Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Da maggio 2005 circa 6.000 post

La redazione
-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 08/10/2011 @ 09:38:33, in Italia, visitato 1135 volte)

ottobre 5th, 2011 | by rob Published in Articolo, smogville | 1 Comment

La storia è questa. A un certo punto del pomeriggio arriva un comunicato stampa dal Comune di Milano, assessorato alla Sicurezza, oggetto: "Rom. Famiglie lasciano campo abusivo sito in zona pericolosa al confine con Settimo Milanese". Toh! penso, fino a pochi mesi fa ci toccava il bollettino quotidiano degli sgomberi, ora il Comune ci informa che queste famiglie hanno lasciato il campo in cui vivevano perché si sentivano in pericolo. Leggo le prime righe del comunicato: "A causa della pericolosità del luogo questa mattina i cittadini rom, che dal mese di luglio vivevano in un campo abusivo in via Gaetano Airaghi, hanno lasciato le loro baracche". Eh si, il vento è cambiato. Continuo a leggere: "Le famiglie sono state convinte ad allontanarsi dal quel campo non autorizzato – ha spiegato l'assessore alla Sicurezza e Polizia locale Marco Granelli – perché si trovava a ridosso della tangenziale in una zona pericolosa". Ah. Sono state convinte. Da chi? "I vigili, accompagnati dal Comandante Tullio Mastrangelo, questa mattina si sono presentati insieme agli operatori sociali del Comune e hanno spiegato alle famiglie i motivi per i quali non potevano più continuare a stare lì". Ah ok, capito, sono state sgomberate. Almeno così si definivano fino a pochi mesi fa queste operazioni. E non di qualche famiglia, come sembrava dall'oggetto, ma 133 persone. Ancora il comunicato: "Il campo di via Airaghi, al confine con il Comune di Settimo milanese, era costituito da 52 baracche, dove vivevano 41 famiglie, per un totale di 133 persone, di cui 48 minori. La società Serravalle proprietaria dell'area, sta procedendo alla pulizia e messa in sicurezza dell'area". Alle persone sgomberate il Comune ha offerto più o meno le cose che offriva la Moioli quando era nei giorni di grazia: "sistemazione provvisoria nei centri di accoglienza" ma dividendo donne e uomini: i maschi da una parte, le femmine e i bimbi dall'altra. "Al momento però le famiglie hanno preferito abbandonare il campo senza accettare la nostra proposta" scrive ancora Granelli. E magari se ne sono andate senza neanche ringraziare.

Quell'area sicuramente era pericolosa e lo sgombero è stato pensato a "fin di bene". Ma il risultato è lo stesso del suo predecessore De Corato, che però almeno chiamava le cose col loro nome e non usava giri di parole finto buonisti per raccontarle. O forse nel favoloso mondo di Pisapie gli sgomberi sono "gentili" e le famiglie "lasciano" le loro baracche?


CONSULTA ROM E SINTI DI MILANO
COMUNICATO STAMPA

Lo sgombero dei rom dell’ex campo di via Triboniano non deve essere la ripetizione della politica di De Corato. La Consulta rom e sinti di Milano chiede un incontro all’assessore alle politiche sociali: costruiamo insieme una prospettiva positiva per la comunità rom e sinta

Stamattina la polizia locale ha sgomberato i rom accampati tra Quinto Romano e via Novara. Tutti provengono dal campo di via Triboniano, chiuso dalla giunta Moratti alla vigilia delle elezioni e dove queste famiglie abitavano. Di queste alcune sono state escluse nel 2007 quando il campo bruciò e la giunta lo sistemò riducendo però gli abitanti con il risultato che molti, pur regolari e senza problemi con la giustizia, rimasero per strada perdendo tutto quello che avevano; altre sono state espulse negli ultimi 5 anni in base al patto di legalità e al successivo regolamento prefettizio applicato anche per bollette o multe non pagate o per aver ospitato familiari nel container.

Quindi una situazione complicata che riguarda una comunità presente da anni nel nostro territorio che va affrontata in maniera meno “semplicistica” e soprattutto senza le conseguenze drammatiche che producono gli sgomberi sugli uomini, sulle donne, sui bambini.

Ci preoccupano due aspetti di questa scelta, anzi tre se vogliamo citare le prime parole del nuovo vicesindaco: a Milano è finita la paura. No, per i rom la paura non finisce mai.

Il primo aspetto riguarda la motivazione dello sgombero: non è stata presentata nessuna ordinanza di sgombero nei giorni precedenti e oggi all’atto dello sgombero è stata mostrata una denuncia contro ignoti della società Milano-Serravalle per sassi gettati sull’autostrada. Chi ha deciso che gli ignoti sono i rom? Questo criterio ci sembra veramente pericoloso per la sua illegalità: se valesse dovrebbero essere sgomberati tutti gli abitanti che vivono vicino all’autostrada!

Il secondo aspetto riguarda la preoccupazione che si riproduca la politica fallimentare della precedente amministrazione con le centinaia di sgomberi che hanno prodotto solo grandi costi pubblici e accanimento crudele contro famiglie che perdevano il poco che avevano.

La Consulta rom e sinti di Milano si è impegnata con la nuova amministrazione per contribuire alla soluzione del problema delle comunità rom dando voce alle comunità e costruendo proposte praticabili, per il Comune e per i cittadini di Milano. Noi intendiamo continuare su questa strada coltivando la speranza che la necessità di una politica diversa non naufraghi di fronte al perdurare del pregiudizio e della discriminazione e al suo uso mediatico.

Questo obiettivo la Consulta lo sta perseguendo con riunioni con le singole comunità e con altre iniziative tra le quali un confronto sulle politiche europee al quale è stato invitato il Commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa che in un suo sopralluogo nel maggio di quest’anno aveva segnalato i gravi problemi di discriminazione nei confronti della comunità rom e sinta di Milano.

La Consulta per tutte queste ragioni ritiene urgente incontrare l’assessore alle politiche sociali per un confronto di merito sulle prospettive delle nostre comunità.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/10/2011 @ 09:04:33, in conflitti, visitato 1141 volte)

FRONTIEREnews.it Testo di Srdjan Jovkovic, fotografie di Ippolita Franciosi (segnalazione di Marco Brazzoduro)

Passeggiando per Obilic, una delle città più inquinate dei Balcani, si possono vedere alcune case rosse costruite in mezzo a un campo polveroso. Si trovano nella zona di Subotic, vicino a due centrali termoelettriche a carbonedalle cui ciminiere esce costantemente fumo grigio. Qui i bambini non giocano nei cortili e le donne non curano il giardino, come invece accade in qualsiasi città del Kosovo.
Sono le case costruite dall'Unchr per i profughi ashkali da poco rimpatriati dalla Macedonia, nelle terre da dove furono espulsi dalla maggioranza albanese, dopo la guerra del 1999. Rispetto agli altri rom del Kosovo gli ashkali hanno un'unica, fondamentale, differenza: al posto del romanes, hanno scelto l'albanese come lingua.

Il quartiere rom di Subotic, Obilic: la casa è bruciata ad agosto

Dopo aver tentato invano di trovare qualcuno con cui parlare, incontriamo fuori dalla prima casa rossa Hajriz Rizvani, un ragazzo ashkali di 25 anni. Vuole spiegarci cosa è successo così ci invita ad entrare in casa, aggiungendo che è troppo spaventato per parlare fuori. Hajriz è tornato in Kosovo insieme alla sua famiglia da due mesi e mezzo, dopo un esilio in Macedonia durato 12 anni.
Due settimane fa la casa a fianco alla sua, quella dello zio Halim, è stata bruciata nella notte, ultimo di una serie di atti provocatori, come il lancio di pietre contro l'abitazione e vari colpi di pistola. Fortunatamente la notte dell'incendio la famiglia Rizvani non era in casa: preoccupati, avevano deciso di dormire da parenti. Dopo l'incidente hanno fissato delle barre di metallo su ogni finestra della casa e hanno preparato i bagagli, pronti a partire in caso di una nuova minaccia.
Dopo ogni singolo attacco Hajriz ha chiamato la polizia, che si è presentata ogni volta, senza però risolvere niente: “Vengono, danno uno sguardo alla casa, osservano le finestre rotte, scrivono qualcosa, ci dicono che tutto andrà bene e se ne vanno”. Ma le minacce e le violenze continuano.



Hajriz ci racconta che in seguito all'incendio è impossibile dormire, i bambini hanno visto la casa in fiamme e tutte le notti sono terrorizzati. Di giorno non si sentono al sicuro: evitano di andare a giocare, anche nel bel mezzo di un'assolata giornata d'estate. La famiglia Rizvani ha ricevuto anche le visite di rappresentanti dell'UNHCR e dell'OSCE, che si sono limitati a esprimere compassione e ad augurarsi che qualcosa del genere non succeda mai più.
Nessuna misura effettiva è stata presa né tanto meno è stata avviata una qualsivoglia indagine. Per le organizzazioni internazionali questa è una violenza difficile da riconoscere e sulla quale lavorare, perché è in chiara contraddizione con la politica adottata dall'UNHCR, che incoraggia i rifugiati a tornare in Kosovo dalla Macedonia, tagliando i supporti in maniera graduale.
Hajriz è inevitabilmente triste: nella sua giovane vita ha sperimentato la guerra, è diventato un rifugiato e ora non riesce a vedere alcun futuro nel Kosovo odierno. Il suo ritorno ha provocato una forte reazione dalla maggioranza della popolazione albanese. E qualcuno si è spinto oltre la disapprovazione, rompendo tutte le finestre della sua casa, proprio ora che sta ricominciando una nuova vita.
Il desiderio di Hajriz è trovare un lavoro per sostenere la sua famiglia: in Macedonia, essendo rifugiato, per legge non poteva lavorare. Ha deciso di tornare in Kosovo con la speranza che la legge e le istituzioni garantissero un ambiente sicuro per lui e per la sua famiglia. Ma chiaramente non è così.
L'incendio delle case è esattamente lo stesso tipo di intimidazione e violenza che i rom hanno subito prima e durante la guerra del Kosovo, dodici anni fa, quando la retorica dell'indipendenza trionfava e la violenza tra compaesani portava molte famiglie (più di 60.000) a lasciare il Kosovo perdendo tutto. Il futuro assomiglia troppo al passato violento del Kosovo, perché alla fine ogni speranza del paese, come quella di Hajriz, sembra svanire nel fumo nero delle case bruciate, ancora una volta.

Tutte le fotografie sul Kosovo di Ippolita Franciosi (http://www.ippolitafranciosi.net, [...]) saranno in mostra fino al 10 ottobre al Cafè de la Paix, a Ferrara, in occasione del Festival di Internazionale al Cafè de la Paix.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/10/2011 @ 09:58:45, in scuola, visitato 1511 volte)


Spot su Youtube
venerdì 14 ottobre dalle 16.00 alle 18.00
Auditorium UNICEF Via Palestro 68 - ROMA


Come è organizzata a Roma la scolarizzazione dei bambini rom ospiti nei villaggi attrezzati? Quali enti sono coinvolti? Quali i costi e quali i risultati raggiunti?

L'Associazione 21 luglio vi invita a partecipare alla presentazione ufficiale del report "Linea 40 - Lo scuolabus per soli bambini rom", realizzato da Adriana Arrighi, Carlo Stasolla e Andrea Anzaldi.
Il report, frutto del lavoro di ricerca, verrà presentato da Carlo Stasolla, presidente dell'Associazione 21 luglio, Stefano Batori, vice preside della Scuola Media Statale "Bramante" di Roma e Dimitris Argilopoulos, ricercatore pedagogista dell'Università di Bologna.
Durante l'evento sarà inoltre proiettato il video "Da Barbiana al campo nomadi" prodotto dall'associazione stessa e realizzato da Davide Falcioni, Andrea Cottini e Ermelinda Coccia.

La scuola deve tendere tutto nell’attesa di quel giorno glorioso in cui lo scolaro migliore le dice: "Povera vecchia, non ti intendi più di nulla" e la scuola risponde con la rinuncia a conoscere i segreti del suo figliolo, felice solo che il suo figliolo sia vivo e ribelle.
Lettere di don Lorenzo Milani priore di Barbiana


Vi aspettiamo.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/10/2011 @ 09:21:27, in casa, visitato 1353 volte)

Dal blog di Rino Pruiti. Segnalazione precedente. Segue comunicazione di ApertaMente di Buccinasco.



Pur avendo molto da dire, ci sono momenti dove, chi come me ama il suo territorio e vuole trovare soluzioni ai problemi delle persone che vi abitano, senza demagogia e senza sterile ideologia, facendosi carico dei problemi senza aspettare che altri se ne occupino... ecco ci sono momenti come questo dove mi rendo conto che stare zitti è meglio, è la soluzione "possibile", il piccolo sacrificio intellettuale "necessario".

Per questo e per dovere d'informazione, mi limito ad incollare sotto la delibera del Commissario Prefettizio che dovrebbe chiudere la "questione" relativa alle casette di legno dei Sinti residenti nel nostro Q.re Terradeo.

[..] IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

RICHIAMATE le ordinanze emesse dal Responsabile di Posizione Organizzativa del Settore Territorio e Ambiente di seguito indicate:

· Ordinanza n. 42/2011 del 21 giugno – Prot. Gen. 10806
· Ordinanza n. 43/2011 del 21 giugno – Prot. Gen. 10809
· Ordinanza n. 44/2011 del 21 giugno – Prot. Gen. 10832
· Ordinanza n. 45/2011 del 21 giugno – Prot. Gen. 10838
· Ordinanza n. 46/2011 del 21 giugno – Prot. Gen. 10843
· Ordinanza n. 47/2011 del 21 giugno – Prot. Gen. 10844

PRESO ATTO che con tali provvedimenti si ordinava a n. 6 nuclei residenti a Buccinasco in Via dei Lavoratori n. 2 (presso il Quartiere Terradeo) di rimuovere le opere realizzate abusivamente presso le piazzole da loro utilizzate e di ripristinare i luoghi allo stato originario, entro il termine di 30 giorni dalla data di notifica delle ordinanze medesime;

CONSIDERATO che le suddette ordinanze sono state prorogate di ulteriori 60 giorni e che i termini di proroga risultano attualmente scaduti;

DATO ATTO che i 6 nuclei famigliari destinatari delle ordinanze precitate appartengono alla comunità sinta residente presso il Quartiere Terradeo di Buccinasco;

VISTE le complesse problematiche socio-economiche che caratterizzano la comunità sinta, fra cui si individuano come particolarmente gravi:

· l'oggettiva difficoltà per i giovani capofamiglia ad inserirsi efficacemente nel mondo del lavoro
· la difficoltà per le donne di contribuire al reddito famigliare dovuta anche, ma non solo, a fattori culturali
· l'elevato rischio di esclusione sociale
· l'elevata presenza numerica di figli minori all'interno dei diversi nuclei
· la bassa scolarizzazione della popolazione adulta ed il rischio del perpetuarsi di tale abitudine culturale anche nella popolazione in età scolare;

CONSIDERATO, in particolare, che all'interno dei 6 nuclei famigliari in questione si rileva la presenza di n. 4 donne in stato di gravidanza e di diversi figli minori affetti da patologie gravi;

RITENUTO necessario, pertanto, garantire la permanenza presso il Quartiere Terradeo delle 6 famiglie in oggetto, dando contestualmente piena attuazione alle ordinanze sopracitate;

STABILITO, pertanto, che le opere abusive vengano sostituite da soluzioni abitative mobili a norma di legge;

CONSIDERATO che, alla luce delle considerazioni socio-economiche suesposte, le 6 famiglie destinatarie delle ordinanze non sono, attualmente, in grado di procedere con risorse finanziarie proprie all'acquisto delle case mobili;

RITENUTO di anticipare le somme occorrenti per tali acquisti, con onere di restituzione entro il giorno 30 di ogni mese, a carico delle famiglie, con diritto di riscatto all'atto del saldo della intera spesa sostenuta dall'Amministrazione a favore delle famiglie medesime;

STABILITO che ciascun nucleo famigliare dovrà impegnarsi preventivamente, sottoscrivendo un apposito accordo, al rimborso del debito maturato con l'Amministrazione Comunale;

RITENUTO, infine, di demandare ai Responsabili dei Settori coinvolti nell'attuazione dell'intervento oggetto del presente atto, gli adempimenti necessari per quanto di propria competenza, come di seguito indicato:

· l'organizzazione dell'intervento di rimozione delle opere realizzate abusivamente, a cura del Settore Lavori Pubblici;
· la predisposizione degli atti relativi all'acquisto delle 6 case mobili, a cura Settore Economico e Finanziario;
· la rilevazione delle misure delle 6 piazzole oggetto dell'intervento di cui sopra, a cura della Polizia Locale;

· l'assistenza ai 6 nuclei famigliari in questione, a cura del Settore Servizi alla Persona;
VISTI gli allegati pareri di regolarità tecnica e di regolarità contabile resi ai sensi dell'art. 49 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267;

DELIBERA

1. di predisporre un intervento a favore di 6 nuclei famigliari residenti presso il "Quartiere Terradeo" di Buccinasco, garantendo la permanenza dei nuclei medesimi presso il Quartiere e dando, contestualmente, piena attuazione alle ordinanze citate in premessa;
2. di demandare ai Responsabili dei Settori coinvolti nell'attuazione dell'intervento oggetto del presente atto, gli adempimenti necessari per quanto di propria competenza, come di seguito indicato:

· l'organizzazione dell'intervento di rimozione delle opere realizzate abusivamente, a cura del Settore Lavori Pubblici;
· la predisposizione degli atti relativi all'acquisto delle 6 case mobili, a cura Settore Economico e Finanziario;
· la rilevazione delle misure delle 6 piazzole oggetto dell'intervento di cui sopra, a cura della Polizia Locale;
· l'assistenza ai 6 nuclei famigliari in questione, a cura del Settore Servizi alla Persona;

3. di dare atto che ciascuno dei 6 nuclei famigliari dovrà impegnarsi preventivamente, sottoscrivendo un apposito accordo, al rimborso della spesa anticipata dall'Amministrazione Comunale, con diritto di riscatto all'atto del saldo del debito.


Oggi è stata pubblicata sull'albo pretorio, del Comune di Buccinasco, la delibera, che alleghiamo (vedi sopra ndr), del Commissario Straordinario n° 84/ 03.10.2011 che recepisce quanto fino ad ora concordato negli incontri avvenuti fra l'Associazione Apertamente e il Commissario Straordinario, presente il Sub Commissario.

Scongiurato l'intervento delle "ruspe", definito il quadro degli interventi da fare, assegnati gli incarichi si passa alla fase esecutiva.
Prima la scelta delle Case Mobili più idonee, poi lo smontaggio delle attuali Casette, l'allocazione delle nuove abitazioni nel rispetto delle leggi correnti, nei tempi concordati.

Contemporaneamente è stato aperto il confronto col Parco Agricolo Sud per finalmente normare tutto il Campo. Come stiamo chiedendo dal 2004.

In tutti questi passaggi vengono coinvolti giornalmente da parte di Apertamente la totalità degli abitanti del Q.re Terradeo.

Riteniamo comunque utile mantenere attiva la rete di sostegno alle nostre proposte sino al raggiungimento di una equa soluzione.

Per Apertamente

Ernesto Rossi- Augusto Luisi

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/10/2011 @ 09:52:22, in blog, visitato 1478 volte)

Da Coopofficina (forse il prof. Guarnieri sarà noioso e monotematico, ma possiamo dargli torto?)

Tante persone ed organizzazioni tentano di "aiutare" la popolazione romanì a superare disagi e difficoltà sociali, culturali ed economici. Ma se da troppo tempo e troppo spesso questo "aiuto" si trasforma in un disastro una motivazione deve pur esserci.

Le assenze di conoscenza e di partecipazione attiva e professionale dei rom sono motivazioni concrete della grave condizione della popolazione romanì.

Ma i danni prodotti nel passato, ed ancora oggi, alle comunità romanì, portano a pensare anche ad altre motivazioni e responsabilità che spesso sfuggono all'attenzione senza un'analisi professionale ed onesta, senza una serena autocritica.

Responsabilità delle numerose ricerche che hanno descritto e descrivono una realtà romanì stereotipata e quindi falsa, e sulla base di queste ricerche sono state attivate politiche NON coerenti alla realtà ed ai bisogni reali.

Responsabilità di una partecipazione come un mezzo degli stessi rom, che per un pugno di mosche si sono prestati a realizzare il danno alla collettività romanì e non.

Responsabilità della politica e delle istituzioni che non vogliono dialogare direttamente con le professionalità e le organizzazioni rom, credibili e documentati.

Certamente tutti riconoscono che le politiche attivate nel passato per la popolazione romanì erano sbagliate e concordano che le principali motivazioni del fallimento sono da attribuire:

  1. all'assenza di partecipazione attiva e propositiva, credibile e professionale dei rom
  2. alla diffusione di una falsa conoscenza interpretativa del mondo romanò che ha portato alla proposta ed alla realizzazione di politiche sbagliate, impedendo l'evoluzione della cultura romanì

Quindi dovrebbe scattare l'applicazione della più elementare regola democratica ed antidiscriminatoria: in qualsiasi iniziativa avviata per le comunità rom e sinte la Federazione romanì, rappresentatività romanì credibile e professionale, (o altra documentata rappresentatività romanì) deve essere co-protagonista attiva e propositiva a tutti i livelli.

Ma cosi non è ...

forse perché le persone rom/sinte che possiedono conoscenze e competenze danno fastidio, come danno fastidio le organizzazione rom credibili e professionali con un chiaro progetto politico.

Deve pur esserci una motivazione che porta le persone e le organizzazioni a trasformare un tentativo di aiuto alla popolazione romani in un disastro.

Potrei citare tante iniziative pubbliche, anche recenti, in cui la popolazione romanì è stata ignorata oppure è stata considerata SOLO folclore e/o arredamento, mentre è ignorata la partecipazione attiva e qualificata:

  1. La commissione diritti umani del Senato della Repubblica lo scorso anno ha promosso, attraverso le audizioni e qualche visita "speciale", una iniziativa di ricerca sulla realtà rom in Italia per stilare un rapporto. I diretti interessati (le professionalità e le organizzazioni rom) non sono stati ascoltati. Il rapporto viene presentato con orgoglio dalla Commissione del senato, ma è lontana anni luce dalla realtà, dai bisogni della popolazione romanì e dalle soluzioni politiche da avviare.
  2. Lo scorso 01 Ottobre un'associazione impegnata nel contrasto alla discriminazione ha promosso a Roma un folcloristico "pride rom" senza coinvolgere nessuna organizzazione rom italiana nella promozione dell'iniziativa. Questo è il modello di contrasto alla discriminazione quando si tratta di rom.
  3. Nei prossimi giorni a Roma presso il Senato della Repubblica e Comune di Roma le Fondazioni europee organizzano un Forum sull'inclusione delle comunità rom, MA tra i relatori non c'è traccia di professionalità ed organizzazioni rom d'Italia. Parlano e sparlano di rom, senza i diretti interessati, senza interlocutori rom credibili e professionali. Questo è il modello di inclusione delle comunità rom.
  4. Viene promosso un incontro in Vaticano della popolazione romanì con il Santo Padre Benedetto XVI° senza coinvolgere una rappresentatività romani nella programmazione dell'iniziativa. I diretti interessati sono stati chiamati per fare folclore, arredamento, e per confermare pregiudizi e stereotipi. Hanno promosso questo incontro per dare visibilità ai bisogni della popolazione romanì oppure per cercare autoreferenzialità sul mondo rom? Questo è il modello di partecipazione quando si tratta di rom.

ecc. ecc.

E' possibile parlare e sparlare della popolazione senza i diretti interessati?

Senza alcun dubbio due sono gli obiettivi reali di queste iniziative:

- DELEGITTIMARE i diritti utili alla popolazione romanì

- LEGITTIMARE stereotipi e pregiudizi

Circa un anno fa il Consiglio d'Europa approva la Dichiarazione di Strasburgo, un piano di azioni finalizzato a migliorare l’integrazione economica e sociale della popolazione romanì.

In questo piano di azioni "il Consiglio d'Europa indica in particolare quelle misure finalizzate alla partecipazione di rappresentanti rom in meccanismi decisionali che direttamente li riguardano."

Si tratta di una giusta risposta alle cause del fallimento delle politiche sbagliate del passato, ma "si predica bene e si razzola male".

E' possibile che il Consiglio d'Europa organizzi in Italia un corso di formazione per mediatori culturali rom/sinti, quando nel nostro paese ci sono circa 400 mediatori culturali rom senza una occupazione?

E' possibile che il Consiglio d'Europa avvii questa iniziativa di formazione in Italia senza coinvolgere le rappresentatività romanì Italiane, ed in particolare la Federazione romanì?

E' possibile ... lo ha fatto ...

senza un criterio di scelta dei corsisti, hanno "raccolto" per l'Italia alcuni rom (e non rom!), hanno composto la classe pur di avviare un corso di mediatori culturali.

Requisiti, prerequisiti, profilo professionale, ecc. dei corsisti sono questioni determinanti in un corso di formazione, ma diventano trascurabili quando si tratta di "zingari".

L'importante è spendere qualche milione di euro anche se non produrrà risultati utili né alla popolazione romanì, né alla collettività (in modo che si possa rafforzare il pregiudizio che "i rom non vogliono integrarsi"), ma che certamente pagherà compensi ai docenti del corso e rimborso delle spese ai corsisti.

Mi chiedo se ha senso promuovere un corso di formazione per mediatori culturali rom quando in Italia ci sono circa 400 mediatori culturali rom (formati nei decenni scorsi) in grandissima parte disoccupati e qualcuno impegnato come manovalanza nei "progettifici".

Non era forse il caso di utilizzare le risorse del corso di formazione per dare maggiore professionalità e lavoro ai mediatori culturali Rom già formati?

  • Nell'attuale contesto della società italiana la mediazione culturale è la risposta giusta ai bisogni della popolazione romani?
  • E' possibile mediare tra culture diverse?
  • Oppure si media il perseguimento del massimo interesse possibile per una cultura?
  • Allora quale modello di mediazione culturale romanì?
  • Quali conoscenze e competenze deve acquisire un mediatore culturale romanò?

Se i responsabili del Consiglio d'Europa avessero coinvolto attivamente la Federazione romanì (o altra rappresentatività italiana che conosce con professionalità la realtà romanì in Italia) NON avrebbe messo in atto una iniziativa inutile e dannosa alla causa romanì.

Se anche il consiglio d'Europa trasforma un tentativo di aiuto alla popolazione romani in iniziative senza alcuna utilità alla collettività, allora vuol dire che la questione è molto grave per la popolazione romanì.

CONCLUSIONI

Concludo questa riflessione nella speranza che possa essere uno stimolo al cambiamento rispetto al passato, la Federazione romanì è sempre disponibile al confronto chiaro, onesto e finalizzato a migliorare le condizioni della popolazione romanì.

E' fin troppo evidente che la popolazione romanì è "trattata" come un osso da spolpare con qualsiasi metodo e con qualsiasi mezzo.

Ho molti motivi per essere convinto che attorno alla "causa romanì" circolano troppi interessi e soldi per iniziative troppo spesso inutili e dannosi alla quotidianità delle famiglie rom e per una evoluzione della cultura romanì; INTERESSI e SOLDI che attirano "predatori" per nulla interessati al presente ed al futuro del popolo romanò.

Spero che amici del popolo rom e le persone rom siano consapevoli del danno e sappiano evitare le incomprensioni con risposte chiare e pubbliche, e non cadere nella trappola per un fico secco.

Spero che le istituzioni europee e Italiane si decidano a definire con chiarezza il ruolo attivo delle professionalità e delle organizzazioni rom/sinte e valutare la proposta di modifica delle modalità di accesso ai fondi destinati alla nostra popolazione.

Rivolgo un appello agli amici del nostro popolo per sostenere il progetto politico della Federazione romanì e la "causa romanì" con la promozione della partecipazione attiva a propositiva, credibile e professionale a tutti i livelli, ed aiutarci nella preparazione del secondo congresso delle comunità rom e sinte, in programma per il mese di Aprile 2012.

Dr. Nazzareno Guarnieri – Presidente Federazione romanì

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/10/2011 @ 09:24:24, in Regole, visitato 1086 volte)

Articolo tutto sommato divertente e paradossale quello de La Provincia di Varese.

Molto italiano, soprattutto, indicate tutte le nazionalità coinvolte: mi sorge però un dubbio su che nazionalità sia quella sinta e da chi sia riconosciuta presso l'ONU (insomma c'è sempre chi è meno italiano degli altri). Una svista grammaticale (almeno spero che lo sia!) fa sì che sia stato condannato anche il povero singalese che ha provato ad inseguire i rapinatori. Non si capisce se la vittima del furto debba essere classificata italiana oppure padana.

Veniamo però a sapere che in assenza di nazionalità, la vittima è illustre, anzi: nientepopodimenoché è la moglie dell'attuale Ministro degli Interni (padano o italiano? Mi resta il dubbio). Fatto l'elenco della refurtiva, l'articolo non può fare a meno di notare che le indagini (padane o italiane che siano), sono state quantomeno "sollecite" in questo caso (o sollecitate?). Insomma, questi scalcagnati borseggiatori (per cui istintivamente provo simpatia) hanno avuto sfiga, più o meno come quando in Sicilia qualche piccolo balordo, senza saperlo, pesta i piedi ad un mafioso locale.

Ultima annotazione: furto commesso il 17 novembre 2010, arrestati il 3 febbraio, l'articolo è del 3 ottobre. O la giustizia nel frattempo ha ripreso il suo passo abituale, o nella redazione in quella provincia non hanno molto da fare.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 05/10/2011 @ 09:45:20, in scuola, visitato 2527 volte)

Il caso all'istituto don Bosco, a largo Preneste. Per Giorgio De Acutis, responsabile di Casa per i diritti sociali, il blocco della frequenza è un'anomalia: "E il campo dove vive il ragazzino, il River, è uno a maggior tasso di scolarizzazione"

"Qui non c'è posto, vai da un'altra parte". È questa la risposta che Ibrahim, un quindicenne abitante del campo nomadi River, sulla Tiberina, avrebbe ricevuto pochi giorni fa dall'istituto don Bosco, a largo Preneste. Dove il giovane, lo scorso anno, ha frequentato il primo anno del corso da tornitore. Il ragazzo è nell'età dell'obbligo scolastico, non si spiega la decisione della scuola.

Ibrahim, nato in italia da genitori macedoni, l'anno scorso è stato bocciato. Qualche giorno fa è tornato a scuola ma: "Mi hanno detto: non c'è posto per te e mi hanno consigliato di andare in un altro istituto in zona Tiburtina-Rebibbia". Solo che quella zona non è servita dallo scuolabus che ogni mattina raccoglie gli studenti del campo: "E io lì come ci arrivo?".

In difesa del ragazzo è intervenuta Sveva Belviso, vicesindaco e assessore alle Politiche sociali di Roma, che stamattina ha visitato proprio il camping River in occasione dell'elezione dei rappresentanti. "Ibrahim - ha detto la Belviso - è un esempio positivo, vuole andare a scuola e noi vogliamo garantirgli il diritto-dovere di studio, anche perché abbiamo grande difficoltà nella scolarizzazione dei ragazzi rom dopo le elementari". Per questo, ha detto il vicesindaco, "parleremo col preside della scuola per trovare una soluzione, ma siamo sicuri che sia un semplice problema amministrativo".

L'iscrizione dell'alunno straniero nelle classi della scuola può avvenire in ogni momento dell'anno e quindi anche se è già iniziato. Secondo la Croce Rossa il problema nei campi nomadi a Roma "diventa sempre più difficile. A Milano, il numero dei rom non arriva a mille. A Roma, sono dai 7mila ai 9mila". Di questi, oltre il 60 per cento sono minorenni.

La scolarizzazione, fa sapere la Croce Rossa, funziona solo per le scuole primarie. L'abbandono scolastico inizia nelle scuole medie inferiori, anche se molti adolescenti risultano iscritti.

Per Giorgio De Acutis, responsabile di Casa per i diritti sociali, il rifiuto della frequenza di Ibrahim è un'anomalia: "Il River è uno dei campi con il maggior tasso di scolarizzazione. Sono oltre 200 i bambini e i ragazzi iscritti a scuola tra i 5 e 16 anni, su un totale di circa 400 persone. Ciò è spiegato dal fatto che le mamme sono molto partecipi e gli insegnanti tendono a responsabilizzare le famiglie del campo della Tiberina".

(29 settembre 2011)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 05/10/2011 @ 09:41:52, in Italia, visitato 1381 volte)

Lunedì 10 ottobre 2011, alle 11
presso la Sala Igea, piazza dell'Enciclopedia Italiana, 4 – Roma


Il Centro europeo per i diritti dei rom (Errc) e l'Associazione 21 luglio presenteranno i due rapporti sui diritti dell'infanzia e delle donne rom recentemente inviati alle apposite Commissioni delle Nazioni Unite.

Le due associazioni hanno condotto specifiche ricerche sulla situazione delle donne e dei bambini rom in Italia. Da entrambe le analisi emerge ancora una volta la palese violazione dei diritti della comunità rom e sinte in Italia. Nonostante i provvedimenti straordinari, continua a mancare per i rom in Italia la garanzia di una sistemazione abitativa adeguata. Mancano inoltre progetti mirati per favorire l'integrazione con gravi ripercussioni per i soggetti più deboli: i minori e le donne.

La pratica degli sgomberi forzati (154 tra marzo e maggio 2011 nella sola Roma, per un totale di 1800 persone coinvolte) non è stata accompagnata da nessun miglioramento delle condizioni abitative della comunità rom. Questi interventi, che si traducono in continui trasferimenti forzati delle famiglie, ostacolano poi la frequenza scolastica dei minori. Anche le condizioni igieniche e sanitarie sono spesso inadeguate: studi sul campo hanno dimostrato che una percentuale crescente di bambini cresciuti in queste condizioni manifesta disturbi del sonno e dell'attenzione, ansia, iperattività e ritardi nell'apprendimento, tutti problemi destinati ad aggravarsi durante l'adolescenza e l'età adulta.

Per quanto riguarda le donne, un alto numero delle intervistate da parte dell'Errc ha raccontato di aver subito maltrattamenti e minacce da parte delle forze di polizia e violenze domestiche, violenze quasi mai denunciate per il timore di ritorsioni. Per le donne rom, inoltre, anche l'accesso all'istruzione e all'impiego risulta fortemente ostacolato. Un altro problema, troppe volte ignorato, riguarda infine la pratica dei matrimoni precoci.

Durante l'incontro saranno discusse le osservazioni conclusive delle due Commissioni, Cedaw (Comitato per l'eliminazione delle discriminazioni contro le donne) e Crc (Comitato per i diritti dell'infanzia), delle Nazioni Unite e le preliminari risposte del governo italiano.

Alla presentazione dei due rapporti interverranno Dezideriu Gerley, (direttore dell' Errc), Carlo Stasolla (presidente dell'Associazione 21 luglio) e Concetta Smedile, (ricercatrice presso Errc e coordinatrice della ricerca sulla situazione delle donne rom in Italia).

Si prega confermare la partecipazione entro il 6 ottobre c.a.

Sinan Gökçen
ERRC Media and Communications Officer
sinan.gokcen@errc.org
Mob.: +36.30.500.1324

Daniela Sala
Ufficio stampa Associazione 21 luglio
ufficiostampa@21luglio.com
Mob.: +39.329.6769773


Una precedente segnalazione che potrebbe tornare utile (ndr)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 04/10/2011 @ 09:58:30, in Italia, visitato 1198 volte)

Tanto per ripetere cose dette e stradette

RomaToday

"Inutile e dannosa la politica degli sgomberi spot senza proporre alternative a donne e bambini che si trovano in condizioni drammatiche", denuncia Corbucci - di Redazione 01/10/2011

"Il Sindaco deve avere il coraggio di venire in strada su via Salaria, il giorno dopo gli sgomberi, per vedere le condizioni in cui ha ridotto questi quartieri con bambini di pochi anni buttati per terra lungo i marciapiedi, donne che allattano su giacigli di fortuna, decine di persone che dormono in macchina, senza viveri ed abiti. Il tutto mentre la prostituzione di strada continua a fare affari in mezzo a questa miseria e desolazione" lo dichiara in una nota Riccardo Corbucci, vicepresidente del consiglio del IV Municipio.

"Oggi, insieme a cittadini volontari del quartiere, abbiamo realizzato un servizio fotografico che invieremo al Sindaco Alemanno e al vicesindaco Belviso perché si rendano conto di quanto sia inutile e dannosa la politica degli sgomberi spot, quelli che vengono realizzati senza proporre alternative a donne e bambini che si trovano in condizioni drammatiche" spiega Corbucci "un vero e proprio esodo su e giù per la Salaria, con i quartieri di Villa Spada e Castel Giubileo che si ritrovano tante persone costrette a rovistare nei secchioni della spazzatura e a dimorare sui marciapiedi. A cosa servono gli sgomberi dei campi abusivi senza una programmazione? A mettere intere famiglie sul marciapiede? Se Alemanno non ci crede venga a vedere di persona, non faccia come il Presidente del IV Municipio Cristiano Bonelli che da queste parti non si vede più da molto tempo".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 04/10/2011 @ 09:13:19, in Europa, visitato 2563 volte)

10 e 11 Ottobre 2011 Università Torino, Fac. Lingue e Letterature straniere - Via Verdi 10
XXIV CONVEGNO NAZIONALE A.I.Z.O. rom e sinti
in occasione del 40° anniversario dell'Associazione Italiana Zingari Oggi.

Organizzato in concomitanza con le celebrazioni dei 40 anni dell'Associazione, il convegno, a cui parteciperanno studiosi da tutta Europa, intende ricordare una tragedia, il genocidio di rom e sinti durante la II guerra mondiale, troppo spesso dimenticata, attraverso testimonianze e resoconti storici. Il convegno darà modo, inoltre,  di riflettere sulle nuove intolleranze che stanno emergendo nella società odierna.

PROGRAMMA:

10 ottobre I PARTE h. 09,00

Saluto delle autorità

  • Dott. Piero Fassino, Sindaco di Torino
  • Dott.ssa Paola Bragantini, Presidente Circoscrizione 5
  • Prof. Paolo Bertinetti, Preside Facoltà Lingue e Letterature Straniere, Università di Torino

Presentazione del Convegno: Jonko Jovanovic, vice presidente nazionale A.I.Z.O.
Presiede: Maria Teresa Martinengo, La Stampa 40 anni di fondazione A.I.Z.O., una storia da raccontare, una passione da trasmettere
Testimonianze Kuse Mancini

h. 13,00 Pranzo

II PARTE h. 14,30

Ripresa lavori
Presiede: dott.ssa Stefanella Campana, giornalista, Vicepresidente Paralleli Istituto Euromediterraneo del Nord Ovest

  • Lo sterminio dei rom e sinti d’Europa prof. Rajko Djuric, scrittore già presidente Romani Union International
  • Il Gypsy Camp ad Auschwitz e  la presenza dei rom nei lager ebrei, prof. Slawomir Kapralski sociologo, studioso dello sterminio rom (Polonia)
  • Le persecuzioni in Romania Luminita Cioaba, presidente fondazione "Ion Cioaba" (Romania)
  • "Qui non ci sono bambini" (gli esperimenti dei medici nei lager) prof. Erasmo Maiullari, docente di chirurgia pediatrica, Università di Torino
  • I crimini jugoslavi sotto il regime degli Ustasha dott. Haliti Bajram, scrittore rom (Kosovo)
  • Jasenovac, Donja Gradina, Ustica dott. Saša Aćić Coordinatore della C.I. per la verità su Jasenovac

11 ottobre III PARTE h. 9,00

  • Un viaggio nel dolore, l’esile filo della memoria dott.ssa Carla Osella, Presidente A.I.Z.O.
  • I luoghi della memoria, il Porrajmos in Polonia prof. Adam Bartosz, direttore musei di Tarnow (Polonia)
  • Il caso dei bambini jenish rapiti dalla Pro Juventute dott.ssa Silvana Calvo, Svizzera ricercatrice
  • Il mio nome è Uschi Uschi Waser, Svizzera
  • La tendenza a minimizzare il Porrajmos prof. Jan Hancock, membro del Consiglio del memoriale dell’Olocausto negli USA  Università di Austin, Texas
  • Lo sterminio della mia famiglia m.o. Jovica Jovic
  • L’internamento di una minoranza durante il fascismo dott.ssa Giovanna Boursier, storica e giornalista Rai
  • Il conflitto bellico in ex Jugoslavia e gli aspetti etnici dott. Jovan Damjanovic, Deputato Repubblica di Serbia
  • Rapporto dell’indagine sulla condizione di rom, sinti e caminanti in Italia, on. Letizia De Torre Commissione Cultura, Scienza e Istruzione Camera dei Deputati

h. 13,00 Pranzo

h. 14,30 Ripresa lavori.
Presiede: dott. Gabriele Guccione, giornalista

  • I ghetti mentali prof. Maria Teresa Mara Francese Università di Torino
  • Una comunità sotto assedio dott.ssa Gabriella De Luca presidente A.I.Z.O. di Catanzaro
  • L’intervento dell’UNAR a tutela della parità di trattamento di rom e sinti Avv. Olga Marotti, UNAR

Testimonianze
Dall’esclusione alla cittadinanza prof. Marcella Delle Donne, Università La Sapienza di Roma

h. 18,00 CHIUSURA CONVEGNO

Durante il Convegno sarà proiettato il documentario della regista Cioaba "Roma tears" (Lacrime rom).
Nei locali dell’Università sarà allestita nei giorni del Convegno una mostra fotografica: "Rom e sinti, il genocidio dimenticato"

Per raggiungere la sede del Convegno:
Dall’Autostrada Torino-Milano: uscire all’ultima uscita, imboccare Corso Giulio Cesare e proseguire verso il centro.
Dalla stazione F.S. Porta Nuova: linee GTT 68 direzione Cafasso o 61 direzione Mezzaluna, scendere alla fermata Via Po.
Per partecipare al Convegno è necessario iscriversi scrivendo a: aizoonlus@yahoo.it
Fax: 011740171
Per info: 0117496016 - 3488257600

Il Convegno è realizzato grazie al contributo della Compagnia di San Paolo di Torino.
Il servizio di catering è offerto da Nova Coop e Meeting Service.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


17/10/2021 @ 03:08:07
script eseguito in 63 ms

 

Immagine
 Thomas Hammarberg in visita a Milano per verificare la situazione dei Rom... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 1542 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< ottobre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
OFFERTA DI PRESTIT0 GRATUITO klauscampregher21@gma...
14/10/2021 @ 14:28:34
Di klauscampregher
OFFERTA DI PRESTIT0 GRATUITO klauscampregher21@gma...
14/10/2021 @ 13:14:11
Di klauscampregher
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2021 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source