Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare

Federico Fellini
-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 07/02/2010 @ 09:38:04, in casa, visitato 1821 volte)

Segnalazione di Lina Bertorello (Le puntate precedenti QUI)

E' passato un anno dal febbraio 2009, quando la bidonville rrom sotto il ponte autostradale di Gazela, a Belgrado, fu vittima di un terribile incendio. Il sindaco approfittò dell'occasione per espellerne tutti gli abitanti. In aprile, vennero abbattuti i baraccamenti illegali del Blocco 67, a Nuova Belgrado. Il sindaco continua le sue operazioni di "pulizia sociale", ma i Rrom cacciati in provincia muoiono di fame e di freddo. Reportage a Vranje. Par Goran Antić

Vista del vecchio campo rrom di Gazela

Il solo accesso all'accampamento improvvisato di Vranje, 350 chilometri a sud di Belgrado, è un percorso fangoso che sale per la collina. Gli stessi abitanti hanno scavato dei percorsi nella terra per arrivare ai loro ripari.

La casa dove alloggiano Nasser Kamberi, 38 anni, sua moglie ed i loro tre bambini, due ragazze ed un ragazzo, è tipica: pareti nude senza intonaco, un tetto di lamiera coperto di plastica. I suoi bambini poco vestiti corrono nella neve del mese di gennaio, mentre i loro vestiti di ricambio, vecchi e strappati, si asciugano su una corda stesa.

"I bambini non possono andare a scuola in questa maniera, hanno vergogna di essere sporchi e malvestiti. Prima, a Belgrado, andavano a scuola. Qui, non hanno niente, né quaderni, né libri, né matite," spiega Irinka, la moglie di Nasser.

La vita era dura a Belgrado nell'accampamento illegale stabilito sotto il ponte di Gazela, ma la comunità si organizzava, faceva piccoli lavori, raccoglieva vecchi cartoni, faceva la selezione dei rifiuti per il riciclaggio.

Ascoltate il nostro servizio sonoro su Balkanophonie: Belgrade : hiver 2009, les Rroms de Gazela chassés par un incendie (in francese ndr)

Invece, a Vranje, non c'è nulla da fare. "Non c'è lavoro. I nostri bambini crepano di fame e viviamo di carità," racconta Nasser.

Le autorità di Belgrado hanno giustificato la pulizia dell'accampamento con la necessità di fare piazza pulita per la ricostruzione del ponte, che farà parte del famoso corridoio 10, che attraversa la capitale serba.

La decisione di spostare i Rrom è stata presa nel 2007, quando la Banca Europea per lo Sviluppo e la Ricostruzione (BERD), ha dato il suo benestare per assegnare i fondi per la ricostruzione del ponte alla condizione di spostare la gente che vi viveva sotto.

I Rrom sono stati ripartiti in diversi luoghi in provincia, secondo i loro vecchi indirizzi di residenza, con la promessa che le autorità locali li accogliessero in condizioni rispettabili.

I Rrom si sono lamentati delle loro condizioni presso le autorità serbe

Quanti si trovano a Vranje si sono lagnati presso il Ministero del Lavoro e gli Affari Sociali, denunciando le loro attuali condizioni di vita. La sola risposta che hanno ricevuto è stato che gli enti locali erano responsabili e dovevano occuparsi di loro.

l comune di Vranje sostiene di aver ricevuto più famiglie di quante aspettava e che non aveva fondi per occuparsi di tutti.

La famiglia di Dino Kamberović che conta tre persone fa parte di questi nuovi arrivi. Ha ricevuto un'assegnazione di realloggiamento da parte del governo di 140.000 dinari (circa 1500 euro), ma il denaro è scomparso molto rapidamente.

"Il denaro è finito in un batter d'occhio. Non avevamo più nulla ed avevamo bisogno di tutto. Ho speso denaro per mangiare, per gli abiti, per il riscaldamento e per il materiale scolastico di mio figlio di 10 anni", spiega Dino che non ha lavoro e la cui famiglia deve sopravvivere con gli aiuti sociali di 15.000 dinari al mese (circa 160 euro).

Miroslav Iljazović e le sei persone che compongono la sua famiglia vivono affianco, in una baracca senza finestre con un uno tetto in lamiera. Ha ricevuto soltanto 31.000 dinari (circa 300 euro) d'aiuto sociale in quest'ultimi sei mesi, e tutto è stato speso per comperare da mangiare.

È la stessa cosa per Velija Kamberović. Di 20 anni soltanto, è già il padre di quattro bambini che si appendono alle sue gambe e chiedono di mangiare. "Mangiamo una volta al giorno ed è magra. È duro per noi perché non abbiamo l'acqua corrente; i bambini si lavano una volta al mese".

A Vranje, sono arrivate persone due volte di più rispetto a ciò che era previsto

I Rrom si sono lamentati più volte della loro situazione presso gli enti locali ed il Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali, ma nessuno ha prestato attenzione alla loro sorte. Il ministero li rinvia ai sindaci, ma lì non ottengono più attenzione. L'ultima volta che una delegazione è andato dal sindaco di Vranje, le guardie di sicurezza li hanno gettati fuori.

Branimir Stojancić incaricato degli affari sociali del sindaco di Vranje, ripete che ci sono più persone che sono arrivate per essere rialloggiate che non c'erano persone iscritte. "Avevamo una lista di 13 famiglie, e ne sono arrivate 29. Ci sono 16 famiglie che non erano iscritte e non possiamo aiutare tutta questa gente".

Le autorità provano a conservare un legame con questi nuovi arrivi. Il giorno di Vasilica, la festa celebrata da tutti i Rrom in occasione del nuovo anno ortodosso, il 13 gennaio, gli eletti locali hanno offerto cognac ai residenti del campo rrom di Gornja Čaršija.

Naser Kamberi non ha proprio apprezzato questo regalo. "Non abbiamo nulla da mangiare ed il sindaco ha denaro per offrirci cognac! Non ho bisogno di cognac, ho bisogno di prodotti alimentari, di abiti e di libri per i miei bambini! Avrebbero almeno potuto dare un pacco di Natale ai bambini".

A Belgrado, la ricostruzione del ponte Gazela non è ancora cominciata. I lavori potrebbero iniziare in primavera.


Allego un video con sottotitoli in inglese, trasmesso dalla rete serba RTS

Roma in Europe / EBU Documentary / MIGRATION from Milutin Jovanovic on Vimeo.

Gagi è residente nel nuovo insediamento rom. Qui risiedono i Rom che per decisione dell'Assemblea Cittadina di Belgrado, cinque mesi prima, li spostò dall'insalubre accampamento posto nelle adiacenze del ponte "Gazela". Guardando le riprese della squadra della Radio Televisione Serba - RTS che diverse volte registrava pellicole, a Gagi è cresciuto il desiderio di girare un film sui suoi vicini ed amici.

Gagi si fece prestare una videocamera ed andò a filmare. Però i vicini erano molto più propensi a parlare quando la videocamera era spenta, rispetto a quando Gagi con la videocamera accesa li interrogava sulla loro vita ed i problemi che affrontavano. Si può respirare l'atmosfera nell'insediamento attraverso le sue conversazioni con i vicini. Nelle parti dove non vengono date le risposte concrete, secondo il giudizio di Gagi, è lui stesso che si pone di fronte alla videocamera, spiegando lui stesso più dettagli della situazione.

Era intenzione di Gagi che il film fosse visto da qualcuno di RTS perché venisse trasmesso in TV. Spera che Milutin, il direttore film di RTS, lo aiuti. Milutin, [...] segue Gagi riprendendolo a su a volta nei sui sforzi di registrare la vita del suo nuovo insediamento. Storia ruvida su Gagi, le sue ambizioni, sui Rom ed i loro problemi, intervallata da diverse situazioni comiche [...]

Production RTS, December, 2009

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/02/2010 @ 09:30:52, in musica e parole, visitato 1417 volte)

Segnalazione di Juan Garcia Santiago

 Amalgama (♫) Flamenco Gitano (Hindustán/India & España)

Fotos: Culturas de India/ Gitanos/ Fusión.
Música: "Amalgama & Karnataka College of Percussion -
Ramamani (Vocales, Konakol)
Charo Manzano (Vocales)
Sheshikumar ( Kanjira)
Tunsi Beyer ( Ghatam, Tabil)
Xavi Turull (Tabla, ghatam, berimbau)
Juan Parrilla (flauta)
Jesús Losada (Guitarra Flamenca)
Antonio Ramos (Bajo)
Pau Martinez ( Congas)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 06/02/2010 @ 09:38:56, in blog, visitato 1453 volte)

Roma, iniziata la demolizione del Casilino 900
Al via la demolizione del Casilino 900: alle dieci di questa mattina, la prima baracca è stata abbattuta da una ruspa. Dopo il trasferimento di lunedì dei 120 rom da via Salone al "campo" di Castelnuovo di Porto, è partita l'operazione di esodo dal Casilino 900 a via Salone. Il "cam...

Roma, piano rom: Sant'Egidio sbatte la porta
Trasferiti contro la loro volontà e minacciati. Il "piano nomadi" è appena partito e, dopo le proteste di ieri in via Salone e gli abbattimenti delle prime baracche del Casilino 900 di oggi, si registra una clamorosa rottura. Il sindaco Gianni Alemanno plaude soddisfatto alla realizzazione di un ...

Roma, Najo Adzovic: data storica ma rimangono perplessità e paure
«Questa è l'occasione per fare una vita migliore dopo 16 anni vissuti al Casilino 900, e per essere spostati in un campo più igienico e attrezzato dove abbiamo anche alcuni parenti che ci aspettano. Siamo contentissimi». Sono le parole di Hakija Husovic, portavoce d...

Roma, la chiusura del Casilino 900? Uno spot elettorale
Situazione molto particolare si è creata a Roma con l’attuazione del cosiddetto “piano nomadi”, strutturato dal Comune e dalla Prefettura. Il primo dato che emerge è che i Rom non sono stati fatti partecipi di quanto stava succedendo, con il risultato che permangono paure e diffidenze. Ma non solo perché si è mortificato un processo partec...

Django, una piazza di Parigi per celebrare il più grande musicista sinto a cent'anni dalla sua nascita
Una piazza di Parigi, nel Nord della città, a due passi dal più celebre mercato delle pulci, quello della Porta di Clignancourt (XVIII arrondissement), ora porta il nome di Jean Baptiste Reinhardt, soprannominato Django (nella foto grande), il ...

Mantova, Porrajmos - Binario 1
Numerose sono le iniziative per il Giorno della Memoria, organizzate nella Provincia di Mantova. Come ogni anno l’associazione Sucar Drom, l’Istituto di Cultura Sinta e le Comunità sinte e rom mantovane invitano tutti alla commemorazione del P...

Di nuovo Il Giorno della Memoria tra pogrom e violenze contro i Rom e i Sinti
Di nuovo Il Giorno della Memoria sarà celebrato in tutta l’Italia e in tutto il Mondo. Il 27 gennaio 1945 l’Armata Rossa abbatteva i cancelli di Auschwitz ponendo fine alla persecuzione su base razziale subita da Sinti, Rom ed Ebrei in Germania, in Italia e nei P...

Romania, Amnesty International chiede al Governo rumeno di cessare gli sgomberi forzati delle famiglie rom
Amnesty International ha diffuso un rapporto sulla Romania, intitolato ‘Trattati come rifiuti. La distruzione delle case delle famiglie rom e i rischi per la loro salute in Romania’ e ha chiesto alle autorità di Bucarest di porre fine agli sgomberi forzati d...

Torino, una brutta storia
Sola, con padre e fratelli in galera, con una figlia di appena quattro anni e senza un soldo in tasca. Anna (nome di fantasia), giovane madre rom di 22 anni, ha chiesto aiuto a un caro amico di famiglia, un quarantenne italiano residente a Moncalieri. Lui l’ha aiutata, le ha prestato del denaro...

Mantova, il discorso del Sindaco per Il Giorno della Memoria
Mercoledì 27 gennaio si sono tenuti al Bibiena il consiglio comunale e provinciale congiunti al Bibiena. L’appuntamento era dedicato alla Giornata della Memoria. Hanno parlato il professor Stefano Levi Della Torre, docente del Politecni...

Guidizzolo (MN), strumentalizzazioni e xenofobia
La questione “Sinti a Birbesi” è deflagrata in maniera violenta in questi giorni nel peggior modo. Qualcuno sia nel cento-destra che nel cento-sinistra ha voluto strumentalizzare in chiave elettorale la volontà di persone serie e per bene, le famig...

Brescia, un progetto abitativo a rischio
La questione “Sinti a Birbesi” si è infiammata sempre di più tra strumentalizzazioni politiche e paure della gente amplificate da agitatori senza scrupoli. Attualmente nel Comune di Brescia è in atto lo scontro intestino tra il Pdl e la Lega Nord (insieme al governo d...

Milano, ennesimo sgombero nell'indifferenza e nel cinismo
Sgomberato a Milano un insediamento abusivo in via Rogoredo, sotto i ponti della Tangenziale Est. Il blitz è scattato alle 7.30 di ieri mattina ed erano presenti anche la Croce rossa e un medico della polizia locale che ha effettuato alcune visite durante l'operazione. Sono stati allontanati 90 r...

Andrea Riccardi: "Roma troppo dura con i poveri"
«A Roma c´è tanta durezza e poca sensibilità verso i più deboli. In questi anni sono aumentate le persone morte per strada e questo è un fatto rivelatore». La denuncia sociale è del fondatore della Comunità di Sant´Egidio Andrea Riccardi ieri al termine della messa ...

Brescia, un dramma frutto dell'ignoranza
Un dramma nel dramma sta scuotendo Brescia e la comunità Rom rumena. Una ragazzina di quattordici anni si è spostata con un ventiduenne, sieropositivo dall’età di cinque anni dopo una trasfusione a Bucarest. La Procura l'altro ieri ha arrestato il giovane, muratore di 22 ann...

Guidizzolo (MN), il Consiglio comunale vara una norma antiSinti
Il pubblico è quello dei grandi eventi. Sono usciti di casa, i guidizzolesi, con il sapore del caffè ancora in bocca e i piumini infilati di corsa sopra le felpe. Che non è il voto al bilancio, che verrà approvato a maggioranza, ad aver attirato decine di persone alla riunione del consig...

Guidizzolo (MN), una pagina nera per Mantova
Nel Consiglio comunale di Guidizzolo si è consumata una delle pagine più tristi della nostra provincia. In sintesi con una decisone lampo sono state modificate le norme urbanistiche per impedire a quattro famiglie di poter risiedere nella frazione di Birbesi, in un terreno ch...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/02/2010 @ 09:01:49, in media, visitato 1406 volte)

In questi giorni ho rischiato la solita indigestione di notizie e buone parole sulla Giornata della Memoria. Non sarebbe male (anzi, credo che il suo scopo sia proprio questo) che questa Memoria si spalmasse su tutto l'anno e non su di una settimana. Riporto l'articolo che segue, perché dopo molte parole giuste e altrettanta retorica, mi sembra una descrizione sintetica e asciutta (un buon bigino, insomma) di cosa successe

Marsal@.it di Giorgia Troiani

Quello che è successo 65 anni fa è ben noto alla memoria collettiva, nonostante ciò penso sia bene ricordarlo ai più giovani e a chi poca memoria storica.
La data simbolica scelta è quella del 27 gennaio, perché proprio quel giorno, nel 1945, le truppe sovietiche dell'Armata Rossa arrivarono presso la città polacca di Auschwitz, scoprendo il campo di concentramento e liberandone i pochi superstiti.
Ad Auschwitz, come negli innumerevoli altri campi di concentramento e di sterminio creati dalla Germania nazista, erano stati commessi crimini di incredibile efferatezza.
Tra il 1939 e il 1945 si consumò in Europa la più grande tragedia della storia, nota col nome di Shoa, cioè lo sterminio del popolo ebreo e, non solo.
Tredici milioni di uomini vennero ridotti in cenere, uccisi, massacrati,
di questi, 6 milioni erano ebrei provenienti dall’Europa centro orientale, dalla Francia, dall’Olanda e dall’Italia, gli altri 7 milioni furono definiti dai nazisti untermenschen, cioè dei sottouomini: rom e sinti, più comunemente detti zingari, disabili, prostitute, alcolisti, omosessuali, malati di mente,
categorie non omologabili alla visione del nazifascismo.
Queste categorie incarnano l’idea di alterità, diversi da tutto ciò che è l’idea di buono. Intollerabile per la cultura nazifascista.
Il nazifascismo si basa su un elemento fondamentale:disuguaglianza tra gli uomini, dimostrata con pretese scientifiche.
Gli ebrei sono coloro che hanno rifiutato il Cristo, che non vogliono accettare la verità, hanno una coscienza attiva.
Mentre per gli zingari si tratta di a-sociali, perché non vivono secondo i criteri della cultura dominante, hanno un’idea altra di come si vive, sono pacifici, hanno valori di maggiore libertà, spregiudicatezza, e apertura nei confronti della vita.
Ancora oggi i rom sono indifesi e pochi sanno che lo status di vittime di nazifascismo non è stato ancora loro riconosciuto.
Quindi i crimini tremendi di violenza, di odio, non furono commessi solo contro il popolo ebraico e gli altri popoli e categorie “diverse”, ma in un certo senso contro tutta l’umanità, perché l’olocausto è stata la sconfitta dell’uomo e della sua intelligenza, giacchè usò il suo sapere per scopi criminali, tramutando quelle conquiste scientifiche e tecnologiche, di cui l’Europa era allora protagonista indiscussa, in strumenti per annichilire e distruggere intere popolazioni.
E’ bene non dimenticare che anche la concezione del fascismo in Italia è stata razzista, basti pensare alle leggi del 1938 in difesa della razza italiana, che causarono l’espulsione di tutti gli ebrei dalle scuole e dagli uffici pubblici.
A guerra finita quando il mondo “si svegliò” si domandò com’era stato possibile quel crimine così violento e soprattutto quali comportamenti e azioni mettere in atto per scongiurare che accadesse di nuovo.
Dalla consapevolezza dei crimini di cui il nazismo si era macchiato nacque nel 1948 la Dichiarazione universale dei diritti umani, promulgata dalle Nazioni Unite con lo scopo di riconoscere a livello internazionale i diritti inalienabili di tutti gli uomini in ogni nazione.
Su questa giornata sono stati scritti libri, articoli, e per me scrivere con la mia piccola penna significa far rivivere la mia memoria storica, perché sono convinta che la memoria serva per il passato, ma anche per il presente per costruire il futuro, un futuro migliore.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 05/02/2010 @ 09:41:43, in Italia, visitato 2113 volte)

L'Espresso di Adriano Botta

La multinazionale francese viene accusata di comportamenti razzisti e di discriminazione dei disabili. Dopo un tam-tam in Rete, è costretta a modificare il sito ufficiale in cui invitava i clienti a segnalare eventuali nomadi vicino ai punti vendita. E intanto alle cassiere viene imposto di andare in bagno solo a una volta ogni quattro ore

Ad accorgersene è stato un blogger milanese, che - lo dice lui stesso - «non ci voleva credere». E invece era vero: tra i possibili disservizi che la catena di grandi magazzini Carrefour invitava a segnalare, c'era anche l'eventuale «presenza di nomadi» nei pressi dei loro punti vendita. Il tutto nel sito ufficiale (italiano) dell'azienda francese, presente con più di diecimila negozi in una trentina di paesi (65 ipermercati solo nel nostro Paese).

Il blogger che ha scoperto la vicenda ci ha riso (amaramente) su, suggerendo di aggiungere anche la possibilità di «segnalare l'eventuale presenza di ebrei, di omosessuali, di cinesi, di marocchini, giusto per non lasciare fuori nessuna categoria da discriminare». Ma, ironie a parte, la "tendina razzista" presente nel sito di Carrefour ha rapidamente fatto il giro della Rete, con inevitabili proposte di boicottaggio.

E così - seppur non ripresa da nessun giornale o canale televisivo - la questione dev'essere arrivata sul tavolo di qualche manager italiano, che ha rapidamente impartito l'ordine di far sparire la scritta razzista. E così è stato: dopo meno di 24 ore dalla prima segnalazione in rete, il sito era stato modificato.

Una grande vittoria per i blog, dunque, che con il loro tam-tam hanno costretto una multinazionale a tornare sui suoi passi.? Forse, ma una vittoria solo a metà, perchè Carrefour ha sì cancellato l'opzione razzista, ma zitta zitta, senza dirlo a nessuno. Nessun comunicato di scuse, nessuna ammissione di responsabilità. Il contrario esatto della trasparenza che oggi i consumatori -che sono anche cittadini - chiedono sempre di più a tutte le aziende.

Non è la prima volta che Carrefour impatta nella forza della rete, dopo una pessima figura; qualche tempo fa la madre di un bambino disabile denunciò
sul suo blog le umiliazioni subite dal figlio nel corso di un'animazione dell'azienda. In quell'occasione la Carrefour fu costretta a scusarsi pubblicamente, cosa che questa volta non ha (ancora?) fatto.

La stessa Carrefour è recentemente salita agli onori delle cronache per aver imposto alle proprie cassiere di andare in bagno non più spesso si una volta ogni quattro ore (LEGGI).

Due anni fa la stessa azienda aveva scatenato le proteste dei sindacati per aver sospeso i pulmini di trasporto dei dipendenti disabili nella sede di Paderno Dugnano, ritenendo il servizio «economicamente svantaggioso e non indispensabile».

Nel settembre scorso i grandi magazzini finirono al centro di un altro scandalo perché sui banconi venivano vendute bottiglie di alcolici con le effigi di Hitler.

A completare l'opera, l'azienda ha appena disdetto unilateralmente il contratto integrativo con i suoi dipendenti. Il Tutto mentre l'azienda festeggia in borsa un ottimo risultato di vendite e un aumento dei ricavi (LEGGI).

Insomma, Carrefour incassa ma non sembra curare molto la sua reputazione in termini di responsabilità sociale, pur essendo uno dei gruppi più grandi e potenti del mondo. O forse proprio per questo.
(04 febbraio 2010)

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 05/02/2010 @ 09:28:16, in musica e parole, visitato 1727 volte)

Da British_Roma

Travellers' Times

Zingari e Viaggianti possono spesso essere descritti nei libri per bambini, ma raramente si scrive di loro. Ma Hilda Brazil ha messo la penna sulla carta per trovare questo libro ed il risultato sta facendo strabiliare i genitori. Il suo libro Romany Johnny Joe racconta di come rospi e rane residenti a Toadville si stiano preparando per una prova di forza dove il detentore Romany Johnny Joe difende il suo titolo. Ma quest'anno deve affrontare il sindaco di Toadville, un rospo effettivamente molto grande, sir Burty Marshland.

Hilda lavora per il servizio della giustizia infantile del Consiglio della Contea del Surrey e si è dedicata a sfidare i pregiudizi che affrontano i giovani Zingari e Viaggianti. "Non ho avuto una grande istruzione," dice, "ma questo non significa che non avevo una grande immaginazione. Con l'aiuto di un computer e di un correttore ortografico ho provato che chiunque può produrre un libro."

Pubblicato da Athena Press, il libro è un saggio racconto su come uno sfavorito può affrontare un avversario più potente. Corredato da illustrazioni che i bambini possono colorare, sta attirando genitori dalla Gran Bretagna e dall'Australia sul sito Amazon.com. Un acquirente soddisfatto, O.J Barwick ha scritto:

"E' una storia affascinante dove lo sfavorito vince contro tutti i pronostici! Progettato per bambini dai sei ai dieci anni, si rivolge a tutti quanti pensano che la sorte sia contro di loro. E' anche un libro scritto da una Romanichal che conosce l'arte diraccontare le storie, con riferimento alla passata vita rurale ed alle tradizioni. Puntualizza con garbo gli errori del pregiudizio e della discriminazione. Sarebbe indicato per le scuole primarie che hanno bambini Viaggianti e per quelle che non ne hanno!

[...]

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 04/02/2010 @ 09:39:20, in media, visitato 2505 volte)

Ricevo da Daniela De Rentiis in data 3 febbraio

 (il link per chi legge da Facebook)

Carissimi,

Come ieri sera a Zelig Enrico Brignano ha sparato a zero sui rom.
Non è stato scherzoso, né gentile, né tantomeno riguardoso nei confronti dei rom di tutta Italia.
Dobbiamo fare qualcosa!!
Se comincia a passare il messaggio, attraverso la satira, che "gli zingari ladri vogliono prendere dall'Italia per portare altrove" dove andiamo a finire?

Teniamoci in contatto

Daniela

Articolo Permalink Commenti Oppure (4)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 04/02/2010 @ 08:41:37, in Italia, visitato 2527 volte)

Corriere della Sera cronaca di Roma

IL Caso in un locale vicino al campo nomadi della martora
«Due euro per un caffè, se sei rom»
Per tutti gli altri solo 75 centesimi
Conto con sovrapprezzo per una nomade in un bar a Tor Cervara: costa caro così ve ne andate da un'altra parte

Lo scontrino del caffè: due euro (Brogi)

ROMA - Via di Tor Cervara, un bar. Siamo nella periferia est di Roma, tra Tiburtina e Collatina, vicino al Raccordo anulare. Ma anche nei pressi dell’ufficio immigrazione della questura di Roma e del quartier generale della Guardia di Finanza. Vicino c’è infine un campo nomadi, quello della Martora. In fila alla cassa, per un caffè. Costa 75 centesimi, annuncia la tabella in mostra alle spalle della giovane cassiera italiana. Diamo un euro, in cambio di uno scontrino e di 25 centesimi di resto.

CONTO DIVERSO - Poi tocca a una nomade. Chiede un caffè anche lei. «Due euro», è la risposta. «Ma come?», protesta la donna. «Ieri costava un euro e cinquanta. Oggi due?». Imperturbabile la cassiera ribatte: «Sono due euro». La direttiva deve essere molto netta. Caffè a due euro. La nomade paga, lo scontrino indica come voce dell’acquisto la categoria «varie». Accanto ci sono due agenti, stanno acquistando cartelle del Superenalotto alla vicina cassa, sono indaffarati, forse non sentono. Eppure la nomade ha protestato alzando un po’ la voce.

Il bar in via di Tor Cervara (Brogi)

IL SOVRAPPREZZO - Va avanti così da tempo. Finora era un euro e mezzo, oggi (mercoledì 3 febbraio) è addirittura scattato un ulteriore sovrapprezzo. La banconista addetta alla macchina del caffè è una giovane rumena, alla nomade rumena come lei (ma rom) serve il caffè richiesto in un bicchierino di plastica. Tutto avviene in silenzio ora. Non è la prima volta che succede. La nomade lavora come operatrice di una cooperativa per la scolarizzazione dei bambini rom. Se ne va via col suo bicchierino di plastica in mano e lo scontrino che registra il prezzo del caffè probabilmente più caro d’Italia.

LA SPIEGAZIONE - Una volta fuori la nomade spiega: «Un giorno me l’hanno anche detto chiaro e tondo, il caffè costa caro perché così ve ne andate da qualche altra parte…». Sono appena passate le 15,12, dice lo scontrino, e in via di Tor Cervara si è ripetuta una scena che i rom considerano abituale. Tra gli operatori della cooperativa la vicenda infatti è più che nota, sono state fatte anche segnalazioni a quanto riferiscono alle forze dell’ordine, i controlli si sarebbero arenati di fronte al fatto che ogni esercente fa quello che vuole. Questo il succo degli interventi effettuati. Però, ricordano gli operatori della cooperativa in cui è ingaggiata anche la nomade, la tabella dei prezzi esposta dovrebbe pur contare qualcosa…

Paolo Brogi
03 febbraio 2010

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 03/02/2010 @ 09:16:07, in casa, visitato 1158 volte)

quiBrescia.it

(red.) Sembra destinata a durare la polemica tra il comune di Brescia e quello di Guidizzolo in provincia di Mantova sul trasferimento delle famiglie sinti in un terreno acquistato dalla controllata della Loggia, la Brixia Sviluppo, e destinato proprio alla realizzazione di un campo nomadi (leggi qui).

I residenti del comune mantovano hanno cominciato a scavare una trincea per erigere successivamente una palizzata al confine tra le loro proprietà e quella delle famiglie di nomadi, mentre il sindaco Graziano Pelizzaro ha predisposto un'ordinanza che prevede il divieto di sosta nomadi nel territorio. A ciò si aggiungono le 500 firme raccolte contro questo insediamento.

La Lega Nord, che ha protestato con i suoi amministratori locali dicendo che “non staranno a guardare”, presenterà un'interpellanza parlamentare su ciò che definisce “un tiro mancino” sferrato da un comune, quello bresciano, di centrodestra.

La vicenda approda in Parlamento con un'interrogazione dell'onorevole leghista Gianni Fava nella quale, dopo aver ricostruito la vicenda, si chiede al ministro degli interni se "è a conoscenza dei fatti e quali provvedimenti ritiene opportuno adottare al fine di evitare che i comuni mantovani non siano costretti a subire passivamente le decisioni operate dall’amministrazione comunale”.

Non sembra comunque che ci possa essere spazio per adire a vie legali, in quanto il terreno è stato regolarmente acquistato e un altro lotto, per un'analoga operazione del comune di Brescia, è stato individuato a Gazzo di Bigarello.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 03/02/2010 @ 00:08:53, in Italia, visitato 2236 volte)

Scritto solo ieri. Neanche il tempo di godersi la notizia, e mi arriva questa sconcertante notizia, segnalata dal Gruppo EveryOne

di Annachiara Sacchi - Corriere della Sera

Niente teatro gratuito per la recita sulla Shoah. Il sindaco: inaccettabile parallelo tra i nazisti e il governo

MILANO - Volevano esibirsi al Teatro della Martesana. Si preparavano da mesi, i ragazzini della media Falcone di Cassina De’ Pecchi. Giorno della Memoria, le terze sul palco. Il tema di quest’anno, la storia di Rebecca Covaciu, la quattordicenne «pittrice» (è stata premiata dall’Unicef e le sue opere sono esposte in tutto il mondo) che ha lanciato un appello contro la persecuzione dei rom in Italia ed è stata soprannominata la «Anna Frank dei rom». Mancava solo il patrocinio del Comune. Il sindaco lo ha negato: «Iniziativa non attinente alla ricorrenza». Un recital organizzato, scritto e diretto dai ragazzi. Con il contributo del Comune. Che non è mai arrivato. Con una lettera datata 22 gennaio e indirizzata alla scuola, il sindaco di Cassina De’ Pecchi, il leghista e onorevole Claudio D’Amico, ha risposto così: «Il diniego del patrocinio è ascrivibile ai seguenti motivi: l’estraneità dell’evento proposto con la ricorrenza da celebrare; l’inaccettabilità dell’unica chiave di lettura che propone uno sconcertante parallelismo tra il nazismo e gli indirizzi perseguiti dal governo del nostro Paese nei confronti della minoranza rom; infine, la scuola dispone della palestra, location più che idonea per realizzare l’evento, oltretutto a costo zero».

Capitolo chiuso. Almeno sembrava. Ma il 25 gennaio il dirigente dell’istituto comprensivo non ha resistito. Con una lettera inviata al sindaco e ai genitori delle classi terze, Sergio Roncarati ha voluto fare alcune precisazioni: «Contesto il fatto che l’evento teatrale sia estraneo al giorno della Memoria perché è riconducibile al nazismo e alla discriminazione delle minoranze etniche presenti nei campi di concentramento. La scuola è un’istituzione, non fa politica. Raccoglie spunti che provengono dalla società per accrescere la sensibilità dei ragazzi e formare una coscienza civica». La replica continua, avanti con le precisazioni del preside. «Sul sito della Conferenza Episcopale Italiana (www.chiesacattolica.it) si trova un chiaro riferimento alla vicenda della ragazza e alla giornata della memoria del 2008. E su questo sito non ho trovato "alcun sconcertante parallelismo tra il nazismo e gli indirizzi perseguiti dal nostro governo nei confronti della minoranza rom"». E, infine, «la palestra è uno spazio affidato alle manifestazioni sportive e ad eventi connessi. Per questo abbiamo affittato il Piccolo Teatro della Martesana, perché da quando è in ristrutturazione il teatro dell’oratorio, è l’unico spazio idoneo sul territorio di Cassina De’ Pecchi».

Botta e risposta. Che non è servito a riappacificare gli animi e anzi, ha confermato il mancato patrocinio alla manifestazione da parte del Comune a Est di Milano. Lo spettacolo, comunque si farà. Le mamme della scuola media insistono: «Vogliamo tenere i ragazzi fuori dalle polemiche politiche». L’appuntamento è per giovedì mattina e venerdì sera, ovviamente al teatro della Martesana, pagato con il contributo delle famiglie e della scuola. Sul palco, gli studenti. E in platea, Rebecca (che dopo varie peregrinazioni e brutte esperienze ora vive a Milano) «la cui vicenda condurrà lo spettatore dentro una realtà di discriminazione e, contemporaneamente, lo avvicinerà a rivelandogli uno straordinario messaggio di gioia e di speranza».

02 febbraio 2010

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


25/05/2022 @ 08:05:24
script eseguito in 61 ms

 

Immagine
 Milano via Idro 62 - anno 1990... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4247 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< maggio 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source