\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Clandestini: “Vietato denunciarli negli ospedali”
Di Fabrizio (del 07/12/2009 @ 09:09:00, in Regole, visitato 1586 volte)

Segnalazione di Cristina Seynabou Sebastiani

(stranieriinitalia.it) Chiarimento definitivo da parte del Viminale. “Non c’è obbligo di referto per il reato di clandestinità”

Roma - 2 dicembre 2009 - Né i medici né il resto del personale possono denunciare gli immigrati senza permesso di soggiorno che entrano in un pronto soccorso, in un ospedale o in una altra struttura del servizio sanitario nazionale.

È il ministero dell’Interno a dire la parola definitiva su una querelle che rischiava di tenere i clandestini lontani dagli ospedali, mettendo al rischio la salute di tutti. L’introduzione del reato di clandestinità, ribadisce con una circolare, non ha eliminato il divieto di segnalazione nelle strutture sanitarie previsto dal testo unico sull’immigrazione.

Il Viminale chiarisce che l’obbligo di referto da parte dei medici riguarda solo i delitti per i quali si deve procedere d’ufficio e non scatta se espone il paziente a un procedimento penale. L’obbligo di referto non può quindi essere applicato al reato di clandestinità, che non è un delitto, ma una semplice contravvenzione e che tra l’altro fa finire l’immigrato sotto processo.

Soddisfatta Medici Senza frontiere, che si era battuta contro l’abolizione del divieto di segnalazione proposta dalla Lega Nord durante l’iter del ddl sicurezza. “Ora non potranno esserci più ambiguità nell’interpretazione della legge, i migranti irregolari possono farsi curare senza paura. È nell’interesse generale - dice l’addetto stampa Gianluigi Lopes - evitare la marginalizzazione sanitaria e favorire l’accesso alle cure di tutta la popolazione, come prevede anche la Costituzione”