Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Notizie in italiano dai Rom, Sinti, Kalé, Pavees di tutto il mondo

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : Europa (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 26/02/2010 @ 09:06:03, in Europa, visitato 1393 volte)

Segnalazione di Eugenio Viceconte

L'Espresso Brutta figura dell'Italia all'inaugurazione dell'Anno dell'Unione europea contro la povertà e le discriminazioni sociali. Nessun rappresentante del governo ha replicato alle accuse del rappresentante della comunità Rom sul razzismo degli italiani

Un'operazione di censimento di nomadi

Madrid, 21 gennaio: inaugurazione dell'Anno dell'Unione europea contro la povertà e le discriminazioni sociali. Presenti il premier spagnolo Zapatero, il presidente della Commissione europea Barroso e molti giornalisti. A una tavola rotonda parla Mirko Grga, rappresentante italiano della comunità rom.
Grga va giù duro: l'Italia è un paese razzista, il governo sforna provvedimenti discriminatori come il censimento nei campi rom.

Imbarazzo in sala, la moderatrice invita due volte un qualsiasi rappresentante italiano a replicare alle accuse di Grga: il nostro paese era stato l'unico oggetto di critiche nella placida mattinata istituzionale. Non si alza nessuno, perché nessuno rappresenta l'Italia. Anche se un delegato ci sarebbe: Raffaele Tangorra, direttore generale per l'inclusione e i diritti sociali del ministero per la Solidarietà sociale. Invitato a Madrid per l'inaugurazione dell'Anno, Tangorra ha usato la tattica della scimmietta: non vedo, non sento, non parlo. Interpellato sul perché ha detto: "Non c'era tempo per una replica".

Falso, secondo la moderatrice: "Gli avrei lasciato tutto il tempo necessario". Visto il silenzio, in difesa dell'Italia è intervenuto il commissario europeo Vladimir Spidla. Non una gran figura.

G. Schi. (23 febbraio 2010)

 
Di Fabrizio (del 25/02/2010 @ 09:18:25, in Europa, visitato 1489 volte)

Da Romanian_Roma

- Mediafax

22/02/2010 - Una conferenza a Bucarest sulle condizioni dei Rom presieduta dal presidente Traian Basescu è terminata oggi (lunedì) in proteste.

Cinque membri dell'Alleanza Civica Rom (ACR) di Romania sono stati allontanati fuori dalla conferenza dalle guardie della sicurezza, dopo che avevano protestato contro la mancanza di impegno nel proteggere il gruppo etnico.

La conferenza, tenutasi nel Palazzo del Parlamento, ha visto il lancio di un rapporto sulla strategia per migliorare la situazione dei Rom.

Dopo aver ascoltato il discorso del presidente Basescu, i membri di ACR hanno iniziato a protestare contro il disinteresse delle autorità verso i Rom.

Hanno esibito sciarpe col messaggio "dieci anni di strategie, zero risultati" ed accusato il governo e le altre autorità di insufficiente coinvolgimento nel proteggere i Rom.

Gli attivisti di ARC hanno ricordato anche il "puzzolenti zingari" usato dal presidente in una conversazione privata qualche anno fa.

Hanno anche citato una recente dichiarazione del Ministero degli Esteri Teodor Baconschi, che aveva detto che c'erano "certi problemi fisiologici e di natura criminale nel cuore di alcune comunità rumene, specialmente nelle comunità di etnia rom."

I contestatori sono stati allontanati dalla sala dagli incaricati del Servizio di Protezione e Sicurezza (la guardia del presidente), anche se il presidente diceva loro che erano liberi di esprimersi.

"Lei non ci permetterà di parlare," hanno detto i contestatori. Ha replicato il presidente Basescu: "Parlate allora, chi ve lo impedisce?", mentre erano scortati all'esterno dagli incaricati alla sicurezza.

Basescu ha detto che la minoranza nazionale dei Rom non è stata esclusa dalla società e che molti Rumeni apprezzano le tradizioni e la musica di questo gruppo etnico.

Però, ha puntualizzato Basescu, perché la situazione dei Rom migliori, la loro comunità deve prendere coscienza delle sue responsabilità.

In mancanza di ciò, ha detto Basescu, tutti i programmi europei e governativi sono destinati a fallire, e non ci saranno progressi indipendentemente dalle somme investite.

 
Di Fabrizio (del 22/02/2010 @ 09:12:03, in Europa, visitato 1502 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

Antony Mahony, visitatore da Londra

La Voivodina, provincia settentrionale della Serbia attuale, è sempre stata considerata l'area più culturalmente mista dell'ex Jugoslavia, lo stato durato dal Trattato di Versailles del 1919 allo scoppio della guerra civile nel 1991. Ma le origini del popolo della Voivodina è posta più indietro nella storia. Al tempo dell'imperatrice Maria Teresa quella ricca e fertile pianura tra due grandi fiumi, il Danubio e la Tisa, accolse coloni agricoli dai paesi confinanti: Ungheresi, Rumeni e Tedeschi come pure Serbi. Stabilirono insediamenti che tuttora si possono riconoscere dallo stile architettonico dei loro villaggi, in particolare nelle chiese. Nel tardo XIX secolo, che fu un periodo di egemonia ungherese, gran parte del terreno venne drenato per sfruttare ulteriormente il suo potenziale agricolo. Molte delle comunità tedesche disintegratesi nel 1945 furono espulse per ordine del nuovo regime del maresciallo Tito. Ci sono anche piccole ma significative presenze di Slovacchi, Ucraini, Ruteni, Croati e Montenegrini. Sino al 1944 c'era anche una comunità ebraica a Novi Sad, dove resiste tuttora la straordinaria sinagoga di mattoni rossi. La Voivodina è sempre stata citata come esempio di area dove la coesistenza pacifica era una realtà nella vita quotidiana piuttosto che un'aspirazione.

La Voivodina è anche patria di un'altra importante minoranza: i Rom. Durante il loro lungo viaggio dalle regioni del Punjab e del Rajasthan nell'India, che iniziò nell'XI secolo, i Rom si spostarono nel Caucaso e nell'Asia Minore prima di arrivare nei Balcani. Per questo, la popolazione Rom nei paesi moderni dell'Europa del sud est è sempre stata considerevolmente più alta che nell'Europa occidentale.

Però, c'è una differenza significativa tra i Rom e le altre minoranze in Voivodina, cioè la sistematica discriminazione ai cui i primi sono stati sottoposti e rifiutati come stranieri, in particolare durante la II guerra mondiale. Non c'è dubbio che i Rom continuano ad essere tra i popoli più poveri e svantaggiati in Europa. Le loro generali povere condizioni di vita e la mancanza di accesso al sistema sanitario significa che raramente pochi raggiungono la tarda età, ed in termini di istruzione pochi proseguono dopo la scuola dell'obbligo. Nel linguaggio delle analisi sociali, gli indicatori sono molto bassi. Questi fattori pesano anche pesantemente contro i Rom nel mercato del lavoro dove la loro mancanza di istruzione e formazione professionale, assieme alla severa situazione economica di questo periodo della Serbia, sono severi ostacoli a progredire. A Novi Sad, uomini e ragazzi rom si vedono spesso sui loro carri a cavallo nella raccolta di cartoni e materiale da discarica per essere riciclati.

Il tradizionale stile di vita dei Rom è saldamente ancorato alla cultura rom e le famiglie hanno vagato per vasti territori con i loro carri trainati da cavalli, per tutta la loro storia. Ma, durante gli anni '70, il governo di Belgrado introdusse una nuova politica di insediamento forzato verso i Rom. Ma dato che i Rom non avevano mai posseduto alloggi, furono incoraggiati - per così dire - ad installarsi in edifici in disuso come unità industriali abbandonate o ex quartieri di lavoratori ai margini delle città, dove iniziarono ad apparire i cosiddetti quartieri rom. Un insediamento simile vicino a Novi Sad si è formato nei ripari provvisori di un'azienda agricola. E' il posto che ora localmente è conosciuto come "Bangladesh".

Per riconoscere le esigenze speciali dei Rom, la UE introdusse il "Decennio dell'inclusione Rom" dal 2005 al 2015, allo scopo di influenzare politiche ed azioni a livello strategico. Ma a livello base c'è un'organizzazione che ha lavorato per diversi anni a fianco della locale comunità Rom: l'Organizzazione Umanitaria Ecumenica (EHO), che è il braccio sociale delle cinque chiese della minoranza locale (protestante, riformata e greca cattolica). EHO ha lavorato con i Rom per oltre 15 anni, e l'approccio dell'organizzazione al rinnovamento sostenibile degli insediamenti rom è stato prima testato nel quartiere "Bangladesh" e mostra essere un gran successo. Questo modello è stato anche adoperato nel villaggio di Đurđevo, nel comune di Žabalj, dove c'è un altro insediamento rom conosciuto come "Ciganski Kraj" (quartiere zingaro), dove EHO sta lavorando in attiva cooperazione con la comunità rom. Qui le case sono piccole, le hanno costruite i Rom stessi usando mattoni riciclati ed altro materiale dai siti in demolizione nelle aree circostanti. Quasi senza eccezione, le case non hanno bagno o acqua corrente. La comunità ha identificato in ciò l'urgenza sociale più immediata ed è stata richiesta l'assistenza di EHO. La loro risposta è arrivata in tre tappe: prima, un processo di consultazione con la comunità ed una valutazione dei bisogni - incluso la capacità dei Rom ad intraprendere loro stessi i lavori necessari; seconda, i fondi sono stati raccolti da EHO tramite donatori in Svizzera; terza, il progetto si sviluppato nel 2009 prima di novembre e dell'arrivo dei freddi venti invernali. Con un prezzo base di €1.500 per edificio, ogni famiglia ha ricevuto il materiale per costruire un piccolo bagno interno, compresi le mattonelle e l'impianto idraulico, senza bisogno di adoperare manodopera extra. Un vero esempio di progetto di auto-aiuto che risponde ai bisogni espressi dalla comunità.

Robert Bu è il manager del programma Rom per EHO. "Attualmente siamo l'unica organizzazione di base in Voivodina con la capacità di guidare un progetto alloggiativo e di inclusione sociale. E'una sfida ed una grande responsabilità, ma qui stiamo ottenendo qualcosa di molto importante".Robert vede nella partecipazione dei Rom in tutte le fasi del progetto la differenza tra questo ed altri programmi regionali. La gente costruisce sulle proprie capacità e risorse e ciò contribuisce allo sviluppo della comunità locale. "Questo modello non impone soluzioni prefabbricate. La progettazione individuale accresce il sentimento di appartenenza del processo e permette al gruppo individuato di prendere le proprie decisioni".

Zlatko Marjanov e sua moglie stanno partecipando al progetto alloggiativo nel quartiere Ciganski Kraj. "Sono molto contento dell'approccio tenuto perché ho appreso nuove tecniche di costruzione che posso anche applicare altrove" dice Zlatko. Sua moglie annuisce, aggiungendo che senza il supporto finanziario, non avrebbero mai potuto investire soldi per un bagno loro.

Ristrutturare case e fornirle di acqua e servizi igienici è solo una parte del programma EHO per i Rom. Il programma include istruzione, educazione sanitaria di base, formazione vocazionale, consulenza legale ed aiuto nel trovare lavoro. Attraverso un impegno a lungo termine con la comunità rom in Voivodina, EHO sta creando una reale differenza nella vita di una delle più povere comunità in Europa. Come scrisse Anna Frank. "Come sarebbe meraviglioso se nessuno dovesse aspettare un solo momento per iniziare a migliorare il mondo".

 
Di Fabrizio (del 21/02/2010 @ 09:26:03, in Europa, visitato 1404 volte)

Da Slovak_Roma

La maggioranza degli abitanti sono Rom, ma i fondi pubblici sono stati usati per dividerli dai quartieri più benestanti
TimesOnLine Adam LeBor, Ostrovany, Slovakia

18/02/2010 - La struttura più solida costruita nel ghetto rom ad Ostrovany è il muro che lo divide dal resto del villaggio, costato €13.000 ai fondi pubblici, per separare quanti vivono in condizioni di medioevale squallore dai loro vicini non-Rom.

La struttura lunga 150 m., costruita con lastre di cemento alte 2,2 m., ha oltraggiato i Rom e gli attivisti dei diritti umani. "Nessuno ci ha detto che stava succedendo questo - sono solo venuti un giorno ed hanno iniziato a costruire," dice Peter Kaleja. "Il sindaco non avrebbe dovuto spendere tutto quel denaro per il muro, ma avrebbe dovuto costruire case per noi."

Kaleja, 21 anni, vive con sua moglie e la figlia di 19mesi in una catapecchia di fango e legno. Il gelido vento invernale soffia forte attraverso le fragili pareti e non c'è acqua corrente, gas o collegamento alle fognature, ma hanno la corrente elettrica ed una stufa a legna. Sopravvivono con un assegno sociale di  €170 al mese.

In Slovacchia, come nei vicini paesi dell'Est Europa, i Rom vivono ai margini. Hanno una minore aspettativa di vita, sono di più i disoccupati ed hanno un tasso più alto di mortalità infantile. I bambini rom sono più spesso diagnosticati con disabilità mentale - anche quando non ne hanno - e come risultato sono messi in scuole speciali.

Ci sono circa 350.000 Rom in Slovacchia, circa il 7% della popolazione, ma ad Ostrovany sono circa i due terzi dei 1.786 residenti. Ma le risorse municipali non sono condivise proporzionalmente.

Gli incaricati comunali di Ostrovany dicono che il muro era necessario per proteggere i proprietari di case i cui giardini confinano con l'insediamento rom e che lamentano frequenti furti di frutta.

Le baracche dei Rom sono costruite illegalmente su terreno privato, senza autorizzazioni, dice Cyril Revak, il sindaco. "Anche i Rom sono cittadini di questo paese. Meritano tutto l'aiuto che possono ottenere ma devono obbedire alla legge. L'unica critica che posso accettare è sull'uso delle finanze pubbliche per proteggere la proprietà privata - ma non è stato un errore, perché un giorno aiutiamo qualcuno e quello dopo qualcun altro." Aggiunge che il comune sta cercando di acquistare terreno per costruire case ai Rom, e di voler lanciare un programma per aiutare i bambini rom alla scuola superiore.

Il muro, d'altronde, manda un potente messaggio di esclusione, dice Stanislav Daniel, dell'ERRC. "E' un valore altamente simbolico. Non obbietteremmo se i proprietari costruissero e pagassero il loro muro. Ma è la prima volta che un comune in Slovacchia usa denaro pubblico per proteggere la proprietà privata di pochi."

 
Di Fabrizio (del 20/02/2010 @ 09:30:58, in Europa, visitato 1303 volte)

Da Romanian_Roma

17/02/2010 "Naturalmente, abbiamo dei problemi fisiologici di criminalità entro alcune comunità rumene, specialmente tra i cittadini rumeni di etnia rom" - Teodor Baconschi, Ministro Rumeno agli Affari Esteri

La dichiarazione si può trovare nella rassegna stampa sul sito del Ministero degli Esteri [1 in inglese ndr] dell'11 febbraio 2010. Qualcuno potrebbe pensare che Baconschi creda nel razzismo biologico e la sua dichiarazione sembra collegare biologia, criminalità ed etnia. Ci si potrebbe anche aspettare la sua prossima sentenza circa la spazio vitale dei puri Rumeni - la Romania generò uno dei più radicali movimenti nazisti in Europa durante gli anni '30. Diverse OnG rumene, tra cui la nostra, ha chiesto una rettifica a Baconschi.

Teodor Baconschi è un diplomatico di carriera, ed ha un Rom - Gheorghe Raducanu, come consigliere. Dato che Raducanu occupa anche una posizione di alto livello - Segretario Generale - entro il Forum Europeo dei Rom e Viaggianti, un'organizzazione che è giustamente molto attiva contro l'anti-ziganismo; la nostra organizzazione richiede che il Forum renda chiara la sua posizione riguardo la dichiarazione razzista del ministro Baconschi, chiede anche che Raducanu si dimetta dalla sua posizione nel Forum o viceversa da consigliere del Ministero degli Esteri.

Policy Center for Roma & Minorities
Bucharest, 010152, Intrarea Rigas 29A, Ap. 31, Sect. 1, Romania.
Tel. 0040-742379657
Fax: 0040-318177092
www.policycenter.eu

 
Di Fabrizio (del 18/02/2010 @ 09:43:04, in Europa, visitato 1178 volte)

Da Bulgarian_Roma

TOLblogs

Nel quartiere rom di "Iztok" della città di Kiustendil, nel sud ovest, un gruppo di giovani volontari assieme all'associazione LARGO ha raccolto la somma di 412,57 leva ($290) per aiutare i bambini di Haiti. L'iniziativa è stata condotta da Botselin Mitkov, un attivista locale.

I fondi raccolti per Haiti

Il 3 febbraio i volontari, forniti di urne della Croce Rossa bulgara, hanno iniziato a raccogliere fondi, fiduciosi che i Rom sarebbero stati generosi rispetto a quanto accaduto ad Haiti. In cinque giorni hanno coperto tutti i caffè ed i negozi locali del quartiere. Hanno anche visitato parecchie scuole. Il gruppo dell'associazione LARGO, lo staff dell'ufficio per il lavoro del quartiere, come pure i gestori del club culturale "Vassil Levski" hanno contribuito tutti. Anche le chiese del quartiere hanno fornito supporto.

Alle 11.00 dell'8 febbraio i volontari hanno aperto le urne e contato i fondi raccolti sotto la supervisione dei media locali. Si erano riuniti 412.57 leva.

Volontari a Kiustendil

Il direttore esecutivo di LARGO, Stefan Lazarov, ha detto che ciò che hanno fatto i volontari è una bella impresa. "Se possiamo, aiutiamo, indipendentemente che si tratti di un Rom,un Tedesco o un Bulgaro... non è importante quanto denaro raccogliamo, quello che importa è il gesto. I volontari hanno agito in buona fede e per una buona causa, per aiutare i bambini ad Haiti". Ha aggiunto che "qualcuno non solo ha donato denaro, ma anche propagato la campagna via SMS."

Secondo l'ufficio nazionale del lavoro, il 96% degli abitanti del quartiere "Iztok" è disoccupato.

"Tutti noi guardiamo la TV. Negli ultimi giorni i bambini sofferenti di Haiti erano diventati la notizia principale. Tutti sanno di loro e della tragedia che gli è capitata. Abbiamo saputo di quanti paesi avessero raccolto fondi per il futuro di quei bambini. E per questo che noi ed i volontari abbiamo deciso di intraprendere questa iniziativa e di cercare di aiutarli," dice Botselin.

Ha condiviso che loro non avevano grandi aspettative, perché molta gente è senza soldi. Ma non ha nascosto di essersi mosso in virtù del fatto che per compassione la gente avrebbe donato sino all'ultimo centesimo.

– by Ognyan Isaev

 
Di Fabrizio (del 16/02/2010 @ 09:34:25, in Europa, visitato 1178 volte)

Da Roma_Francais

Tribune de Genêve Rom espulsi dalla Francia: Bucarest s'impegna a seguire meglio il loro reinserimento - 11.02.10

Il segretario di stato francese agli affari europei, Pierre Lellouche, ha ottenuto giovedì dal governo rumeno che nomini un responsabile al reinserimento dei Rom espulsi dalla Francia ed invii magistrati e poliziotti rumeni in Francia per lottare contro la criminalità.

Lellouche, che era accompagnato da diversi deputati, è stato ricevuto dal primo ministro rumeno Emil Boc.

Al termine del loro incontro, Lellouche e Boc hanno annunciato tre decisioni.

La prima è la designazione di un segretario distato rumeno incaricato del reinserimento dei Rom, "che permetterà", ha spiegato Lellouche, "a noi, Francesi ed Europei, di accompagnare il reinserimento dei Rom in Romania".

Questo "seguito" necessario, ha detto, era il "collegamento mancante" nella sorveglianza e nel reinserimento.

La seconda decisione è l'invio di un contingente di poliziotti e magistrati rumeni in Francia per, ha detto Lellouche, "aiutarci a smantellare il traffico di esseri umani". Attualmente era in Francia un piccolo numero di poliziotti e di giudici rumeni.

La terza è una "politica di cooperazione" per "mobilitare fondi europei al servizio del reinserimento della comunità rom". "Siamo pronti ad aiutare questo reinserimento con fondi francesi ed europei", ha detto. Ha poi sottolineato l'importanza che il governo rumeno utilizzi bene questi fondi.

Questa politica, ha precisato il responsabile francese, "si sosterrà sulla conferenza europea di Cordova (Spagna), in aprile, sui Rom".

Boc ha qualificato le discussioni come "molto dirette". Ha assicurato che il suo governo ha praticato una "tolleranza zero" verso le associazioni a delinquere che incoraggiano i Rom a recarsi clandestinamente in Francia.

8.000 Rom sono stati ricondotti nel 2009 dalla Francia alla Romania, con in tasca un biglietto d'aereo, 300 euro per adulto (e 100 euro per bambino). Circa i due terzi di loro ritornerebbero in seguito clandestinamente.

"Dare loro dei soldi", come fa attualmente la Francia, "porta per principio al fallimento, poiché la maggior parte riesce a tornare" per guadagnare nuova pecunia, ha osservato Marian Tutilescu, segretario di stato all'interno.

Inoltre, ha stimato Tutilescu, la comunità rom è generalmente "refrattaria alle azioni di reinserimento sociale" ed "il quadro giuridico attuale" in Romania "non permette di lmitare il passaggio attraverso le frontiere", eccetto per i minori non accompagnati, applicandosi la libera circolazione a tutti i cittadini europei.

 
Di Fabrizio (del 14/02/2010 @ 08:19:35, in Europa, visitato 1215 volte)

Segnalazione di Gabriel Segura

Laboratorio di cucina, una delle attività dell'associazione. :: BLANCA CASTILLO ElCorreo.com

Gitani sul buon cammino
L'associazione Gao Lacho Drom celebra 25 anni di lavoro a favore dell'integrazione
07.02.10 - 03:07 - FRANCISCO GÓNGORA | VITORIA.

"Cos'è, un carro armato?" domanda Jesús Jiménez, di 7 anni, quando la maestra indica la ruota disegnata sulla bandiera azzurro cielo e verde terra dei gitani. "Ma non te l'ha detto tuo padre?", insiste l'insegnante. "Ah, sì! - dice il bambino - Che prima non avevamo case, ma solo gli alberi". La scena ha avuto luogo nel giorno di Santa Águeda nell'aula di ripasso educativo che l'associazione Gao Lacho Drom tiene in calle Antonio Machado del barrio di Sansomendi de Vitoria. Vecchi ricordi si affacciano nella mente dei piccoli gitani, che così celebrano, per esempio, la tradizione di cantare con i bastoni alla santa martire, come qualsiasi studente.

Ne Jesús ne su fratello Ángel, di 9anni, immerso nell'imparare la tavola pitagorica, sanno niente della vita errante, dei carri, del dormire sotto le stelle, degli accampamenti di baracche degli anni sessanta e del villaggio di adattamento chiamato "un popolo (villaggio) nel buon cammino" - è il significato di Gao Lacho Drom - che è posto molto vicino all'attuale laboratorio di Lakuabizkarra nel 1971. Non ne sapeva niente, salvo i racconti a voce un'altra volta "dei genitori", Pascual Borja, 28 anni, vice-presidente dell'associazione, Bartolomé Jiménez, che presto diventerà leader del collettivo.

"Siamo una nuova generazione, non conosciamo queste sistemazioni marginali e neanche quella malavita che non ha niente di romantico. E' da idioti credere che a qualcuno piaccia vivere nella sporcizia, come molti continuano a pensare. Io sono nato sul suolo di Antonio Machado - tre mesi dopo che i miei abbandonarono il villaggio. Ho potuto studiare e non vivo al margine", afferma il giovane Pascual che maneggia, inoltre, la lingua di un patriarca, la cortesia, la diplomazia, l'ospitalità, il saper stare con tutti. E tutto ciò è la somma di una grande conoscenza della gente. Con le statistiche e con l'esperienza che nasce dal ricevere la gente ed ascoltare i suoi problemi.

Chi si ricorda dettagli inverosimili di quella tappa oscura sono Bartolomé e Julia Chávarri, la religiosa del Divino Maestro che cominciò a lavorare col gruppo nel 1968, animata da quello spirito postconciliare del Vaticano II che portò molti cristiani a compromettersi con i più deboli.

Una vasca congelata

"Il sindaco era Lejarreta ed ottenemmo qualcosa per la prima volta in Spagna, abitacoli con bagno, cucina e una stanza di 36 metri che poi ciascuno separò con mattoni, secondo le sue necessità. Era qualcosa per iniziare ad uscire dalle baracche. Gli inverni furono durissimi. La vasca per lavare si congelava", riferisce Julia, "l'anima ed il cuore dell'associazione", che a 77 anni continua l'attività preparando però il ricambio.

Quando Bartolomé Jiménez va indietro nel tempo e vede il cammino percorso dal suo popolo si inorgoglisce."Si è sofferto molto. Si sono superati conflitti, ci sono tuttora discriminazioni, però abbiamo sempre tentato di superarle parlando. Abbiamo contribuito a costruire Vitoria, alla pace sociale e, senza dubbio, abbiamo ricevuto molto dal resto della gente di buon cuore". La lista è lunga: Cáritas, Cayo Luis Vea Murguía, Pedro Mari Núñez e la sua famiglia, tutti i sindaci meno uno "che era molto cattivo", Jesús Loza e tutti i gruppi politici, PNV, PP, PSE, EA, IU, "tutti senza eccezione ci hanno aiutato", sottolinea soddisfatto il patriarca.

"Integrazione esemplare"

"Credo che il processo di integrazione sia stato esemplare a livello spagnolo. Ci sono state luci ed ombre, come la decisione di creare un collegio per i soli gitani, ma poi è stato ricondotto. Ottenere che vivano sparsi per la città come tutti i vitoriani senza creare ghetti è stato fondamentale", pensa l'ex sindaco José Ángel Cuerda, che ricorda come "affrontammo il rialloggiamento dalle case di Antonio Machado alla città negli anni '80, assieme al Ministero della Casa. Hanno collaborato tutte le istituzioni", sottolinea.

Ma questa buona immagine trasmessa dalle istituzioni e dalla stessa associazione incontra anche polemiche come quella dei "Bartolos" dell'avenida de los Huetos che questa settimana hanno persola casa per non aver pagato le loro case. "Il 95% dei gitani svolge una vita normale senza creare conflitti. Essere differente non è sinonimo di essere cattivo, anche se ci costa rompere il muro dei pregiudizi e degli stereotipi. Da parte nostra abbiamo fatto uno sforzo, nel far pace con loro. Perché anche loro hanno diritti", sottolinea Bartolomé Jiménez, 65 anni, leggenda vivente di questo collettivo. Un'attitudine che lo onora, perché durante una discussione con il clan dei "Bartolos" nel suo ufficio, una pallottola stava per costargli la vita.

IL DATO
3.500 sono i gitani a Vitoria e Álava, una comunità che soffre la disoccupazione e la crisi in una maniera più virulenta che altri gruppi. Molti di loro vivono completamente integrati e sparsi nei vari quartieri di Vitoria, anche se i gruppi più grossi si concentrano a Sansomendi e nel Casco Viejo.

 
Di Fabrizio (del 10/02/2010 @ 09:09:34, in Europa, visitato 1511 volte)

Da Roma_Francais

Fabienne Huger, Vincent Vérier - 08.02.2010

Domenica sera, poco prima delle 20.00, s'è sviluppato un incendio su un terreno comunale in voie du Bouvray a Orly, dove alcuni Rom avevano installato sette baracche da circa un anno. Le fiamme, che hanno devastato due baracche e danneggiato una terza, sono costate la vita ad un bambino di quattro anni.

Una bambina di due anni, che potrebbe essere sua sorella ed è stata seriamente ustionata al viso, è ricoverata in prognosi riservata all'ospedale Trousseau, dove è stata condotta d'urgenza. Due adulti, un uomo di 28 anni ed una donna di 22, sono stati feriti più leggermente alle braccia. Qualche istante dopo il dramma, la sindaca di Orly (DVG - sinistra indipendente ndr), Christine Janodet, presente sul posto, ha fatto aprire il ginnasio Paul-Eluard, situato nelle vicinanze, per alloggiare i sinistrati. La psicologa della scuola è stata sollecitata a sostenere la piccola comunità.


Una tragedia che puntualmente si ripete nei campi e nelle baraccopoli in Europa. Certo, nel dolore spicca il comportamento delle autorità di Orly (proprio come quelle italiane, vero?).

Purtroppo la bambina ustionata non ce l'ha fatta. Leggo su Roma_Francais

Ahimè, la piccola Francesca (15 mesi) non è sopravvissuta alle bruciature. Ci siamo riuniti ieri sera (il comitato Romeurope 94) a Orly con la sindaca, i compagni di Romeurope 94 e le famiglie ospitate provvisoriamente in un ginnasio ed anche con la famiglia interessata da questo dramma: la morte di due bambini (Stéfan di 3 anni e la piccola Francesca).

Certamente daremo un altro senso alla nostra giornata che si voleva festiva sabato prossimo (al Royal) a Choisy-le-Roi (giorno dell'anniversario di 10 anni d'accompagnamento dei Rom nella Val-de-Marne) in presenza di numerosi eletti (consiglio generale, ecc.) che manterremo agli stessi orari (ma con un altro contenuto).

Redigeremo un opuscolo che vi faremo conoscere rapidamente.

Yves LORIETTE

 
Di Fabrizio (del 08/02/2010 @ 09:24:12, in Europa, visitato 1367 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

02/02/2010 - Il 25 novembre 2009 Thomas Hammarberg, Commissario per i Diritti Umani, ha scritto una lettera alla Cancelliera tedesca Angela Merkel, in cui chiede di fermare con urgenza la deportazione dei rifugiati Rom verso il Kosovo.

Ieri in un seminario a Stoccolma, Thomas Hammarberg ha informato di aver ricevuto una risposta dal governo tedesco, che gli intimano di non rendere pubblica (cosa tra l'altro impossibile secondo le leggi svedesi). Invece, ha raccontato al pubblico sul contenuto della risposta. La Germania sta insistendo nella sua politica di deportazione dei rifugiati verso il Kosovo. Nella risposta dicono che intendono deportare 2.500 rifugiati Rom all'anno, sino a quando tutti 10.000 avranno lasciato la Germania. E' tutto estremamente spaventoso. Thomas Hammarberg mi ha detto che intende visitare nuovamente il Kosovo nelle prossime settimane. Dopo, intende scrivere a tutti i governi europei (Svezia compresa) che intendono deportare rifugiati Rom verso il Kosovo per chiedere loro di fermarsi.

[...]

Irka Cederberg
Journalist
Davidshallsgatan 25 A S-21145 Malmö Sweden
Tel +46-40-232402
mobil +4670-6368817

 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


22/02/2020 @ 20:33:48
script eseguito in 62 ms

 

Immagine
 c'era una volta... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2321 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< febbraio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
04/02/2020 @ 07:35:06
Di ANNA
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
27/01/2020 @ 16:13:20
Di Monica
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source