Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Conoscere non significa limitarsi ad accennare ai Rom e ai Sinti quando c'è di mezzo una disgrazia, ma accompagnarvi passo-passo alla scoperta della nostra cultura secolare. Senza nessuna indulgenza.

La redazione
-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Sucar Drom (del 19/01/2010 @ 09:53:55, in blog, visitato 1171 volte)

Dalla società tollerante alla tolleranza zero
Italiani brava gente, italiani tolleranti. Quante volte ci siamo sentiti ripetere queste parole e quante volte ne siamo rimasti rassicurati. Purtroppo in molti non hanno mai pensato che l’esser...

Noi non siamo animali
Noi missionari e missionarie italiani vogliamo esprimere la nostra solidarietà alla sofferenza dei migranti africani, che da anni vengono impiegati nei campi della Piana di Gioia Tauro, in stato di schiavitù , per la raccolta delle arance. Il 7 gennaio, in...

Oliver Stone riscrive la storia e Hitler diventa un capro espiatorio
Ormai è una certezza: il revisionismo storico è sempre più di moda. E non si ferma solo a sedicenti storici come David Irving, ma fa proseliti anche nel mondo dello spettacolo. L’ulteriore riprova ne è una notizia giunta nelle scorse ore dall’Ameri...

Gian Antonio Stella: quando si scherza sulle razze non si sa dove si va a finire…
La città bresciana di Coccaglio e quella bosniaca di Prnajor sono, loro malgrado, simboli diversi dell'intolleranza. Coccaglio è uscita dall'anonimato toponomastico poco più di un mese fa per via dell'operazione "White Christmas", i controlli casa per casa dei 400 immigrati irregolari da f...

Osservatore Romano, "Tammurriata nera. Gli italiani e il razzismo!"
Oltre che disgustosi, gli episodi di razzismo che rimbalzano dalla cronaca ci riportano all'odio muto e selvaggio verso un altro colore di pelle che credevamo di aver superato. Per una volta, la stampa non enfatizza: un viaggio in treno, una passeggiata nel parco o una partita di calcio, non lasciano dubbi. Non abbiamo mai...

Mantova, la Lega Nord non sa più cosa inventarsi...
Dopo l’intervento del 10 gennaio sulla Voce di Mantova, è ormai chiaro che il responsabile della sicurezza della Lega Nord, Luca de Marchi, vuole improntare tutta la sua campagna elettorale contro le circa quaranta famiglie rom e sinte mantovane. De Marchi, oltre ad essere disinformato sulle questioni inerenti a questa ...

Rosarno (RC), la logica delle deportazioni vincerà ancora una volta?
Il ministro dell’interno Maroni in una lunga intervista rilasciata domenica 10 gennaio a Sky ha ribadito che tutti gli immigrati trasferiti da Rosarno e Gioia Tauro nei centri di prima accoglienza di Crotone e Bari saranno identificati e, se trovati privi di documenti di soggiorno, verranno espulsi, non si sa se con l’intimazione a...

Ue, comincia guerra per bande fra i gruppi politici
Di fronte al serio rischio di bocciatura dell'Europarlamento che sta correndo il commissario europeo designato dalla Bulgaria, la popolare Rumiana Jeleva, è cominciata oggi una 'guerra per bande' fra i gruppi politici: il Ppe, per bocca del suo vice presidente ungherese Jozsef Szajer, ha difeso nel pomeriggio ...

Como, abbandonata scalza nella neve: tutti graziati da una Procura incapace
Tutti "graziati" nell’inchiesta sull’anziana abbandonata scalza in mezzo alla neve da una pattuglia della polizia locale. La magistratura ha archiviato il fascicolo a carico di due vigili di Como accusati di sequestro di persona e violenza privata, perché sospettati di aver caricato sull’auto di ser...

Vicenza, il nuovo Prefetto parte male...
Vicenza ha un nuovo Prefetto e già si parte male. In alcune interviste Michelangelo Fallica (in foto) ha dichiarato che la “questione rom” sarà tratta con delle riunioni con le Forze dell’Ordine. E ha aggiunto: “La presenza di rom...

Marmirolo (MN), il TAR sospende l’ordinanza di abbattimento e il sequestro dei terreni
Questa mattina il TAR della Lombardia (Sezione di Brescia) ha sospeso l’ordinanza di abbattimento delle opere e di sequestro, emessa dal Comune di Marmirolo contro le famiglie Ornato e Travag...

Milano, ennesimo sgombero di intere famiglie
La Polizia Locale di Milano ha sgomberato ieri mattina una piccola comunità di Rom rumeni in viale Forlanini, nell'area dell'ex polveriera del Demanio Militare. Quattordici rom romeni sono stati trovati sul posto: 9 adulti (5 uomini e 4 donne) e 5 minori. Dopo le pratiche di identificazione, vista la pr...

Scuola, il tetto e il ghetto
Quelle che oggi sembreranno classi “miste”, sono in realtà le comunità felici dell’Italia di domani. Ora attenzione e cura per gestire la svolta. Mentre già iniziava il fuoco di fila ideologico contro il “tetto” del 30% di studenti stranieri, il Ministero dell’Istruzione ha precisato: dal tetto saranno esclusi i nati in Italia...

Roma, scoppia la rivolta a via del Salone
E' rientrata la rivolta scoppiata questa mattina al "campo nomadi" di via Salone, dove era disposto il trasferimento di un primo gruppo di 130 persone nel campo di Castelnuovo di Porto. Il trasferimento rientra nel piano nomadi presentato dal Campidoglio che preve...

Firenze, Rifondazione: basta sgomberi senza alternative
E' la seconda volta che viene sgomberata la Osmatex e a distanza di un anno e mezzo niente è stato fatto né dalla proprietà né dal Comune. Nel 2008 tentammo le stesse strade: ci appellammo al sindaco Gianassi, gli proponemmo di fare richiesta alla regione di attivare la P...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 19/01/2010 @ 09:26:01, in conflitti, visitato 1322 volte)

Da Roma_Daily_News

Thomas Seibert, Foreign Correspondent

Istanbul, 12/01/2010 - Ercan Koca dice che lui e la sua famiglia devono le loro vite ad una porta ben chiusa.

"Hanno provato per mezzora, ma non sono riusciti a scardinare la porta di ferro," ha detto Koca ai media turchi dopo che la sua casa a Selendi è stata attaccata settimana scorsa. "Se fossero entrati, saremmo stati tutti uccisi. Bruciarono la mia macchina con una molotov." Ha detto che alcuni degli assalitori indossavano maschere.

Oltre 70 persone, tutte Rom come Koca, sono state allontanate dalle loro case a Selendi, una città agricola di 8.000 persone nella provincia di Manisa non lontana dall'Egeo, dopo essere state attaccate da diverse centinaia di Turchi. Le violenze sono iniziate in seguito ad una lite, poi degenerata, tra un proprietario di una casa da the ed un cliente Rom.

Sono state lanciate pietre contro le case dei Rom, mentre gli assalitori gridavano: "Selendi è nostra e rimarrà così," riportano i giornali. Alcuni Rom hanno sentito grida di "Colpite gli zingari" dalla folla.

Ma Musa Yildiz, il proprietario di una casa da the, ha detto che il Rom aveva imprecato contro di lui e l'aveva colpito. La polizia non ha compiuto arresti, ma più tardi ha scortato dozzine di Rom, donne e bambini inclusi, fuori dalla città. Alcuni di loro si sono fermati da parenti nella vicina Gordes, mentre altri sono stati alloggiati a Salihli, più a ovest.

"Da quelle parti ci sono state per molto tempo tensioni tra Rom e non-Rom, e sono esplose settimana scorsa," ha detto ieri Yakup Cardak, presidente dell'Associazione Cultura e Solidarietà Rom, un'organizzazione nella città occidentale di Smirne. "Le autorità locali non avrebbero dovuto permettere che succedesse."

Il governo di Ankara ha promesso di investigare sulle ragioni dietro le violenze e di offrire soluzioni ai problemi.

Gli eventi di Selendi non hanno scioccato soltanto la comunità rom turca. Hanno anche sollevato preoccupazioni più generali che la pace sociale in Turchia possa essere minacciata, soprattutto perché gli attacchi ai Rom di Selendi hanno coinciso con scontri tra altri gruppi in altre parti del paese.

Nella città nord-occidentale di Edirne, attivisti di sinistra che chiedevano il rilascio di diversi amici dalla prigione, sono stati attaccati da un gruppo di nazionalisti turchi, e le notizie dicono che la polizia non è intervenuta a fermare le violenze. I media hanno descritto i disordini a Selendi ed Edirne come "tentativi di linciaggio".

Alcuni osservatori credono che le riforme democratici degli anni recenti, che hanno incoraggiato le minoranze a chiedere più diritti, abbiano alzato il coperchio sulle tensioni etniche e sociali che erano tenute sotto ferreo controllo nel nome dell'unità nazionale. Nel passato, la legge turca proibiva le espressioni di diversità etnica, ma la richiesta di unirsi all'Unione Europea ha cambiato tutto ciò.

Politici di spicco come Abdullah Gul, il presidente, hanno elogiato come un bene la diversità etnica e culturale del paese. Ma i leader di opposizione hanno ammonito che la politica di riforme del governo è una minaccia all'unità nazionale.

"Nel passato, le differenze religiose e le altre potevano diventare evidenti solo in un quadro molto stretto, le voci contro la discriminazione non si udivano," ha scritto Oral Calislar, editorialista del giornale Radikal, dopo gli eventi di Selendi. Ma, ha aggiunto, questo sta cambiando. Scrive Calislar, come fanno progressi le iniziative del governo per espandere i diritti dei Curdi, Rom e Alevi del paese, crescono anche le reazioni dei nazionalisti contro le riforme.

L'associazione Rom di Cardak a Smirne offre un esempio dello sviluppo che la Turchia sta passando. Quando fondò la prima volta l'organizzazione nel 1996, questa venne chiusa immediatamente perche le leggi turche di quel periodo non permettevano di menzionare il nome di un gruppo etnico nel titolo di un'associazione. Cardak, che oggi ha 63 anni, rifondò il gruppo nel 2005, dopo che la Turchia ha promulgato riforme che hanno rinforzato la società civile. Dice che oggi i Rom sentono di avere più diritti.

I Rom vivono in Anatolia da secoli. Non è certa la dimensione della loro comunità della Turchia odierna, perché le leggi non permettono la categorizzazione per etnia dei cittadini, le stime variano tra il mezzo milione e i cinque milioni di persone.

Cardak dice che i Rom erano generalmente ben integrati nella società maggioritaria turca. "Naturalmente ci sono pregiudizi che non si possono superare, ma abbiamo vissuto assieme per secoli e continueremo così."  Ha accolto con favore la discussione sui diritti delle minoranze e la reazione del governo dopo gli incidenti a Selendi. "Non penso che qualcosa di simile succederà ancora."

Alcuni Rom di Selendi non sono così sicuri. Rifiutano di tornare in città anche se le case sono le loro. Rappresentanti di Selendi, incluso il sindaco Nurullah Savas, hanno visitato alcuni dei Rom che sono stati portati fuori dalla città settimana scorsa, e hanno chiesto loro di tornare. Secondo le cronache, Savas, membro del Partito di Azione Nazionale, ha detto ai Rom "Siete nostri fratelli."

Ma risulta che alcuni Rom dicono che i loro bambini sono rimasti traumatizzati dagli eventi. Una delle vittime, Erdal Cetin, ha detto che alcuni dei suoi migliori amici sono stati tra i primi a tirare pietre contro il suo negozio.


15.01.2010 scrive Fazıla Mat

I cittadini di Selendi, nella Turchia occidentale, costringono l'intera popolazione rom a lasciare il paese a seguito di un incidente avvenuto la notte di capodanno. Decine di persone deportate. I commenti dei media e il dibattito sulle minoranze in Turchia

A Selendi, nella provincia di Manisa (Turchia occidentale), fino a una settimana fa viveva una popolazione rom di 74 persone, di cui 15 bambini e 20 donne. Lo scorso 7 gennaio, scortati dalla polizia, sono stati tutti deportati nella località di Gördes. Le autorità avevano mostrato di essere incapaci di difenderli dagli attacchi degli altri abitanti della cittadina.

L'episodio è scaturito da una discussione avvenuta la notte di capodanno. Burhan Uçkun, cittadino rom di Selendi, è entrato in un bar per bere un tè. "Non serviamo da bere agli zingari", gli avrebbe detto il proprietario del locale, che sostiene però di aver solamente intimato a Uçkun di rispettare il divieto di fumo. Sta di fatto che dagli insulti si è passati alle mani, coinvolgendo più persone da entrambe le parti. Alla fine Uçkun è stato portato prima in ospedale e poi al comando di polizia mentre suo padre, non reggendo l'agitazione, è morto di infarto.

Cinque giorni dopo, quando il bar ha riaperto, è scoppiata una nuova rissa tra i parenti del defunto e i frequentatori del locale. A questo punto si è formato un gruppo di circa mille persone che ha attaccato le abitazioni dei rom. Le case sono state prese a sassate, alcuni veicoli sono stati bruciati ed è stato necessario l'intervento della gendarmeria per calmare la folla, che poi è stata mandata a casa.

I rom, invece, sono stati caricati su pullman e trasferiti provvisoriamente nella vicina Gördes. E' chiaro che per loro al momento non si parla di far ritorno nella cittadina dove vivevano da oltre trent'anni, visto che immediatamente dopo il trasferimento i bulldozer hanno raso al suolo gli accampamenti e le baracche in cui abitavano.

I rom attribuiscono gran parte della responsabilità dell'accaduto al sindaco di Selendi, Nurullah Savaş, che avrebbe incitato la folla all'aggressione, e ricordano che prima della sua elezione l'anno scorso dalle file dell'MHP (Partito di Azione Nazionale), non si era mai verificato un caso del genere.

Secondo altre testimonianze, il presidente della provincia di Manisa, Celalettin Güvenç, avrebbe poi chiesto ai rom di firmare un foglio in cui dichiaravano di trasferirsi volontariamente. Güvenç avrebbe anche affermato che erano obbligati ad andarsene, e che non avrebbero potuto più restare nella cittadina.

L'ampio spazio dedicato dai media turchi al caso dei rom di Selendi, descritto come eclatante caso di razzismo, ha tuttavia portato le autorità a dichiarare pubblicamente sostegno e a offrire garanzie agli sfollati. Abdullah Cıstır, presidente dell'Associazione rom di Izmir, ha riferito alla NTV che il presidente della provincia di Manisa avrebbe quindi garantito la protezione dello Stato ai rom che volessero far ritorno a Selendi, aiutandoli a pagare per sei mesi o anche un anno l'affitto di case prefabbricate che verrebbero costruite per loro. Ma sono pochissimi quelli che prendono in considerazione un eventuale ritorno.

"Anziché avere un tetto preferisco dormire all'aperto ma essere in salvo", ha detto un giovane commentando l'invito a tornare. Dodici famiglie intanto, circa quaranta persone, sono state trasferite, sembrerebbe in modo definitivo, nella città di Salihli, nella stessa provincia. Sarebbe stata garantita loro una casa, un sussidio per l'affitto, viveri e riscaldamento per aiutarli a iniziare una nuova vita.

Gli abitanti di Selendi sembrano intanto molto contrariati per il fatto di essere stati bollati come "razzisti", e accusano i media di aver distorto i fatti. Nelle diverse interviste continuano a ripetere che i rom sono dei ladri e degli usurai che bestemmiano e bevono.

L'ex imam della cittadina ha detto che il padre di Uçkun, morto d'infarto la notte di capodanno, "bestemmiava contro Allah e la moschea. Alla fine è stato fulminato e giustizia è stata fatta. Quell'uomo venticinque anni fa aveva sparato ad una persona. Se fossimo razzisti non l'avremmo tenuto qui a quel tempo."

C'è anche chi dice che "i rom potrebbero anche fare ritorno, purché vivano come esseri umani", mentre altri si alterano anche solo a considerare una tale eventualità. Un ex insegnante racconta che in passato ci sono state famiglie che hanno dovuto andarsene via a causa degli atteggiamenti violenti dei rom, e pur affermando che non ci sono scuse per quello che è stato fatto la notte del 5 gennaio conclude: "Ora che se ne sono andati siamo sereni. Se tornassero, loro stessi non lo sarebbero".

La discriminazione dei rom in Turchia in materia di accesso all'istruzione e alle strutture sanitarie, partecipazione sociale, ricerca di un lavoro e ottenimento dei documenti di identità è una situazione oggettiva citata anche nell'ultimo rapporto dell'Unione europea sul Paese. Il governo dell'AKP (Partito della Giustizia e dello Sviluppo), che finora ha fatto ben poco per rimediare a questo stato di cose, il 10 dicembre scorso ha realizzato il primo incontro del gruppo di lavoro costituito per valutare la condizione dei rom.

La sociologa Neşe Erdilek ricorda che i rom della Turchia hanno iniziato a emergere in pubblico come gruppo sociale dieci anni fa; che precedentemente, proprio perché venivano automaticamente emarginati per la loro identità, hanno cercato sempre di non manifestare la propria origine. Ma la loro situazione ha assunto una fisionomia diversa quando hanno iniziato a costituirsi in associazioni, e la popolazione rom ha smesso di auto-denominarsi "zingaro" (çingene), termine associato ad un'identità negativa, per adottare il termine roman.

La Erdilek spiega però che, facendo ciò, hanno optato per una posizione a favore dell'autorità e del più forte – atteggiamento che avrebbe consentito loro la sopravvivenza anche al tempo degli ottomani – ed è per questo che una gran parte di essi sottolinea sempre la fedeltà allo Stato e alla bandiera turca evidenziando con enfasi la propria differenza da altri gruppi sociali come i kurdi.

Non sarà un caso che Burhan Kuzu, presidente della commissione per la redazione della Costituzione, commentando i fatti di Selendi abbia detto: "I rom sono i nostri cittadini più fedeli, quelli che non hanno mai problemi con il sistema, con il regime e le altre persone. Sono cioè quelle persone che sono da considerarsi le più innocenti e – non che qualcuno debba essere emarginato – proprio quelle da emarginare di meno."

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/01/2010 @ 09:24:58, in Kumpanija, visitato 1735 volte)

Ricevo da Roberto Malini

Milano, 16 gennaio 2009

Cari amici antirazzisti (che siate attivisti, giornalisti, politici o persone che credono nella solidarietà),

fra le tante iniziative curate dagli attivisti EveryOne vi è il sostegno a famiglie Rom e "clandestine" in difficoltà. Nessuno dei membri del nostro gruppo è ricco, eppure ogni mese ciascuno di noi riesce a devolvere i propri risparmi ora a questa, ora all'altra famiglia. Sono grandi sacrifici e personalmente ringrazio tutti i nostri attivisti per quello che fanno, rinunciando alle vacanze, all'auto nuova, a oggetti superflui, a vestiario di marca... e anche a beni necessari. In un momento tragico, uno dei nostri membri ha venduto la casa, per mettere in salvo (provvedendo a rinnovo documenti, spese di viaggio, mezzi  di sostentamento urgente) in Romania, Spagna e Francia molte famiglie Rom sgomberate a Milano, Roma, Pesaro e in altre città. Grazie a questa incredibile generosità di amici che sono onorato di avere, di persone che mettono le esigenze di chi soffre ancora prima delle proprie, sono state salvate decine di vite umane, si sono evitati smembramenti di famiglie, si è alleviato (e si allevia) il dolore e l'emarginazione di chi è costretto dai nostri governanti a vivere e morire ai margini della società.

Questo mese abbiamo avuto una serie di spese impreviste, dopo gli sgomberi di Pesaro, attuati con procedure inumane, sgomberi che hanno originato spaventosi drammi umanitari. Presto vi aggiorneremo sul più importante dei progetti realizzati: qualcosa che lascerà una traccia!

Ora però lanciamo a tutti voi un S.O.S.

La famiglia di Rebecca Covaciu, la giovanissima artista Rom di cui si sono occupati i media di tutto il mondo, ha grosse difficoltà con l'affitto dell'appartamentino in cui vive, a Milano. Rebecca e i suoi fratellini frequentano la scuola dell'obbligo con grande profitto, nonostante la povertà. Papà Stelian e mamma Georgina fanno i miracoli per provvedere alle tante necessità e il sostegno del nostro gruppo non sempre è sufficiente, dati i molteplici interventi e la situazione sempre più grave dei perseguitati.

La discriminazione rende difficile inserire i Covaciu nel mercato del lavoro. Abbiamo procurato a Stelian e al figlio maggiore diversi appuntamenti, ma i potenziali datori di lavoro, quando apprendono che si tratta di Rom, non concedono loro un'occasione. Samuel ha 20 anni ed è un grande lavoratore, disposto a lavori di fatica o anche di fiducia. Ha fatto il lavapiatti, il cameriere, l'uomo di fatica. Sa assistere infermi, anziani e bambini.

Chiunque sia in grado di aiutarlo a trovare un lavoro a Milano, darà una grande mano a questa bella, coraggiosa e sfortunata famiglia. Sono utili anche contributi-affitto (anche minimi), via vaglia postale o Western Union.

Ecco il telefono di Rebecca: 380 7575 313

Grazie a chi darà un contribuito in questa azione di giustizia, diritti umani e umanità.

Roberto Malini

Per ulteriori informazioni:
Gruppo EveryOne
+39 3408135204 :: + 39 3313585406
www.everyonegroup.com :: info@everyonegroup.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/01/2010 @ 09:14:22, in conflitti, visitato 2922 volte)

di Alessandro Matta

In vista della prossima Giornata della Memoria, molte sono le iniziative per il 27 Gennaio 2010. Come ogni anno, la Macchina della memoria, alimentata dalle scuole e dalle istituzioni sta scaldando i motori per la decima Giornata della Memoria, che coincide col 65° anniversario dalla liberazione dei Lager Nazisti e della liberazione dell' Europa dall'incubo nazifascista.

Tuttavia, in questi giorni, ha colpito la mia attenzione un video, mandatomi via Facebook da Alberto Melis, maestro elementare e scrittore, impegnato come me in quella che fu definita da Pupa Garribba (giornalista, esponente di spicco della delegazione Italiana della Shoah Foundation di Spielberg nonché testimone delle leggi razziali del 1938 scampata da bambina alla deportazione a Auschwitz e a morte certa)la memoria come lotta.

E' curioso che Facebook, spesso additato dai media come un covo di gruppi razzisti o antisemiti o negazionisti della Shoah, possa riuscire come veicolo di trasmissione della memoria. Il video ha un'importanza molto particolare. Non è lungo, è un video girato negli anni '40 a colori (rarità per quella epoca) della durata di un minuto e mezza. Eppure, questo documento conservato oggi presso gli archivi del Bundesarchiv in Germania, e visibile anche attraverso il sito Web della sezione Audiovisivi del museo dell' Olocausto di Washington, è assai importante per l'approfondimento dell'altro sterminio nazista, quello più dimenticato o talvolta addirittura approvato, quello dei rom.

Il filmato è il resoconto video degli esperimenti sui bambini rom attuati da Eva Justin, una assistente del Dottor Robert Ritter, che si occupò durante il Nazismo di studiare a livello razziale il popolo zingaro, arrivando a considerarlo come affetto da malattie biologiche o razziali specificatamente inventata di sana pianta dai nazisti come l'Ibridismo o la tendenza al nomadismo o alla delinquenza .

La Justin studiò i bambini rom come parte della sua dissertazione sulle caratteristiche razziali. I bambini erano a St. Josefspflege, un brefotrofio cattolico a Mulfingen, in Germania. La Justin completò i suoi studi poco dopo la realizzazione di questo film. I bambini furono deportati ad Auschwitz, dove la maggior parte di loro venne immediatamente sterminata.

Il video è uno dei pochi, anzi pochissimi, documenti filmati dagli stessi carnefici relativi alla Porrajmos, ovvero allo sterminio degli zingari, che i nazisti decisero di eliminare su motivazione biologica e su progetto eugenetico esattamente come avevano iniziato con gli ebrei nel 1941. Pochissimi altri i filmati come questo della Justin che documentano la schedatura dei rom, le indagini eugenetiche su di loro o talvolta la loro deportazione. Esiste un filmato del 1940 in bianco e nero con audio aggiunto in inglese che mostra l'arresto di alcuni rom e il loro caricamento su alcuni camion della durata di due minuti.

Come non vedere questi filmati con una sorta di brivido alla schiena, come una sorta di vera e propria incubazione dello sterminio che di li a poco si abbatterà su quelle inermi persone filmate a scopo di ricerca razzistica o per puro divertimento?

Dalla relazione finale delle indagini di Eva Justin sui bambini di Mulfingen , si legge una terribile conclusione, pari a quelle apportate dal Dottor Ritter, relativamente al fatto che la questione zingara non potrà essere risolta se non con lo sterminio anche dei bambini rom, anzi, soprattutto di essi.

Ciò che provoca rabbia in qualunque persona che veda questi filmati , è il sapere che queste persone, questi carnefici anzi , dopo la guerra abbiano continuato all' 85% una vita normale, senza che nessuno arrivasse a processarli.

Eva Justin, per esempio, dopo la guerra divenne "addetta di previdenza sociale". H. Grebe, assistente di Verschuer al KWI per l'antropologia, sarà nominato professore incaricato a Marburgo e successivamente diventerà presidente della Lega tedesca Medici sportivi. Heinze, perito per l'eutanasia, divenne nel 1953 capo dell' ambulatorio di psichiatria giovanile nell'ospedale di Wunstdorf.

Come non vedere in tutto ciò una giustizia mancata e uno sterminare due volte un popolo pacifico come i rom? I rom che non hanno mai dichiarato guerra a nessun altro popolo in tutta la loro storia e che solo per questo meriterebbero il Nobel per la pace!

Link del video dei Bambini usati per gli esperimenti di Eva Justin

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/01/2010 @ 00:37:43, in casa, visitato 1915 volte)

di Eugenio Viceconte - Jan. 17th, 2010 at 8:09 PM

Da pochi minuti il TG3 Lazio ha annunciato che domani mattina circa 150 rom del Campo di Salone, un campo legale, spartano ma attrezzato con container e servizi, saranno spostati al Centro Richiedenti Asilo (CARA) di Castel Nuovo di Porto (circa a 50 km dal campo di Salone).

Un CARA non è una prigione o un CIE ma è comunque un luogo in cui vengono applicate restrizioni alle libertà individuali.

E' un luogo che serve ad ospitare persone appena arrivate sul territorio nazionale che richiedono asilo per motivi politici o economici.

I rom di Salone sono o di origine dell'ex Jugoslavia, e quindi sono arrivati in Italia da almeno 15 anni, o più recentemente dalla Romania.

Ovviamente parlare di richiedenti asilo per dei cittadini comunitari come i Rumeni è una bestialità incivile.
Parlare di richiedenti asilo per gente che 20 anni fa è arrivata in italia da un paese in guerra ... ed a cui l'italia 20 anni fa e negli anni a seguire non ha saputo trovare una cittadinanza, è una ulteriore bestialità.

Le promesse di Alemanno e del prefetto Pecoraro alle comunità rom di roma sono belle e dimenticate.


Gran parte della popolazione di Salone è fatta da ragazzi che sono nati a Roma!

Le foto che vedete nel seguente slide show sono state scattate da ragazzi rom in gran parte del campo di Salone.
Molte, sono scattate nel campo di Salone, un campo con gravi problemi ma che offre un minimo di normalità a chi ci vive.
Nel CARA di Castel Nuovo di Porto non troveranno tutto questo.

Ragazzi che parlano italiano, per il semplice motivo che sono nati TUTTI a Roma.

Richiedenti asilo da cosa? Dal nostro infame paese che non ha saputo dargli un futuro ne vorrà mai offrirglielo?

... altri "flash", citazioni, foto commenti e link li trovate su TUMBLR http://hiddenside.tumblr.com/

Articolo Permalink Commenti Oppure (2)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 17/01/2010 @ 09:18:43, in Europa, visitato 1436 volte)

15 gennaio 2010
Germania: il nuovo Ministro all’Immigrazione vuole più impiegati pubblici di origine immigrata.
Boehmer: insegnanti, educatori, poliziotti e impiegati della pubblica amministrazione che conoscano l’esperienza di migrazione senza però stabilire quote.

Il Governo tedesco intende aumentare le assunzioni di cittadini di origine straniera nel servizio pubblico, senza tuttavia arrivare a fissare quote. È quanto ha dichiarato al quotidiano Rheinische Post il ministro alla Cancelleria con delega all’Immigrazione, Maria Boehmer (Cdu), secondo cui anche nel servizio pubblico bisogna tener conto del fatto che un abitante su cinque della Bundesrepublik proviene da esperienze migratorie dirette o della famiglia.

"Abbiamo urgentemente bisogno di più insegnanti ed educatori con un passato da migrante", spiega la signora Boehmer, sottolineando che ciò deve valere anche per le forze di polizia, i vigili del fuoco e gli impiegati delle amministrazioni comunali. In una comunicazione ufficiale il Ministro ha tuttavia precisato che "stabilire quote è fuori discussione”. La proposta del Ministro ha ricevuto l'immediato appoggio del presidente del sindacato di polizia, Konrad Freiberg, secondo il quale le forze dell'ordine hanno fatto finora buone esperienze con l'assunzione nei loro quadri di migranti. Dello stesso avviso si è detto Josef Kraus, presidente dell'Associazione degli insegnanti tedeschi, per il quale un accresciuto numero di insegnanti di provenienza extracomunitaria contribuisce ad una migliore integrazione degli studenti con analoga origine e serve anche da modello di ascesa sociale.

(Red.)

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/01/2010 @ 09:45:21, in Italia, visitato 2666 volte)

L'ombra della speculazione edilizia si allunga su Napoli. La Commissione Edilizia nominata dal Sindaco Iervolino boccia il progetto del PalaPonticelli. di Alessio Viscardi

L'ombra della speculazione edilizia si allunga su Napoli. La Commissione Edilizia nominata dal Sindaco Iervolino boccia il progetto del PalaPonticelli, opera destinata alla riqualificazione di uno dei quartieri più degradati della città. "Un centro commerciale camuffato da opera pubblica", la motivazione.

"Palaponticelli, un'opera di interesse pubblico realizzata con investimenti interamente privati che andrà a colmare la carenza nel capoluogo campano e nel Sud Italia di "luoghi" al coperto per concerti e altre attività legate alla cultura, alla musica e allo spettacolo, consentendo di inserire la città nei tours musicali più significativi a livello internazionale". Così si legge nel sito del Comune di Napoli. Ma con la bocciatura del progetto da parte della commissione edilizia non solo sono svaniti i sogni di rilancio della zona, ma sono riemersi dubbi e polemiche legate a speculazione edilizia e malaffare. Ancora una volta.

Un nuovo scandalo alla "Global Service". Le violazioni al Piano Regolatore riscontrate dalla Commissione sarebbero la copertura di un'attività illecita. Scopo: alterare il valore economico di alcuni terreni di Ponticelli.

Un'occasione persa
Doveva essere "il più grande pala-eventi d'Italia", una Casa della Musica dalla capienza di oltre 12 mila spettatori. Destinato ad esibizioni e concerti dal vivo, il PalaPonticelli sarebbe stato anche un volano per la riqualificazione della zona. Un anfiteatro per concerti ed un Centro Commerciale per arricchire il panorama (culturale) del quartiere alle porte di Napoli.

Costo complessivo: 147 milioni, a carico del soggetto promotore. Investimenti e struttura interamente privati, ma sottoposti ai "vincoli di uso pubblico" previsti dal Piano Regolatore Generale.

Due anni per la sua realizzazione, che avrebbe dato lavoro a più di mille operai.

Significativa la scelta di edificare la struttura a Ponticelli per recuperare la periferia. Infatti, sono a carico dell'impresa realizzatrice anche la manutenzione di strade e l'erogazione di servizi nella zona.

Alt dalla Commissione
Un Centro Commerciale che viola le disposizioni del Piano Regolatore Generale. A questa conclusione è giunta la Commissione Edilizia di Napoli, che boccia interamente il progetto del PalaPonticelli.

Sembrava una pura formalità dopo l'approvazione definitiva del progetto presentato dalla PalaPonticelli s.r.l. alla Giunta Comunale il 29 gennaio 2009. Diventa ora un dovere inderogabile per il sindaco Iervolino. Sebbene il parere della Commissione Edilizia non sia vincolante, i suoi membri sono nominati con chiamata diretta del Primo Cittadino.

Il verdetto, un déjà vu
Le conclusioni a cui giunge la commissione edilizia ricalcano fedelmente le perplessità espresse in precedenza da diversi membri dell'opposizione napoletana. A sollevare la questione sono i consiglieri Andrea Santoro e Pietro Diodato, che già nel 2006 definivano il PalaPonticelli: "Una delle più grosse speculazioni edilizie e commerciali che abbia mai colpito la città di Napoli".

La Commissione Consiliare Attività Produttive, presieduta dal prof. Federico Alvino, viene chiamata ad esprimere un parere sul progetto dopo numerose denunce al Tar dei commercianti di Ponticelli. Anche in questo caso, il parere è contrario a causa dell'eccessiva superficie dedicata alle attività commerciali.

Le violazioni al Piano Regolatore Generale
La zona scelta per l'edificazione dell'opera è classificata area Fe dal Prg di Napoli. In base all'articolo 50, è permessa soltanto la realizzazione di attrezzature pubbliche o di uso pubblico – anche su iniziativa privata – destinate a sport, attività culturali e sanità. Vincolo fondamentale da rispettare è la sussidiarietà delle attività commerciali rispetto all'opera pubblica.

Infatti, il PalaPonticelli su carta è un "centro culturale di zona" affiancato da un piccolo centro commerciale. Negozi e ristoranti non dovrebbero occupare una superficie superiore a quella dell'anfiteatro per concerti.

Ma la Commissione Edilizia giudica violati i vincoli di uso pubblico. Stando al verbale di istruttoria del 23 aprile 2009, le attività commerciali previste a compendio del Palaeventi non presentano il requisito della "sussidiarietà".

Si tratta, invece, di un vero e proprio Centro Commerciale che si pone in autonomia funzionale rispetto all'opera pubblica.

Le misure del mercato
Analizzare i dati del progetto permette di capire le reali proporzioni tra zone destinate all'attività culturale e zone destinate all'attività commerciale.

Inizialmente, le approvazioni rilasciate dagli enti di controllo si basano su un'interpretazione falsata dell'opera. La superficie del PalaPonticelli viene suddivisa in tre aree dal dipartimento urbanistica di Napoli. Secondo i tecnici del Comune, dei 192.730 mq totali, il 44,3% è destinato al Palaeventi.

Un restante 32,5% è finalizzato alla creazione di spazi pubblici di verde (una piazza coperta di 62.710 mq).

Infine, all'attività commerciale viene destinato soltanto il 23,2% dello spazio totale – in osservanza del vincolo di sussidiarietà.

In realtà, agli 85.420 mq destinati al PalaPonticelli, la Commissione Edilizia sottrae gli spazi destinati a parcheggi ed infrastrutture secondarie. Ne risulta che la superficie dedicata alle attività culturali è tre volte inferiore a quella destinata al Centro Commerciale.

Una nuova Global Service
Dietro la bocciatura tecnica si nasconderebbe uno scandalo simile al recente terremoto giudiziario denominato "Global Service". A sostenerlo sono diversi osservatori che da anni denunciano le ombre del progetto.

La costruzione del PalaPonticelli sarebbe soltanto l'ultimo atto di un piano elaborato anni fa e finalizzato ad alterare il valore economico dei terreni privati di Ponticelli.

Ad infittire i sospetti è soprattutto la tempistica con cui giunge la bocciatura della Commissione Edilizia. Da anni le incongruenze tecniche vengono denunciate dall'opposizione, ma il Comune è sempre andato avanti sulla propria strada.

C'è chi mette in relazione la bocciatura con il rinvio a giudizio chiesto dal G.U.P. Andrea Rovida per consiglieri comunali ed un dirigente della PalaPonticelli s.r.l.

L'ipotesi di reato è quella di associazione a delinquere. Secondo l'accusa, si tratterebbe di un vero e proprio sodalizio criminale costituito da uomini d'affari, tecnici e consiglieri della Giunta di Napoli, che esercitavano pressioni sul consiglio comunale per l'approvazione di emendamenti a favore della propria attività imprenditoriale.

Al centro delle indagini l'edile Salvatore Capacchione e le sue presunte ingerenze nell'approvazione dell'Emendamento Scarpitti e della variante al Piano Regolatore Generale.

Capacchione avrebbe costituito, sempre secondo gli atti dell'indagine, un'associazione a delinquere dedita a corruzione e abuso d'ufficio per modificare artificialmente il valore economico dei terreni che sono proprio di fronte a quelli su cui era prevista l'edificazione del PalaPonticelli. Terreni in possesso della Elio s.r.l. e della Vignale Immobiliare s.p.a.

Il disegno criminoso che è stato delineato vede il sodalizio fare pressioni nel 2002 perché vengano approvate le modifiche al Prg. L'obiettivo è mettere in cantiere la costruzione di poli attrattivi nel quartiere Ponticelli.

Nel 2003, il gruppo contatta diversi amministratori pubblici del Comune per garantire l'approvazione da parte della Giunta Consiliare dell'emendamento nr. 112 – nominalmente presentato dal Consigliere Scarpitti, anche se redatto da Capacchione.

Con l'emendamento Scapitti viene innalzato l'indice di fabbricabilità dei terreni in possesso della Elio s.r.l. e della Vignale Immobiliare s.p.a.

Il coinvolgimento del PalaPonticelli
Tra gli indagati c'è anche Silvio De Simone, amministratore della PalaPonticelli s.r.l.

Capacchione aveva già presentato nel 2004 un progetto per la costruzione di un Centro Commerciale in via Argine. Progetto formalmente rifiutato.

Inoltre, la stessa PalaPonticelli s.r.l. sembra essere una società costituita soltanto per l'affare. Proprietaria è Marilù Faraone Mennella – detta anche Lady Confindustria perché compagna del presidente Antonio D'Amato.

Quando deposita il progetto nel 2006, la società possiede un capitale sociale di appena 2.500 euro – il minimo per la sua costituzione. Eppure si propone di gestire un progetto con investimenti ingenti: circa 147 milioni di euro.

La proprietà della PalaPonticelli s.r.l. è ambigua e difficile da ricostruire. Presidente è Faraone Mennella, ma la società è controllata al 100% dall'Armonia s.r.l. di Biella. La quale è a sua volta proprietà di D.M. s.p.a. di Roma.

Rintracciare i veri proprietari della società è impossibile, perché la D.M. è controllata da diverse società lussemburghesi soggette ad una legislazione che ne garantisce l'anonimato.

Rom e camorra
Si possono affidare progetti importanti come il PalaPonticelli a società di cui non si conoscono i proprietari? La legalità dell'atto è indubbia, ma non bisogna dimenticare gli interessi camorristici nella zona.

Nell'aprile 2008 il presunto tentativo di rapimento di una bambina da parte di una ragazzina rom scatena una rivolta popolare a Ponticelli. I nomadi che vengono cacciati dalla popolazione infuriata stanziano proprio sui campi su cui devono cominciare i lavori del PalaPonticelli.

Un articolo di El Pais sottolinea gli interessi del clan Sarno su quei terreni. Se i lavori non fossero partiti entro pochi mesi, si sarebbero persi gli ingenti fondi per la riqualificazione urbana di Ponticelli. Forse è soltanto una coincidenza, ma ad un anno di distanza il clan Sarno è diventato il cartello criminale egemone a Napoli.

La magistratura indaga su quella che è stata definita la "più grande speculazione edilizia" che abbia interessato il capoluogo partenopeo negli ultimi anni. Numerosi sono i punti oscuri. Anche se l'interesse della camorra fosse soltanto marginale, siamo di fronte all'ennesimo episodio di sfruttamento di una terra già fin troppo martirizzata dalla malavita e dalla malapolitica.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/01/2010 @ 09:12:14, in Italia, visitato 1331 volte)

Segnalazione di Tommaso Vitale da Redattore Sociale

Continua la caccia agli insediamenti abusivi. Il vice sindaco De Corato: "Continua l'azione di legalità e sicurezza che questa amministrazione sta portando avanti dal 2007 senza soluzione di continuità"

MILANO - Continua la caccia agli insediamenti abusivi a Milano: questa notte la Polizia locale ha smantellato via una ventina di tende e baracche in viale Sarca e ha scoperto un insediamento abusivo in via Adriano, sollecitando la proprietà dell'area a intervenire. "Continua l'azione di legalità e sicurezza che questa amministrazione sta portando avanti dal 2007 senza soluzione di continuità e con risultati visibili -ha detto il vicesindaco e assessore alla sicurezza, Riccardo De Corato -: 178 sgomberi complessivi con la diminuzione dei rom abusivi sul territorio cittadino, arrivati a 1.270, secondo l'ultimo censimento della Polizia Locale (...)".

L'intervento in viale Sarca, dove la Polizia locale aveva già verificato la presenza di rom, è stato effettuato dal Nucleo problemi del territorio: dopo l'abbattimento "la proprietà ha anche ripulito l'area e provvederà a metterla in sicurezza con l'installazione di una videocamera e di una potente illuminazione", si legge nel comunicato. Secondo Palazzo Marino, è stata proprio la Polizia Locale ad avvisare la proprietà del ritorno degli abusivi nell'area, tra l'altro vicina ad un grande centro commerciale, e a sollecitare l'intervento, anche dopo le segnalazioni dei residenti. "Al momento dello sgombero non erano presenti nomadi, ma dai giacigli ritrovati si stima una capienza di almeno cinquanta persone", dice il comunicato.

Sempre la scorsa notte gli agenti hanno individuato un insediamento abusivo in un'area dismessa di proprietà privata in via Adriano: "Si tratta di 4 baracche, disabitate al momento dell'intervento ma piene di materassi e masserizie e chiuse con catene e lucchetti, come se fossero in attesa di essere nuovamente occupate". Anche in questo caso la Polizia Locale ha preso contatti con la proprietà, segnalando la presenza delle baracche e sollecitando un intervento di abbattimento. (ar)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/01/2010 @ 00:27:45, in Italia, visitato 1488 volte)

Ricevo una testimonianza diretta da Franco Bonalumi

A quanti interessasse, e per chi ancora non lo sapesse, stamattina è stato effettuato l'ennesimo sgombero dell'insediamento di rom romeni nell'area dell'ex caserma di viale Forlanini a Milano.

La mia finestra dà su quel campo, quindi posso dire che stamattina alle 7 ho notato 6 o 7 macchine della polizia parcheggiate fuori, e i "residenti" che pian piano uscivano.

Sono le 3 del pomeriggio, c'è ancora una volante parcheggiata fuori dell'area, probabilmente stanno finendo di raccogliere i resti dell'insediamento.
A quanto mi risulta, è stata proposta la solita sistemazione esclusiva per donne e bambini, che è stata rifiutata.

Gli ex residenti dell'insediamento sono al momento in stallo presso i giardinetti di fronte al supermercato Esselunga di via Mecenate.

Da Tommaso Vitale questo appello di aiuto. Di seguito il (solito) comunicato di De Corato e relativo articolo

Ciao,
scusate se vi importuno (e probabilmente alcuni di voi riceveranno doppioni e +).
Cerco di far circolare il più possibile. Fate altrettanto voi, per favore.
Come forse saprete, stamattina presto sono stati sgomberati i rom dalla caserma Forlanini.
L'appello è per tende e coperte; vestiti possono servire, certo, anche.
Per adulti e bambini (8 mesi-10 anni).
Più di tutto servono tende e coperte.
Fiorella ha fatto un annuncio in diretta per questi generi a Radio popolare.
Chi ne avesse (oltre a eventuale, preziosa disponibilità di auto per relativo trasporto) scriva a me (...) oppure mi chiami 333/4451206 dalle 17.30 in poi.
ciao stefano

Omnimilano-VIALE FORLANINI,DE CORATO:SGOMBERATA BARACCOPOLI IN EX POLVERIERA

(OMNIMILANO) Milano, 14 gen - "La Polizia Locale ha sgomberato questa mattina una baraccopoli sorta in viale Forlanini, nell'area dell'ex polveriera del Demanio Militare. Quattordici rom romeni sono stati trovati sul posto: 9 adulti (5 uomini e 4 donne) e 5 minori. Dopo le pratiche di identificazione, vista la presenza di donne e bambini, i Servizi Sociali hanno offerto ricovero nelle strutture di accoglienza del Comune. Offerta che è stata rifiutata".

Lo dichiara il vice Sindaco e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato, rendendo noti i dettagli dell'intervento che ha avuto luogo alle 7,30 e al quale hanno partecipato 15 agenti, un Commissario aggiunto e un Commissario capo della Polizia Locale, oltre ai Servizi Sociali del Comune, Amsa e Nuir. Otto baracche e due tende sono state abbattute.

"Si tratta del nono intervento in quest'area dal 2007 ad oggi - evidenzia il vice Sindaco - e ciò dimostra la necessità di un intervento definitivo di messa in sicurezza che scongiuri nuove intrusioni. Per questo scriverò al Demanio militare e al Prefetto affinché si proceda rapidamente in questa direzione. Già nel 2007 c'era stato l'abbattimento di gran parte della struttura da parte del Genio, ma è necessario che anche l'area incolta sia oggetto quanto prima di intervento".

"Stesso discorso per lo Scalo di Porta Romana - ricorda De Corato - dove le Ferrovie dello Stato non hanno ancora realizzato interventi risolutivi, nonostante le mie ripetute lettere, l'ultima delle quali il 22 settembre con richiesta di posa di cesate in orsogrill su blocchi di cemento armato, a modello di quelle poste dal Comune al Bacula dove non si sono più verificate intrusioni. E nonostante una diffida del Comune che il 30 giugno scorso richiedeva di porre fine ad una situazione di insicurezza, degrado e pericolo. Diffida dopo la quale sono stati messi in atto solo inutili interventi tampone. Dei quali Mauro Moretti, Amministratore delegato di Fs, ha dato conto in una lettera del 6 ottobre: ripristino di recinzioni danneggiate, interventi di pulizia e disboscamento e abbattimento di alcuni fabbricati in disuso. Interventi che evidentemente non sono bastati se pochi giorni dopo quella lettera, ho ricevuto nuove segnalazioni da parte del Consiglio di zona 4 e dei cittadini che denunciavano ancora intrusioni".

"Come ho detto più volte - ricorda De Corato - i proprietari delle aree devono provvedere alla messa in sicurezza. Lo ribadisce anche una circolare del 2007, in cui il Prefetto Lombardi sottolineava l'esistenza di regolamenti edilizi che prevedono obblighi a carico dei proprietari chiamati a mantenere le costruzioni in condizioni abitabilità, decoro, idoneità igienico-ambientale. Ricordando che la violazione di questi obblighi può comportare un intervento del Sindaco con un'ordinanza contingibile e urgente. Strumento che potremmo anche utilizzare per l'ex Scalo di Porta Romana, addebitando naturalmente i costi alle Ferrovie, se non si dovesse metter fine a questa situazione. Il Comune, che tra l'altro in quell'area è intervenuto due volte nel 2008, sa come fare per mettere fine alle occupazioni: ricordo che dopo l'intervento al Marchiondi, uno stabile di più di diecimila metri quadri, non ci sono stati più abusivi". "Due sgomberi in due settimane - conclude il vice Sindaco - dimostrano che la linea del Comune non è cambiata e che anche il 2010 si apre nel segno della legalità e della sicurezza, facendo salire a 177 il bilancio degli sgomberi dal 2007 ad oggi. Andremo avanti con questa
azione di moral suasion che ha permesso di registrare un ulteriore calo dei rom scesi a 1.270 (erano 1.400 lo scorso agosto) e migliorare lo stato di alcune aree dismesse e industriali, che erano meta costante di abusivi e rifugiati".
red

ROM: MILANO, SGOMBERATA BARACCOPOLI PER LA NONA VOLTA IN TRE ANNI
(AGI) - Milano, 14 gen. - La Polizia Locale di Milano ha sgomberato questa mattina una baraccopoli in viale Forlanini, nell'area dell'ex polveriera del Demanio Militare. Quattordici rom romeni sono stati trovati sul posto: 9 adulti (5 uomini e 4 donne) e 5 minori. Dopo le pratiche di identificazione, vista la presenza di donne e bambini, i Servizi Sociali hanno offerto ricovero nelle strutture di accoglienza del Comune. Offerta che e' stata rifiutata.
"Si tratta del nono intervento in quest'area dal 2007 ad oggi - ha fatto notare il vicesindaco di Milano, Riccardo De Corato - e cio' dimostra la necessita' di un intervento definitivo di messa in sicurezza che scongiuri nuove intrusioni. Per questo scrivero' al Demanio militare e al Prefetto affinche' si proceda rapidamente in questa direzione.
Gia' nel 2007 c'era stato l'abbattimento di gran parte della struttura da parte del Genio, ma e' necessario che anche l'area incolta sia oggetto quanto prima di intervento. Stresso discorso - ha proseguito De Corato - per lo Scalo di Porta Romana dove le Ferrovie dello Stato non hanno ancora realizzato interventi risolutivi, nonostante le mie ripetute lettere e una diffida del Comune che il 30 giugno scorso richiedeva di porre fine ad una situazione di insicurezza, degrado e pericolo.
Diffida dopo la quale sono stati messi in atto solo inutili interventi tampone che evidentemente non sono bastati se pochi giorni dopo poco ho ricevuto nuove segnalazioni da parte del Consiglio di zona 4 e dei cittadini che denunciavano ancora intrusioni". (AGI) Cli/Car

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/01/2010 @ 09:39:42, in musica e parole, visitato 1149 volte)

19-29 gennaio 2010 lunedì/venerdì ore 10.00 - 20.00
Via Mecenate, 35 - Roma (mappa)

MOSTRE

Terre sospese
fotografie di Stefano Montesi

Il popolo del vento
pannelli sulla storia di rom e sinti

Esposizione di oggetti di artigianato

22 gennaio 2010 ore 17.00

tavola rotonda
Artigianato tradizionale e prospettive di lavoro delle popolazioni rom e sinti

Partecipano:
Paolo Ciani Comunità di Sant’Egidio
Marco Brazzoduro Sapienza Università di Roma
Gianluca Staderini Popica onlus
Fulvia Motta C.R.S. Caritas Diocesana di Roma
Stefano Montesi Fotografo

Sono invitati rappresentanti della Regione Lazio e delle Comunità di Roma

ore 19.00
Dimostrazioni di tecniche di lavorazione del rame e artigianato rom

ore 20.00
Spogliati dai pregiudizi… vesti gipsy
sfilata della collezione primavera-estate 2010
Antica sartoria rom accompagnata dalla musica del Quartet Gipsy

ore 20.30
rinfresco

ore 21.00
concerto Quartet Gipsy
ritmi balcanici e orientaleggianti, doine e sirbe tradizionali romene, canzoni gitane dell’area mediterranea
Marian Serban cymbalon - Aristide Bucor violino
Albert Mihai fisarmonica - Isak Tanasache contrabbasso

Ingresso libero

L'appuntamento su Facebook

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


12/11/2019 @ 09:48:49
script eseguito in 56 ms

 

Immagine
 Gli amici sono partiti... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 3464 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
08/11/2019 @ 09:18:43
Di FRANCESCA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
05/11/2019 @ 19:07:35
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source