Turchia - Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Pagine di dialogo e (forse) per iniziare a conoscersi

-

\\ Mahalla : Articolo
Turchia
Di Fabrizio (del 19/01/2010 @ 09:26:01, in conflitti, visitato 1425 volte)

Da Roma_Daily_News

Thomas Seibert, Foreign Correspondent

Istanbul, 12/01/2010 - Ercan Koca dice che lui e la sua famiglia devono le loro vite ad una porta ben chiusa.

"Hanno provato per mezzora, ma non sono riusciti a scardinare la porta di ferro," ha detto Koca ai media turchi dopo che la sua casa a Selendi è stata attaccata settimana scorsa. "Se fossero entrati, saremmo stati tutti uccisi. Bruciarono la mia macchina con una molotov." Ha detto che alcuni degli assalitori indossavano maschere.

Oltre 70 persone, tutte Rom come Koca, sono state allontanate dalle loro case a Selendi, una città agricola di 8.000 persone nella provincia di Manisa non lontana dall'Egeo, dopo essere state attaccate da diverse centinaia di Turchi. Le violenze sono iniziate in seguito ad una lite, poi degenerata, tra un proprietario di una casa da the ed un cliente Rom.

Sono state lanciate pietre contro le case dei Rom, mentre gli assalitori gridavano: "Selendi è nostra e rimarrà così," riportano i giornali. Alcuni Rom hanno sentito grida di "Colpite gli zingari" dalla folla.

Ma Musa Yildiz, il proprietario di una casa da the, ha detto che il Rom aveva imprecato contro di lui e l'aveva colpito. La polizia non ha compiuto arresti, ma più tardi ha scortato dozzine di Rom, donne e bambini inclusi, fuori dalla città. Alcuni di loro si sono fermati da parenti nella vicina Gordes, mentre altri sono stati alloggiati a Salihli, più a ovest.

"Da quelle parti ci sono state per molto tempo tensioni tra Rom e non-Rom, e sono esplose settimana scorsa," ha detto ieri Yakup Cardak, presidente dell'Associazione Cultura e Solidarietà Rom, un'organizzazione nella città occidentale di Smirne. "Le autorità locali non avrebbero dovuto permettere che succedesse."

Il governo di Ankara ha promesso di investigare sulle ragioni dietro le violenze e di offrire soluzioni ai problemi.

Gli eventi di Selendi non hanno scioccato soltanto la comunità rom turca. Hanno anche sollevato preoccupazioni più generali che la pace sociale in Turchia possa essere minacciata, soprattutto perché gli attacchi ai Rom di Selendi hanno coinciso con scontri tra altri gruppi in altre parti del paese.

Nella città nord-occidentale di Edirne, attivisti di sinistra che chiedevano il rilascio di diversi amici dalla prigione, sono stati attaccati da un gruppo di nazionalisti turchi, e le notizie dicono che la polizia non è intervenuta a fermare le violenze. I media hanno descritto i disordini a Selendi ed Edirne come "tentativi di linciaggio".

Alcuni osservatori credono che le riforme democratici degli anni recenti, che hanno incoraggiato le minoranze a chiedere più diritti, abbiano alzato il coperchio sulle tensioni etniche e sociali che erano tenute sotto ferreo controllo nel nome dell'unità nazionale. Nel passato, la legge turca proibiva le espressioni di diversità etnica, ma la richiesta di unirsi all'Unione Europea ha cambiato tutto ciò.

Politici di spicco come Abdullah Gul, il presidente, hanno elogiato come un bene la diversità etnica e culturale del paese. Ma i leader di opposizione hanno ammonito che la politica di riforme del governo è una minaccia all'unità nazionale.

"Nel passato, le differenze religiose e le altre potevano diventare evidenti solo in un quadro molto stretto, le voci contro la discriminazione non si udivano," ha scritto Oral Calislar, editorialista del giornale Radikal, dopo gli eventi di Selendi. Ma, ha aggiunto, questo sta cambiando. Scrive Calislar, come fanno progressi le iniziative del governo per espandere i diritti dei Curdi, Rom e Alevi del paese, crescono anche le reazioni dei nazionalisti contro le riforme.

L'associazione Rom di Cardak a Smirne offre un esempio dello sviluppo che la Turchia sta passando. Quando fondò la prima volta l'organizzazione nel 1996, questa venne chiusa immediatamente perche le leggi turche di quel periodo non permettevano di menzionare il nome di un gruppo etnico nel titolo di un'associazione. Cardak, che oggi ha 63 anni, rifondò il gruppo nel 2005, dopo che la Turchia ha promulgato riforme che hanno rinforzato la società civile. Dice che oggi i Rom sentono di avere più diritti.

I Rom vivono in Anatolia da secoli. Non è certa la dimensione della loro comunità della Turchia odierna, perché le leggi non permettono la categorizzazione per etnia dei cittadini, le stime variano tra il mezzo milione e i cinque milioni di persone.

Cardak dice che i Rom erano generalmente ben integrati nella società maggioritaria turca. "Naturalmente ci sono pregiudizi che non si possono superare, ma abbiamo vissuto assieme per secoli e continueremo così."  Ha accolto con favore la discussione sui diritti delle minoranze e la reazione del governo dopo gli incidenti a Selendi. "Non penso che qualcosa di simile succederà ancora."

Alcuni Rom di Selendi non sono così sicuri. Rifiutano di tornare in città anche se le case sono le loro. Rappresentanti di Selendi, incluso il sindaco Nurullah Savas, hanno visitato alcuni dei Rom che sono stati portati fuori dalla città settimana scorsa, e hanno chiesto loro di tornare. Secondo le cronache, Savas, membro del Partito di Azione Nazionale, ha detto ai Rom "Siete nostri fratelli."

Ma risulta che alcuni Rom dicono che i loro bambini sono rimasti traumatizzati dagli eventi. Una delle vittime, Erdal Cetin, ha detto che alcuni dei suoi migliori amici sono stati tra i primi a tirare pietre contro il suo negozio.


15.01.2010 scrive Fazıla Mat

I cittadini di Selendi, nella Turchia occidentale, costringono l'intera popolazione rom a lasciare il paese a seguito di un incidente avvenuto la notte di capodanno. Decine di persone deportate. I commenti dei media e il dibattito sulle minoranze in Turchia

A Selendi, nella provincia di Manisa (Turchia occidentale), fino a una settimana fa viveva una popolazione rom di 74 persone, di cui 15 bambini e 20 donne. Lo scorso 7 gennaio, scortati dalla polizia, sono stati tutti deportati nella località di Gördes. Le autorità avevano mostrato di essere incapaci di difenderli dagli attacchi degli altri abitanti della cittadina.

L'episodio è scaturito da una discussione avvenuta la notte di capodanno. Burhan Uçkun, cittadino rom di Selendi, è entrato in un bar per bere un tè. "Non serviamo da bere agli zingari", gli avrebbe detto il proprietario del locale, che sostiene però di aver solamente intimato a Uçkun di rispettare il divieto di fumo. Sta di fatto che dagli insulti si è passati alle mani, coinvolgendo più persone da entrambe le parti. Alla fine Uçkun è stato portato prima in ospedale e poi al comando di polizia mentre suo padre, non reggendo l'agitazione, è morto di infarto.

Cinque giorni dopo, quando il bar ha riaperto, è scoppiata una nuova rissa tra i parenti del defunto e i frequentatori del locale. A questo punto si è formato un gruppo di circa mille persone che ha attaccato le abitazioni dei rom. Le case sono state prese a sassate, alcuni veicoli sono stati bruciati ed è stato necessario l'intervento della gendarmeria per calmare la folla, che poi è stata mandata a casa.

I rom, invece, sono stati caricati su pullman e trasferiti provvisoriamente nella vicina Gördes. E' chiaro che per loro al momento non si parla di far ritorno nella cittadina dove vivevano da oltre trent'anni, visto che immediatamente dopo il trasferimento i bulldozer hanno raso al suolo gli accampamenti e le baracche in cui abitavano.

I rom attribuiscono gran parte della responsabilità dell'accaduto al sindaco di Selendi, Nurullah Savaş, che avrebbe incitato la folla all'aggressione, e ricordano che prima della sua elezione l'anno scorso dalle file dell'MHP (Partito di Azione Nazionale), non si era mai verificato un caso del genere.

Secondo altre testimonianze, il presidente della provincia di Manisa, Celalettin Güvenç, avrebbe poi chiesto ai rom di firmare un foglio in cui dichiaravano di trasferirsi volontariamente. Güvenç avrebbe anche affermato che erano obbligati ad andarsene, e che non avrebbero potuto più restare nella cittadina.

L'ampio spazio dedicato dai media turchi al caso dei rom di Selendi, descritto come eclatante caso di razzismo, ha tuttavia portato le autorità a dichiarare pubblicamente sostegno e a offrire garanzie agli sfollati. Abdullah Cıstır, presidente dell'Associazione rom di Izmir, ha riferito alla NTV che il presidente della provincia di Manisa avrebbe quindi garantito la protezione dello Stato ai rom che volessero far ritorno a Selendi, aiutandoli a pagare per sei mesi o anche un anno l'affitto di case prefabbricate che verrebbero costruite per loro. Ma sono pochissimi quelli che prendono in considerazione un eventuale ritorno.

"Anziché avere un tetto preferisco dormire all'aperto ma essere in salvo", ha detto un giovane commentando l'invito a tornare. Dodici famiglie intanto, circa quaranta persone, sono state trasferite, sembrerebbe in modo definitivo, nella città di Salihli, nella stessa provincia. Sarebbe stata garantita loro una casa, un sussidio per l'affitto, viveri e riscaldamento per aiutarli a iniziare una nuova vita.

Gli abitanti di Selendi sembrano intanto molto contrariati per il fatto di essere stati bollati come "razzisti", e accusano i media di aver distorto i fatti. Nelle diverse interviste continuano a ripetere che i rom sono dei ladri e degli usurai che bestemmiano e bevono.

L'ex imam della cittadina ha detto che il padre di Uçkun, morto d'infarto la notte di capodanno, "bestemmiava contro Allah e la moschea. Alla fine è stato fulminato e giustizia è stata fatta. Quell'uomo venticinque anni fa aveva sparato ad una persona. Se fossimo razzisti non l'avremmo tenuto qui a quel tempo."

C'è anche chi dice che "i rom potrebbero anche fare ritorno, purché vivano come esseri umani", mentre altri si alterano anche solo a considerare una tale eventualità. Un ex insegnante racconta che in passato ci sono state famiglie che hanno dovuto andarsene via a causa degli atteggiamenti violenti dei rom, e pur affermando che non ci sono scuse per quello che è stato fatto la notte del 5 gennaio conclude: "Ora che se ne sono andati siamo sereni. Se tornassero, loro stessi non lo sarebbero".

La discriminazione dei rom in Turchia in materia di accesso all'istruzione e alle strutture sanitarie, partecipazione sociale, ricerca di un lavoro e ottenimento dei documenti di identità è una situazione oggettiva citata anche nell'ultimo rapporto dell'Unione europea sul Paese. Il governo dell'AKP (Partito della Giustizia e dello Sviluppo), che finora ha fatto ben poco per rimediare a questo stato di cose, il 10 dicembre scorso ha realizzato il primo incontro del gruppo di lavoro costituito per valutare la condizione dei rom.

La sociologa Neşe Erdilek ricorda che i rom della Turchia hanno iniziato a emergere in pubblico come gruppo sociale dieci anni fa; che precedentemente, proprio perché venivano automaticamente emarginati per la loro identità, hanno cercato sempre di non manifestare la propria origine. Ma la loro situazione ha assunto una fisionomia diversa quando hanno iniziato a costituirsi in associazioni, e la popolazione rom ha smesso di auto-denominarsi "zingaro" (çingene), termine associato ad un'identità negativa, per adottare il termine roman.

La Erdilek spiega però che, facendo ciò, hanno optato per una posizione a favore dell'autorità e del più forte – atteggiamento che avrebbe consentito loro la sopravvivenza anche al tempo degli ottomani – ed è per questo che una gran parte di essi sottolinea sempre la fedeltà allo Stato e alla bandiera turca evidenziando con enfasi la propria differenza da altri gruppi sociali come i kurdi.

Non sarà un caso che Burhan Kuzu, presidente della commissione per la redazione della Costituzione, commentando i fatti di Selendi abbia detto: "I rom sono i nostri cittadini più fedeli, quelli che non hanno mai problemi con il sistema, con il regime e le altre persone. Sono cioè quelle persone che sono da considerarsi le più innocenti e – non che qualcuno debba essere emarginato – proprio quelle da emarginare di meno."

Articolo Articolo Commenti Oppure (0) Storico >> Stampa Stampa

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


31/10/2020 @ 20:24:30
script eseguito in 32 ms

 

Immagine
 Manifestazione a Sofia (BG) contro la discriminazione... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 3036 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, ch...
20/10/2020 @ 08:03:13
Di FRANCO
LEGGI UN MOMENTO QUESTA OFFERTA DI PRESTITO .... O...
07/10/2020 @ 20:34:53
Di Alesi Gallo
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source