Palaponticelli: la speculazione edilizia sui campi dei rom - Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non un altro blog - giornale o chissacosa ma: 1. raccogliere notizie direttamente dalle fonti; 2. far conoscere come la pensano i diretti interessati.

La redazione
-

\\ Mahalla : Articolo
Palaponticelli: la speculazione edilizia sui campi dei rom
Di Fabrizio (del 16/01/2010 @ 09:45:21, in Italia, visitato 2710 volte)

L'ombra della speculazione edilizia si allunga su Napoli. La Commissione Edilizia nominata dal Sindaco Iervolino boccia il progetto del PalaPonticelli. di Alessio Viscardi

L'ombra della speculazione edilizia si allunga su Napoli. La Commissione Edilizia nominata dal Sindaco Iervolino boccia il progetto del PalaPonticelli, opera destinata alla riqualificazione di uno dei quartieri più degradati della città. "Un centro commerciale camuffato da opera pubblica", la motivazione.

"Palaponticelli, un'opera di interesse pubblico realizzata con investimenti interamente privati che andrà a colmare la carenza nel capoluogo campano e nel Sud Italia di "luoghi" al coperto per concerti e altre attività legate alla cultura, alla musica e allo spettacolo, consentendo di inserire la città nei tours musicali più significativi a livello internazionale". Così si legge nel sito del Comune di Napoli. Ma con la bocciatura del progetto da parte della commissione edilizia non solo sono svaniti i sogni di rilancio della zona, ma sono riemersi dubbi e polemiche legate a speculazione edilizia e malaffare. Ancora una volta.

Un nuovo scandalo alla "Global Service". Le violazioni al Piano Regolatore riscontrate dalla Commissione sarebbero la copertura di un'attività illecita. Scopo: alterare il valore economico di alcuni terreni di Ponticelli.

Un'occasione persa
Doveva essere "il più grande pala-eventi d'Italia", una Casa della Musica dalla capienza di oltre 12 mila spettatori. Destinato ad esibizioni e concerti dal vivo, il PalaPonticelli sarebbe stato anche un volano per la riqualificazione della zona. Un anfiteatro per concerti ed un Centro Commerciale per arricchire il panorama (culturale) del quartiere alle porte di Napoli.

Costo complessivo: 147 milioni, a carico del soggetto promotore. Investimenti e struttura interamente privati, ma sottoposti ai "vincoli di uso pubblico" previsti dal Piano Regolatore Generale.

Due anni per la sua realizzazione, che avrebbe dato lavoro a più di mille operai.

Significativa la scelta di edificare la struttura a Ponticelli per recuperare la periferia. Infatti, sono a carico dell'impresa realizzatrice anche la manutenzione di strade e l'erogazione di servizi nella zona.

Alt dalla Commissione
Un Centro Commerciale che viola le disposizioni del Piano Regolatore Generale. A questa conclusione è giunta la Commissione Edilizia di Napoli, che boccia interamente il progetto del PalaPonticelli.

Sembrava una pura formalità dopo l'approvazione definitiva del progetto presentato dalla PalaPonticelli s.r.l. alla Giunta Comunale il 29 gennaio 2009. Diventa ora un dovere inderogabile per il sindaco Iervolino. Sebbene il parere della Commissione Edilizia non sia vincolante, i suoi membri sono nominati con chiamata diretta del Primo Cittadino.

Il verdetto, un déjà vu
Le conclusioni a cui giunge la commissione edilizia ricalcano fedelmente le perplessità espresse in precedenza da diversi membri dell'opposizione napoletana. A sollevare la questione sono i consiglieri Andrea Santoro e Pietro Diodato, che già nel 2006 definivano il PalaPonticelli: "Una delle più grosse speculazioni edilizie e commerciali che abbia mai colpito la città di Napoli".

La Commissione Consiliare Attività Produttive, presieduta dal prof. Federico Alvino, viene chiamata ad esprimere un parere sul progetto dopo numerose denunce al Tar dei commercianti di Ponticelli. Anche in questo caso, il parere è contrario a causa dell'eccessiva superficie dedicata alle attività commerciali.

Le violazioni al Piano Regolatore Generale
La zona scelta per l'edificazione dell'opera è classificata area Fe dal Prg di Napoli. In base all'articolo 50, è permessa soltanto la realizzazione di attrezzature pubbliche o di uso pubblico – anche su iniziativa privata – destinate a sport, attività culturali e sanità. Vincolo fondamentale da rispettare è la sussidiarietà delle attività commerciali rispetto all'opera pubblica.

Infatti, il PalaPonticelli su carta è un "centro culturale di zona" affiancato da un piccolo centro commerciale. Negozi e ristoranti non dovrebbero occupare una superficie superiore a quella dell'anfiteatro per concerti.

Ma la Commissione Edilizia giudica violati i vincoli di uso pubblico. Stando al verbale di istruttoria del 23 aprile 2009, le attività commerciali previste a compendio del Palaeventi non presentano il requisito della "sussidiarietà".

Si tratta, invece, di un vero e proprio Centro Commerciale che si pone in autonomia funzionale rispetto all'opera pubblica.

Le misure del mercato
Analizzare i dati del progetto permette di capire le reali proporzioni tra zone destinate all'attività culturale e zone destinate all'attività commerciale.

Inizialmente, le approvazioni rilasciate dagli enti di controllo si basano su un'interpretazione falsata dell'opera. La superficie del PalaPonticelli viene suddivisa in tre aree dal dipartimento urbanistica di Napoli. Secondo i tecnici del Comune, dei 192.730 mq totali, il 44,3% è destinato al Palaeventi.

Un restante 32,5% è finalizzato alla creazione di spazi pubblici di verde (una piazza coperta di 62.710 mq).

Infine, all'attività commerciale viene destinato soltanto il 23,2% dello spazio totale – in osservanza del vincolo di sussidiarietà.

In realtà, agli 85.420 mq destinati al PalaPonticelli, la Commissione Edilizia sottrae gli spazi destinati a parcheggi ed infrastrutture secondarie. Ne risulta che la superficie dedicata alle attività culturali è tre volte inferiore a quella destinata al Centro Commerciale.

Una nuova Global Service
Dietro la bocciatura tecnica si nasconderebbe uno scandalo simile al recente terremoto giudiziario denominato "Global Service". A sostenerlo sono diversi osservatori che da anni denunciano le ombre del progetto.

La costruzione del PalaPonticelli sarebbe soltanto l'ultimo atto di un piano elaborato anni fa e finalizzato ad alterare il valore economico dei terreni privati di Ponticelli.

Ad infittire i sospetti è soprattutto la tempistica con cui giunge la bocciatura della Commissione Edilizia. Da anni le incongruenze tecniche vengono denunciate dall'opposizione, ma il Comune è sempre andato avanti sulla propria strada.

C'è chi mette in relazione la bocciatura con il rinvio a giudizio chiesto dal G.U.P. Andrea Rovida per consiglieri comunali ed un dirigente della PalaPonticelli s.r.l.

L'ipotesi di reato è quella di associazione a delinquere. Secondo l'accusa, si tratterebbe di un vero e proprio sodalizio criminale costituito da uomini d'affari, tecnici e consiglieri della Giunta di Napoli, che esercitavano pressioni sul consiglio comunale per l'approvazione di emendamenti a favore della propria attività imprenditoriale.

Al centro delle indagini l'edile Salvatore Capacchione e le sue presunte ingerenze nell'approvazione dell'Emendamento Scarpitti e della variante al Piano Regolatore Generale.

Capacchione avrebbe costituito, sempre secondo gli atti dell'indagine, un'associazione a delinquere dedita a corruzione e abuso d'ufficio per modificare artificialmente il valore economico dei terreni che sono proprio di fronte a quelli su cui era prevista l'edificazione del PalaPonticelli. Terreni in possesso della Elio s.r.l. e della Vignale Immobiliare s.p.a.

Il disegno criminoso che è stato delineato vede il sodalizio fare pressioni nel 2002 perché vengano approvate le modifiche al Prg. L'obiettivo è mettere in cantiere la costruzione di poli attrattivi nel quartiere Ponticelli.

Nel 2003, il gruppo contatta diversi amministratori pubblici del Comune per garantire l'approvazione da parte della Giunta Consiliare dell'emendamento nr. 112 – nominalmente presentato dal Consigliere Scarpitti, anche se redatto da Capacchione.

Con l'emendamento Scapitti viene innalzato l'indice di fabbricabilità dei terreni in possesso della Elio s.r.l. e della Vignale Immobiliare s.p.a.

Il coinvolgimento del PalaPonticelli
Tra gli indagati c'è anche Silvio De Simone, amministratore della PalaPonticelli s.r.l.

Capacchione aveva già presentato nel 2004 un progetto per la costruzione di un Centro Commerciale in via Argine. Progetto formalmente rifiutato.

Inoltre, la stessa PalaPonticelli s.r.l. sembra essere una società costituita soltanto per l'affare. Proprietaria è Marilù Faraone Mennella – detta anche Lady Confindustria perché compagna del presidente Antonio D'Amato.

Quando deposita il progetto nel 2006, la società possiede un capitale sociale di appena 2.500 euro – il minimo per la sua costituzione. Eppure si propone di gestire un progetto con investimenti ingenti: circa 147 milioni di euro.

La proprietà della PalaPonticelli s.r.l. è ambigua e difficile da ricostruire. Presidente è Faraone Mennella, ma la società è controllata al 100% dall'Armonia s.r.l. di Biella. La quale è a sua volta proprietà di D.M. s.p.a. di Roma.

Rintracciare i veri proprietari della società è impossibile, perché la D.M. è controllata da diverse società lussemburghesi soggette ad una legislazione che ne garantisce l'anonimato.

Rom e camorra
Si possono affidare progetti importanti come il PalaPonticelli a società di cui non si conoscono i proprietari? La legalità dell'atto è indubbia, ma non bisogna dimenticare gli interessi camorristici nella zona.

Nell'aprile 2008 il presunto tentativo di rapimento di una bambina da parte di una ragazzina rom scatena una rivolta popolare a Ponticelli. I nomadi che vengono cacciati dalla popolazione infuriata stanziano proprio sui campi su cui devono cominciare i lavori del PalaPonticelli.

Un articolo di El Pais sottolinea gli interessi del clan Sarno su quei terreni. Se i lavori non fossero partiti entro pochi mesi, si sarebbero persi gli ingenti fondi per la riqualificazione urbana di Ponticelli. Forse è soltanto una coincidenza, ma ad un anno di distanza il clan Sarno è diventato il cartello criminale egemone a Napoli.

La magistratura indaga su quella che è stata definita la "più grande speculazione edilizia" che abbia interessato il capoluogo partenopeo negli ultimi anni. Numerosi sono i punti oscuri. Anche se l'interesse della camorra fosse soltanto marginale, siamo di fronte all'ennesimo episodio di sfruttamento di una terra già fin troppo martirizzata dalla malavita e dalla malapolitica.

Articolo Articolo Commenti Oppure (0) Storico >> Stampa Stampa

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


02/06/2020 @ 18:51:38
script eseguito in 33 ms

 

Immagine
 Sinti e Rom manifestano a Brescia... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 9016 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< giugno 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
         
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Buona sera per la ragione della malattia da corona...
01/06/2020 @ 12:25:35
Di danielagrosu
Buongiorno,Sono un individuo che offre prestiti in...
26/05/2020 @ 15:07:32
Di Aurelio Buono
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source