrati senza permesso di soggiorno che entrano in un pronto soccorso, in un ospedale o in una altra struttura del servizio sanitario nazionale.

È il ministero dell’Interno a dire la parola definitiva su una querelle che rischiava di tenere i clandestini lontani dagli ospedali, mettendo al rischio la salute di tutti. L’introduzione del reato di clandestinità, ribadisce con una circolare, non ha eliminato il divieto di segnalazione nelle strutture sanitarie previsto dal testo unico sull’immigrazione.

Il Viminale chiarisce che l’obbligo di referto da parte dei medici riguarda solo i delitti per i quali si deve procedere d’ufficio e non scatta se espone il paziente a un procedimento penale. L’obbligo di referto non può quindi essere applicato al reato di clandestinità, che non è un delitto, ma una semplice contravvenzione e che tra l’altro fa finire l’immigrato sotto processo.

Soddisfatta Medici Senza frontiere, che si era battuta contro l’abolizione del divieto di segnalazione proposta dalla Lega Nord durante l’iter del ddl sicurezza. “Ora non potranno esserci più ambiguità nell’interpretazione della legge, i migranti irregolari possono farsi curare senza paura. È nell’interesse generale - dice l’addetto stampa Gianluigi Lopes - evitare la marginalizzazione sanitaria e favorire l’accesso alle cure di tutta la popolazione, come prevede anche la Costituzione”

 
Di Fabrizio (del 03/12/2009 @ 09:43:13, in Regole, visitato 1871 volte)

Segnalazione di Eugenio Viceconte

Immigrazione.biz Accordo raggiunto con il Prefetto di Roma

Ai nomadi che non hanno commesso reati verrà rilasciato un permesso di soggiorno per motivi umanitari. Questo l’accordo raggiunto con il Prefetto di Roma, Pecoraro alla vigilia dell’attuazione del piano nomadi del Comune di Roma.

I nomadi residenti nei campi della Capitale privi di permesso di soggiorno ma senza precedenti penali, chiederanno alla Questura di Roma il rilascio di un permesso di soggiorno per motivi umanitari. La valutazione del possesso dei requisiti per il rilascio sarà valutata da una commissione governativa e chi non ne avrà diritto sarà espulso. “Il documento umanitario”, spiega Najo Adzovic, rappresentante del Casilino 900 “consentirà a quelle persone che mostrano volontà di integrazione, di lavorare e mandare i figli a scuola, di regolarizzare la loro posizione. Basta pensare che molti di questi sono in Italia da oltre 30 anni”. Sono già cominciate presso l’ufficio immigrazione della Questura di Roma le operazioni di fotosegnalamento dei primi Rom dell’ex Jugoslavia del campo nomadi di via di Salone.

Il rilascio del permesso di soggiorno per motivi umanitari, come spiega Adzovic, si è reso necessario soprattutto a seguito dell’ entrata in vigore della legge sulla sicurezza che ha previsto il reato di ingresso e soggiorno illegale in Italia. Le sanzioni penali – un’ammenda da 5mila a 10mila euro - sarebbero dunque scattate per tutti i residenti del campo privi di permesso di soggiorno. Accanto al permesso di soggiorno resterà comunque il Dast (Documento di autorizzazione allo stanziamento temporaneo) presentato dal Campidoglio che servirà per attestare la residenza di una persona in un determinato campo nomadi.

Il permesso di soggiorno per motivi umanitari è regolato dall’articolo 5 comma 6 e dall’articolo19 comma 1 del Testo Unico Immigrazione che prevedono l’inespellibilità se ricorrono seri motivi di carattere umanitario o risultanti da obblighi internazionali che non consentono l’allontanamento dal territorio nazionale. Può essere rilasciato dalla questura a seguito di acquisizione di documentazione riguardante i motivi della richiesta relative ad oggettive e gravi situazioni personali – art. 11 c. 1 lett. C)ter DPR 394/99.

 
Di Fabrizio (del 02/12/2009 @ 09:23:05, in Regole, visitato 1531 volte)

Segnalazione di Elisabetta Vivaldi

COMUNICATO STAMPA: PROCESSI BREVI E … PROCESSI SOMMARI

A.V. è la quindicenne rom accusata di aver rapito una neonata a Ponticelli (Na) nel maggio 2008, avvenimento che scatenò la feroce devastazione dei campi rom di Ponticelli. L’accusa contro A.V. fu formulata dalla madre della neonata, unica testimone dell’avvenimento, che fornì una versione dei fatti oggettivamente poco verosimile. Secondo il racconto della madre, infatti, A. V. sarebbe riuscita ad introdursi nella sua abitazione dove, approfittando del fatto che la neonata sarebbe rimasta per pochi attimi sola in cucina, sarebbe riuscita a “rapire” la neonata e ad uscire dall’appartamento, il tutto in pochissimi secondi, senza produrre il minimo rumore e senza provocare il pianto della bambina.
L’Avv. Cristian Valle, difensore della piccola rom, ha messo in evidenza la scarsa verosimiglianza del racconto.
Nonostante ciò, il Tribunale per i Minorenni di Napoli ha condannato la minore rom a 3 e 8 mesi, fondando la decisione di colpevolezza sul presupposto che la madre della neonata non avrebbe avuto alcun interesse ad accusare la minore rom se il fatto non fosse realmente accaduto.... Mostra tutto
La difesa della piccola rom ha sempre denunciato la violazione dei diritti fondamentali come, ad esempio, la mancata traduzione degli atti nella lingua conosciuta dall’imputata, questione più volte sollevata ma sempre respinta, nonostante le dichiarazioni della mediatrice culturale che accolse a Nisida la piccola rom, secondo la quale A.V. al momento dell’arresto non comprendeva minimamente la lingua italiana. Ogni richiesta della difesa è stata sistematicamente respinta, perfino la richiesta della messa alla prova e l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato, con la motivazione che A.V. potrebbe avere ingenti patrimoni nel suo paese d’origine. Non le è stato concesso alcun beneficio di legge benché la minore risulti incensurata e in stato di abbandono. I familiari di A.V., infatti, sono scappati a seguito della devastazione del campo rom e delle persecuzioni verificatesi a Ponticelli. La sentenza d’appello ha confermato in pieno quella di primo grado e si attende ora la decisione della Corte di Cassazione. Con il processo ancora in corso, la piccola rom si trova in custodia cautelare nel carcere di Nisida da un anno e mezzo. A nulla sono valse le motivate istanze di scarcerazione.

Da ultimo, il Tribunale per i Minorenni di Napoli, in sede di appello al riesame, ha rigettato le richieste della difesa con una motivazione assolutamente sconcertante e che conferma le denunciate violazioni dei diritti fondamentali della piccola rom. Si legge infatti nel breve provvedimento: “Emerge che l’appellante è pienamente inserita negli schemi tipici della cultura rom. Ed è proprio l’essere assolutamente integrata in quegli schemi di vita che rende, in uno alla mancanza di concreti processi di analisi dei propri vissuti, concreto il pericolo di recidiva.” La decisione afferma, quindi, l’esistenza di un nesso di causalità tra l’appartenenza etnica e la possibilità di commettere reati e, ancora più insidiosamente, la tendenza a condotte recidive. Questo assunto, sfacciatamente razzista, si traduce nella decisione di non concedere nemmeno misure alternative alla carcerazione: “Sia il collocamento in comunità che la permanenza in casa risultano, infatti, misure inadeguate anche in considerazione alla citata adesione agli schemi di vita Rom che per comune esperienza determinano nei loro aderenti il mancato rispetto delle regole. Da quanto detto ne consegue il rigetto del proposto appello.”
Il provvedimento di rigetto della richiesta di modifica della misura cautelare afferma a chiare lettere che il collocamento in comunità non è ammissibile in quanto la minore aderisce agli schemi di vita del popolo cui appartiene. In modo assolutamente sconcertante, si afferma l’opzione del carcere su base etnica, e, attraverso la definizione di “comune esperienza”, i più biechi e vergognosi pregiudizi contro la minoranza rom vengono elevati al rango di categoria giuridica.
Questa decisione del Tribunale dei Minorenni - e le stesse parole usate, agghiaccianti quanto spudorate - è perfettamente coerente alle attuali politiche in materia di immigrazione, andandosi a delineare l’esistenza di due distinte giurisdizioni, una per i cittadini e l’altra per gli stranieri.
In un paese che sanziona la clandestinità come reato, l’intera vicenda di A.V. è rappresentativa dell’accanimento giudiziario contro gli “stranieri” che gravemente annichilisce i diritti umani, e della perdita di limiti etici e giuridici oltre i quali le pulsioni più cupe, non incontrando più filtri di alcun genere, si caricano di forza di legge e fondano decisioni giudiziarie.

25 Novembre 2009 soccorsolegalenapoli@yahoo.it

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


25/05/2022 @ 08:47:24
script eseguito in 69 ms

 

Immagine
 Il gruppo Dhoad Gipsy del Rajasthan... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4419 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< maggio 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source