\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Scuola, stop allo spettacolo sulla storia di Rebecca, l’«Anna Frank» dei rom
Di Fabrizio (del 03/02/2010 @ 00:08:53, in Italia, visitato 2094 volte)

Scritto solo ieri. Neanche il tempo di godersi la notizia, e mi arriva questa sconcertante notizia, segnalata dal Gruppo EveryOne

di Annachiara Sacchi - Corriere della Sera

Niente teatro gratuito per la recita sulla Shoah. Il sindaco: inaccettabile parallelo tra i nazisti e il governo

MILANO - Volevano esibirsi al Teatro della Martesana. Si preparavano da mesi, i ragazzini della media Falcone di Cassina De’ Pecchi. Giorno della Memoria, le terze sul palco. Il tema di quest’anno, la storia di Rebecca Covaciu, la quattordicenne «pittrice» (è stata premiata dall’Unicef e le sue opere sono esposte in tutto il mondo) che ha lanciato un appello contro la persecuzione dei rom in Italia ed è stata soprannominata la «Anna Frank dei rom». Mancava solo il patrocinio del Comune. Il sindaco lo ha negato: «Iniziativa non attinente alla ricorrenza». Un recital organizzato, scritto e diretto dai ragazzi. Con il contributo del Comune. Che non è mai arrivato. Con una lettera datata 22 gennaio e indirizzata alla scuola, il sindaco di Cassina De’ Pecchi, il leghista e onorevole Claudio D’Amico, ha risposto così: «Il diniego del patrocinio è ascrivibile ai seguenti motivi: l’estraneità dell’evento proposto con la ricorrenza da celebrare; l’inaccettabilità dell’unica chiave di lettura che propone uno sconcertante parallelismo tra il nazismo e gli indirizzi perseguiti dal governo del nostro Paese nei confronti della minoranza rom; infine, la scuola dispone della palestra, location più che idonea per realizzare l’evento, oltretutto a costo zero».

Capitolo chiuso. Almeno sembrava. Ma il 25 gennaio il dirigente dell’istituto comprensivo non ha resistito. Con una lettera inviata al sindaco e ai genitori delle classi terze, Sergio Roncarati ha voluto fare alcune precisazioni: «Contesto il fatto che l’evento teatrale sia estraneo al giorno della Memoria perché è riconducibile al nazismo e alla discriminazione delle minoranze etniche presenti nei campi di concentramento. La scuola è un’istituzione, non fa politica. Raccoglie spunti che provengono dalla società per accrescere la sensibilità dei ragazzi e formare una coscienza civica». La replica continua, avanti con le precisazioni del preside. «Sul sito della Conferenza Episcopale Italiana (www.chiesacattolica.it) si trova un chiaro riferimento alla vicenda della ragazza e alla giornata della memoria del 2008. E su questo sito non ho trovato "alcun sconcertante parallelismo tra il nazismo e gli indirizzi perseguiti dal nostro governo nei confronti della minoranza rom"». E, infine, «la palestra è uno spazio affidato alle manifestazioni sportive e ad eventi connessi. Per questo abbiamo affittato il Piccolo Teatro della Martesana, perché da quando è in ristrutturazione il teatro dell’oratorio, è l’unico spazio idoneo sul territorio di Cassina De’ Pecchi».

Botta e risposta. Che non è servito a riappacificare gli animi e anzi, ha confermato il mancato patrocinio alla manifestazione da parte del Comune a Est di Milano. Lo spettacolo, comunque si farà. Le mamme della scuola media insistono: «Vogliamo tenere i ragazzi fuori dalle polemiche politiche». L’appuntamento è per giovedì mattina e venerdì sera, ovviamente al teatro della Martesana, pagato con il contributo delle famiglie e della scuola. Sul palco, gli studenti. E in platea, Rebecca (che dopo varie peregrinazioni e brutte esperienze ora vive a Milano) «la cui vicenda condurrà lo spettatore dentro una realtà di discriminazione e, contemporaneamente, lo avvicinerà a rivelandogli uno straordinario messaggio di gioia e di speranza».

02 febbraio 2010