Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
L'essere straniero per me non è altro che una via diretta al concetto di identità. In altre parole, l'identità non è qualcosa che già possiedi, devi invece passare attraverso le cose per ottenerla. Le cose devono farsi dubbie prima di potersi consolidare in maniera diversa.

Wim Wenders
-

\\ Mahalla : VAI : Kumpanija (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 17/06/2008 @ 10:09:43, in Kumpanija, visitato 1493 volte)

Ricevo da Marta Pistocchi

ciao,
questa è una lettera aperta a tutti gli amici dei Muzikanti ed in particolare di Jovica Jovic.
Fatela girare se lo ritenete opportuno e se credete che possa aiutarci.

Alcuni di voi già sanno che Jovica sta attraversando un difficile periodo della sua vita nel quale, tra le altre cose, sta cercando di regolarizzare la propria posizione in Italia.
Il momento politico, ahinoi si sa, non è è favorevole e le difficoltà che il nostro fisarmonicista sta incontrando sono molte; nonostante ciò crediamo nella possibilità di riuscire nel nostro intento.
La richiesta inoltrata tempo fa al Ministero della Cultura per avere il musicista Jovica in Italia è difatti andata a buon fine e il ministero ha rilasciato il Nulla Osta che permette l'ingresso alla frontiera italiana; questo ottimo risultato viene vanificato però da un altro provvedimento nei confronti di Jovica, un mandato di espulsione dovuto all'accertamento della sua posizione irregolare sul territorio italiano, precedente al Nulla Osta.

Per proseguire sulla strada della regolarizzazione Jovica ha bisogno del sostegno di uno studio legale, il che implica delle alte spese che la sua famiglia non può permettersi.
Per questo ci stiamo rivolgendo a voi, nella speranza di riuscire a creare una rete di persone che vuol bene a Jovica, che ne riconosce il valore di uomo e musicista ed è disponibile a dare il proprio contributo (economico ma non solo) per sostenere la causa del miglior fisarmonicista serbo di Milano.
Vi propongo di venirci a trovare venerdì 20 giugno (questo) alle Pecore -via fiori chiari 21- noi suoneremo dalle 22, ma vi aspettiamo anche da prima. Sarà un'occasione per incontrarci, informarci, raccogliere suggerimenti e forze, ed infine ringraziarvi a suon di musica e balli.
Per chi non potesse venire venerdì ma vorrebbe comunque aiutare Jovica, e per tutti quelli che vogliono saperne di più e meglio vi invito a scrivere a questo indirizzo: Ivana ivanak011@tiscali.it, che come sempre ci aiuta e ci sostiene e ci ama e che io ringrazio con tutto il cuore.
Spero di avere una calorosa risposta da tutti voi
a venerdì
marta

 
Di Fabrizio (del 17/06/2008 @ 11:44:30, in Kumpanija, visitato 1717 volte)

Ricevo da Maria Grazia Dicati

La rivincita gitana : Col circo capirete la nostra anima

Repubblica - 13 giugno 2008 - PARIGI

Roulotte sgangherate e tutte con le porte aperte. Una capra legata a un albero. Bambini che sgambettano ovunque. Due ragazzi lavano una automobile assai più nuova delle loro case su ruote. Sullo sfondo, un silenzioso tendone di circo. Nel piccolo campo nomadi alla Porte de Champerret - nord ovest di Parigi, a pochi minuti di automobile dai Campi Elisi - si entra spostando una transenna di ferro. Ci viene incontro Delia, la quarantina con un viso di venti, capelli lunghi e denti d' oro. È la moglie di Alexandre Romanès, poeta, ex acrobata e domatore, ex liutista barocco con la passione di Monteverdi, creatore e direttore del circo che porta il suo nome. Un vero circo tzigano, con veri musicisti tzigani, con acrobati e giocolieri tzigani. Zingari con le stesse facce di quelli che, da noi, se si avvicinano ci allontaniamo.

Dal 14 al 22 giugno il piccolo campo del Cirque Romanès si installerà a Brescia perché il nuovo spettacolo "La regina delle pozzanghere" sarà ospite della nona edizione della Festa Internazionale del Circo Contemporaneo.

Dal 26 al 29 si sposterà a Mantova, nella rassegna "Teatro - Arlecchino d' oro".
Nel paese che vuole cacciare gli zingari, in terra di Lega, i bambini delle province più ricche si delizieranno sotto il tendone rattoppato e allegro di tessuti indiani; applaudiranno bambini come loro che però non vanno a scuola e già hanno un mestiere; e alla fine dello spettacolo - un gioiello di semplicità e poesia - chiederanno alla mamma un bombolone appena uscito fresco di frittura da una roulotte, e la mamma penserà che per una volta va bene dare soldi agli zingari, perché hanno lavorato e se li sono meritati.

«Quello che sta accadendo nel vostro paese ha un colpevole: l' Europa" esordisce Alexandre Romanès.

Sputa fuori il concetto e si vede che lo rimugina da tempo. «Dal 1989, anno della caduta del Muro, tutti i governi della Comunità sapevano che prima o poi la Romania e la Bulgaria sarebbero entrate in Europa. Hanno avuto decenni per mettersi d' accordo tra loro e dirsi: sappiamo che in questi due paesi ci sono due minoranze che versano in condizioni terribili.

Un problema così non di risolve nel momento in cui si pone. E adesso la casa brucia perché i responsabili politici di destra e di sinistra non sono stati previdenti: potevano comprare estintori e non l' hanno fatto».

Alexandre Romanès appartiene alla grande famiglia circense dei Bouglione, gitani piemontesi francesizzati (si pronuncia Boug-lione). «Veniamo dall' India, poi Afghanistan, Turchia, Grecia: siamo della tribù dei Sinti piemontesi e il cognome Bouglione l' abbiamo preso in Italia.

Quasi tutte le famiglie circensi italiane sono gitane». Romanès lascia il circo di suo padre («Mi sembrava un hangar, avevamo quaranta camion, e tutti in famiglia avevano diamanti al dito e Rolls Royce. Non era per me») poco più che adolescente e si mette a fare l' acrobata sulle "scale libere" per la strada. A vent' anni incontra una poetessa francese, Lydie Dattas: per lei e grazie a lei impara a leggere e scrivere, e inizia a leggere la poesia. Un giorno del '77, mentre sta facendo il numero in equilibrio sulle scale a pioli, lo avvicina Jean Genet. Insieme progettano un circo poetico. Avrebbe dovuto durare quattro ore. Genet voleva un cavallo arabo e un cigno nero. «Non l' abbiamo mai montato, quel circo: era troppo presto per me, dopo il rifiuto del tendone di mio padre. Di Genet sono stato amico, mai amante. Fino alla fine, quando l' accompagnavo a Villejuif, nell' ospedale dei tumori. E' morto a 76 anni nell' 86».

Nel frattempo Alexandre Romanès comincia a scrivere poesie. Nel '98 esce "Un peuple de promeneurs", un popolo di "passeggiatori". Nel grande e disperato campo nomadi di Nanterre (oggi smantellato) ha incontrato Delia, gitana rumena-ungherese, che ha già tre figli da un marito che se ne è andato.

Avranno altre due bambine e Alexandre adotterà gli altri tre. Nel '94 montano un tendone dietro alla Place Clichy (per sei anni e fino alla morte il terreno glielo darà gratis una ricca aristocratica signora, madame Carmignani) e il piccolo Cirque Romanès inizia ad essere un punto di incontro di artisti. «Di molti non voglio fare nomi» dice Alexandre Romanès, «ma posso dire che Yehudi Menuhin veniva spesso e una volta mi disse: "Fino all' ultimo dei miei giorni non smetterò di pensare a voi"». Verso il 2003 Romanès invia a Gallimard un quaderno con le sue poesie scritte a mano. «Hanno riunito una commissione straordinaria di lettori.

Ben quattro. Erano poesie di uno zingaro!». Nel 2004, la grande casa editrice le pubblica con il titolo "Paroles perdues" e la prefazione di un altro poeta amico: Jean Grosjean (morto due anni fa).

Nel prossimo inverno uscirà una nuova raccolta. «Se non si crede nella poesia, se non si ha un' idea poetica della vita, allora non si potranno mai capire i gitani» dice Romanès. - LAURA PUTTI

Se volete saperne di più visitate il sito: www.festadelcirco.it 

 
Di Fabrizio (del 19/06/2008 @ 09:27:20, in Kumpanija, visitato 2033 volte)

Da Mundo_Gitano

Por: Terra Actualidad - EFE GITANO E PALESTINESE, DOPPIA DISCRIMINAZIONE

[05-06-2008] A Gerusalemme, dove le identità hanno una rilevanza speciale, circa 170 famiglie coniugano le loro radici Gitane con la loro condizione di palestinesi in un esercizio di equilibrismo che li lascia nella terra di nessuno.

Le autorità israeliane li trattano come qualsiasi altro arabo, mentre la maggioranza dei palestinesi li percepisce con gli stessi stereotipi che perseguitano i Gitani ovunque siano.

Serva come esempio che il termine arabo per Gitano, "nawar", è peggiorativo e di solito accompagnato da uno sputo a terra.

Loro, i Gitani dell'est del Mediterraneo e del Medio Oriente, si autodenominano Domari (da "Dom" che significa uomo nella loro lingua nativa) e sono in maggioranza musulmani, a differenza dei Rom, che si stabilirono in Europa e professano il cristianesimo.

La loro presenza a Gerusalemme è documentata dal XIX secolo, dove oggi si ripartiscono tra Bab Hutta - un umile quartiere dentro la cittadella murata -, Ras Al-Amud o Silwan.

A prima vista, niente li distingue dai loro vicini: parlano arabo, vivono nella parte palestinese della città ed non si sono neppure liberati dall'esilio nei conflitti bellici con Israele.

Durante la Guerra dei Sei Giorni del 1967, arrivarono in Giordania non meno che 34.000-35.000 gitani che risiedevano a Gerusalemme.

Il Centro d'Investigazione Domari riconosce la difficoltà di dare il numero di Gitani che oggi vivono nei territori palestinesi perché molti rifiutano di definirsi come tali.

Si calcola, tuttavia, che siano circa 7.000 tra Israele ed i territori palestinesi, più della metà di loro nella striscia di Gaza, dove storicamente hanno tenuto molti contatti coi loro compagni di origine e diaspora egizi.

"Abbiamo lo stesso problema del resto dei palestinesi: l'occupazione israeliana", sentenzia Abdelhakim Salim, il muktar (una specie di notabile) di questa comunità a Gerusalemme.

Non è del tutto così. I Gitani si confrontano con danni sociali specifici che vanno oltre gli arresti, registri all'alba e barriere al movimento, che racconta il muktar.

Per iniziare, i Domari della cittàsanta viveno in media in locali di otto persone dove entrano solamente 700 dollari (450 euro) al mese.

Inoltre, lamentano indici di analfabetismo (circa il 40%) ed assenteismo scolare molto superiore a quello dei palestinesi, uno dei popoli più capace di leggere e scrivere nel Medio Oriente.

Le droghe inoltre causano stragi tra i giovani, si suppone il 75% dei Gitani di Gerusalemme, spiega Imad Jauny, direttore esecutivo di Burj Al Luq Luq, un'istituzione che tenta di evitare che i bambini e gli adolescenti che non vanno a scuola passino tutto il giorno per la strada.

"La loro autostima come collettivo è molto bassa. Lo vediamo nella gente  con cui lavoriamo", aggiunge Jauny prima di indicare che il 90% dei frequentatori del suo centro sociale sono Gitani.

Per cambiare questo ordine di cose, Amoun Sleem creò nel 1999 il Centro Domari, col quale prova a migliorare il livello di vita della comunità Gitana e frenare la progressiva sparizione della loro cultura.

Sleem teme che l'eredità Gitana muoia schiacciata tra l'indifferenza delle autorità israeliane, "che rifiutano di considerarci come minoranza in una città che ne è piena", e l'assimilazione interessata dei palestinesi.

Tutto questo con il tempo contro, così che solo alcuni anziani sono capaci di esprimersi in Domari, mentre i balli e i vestiti propri sono quasi finiti nell'oblio.

"Io non mi considero palestinese. Non mi vergogno a definirmi Gitana di Gerusalemme. Viviamo qui da duecento anni e stiamo perdendo le nostre tradizioni", lamenta la fondatrice di questa società che l'anno scorso visitò lo scrittore israeliano e Premio Principe delle Asturie Amos Oz.

E' una delle ultime sfide di un collettivo discriminato per partita doppia - tanto come Gitano che come palestinese - che cerca il suo posto come minoranza dentro una minoranza.

 
Di Fabrizio (del 24/06/2008 @ 09:01:09, in Kumpanija, visitato 1246 volte)

Da Roma_Daily_News

Indo-Asian News Service

Giovedì 19 giugno 2008 (Mumbai) -Per secoli sono stati temuti, disprezzati ed invidiati. Gli zingari, una minoranza etnica europea, continuano ad affrontare una discriminazione che non è molto differente da quella che i Dalit in India devono contendersi.

Una squadra di funzionari ungheresi, nazione che ha un'alta popolazione di zingari itineranti, è stata a Mumbay per studiare il lavoro fatto per migliorare la vita dei Dalit e portare a casa qualche lezione.

"Gli Zingari sono stati considerati uno strano popolo quando erano nomadi, e questo fu 200 anni fa. L'alienazione continua." dice Timea Borovzsky, capo del Direttorato Generale per le Pari Opportunità (DGEO) del Ministero Ungherese per l'Istruzione e la Cultura.

"E' come la discriminazione di casta contro i Dalit in India," dice Borovzsky.

Borovzsky assieme ad altri due membri del DGEO ha visitato a lungo le asciutte alture interne della regione del Vidarbha nel nord est della Maharashtra.

Durante la loro tranquilla visita, hanno studiato come i Dalit vivono in capanne illuminate dei lampi degli uragani e fanno fronte a pregiudizi di casta.

"Volevamo vedere di persona che tipo di progetti sono stati implementati in India per aiutare i Dalit a rialzarsi," dice Gabor Sarkozi, vice direttore generale di DGEO.

"In Europa ci sono 15 milioni di Zingari ed in Ungheria, la popolazione è tra i 600.000 e  700.000. Sono la più grande minoranza etnica e la comunità più oltraggiata," aggiunge Sarkozi.

Suri Szilivia, ricercatrice ed interprete di DGEO, dice. "Gli Zingari o Cigan come sono chiamati in Ungheria, hanno una connessione millenaria con l'India. Le semantiche del loro linguaggio è simile al Sanscrito."

"Ma oltre a ciò, il riformatore sociale indiano Babasaheb Ambedkar è una figura riverita da loro come pure da noi ricercatori in Ungheria," dice Suri.

"Nei posti pubblici, i membri della maggioranza comunitaria vorrebbero andare via piuttosto che essere visti con un Cigan. I Rom sono serviti con riluttanza negli hotel e raramente vengono offerti loro lavori rispettabili. Persino il tono verso di loro ha una tinta derogatoria." aggiunge Suri.

Sarkozi puntualizza che in Ungheria, "gli zingari (una parola politicamente scorretta) o Rom o Cigan sono costretti a vivere con mitici stereotipi sociali come quelli che da voi (India) hanno le cosiddette tribù criminali."

"Sono scuri di pelle ed hanno i più alti tassi di abbandono scolastico. Sono guardati dall'alto in basso e la gente li evita. Vivono in ghetti, anche se questi slums non sono così male come quelli che abbiamo visto nei villaggi vicino a Nagpur,'' dice Sarkozi.

Sarkozi dice anche che il governo ungherese negli ultimi anni ha tentato di sollevare questa comunità che, attualmente ha i più alti tassi di disoccupazione e campa di lavori stagionali nel campo delle costruzioni o di lavori agricoli dallo stipendio quotidiano.

Secondo Borovszky, ''Una delle ragioni per cui abbiamo selezionato l'India è stata precisamente per la natura della discriminazione che è tanto simile tra loro e i Dalit."

"Abbiamo trovato diversi progetti estremamente interessanti, innovativi e socialmente rilevanti nel portare un cambio a comunità depresse e marginalizzate," dice Borovszky.

Sarkozi ha detto che la discriminazione è diventata più aperta negli ultimi 20 anni. "Durante il regime comunista non era così. Ma ora stanno emergendo strutture parallele di discriminazione. Vogliamo che siano assorbiti nella società maggioritaria e siano trattati con equità."

Quindi cosa dire sull'apartheid per questa comunità nelle istituzioni?

"Benché non ci siano politiche simili, un progetto simile è stato a suo tempo introdotto, ma senza successo. Negli ultimi 20 anni, sono cresciuti diversi gruppi come i neonazisti e gli skinhead. Finora non sono diventati violenti, ma sono estremamente virulenti riguardo tali politiche," dice Sarkozi.

Parlando dei progetti che questo gruppo di studio intende introdurre in Ungheria, dice Szilivia, "Intendiamo sviluppare il progetto ed inoltre introdurre laboratori per gli insegnati, così che possano imparare come entrare in empatia con questi popoli marginalizzati."

"Nel nostro giro, abbiamo trovato associazioni caritative ed OnG che lavorano con i Dalit, unendosi empaticamente con forza irreprimibile. E' una cosa che vogliamo infondere tra gli insegnanti che lavorano in scuole per gli zingari," aggiunge Sarkozi.

 
Di Fabrizio (del 05/07/2008 @ 19:38:57, in Kumpanija, visitato 1761 volte)

Questa notte è morto Andrea Bertol, amico personale e figura storica dell'Opera Nomadi Milanese e Nazionale.

Una malattia che non lascia speranze se l'è portato via e con lui un po' di tutti noi.

Andrea fu uno dei maestri "Lacio Drom" ad occuparsi in prima persona della scolarizzazione dei bambini rom, insieme ad alcuni che compaiono in questo stesso indirizzario e da allora non aveva più abbandonato i problemi che attanagliano la vita di queste comunità, rimanendoci vicino e seguendoci in ogni occasione.

Il suo ricordo, così come il peso della sua assenza, rimarrà sempre parte di noi.

Giorgio Bezzecchi - Maurizio Pagani

 
Di Fabrizio (del 10/07/2008 @ 09:14:59, in Kumpanija, visitato 1664 volte)

Da British_Roma

The Independent di domenica 6 luglio 2008
"No blacks, no dogs, no Gypsies"

Le insegne razziste non sono così lontane, dicono i Viaggianti, mentre si uniscono per combattere il pregiudizio e difendere i loro diritti

By Rachel Shields: Zingari e Viaggianti nel Regno Unito si stanno unendo per formare una coalizione nazionale per combattere quello che descrivono come una rapida crescita dei livelli di razzismo e discriminazione.

I leader della più grande organizzazione di Zingari e Viaggianti una riunione che non ha precedenti per la fine del mese con lo scopo di mettere assieme i 300.000 Rom, Zingari Irlandesi Gallesi e Scozzesi ed i Viaggianti del paese in una federazione nazionale.

Due tra le più grandi associazioni di Zingari e Viaggianti - il Gypsy Council ed il Southern England Romany Gypsy and Irish Traveller Network - sono coinvolti nell'iniziativa.

Gli studi negli anni recenti hanno mostrato che Zingari e Viaggianti sperimentano più razzismo di ogni altro gruppo nel Regno Unito, incluso i richiedenti asilo. I più recenti sondaggi Mori sull'argomento rivelano che un terzo dei residenti ammettono di avere pregiudizi contro Zingari e Viaggianti, mentre un rapporto della Commissione Europea pubblicato settimana scorsa dimostra che milioni di persone di origine Rom è tuttora soggetto a discriminazione persistente.

I Viaggianti sono viaggianti, non importa la loro etnia - siamo tutti marginalizzati e incatramati alla stessa spazzola," ha detto Richard Sheridan, presidente del Gypsy Council.

"Non penso che la situazione nel Regno Unito sia cambiata molto dagli anni '60 - i cartelli "No neri, no cani, no Zingari" non sono così lontani.

"Unirci ci farà proseguire - se a bordo siamo di più sarà più facile alzarci per i nostri diritti," ha detto Sheridan.

John Johnson, presidente del Southern England Romany Gypsy and Irish Traveller Network, ha aggiunto: "Vogliamo essere visti come una comunità coesa."

Secondo l'Associazione Medica Britannica, la comunità ha la più bassa aspettativa di vita ed il più alto tasso di mortalità infantile nel Regno Unito.

Gli Zingari nomadici pagano un prezzo particolarmente alto quando si tratta di assistenza sanitaria, dato che l'assenza di un indirizzo permanente rende più difficile la registrazione nel Sistema Sanitario. Vengono anche riportati bassi livelli di scolarizzazione ed alti tassi di analfabetismo tra i bambini Viaggianti, dovuti ad interruzione scolastica e bullismo.

Il British National Party ha affermato nella precedente campagna elettorale che sgombererà i Viaggianti, mentre l'organizzazione Minority Rights Group International riporta che ci sono stati attacchi razzisti contro campi di sosta nel Regno Unito, molti dei quali non sono stati denunciati alla polizia.

"Per la mia esperienza il razzismo contro i Viaggianti è definitivamente peggiorato negli ultimi 40 anni. In alcuni punti d'Europa, questo è dovuto alla caduta del comunismo e al crescere del nazionalismo, ma nel Regno Unito è probabilmente collegato con l'opposizione all'immigrazione," ha detto Grattan Puxon, fondatore del Gypsy Council ed autore di numerosi libri sulla comunità dei Viaggianti, il più recente dei quali è il racconto del 2007 Freeborn Traveller.

"In questo momento stanno succedendo molte cose nella comunità Zingara. L'unificazione ci permetterà un'azione di lobbying più efficace," ha detto.

 
Di Fabrizio (del 13/07/2008 @ 09:28:39, in Kumpanija, visitato 1186 volte)

Da Roma_Francais

La Provence Gli evangelici non vogliono più essere mostrati a dito

Occupano tre siti ad Istres ma dicono di rispettare la legge. Quando ci sono le aree

Espulsi da un altro terreno proprio prima di arrivare ad Istres, questo gruppo della missione "Vie et Lumière" s'è installato da più di una settimana su di un terreno privato delle Tartugues. Foto J.R.

Pubblicato lunedì 7 luglio 2008 alle 07H55 - Come distinguere a colpo sicuro gli evangelici dal resto della gens du voyage? Facile. Appena installati, rivestono un capitello che serve loro da tempio, la loro "cattedrale di tela".

Questo perché la religione è al centro del loro accampamento come lo è al cuore del loro modo di vita. E la Bibbia accompagna spesso le tavole del camping. Tre gruppi - è il termine consacrato - della missione "Vie et lumière" si sono installati nei giorni scorsi a Istres, su dei terreni appartenenti alla SAN, alla Città e ad un privato.

Si tratta senza dubbio di occupazioni illegali - che hanno d'altronde dato luogo a procedure per direttissima per gli accampamenti di Deven e dello stadio Audibert - gli evangelici non vogliono più passare per "ladri di polli, ladri di bambini, mangiatori di ricci che vivono in mezzo ai rifiuti" dice il portavoce del gruppo installato alle Tartugues, per gli altri pastori.

Per provarlo, ricorda che chiunque è il benvenuto, cristiano o no, perché "Vie et Lumière" è prima di tutto una missione evangelica aperta al dialogo, con statuto di associazione culturale e membro della federazione protestante di Francia.

"Occorre vedere che l'evangelo ha portato enormemente al nostro popolo e ci comanda di vivere nel dritto cammino, di avere un lavoro, prosegue il pastore. Occorre osservare da vicino prima di esprimere un giudizio. Noi siamo zigani ma siamo tutti francesi e soprattutto, lavoriamo. Io, impaglio le sedie, molti sono commercianti e fanno i mercati, ecc. Ma è vero che in "Vie et Lumière", come dappertutto, può esserci chi non rispetta la legge, esistono pure dei gendarmi che sono ladri la notte!".

A capo di qualche settimana - meno a d' essere sloggiati prima - "Vie et Lumière" finisce sempre col levare il campo. La prossima tappa di questo viaggio ininterrotto potrebbe essere la convenzione annuale, che sarà organizzata in un luogo ed una data ancora sconosciuti.

E' lo Stato che ogni anno decide dove si svolgerà questo grande incontro, che riunisce in agosto dozzine di migliaia di evangelici.


Le carovane hanno lasciato Audibert

Ieri pomeriggio tardi, le carovane che occupavano lo stadio Audibert da più di una settimana hanno impacchettato i bagagli ed lasciato il luogo, in convoglio, poco dopo le 18.00. Questa riunione evangelica s'era installata di forza sul prato dello stadio e non sul parcheggio, perturbando le colture e causando danni all'erba.

Par Joël Rumello (jrumello@laprovence-presse.fr)

 
USA
Di Fabrizio (del 25/07/2008 @ 09:10:01, in Kumpanija, visitato 1581 volte)

Da Czech_Roma

Dina Gottliebova Babbitt (o Dinah), è l'artista che dipinse e disegnò gli orribili disegni del dottore di Auschwitz conosciuto come Angelo della Morte, Josef Mengele. Mengele le comandò anche di dipingere i ritratti ad acquarello di diversi zingari, che erano anche loro detenuti ad Auschwitz, per catturare quello che lui chiamava il colore delle pelle zingara meglio di quanto potesse fare con la sua macchina fotografica o coi film del tempo. Una volta che i ritratti furono completi, con orrore di Dina, Mengele mandò gli zingari a morte.

Secondo il sito web del Museo di Auschwitz-Birkenau, sette di quei ritratti furono scoperti dopo la II guerra mondiale fuori dal campo di sterminio di Auschwitz, da  cui furono rimossi senza permesso legale, nei primi anni '70 e venduti al Museo di Auschwitz-Birkenau da gente che apparentemente non sapeva che l'artista, Dina Babbit, era ancora viva e viveva in California (Se questa informazione fosse stata rimossa dal sito web del Museo, ho ancora la pagina web salvata. Contattatemi per vederla su carta intestata del Museo). Il Museo chiese a Dina di andare ad Auschwitz per identificare il suo lavoro. Però, dopo che lo fece, il Museo nel le permise di portare i disegni con sé. Il rifiuto del Museo di lasciare a Dina i dipinti iniziò la sua re-incarcerazione come ostaggio del campo di sterminio di Auschwitz.

E' stata sparsa molta disinformazione sullo scopo di Dina nel chiedere indietro i suoi lavori originali. La verità è che non ha desiderio alcuno di nascondere i ritratti degli zingari dalla storia. In effetti, niente potrebbe essere oltre la verità. Una volta che fosse in possesso dei suoi ritratti, lei intende mostrarli nei musei sull'Olocausto negli Stati Uniti, dove vive libera, e nel mondo. Il Museo di Auschwitz-Birkenau mostra soltanto delle copie per ragioni di sicurezza.

E' stato chiesto: "Perché Dina non portò con sé i disegni quando se ne andò?" La ragione è che si trattava di una marcia di sterminio.

E' stata anche spedita a Dina una lettera dicendo che se qualcuno aveva diritti sui dipinti, quello era Josef Mengele. Un suggerimento nauseante. Sto cercando la lettera originale e la posterò sul sito quando la trovo.

Dina è legalmente accreditata dal Museo come la legittima proprietaria dei suoi lavori e deve firmare ogni volta una liberatoria quando vuole riprodurre i suoi lavori. Ha sempre accomodato col Museo e non ha mai preso nessuna compensazione monetaria, per ciò che le è intitolato, per la riproduzione dei suoi lavori. Ha sempre chiesto al Museo di Auschwitz-Birkenau di dare il denaro guadagnato dalla riproduzione dei suoi ritratti ad acquarello a cause che appoggino i Rom. Tuttavia ora il Museo ribatte che, avendo comprato i dipinti da altra gente, il Museo non deve tornare a Dina i suoi ritratti originali. Ora il diritto internazionale ha stabilito che il possesso di materiale illustrativo rubato non autorizza il possessore a tenerlo. Il Museo mostra solo copie dei dipinti di Dina per ragioni di sicurezza e potrebbe facilmente rappresentare la tragedia degli zingari come fa adesso, con copie dei ritratti di Dina.

Non uno ma due Atti del Congresso degli Stati Uniti sono stati scritti in appoggio di Dina. Uno è della congressista Shelley Berkley. L'altro insieme dalla senatrice Barbara Boxer e da Jesse Helms. Tutti e due divennero parte della Registrazione Congressuale nel 2003. Passarono all'unanimità.

Dina ritiene che ne lei ne i suoi soggetti zingari, avranno mai la loro libertà spirituale dal campo di sterminio di Auschwitz, fintanto che i ritratti non saranno tornati a lei così da essere esposti nei musei dell'Olocausto negli Stati Uniti ed altri paesi liberi nel mondo.

Nostra madre e noi, la sua famiglia, abbiamo provato ad avere indietro i dipinti sino dal 1973. A Dina, che ora ha 85 anni, è stata appena diagnosticata una forma maligna di cancro addominale e mercoledì 23 luglio andrà in chirurgia. La chirurgia prende sei ore ed è molto a rischio sotto tutte le circostanze.

Preghiamo il Museo di ritornare i lavori di Dina adesso. Inoltre imploriamo il Museo di non prolungare per anni questa lotta, che si risolva dopo che Dina sia passata da questa terra. Inoltre, chiediamo la comprensione e l'appoggio del popolo Rom, amici di Dina, nell'assicurare il rilascio spirituale delle vittime Rom di Auschwitz.

Imploriamo quanti ci leggano di appoggiare gli sforzi per avere indietro ora i dipinti firmando le sue pagine su Facebook o mandando una mail di appoggio a Dina al Museo di Auschwitz-Birkenau (muzeum@auschwitz.org.pl). Inoltre vi aggiungiamo il link alla pagina web di Dina Babbit http://www.dinababbitt.com/.

Grazie per la vostri bontà, empatia e supporto.

Michele Kane e Karin Babbitt
Figlie di Dina

michele@dinababbitt.com

 
Di Fabrizio (del 18/08/2008 @ 08:41:24, in Kumpanija, visitato 2475 volte)

Da British_Roma

Ustiben report I "CHAVEYS" (RAGAZZI) DI DALE FARM ELEGGONO I LEADER DELLA GIOVENTU' By Grattan Puxon

La foto è tratta da 24dash.com

Mentre i membri del consiglio di Basildon devono discutere il mese prossimo sul rafforzamento delle azioni contro il Centro San Cristoforo di Dale Farm, questa settimana (12 agosto) i più giovani si sono riuniti nell'edificio per formare la loro organizzazione.

Sotto la guida ispiratrice degli attivisti Angie e Bluey Jones, hanno eletto il gruppo che unirà tutti i giovani della più grande comunità di Viaggianti, che da sette anni è sotto assedio. Hanno intitolato il loro nuovo gruppo Dale Farm Chaveys.

"Sono amico di tutti," ha detto Jimmy Harbour, il primo presidente dei Chaveys. "Ci sarà spazio per tutti nella nostra nuova organizzazione."

Condivide la presidenza Lily Williams, scelta tra i membri fondatori, di un'età tra i nove e i tredici anni. Hanno concordato di affiliarsi alla Gypsy Council Youth Division.

E' stato eletto un comitato di dieci, la più giovane ha nove anni e si chiama Eileen O'Brien. Eileen, che si distingue per essere nata l'8 aprile, giorno internazionale dei Rom, apporterà le sue capacità nell'uso del computer come segretaria dei media.

Motivati dalla partecipazione del pugile Romanì Billy Joe Saunders alle Olimpiadi di Pechino, i ragazzi sperano di includere la formazione pugilistica nelle attività del gruppo.

"La boxe piace a molti di noi," ha commentato il vice-presidente Tommy Connors. "Inviteremo Francy Barrett, un altro pugile olimpico del nostro gruppo, a visitarci a Dale Farm."

Katie Goldsmith, segretaria della Gypsy Council Youth Division, che ha contribuito a tenere la riunione, dice di aspettarsi molto di più quando simili gruppi giovanili saranno formati in GB.

I giovani hanno completata la giornata piantando una quercia per ricordare la fondazione dei Dale Farm Chaveys. Sperano che il loro centro ed il nuovo club siano visti come un positivo successo e di ottenere aiuto per allargare il numero dei membri e le attività

Nel contempo, Basildon ha emanato un ordine per radere al suolo San Cristoforo, lamentando che l'edificio non ha un permesso di edificazione. Tuttavia, la ditta fornitrice dice che essendo una struttura temporanea non necessita di permessi.

"Questo è il terzo centro che costruiamo nella nostra campagna per i diritti civili che dura da cinquant'anni," ha detto Richard Sheridan, presidente del Consiglio Zingaro. "Il primo venne bruciato dalla Dublin Corporation. Ma Dio volendo questo non verrà distrutto deliberatamente."

Sheridan ha detto di dover tuttavia ammettere che Basildon non ha consegnato i suoi piani per distruggere l'insediamento di Dale Farm. Se al comune verrà permesso di farlo, sarà deciso il 5 dicembre in una seduta del Tribunale d'Appello.

La formazione per il gruppo dirigente dei Chaveys verrà fornita dell'operatrice per la gioventù Caroline Flynn. Ha detto in seguito di aver visto raramente giovani così acuti ed ambiziosi.

"Hanno un grande spirito e andranno lontano," ha detto Caroline. "Dobbiamo dar loro questa possibilità."

Published by Jon Land

 
Di Fabrizio (del 21/08/2008 @ 09:21:54, in Kumpanija, visitato 1588 volte)

Da Mundo_Gitano

ELTIEMPO.COM vida de hoy I bambini gitani in Colombia convivono tra la modernità ed i loro costumi ancestrali Por: JOSÉ ALBERTO MOJICA P.

Foto: Claudia Rubio / EL TIEMPO Nella casa di Geraldín, in un quartiere della zona 3 a ovest di Bogotá, vivono 23 persone. Suo papà è un artigiano del rame

A Bogotá passano inosservati perché sono immersi nella società. Dicono che qui stanno meglio che in altri paesi dove sono perseguiti. Cronaca

"Sì, sono Gitana", confessò Geraldín Gómez davanti ai suoi compagni di classe, quando un'insegnante le chiese se era vero quello che si commentava nella scuola, Questo successe appena un mese fa.

"Non l'avevo detto prima perché, anche se non è un segreto, non è neanche da raccontare a tutti", dice la ragazza, 12 anni, studente di quinta della primaria.

Le sue amiche, stupite, le chiedono con curiosità se vive nelle tende, come mostrano le telenovelas e le pellicole, e poi le han chiesto di leggerle la mano.

Anche se ha ereditato le tradizioni della sua cultura millenaria dai suoi genitori e dai nonno, e domina la lingua del popolo Rom, la chiromanzia non le piace. Di più, chiarisce che si tratta di arte con cui si nasce e che lei non possiede.

Geraldín è quasi una donna, di più: una bella donna. E questo preoccupa sua padre, un uomo forte che, come la maggioranza dei maschi Gitani, si guadagna la vita come artigiano del rame.

E' uso sposarsi a 15 anni

In casa sua, dove vivono 23 persone, in un quartiere della zona 3 a ovest di Bogotá, condivide una stanza con fratelli e genitori.

Per l'età e la bellezza di Geraldín, il padre confessa di pensare di ritirarla da scuola. "Lo studio va bene, però fuori, con i 'gadzhe' (non Gitani), può perdere le sue tradizioni. Inoltre, è quasi una donna e gli uomini possono infastidirla", sostiene.

E oltre al futuro, che spera per sua figlia, come comandano le leggi del popolo Rom, è che a 15 anni abbia già una famiglia, con un uomo della sua comunità.

Però lei, come in molti di questi tempi, la pensa diversamente. E questo, secondo Dalila Gómez, Coordinatrice Generale del Processo Organizzativo del Popolo Rom di Colombia (PRORROM) - che cerca di garantire i diritti collettivi del suo popolo - si è convertito in un problema.

"Anche se hanno ereditato l'idioma ed i costumi, è impossibile pretendere che siano uguali ai Gitani di altre epoche. Vivono una dualità: tra il mistico ed il mondo contemporaneo", sostiene Dalila, una delle poche Gitane in Colombia che hanno una professione precisa. E' ingegnere industriale e lavora per lo Stato.

Ha dovuto confrontarsi coi suoi genitori e con tutta la comunità quando decise che, invece di sposarsi così giovane, voleva studiare.

Oggi non è solo la leader più visibile del popolo Rom nel paese, ma si è convertita in un modello per i giovani.

Il suo mondo è il moderno

Dalila aggiunge che, da circa due decadi, i bimbi Gitani non hanno vissuto la vita itinerante dei loro antenati, che il tema della chiromanzia e dell'artigianato non li emoziona, e che le tendenze attuali come la musica e Internet sono parte della loro quotidianità.

Nonostante, Geraldín afferma che i bimbi Gitani in Colombia sono fortunati, rispetto ai loro coetanei in Europa.

Da poco, si è interessata alle notizie dall'Italia dove si è generata una polemica sulla proposta del Governo di questo paese di prendere le impronte digitali ai bambini di questa etnia al fine di evitare che mendichino.

Ed ha saputo anche che due bambine Gitane sono morte affogate in una spiaggia italiana, di fronte allo sguardo indifferente dei turisti. "Questo è inumano, e assurdo. Siamo persone come le altre, non una piaga come molti ci vedono", dice.

Geraldín rispetta le intenzioni di suo padre, però spera che comprenda che i tempi sono cambiati e che lei può ottenere una professione senza smettere di essere Gitana, come ha fatto Dalila, sua zia. Tanto che vuole montare una propria accademia di danza ed essere cantante, mentre va all'università.

"Nessuno sa cosa può succedere col futuro della bimba, però io l'appoggio. Voglio che studi e abbia una vita migliore. Essere Gitano, andare da un posto all'altro, non avere nulla, è molto difficile", dice sua madre, Miryam.

Geraldín sa che ha davanti una lotta ferrea col suo destino. Non vuole ripetere la storia di sua madre, vuole diventare un professionista, senza smettere di essere una buona Gitana.

"Il futuro per i Gitani non esiste. Il futuro è oggi e ora. Aspettiamo di vedere cosa succede quando arriva il momento di decidere", dice.

Qui vivono in 5.000

In Colombia, secondo il censimento del 2005, vivono circa 5.000 gitani. Di questi, 1.446 sono minori. Sono considerati come etnia dallo Stato dal 1998.

Gli uomini vivono del commercio informale, dell'artigianato dei metalli e del rame e della riparazione di macchine pesanti. Le donne si dedicano alla chiromanzia, al cucito ed alla cura della casa.

I gitani sono originari del nord dell'India. La loro presenza in Colombia iniziò nel XIX secolo. Arrivarono in America Latina col terzo viaggio di Colombo.

Bogotá, D.C., 16 de agosto de 2008. Redacción Vida de Hoy. El Tiempo.

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


27/11/2022 @ 00:19:45
script eseguito in 66 ms

 

Immagine
 Milano via Idro 62 - anno 1990... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 924 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022
Giugno 2022
Luglio 2022
Agosto 2022
Settembre 2022
Ottobre 2022
Novembre 2022

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source