Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Gli Zingari fanno ancora paura?

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : Kumpanija (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 21/03/2009 @ 08:54:19, in Kumpanija, visitato 1504 volte)

Ricevo da Maria Grazia Dicati


Non aver paura, apriti agli altri, apriti ai diritti from Strayorange on Vimeo.

ROMA – Un fantasmino giallo che non fa paura, anzi sorride: è uno spauracchio, ce lo ha pure scritto addosso. È questo il simbolo della Campagna nazionale contro il razzismo, l’indifferenza e la paura dell’altro "Non aver paura, apriti agli altri, apri ai diritti", presentata questa mattina al Teatro Ambra Jovinelli di Roma.

Disegnato da Viorel Samuel Cirpaciu, bambino rom di 11 anni, lo ‘spauracchio’ è il simbolo di una campagna organizzata da 26 organizzazioni, tra cui l’Alto Commissariato Onu per i Rifugiati, associazioni religiose e laiche e Ong internazionali, oltre che i sindacati. "È una campagna che abbiamo voluto lanciare oggi non a caso – ha spiegato Laura Boldrini, portavoce dell'Alto Commissariato Onu per i rifugiati -, alla vigilia di una data importante che è il 21 marzo, Giornata mondiale contro il razzismo. Una campagna che ha la pretesa di essere un’iniziativa culturale, grazie al fatto che abbiamo convogliato diverse organizzazioni diverse, un’ampia fetta della società civile italiana".

Obiettivo della campagna, sensibilizzare la società civile al tema del razzismo tramite l’impegno delle organizzazioni aderenti che saranno protagoniste di quella che definiscono una vera e propria maratona di iniziative locali e nazionali, e una raccolta di firme che sottoscrivano il manifesto dell'iniziativa. L'invito alla riflessione è rivolto anche al mondo politico e alle istituzioni, anch’esse invitate a firmare contro il razzismo." In questi anni – ha spiegato Boldrini - una buona parte della politica ha coniugato l’immigrazione con la sicurezza, trascurando tutti gli altri aspetti dell’immigrazione, positivi che non hanno avuto il peso che meritavano".

Punta di diamante della campagna uno spot televisivo e radiofonico firmato da Mimmo Calopresti, con l’interpretazione di Francesca Reggiani, Lello Arena, Salvatore Marino e Cumbo Sall. "I media in questi anni - ha affermato Boldrini - non ci hanno aiutato a capire l’importanza del fenomeno migratorio. Hanno dato grande spazio alla cronaca nera legata all’immigrazione oscurando il resto, oppure hanno usato termini allarmistici e questo ha generato paura. Questa paura è basata sull’immagine dell’immigrazione resa, che non necessariamente corrisponde alla realtà".

Nello spot, i diversi attori si ritrovano a riscoprire le loro piccole posizioni razziste, nonostante si dichiarino non razzisti a vicenda. Bloccati da una intricata rete di fili, Francesca Reggiani interpreta una persona del Nord Italia che guarda con sospetto i meridionali. Il ‘sospettato’ è interpretato proprio da Lello Arena, che nella parte diffida degli arabi. Marino, cittadino italiano con madre eritrea scarica la colpa sugli africani ed infine Sall, anche lei italiana di padre senegalese restituisce il colpo sui rom. Da questo groviglio di parole e di fili, spunta proprio Viorel, l’autore del fantasmino giallo, che a differenza degli altri protagonisti, riesce a venire fuori dalla matassa.

La campagna giunge in un anno che gli organizzatori definiscono ‘nero’. "Ci siamo chiesti se il razzismo fosse cresciuto – ha spiegato Boldrini -. Da marzo 2008 a marzo 2009, limitandoci alla semplice raccolta di eventi riportati dalle agenzie di stampa, abbiamo raccolto 8 pagine di eventi di razzismo, centinaia di eventi che hanno portato a definire quest’anno un anno da dimenticare".

L'iniziativa è promossa dalle Acli, l'Alto Commissariato dell'Onu per i rifugiati, Amnesty, Antigone, Arci, Asgi, Cantieri sociali, Caritas italiana, Centro Astalli, Cgil, Cir, Cisl, Cnca, Comunità di Sant'Egidio, Csvnet, Emmaus Italia, Federazione Chiese evangeliche in Italia, Federazione Rom e Sinti, FioPsd, Gruppo Abele, Libera, Rete G2, Save the Children, Sei - Ugl, Terra del Fuoco e Uil.

 
Di Fabrizio (del 22/03/2009 @ 09:16:40, in Kumpanija, visitato 1801 volte)

Da Roma_Daily_News

La comunità mondiale da tempo non è più silente sull'apolidia. Negli anni recenti, paesi come il Bangladesh, l'Estonia, la Mauritania, il Nepal, e lo Sri Lanka hanno fatto passi significativi per proteggere i diritti delle persone apolidi. E' migliorata la risposta delle Nazioni Unite. Le agenzie non governative, gli esperti legali, gli interessati ed altri stanno unendo le forze per condividere informazioni più accurate e ridurre l'incidenza di questo fenomeno globale spesso sottovalutato. E' cresciuta l'attenzione dei media. Circa 12 milioni di persone nel mondo sono ancora apolidi, ed il progresso verso la fine del problema è lento e limitato. La campagna per i diritti di nazionalità è lungi dal dirsi conclusa.

La nazionalità è un diritto umano fondamentale ed un fondamento di identità, dignità, giustizia, pace e sicurezza. Ma l'apolidia, o la mancanza di nazionalità effettiva, riguarda milioni di uomini, donne e bambini in tutto il mondo. Essere apolidi significa non avere protezione legale o diritto di partecipare ai processi politici, inadeguato accesso al sistema sanitario e scolastico, scarse prospettive di lavoro e povertà, poche opportunità di possedere proprietà, restrizioni di movimento, esclusione sociale, vulnerabilità ai traffici, minacce e violenze. L'apolidia ha un impatto sproporzionato sulle donne e bambini.

Le persone apolidi si trovano in tutte le regioni del mondo. Tra i gruppi più vulnerabili ci sono i Rohingya a Burma ed in Asia, i Bidun in Medio Oriente, i Rom in Europa, i figli dei migranti haitiani nei Caraibi, individui dell'ex blocco sovietico, Kurdi denazionalizzati, alcuni palestinesi ed alcuni gruppi in Thailandia. La loro situazione di limbo legale dipende da molti fattori come i cambiamenti politici, l'espulsione da un territorio, discriminazione, nazionalità basata sulla sola discendenza e leggi che regolano il matrimonio e la registrazione delle nascite.

Dato che gli stati hanno il diritto sovrano di determinare le procedure e le condizioni per l'acquisizione e la perdita della cittadinanza, l'apolidia e le nazionalità controverse vanno risolte per ultimo dai governi. Ma la decisioni dello stato sulla cittadinanza devono conformarsi ai principi generali della legge internazionale. Numerosi strumenti internazionali, inclusa la Dichiarazione Universale sui Diritti Umani, affermano i diritti di nazionalità. Esistono da tempo due convenzioni ONU sull'apolidia, ma non sono ratificate estesamente. Ad oggi, 63 paesi sono diventati partecipi della Convenzione del 1954 riguardo lo Status delle Persone Apolidi, e 35 paesi hanno aderito alla Convenzione del 1961 sulla Riduzione dell'Apolidia.

La Convenzione del 1954 identifica una persona apolide come qualcuno che non ha un legame legale di nazionalità con alcuno stato. Quanti legittimamente reclamano la cittadinanza, ma che non possono provarla, o a cui i governi rifiutino di dare effetto alla loro nazionalità, sono pure considerati apolidi. Il numero delle persone apolidi nel 2009 uguaglia circa quello di rifugiati in tutto il mondo. Ma a differenza dei rifugiati, gli apolidi - particolarmente quelli che non possono essere classificati come rifugiati - spesso non beneficiano della protezione ed assistenza dei governi, agenzie di aiuto, o dell'ONU, nonostante il mandato di quell'istituzione di assistere le persone apolidi.

Dal 2004, Refugees International (RI) ha visitato oltre una dozzina di paesi per valutare la situazione di chi è apolide o a rischio di esserlo. Nel 2005, RI pubblicò il suo primo studio globale sull'apolidia, Lives on Hold: The Human Cost of Statelessness, per rinnovare l'attenzione sul problema, asserendo che "doveva chiudersi il gap tra diritti e realtà".

Questo rapporto, Nationality Rights for All: A Progress Report and Global Survey on Statelessness, fornisce uno studio globale ed aggiornato sull'apolidia in oltre 80 paesi ed accerta i progressi dal 2005 nel proteggere i diritti umani delle persone apolidi e nel prevenire e ridurre l'apolidia. In cambio sono riflessi importanti sviluppi nella legge internazionale e nei passi intrapresi da governi, organizzazioni internazionali ed OnG. E mentre l'Ufficio ONU dell'Alto Commissario per i Rifugiati (UNHCR) sta pensando più strategicamente di prima per mantenere fede ai suoi obblighi, le agenzie dell'apolidia rimangono severamente sotto organico e mal finanziate rispetto le altre funzioni organizzative. Deve migliorare il coordinamento tra le agenzie ONU che si occupano di apolidia.

Tre casi di progresso - Bangladesh, Etiopia e Kenia - illustrano come possono accadere i miglioramenti, ma anche quali sfide rimangono per completare e rafforzare le soluzioni sull'apolidia. Questi tre casi dimostrano il ruolo critico della volontà politica (o della sua mancanza), dei quadri legali di riferimento internazionali e nazionali, degli sforzi di collegamento tra l'ONU e le altre agenzie, come pure delle iniziative degli apolidi stessi.

  • In Bangladesh, a seguito di un precedente legale, la maggior parte della minoranza di lingua urdu (chiamati anche "Bihari" o "Pakistani in difficoltà") è stata riconosciuta come cittadini in un giudizio dell'Alta Corte del maggio 2008. Dal 1971, almeno 200.000 ma probabilmente 500.000, componenti di questa minoranza hanno vissuto in squallide baraccopoli, con accesso limitato alla sanità, istruzione [...] Per 37 anni, né il Bangladesh né il Pakistan li hanno riconosciuti come cittadini. Come primo passo verso l'integrazione, l'Alta Corte ha ordinato la registrazione al voto degli adulti consenzienti ed emesso le carte nazionali d'identificazione.
  • In Etiopia, almeno 120.000 ma forse 500.000 persone di origine eritrea furono private della cittadinanza durante il conflitto di confine con l'Eritrea del 1998-2000. Circa 75.000 furono deportati in Eritrea, dividendo diverse famiglie. Chi non venne deportato apparentemente sembrava in grado di riacquisire la cittadinanza con la Proclamazione Eritrea della Nazionalità, ma è difficile ottenere numeri certi.
  • In Kenia, circa 100.000 Nubiani hanno avuto meno difficoltà nell'ottenere le carte d'identità, particolarmente da quando fecero causa nel 2003 e nel 2004 contro il governo, attraverso l'Alta Corte del Kenia e la Commissione Africana sui Diritti Umani con base in Gambia.

Redatto alla luce di questi sviluppi, questo rapporto ha lo scopo di espandere la comprensione del problema dell'apolidia, aumentare il riconoscimento del diritto di nazionalità e promuovere soluzioni per la fine del'apolidia. I tre casi mostrano che soluzioni fattive per l'apolidia si estendono oltre l'individuazione delle determinazioni accurate dello status giuridico. Comprendono processi di integrazione a lungo termine e la gestione della diversità. I governi devono assicurare che le istituzioni pubbliche - scuole, ospedali, comuni, tribunali - applichino pienamente la legge. La direzione governativa è importante per instaurare un tono conciliatorio.

Dato che l'apolidia è spesso un problema nascosto, un soggetto sensibile e talvolta ad un punto morto diplomatico, si sbiadisce sullo sfondo. Ma la perdita della nazionalità e la sua negazione protratta spesso portano al diniego massivo dei diritti umani. Le iniziative locali per risolvere l'apolidia devono essere incoraggiate, ma l'impegno dell'UNHCR è essenziale per aumentare la forza e la legalità degli standard internazionali legali sui diritti di nazionalità ed il loro sviluppo nella pratica.

Verso queste mete, Refugees International raccomanda a tutti gli stati di rispettare ed assicurare il diritto di ogni persona ad avere una nazionalità, lavorare per l'acquisizione della nazionalità, e sostenere gli standard internazionali per proteggere le persone apolidi, prevenire e ridurre l'apolidia. Refugees International preme anche sull'UNHCR perché compia passi concreti per tenere pienamente fede al suo mandato. Anche i gruppi non-governativi hanno un importante ruolo da giocare. Sforzi concreti per terminare l'apolidia sono in grave ritardo.

Download Nationality Rights for All: A Progress Report and Global Survey on Statelessness - 1 MB Pdf

 
Di Fabrizio (del 01/04/2009 @ 09:24:39, in Kumpanija, visitato 1437 volte)

Ricevo da Agostino Rota Martir

Proprio così, vale la proprio la pena di pensarci un pochino sopra e... diffonderlo.
Ciao Ago

"Non molesterai il forestiero né lo opprimerai perché voi siete stati forestieri in terra di Egitto" (Esodo, 22,20)

Noi missionari/e sentiamo il dovere di reagire e protestare contro la strage in atto nel Mediterraneo e le leggi razziste contro gli immigrati che arrivano sulle nostre coste. È una tragedia questa, che non ci può lasciare indifferenti: migliaia e migliaia di africani che tentano di attraversare il Mare nostrum per arrivare nell’agognato "Eden". Un viaggio che spesso si conclude tragicamente. Dal 2002 al 2008 sono morti, in maggioranza scomparsi in mare, 42 mila persone, secondo la ricerca condotta a Lampedusa da Giampaolo Visetti, giornalista di La Repubblica. Trecento persone al giorno! Il più grande massacro europeo dopo la II Guerra Mondiale che si consuma sotto i nostri occhi.

E qual è la risposta del governo? Chiudere le frontiere e bloccare questa "invasione". E per questo il "nostro" governo ha stipulato accordi con la Libia e la Tunisia. Il 5 gennaio 2009 infatti il Senato ha approvato il Trattato con il governo libico di Gheddafi per impedire che le cosiddette carrette del mare arrivino a Lampedusa. Com’è possibile firmare un trattato con un paese come la Libia che tratta in maniera così vergognosa gli immigrati in casa propria?

Il 27 gennaio 2009 il ministro Maroni si è incontrato con il ministro degli Interni tunisino per la stessa ragione. Il regime di Ben Ali in Tunisia non è meno dittatoriale di quello libico. Questi tentativi italiani per bloccare l’immigrazione clandestina, sono sostenuti dal Frontex, l’Agenzia Europea per la difesa dei confini, che ha ricevuto oltre 22 milioni di euro per tali operazioni.

Ci dimentichiamo però che questa pressione migratoria è dovuta alla tormentata situazione africana, in particolare dell’Africa Centrale e Orientale. Le situazioni di miseria e oppressione, le guerre troppo spesso dimenticate dell’Eritrea, Etiopia, Somalia, Sudan, Ciad sospingono migliaia di persone a fuggire attraverso il deserto per arrivare in Tunisia e Libia dove sono trattate come schiavi: lunghi anni di lavoro in nero per ottenere i soldi per la grande traversata (soldi che andranno alle mafie). E se riusciranno (pagando 3-4000 euro) ad attraversare il Mediterraneo ed arrivare a Lampedusa, verranno rinchiusi in un vero e proprio campo di concentramento, il Centro di "accoglienza" trasformato il 24 gennaio in Cie (Centro di identificazione ed espulsione): un vero lager che può ospitare 900 persone ed invece ne contiene 1900! Di qui le drammatiche rivolte di questi giorni con i tentati suicidi di parecchi tunisini che non vogliono essere rimpatriati perché sanno quello che li attende.

Tutto questo grazie alla solerzia del nostro ministro Maroni che ha detto che bisogna essere "cattivi" con gli immigrati. E il suo Pacchetto Sicurezza è la "cattiveria trasformata in legge", come afferma il settimanale Famiglia Cristiana. Infatti nel Pacchetto Sicurezza il clandestino è dichiarato criminale. Una legislazione questa che ha trovato un terreno fertile, preparato da un crescente razzismo della società italiana (così ben espresso dalla Lega!) e da una legislazione che va dalla Turco-Napolitano (l’idea dei Centri di permanenza temporanea) all’immorale e non-costituzionale Bossi-Fini, che non riconosce l’immigrato come soggetto di diritto, ma come forza lavoro pagata a basso prezzo, da rispedire al mittente quando non ci serve più.

La legge infatti prevede, fra le altre cose, la possibilità che i medici denuncino i clandestini ammalati, la tassa sul permesso di soggiorno (dagli 80 ai 200 euro!), le "ronde", il permesso di soggiorno a punti, norme restrittive sui ricongiungimenti familiari e i matrimoni misti, il carcere fino a 4 anni per gli irregolari che non rispettano l’ordine di espulsione. Maroni ha pure deciso di costruire una decina di Centri di identificazione e di espulsione, ove saranno rinchiusi fino a 6 mesi i clandestini. Questa è una legislazione da apartheid: il risultato di un mondo politico di destra e di sinistra che ha messo alla gogna lavavetri, ambulanti, Rom e mendicanti. È una cultura xenofoba e razzista che ci sta portando nel baratro dell’esclusione e dell’apartheid. Tutto questo immemori di essere stati noi "forestieri in terra di Egitto" quando così tanti italiani oltre al doloroso distacco dalla propria terra, hanno sperimentato l’emarginazione, il disprezzo e l’oppressione.

Per questo noi chiediamo:

ai missionari/e, religiosi/e, laici/che impegnati con il Sud del mondo:

  • di schierarsi dalla parte degli immigrati contro una "politica miope e xenofoba" e che fa "precipitare l’Italia, unico paese occidentale, verso il baratro di leggi razziali", come afferma Famiglia Cristiana.
  • di organizzare una processione penitenziale, per chiedere perdono a Dio e ai fratelli migranti per il razzismo, la xenofobia, la caccia al musulmano che, come forza diabolica, sono entrate nel corpo politico di questa Italia.

alla Conferenza Episcopale Italiana:

  • di chiedere la disobbedienza civile a queste leggi razziste. È quanto ha fatto nel 2006, in situazioni analoghe, il cardinale R. Mahoney di Los Angeles, California, che ha chiesto nell’omelia del mercoledì delle Ceneri a tutti i cattolici americani di servire tutti gli immigrati, anche quelli clandestini.

alla Chiesa cattolica in Italia e alle altre Chiese:

  • di riprendere l’antica pratica biblica, accolta e praticata anche dalle comunità cristiane di fare del tempio il luogo di rifugio per avere salva la vita, come indicato nel libro dei Numeri 35,10-12. Su questa base biblica negli anni ’80, negli USA, nacque il Sanctuary Movement che oggi viene rilanciato.

Come missionari/e facciamo nostro l’appello degli antropologi italiani: "Quell’antropologia impegnata dalla promessa di ampliare gli orizzonti di ciò che dobbiamo considerare umano deve denunciare il ripiegamento autoritario, razzista, irrazionale e liberticida che sta minando le basi della coesistenza civile nel nostro paese, e che rischia di svuotare dall’interno le garanzie costituzionali erette 60 anni fa, contro il ritorno di un fascismo che rivelò se stesso nelle leggi razziali. Forse anche allora, in molti pensarono che no si sarebbe osato tanto: oggi abbiamo il dovere di non ripetere quell’errore".

Viviamo un tempo difficile, ma carico di speranza nella misura in cui siamo capaci di mettere in gioco la nostra vita per la Vita.

Napoli, 9 marzo 2009

Comunità Comboniana - Rione Sanita (Napoli)
Alex Zanotelli e Domenico Guarino
Missionari Comboniani-Castelvolturno (Caserta)
Casa Rut – Suore Orsoline, Caserta
Casa Zaccheo – Padri Sacramentini, Caserta
Missionarie Comboniane – Torre Annunziata (Napoli)

Per adesioni cliccare su http://www.nigrizia.it/doc.asp?id=11879&.IDCategoria=108 

Aderiscono: padre Fernando Zolli (comboniano), Giovani impegno missionario Campania, Nigrizia,

 
Di Sucar Drom (del 06/04/2009 @ 14:25:32, in Kumpanija, visitato 2532 volte)

Una regione in ginocchio. Morti e feriti. Il terremoto che stanotte ha squassato l'Abruzzo lascia dietro di sé terrore e devastazione. Così a L'Aquila, così nei centri più piccoli. "Un disastro, un disastro". Ripete la frase con tono concitato il senatore abruzzese Filippo Piccone mentre sta raggiungendo i piccoli centri in provincia dell'Aquila per "rendermi conto della situazione. Sto vedendo case ridotte ad un cumulo di macerie, persone per strada. E' proprio nella zona intorno al capoluogo abruzzese che stiamo cercando di capire l'entità della tragedia".

"Ci sono problemi grossissimi nei piccoli centri della provincia- continua il Senatore -, ci sono edifici sventrati, gente che ha perso tutto, un vero disastro. Stiamo cercando di capire nel dettaglio l'entità dei danni ma da quello che possiamo vedere la situazione è gravissima. A L'Aquila le vittime sono tante e ci sono oltre centomila persone che non possono rientrare nelle proprie abitazioni. Dappertutto c'è devastazione, una scena agghiacciante. In questo momento stiamo compiendo una perlustrazione nelle zone intorno al capoluogo abruzzese per conoscere la situazione e collaborare con la macchina della Protezione civile e dei soccorsi, ma ripeto, la situazione è veramente drammatica".

In queste ore molti si chiedono come poter aiutare le popolazioni dell'Abruzzo colpite da questa drammatica tragedia. Sucar Drom rilancia l'appello fatto dalla Protezione civile che in queste ore sta coordinando tutte le operazioni.

Invitiamo tutti i lettori ad andare nell'Ospedale più vicino o presso l'AVIS locale per donare il sangue.

In queste ore stanno arrivando negli Ospedali dell'Abruzzo, Lazio, Molise tanti feriti e manca il sangue. Particolarmente drammatica la situazione nell'Ospedale a L'Aquila.

La Protezione civile ha chiesto a tutti i cittadini di rapportarsi alle sedi locali della Protezione civile per qualsiasi altra iniziativa di aiuto. Comprensibilmente in queste ore c'è molta confusione e si vuole evitare che la situazione sfugga di mano.

In ultimo invitiamo gli artisti sinti e rom ad organizzare per le prossime settimane concerti, serate e iniziative benefiche per raccogliere fondi da inviare alle popolazioni terremotate. L'Istituto di Cultura Sinta mette a disposizione la propria struttura logistica. (in foto un'immagine del terremoto in Irpinia del 1980)

 
Di Fabrizio (del 17/04/2009 @ 09:39:23, in Kumpanija, visitato 1803 volte)

Da Romanian_Roma

Associazione Donne Rom Rumene
Sos Colentina nr. 43, Bl.R-13, Sc.B,apt.83, sector 2 Bucuresti
Phone& fax : 021 688 53 85 ; 021 242 97 85
E-mail: dvioleta26@yahoo.com ; officeromawomen@yahoo.com
www.romawomen.ro

Dichiarazione d'adesione

Oggi, 19 marzo 2009, le donne rom che hanno partecipato all'incontro "Iniziative donne Rom", hanno concordato sulla fondazione del Club Donne Rom di Bucarest, avendo come obiettivo lo scambio di opinioni, informazioni, esperienze e conoscenze, allo scopo di migliorare lo status sociale delle donne rom a Bucarest ed in Romania.

Come obiettivi specifici, le componenti del club vogliono indirizzarsi alle seguenti questioni:

  1. Accesso ad istruzione di qualità
  2. Accesso ai servizi sociali e sanitari
  3. Accesso all'alloggio ed al mercato del lavoro
  4. Il ruolo delle donne rom nella famiglia e nella società
  5. Multipla identità delle donne
  6. Riconciliazione vita privata-lavoro

Il club si incontrerà mensilmente ogni giorno 25 del mese, alle 17.00 presso il Clubul Florarilor – pasaj Obor, Sector 2, Bucharest .

Il Club Donne Rom di Bucarest è aperto a tutte le donne rom interessate nello sviluppo degli obiettivi sopra menzionati.

Per ulteriori informazioni, prego contattare Mrs. Violeta Dumitru - Coordonator AFRR dvioleta26@yahoo.com ; phone: 0722640591.

Le fondatrici:

  • Busuioc Florina
  • Petre Floarea
  • Bogatu Claudia
  • Dobre Violeta
  • Petre Ionela
  • Dumitru Ioana Camelia
  • Ioana Dorneanu
  • Stan Simona
  • Olteanu Catalina
  • Scripcaru Nicoleta
  • Dumitru Alexandra Alina
  • Caruta Bianca
  • Violeta Dumitru
  • Isabela Mihalache
  • Gergescu Maria
  • Porojan Mariana

La lista rimane aperta a tutte le persone interessate.

 
USA
Di Fabrizio (del 18/04/2009 @ 09:19:25, in Kumpanija, visitato 2500 volte)

Da Roma_Daily_News

America.gov 7 Aprile 2009 I Rom in America di Carlos Aranaga Staff Writer
Diversi, una comunità di milioni valuta la sua identità culturale

John Nickels è un attivista rom di Wildwood, New Jersey, che dice ciò che pensa sui pregiudizi contro gli Americani di origine rom

Washington - Nella Giornata Internazionale dei Rom, l'attenzione sarà sull'Europa, dove il popolo rom è sopravvissuto a secoli di marginalizzazione e persecuzione. Anche oggi i Rom europei chiedono parità sociale ed opportunità economiche. Meno conosciuti sono i Rom USA,  che l'Ufficio del Censimento conta a poco più di un milione, dispersi negli USA, con gruppi presenti nel Texas, in California e nel Midwest.

Il popolo rom traccia le sue origini nell'Europa orientale e centrale, ma è stereotipato negativamente negli Stati Uniti ed in Europa, sempre più spesso dai media popolari come "Zingari", con presunti comportamenti antisociali. I preconcetti hanno portato al pregiudizio e alla profilatura etnica, incluso leggi locali discriminatorie.

La Giornata Internazionale dei Rom celebra la cultura romanì ed aumenta la consapevolezza delle tematiche affrontate dal popolo romanì. L'8 aprile è stato scelto come ricorrenza annuale dal quarto Congresso Romani Mondiale, tenutosi in Polonia nel 1990. Anche gli Stati Uniti in questo giorno chiamano al rispetto dei diritti umani dei Rom.

Il professore Ian Hancock dell'Università del Texas ad Austin, preminente studioso Rom americano, dice che nel nord America ci sono stati Rom dall'epoca coloniale, quando piccoli numeri [di loro] vennero portati dalla Bretagna per lavorare nelle piantagioni della Virginia, Barbados e Giamaica. Un numero più grande di immigrati rom cominciò ad arrivare in America alla fine del XIX secolo, spinti dalle guerre e dal tumulto sociale in Europa.

L'emigrazione continua a tutt'oggi, dice Hancock, lui stesso immigrato di origine Romanichals, I Romanichals sono il ramo romanì che si trova nel Regno Unito.

Romanì è anche un termine usato per descrivere i dialetti usati da rami del popolo rom. Il linguaggio è fortemente influenzato dalle lingue locali, cosa che può rendere difficili per i Rom di differenti regioni comunicare tra di loro.

Per i Rom tradizionalisti, dice Hancock,  preservare la propria distinta identità culturale è una preoccupazione preminente, anche se forti correnti di assimilazione spostano i giovani verso la più vasta corrente culturale, come per altre minoranze etniche ed immigrati.

"C'è un conflitto di cultura, una paura di perdere la propria -Romani-tà- e di cambiare, che non è bene," dice Hancock.

Nathan Mick è un Americano di discendenza rom, che ha lavorato a Capitol Hill, ha rappresentato gli USA in sedute diplomatiche, ed ora è un funzionario di sviluppo economico a Garrard County, Kentucky. Mick parla degli elementi comuni della cultura rom condivisi dai Rom americani.

"C'è un senso di comunità nella cultura rom che ci spinge a stare assieme vicini, all'interno di rapporti di famiglia strettamente tessuti, per cui non c'è molta interazione tra le differenti comunità rom, che isolano gli stranieri," dice Mick.

"Crescendo, non ero cosciente del tutto delle mie origini," dice Mick. "Mio padre non è Rom, mia madre Romanichal. Sono cresciuto nel Nebraska e giravo con loro d'estate. Solo nel periodo della scuola superiore ho imparato la distinzione. Poi ho saputo dell'Europa, soprattutto l'Olocausto."

Durante la II guerra mondiale oltre 700.000 Rom perirono nel genocidio nazista.

Un gruppo USA attivamente impegnato nel cambiare le vite dei Rom è The Voice of Roma, a Sebastopoli, California, gruppo non-profit con un collegamento speciale ai Rom che vivono come persone disperse in Kosovo. The Voice of Roma ha un ufficio in Kosovo per implementare lo sviluppo economico, progetti umanitari ed educativi. Negli Stati Uniti, il gruppo presenta arti e tradizioni culturali romanì in una maniera che contrasta tanto gli stereotipi romantici che quelli negativi.

Petra Gelbart, nata nell'odierna Repubblica Ceca, etnomusicologa ad Harvard e volontaria presso Voice of Roma, che si focalizza sulle questioni femminili, ha radici nei gruppi rom tedeschi, slovacchi, e ceco-moravi.

"Intendiamo aiutarli ad ottenere più voce e intervento riguardo l'attività economica, istruzione e condizioni migliori nella comunità," dice Gelbart.

Il progetto del gruppo "Fili che Ci Connettono" aiuta i Rom a creare tessuti per renderli più autosufficienti.

The Voice of Roma organizza tutto l'anno eventi culturali. "Canto e suono la fisarmonica," dice Gelbart, che si esibirà a maggio. Per la Giornata Internazionale dei Rom 2009, sono in programma concerti, laboratori di danza, discussioni e festival del cibo rom, nelle sedi di Los Angeles, San Francisco ed Arcata, in California settentrionale.

Secondo Sani Rifati, presidente di Voice of Roma, l'impatto della loro azione culturale è stato "incredibile".

"Uscire nelle scuole di ogni grado e nei college vale realmente la pena. Gli stereotipi culturali che sono lì di fuori stanno davvero paralizzandoci. Tutto ciò aiuta."

 
Di Fabrizio (del 18/04/2009 @ 09:47:32, in Kumpanija, visitato 1677 volte)

Anche se alcune affermazioni possono non piacere (o sono di difficile condivisione), l'articolo ha diversi spunti interessanti, nel tratteggiare quella che può essere definita la "memoria nomade" collettiva. Che è anche il limite dello scritto, date che ogni popolazione ha avuto un passato nomade e col tempo si è evoluta con differenze notevoli.

Il portale dei giovani della pace giovedì 16 aprile 2009

Renato Rosso ama comunicare e condividere le sue esperienze, e, partendo da esse, riflettere sul nostro quotidiano. Questa volta lo fa con "storie parallele" di popoli zingari, quelli che abitano Paesi lontani, terre di antica origine, e quelli insediati in Europa, in Italia.

Renato Rosso: 36 anni di missione itinerante (Bangladesh, India, Filippine, Brasile, Italia…) al servizio di comunità diverse dell’universo zingaro. Un inconsueto tipo di presenza, non sempre stabile, ma che ha costruito, con tempo e fatica, una Chiesa in realtà che senza di lui forse non sarebbero mai state raggiunte. Presenza di crescita umana e spirituale in comunità non cristiane; soprattutto animando scuole - sovente itineranti su barche, o nei pascoli… - disegnate sul modello di vita degli alunni. Suscitando energie, formando persone che finora hanno assicurato non solo continuità ma anche crescita delle iniziative, grazie alla loro testimonianza.

Ha senso guardare in parallelo le civiltà nomadi che tu incontri in Asia e quelle dei Balcani, dell’Italia e di altri Paesi?
Io parlerei di nomadi nel mondo. Inclusi i nostri, qui in Italia, tutti partono dall’India nord occidentale, 700-800 anni fa. In Grecia li troviamo già nel 1300 e nel 1400-1420 in Italia; pochi anni dopo in Francia, in Spagna e in breve in tutta Europa.
Ancora prima, nel 1700 a.c., nasceva la cultura nomade beduina in Arabia, allargandosi poi nel Nord Africa e fino all’Afghanistan, all’India.
La sedentarizzazione inizia più o meno 12.000 anni fa, ma nell’Asia poco tempo fa. Alcune frange sono rimaste nomadi, e sono quelle che noi incontriamo oggi.
Personalmente, ho elencato 440 di questi gruppi, nomadi o seminomadi, nel subcontinente indiano.

Esistono similitudini tra zingari europei e zingari del subcontinente indiano?
Sono molto simili. È il tipo di vita che crea il loro modo di essere: il vivere sotto il cielo, il contatto con la natura. Cambiano il modo di vestire, le lingue. Però il modo di pensare, di fare politica all’interno del gruppo, di relazionarsi con gli altri sostanzialmente è simile.
Per esempio il gruppo - una quindicina di famiglie - si difende con un capo, eletto e che ha l’ultima parola; hanno un tribunale loro, con avvocati e giudici eletti. Non fanno riferimento alle autorità locali. È interessante il fatto che nel loro vivere la politica presentano una democrazia diversa, non riferita ad un’ideologia. Il segreto è considerare ogni membro del gruppo come uno della mia famiglia.

Di questa cultura, conosciuta solo attraverso pregiudizi, quali sono secondo te i valori importanti?
Il valore centrale è la famiglia, la loro ricchezza sono i figli. Non hanno altro. In Europa come in Bangladesh, quando uno ha sbagliato viene giudicato ed eventualmente punito, sempre però tenendo conto che potrebbe essere mio figlio, mio fratello. Ci si relaziona con una persona e la sua storia, non con un numero. Pensa quale rivoluzione!
Ci sono altri aspetti interessanti, come la possibilità di fare scelte meno dipendenti da norme formali. Ovviamente l’istinto è anche un limite: promuovere la scuola per loro è proprio lavorare su questo. Anche la religiosità è un valore cui danno grande importanza. Con la nostra presenza cerchiamo proprio di arricchire tutti questi elementi.

Che tipo di rapporto vive il nomade con la società che lo circonda?
Rimangono minoranze. Uno zingaro in Italia è visibilmente diverso da chi vive in una casa.
Anche se, in tutto il mondo, la casa non è la roulotte, la carovana o la tenda: la casa è l’accampamento. Dove tutti vivono e i bambini sono educati al ritmo del gruppo, dal gruppo intero. La famiglia nucleare esiste, però è nel gruppo che si decide, per esempio, di mandare i bambini a scuola; papà e mamma potrebbero arrivarci un po’ prima, ma dovranno aspettare il gruppo. È sempre il gruppo che deve essere motivato e non un singolo.
Sia qui che in India poi - benché in India la gente comune dei villaggi possa essere più povera degli zingari - lo zingaro è una persona di cui si ha paura. Perché è nomade, e non sai da dove viene e dove va.

Solo timore, non fascino?
Anche, le due cose si mescolano. Per esempio, gli zingari la sera si riuniscono e cantano, danzano; questo crea un certo fascino, ma il timore e il disprezzo restano.
Molte volte anche da parte di chi, zingaro, si è sedentarizzato. Uno dei motivi è l’assenza del concetto di proprietà privata, che rende liberi nel rubare. Cosa che in Asia è rarissima: c’è poco da rubare, i ricchi sono pochi e si difendono molto bene; e normalmente i nomadi lavorano tutti. Qui in Europa la situazione è diversa. In passato procurarsi il sostentamento non era difficile, incluso razziare qualche gallina… Poi la società è cambiata, le esigenze anche e le piccole delinquenze sono diventate organizzate; oggi abbiamo anche in mezzo a loro una criminalità pesante.

Non c’è più uno spazio economico per un’attività tradizionale. Occorre avere altre capacità…
Certo. È già accaduto in Asia, ma in Europa è stato appunto diverso. Nel polverone riguardo al mondo zingaro in Italia, parte del problema è però aggravato da una corruzione che ci riguarda. Ci sono avvocati che lucrano su di loro. Se qualche anno fa con 5 milioni di lire si faceva un processo, oggi si chiedono 100 o 150mila euro. In qualche modo si è detto loro: non è importante essere onesti o disonesti, rubare o non rubare, ma avere tanti soldi per risolvere i problemi. Se rubi poco, rimani in prigione.
Il rischio è che il resto della società pensi che gli zingari sono i nemici, e che loro pensino che il resto della società è il nemico. È un cane che si morde la coda. Gli zingari arrivano da noi con una certa ingenuità, con una fisarmonica, un bicchiere di plastica, girando sotto le finestre, suonando. Però poi lentamente sono assorbiti dalla criminalità organizzata, per la quale più sono meglio è. A volte sento dire: "Io non voglio, ma cosa faccio? Mi obbligano".
Moltissimi Sinti e Rom per fortuna lavorano: da trent’anni a questa parte sono entrati nei Luna Park e nei circhi. Un lavoro pesante ma dignitoso. Ultimamente hanno anche altre attività, come paninoteche ambulanti, bar… una Sinta era entrata giovane al mattatoio di Torino: ora avrà trent’anni ed è capo reparto, per la sua intelligenza, per la sua onestà, per la sua capacità.

Chi lavora si sedentarizza?
Vivono nel campo, nella roulotte con gli altri, ovviamente una vita sedentaria perché chi ha un lavoro fisso non può spostarsi. Intanto i loro parenti e gli altri svolgono altre attività, qualcuno non ne fa nessuna… c’è di tutto.
Uno dei problemi, oggi, é l’arrivo di nuovi gruppi dall’est. Secondo me l’unica via d’uscita è che anche noi italiani decidiamo di diventare una nazione più onesta. Una nazione davvero fondata sul lavoro, dove chi non lavora non mangia. Dove chiunque, se ruba o delinque, è punito, in proporzione alla gravità del fatto, senza scappatoie.

Tanti di noi sono consapevoli di vivere in una società dove esiste una cultura mafiosa, ma scelgono la legalità.
Penso sia più alta nel mondo degli zingari la parte delle persone che dicono: comincio io. Solo in Piemonte, sono alcune centinaia, negli ultimi due anni, quelli che sono entrati nel mondo del lavoro, dopo le migliaia già assorbite dal mondo dei luna park. Persone che si sono rifiutate di entrare nella criminalità. Ricordo un papà con due figli a Milano, coinvolto nella criminalità, che ha fatto di tutto perché i figli non facessero la sua stessa vita. Ha cercato di dare un lavoro a entrambi. Con un figlio è riuscito, con il secondo no. A Torino, due anni fa, c’è stata una catechesi all’interno dell’accampamento, tenuta da una catechista Sinta: questo papà tutte le settimane veniva con un figlio. Voleva salvarne almeno uno e ha cercato di offrirgli anche una fede che lo potesse aiutare, dei valori. Persone così non sono una minoranza.

Che prospettive vedi per lo stile di vita nomade?
Non ho mai chiesto a uno zingaro nomade di sedentarizzarsi, né a uno che vuole sedentarizzarsi di continuare ad essere nomade. Penso che il compito di un operatore responsabile sia stare accanto a questi fratelli. Noi da tempo forniamo la scuola come elemento aggiuntivo: saranno poi loro a decidere come utilizzarlo. Ci sono bambini che quattordici anni fa hanno iniziato in Bangladesh, in India con le nostre scuole mobili, nell’accampamento, sotto le tende, sotto gli alberi, in maniera del tutto informale. Dopo un paio d’anni sono andati da parenti, per continuare alla scuola pubblica. Sono diventati insegnanti e adesso sono tornati nell’accampamento e fanno scuola agli altri bambini, continuando ad essere nomadi.

Arricchiscono la comunità…
Certo, una grande ricchezza. Altri invece sono andati a scuola e non sono tornati alla vita nomade. La scelta è loro. Noi offriamo mezzi di sviluppo per poter fare qualche passo in più, se lo desiderano. Io penso che abbia un senso la vita nomade, come ha un senso la vita sedentaria, salvo che si voglia fare violenza su questa umanità e creare una cultura unica.
Cent’anni fa Francesco Predari, autore del primo testo italiano interamente dedicato al tema, diceva: "Se qualcheduno volesse conoscere un poco la cultura zingara, cerchi di farlo in fretta, perché entro pochi anni spariranno e fra cento anni non ci sarà nemmeno più il ricordo di questo gruppo etnico". Cento anni sono trascorsi, e gli zingari sono molti più di allora: in Italia si parla di 80.000, oltre all’ultima ondata di rumeni. A Torino soltanto in questi ultimi due anni ne sono arrivati 2.500.

Cos’è la speranza per il futuro di uno zingaro?
Il mondo zingaro non ha prospettive di lungo periodo, pensa a sistemare i suoi figli oggi, adesso. Non c’è una percezione vera e propria del senso della storia. È una scelta di vita che porta con sè una percezione completamente diversa di molte cose.

intervista di Mauro Palombo
foto di Toni Gortz
da Nuovo Progetto dicembre 2008

Vedi la scheda "Bangladesh, scuole itineranti" dedicata alla collaborazione tra il Sermig e don Renato Rosso.

 
Di Sucar Drom (del 19/04/2009 @ 12:38:17, in Kumpanija, visitato 1336 volte)

 Auguri di buona Pasqua Ortodossa

 
Di Fabrizio (del 14/05/2009 @ 09:07:40, in Kumpanija, visitato 1327 volte)

E' di queste settimane una polemica tra Canada e Repubblica Ceca, a proposito dei Rom che chiedono rifugio in Canada, a causa delle discriminazioni che subiscono in patria. Il fatto a cui si riferisce la notizia qua sotto è questo

I Rom in Canada raccolgono quasi 20.000 corone per aiutare la piccola Natálka
Toronto/Hamilton, 11.5.2009 (ROMEA)

I Rom che vivono in Canada e hanno firmato per l'iniziativa Dosta! (Ne abbiamo Abbastanza!) ed hanno anche tenuto dimostrazioni, come parte di ciò hanno contribuito con 1.140 dollari canadesi per aiutare la famigli di Vítkov. La somma totale raccolta nelle dimostrazioni mondiali raggiunge ora la somma di quasi 67.000 corone ceche.

I Rom in Canada hanno fatto due raccolte, una in una festa ad Hamilton il 2 maggio, dove sono stati raccolti 700 dollari canadesi, ed una alla manifestazione del 3 maggio a Toronto.

"Auguriamo alla famiglia ed alla piccola Natálka un veloce ricovero, e forza ed unità a tutti i Rom nella Repubblica Ceca nel lavorare per i loro obiettivi comuni per le prossime elezioni, che sono molto importanti per noi Rom. Rom, unitevi!!!!"

 
Di Fabrizio (del 26/05/2009 @ 09:04:38, in Kumpanija, visitato 1640 volte)

Da Roma_Daily_News

Grazie al lavoro dell'UNICEF in Uzbekistan, i membri della comunità rom conoscono ora i pericoli dell'HIV e chiedono attivamente il parere medico - By Matthew Taylor

TASHKENT, Uzbekistan, 20 maggio 2009 – Yurunatuz è una comunità rom a Margilan, Uzbekistan. L'uso di droghe per endovena è comune, come la mancanza di conoscenza sull'HIV. Su una popolazione di 810, 10 sono morti recentemente di AIDS.

Halida, che lavora con l'UNICEF, sta aiutando attivamente la comunità nella prevenzione dell'HIV/AIDS. Sogna che un giorno i residenti di Yurunatuz affrontino apertamente la questione dell'HIV e pongano fine all'uso di droghe per endovena. Lavora per la Clinica Numero Quattro e recentemente ha ricevuto formazione per la campagna sponsorizzata dall'UNICEF. I Rom una volta andavano dai guaritori tradizionali per curare le loro malattie. Ora vanno da lei.

"Sono un gruppo molto unito ed ora credono in me, singolarmente e come gruppo," dice.

Partner nella qualità di vita

Yurunatuz è una comunità tra le tante in cinque regioni che stanno ricevendo appoggio dall'OnG "Hayot Sifati Hamrohi" (che significa Partner nella qualità di vita) assistita dall'UNICEF. L'OnG aiuta persone come Halida ad aumentare la consapevolezza sull'HIV e cambiare gli atteggiamenti per fermare la sua diffusione.

L'UNICEF sta anche lavorando in tutto il paese per combattere i recenti scoppi di HIV che si ritiene siano il risultato di pratiche mediche insalubri. Ha spedito equipaggiamento medico nella provincia orientale del Namangan.

L'equipaggiamento è anche sulla strada per la vicina provincia di Andijian.

Risposta immediata

Il nuovo equipaggiamento- inclusi kit medici monouso che riducono il rischio di trasmissione accidentale dell'HIV - è parte della risposta immediata dell'UNICEF in appoggio agli sforzi del governo per combattere l'HIV/AIDS in queste regioni, migliorando la sicurezza dei pazienti nelle istallazioni sanitarie.

"Il kit monouso è il primo passo vitale nel rendere più sicura la sanità e combattere l'HIV/AIDS nell'est. La nostra risposta comune è stata rapida. Naturalmente siamo qui per aiutare in tutte le aree per fermare la diffusione dell'HIV in Uzbekistan," ha detto Mahboob Shareef, rappresentante locale dell'UNICEF.

Una serie di misure più ampie sono state concordate per affrontare l'HIV e le tematiche relative nelle regioni. Includono un piano d'azione con le autorità regionale per la prevenzione dell'HIV tra le donne, bambini ed adolescenti, come pure per un miglior trattamento e cura delle donne e dei bambini affetti da HIV.

Fiducia stimolante

Nel frattempo, la fiducia che Halida ha stimolato nella comunità rom, ha portato a diagnosticare e trattare nuovi casi.

"Una madre era preoccupata perché suo figlio aveva l'HIV, dato che si drogava parecchio," dice. "Mi ha chiesto di aiutare suo figlio a fare un test HIV, ed il ragazzo è risultato positivo. Da allora è stato seguito e curato."

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


26/11/2022 @ 23:08:21
script eseguito in 69 ms

 

Immagine
 Manifestazione a Parigi per la casa e contro la guerra... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 686 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022
Giugno 2022
Luglio 2022
Agosto 2022
Settembre 2022
Ottobre 2022
Novembre 2022

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source