Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
L'essere straniero per me non è altro che una via diretta al concetto di identità. In altre parole, l'identità non è qualcosa che già possiedi, devi invece passare attraverso le cose per ottenerla. Le cose devono farsi dubbie prima di potersi consolidare in maniera diversa.

Wim Wenders
-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 19/07/2012 @ 09:05:28, in lavoro, visitato 1206 volte)

E' stata una protesta itinerante quella approdata questa mattina ad Asti e che ha coinvolto i sinti piemontesi specializzati nella raccolta porta a porta di materiale ferroso. Dopo Cuneo e Torino la manifestazione ha toccato anche la nostra città, partendo con un corteo di camion da corso Alessandria, per poi arrivare in piazza Alfieri e piazza San Secondo dove una delegazione di smaltitori di ferro ha incontrato l'Amministrazione. Scopo del corte avere la licenza per lo snaltimento del ferro, senza incappare, come succede ora, in salate sanzioni e sequestro dei mezzi. "Noi chiediamo di venire messi in regola - spiegano i manifestanti - anche dietro il pagamento forfettario della licenza. In questo momento, secondo le leggi in vigore, non possiamo lavorare senza incappare in multe che arrivano fino ai 3.000 euro". I sinti chiedono quindi di avere a disposizione un regolare permesso per raccogliere porta a porta ferro e altro materiale da smaltire in giornata dagli appositi rottamatori. "Il nostro è un impiego che si tramanda da generazioni - continuano - ed è un lavoro che se regolarizzato potrebbe rappresentare il futuro dei nostri figli". Questo tipo di lavoro non prevede inoltre un accumulo del materiale raccolto, particolare che richiederebbe permesse speciali e camion appositi. I raccoglitori infatti recuperano il ferro da cantine o garage e nella stessa giornata lo smaltiscono negli appositi impianti di stoccaggio. Michele Piramide, rappresentante dei sinti, assieme ad alcuni colleghi, è stato ricevuto da una delegazione dell'Amministrazione a cui ha preso parte anche l'assessore all'Ambiente Alberto Pasta. "E' stato un incontro proficuo - spiega il rappresentante -. Gli assessori ci hanno assicurato che prenderanno contatti con altri sindaci piemontesi per capire come agire. Proprio domani a Torino si svolgerà una riunione tecnica".

"Si tratterà di un colloquio strettamente tecnico - ha commentato l'avvocato Gabriella Turco, che tutela gli interessi dei sinti -. Per risolvere questo complicato problema è necessario un intervento a livello regionale".

"Noi non abbiamo appalti - sottolinea la delegazione - e non facciamo depositi, ma dal 1° settembre entrerà in vigore una normativa che non permetterà più ai rottamatori di prendere il nostro ferro e questo rappresenta un problema per entrambe le categorie".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/07/2012 @ 09:31:29, in Europa, visitato 1628 volte)

A cinque famiglie rom, bambini compresi, sgomberate a forza da Belgrado a Niš, città nella Serbia meridionale, viene negata acqua, servizi igienici ed elettricità.

Cinque famiglie rom, 18 persone tra cui una donna incinta che poi ha partorito, sono stati reinsediati in un magazzino abbandonato in via Daniciceva a Niš, senza accesso all'acqua, a servizi igienici o all'elettricità. Sono rimasti senza accesso all'acqua per oltre 10 settimane, da quando sono stati sfrattati da Belgrado il 26 aprile. Attualmente [...] in Serbia le temperature superano regolarmente i 35° centigradi. Anche se le infrastrutture lo permetterebbero, nel magazzino non c'è acqua corrente. Le autorità hanno dichiarato il 20 giugno che l'acqua potrà essere riattivata senza troppe difficoltà, e che sarebbe stata disponibile entro fine settimana scorsa. L'acqua non è ancora stata ripristinata, violando i diritti delle famiglie ad un alloggio, acqua e servizi igienici adeguati. Le famiglie devono prendere l'acqua con contenitori di plastica dalla fontanella più vicina, che si trova in un mercato, a circa 115 metri dal magazzino. Questa fonte non è sempre disponibile, perché il mercato è aperto solo dalle 7.00 alle 15.00, ed anche quando il mercato è aperto viene spesso negato loro da un funzionario locale di potersi rifornire. L'unica fonte alternativa si trova nel centro città a 30' di cammino. Secondo l'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) il diritto all'acqua richiede che l'acqua sia disponibile, o nelle immediate vicinanze dove la gente vive,se in uno spazio compreso tra i 100 e e 1.000 metri dall'insediamento, o se ad una distanza tra i 5 ed i 30 minuti (compreso il tempo impiegato in coda), diventa difficile raccogliere più di 20 litri d'acqua a persona, quindi si è a rischio salute. Inoltre, il magazzino non ha servizi igienici adeguati, essendo quelli esistenti insalubri a causa della mancanza d'acqua.

Inviate l'appello prima del 20 agosto a:

Sindaco
Milos Simonovic
Ulica 7 Juli broj 2
18 000 Nis
Serbia
Fax: +381 18 504545
Email: mayor@ni.rs
Salutation: Dear Mayor

Consigliere della città
Dusica Davidovic
Ulica 7 Juli broj 2
18 000 Nis
Serbia
Fax: +381 18 504545
Email: Dusica.Davidovic@gu.ni.rs
Salutation: Dear City Councillor

Delegazione dell'Unione Europea nella Repubblica Serba
Martin Kern
Vladimira Popovica 40/V
Avenija 19a Building
11070 New Belgrade
Serbia
Fax: +381 11 3083201
Email: delegation-serbia@eeas.europa.eu

Inviate inoltre copia alle rappresentanze diplomatiche accreditate nella vostra città.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/07/2012 @ 09:04:38, in Italia, visitato 1691 volte)

Continua la rassegna (totalmente autoprodotta ed autofinanziata) HAI MAI PROVATO IN VIA IDRO?

Mercoledì 25 luglio  ore 19.30 Cena - ore 21.00 presentazione del libro "Milano, fin qui tutto bene" di Gabriella Kuruvilla (l'autrice potrà firmarvi le copie del libro) editore LATERZA - maestro di cerimonie: Mihai Butcovan; Valeria Ferrario leggerà alcuni brani.
Comunità Rom Harvati - via Idro 62, Milano

In un angolo verde di Milano, miracolosamente scampato alle ruspe, esploreremo la città meno visibile e più attiva, con i suoi luoghi e soprattutto i suoi personaggi.

    Fruttivendoli e internet point cingalesi, ristoranti e alimentari sudamericani, macellerie e kebab arabi, centri-massaggi e incasinatissimi bazar di cinesi multitasking dove tra cellulari e computer trovi anche delle parrucche, se il taglio a 8 euro del negozio accanto non è proprio un capolavoro: siamo in via Padova, in viale Monza, in via Sarpi, in piazzale Corvetto, all'Isola e in Porta Venezia.
    Siamo a Milano, città del nuovo millennio, che non è «Parigi, dove paghi di più ma puoi fermarti al tavolino quanto vuoi. Siamo a Milano, dove tutto se fa de pressa: velocemente».
    Siamo in giro con Anita, Samir, Stefania, Tony, Gioia, Pietro, Laura e Lejla, fra panchine e bar dove anche gli incontri e gli amori vanno di corsa.
    Leggi anche la recensione di Igiaba Scego

Ingresso gratuito. Si cena in anticipo al Marina Social Rom, piatti primi e piatti freddi estivi e piatti vegetariani. Cena SOLO SU PRENOTAZIONE (confermare QUI le presenze entro martedì 24 luglio). Grazie e buona serata a tutti!

PS: in caso di maltempo, l'evento si svolgerà al coperto.

Evento realizzato con la collaborazione di Paolo Melissi - Pluriversi

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 17/07/2012 @ 09:19:24, in media, visitato 1324 volte)

Leggere la cronaca con attenzione, perché il titolo potrebbe essere fuorviante. C'è la parola ZINGARI, ma non è dato sapere se i ladri lo siano oppure no. La signora si è fatta truffare da due falsi incaricati, ANCHE perché per entrarle in casa hanno fatto leva sulla diffusa paura degli zingari. Risultato: cassaforte ripulita. (Qualcosa di simile accade quando sui giornali leggiamo un titolo con la parola ZINGARI; in realtà dei non-zingari ci stanno distraendo per fregarci in qualche modo) NdR


BolognaToday Oltre il danno la beffa per un 83enne derubata nel suo appartamento in zona Emilia Levante da due truffatori: spacciandosi per tecnici del gas e allertandola contro presunte ruberie in zona ad opera dei nomadi i due hanno conquistato la sua fiducia... di Redazione[]// 13/07/2012

Oltre il danno la beffa per un 83enne bolognese ieri derubata nel suo appartamento in via Cassino, zona Emilia Levante, da due truffatori. 15 mila euro in gioielli il bottino racimolato dai malviventi, che sono riusciti a mettere a segno il colpo.

LA TRUFFA. La malcapitata è stata avvicinata da due soggetti che l'hanno messa in guardia su presunti furti nelle case ad opera degli zingari. Uno dei due l'ha infatti avvicinata davanti al portone, dicendo di essere un tecnico del gas e offrendosi di aiutarla a portare in casa la spesa. Con alcune chiacchiere e qualche consiglio per difendersi dai ladri, l'uomo ha conquistato la sua fiducia e, una volta nell'appartamento, ha fatto entrare il complice. Questi, mentre il primo teneva impegnata la vittima, ha trovato le chiavi della cassaforte e l'ha ripulita di tutto, rimettendo poi a posto la chiave.

Prima di andarsene, un'altra beffa: uno dei malviventi ha riconsegnato alla pensionata un portafogli e un portagioie vuoti, oggetti che lei ricordava di avere messo in cassaforte. Sorpresa, la donna è andata subito a controllare e ha scoperto di essere stata derubata, ma i due si erano già allontanati.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 17/07/2012 @ 09:12:05, in lavoro, visitato 1146 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

b92 fonte TANJUG Investimenti tedeschi per fornire casa e lavoro ai Rom

BELGRADO: Il Consiglio della Minoranza Nazionale Rom ha firmato giovedì (5 luglio ndr) un protocollo d'intesa con un consorzio di aziende tedesche rappresentate da Jugoagent KTS e Gruppo Investimento Rom

Il memorandum d'intesa dovrebbe fornire opportunità di lavoro e risolvere i problemi abitativi di parte della popolazione rom del paese.

Secondo il documento, il gruppo tedesco, un riuscito connubio di uomini d'affari rom, dovrebbe investire in Serbia in collaborazione con imprenditori locali impiegando Rom, e se possibile, fornire alloggio a quanti ottenessero un posto di lavoro.

Il primo progetto che verrà sviluppato. ha detto Vitomir Mihajlović, presidente del Consiglio della Minoranza Nazionale Rom, è la costruzione di una ricicleria che occuperà circa 15 ettari di terreno a Ruma, Serbia settentrionale.

Aggiunge Mihajlović che il centro per il riciclaggio di pneumatici e produzione di biogas, comprenderà unità abitative per i dipendenti.

Mihajlović dice che la popolazione rom si trova di fronte a seri problemi di alloggio ed occupazione, sottolineando che in Serbia ci sono circa 600 insediamenti informali, il 20% dei quali non ha l'acqua ed il 40% senza sistema fognario.

Inoltre, ha detto, molti degli insediamenti non hanno nemmeno l'elettricità, sottolineando che in Serbia ci sono tra i 700.000 e gli 800.000 Rom.

Lo sviluppo di progetti per l'impiego e l'alloggio può liberare la popolazione rom del circolo vizioso della misera e povertà, dice Zoran Simić, direttore del Gruppo d'Investimento Rom.

Milorad Bašić, direttore di Jugoagent KTS, che rappresenta il consorzio tedesco in Serbia, condivide l'opinione di Simić e dice di aspettarsi che vengano redatti presto progetti simili, rimarcando che le compagnie tedesche stanno mostrando consistenti interessi nell'investire in Serbia.

Il consorzio tedesco ha in programma di investire circa 40 milioni di euro nel progetto.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/07/2012 @ 09:31:13, in Italia, visitato 1025 volte)

Segnalazione di Agostino Rota Martir

PisaNotizie 14-07-2012

E' ripresa a pieno regime in città la politica degli sgomberi. Ieri 37 persone di cui 16 minori sono state allontanate da sotto il Ponte dell'Impero

Riprendono gli sgomberi dei campi rom in città da parte dell'amministrazione comunale. Già l'anno scorso il periodo estivo era stato fortemente segnato da azioni di questo genere, e così questa estate non sembra essere diversa.

Infatti ieri mattina un ingentissimo schieramento di vigli urbani, polizia e carabinieri con al seguito ruspe e altri mezzi, ha proceduto ad allontanare le famiglie che da alcuni mesi avevano trovato riparo attorno alla casa cantoniera dell'Anas dell'Aurelia all'altezza del Ponte dell'Impero.

Secondo quanto riferisce l'amministrazione comunale nell'area si trovavano "37 occupanti (21 adulti e 16 minori), tutti rom originari della Romania".

"Da questa mattina (ieri per chi legge, ndr) - si legge in una nota del Comune - sono entrati in azione gli uomini e i mezzi dell'Avr per l'intervento di radicale pulizia di tutta la porzione di golena attorno alla casa cantoniera (la quale, invece, non era stata oggetto di occupazione dato che porte e finestre erano state in precedenza proprio per evitare questa eventualità). Una vera e propria «task force», composta da cinque operai attrezzati con tre camion scarrabili (di cui due dotati di gru), che hanno cominciato a rimuovere tutti i rifiuti ingombranti quali lamiere e tavole delle baracche, ma anche televisioni ed altri elettrodomestici inutilizzabili, un lavoro lungo che li vedrà impegnati almeno fino a metà della prossima settimana. Sul posto era presente anche gli operatori sociali della SdS che hanno distribuito acqua e succhi di frutta alle famiglie rom e convocato alcune delle famiglie occupanti ad un incontro con i servizi sociali per la prossima settimana in modo da verificare la possibilità di accesso ai percorsi di sostegno e assistenza promossi nella Zona Pisana".

Di fatto ieri sera intorno alle 20.30 le famiglie si trovavano quasi tutte lì, senza avere più nulla né un posto dove andare. Come sempre è avvenuto anche in occasione dei precedenti sgomberi, alle famiglie - molte con minori - non è stata fatta alcuna proposta alternativa di luoghi dove poter andare a vivere, alimentando una spirale perversa e anche pericolosa per cui gli stessi nuclei familiari passano in poche settimane da uno sgombero all'altro peggiorando ogni volta le proprie condizioni di vita.

Anche in questo caso si profila una situazione per cui lo sgombero, visto che si tratta di persone che vivono a Pisa da almeno 7-8 anni, non farà altro che spostare il problema da una parte all'altra della città. Ogni volta che vi è uno sgombero, le famiglie alle quali viene distrutto praticamente tutto quel che poco che hanno, non sanno dove andare e, in assenza di un'offerta alternativa, ricominciano la ricerca di un luogo dove potersi riparare.

La decisione da parte del Comune di procedere a questo sgombero è anche di fatto la risposta all'appello lanciato nelle scorse settimane dal convegno "Rom: sgomberiamo il campo dai pregiudizi", organizzato all'Università nello scorso fine settimana da Africa Insieme, Rebeldia e Arciragazzi in collaborazione con Amnesty International. Un appello che chiedeva sostanzialmente una tregua con la sospensione di tutti gli sgomberi sul territorio e al contempo l'apertura di un tavolo di confronto con la Regione Toscana, e in particolare con la "cabina di regia" regionale che raccoglie tutti gli enti locali del territorio.

Un appello che è caduto nel vuoto mentre alcune decine di persone da ieri non hanno un tetto dove ripararsi.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/07/2012 @ 09:19:56, in Europa, visitato 1403 volte)

Ricevo da Marco Brazzoduro

Foto dal convegno AIZO, Torino 11 ottobre 2011

Cari e care
siete invitati all'incontro con NICOLAE GHEORGHE che si terrà sabato 21 luglio a partire dalle 14 e domenica 22 luglio 9.30-14. La sede verrà comunicata al più presto. Posso anticipare che sarà in Trastevere o - come dicono alcuni rom - in san tevere. Si sta organizzando, per chi è interessato, una cena e un pranzo a prezzo fisso (circa 20 euri).
Le spese di trasporto vitto e alloggio sono a carico dei partecipanti.
Per evitare interventi del tipo "brevi considerazioni sull'universo" suggerisco il seguente ordine dei lavori con l'avvertenza che è mia intenzione accantonare per una volta il tema dell'inclusione sociale dei rom, della discriminazione, del razzismo ecc. per affrontare tematiche di medio e lungo termine come la questione etnica e il suo intreccio con quella politica (cittadinanza):

1. INTRODUZIONE ALL’INCONTRO
2. SIGNIFICATO E PROSPETTIVE DELLA NAZIONE ROM
3. RUOLO DELLE ONG, DEGLI ESPERTI E ATTIVISTI ROM: UNA NUOVA RETORICA DISCORSIVA ?
4. UN NUOVO TRATTATO DI PACE TRA ROM E GADJE’ ?
5. UN PROCESSO DI COSTRUZIONE DI PACE A PARTIRE DAI CASI DI BAIA MARE (ROMANIA) E TOR DE’ CENCI (ROMA)


Chi è interessato a partecipare è pregato di inviarmi un mail di conferma con l'indicazione se partecipa a tutte e due le sedute o solo ad una e quale. Siete ovviamente liberi di invitare persone che pensiate possano essere interessate. Per mere questioni logistiche vi prego solo di comunicarmi i nominativi.

Allego tre scritti di Nicolae che offrono eccellenti spunti di riflessione. Uno è in inglese e uno in francese. Vi allego anche la mia traduzione. E' stata fatta di corsa pertanto mi scuserete l'italiano non curato. La sostanza si capisce però.

N.B. Il tenore dell'incontro è quello di una aperta riflessione tra amici. Non sono previsti quindi né paludamenti accademici né sussiegose relazioni. E' solo l'opportunità di incontrare un intellettuale rom di spicco e di confrontarsi con lui.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/07/2012 @ 09:16:25, in Europa, visitato 1194 volte)

Da Hungarian_Roma

New Left Project Dietro la "questione" Rom by Carl Rowlands

"Sandor" è un senzatetto rom di Budapest - parla della sua vita. esperienze e prospettive, nel dialogo con Carl Rowlands.

Ho perso la mia famiglia in un incidente quando avevo 16 anni. A quell'epoca, iniziai a passare la notte alla stazione della metropolitana di Ferenciek tere a Budapest. Altri Rom del posto si assicuravano che avessi qualcosa da mangiare e che per andare a scuola il mio aspetto fosse OK. Fintanto che era possibile, ci si prendeva cura di noi. Capita spesso che all'inizio i giovani finiscano per strada, e se vogliono l'indipendenza totale, qualsiasi ne sia la ragione, è lì che la troverai.

Nella mia esperienza, di solito ci sono due aspetti nel diventare senzatetto - fattori psicologici e fattori sociali. Se un giovane è alienato e non sente di appartenere a qualcosa o qualcuno, allora la strada può essere un surrogato della famiglia, e c'è molto da imparare dai più vecchi. Molti non hanno un senso di appartenenza o un luogo.

Però, molti giovani rom possono sempre trovare un posto da chiamare casa in qualche parte della comunità, che non sia con i loro genitori naturali. Le vie di fuga da droga e alcol, come pure dalle malattie mentali, sono meno comuni tra i Rom. Spenno vanno cercando l'indipendenza, assieme ad una certa dignità e rispetto. Ciò spiega come mai non sono molti i Rom che si sistemano in rifugi per senzatetto, e che non vedano gli incentivi o i risultati immediati in questi comportamenti.

Le migrazioni verso occidente sono guidate da questa ricerca per un'esistenza migliore ed un posto per vivere dove essere da esseri umani. Naturalmente, la recessione colpisce in tutta Europa, ma la "rete di sicurezza" funziona meglio in altri paesi che in Ungheria, o per esempio Romania o Bulgaria. Di sicuro ci sono possibilità di sfruttamento. C'è un villaggio nella regione di Békés dove tutti i Rom hanno venduto le loro proprietà per ottenere al mercato nero dei visti per il Canada. Le autorità canadesi li hanno rimandati in Ungheria, così la maggior parte degli abitanti del villaggio oggi è senzatetto. Questo è solo un esempio di come quando queste migrazioni falliscono, si tramutano in povertà cronica.

Di solito, i Rom senza casa mantengono le distanze dagli altri senzatetto. Così come i i Rom si mantengono puliti e ben vestiti nonostante vengano rifiutati o vilipesi dal resto della società. I Rom di solito considerano la coesione famigliare più importante del denaro. Difatti i Rom tendono a pensare in termine di "soldi facili" e soddisfare i bisogni immediati loro e della comunità. Prestano più tempo alla famiglia che al denaro. Questo li rende particolarmente vulnerabili quando l'economia si deteriora, anche se presto trovano opportunità di lavoro e di accesso alle risorse. Negli anni '90, col peggioramento delle condizioni economiche in Ungheria, emersero rapidamente comunità in Scandinavia, Francia, Spagna e Italia, che furono capaci di offrire aiuto ai nuovi arrivati. Senza molti fiducia nei servizi sociali ufficiali, esiste un alto grado di autosufficienza interna, con membri interni che si incaricano di somministrare cure e medicine al posto dei medici convenzionali.

I Rom non sono facilmente comprensibili dagli altri Ungheresi. L'attuale governo include quanti sembrano esserlo, anche se loro lo negano. Alcuni Ungheresi si sentono minacciati da ciò. I Rom tendono alla loquacità, amano il confronto e la discussione. Questi aspetti rumorosi del nostro comportamento, non sono facili da capire per gli altri.

Dopo aver viaggiato in Germania, Mongolia e Cina, ed essere diventato un  ricercatore medico in Malesia, ho vissuto a Szeged per un po' di tempo, dormendo all'addiaccio quando non c'era lavoro e non c'era dove andare. E' stato dormendo all'aperto che sono diventato davvero parte di una comunità rom. Ero in grado di fornire assistenza medica, sulla base delle mie conoscenze e contatti con varie associazioni caritative. Nonostante la grande povertà, ci si assicurava che a Szeged nessuno patisse il freddo o la fame.

Budapest è un posto difficile per chi non ha casa, penso che in questi giorni ci siano oltre 7.000 persone che dormono all'addiaccio. Non sappiamo quanti siano Rom. Tuttaviaa Budapest ci sono reti per Rom senza fissa dimora, per cercare di assicurare loro la vita e la dignità.

E' buffo che ci siano così tanti Ungheresi razzisti. Diventa una farsa in cui sappiamo che saranno i perdenti finali. Siamo colpiti solo quando la cosa ci riguarda personalmente. Dobbiamo comportarci come una comunità, anche quando siamo sotto pressione estrema da parte della polizia o degli altri gruppi. Cerco di insegnare ai giovani ad ottenere senza rubare ciò di cui hanno bisogno. Il governo vuole creare tensione, ma tra i giovani l'antipatia non è genuina. Il governo ungherese ha bisogno di questo "problema rom" per distrarre l'attenzione dai suoi fallimenti di base, ed in questo modo gli istituti ed i progetti sociali sviluppano le loro basi di finanziamento...

"La città è per tutti" è la prima organizzazione comunitaria [di senzatetto] in Ungheria a riflettere su tutti i tipi di norme e comportamenti culturali. Ho trovato una vera sensibilità alle differenze sociali e un autentico tentativo di comprendere le questioni che circondano i senza fissa dimora, per rappresentare i nostri interessi.

L'autore intende ringraziare l'organizzazione "La città è per tutti" (A Város Mindenkié - www.avarosmindenkie.blog.hu) per la preziosa collaborazione nell'organizzare l'intervista.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 14/07/2012 @ 09:20:22, in Italia, visitato 1081 volte)

L'appello è pubblicato su Gay.it. La redazione di Mahalla ha aderito

Numerose sigle dell'associazionismo italiano, tutte impegnate nell'affermazione dei diritti e della dignità delle persone e contro ogni violenza e discriminazione, hanno condiviso un percorso di crescita, conoscenza reciproca, condivisione di obiettivi che ha visto nell'attività svolta da UNAR, negli ultimi tre anni, un motore importante e un punto di riferimento.

In questi tre anni, l'Ufficio nazionale contro le discriminazioni introdotto con il recepimento di direttive europee sulla parità di trattamento e contro le discriminazioni ha infatti scritto pagine importanti nella diffusione di prassi antidiscriminatorie, costruzione di reti, contrasto ai fenomeni di discriminazione e apertura di tavoli che hanno creato preziose relazioni, sollecitando straordinarie sinergie e ottenendo riconoscimenti dal Consiglio d'Europa, dalla Commissione europea e dalle Nazioni Unite.

Unar ha messo in campo attività finanziate in larghissima misura da fondi europei e grava assai poco sul bilancio del nostro Paese e soprattutto dovrebbe essere assunto a modello per la capacità di utilizzo dei fondi europei.

Esprimiamo dunque sgomento e massima preoccupazione nel constatare come l'enorme lavoro svolto dall'ente, grazie alla direzione di Massimiliano Monnanni, sia in pericolo a causa di un'applicazione indiscriminata della spending review che non ne riconosce i meriti. Un'attenta valutazione politica doveva essere esercitata prima di arrivare a conseguenze che oggi rischiano di stroncare il futuro stesso dell'ufficio, attraverso la contemporanea perdita della direzione, il drammatico ridimensionamento dell'organico , la dispersione di competenze, conoscenze e esperienze assolutamente insostituibili in un momento complesso come quello che viviamo.

Solo negli ultimi mesi l'UNAR ha avviato piani di attività fondamentali che necessitano di impulso e coordinamento forte e di un altrettanto forte coinvolgimento delle autonomie locali e dell'associazionismo: la Strategia nazionale di inclusione dei ROM, Sinti e Camminanti ; il Piano nazionale di azione contro razzismo e xenofobia; il Programma per l'applicazione della Raccomandazione del Consiglio d'Europa su orientamento sessuale e identità di genere; l'apertura e la programmazione di attività di Unar al contrasto della discriminazione sulla base della disabilità.

Denunciamo pubblicamente il rischio che si spezzi qualunque continuità d'azione nel contrasto alle discriminazioni, con gravi infrazioni di obblighi derivanti da trattati e direttive dell'Unione e gravi e concrete sofferenze per la vita di tante persone. Riteniamo urgentissima un'assunzione di responsabilità delle Istituzioni e dei partiti, e invochiamo una nuova riflessione da parte del Governo e del Presidente del Consiglio, perché si adottino tutte le soluzioni possibili per mantenere ad UNAR, e al nostro Paese, le condizioni per una seria strategia di contrasto alle discriminazioni tutte, in un momento in cui sulla convivenza civile, l'equità, la dignità, si gioca tanta parte della nostra capacità e credibilità nel rilancio dell'Italia.

PER ADESIONI SCRIVERE A: ufficiostampa@arcigay.it
ACLI
AGEDO
AIZO
ARCI
Arcigay
ArciLesbica
Associazione Nevo Drom
Associazione Sucar Drom
Associazione radicale “Certi diritti”
Avvocatura per i diritti LGBTI – Rete Lenford
Azionetrans
Comitato italiano per l'UNICEF
Coordinamento Campania Rainbow
Di'Gay Project
Edge
ENAR – European Network Against Racism
Famiglie Arcobaleno
Federazione Rom e Sinti Insieme
Genitori Rainbow
Istituto per gli Studi sui Servizi Sociali-ISTISSS
Les Cultures
FISH – Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap
IREOS
MIT – Movimento identità transessuale
Nuova proposta, donne e uomini omosessuali cristiani
ONG M.A.I.S.
Osservatorio sulla legalità e sui diritti
Parks – Liberi e Uguali
Rete Lenford
Sicilia queer filmfes
Sinti nel mondo
Telefono Azzurro

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/07/2012 @ 09:18:00, in Europa, visitato 1342 volte)

Da Czech_Roma

Janko Horváth, attivista rom, poeta e scrittore. (photo: Lukáš Houdek)
Janko Horváth: I Rom sono facile bersaglio - Brno, 3.7.2012 21:19, (ROMEA) This interview was first published in Perspektivy ("Perspectives"), an insert to Katolický týdeník No. 26/2012 ("Catholic Weekly"). - Alena Scheinostová, translated by Gwendolyn Albert

L'editorialista e poeta Jan Horváth (nato nel 1959) "blogga" sul news server iDNES.cz di: "Tutto ciò che affligge questo mondo, la bellezza e l'unicità della cultura romanì, e la vita dei Rom comuni." Alcuni lo conoscono anche come un attivista senza paura e politico a livello locale. Oggi Horváth vive nel complesso residenziale di Janov, nella Boemia settentrionale. Insegna romanés e lavora a Most per la Caritas. Quando gli si chiede di valutare i suoi anni di sforzi per costruire una situazione migliore per la minoranza rom, dice "Sono solo una pietra dl mosaico".

Tu sei del gruppo dei Rom Servika (Rom serbi), come molti dei Rom nella Repubblica Ceca oggi. Qual è la storia della tua famiglia?

Mio padre, come molti dei Rom che vennero qui ad insediarsi dalle zone di confine, arrivò in cerca di lavoro dalla Slovacchia ad Ostrava dopo la guerra.Ha lavorato nell'edilizia, come forestale, scavando gallerie, diversi lavori manuali. Negli anni '50 conobbe mia madre e misero su famiglia. Sono nato qui, a Bilovec, vicino ad Ostrava, ma i nostri parenti venivano dalla Slovacchia. Mia madre aveva antenati rom ungheresi, ma in casa si parlava il dialetto paterno - il romanés slovacco.

Com'era la vita con i tuoi vicini non-rom quando eri bambino?

Non [era] così brutta com'è oggi. Prima le persone erano più a contatto le une con le altre. Ad esempio, non mi ricordo che qualcuno ci prendesse a male parole. I nostri vicini erano meravigliosi, ci si aiutava a vicenda, venivano a prendere il caffè da noi. A scuola era un po' differente, perché al secondo grado ero l'unico studente rom della classe, ed i miei compagni a volte mi facevano sentire differente - sapete come sono i bambini. Però, gli insegnanti furono sempre la mia ancora, così fui promosso durante tutti i nove anni di scuola. La maggior parte dei miei amici rom frequentavano la scuola "speciale", dall'altra parte della strada, e talvolta li invidiavo persino, perché avevano un orario più flessibile e stavano tutti assieme. Potevo almeno andare a visitarli durante la ricreazione.

I tuoi genitori ti appoggiavano negli studi?

Eravamo sei bambini ed abbiamo fatto tutti le elementari "normali". Né mio padre né mia madre sapevano leggere o scrivere, lo impararono quando aderirono all'Unione degli Zingari-Rom [la prima organizzazione romanì nella Repubblica Socialista Cecoslovacca, attiva del 1969 al 1973 - nota dell'autore], ma insistettero perché studiassimo. Papà diceva sempre che la "scuola speciale" non era per i suoi figli. La letteratura mi era piaciuta sin da piccolo, così scelsi di studiare all'Istituto Superiore per Studi Librari.

E' una diceria diffusa che i Rom non leggano molto.

Da bambino andavo in biblioteca e a casa mi rannicchiavo in un angolo a leggere Erben, Němcová, diversi racconti di viaggi... Oggi abbiamo Facebook, internet, ci si diverte così, ed i libri non sono importanti come una volta. Inoltre da piccoli, ho anche ascoltato le storie che raccontavano gli anziani - avventure che avevano vissuto in prima persona, fiabe, era brillante. A Bílovec c'era un contastorie meraviglioso, e ogni volta che eravamo con lui avrebbe parlato per ore e ore. Parlava soprattutto ai funerali. Noi piccoli non avremmo dovuto essere lì, ed allora ci nascondevamo sotto il tavolo così che i genitori non ci vedessero, ed ascoltavamo senza sosta. Oggi nessuno sa come più raccontare storie simili, anche se la tradizione di organizzare una veglia funebre è ancora in voga.

Janov, dove hai vissuto negli ultimi anni, e conosciuta soprattutto per i disordini alla fine del 2008.

Li abbiamo vissuti sulla nostra pelle. I neonazisti ci volevano persino entrare in casa. Allora ero a Most, dove insegnavo romanés all'Istituto Commerciale, i miei figli erano passati a trovarmi. Non potevamo tornare a casa perché la polizia aveva chiuso tutti gli accessi a Janov. Quando vidi, dietro le teste dei poliziotti, l'orda montante della folla che dal centro di Litvínov si avvicinava a Janov, divenni incredibilmente ansioso. Sai, c'è crisi, la gente non ha soldi, cercano un nemico. qualcuno da accusare non importa di cosa. I Rom sono un facile bersaglio, perché nessuno li difenderà. Secondo una recente ricerca, qui siamo odiati dal 90% della gente. Un numero orribile! Ogni giorno ci sono dozzine di pareri sgradevoli inviati al mio blog - tutti di gente normale. Hanno i loro problemi e li riversano sugli altri.

I tuoi genitori hanno sperimentato le crociate anti-rom durante la II guerra mondiale. Ne hanno mai discusso con te?

Mamma aveva 10 o 12 anni all'epoca, papà ne aveva due in più, e sono passati attraverso cose terribili, hanno provato personalmente cosa sia il nazismo. A casa non se ne è parlato molto, si viveva la propria vita, lavorando, e non volevamo che chi viveva attorno tenesse alcun rancore nei nostri confronti. Non sarebbe mai venuto in mente ai miei genitori, neanche nei loro incubi peggiori, che un giorno ci saremmo trovati nuovamente di fronte ad un odio simile. Dopo la guerra tutti avevano sperato che una cosa del genere non si sarebbe ripetuta mai più. Abbiamo vissuto in pace sino al 1989.

Il 13 maggio i Rom hanno commemorato il settantesimo anniversario della trasformazione del campo di lavoro di Lety na Pisek nel cosiddetto "campo zingaro", dove centinaia di Rom cechi perirono in circostanze non ancora chiarite. Tuttavia, la maggior parte degli attori di governo, preferisce inviare fiori alla cerimonia commemorativa, invece di prendervi parte di persona. E' triste confrontato alla loro partecipazione personale al settantesimo anniversario, caduto quest'anno, dell'incendio di Lidice. Come te lo spieghi?

I politici non vogliono perdere punti col loro elettorato. Se dovessero presentarsi a Lety, nessuno li voterebbe. Nonostante ciò, credo che se loro volessero che i Rom si "adattassero" alla società ceca, allora dovrebbero accettare che anche noi siamo cittadini della repubblica che loro rappresentano, ed una volta al'anno dovrebbero venire a dare un occhio alla cerimonia commemorativa a Lety. E' il fetore dell'allevamento di maiali quello che probabilmente cercano di evitare. Io ci sono stato un paio di volte, e la puzza è terribile. Di sicuro i Cechi non permetterebbero niente del genere a Lidice. Non non siamo discendenti dei Rom cechi, ma siamo Rom, e ci sentiamo in relazione con quel luogo. Quello che i Rom cechi e della Moravia hanno passato è nella nostra memoria - e non vogliamo che si ripeta mai più una cosa del genere. Per questo è importante lottare contro l'allevamento di maiali. Ho persino scritto una poesia dedicata alle vittime di Lety. Nel contempo, è compito principale della scuola informare che non solo gli Ebrei soffrirono per il razzismo. C'erano  anche i Rom.

Nella tua esperienza, gli insegnanti vorrebbero parlare dei Rom?

Qui alle elementari di Janov, dove molti bambini sono Rom, abbiamo un progetto per insegnare il romanés. Gli insegnanti della scuola ci hanno risposto immediatamente che3 non se ne parla proprio, che sarebbe inutile, che i bambini ignorano il romanés. Quando iniziammo, nonostante le obiezioni, scoprimmo che invece la maggior parte dei bambini conosceva e capiva il romanés. Le scuole dovrebbero facilitare la trasmissione di informazioni sulla cultura, la storia e la lingua romanì. E' un diritto sancito dalla Costituzione. I bambini devono sviluppare una coscienza ed una comprensione che noi Rom siamo uguali ai Cechi. Chi non conosce il suo passato non ha futuro.

E' per questo che scrivi in romanés?

I libri scritti in romanés non vendono granché... Non si tratta di vendere, ma di convincere i Cechi, ed anche i Rom, che abbiamo una nostra lingua, desideri ed aspirazioni NOSTRE e che sappiamo ciò che gli altri sanno. Parlando in romanés, ci si apre e si esprimono tutte le proprie sensazioni e pensieri. La nostra musica, tradizioni, "lačho lav" ["la buona parola" - nota dell'autore], "romipen" ["romanità" - nota dell'autore] - tutto questo viene ripetuto nei miei poemi e non si dovrà mai permettere che scompaia. Guarda, in questo paese si sono pubblicati libri e giornali in romanés per vent'anni, ma il romanés ha vissuto senza di loro per un migliaio d'anni e non c'è dubbio che lo farà per un altro migliaio d'anni. Non si può cancellare. E' la nostra lingua, con cui cantiamo, e su internet un Rom inglese può usarlo per comunicare con un Rom americano, un Rom indiano o un Rom rumeno. In che altra maniera potremmo comunicare tra noi? Il romanés è nekhguleder pro svetos" - la lingua più dolce del mondo.

Come hai iniziato a scrivere?

Ho iniziato alla fine degli anni '80 e dopo la rivoluzione ho lavorato per il giornale "Romano kurko". Era stato fondato dall'Iniziativa Civica Romanì (Romská občanská iniciativa), con cui ero impegnato, ed allora in redazione c'era anche Milena Hübschmannová [studiosa romanì che contribuì allo sviluppo della vita intellettuale romanì - nota dell'autore]. Milena era il nostro motore. Collaborammo nel pubblicare un giornale romanì ed io scrissi le mie poesie per l'editrice Petrov, e poi un'altra edizione attraverso Matice romské, diretta dal mio grande amico, purtroppo morto di recente, Vlado Oláh. Adesso, scrivo soprattutto sul mio blog ed anche racconti sui miei genitori - forse ne farò un libro.

Quali pensi siano le insidie principali nelle relazioni tra Rom e l'intorno non-rom?

Secondo me, la colpa è principalmente dei media. Recentemente degli studenti delle superiori, rispondevano ad un'intervista dicendo che odiano i Rom e non vogliono avere niente a che fare con loro. Da dove viene tutto ciò? Non hanno alcun contatto diretto con nessun Rom,ma ogni giorno sentiamo sui media cosa hanno fatto oggi i Rom, e la loro nazionalità viene sempre menzionata. Quello che fanno "i bianchi" finisce sotto al tappeto. Non si trova quasi niente sulle nostre caratteristiche positive, sulla nostra cultura. Ogni hanno c'è il festival Khamoro, così a fine anno ogni tanto se ne parla - mai in prima serata, comunque, e questo è tutto.

Come pensi che si possa gestire oggi questa situazione?

Molti Rom, anche qui a Janov, risolvono emigrando. Oggi il mondo è aperto, quindi perché rimanere qui, quando ogni giorno ci viene mostrato che non siamo né voluti né benvenuti? Quelli con cui ho parlato mi confermano che una volta in Occidente, nessuno li ha chiamati "neri" o qualcosa di simile. Molti restano qui. Soprattutto perché i genitori devono occuparsi dell'istruzione dei figli. Sono noto per essere molto critico verso il mio popolo: la colpa non è solo del nostro intorno. Nessuno ci aiuterà, dobbiamo mostrare, noi da soli, ciò che vogliamo. Ad esempio, ogni scuola ha una classe "anno zero" (materna) dove i bambini vengono preparati alle elementari.

Secondo te, la chiesa opera a sufficienza in quest'area?

La chiesa fa di più in Slovacchia. Da quanto so, lì i Rom hanno sempre un posto loro dove riunirsi. E' una cosa buona e necessaria, perché molti di noi credono in Dio, e le chiese hanno grandi potere e risorsi per convincere che i Rom sono uguali agli altri. Qui in Repubblica Ceca non s'è fatto molto. Ci sono poche eccezioni: come quella di padre František Lízna, che si è persino registrato di nazionalità romanì. Dove vivo io, al nord, la chiesa è "un gatto morto", una vergogna. Il complesso residenziale di Janov non ha una chiesa. Con la mia famiglia vorremmo frequentarla, ma quella di Litvínov è a cinque km. e vedi da te le difficoltà di uscire da qui. Tuttavia. il prete di là è una brava persona, il sacrestano è un Rom. Qui il pastore avventista Petr Svašek di Most gestisce un centro sociale e organizza iniziative per bambini e famiglie rom.

"Kamas Tut the kamaha, aver drom nane" - "Ti amiamo e ti ameremo, questa è la sola strada" dici a Cristo in una poesia. Qual è il tuo rapporto con Dio?

Credo fermamente in Dio. Dio ha creato i Rom anche a Sua immagine, non importa quanto stiamo soffrendo, Gesù ci ama e lo mostra tenendoci uniti e proteggendoci. Non abbiamo un paese nostro, ma siamo tutti più ricchi per questo, perché viviamo in tutto il mondo, senza confini. Gli altri dovrebbero imparare da noi, l'Europa già non ha più confini. I nostri antenati, nel loro migrare dal Rajasthan, hanno attraversato deserti e montagne. Quale altra nazione l'ha fatto? Tuttora viviamo a modo nostro, anche se costantemente c'è qualcuno che fa del seo meglio per rendere la nostra vita più amara, per spingerci dove non vogliamo essere. Siamo uccelli: vogliamo spiccare il volo.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie piů cliccate


25/05/2022 @ 09:15:38
script eseguito in 62 ms

 

Immagine
 La comunità virtuale di Rom e Sinti nel mondo... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4541 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< maggio 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source