Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Pagine di dialogo e (forse) per iniziare a conoscersi

-

\\ Mahalla : VAI : Europa (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 19/09/2009 @ 08:58:29, in Europa, visitato 1374 volte)

Dell'abbattimento dello storico quartiere di Sulukule qui se n'è scritto parecchio. La motivazione addotta dalle autorità turche è il "piano di rinnovamento urbano" di Istanbul. Ma le recenti piogge che hanno inondato diversi quartieri della città, scoprono luci ed ombre su questo contestato piano e sugli appetiti immobiliari che sta sollevando

La terra e il cielo 18.09.2009 scrive Fazıla Mat Istanbul si risveglia dall'incubo delle inondazioni. Le autorità maledicono la pioggia, ma secondo gli esperti il disastro è stato causato dagli interventi edilizi sui letti dei fiumi all'interno della città. Sotto accusa il piano di trasformazione urbana voluto da Erdoğan

Le province di Istanbul e di Tekirdağ faranno fatica a riprendersi dalle inondazioni causate dalle piogge torrenziali dell’8 e 9 settembre scorsi. Le precipitazioni, che normalmente si sarebbero distribuite in un periodo di quattro mesi, hanno sommerso nel giro di due giorni numerose circoscrizioni delle due città. Il bilancio resta molto pesante. Sono morte 32 persone, diverse sono ancora disperse, e si stima una perdita in beni di circa 100 milioni di dollari.

L’alluvione ha avuto i suo effetti più devastanti laddove erano presenti dei torrenti sui cui letti e nei cui dintorni sorgono costruzioni e autostrade. A İkitelli, nei pressi del torrente Ayamama, il viale Basın Ekspres, una delle strade più trafficate e commercialmente attive di Istanbul, è stato letteralmente inghiottito dalle acque. Mentre molte persone hanno trovato rifugio sui tetti degli autobus, sette donne sono morte asfissiate dentro un furgone merci privo di finestre che veniva utilizzato da una nota società tessile come mezzo di trasporto per portarle al lavoro. Sei autisti di TIR, che dormivano a bordo dei mezzi nella stazione per TIR Osmanlı, sono morti annegati dopo essere stati travolti dalle acque. Tutte le fabbriche nei dintorni sono state allagate. Si sono aperte inoltre le chiuse della diga sull lago Büyükçekmece, causando l’allagamento della costa e dei centri di ricreazione sulle sponde.

La Municipalità di Istanbul è stata la prima a esser criticata dalla stampa, per l’incapacità di prevenire gli effetti dell’inondazione e di gestire la successiva situazione d’emergenza. Il servizio meteorologico aveva infatti lanciato, diversi giorni prima, l’allarme per l’alluvione, ma le autorità non avrebbero ritenuto di dover chiudere al traffico il viale Basın Ekspres, dove si era verificato un episodio analogo di inondazione anche nel 1995 a causa dello straripamento dello Ayamama.

Intanto continuano a venire alla luce dei particolari su come la Municipalità di Istanbul abbia gestito finora le aree circostanti i torrenti. La İSKİ (Direzione idrica di Istanbul) avrebbe ammesso di aver realizzato l’ultima bonifica del torrente Ayamama nel maggio scorso e di non aver più ripetuto l’operazione nonostante le piogge autunnali in arrivo. Inoltre un credito di 322 milioni di dollari preso in prestito dalla Banca mondiale, finalizzato alla realizzazione di infrastrutture per il risanamento di quindici torrenti, sarebbe fermo da due anni nelle casse del comune di Istanbul (İBB). Il vicesegretario generale del comune, Muzaffer Hacımustafaoğlu, ha affermato che l’attuazione dei progetti di risanamento “procede lentamente perché i torrenti sono delle proprietà private e i tempi previsti per renderli pubblici sono lunghi”.

Le autorità hanno cercato di spiegare l’inondazione nei termini di una “calamità naturale”, “inspiegabile” e “incontrastabile”. Una parte di “colpa” è stata però riservata anche ai “cittadini che costruiscono abitazioni fuori norma”. La prima reazione del sindaco di Istanbul, Kadir Topbaş, è stata infatti quella di attribuire la responsabilità dell’accaduto a “l'utilizzo selvaggio della natura e dell’ambiente”. Il premier Erdoğan ha commentato l’accaduto facendo allusioni alla forza della natura con un proverbio turco – “arriva il momento in cui il torrente si vendica” – mentre il presidente della regione Muammer Güler è arrivato a dare la responsabilità dell’accaduto “a tutta la società” e su una scala più ampia “al mondo intero” per “i danni causati dalle persone alla natura”.

Intanto Erdoğan, effettuando un giro d’ispezione aerea sulle località colpite dall’alluvione, ha affermato che fino a quel momento le autorità avevano incontrato “impedimenti legali ed alcune opposizioni” per risanare i torrenti, che “queste opposizioni devono essere superate” e che “i problemi più gravi sono sorti dal fatto che i letti dei torrenti sono stati modificati [dalle costruzioni]”. Erdoğan ha concluso dicendo che “dopo aver condotto dei contatti bilaterali si passerà a demolire le costruzioni qui presenti.”

Eyüp Muhçu, presidente dell’Ordine degli ingegneri e architetti (TMMOB) di Istanbul, lancia un monito rispetto a quello che ritiene essere il vero senso delle parole del premier. “La 'opposizione' di cui parla il Primo ministro è quella dimostrata dai cittadini che si ribellano ai progetti di decentramento della popolazione e di speculazione affaristica imposti sotto il nome di ‘trasformazione urbana’. Erdoğan vuole utilizzare gli effetti dell’alluvione proprio per rendere leciti i suoi progetti di trasformazione urbana”.

Il problema delle costruzioni sui letti dei torrenti non riguarda infatti solo le costruzioni abusive, ma anche quelle “legali”. “Una parte del torrente Ayamama, importante corridoio ecologico di Istanbul, area verde e di ricreazione, è stata aperta alla edificazione di palazzi ad alta concentrazione nel 1997, quando proprio Erdoğan era sindaco della città”, spiega Muhçu.

All’epoca il TMMOB avrebbe presentato a Erdoğan una valutazione sull’impatto ambientale di questo progetto. Nella sua valutazione, l’Ordine avrebbe specificato che con il nuovo progetto il torrente Ayamama avrebbe cessato di essere tale, e che si sarebbe rivolto un aperto invito alle catastrofi naturali. L’appello rimase però inascoltato, e il TMMOB portò il progetto in tribunale. La Corte emise una sentenza a favore dell’Ordine, sottolineando anche “che il progetto non aveva alcuna utilità sociale”. L’amministrazione comunale però non tenne conto del verdetto e accelerò le costruzioni, dando origine a tutta la zona adiacente all’aeroporto Atatürk.

“Erdoğan ha fatto ricorso”, continua Muhçu, “ma il tribunale ha nuovamente confermato la prima sentenza. Le costruzioni però non sono cessate nemmeno dopo questa seconda decisione. Gli edifici così realizzati contro il verdetto del tribunale hanno dato man forte alle costruzioni abusive nell’interno della valle, a nord. E dal 1997 in poi sono stati costruiti numerosi blocchi di edifici abusivi utilizzati quali officine. Questa zona, nel piano urbanistico del 1982, risultava invece essere sede di un cimitero cittadino, di un’area verde, di un’area di ricreazione e letto del torrente. Eppure hanno sempre chiuso un occhio nei confronti delle costruzioni abusive”.

Solo il mese scorso infatti, il sindaco Topbaş avrebbe presentato al consiglio comunale un piano per legalizzare nuove costruzioni abusive e per permettere l’edificazione di altri palazzi nelle ultime aree rimaste a disposizione nel letto dell’Ayamama. Senza un’alluvione di questa portata, il piano edilizio portato avanti dal comune di Istanbul probabilmente avrebbe proseguito indisturbato. E forse non basterà nemmeno l’alluvione a disturbarlo.

 
Di Fabrizio (del 12/09/2009 @ 09:24:07, in Europa, visitato 1139 volte)

Da Roma_Francais

par FLORENT PECCHIO

Polemiche sul metodo utilizzato da un'unità della gendarmeria nell'Essonne, lo scorso 28 agosto, per controllare dei Rom in situazione irregolare.

Ecco dei colpi di timbro che fanno colare molto inchiostro. E' successo ad un controllo d'identità, effettuato da un'unità della gendarmeria nell'Essonne, lo scorso 28 agosto. Per facilitare il controllo del centinaio di Rom presenti quel giorno in un accampamento di fortuna, nei comuni di Ormoy e di Villabé, i gendarmi decidono di utilizzare un metodo sorprendente. Vale a dire, marcare le persone controllate a colpi di timbro, per essere sicuri di non procedere due volte al medesimo controllo. Se il metodo è di buon senso per la gendarmeria, non può esserlo per la comunità rom, né per le associazioni vicine ai sans-papiers. Neanche per Eric Besson, ministro dell'Immigrazione, che martedì ha giudicato questo modo di operare "particolarmente inopportuno".

"Non siamo del bestiame"

Apprendendo la notizia questo 28 agosto, l'associazione "Solidarietà con le famiglie rumene" non si tira indietro. "Immediatamente, il metodo ci ha ricordato quelli dell'ultima guerra" racconta Yves Bouyer, militante. Sospira: "Non è questo il modo di trattare degli esseri umani", "Non siamo del bestiame", aveva protestato un uomo fra i controllati. L'operazione consisteva nel portare a conoscenza del gruppo di Bulgari e di Rumeni, di un decreto prefettizio che li obbligava a lasciare il territorio entro il mese.

"Non ho mai assistito a pratiche di questo genere", si stupisce, scoraggiato, Yannick Danio, delegato nazionale dell'unione dei sindacati della polizia Unité-SGP FO. Per lui, l'iniziativa del colpo di timbro viene dall'interpretazione su scala locale di una direttiva nazionale. Non si tratta, in alcun caso, di un metodo generalizzato.

"Come in un ritrovo notturno"

Per quanto riguarda la gendarmeria, la misura non colpisce oltre a misura. "Č come in ritrovo notturno", si difende uno di loro in seno all'istituzione. "E' un buono modo di lavorare, il metodo più semplice e più rapido". Certamente non "comparabile" con i numeri impressi agli ebrei durante la seconda guerra mondiale. Effettivamente, non si tratta di una marcatura a vita, ma di un tampone umido, lavabile con acqua.

In un contesto di espulsioni di sans-papiers, attraverso le quali le associazioni che li difendono comparano volentieri gli arresti [...], Eric Besson ha preferito defilarsi, pubblicando un comunicato, lunedì. "Pur approvando l'obiettivo dell'operazione, Eric Besson giudica il metodo del tampone umido particolarmente inopportuno, riguardo le operazioni di controllo sugli stranieri in situazione irregolare. Si è assicurato presso il Direttore generale della gendarmeria nazionale che consegne adeguate siano passate affinché non vi sia più l'impiego fatto in questo caso". Da cui l'atto. La capitana Poupot, incaricata della comunicazione alla gendarmeria nazionale, garantisce che questa "obbedirà", conformemente ai desideri del ministro. Il tampone resterà appannaggio dei ritrovi notturni.

 
Di Fabrizio (del 09/09/2009 @ 09:45:00, in Europa, visitato 1320 volte)

Da Czech_Roma

Kladno, 3.9.2009 12:40, (ROMEA)

Ieri la Televisione Ceca ha riportato che un autista di autobus a Kladno si ritiene abbia rifiutato di trasportare tre donne rom ed i loro bambini. ČSAD MHD Kladno, la locale compagnia di trasporti, ora sta investigando. Le donne rom che accompagnavano i figli a casa da scuola, hanno detto che il guidatore ha rifiutato di portarle a destinazione, la fermata Masokombinát. Quando gli hanno chiesto cosa volesse significare con ciò e se non fosse un razzista, sembra abbia risposto: "Sì, siete Zingare, non è così?" Le donne hanno chiamato il numero 158 della polizia, ma né la polizia municipale né quella statale hanno voluto intervenire.

Ludomír Landa, direttore di ČSAD MHD, ha detto a ČTK che l'autobus era pieno e che l'autista ha agito correttamente, ma che non è stato professionale nell'impegnarsi in una discussioni coi cittadini rom, durante il quale sembra siano volati commenti razzisti da ambo le parti. Se i fatti fossero confermati, l'autista probabilmente avrà una riduzione in busta paga.

"Mio figlio andava a scuola per la prima volta, era contento, guardava davanti a sé. Stamattina non ha voluto uscire dal letto. Abbiamo paura che anche domani sarà così," ha detto alla Televisione Ceca Isabela Tokárová, madre di uno dei bambini coinvolti. "Ha detto che non prendono sporchi zingari, che prendono solo la gente bianca e non gli zingari," ha detto il piccolo David Tokár

L'incidente è successo sulla linea per Beroun, che parte dal centro di Kladno alle 10:15. "Il bus di solito è occupato da 20-25 passeggeri, ma l'1 settembre la corsa è coincisa con la fine del primo giorno di scuola. Alla fermata presso il centro commerciale Tesco c'erano già 80 passeggeri a bordo, cioè il limite della capacità di carico," ha detto Landa.

Landa ha descritto differentemente gli eventi. Sostiene che l'autista ha aperto le porte e chiesto a quei passeggeri che andavano verso le destinazioni più distanti di salire per primi, cosa che dice Landa essere logica e corretta. Ha detto: "L'autista stava semplicemente organizzando gli ingressi sull'autobus, così che l'uscita alle fermate successive fosse efficiente."

Landa sostiene che una delle passeggere rom ha iniziato ad attaccare verbalmente l'autista con epiteti razziali. "Lui ha risposto a tono usando la parola Zingari," ha detto Landa, aggiungendo che la risposta dell'autista non è stata professionale. "Ora assieme all'autista stiamo compilando un rapporto sull'incidente e stiamo cercando testimoni dell'incidente. Se verrà confermato che la sua risposta è stata inappropriata, allora naturalmente ne pagherà le conseguenze."

ROMEA, Czech Television, ČTK, translated by Gwendolyn Albert

 
Di Fabrizio (del 26/08/2009 @ 09:49:06, in Europa, visitato 1617 volte)

Segnalazione di Giancarlo Ranaldi

da Finanzainchiaro.it

William Blacker (foto Romania Libera)

Innamorato di una zingara e di una campagna che gli ricorda i romanzi del diciannovesimo secolo, lo scrittore e giornalista britannico William Blacker passa metà dell'anno tra i contadini della Transilvania. Ritratto di un uomo a cavallo tra due mondi.

In un villaggio della Transilvania, vicino a Sighisoara, la gente si riunisce ogni sera nella sola osteria del posto, in attesa del ritorno del bestiame al pascolo. Una maggioranza di romeni, qualche sassone e diversi zingari si rilassano seduti su cassette vuote di birra. Qualche giovane zingaro balla su una melodia lontana. Improvvisamente i bambini smettono di giocare e corrono verso un uomo che si avvicina in bicicletta: "Signor Uigliammm, signor Uigliammm!" L'uomo, che porta un cappello bianco e occhiali rotondi, sorride ai bimbi. Gli abitanti del posto dicono sottovoce: "L'inglese è tornato per vedere la sua zingara". Il nome del nuovo arrivato è William Blacker, nato 46 anni fa in qualche parte dell'Inghilterra meridionale e trapiantato in Transilvania, dov'è arrivato per caso. Vive qui da nove anni e ha un bambino di 3 anni è mezzo, frutto di una storia d'amore con una giovane zingara del villaggio.

Da molto tempo quest'uomo è diventato parte integrante del posto. Un giorno della sua vita in campagna non assomiglia affatto a quella dei suoi amici in Inghilterra: lavora i campi tra gli zingari, taglia l'erba con la falce, ripara i muri di calce delle vecchie case sassoni e la sera gioca a scacchi con i vecchi del villaggio. A volte Blacker fa visita alla sua ex ragazza, Marishka, la piccola zingara per la quale si è trasferito qui: "Al ritorno da un viaggio in Inghilterra l'ho trovata incinta. All'inizio non pensavo di essere io il padre, ma come vede ci assomigliamo come due gocce d'acqua", dice William, e abbraccia Costantin, che ha ereditato il suo sorriso e i suoi occhi blu. Il piccolo vive con la madre insieme alla sua famiglia di zingari musicisti, a pochi minuti dalla casa di Blacker.

Da Berlino a Satu Mare

"Ho messo per la prima volta piede in Romania pochi giorno dopo la rivoluzione del dicembre 1989. Avevo lasciato l'Inghilterra con l'intenzione di visitare Berlino, il Muro era appena caduto", racconta l'inglese. Le notizie in televisione sulla rivoluzione romena e la lettura di alcuni articoli sulla bellezza dei monasteri locali lo hanno spinto più a est. Così è passato per la Cecoslovacchia e l'Ungheria ed è entrato in Romania; ha dormito a Satu Mare in un albergo senza elettricità. Il giorno dopo è rimasto a bocca aperta: "Nella piazza centrale della città c'erano solo cavalli e carretti. Ho pensato che il mondo dovrebbe assomigliare a qualcosa del genere". Blacker aveva già visto l'India e diversi paesi dell'America latina, ma la Romania lo ha affascinato più di qualunque altro posto. "Avevo letto i romanzi di Thomas Hardy e Tolstoj e quando sono arrivato in Romania mi sono detto: 'Incredibile, adesso posso vedere con i miei occhi le cose che descrivevano'".

Nel 1996 Blacker, non volendo più solo limitarsi a vedere la vita di questi contadini ma vivere come uno di loro, si è trasferito vicino a Satu Mare, "prima dell'arrivo dell'Occidente". Nei quattro anni di vita in mezzo ai contadini di Maramures, questo inglese ha partecipato ai matrimoni, ai funerali, alle feste, all'uccisione del maiale: "Ho sofferto, ho pianto, ho riso". Blacker è sempre stato attratto dalla vita degli zingari della Transilvania. Nel suo libro, appena pubblicato in Inghilterra, Along the Enchanted Way: A Romanian Story, descrive gli zingari come un popolo posseduto dal principio del "dolce far niente". Gente che sa cantare e ballare in modo meraviglioso e che ritiene la vita troppo breve per passarla a sfacchinare.

Per un bel po' l'inglese ha fatto numerosi viaggi su è giù tra Maramures e il villaggio della Transilvania dove vive oggi. La sua vita nel villaggio di Halma (il nome fittizio utilizzato nel libro) ha degli aspetti romanzeschi. Ha scritto un articolo sulla drammatica situazione delle case sassoni abbandonate dalla popolazione di origine tedesca, emigrata negli anni Novanta, e ha ottenuto dei contributi per il loro restauro. All'epoca Blacker guidava la fondazione Mihai Eminescu, finanziata dal principe Carlo.

Solo più tardi ha conosciuto Marishka, e hanno deciso di trasferirsi in una casa sassone. Non gl'importava che Marishka avesse solo la quinta elementare e lui una laurea in una prestigiosa università inglese. Blacker la ha persuasa a leggere. "Le ho dato una copia in romeno di Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen. Dopo qualche giorno Marishka faceva già dei commenti: 'Ma questo Darcy è così arrogante!'. Tuttavia mentre leggeva mi sono reso conto che il volume diventava sempre più sottile. Dopo un po' ho scoperto che utilizzava le pagine lette per accendere il fuoco!» Anche se non si sono mai sposati, Marishka e William si sono scontrati con la cattiveria di alcuni abitanti del villaggio romeno, che hanno cercato di allontanarlo dalla "feccia della società". Adesso quei giorni sembrano dimenticati, gli animi si sono calmati e tutti parlano bene di lui. "Č un uomo meraviglioso. Non ha mai diffidato degli zingari", ha detto Marishka.

Vent'anni dopo aver scelto di vivere in un paese ex comunista, la sua decisione non sembra più tanto eccentrica. A volte Blacker si chiede quale sarà la vita di suo figlio fra gli zingari: "Mio figlio è per metà zingaro e per metà inglese. Per ora sono felice che viva qui". E si ricorda della reazione dei suoi genitori: "Non erano molto contenti. Avevo 30 anni e volevano che avessi un lavoro rispettabile. In diverse occasioni ho dovuto spiegare loro che qui stavo bene. Era il posto giusto per me. La mia infanzia nel sud dell'Inghilterra, in campagna, potrebbe essere una spiegazione. Volevo vivere di nuovo in un bel posto". ( Fonte: europresse.eu)

Autore: Andreea Pocotila Redazioneonline - Stampa Internazionale

 
Di Fabrizio (del 24/08/2009 @ 09:02:38, in Europa, visitato 1268 volte)

Da Nordic_Roma

TheLocal.se

18/08/2009 - Dieci persone sono state arrestate in seguito ad un'operazione all'alba della polizia, contro un centro giovanile rom a Lund, nella Svezia meridionale.

Le persone arrestate erano tutte tra i 18 e i 25 anni di età, ed avevano occupato il centro ricreativo doposcolastico RomanoTrajo, nell'area Norra Fäladen della città.

I giovani dimostrati erano parte di una rete che si autodefinisce "Residenti di Lund contro i tagli".

Gli arresti sono avvenuti senza incidenti ulteriori. Due degli occupanti hanno tentato di fuggire ma sono stati rapidamente presi dalla polizia.

I dieci arrestati sono poi stati trasferiti nella stazione di polizia di Lund e lì trattenuti per il sospetto di trasgressione aggravata e danno criminoso.

Romano Trajo aprì nel 1989 per dare supporto ai bambini rom che vivevano nell'area.

Nel 2004 il centro ricevette il premio integrazione della Città di Lund. Ma quest'anno è stato annunciato che il centro, nonostante le proteste, sarebbe stato chiuso.

Il comitato infanzia ed istruzione di Lund ha considerato che i servizi offerti da Romano Trajo potrebbero essere gestiti da altri centri ricreativi nell'area.

TT/The Local (news@thelocal.se; 086566518)

 
Di Fabrizio (del 16/08/2009 @ 09:11:48, in Europa, visitato 1341 volte)

Da Roma_Daily_News

Mercoledì 12 agosto 2009

L'Europa orientale ha una significativa e crescente popolazione rom. Tensioni di lungo tempo tra i Rom e gli altri si sono intensificate sotto i colpi della crisi.

Molti Rom non si registrano nei censimenti perché tentano di nascondere la loro etnia, ed in alcuni paesi è illegale identificare i Rom nei documenti legali.

Hanno detto gli esperti locali che la mancanza di dati certi è un problema, rendendo difficile affrontare i problemi dalla disoccupazione all'istruzione ed i servizi sociali come pure il monitoraggio.

BULGARIA

  • I Rom formano il 4,7% della popolazione, o circa 370.000 persone, secondo il censimento 2001.
  • Sui stima che la proporzione sarà nel 2020 del 6,5-7,0 %, o 520.000-550.000 persone, ha detto Alexey Pamporov, sociologo dell'Accademia Bulgara delle Scienze.
  • Il tasso di disoccupazione tra i Rom nel 2004 era del 56,2%, cadendo al 48,3% nel 2007 (riflettendo tanto quelli che smettono di cercare lavoro che quelli che l'hanno trovato)
  • Di recente non vengono riportate violenze. L'ultimo caso è del 2007, quando circa 200 Rom devastarono un caffè ed attaccarono quattro persone perché sembravano skinhead, dopo che un Rom era stato picchiato da skinhead.
  • Il partito nazionalista Ataka ha raggiunto un 9% costante nelle ultime due elezioni, nel 2005 e nel 2009.

REPUBBLICA CECA

  • Il governo stima la popolazione rom attorno al 2% della popolazione, ma secondo alcune organizzazioni sarebbero oltre 450.000.
  • Una studio governativa stima una crescita della popolazione rom del 50%, 300.000 persone nel 2050.
  • Non esistono dati ufficiali sulla disoccupazione dei Rom (è illegale raccogliere questi dati).
  • Il governo ha speso 117 milioni di corone ($21.18 milioni) per creare lavoro per i Rom.
  • La popolazione Rom è forte nelle aree settentrionali del paese, dove ci sono stati violenti assalti almeno una volta anche con molotov.
  • Il Partito dei Lavoratori di estrema destra non ha ottenuto rappresentanza parlamentare ed i sondaggi mostrano che abbia scarse speranze di successo nelle prossime elezioni di ottobre.

UNGHERIA

  • Le ricerche mostrano che la popolazione rom è di circa 660.000 persone, il 6,6% della società.. Non sono disponibili dati ufficiali sul censimento, e molti Rom nascondono la loro identità.
  • Secondo l'Ufficio Centrale Statistiche KSH, la proporzione dei Rom potrebbe raggiungere l'8% nel 2020 e superare il 10% a metà secolo.
  • Gli studi mostrano che la disoccupazione rom è dal 1993 costantemente inferiore al 20%. Alcune aree, specialmente nel nord del paese, hanno quasi il 100% di popolazione rom, quasi totalmente disoccupata.
  • Negli ultimi18 mesi ci sono stati violenti scontri, inclusi attacchi con molotov, bombe a mano e fucili. Sono state uccise oltre a una mezza dozzina di persone.
  • Il partito Jobbik di estrema destra ha ottenuto sostanziali successi usando una dura retorica anti-Rom. Ha ottenuto il 15% dei voti alle elezioni di giugno del Parlamento Europeo e potrebbe ottenere 50 dei 386 seggi parlamentari nelle elezioni nazionali dell'anno prossimo.

ROMANIA

  • La popolazione rom sarebbe di 535.000 persone, secondo le stime governative ufficiali, ma i gruppi dei diritti civili ne contano 2,5 milioni, rendendola al più grande comunità rom in Europa.
  • Più delle altre nazionalità i Rom sono migrati altrove in Europa, cercando opportunità in Irlanda e in Italia, dove ci sono 500.000 cittadini rumeni.
  • Studi dell'UNPD (United Nations Program for Development ndr) del 2005, contano al 24% il tasso di disoccupazione dei Rom (definito tra chi cerca lavoro). La disoccupazione auto-percepita (inclusa la mancanza cronica di lavoro) è di circa l'80%, sempre secondo l'UNPD.
  • Sporadici e localizzati gli scontri violenti. A luglio, ci sono stati scontri in Transilvania tra abitanti di etnia ungherese e Rom locali, che hanno sparso paura che episodi simili a quelli ungheresi potessero ripetersi in Romania.

SLOVACCHIA

  • Secondo le stime del governo, la popolazione rom conta 380.000 persona, circa il 7% della società.
  • Dice il governo che circa il 44% dei Rom hanno meno di 14 anni, segno di un prossimo boom della popolazione. La maggior parte delle famiglie rom conta 10 o più membri.
  • Secondo il governo, meno del 10% dei Rom lavora regolarmente.
  • Non ci sono più stati violenti disordini della rivolta rom nella metà degli anni '90, e recentemente i partiti politici non hanno insistito sulle questioni rom.
  • Alcuni progetti per l'alloggio e programmi per il lavoro hanno facilitato le condizioni in alcune parti del paese.

(Reporting by Reuters bureaux, writing by Marton Dunai)

 
Di Fabrizio (del 15/08/2009 @ 09:40:19, in Europa, visitato 977 volte)

Da Roma_Francais

Territorio Gens du voyage: una grande riunione annunciata a Fontaine par Céline Mazeau

[...] Secondo Christian Proust,  presidente del sindacato dell'Aeroparco di Fontaine (Territorio di Belfort) "le voci crescono da parecchi giorni" e ci sarebbero elementi precisi per confermarle: secondo le sue informazioni, tra le 500 e le 1.000 carovane potrebbero riunirsi questo fine settimana nei settori di Fontaine, Foussemagne e Reppe per una convention religiosa.  "Se dovesse succedere, si tratterebbe di un assembramento totalmente inatteso, non preparato ed organizzato in condizioni illegali".

Al momento, è previsto l'arrivo di un gruppo tra le 200 e le 250 carovane: una missione evangelica condotta da tre pastori rom ha riservato, nelle regole, l'area di Fontaine dal 17 al 30 agosto. A questo punto, ufficialmente, non ci sarebbero problemi: l'area è dimensionata per ricevere le 250 carovane attese.

"Abbiamo ricevuto i pastori in prefettura stamattina, spiega Rémi Darroux, direttore dell'ufficio del prefetto. Gli abbiamo chiesto di controllare l'afflusso per quanto possibile per non eccedere la capacità di accoglienza. Siamo stati chiari. Ci hanno risposto che l'area era molto grande e che tutti avrebbero potuto installarvisi".

Restano gli echi intesi qua e là, ed in particolare da parte di Bessoncourt dove la gens du voyage si è installata da giovedì scorso su terreni privati (...). Loro dicono, secondo Guy Mouilleseaux, sindaco del comune, che la riunione di Fontaine questo fine settimana potrebbe riguardare almeno 700 carovane. Thierry Baille amministratore tecnico del sindacato dell'Aeroparco, parla di molti gruppi già presenti nella regione che avrebbero previsto di convergere verso Fontaine: evoca un centinaio di gens du voyage arrivato a Montbéliard (...), 150 carovane a Strasburgo, un centinaio nel Nord e di altri che "secondo due fonti", arriverebbe dal Belgio, dalla Germania, dalla Spagna, dalla Svizzera e dall'Italia.

Se ciò dovesse succedere, la superficie di grande passaggio di Fontaine non potrebbe accogliere altrettante persone e la gens du voyage, allora, si installerebbe nei dintorni, ed in particolare sul sito dell'Aeroparco. Č ciò che preoccupa Christian Proust.

"Esemplare"

Il presidente del sindacato dell'Aeroparco dice di non volere "fare processi a priori", ma si ricorda dell'estate 2004, dell'arrivo di centinaia di carovane e dei problemi che ne erano seguiti.

Mette l'accento sulle sfide economiche: l'Aeroparco dice, conta 800 posti di lavoro, imprese che investono e "due dossier in corso": la costruzione di un edificio di 2000 m2 ed la ristrutturazione di un'impresa in un edificio di 4.000 m2.

Ai suoi occhi, la palla è ora chiaramente nel campo dei poteri pubblici: allo Stato, chiede, "di prendersi le sue responsabilità". La soluzione? Secondo lui consisterebbe nel indurre la gens du voyage a restare là dov'è attualmente.

"La questione deve essere gestita a livello interregionale. Dopo tutto, per i manifestazioni e le visite del presidente della repubblica, i pubblici poteri sono capaci di agire e prevenire. Se si attende che la gens du voyage converga verso Fontaine, non ci saranno che cattive soluzioni".

Difficile, tuttavia, andare contro la libertà di movimento, come sottolinea Rémi Darroux. Il direttore dell'ufficio del prefetto sottolinea d'altra parte che delle disposizioni sono state adottate: un'altra superficie di grande passaggio è stata contattata qualora fosse necessario ed è stata chiesta la sorveglianza alle forze di polizia.

Il dipartimento del Territorio di Belfort è "esemplare", sottolinea: oltre alla superficie d'accoglienza di Fontaine, molte piccole superfici sono state realizzate in questi ultimi anni.

Giustamente, risponde Christian Proust, consigliere il generale (MRC): "Il dipartimento ha fatto in modo di realizzare aree, conformemente alla legge, e non è in questione ritornare su questa politica. Ma se la gens du voyage sceglie oggi Fontaine, è forse perché c'è l'area di grande passaggio. E se lo Stato lascia fare, ciò vuole dire che qualsiasi dipartimento che realizza un dispositivo si mette una rivoltella sulla tempia".

 
Di Fabrizio (del 11/08/2009 @ 09:09:21, in Europa, visitato 1116 volte)

Da Roma_Daily_news

Cari amici,

Ecco uno spettacolo unico tenutosi lo scorso maggio. L'iniziativa Roma Fashion presenta la bellezza e la dignità della cultura rom attraverso una performance unica ed emozionalmente espressiva. La performance è l'esibizione di autentici vestiti femminili rom da tutto il mondo, come pure la loro interpretazione contemporanea, accompagnata dalle voci della musica e della poesia rom internazionale.

L'idea è un'espressione di un nuovo modo di comunicazione nel contesto della società contemporanea ed una ricerca per significati di presentazione costruttivi e creativi sul tema della diversità culturale in Bulgaria.

Più informazioni (in lingua bulgara ed inglese) a: www.romafashion.net

Video dello Spettacolo:

  • Prima parte
  • Seconda parte (questo secondo me è il più interessante: mostra la moda femminile rom vista attraverso i tanti paesi della diaspora. Ma ci sono anche i video sulla preparazione della sfilata finale e il "dietro le scene" ndr)
  • Terza parte

I migliori saluti,

Roma Fashion Team
info@romafashion.net

 
Di Fabrizio (del 09/08/2009 @ 00:45:24, in Europa, visitato 1574 volte)

Da Slovak_Roma Continua la raccolta di testimonianze femminili dal vivo, da parte di Kristína Magdolenová. E' la ripresa di una vecchia intervista che non avevo fatto in tempo a tradurre. Puntata precedente

Ingrid Lukáčová Source: Courtesy of Mecem

The Slovak Spectator 3 agosto 2009 Il razzismo è un problema degli adulti
By Kristína Magdolenová & Jarmila Vaňová - Politics & Society

Ingrid Lukáčová viene da Prešov ed attualmente vive a Košice dove lavora come direttrice di una scuola secondaria d'arte.

I tuoi cosa ti hanno incoraggiato a fare?

Soprattutto ad avere un'istruzione. Mi hanno sempre incoraggiato in questa direzione. Mi ricordo che ci sedevamo assieme in famiglia e mia madre e mio padre parlavano su cosa avremmo fatto. Mia sorella sarebbe stato dottore o avvocato, perché era la più brava. Sapeva leggere all'età di 5 anni e anche riconoscere l'alfabeto cirillico. Dato che ero più grande e studiavo il russo, lei imparava con me. Sin da subito ci si aspettava che diventassi insegnante. Mio padre voleva che mio fratello diventasse un musicista.

Perché pensi che vostra madre permetteva a te e tua sorella di studiare?

Dico sempre che mia madre ha un'intelligenza naturale, anche se non ha studiato. Ha vissuto tutta la sua vita come la gente moderna, ma non ha mai dimenticato di essere una donna rom e di vivere la vita rom tradizionale; ha mantenuto le tradizioni. Ha lavorato per tutta la vita e lavora tuttora, l'ha fatto tra i non-Rom. Si è assicurata che andassimo a prescuola e a scuola. L'ha imparato a casa sua, perché suo fratello è andato all'università, così ha imparato che l'istruzione è l'unico modo per cambiare la propria vita.

Nei tuoi studi, sia alla scuola primaria, che a quella secondaria o all'università, c'è stata qualcosa che t'ha fatto sentire che eri differente, che eri una Rom?

Si può dire che forse sono stata fortunata. Non ho mai avuto problemi simili. Mi sono capitate, ma non con le mie compagne di scuola. Anche alla scuola secondaria non ho avuto problemi perché ero tra le migliori studentesse. Anche lì, ero la sola alunna rom dell'intera scuola, e alla fine ero capoclasse. La mia insegnante era sorpresa il primo anno che 36 studenti votassero me come capoclasse.

Quindi secondo te è importante che una madre rom sia quella che guida la famiglia e garantisca l'istruzione dei bambini?

Penso che la madre sia la persona più importante. Questi mi è confermato dal fatto che anche se ho avuto un padre che aveva studiato molto, e a cui cono molto grata, se mia madre fosse stata differente da ciò che era, non sarei mai arrivata dove sono. Ed è per questo che dico che le madri rom dovrebbero essere al fondamento. Sappiamo come va tra i Rom: un uomo, se aveva lavoro, usciva di casa la mattina per andare a lavoro, tornava a casa per mangiare e questo è tutto. Portava a casa i soldi. E, sfortunatamente, le comunità rom funzionano così che il padre non si prende cura di niente.

Di dov'è tuo marito?

Mio marito è di Michalovce. E' un Rom, anche se non ne parla la lingua e non assomiglia a un Rom. E' stato un grande amore, perché ci siamo incontrati quando avevamo 18 anni. Ma mia madre subito gli disse che io studiavo e semplicemente che se mi voleva, doveva aspettare. Così aspettò, anche se nel frattempo non ci vedevamo. Ero all'università e dopo, a giugno feci gli esami di stato e ad agosto ci sposammo. Più tardi divorziammo.

Perché?

Avevo 23 anni quando mi sposai. Quell'anno nacque mia figlia. Vivevamo in casa di mia suocera. Avevo opinioni differenti sulla vita dai miei suoceri e semplicemente non andavamo d'accordo. Là successe qualcosa e mio marito perse il lavoro a Michalovce e decidemmo che si doveva tornare a Prešov o andare a Košice dove c'erano migliori opportunità. Così insegnavo a scuola anche se ero in maternità e cercavamo lavoro qui a Košice. Per mio marito questo cambio era inconcepibile. Così lasciai. Non ho mai voluto tornare indietro. Sarei potuta tornare nella casa di mia suocera. Lì avrei avuto una casa, avrei cucinato, pulito e forse avrei insegnato a bambini non-Rom in qualche villaggio. Ed allora tutto quanto d'altro sarebbe andato per quella strada. Era una decisione difficile: carriera o famiglia. Dico che trionfò la "romanipé" in me.

Di sicuro per te non è stato un periodo facile, ma la vita cambiò per te e sei di nuovo con tuo marito. Oggi come va?

Non mi spiace di essere rimasta sola per quei sette anni. Mi hanno insegnato ad essere forte, a seguire le mie mete. E realmente a passare attraverso quei momenti difficili e mostrare a me stessa che posso farcela senza un uomo attorno.  Ma d'altra parte, devo dire che siamo ancora assieme. Viviamo assieme in una famiglia anche se non siamo più sposati legalmente. Ma è una piccola differenza, siamo una famiglia completa. Questo è molto importante soprattutto tra i Rom perché quello che dirò ora, forse farà ridere, ma mi è stato confermato: Se non hai un marito, non hai la verità. Molte volte, e non solo tra i Rom, ma anche tra i non-Rom. Significa essere una donna cattiva, una donna facile o sciatta.

Questo significa che quando una donna è senza marito, perde di valore?

Certamente. Tanto tra i Rom che i non-Rom. Occorre una donna molto forte per smentirlo. Parlo per esperienza.

La maggioranza delle donne rom che raggiungono il successo o la laurea e si costruiscono una loro carriera, scelgono un partner non-Rom. Tu hai scelto un Rom. Pensavi a tutto questo sul suo essere o no un Rom?

No, non ci ho mai pensato. Ci incontravamo con non-Rom ed eravamo amici; i nostri vicini ci venivano a trovare a casa. Ma tra di noi c'era qualcosa di differente; oggi questo è difatti una situazione più estrema, e ciò non è bene.

Ho avuto molte opportunità, soprattutto all'università. Non mi importava se fossero Rom o no. Ma in me c'era sempre una barriera che mi diceva no. Non può essere. Potevamo essere amici, capirci l'un l'altra come fratello e sorella, ma niente di più intimo.

Ed ancora, d'altra parte capisco le donne che sposano un non-Rom, perché ho studiato in un'università dove c'erano studenti rom. Ma non è che le ragazze non volessero un Rom; vedevo i ragazzi rom, i miei colleghi di studio, nessuno di loro voleva una ragazza rom. Può essere triste il fatto che loro avessero un'istruzione significa che pensavano che se sposavano una non-Rom, loro stessi non sarebbero più stati Rom. Lo penso ancora. Molto pochi di quei ragazzi che hanno completato l'università hanno sposato ragazze rom, e quando l'hanno fatto, hanno sposato ragazze rom che avevano un'istruzione, perché ci sono coppie simili che non hanno niente in comune con i Rom.

Gli uomini rom hanno paura delle donne sagge e non vogliono donne intelligenti. Vogliono donne che faranno quello che dicono loro di fare. O poi ci sono quelli che vogliono donne non-Rom per stare tra i non-Rom. Quanto alla nostra famiglia, ci sono anche dei matrimoni misti.

Cosa incoraggi tua figlia a fare? Come cerchi di crescerla?

Ad avere un'istruzione. A casa parliamo il romanés, così lei sa di essere Rom [...]. Soprattutto da me ha questo sentirsi Rom. E penso di avercela fatta. Perché lei ha vissuto in un ambiente non-Rom e non ha vissuto con i Rom. A parte la sua famiglia, non conosce davvero la loro mentalità. Sto cercando di instillarle tante cose, ma in modo naturale. D'abitudine viene con me agli spettacoli, matrimoni, battesimi, sa ballare come una Romnì. Messa semplicemente, ha questa gioia con lei.

Pensi che la romanipé, così com'è, arricchisca le persone?

Sì, per me certamente. Noi non neghiamo la nostra identità come quelli che vogliono ed hanno mariti e mogli non-Rom. Ho anche amici da matrimoni misti, anche se vivono differentemente. Non posso immaginare di vergognarmi di ciò che siamo. Così non neghiamo questa identità, cerco di crescere mia figlia e provare anche a cambiare mio marito, anche quando a volte sembra impossibile. Mio marito, anche se è cresciuto in quella famiglia, ora dice che gli dispiace di non sapere il romanés. Mette musica rom più di quanto ora faccia io. Dico che questo è perché la sua famiglia ed i genitori hanno negato la loro identità. E' interessante, mi pare, che quando ci sono matrimoni o battesimi, cantano in romanés e ballano la musica rom. E per ciò che dico che questo è rinunciare e negare se stessi. Perché è lampante che siano Rom. Penso che sia importante, e che è un peccato se i Rom istruiti rinunciano alla loro identità. Ma succede ad ogni tipo di gente.

Abbiamo accennato alle tradizioni rom. Quali sono le più importanti impresse nella tua memoria? Ci sono ancora tradizioni rom?

Certamente ci sono. Le insegno a mia figlia e a mio marito, perché lui non le conosce. Natale, per esempio. Di solito, abbiamo cibo rom per cena. Dev'esserci un pezzo di gója (un tipo di salsiccia), un pezzo di pašváre (nervi di porco affumicati). Non tanto, ma abbastanza perché con questo cibo manteniamo le nostre tradizioni rom. Ci piace di più così; ne vogliamo più di una certa cotoletta, dell'insalata, dei pesci e di queste cose. Dopo, per esempio, la nascita di un bambino - una pittura sacra, un nastro, una croce, viene messo sugli occhi. E' qualcosa che faccio regolarmente. Poi gli impegni in casa di mia mamma, il mangavipen (la cerimonia)... I miei cugini, quando hanno una cerimonia rom, si legano tra loro le mani con un foulard. L'ho sempre ritenuto adeguato... Mi è sempre piaciuto.

Come si manifestava l'amore nella vostra famiglia?

Questo è un problema con i Rom. Nella nostra famiglia, non era un problema quando eravamo ancora insieme. Ma dopo che i miei genitori divorziarono, mamma aveva sempre da fare. Anche se posso dire che ha saputo sempre elogiarci. Ma non era sempre così. Forse perché eravamo cresciuti... non ci ha più coccolati come da piccoli. Posso dire che dei suoi fratelli e sorelle - erano in nove - lei era la più capace di esprimere affetto.

Si dice dei Rom che siano genitori davvero affettuosi e che siano basati sulla famiglia, ma è vero che noi, come Rom, apriamo questa comunità attorno a noi in modo che questo amore in queste famiglie non sia ben espresso?

Dico che è nascosto. Perché so per certo che questi genitori amano i loro figli. Ma non sono capaci di esprimerlo. L'hanno in qualche modo codificato. Io, per esempio, non sono di questo tipo.

Forse perché sono condizionati dal ritenere che i figli dovranno iniziare presto a prendersi cura di sé - e così i genitori inconsapevolmente li preparano per una vita difficile?

Forse sì. Se guardo indietro, la maggioranza dei Rom vizia i bambini piccoli. Da un anno di età ai tre. E poi basta. Non li accarezzano più, non esprimono più amore.

Stiamo parlando di linguaggio ed educazione. I bambini rom a scuola hanno bisogno di qualcosa a differenza dei non-Rom? Penso alla scuola primaria.

Ho studiato educazione dal primo al quarto grado. Ho insegnato per sette anni in una classe ponte, dove c'erano bambini rom e dico che è differente. Dipende dal tipo di comunità da cui arriva il bambino, ma io dico sempre che i bambini rom sono differenti nella testa dai non-Rom, in quanto vengono in un ambiente completamente estraneo di cui hanno paura. Non capiscono la lingua della maggioranza, non ne hanno le capacità comunicative ed hanno un vocabolario molto povero. Comprendono bene il romanés, che è la loro lingua madre, ma neanche tutti. In questo sono differenti. Alle scuole primarie hanno soprattutto di qualcuno che capisca il romanés e sia Rom e di cui fidarsi.

E' quindi una questione di barriera linguistica?

Sì, ma è anche culturale. I bambini non vanno a prescuola, così non ne conoscono l'ambiente. Arrivano in un ambiente completamente da quello familiare. Non lo capiscono e non capiscono cosa è loro richiesto.

Sfortunatamente, non tutti sono insegnanti nel vero senso del termine e molti dei miei colleghi non permettono ai bambini di svilupparsi. Li fanno sedere agli ultimi banchi e sono esclusi da tutto. Quindi questo è un problema, un grosso problema nella scuola primaria. Quando, per esempio, sostituivo una collega, la mia classe ponte veniva divisa ed io andavo a sostituire un'altra insegnante. Soltanto che io volevo avere i miei scolari nella classe, perché altrimenti non sarebbero venuti a scuola. Così succedeva che i bambini non-Rom non volevano sedersi con un bambino rom vicino e piangevano. Ho fatto la sostituzione per un mese intero. Insegnavo loro a lavorare assieme, a giocare assieme, a parlare assieme. I bambini non-rom vedevano che ero una donna rom e che parlavo il romanés. La relazione era totalmente differente. Tutti i bambini sono uguali; non hanno problemi nel stare assieme. Il razzismo è un problema degli adulti. Quei bambini in un mese erano capaci di lavorare assieme. I colleghi osservavano: 40 bambini in classe e non c'erano problemi!

Come dovrebbe essere un sistema di istruzione ideale dal grado 1 al 4 per i bambini rom?

Almeno sino alle quattro del pomeriggio, con un buon insegnante che abbia intesa e conoscenza sui Rom, ovviamente un assistente all'insegnamento andrebbe benissimo, se l'insegnante non è Rom. Il processo dovrebbe durare tutta la giornata, perché i bambini devono essere molto coinvolti in questa scuola. Ovviamente dovrebbe esserci una buona mensa, tutte le attrezzature di cui c'è bisogno a scuola. Così possono preparare e fare i loro compiti.

Cosa dici di quei genitori che vogliono i loro bambini nelle scuole speciali, solo perché è più vantaggioso per loro?

Prima di tutto, non permetterlo. Perché i genitori fanno così, si può dire, per una specie di calcolo o per rendere più facili le cose. Se c'è una scuola speciale proprio qui nell'insediamento o nel villaggio, perché dovrei prendere il bus la mattina per portarlo alla scuola regolare? Siamo andati tutti là e là andranno i miei figli. Com'è possibile prevenire ciò? Penso che dovrebbe esserci un esame psicologico per le scuole speciali, perché sono certa che metà dei bambini sono lì e non dovrebbero esserlo.

Si potrebbe dire che una simile indifferenza dello stato verso l'educazione speciale ed il numero di Rom in queste scuole in realtà demanda il problema nel futuro alle cosiddette comunità rom?

Sì, certamente. E' un tema di cui si è parlato a lungo e niente è stato fatto. E come dico, molto denaro va ancora alle scuole speciali. Non dico che ora bisognerebbe abolirle, perché ci sono alcuni bambini, sia Rom che no, che ne hanno bisogno. Ma sinora non è stato fatto niente per impedire che bambini sani vi vadano.

Sarebbe d'aiuto se i Rom avessero una propria rappresentanza politica?

Certamente. E spero che accada e che avremo un buon partito politico, perché senza di questo non succederà niente. Ne sentiamo un gran bisogno. La cosiddetta intelligentsia rom può avere 100 laureati, ma senza volontà politica non cambierà niente.

Forse il problema è anche nel fatto che molta di questa gente che formalmente agisce per i Rom e li rappresenta, non è realmente cresciuta in un ambiente rom, non ne parla la lingua, non ne conosce la storia, non conosce la cultura rom e realmente non ha sensibilità per i Rom. Ma il fatto che siano un po' più scuri di pelle, significa che questo li qualifica a sufficienza per essere percepiti come rappresentanti della comunità rom...

E' così. Quanti Rom vivono a Bratislava? O che tipo di Rom? [...] Musicisti che non vogliono avere niente a che fare con i Rom. E poi c'è un gruppo, i cosiddetti pesci grossi che non parlano romanés, come hai detto. Non sanno chi sono, ma vedono dietro questo qualcosa di differente. Soldi. Dovrebbe essere detto apertamente. O non è adatto per loro a causa della gran distanza per cui dovrebbero lasciarsi dietro la loro famiglia e tutti gli altri. Forse l'inganno risiede nel fatto che la più grande concentrazione di Rom è nella Slovacchia orientale. E allora perché tutto si trova a Bratislava?

Quindi gli uffici ed il governo plenipotenziario dovrebbero essere qui?

Beh, naturalmente. L'ufficio del plenipotenziario, i dipendenti, le cosiddette commissioni che dovrebbero essere in ogni ministero? Perché non potrebbero essere qui? Lasciatele qui nell'est, dove vivono i Rom. Lasciatele andare sul campo. Non solo noi, quelli che operano giorno a giorno, ma anche i cosiddetti pesci grossi di Bratislava che risolvono tutto a tavolino. Non sono mai stati in un insediamento rom. La penso così.

Tu sei membro del consiglio governativo per le minoranze nazionali. In passato la Slovacchia è stata spesso criticata proprio per non risolvere il problema rom. La situazione è cambiata negli anni recenti?

Ho la sensazione che si sia fatto qualche passo avanti. Anche se mi aspettavo di più. Ma con l'ultimo governo personalmente non ho avuto una buona impressione. Ed è giusto dire che ora siamo fermi. Un certo gruppo ne ha approfittato. Ma riguardo all'istruzione e altre cose, tutto si è fermato.

Il problema che si presenta spesso con queste strategie, concezioni, progetti, è il fatto che non sappiamo quanti Rom ci siano qui in Slovacchia...

Non lo sappiamo perché il censimento funziona in maniera che i Rom non dichiarano il loro status di minoranza nazionale. Questo ha certamente un retroterra storico, il perché lo sappiamo, ed ovviamente molti Rom si dichiarano Ungheresi. In questo caso la maggioranza può ostruire, dicendo che non siamo in molti quando in realtà sanno quanti siamo.

Il fatto che non esistano statistiche significa che il numero dei Rom può variare, così quando riguarda i soldi del Ministro della Cultura ci sono meno Rom e quando riguarda i soldi dell'Unione Europea ce ne sono di più.

E' così che funziona. E si continuerà ad operare così perché non cambi niente. Ognuno utilizza quel che sa. Ed, ovviamente dico io, i Rom sono un buon oggetto per ottenere soldi ed è perciò che qualcuno può arricchirsi.

Se tu potessi dire ai membri del Parlamento Europeo qualcosa sui Rom in Slovacchia, cosa sarebbe?

Vorrei solo mostrare che ci sono Rom in Slovacchia che mantengono la loro cultura, tradizioni, identità e che usano la loro lingua, sono in tanti, ed è importante dire ai membri del parlamento di venire e vedere le condizioni in cui vivono i Rom, e che dovrebbero incontrare le elite rom e non le organizzazioni di non-Rom, coi non-Rom, ma con i Rom che lavorano per i Rom e che vogliono cambiare le cose in questa nazionalità, in questa nazione, così che abbiano l'opportunità di sentire i Rom stessi.

Se ci reincontrassimo tra cinque anni, proprio qui a questo tavolo, cosa vorresti che fosse differente?

Bene, spero che la posizione dei Rom sia differente: di non avere problemi con l'istruzione, che ci siano più Rom acculturati e di poter dire che il numero di persone istruite che già abbiamo eguagli quello di chi frequenterà la scuola secondaria e l'università, potendo dire con certezza che il governo ci ha aiutato. E di avere un partito politico.

Oltre ad insegnare per tre scuole in lingua romanés, sei soprattutto attiva nel terzo settore. Perché ha questo bisogno di fare qualcosa, quando già insegnare in tre scuole richiede certamente abbastanza?

Ho iniziato essendo coinvolta nelle comunità rom. Ed ora è difficile dire a queste donne, con l'occupata che sono, che non voglio più lavorare con loro, quando queste stesse donne mi chiamano per chiedermi: quando si fa qualcosa e quando ci incontriamo?

Realmente cosa fai?

Questo è davvero il network delle donne rom, Fórum pale romňa. Queste sono attività per le donne rom della comunità. Cerchiamo di aiutarle a diventare leader. A casa, nella comunità. E così si coinvolgono nelle elezioni locali. Stiamo provando a cambiare la posizione delle donne rom, almeno nella società.

In questi anni hai visto un cambiamento in queste donne?

Sicuramente. Queste donne viaggiano sino a Detva, nella Slovacchia centrale, è qualcosa di nuovo per loro. Quello ed il fatto che loro marito le lasci andare fuori di casa e famiglia e figli per due giorni. Tutto questo diverte ed ora è normale.

La società dovrebbe sapere di più sulla vita di queste donne?

Sì, naturalmente. Abbiamo fatto una piccola campagna per aiutare la gente a conoscere queste donne. Ma non era sufficiente. C'è bisogno di soldi. Anche per queste donne e soprattutto perché possano fare nella società quello che fanno così bene a casa.

Interviews with Roma women are part of a project by the Roma Press Agency and will be published in a forthcoming book.

 
Di Fabrizio (del 08/08/2009 @ 09:42:44, in Europa, visitato 1136 volte)

Da Nordic_Roma, per quanto possa sembrare strano leggendo le prime righe, non si parla dell'Italia

"La disoccupazione è alta, le infrastrutture carenti, la disponibilità di energia antiquata ed insufficiente, deficiente la sanità ed inefficienti i tribunali."

Il 15-20% dell'economia consiste di "crimine organizzato". Strutture interne all'establishment politico "usano la loro posizione per ottenere vantaggi pubblici". Il paese è "una base per il contrabbando internazionale (Narcotici, armi, tabacco, traffici)".

Per i gruppi rom la situazione è "tuttora problematica". Sono esposti a "discriminazione sistematica" e "disordini etnici" possono verificarsi ancora. E allora "ci sarà bisogno di assistenza internazionale (KFOR)".

Questi fatti allarmanti possono essere trovati in un nuovo rapporto nazionale del Tavolo Migrazione Svedese, rilasciato poco prima dell'estate.

Nel febbraio 2008 il Kosovo ha dichiarato l'indipendenza dalla Serbia. Molti dei paesi UE hanno riconosciuto l'indipendenza, ma non tutti, e sicuramente non la Serbia. L'indipendenza porterà qualche miglioramento alla minoranza rom in Kosovo? Loro temono di no. Nonostante le loro richieste, non sono mai stati coinvolti nelle negoziazioni di Ahtisaari che hanno portato a quella decisione.

200.000 persone dal Kosovo, la maggioranza di loro Rom, vivono ancora in esilio, nei confinanti paesi dei Balcani e in Occidente. Hanno terrore di ritornare in Kosovo, da cui furono cacciati dieci anni fa in un crudele esempio di pulizia etnica. La maggioranza albanese accusa i Rom di collaborazionismo con i Serbi durante la guerra.

Quali conclusioni trae il Tavolo Migrazione dal suo stesso rapporto? La Svezia vanta alti standard di diritti umani, un eccellente sistema democratico, ed una generosa politica di asilo. Così i Rom del Kosovo troveranno finalmente protezione in Svezia?

La risposta è no. Al contrario il Tavolo ha iniziato segretamente una serie di deportazioni di massa dei Rom in Kosovo, nonostante gli ammonimenti dell'UNHCR, di Thomas Hammarberg - commissario per i Diritti Umani del Consiglio d'Europa, e le raccomandazioni di numerose OnG.

Fino al 2009, 29 kosovari sono stati rispediti a forza dalla Svezia al Kosovo, secondo il Tavolo Migrazione Svedese. Ma dato che agli incaricati del Tavolo non è permesso registrane l'etnia, non sanno dire se fossero Rom.

Ma io lo so. Attraverso i miei contatti, so che i 29 deportati corrispondono esattamente alla lista di nomi rom in mio possesso. Ad agosto, altri 14 Rom saranno deportati mentre in 20 stanno ancora attendendo dopo aver fatto appello contro l'ordine di deportazione. So i loro nomi. I miei informatori mi hanno detto che molti altri nella stessa situazione non vogliono sia rivelato il loro nome.

Tra quanti saranno deportati c'è una famiglia che ha vissuto in Svezia per due anni. L'uomo era presidente di un'organizzazione rom ed era perennemente minacciato in Kosovo. In un'occasione, gli assalitori albanesi ferirono suo figlio di tre anni, che perse la vista da un occhio. La famiglia ha anche una figlia, nata durante l'esilio in Svezia.

Il Tavolo Migrazione Svedese si aspetta che la famiglia firmi un documento in cui afferma di voler tornare in Kosovo di propria volontà. Ora la famiglia si appella al popolo svedese per un aiuto.

In un intervista al giornale tedesco Frankfurter Rundschau, Thomas Hammarberg, commissario per i Diritti Umani, ha detto che è totalmente sbagliato deportare i Rom in Kosovo. Hammarberg ritiene che i governi europei stiano tenendo un approccio puramente tecnico, firmando un accordo col Kosovo. Il Kosovo ora è indipendente, ma questo non significa automaticamente che abbia la capacità di riammettere i Rom di ritorno.

La Germania, il paese che dai tempi del nazismo ha il debito più grande con i Rom, ora, proprio come la Svezia, li sta rimandando nei loro tormenti in Kosovo. L'Europa tiene gli occhi chiusi sul suo debito plurisecolare versoi Rom.

In Germania, almeno, c'è una forte e vivida opinione contro le deportazioni forzate.

Ma nessuno sembra ascoltare il commissario svedese del Consiglio d'Europa. E la presidenza svedese dell'Unione Europea mantiene il silenzio. La persecuzione dei Rom nella UE - Italia, Ungheria, Repubblica Ceca - non è nell'agenda del Primo Ministro Fredrik Reinfeldt.

Mi vergogno del mio paese!

Irka Cederberg
Journalist
Davidshallsgatan 25 A S-21145 Malmö Sweden
Tel. +46-40-232402
GSM: +4670-6368817

 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie piů cliccate


08/04/2020 @ 13:15:43
script eseguito in 78 ms

 

Immagine
 Il gruppo Dhoad Gipsy del Rajasthan... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 1668 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< aprile 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
01/04/2020 @ 08:38:18
Di DIDIER
BuongiornoQuesto messaggio č per gli individui, ch...
01/04/2020 @ 08:37:22
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source