Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Conoscere non significa limitarsi ad accennare ai Rom e ai Sinti quando c'è di mezzo una disgrazia, ma accompagnarvi passo-passo alla scoperta della nostra cultura secolare. Senza nessuna indulgenza.

La redazione
-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 12/11/2008 @ 09:18:37, in Europa, visitato 1255 volte)

Da Mundo_Gitano

Le organizzazioni gitane che durante gli ultimi giorni si sono preoccupate di conoscere la situazione dei gitani attorno a Castellar, che si son visti obbligati ad abbandonare le loro case davanti al timore di essere aggrediti violentemente dagli altri vicini non gitani della località, vogliono manifestare quanto segue:

Primo. Dobbiamo fare un appello a tutti, gitani, "gadches" (non gitani), autorità, giornalisti e cittadini in generale per analizzare i fatti con sufficiente obiettività al fine di evitare che la situazione si radicalizzi rendendo sempre più difficile il ritorno alla normalità democratica. Normalità che deve manifestarsi nel mutuo rispetto, che sempre c'è stato nell'immensa memoria dei popoli d'Andalusia dove vivono i gitani, inclusi i nostri fratelli di Castellar.

Secondo. Anche se sembra inutile, dobbiamo insistere perché non si debba cadere in accuse assurde, inappropriate e false, come dire che tutti i "gadches" sarebbero razzisti, o che tutti i gitani siano delinquenti. Quello che pare sì evidente è che a Castellar ci sono stati comportamenti razzisti da parte di alcuni cittadini del posto e che alcuni gitani sono intervenuti in un confronto per strada tra giovani, atti che entrambe vanno condannati.

Terzo: Tanto la violenza razzista che i comportamenti incivili o delittuosi sono croste  che qualsiasi società democratica deve sradicare; noi, gitani e gitane del secolo XXI, diciamo che questi fatti devono essere denunciati davanti ai giudici perché sia la giustizia, non gli individui, ad appurare le responsabilità, castigare esemplarmente i colpevoli e difenda con fermezza le vittime di qualsiasi aggressione.

Quarto. Da qui vogliamo e dobbiamo manifestare il nostro appoggio alle autorità locali e provinciali di Castellar e di Jaén. Il dialogo con queste, non sempre facile, è stato possibile per il mutuo rispetto ed il desiderio che tutti condividiamo di porre fine il prima possibile alla situazione che Castellar vive e continua a vivere. Il Consiglio Cittadino, la Sottodelegazione e Delegazione del Governo hanno ascoltato le nostre ragioni ed assieme siamo arrivati ad accordi precisi che possono essere la soluzione definitiva al conflitto in atto.

Quinto. A noi, gitani e gitane preoccupati per la situazione di evidente povertà e marginalizzazione in cui vivono i gitani di Castellar, interessa porre in risalto che gli assi del nostro intervento davanti alle autorità di Jaén, siano stati i seguenti:

  1. Si deve garantire la protezione e la sicurezza delle famiglie gitane di Castellar. Queste persone sono terrorizzata. Non possono esercitare con libertà i loro diritti fondamentali come cittadini, per paura di essere aggrediti. I bambini, specialmente, devono essere protetti perché possano andare a scuola senza paura.
  2. La situazione di estrema povertà dei gitani di Castellar esige un'attenzione urgente da parte delle autorità. Garantire loro il diritto alla sussistenza e stabilire un piano di aiuto alle famiglie, personalizzato per ognuna a livello delle loro necessità, è un'azione che si deve realizzare senza alcun ritardo.
  3. Il Consiglio Comunale e la Giunta Andalusa da parte loro devono includere queste famiglie nei piani di promozione sociale e sviluppo personale da loro stabiliti. Solo un'azione decisa in questa materia può essere la garanzia che in un futuro prossimo spariscano le differenze che ancora oggi esistono nella nostra terra, dove c'è chi ha tutto mentre altri scarseggiano dell'indispensabile per vivere.
  4. Nel contempo abbiamo manifestato il nostro desiderio che venga costituita una commissione che segua puntualmente gli accordi presi, e vigili, tanto con le autorità che con le associazioni gitane presenti in questo dialogo, quando una delle parti non tenga fede ai compromessi adottati.

Sesto. Vogliamo manifestare che da parte delle autorità che assieme a noi han partecipato a questo dialogo, abbiamo incontrato la miglior volontà di dare risposta alle nostre petizioni. Lo puntualizziamo perché giusto.

Settimo. Per finire, vogliamo manifestare che avendo presentato varie denuncie alla Guardia Civil, che avranno il loro logico proseguimento davanti agli organi giudiziari pertinenti, noi, facendo valere i nostri diritti costituzionali, saremo part in causa nelle denuncie che riterrà la Corte, perché venga fatta giustizia e venga punito chi abbia violato il diritto di qualsiasi cittadino a vivere in pace, con la garanzia che la sua persona ed i suoi beni non siano violati o distrutti.

UNION ROMANI
Dirección Postal/Postal Address:
Apartado de Correos 202
E-08080 BARCELONA (Spain)
Tel. +34 934127745
Fax. +34 934127040
E-mail: u-romani@pangea.org
URL: http://www.unionromani.org/index_es

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/11/2008 @ 10:18:07, in blog, visitato 1986 volte)

Dal blog di Sergio Bontempelli

Il Comune di Pisa, fino a pochi mesi fa all’avanguardia nelle politiche di accoglienza e di inserimento sociale dei migranti, si adegua al clima diffuso in tutto il paese. E, in consiglio comunale, centro-destra e centro-sinistra votano insieme una mozione sulla «sicurezza». Ecco come gli amministratori comunali stanno cercando di smantellare un’esperienza avanzata. E come sta reagendo la città.

Mentre in Italia si moltiplicavano le violenze a sfondo razziale – non ultima, quella di Ponticelli, dove un intero «campo nomadi» veniva dato alle fiamme – e mentre si sviluppava la moda delle «ordinanze creative», Pisa seguiva percorsi diversi. Nella città della Torre Pendente i «campi nomadi» venivano chiusi non dagli sgomberi, ma da un progetto di inserimento abitativo: i Rom ottenevano una casa, e venivano assistiti nella ricerca di un impiego. Molte famiglie hanno trovato lavoro, e hanno cominciato a pagare da sole l’affitto: diventando non un costo, ma una risorsa. In un clima nazionale di intolleranza, qui si introduceva il diritto di voto amministrativo per gli stranieri, e si lavorava per agevolare le pratiche dei permessi di soggiorno.
Oggi, è bene saperlo, l’«anomalia pisana» non esiste più.

La nuova amministrazione di centro-sinistra, insediata nella scorsa primavera, sta cancellando le precedenti politiche. «Via i Rom e i mendicanti dal centro storico»: la «svolta» è cominciata con questo slogan. Per tutta l’Estate, abbiamo assistito al proliferare di dichiarazioni su una (inesistente) emergenza criminalità, sul pericolo dei campi «abusivi», sulla lotta ai venditori ambulanti stranieri.

Ma è solo nelle ultime settimane che si è passati alle vie di fatto. Il programma «Città Sottili» (quello finalizzato all’inserimento abitativo dei Rom) è stato stravolto: in nome della «legalità» si è proceduto agli sgomberi dei campi. Si sono cacciate dalle loro case interi nuclei familiari, con il pretesto che i capifamiglia erano coinvolti in una rissa: non si è aspettata la sentenza del giudice, gli sfratti sono stati emanati sulla base di segnalazioni di polizia, e in mezzo ad una strada sono finiti i bambini e le donne.

Poi, è arrivata la lotta ai venditori ambulanti. Per i quali è cominciata una vera e propria «caccia all’uomo», con incursioni notturne nelle case e pattugliamenti continui in piazza Duomo. E siccome non poteva mancare una bella «ordinanza creativa», il Sindaco si è inventato quella «antiborsoni»: per contrastare la vendita ambulante, ha annunciato il divieto di girare in prossimità di monumenti muniti di borse di grosse dimensioni

Oggi, questa escalation arriva al culmine. In consiglio comunale, centro-destra e centro-sinistra hanno votato una mozione in cui si elogia il «pacchetto sicurezza» di Berlusconi, si annuncia la militarizzazione della Polizia Municipale, si invocano provvedimenti restrittivi contro i «campi nomadi», i venditori ambulanti stranieri, e persino contro gli studenti, «rei» di girare per la strada ad ore notturne…

In una città abituata a convivere con le presenze straniere, tutto questo non poteva non suscitare reazioni. Le Rappresentanze Sindacali del Comune e della Polizia Municipale hanno contestato la svolta «securitaria» del Sindaco. Centinaia di cittadini hanno firmato una petizione contro l’allontanamento di un venditore senegalese da un supermercato. E, per il 22 Novembre, è prevista una manifestazione, alla quale hanno aderito numerose sigle dell’associazionismo e del volontariato.

Il «caso Pisa» non è, però, materia soltanto locale: è messa in discussione una delle poche esperienze in controtendenza rispetto alle politiche nazionali. Perciò chiediamo a tutti di non lasciarci soli.

Per approfondire leggi anche:
- Il Programma Città Sottili per l’inserimento abitativo dei Rom: intervista all’(ex) assessore Carlo Macaluso, 16 Novembre 2007
- «Via i mendicanti e i Rom dal centro storico». Le dichiarazioni del nuovo Sindaco Filippeschi, 1 Maggio 2008
- «Via i Rom violenti». Le dichiarazioni del Sindaco Filippeschi, 5 Luglio 2008
- «I senegalesi venditori ambulanti: abbiamo paura». La testimonianza del Presidente del Consiglio degli Stranieri Matar N’Diaye, 5 Ottobre 2008
- Il testo della mozione sulla sicurezza, approvata al Consiglio Comunale del 6 Novembre 2008, votata dal centro-destra e dal Partito Democratico
- Il testo della mozione presentata dal gruppo consiliare della Sinistra Arcobaleno, respinta dal consiglio
- I Rom di Putignano, Pisa: siamo abbandonati da tutti, dormiamo sotto un ponte. 8 Novembre 2008
- La petizione dei 500 cittadini pisani contro l’allontanamento di un venditore ambulante straniero, 9 Ottobre 2008
- La mozione delle RSU del Comune e della Polizia Municipale contro le politiche securitarie dell’amministrazione
- Appello per la manifestazione antirazzista del 22 Novembre 2008

 

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/11/2008 @ 09:28:41, in Europa, visitato 1570 volte)

Da Czech_Roma

AP 2008-11-05 18:06:03

PRAGA - Una corte d'appello ha deciso mercoledì che un ospedale ceco non deve pagare nessuna compensazione ad una donna zingara sterilizzata 11 anni fa senza il suo consenso.

La Lega per i Diritti Umani ha criticato aspramente questo giudizio e ha detto che intende appellarsi alla Corte Suprema. Il giudizio è visto come importante perché ha rovesciato il precedente giudizio del tribunale che garantiva alla donna una compensazione dall'ospedale per una simile operazione.

Il gruppo sui diritti umani ritiene che centinaia di donne di questa minoranza di circa 250.000 persone, sia stata sterilizzata contro il proprio volere, una pratica che risale al periodo comunista e terminata solo di recente, secondo un rapporto investigativo dell'ombudsman Otakar Motejl, a fine 2005.

Sotto il comunismo, che nella Repubblica Ceca terminò nel 1989, la sterilizzazione era una pratica semi-ufficiale per limitare la popolazione zingara, o Rom come preferiscono essere chiamati, le cui grandi famiglie erano viste come un peso per lo stato.

Nella decisione di mercoledì, la corte d'appello ha rigettato quella di un altro tribunale secondo cui l'ospedale doveva pagare 500.000 koruna ($26,330; 20,460 €uro) a Iveta Cervenakova per averla sterilizzata illegalmente senza il suo consenso nel 1997, ha detto Petr Angyalossy, portavoce del tribunale di Olomouc, 250 km ad est di Praga.

Ha detto che la corte ha deciso che l'ospedale nella città nord orientale di Ostrava non doveva pagare alcuna compensazione alla Cervenakova, 32 anni, perché il caso aveva si riferiva a più di tre anni fa.

Angyalossy ha poi detto che l'ospedale doveva soltanto scusarsi con Cervenakova.

Un altro tribunale aveva deciso il 12 ottobre 2007 che l'ospedale doveva pagare un compenso e scusarsi con Cervenakova per aver violato i suoi diritti con la sterilizzazione.

Cervenakova aveva compilato la citazione in giudizio nel 2005. Era stata sterilizzata dopo aver dato alla nascita la sua seconda figlia con parto cesareo.

Diverse donne rom ceche avevano richiesto i danni agli ospedali per le sterilizzazioni illegali, ma Cervenakova fu la prima ad ottenerla in tribunale. L'avvocato David Zahumensky della Lega per i Diritti Umani, che si è consultato con i legali di Cervenakova, ha detto che la cliente ricorrerà in appello alla Corte Suprema, perché il limite dei tre anni non si può applicare a questo caso.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/11/2008 @ 09:00:49, in Italia, visitato 1393 volte)

Ricevo da RETE MIGRANTI MILANO

Nessuno escluso! Milano città per tutti

Milano è la città in cui viviamo, lavoriamo o studiamo, qualcuno da sempre, altri da tempi più recenti.

E' una città ricca di storia e di cultura, fiorente di attività e piena di opportunità. E’ una città al passo con i tempi, in cui si possono ottenere ottime cure sanitarie e scegliere i migliori istituti educativi. Milano è una bella città, ma per pochi... meglio se in salute e con un cospicuo conto in banca.

Per il resto della popolazione, la grossa fetta dei non privilegiati a cui gli immigrati appartengono di diritto, il presente è faticoso, precario, ed il futuro sempre più chiuso.

In questa città è facile soccombere all'onda mediatica diffamatoria nei confronti del diverso, dell’indifeso, del “senza diritto” perché senza documenti (o viceversa). Non lo è altrettanto riconoscere la ricchezza e il contributo che gli immigrati danno ovunque. Più di altri dovrebbero saperlo i milanesi che oggi si avvalgono, sempre di più, delle prestazioni lavorative e delle qualità umane della popolazione immigrata (contributo al PIL lombardo dei lavoratori stranieri 10,7% - dati Ismu, osservatorio regionale, rapporto regionale sull’immigrazione 04/2008).

E' sufficiente immaginare un solo giorno senza migranti a Milano per avere la percezione dell'ampiezza del fenomeno immigrazione e per rendersi conto della paralisi che ne scaturirebbe.

C'è un profondo divario tra questa visione del migrante come elemento imprescindibile per lo sviluppo dell'economia e della vita cittadina, e dell'immigrato come reietto, ultimo nella scala sociale di una città che con gli “ultimi” sa essere spietata. Senza renderci conto che “ultimi” sempre più velocemente, stiamo per diventarlo tutti.

Le retate sui mezzi pubblici, le ronde notturne, l'espulsione dagli alloggi, le campagne contro le moschee, gli sgomberi violenti, la schedatura etnica di Rom e Sinti, l'esercito nelle strade, la reclusione nei Cpt (Cie), la criminalizzazione degli irregolari, i pestaggi, sono modalità che non si addicono a chi proclama di avere a cuore la sicurezza della comunità.

Coloro che amano davvero questa città sentono l’urgenza e la necessità di costruire un’alternativa a una Milano per pochi e lottano perché il diritto alla salute, all'educazione, alla casa, al lavoro, a un reddito dignitoso, siano diritti di tutti e vengano applicati senza discriminazione.

La Rete Migranti Milano riunisce diverse associazioni di migranti, forze sociali, politiche e sindacali che, superando i particolarismi, lavorano insieme a partire dal rifiuto di questo modello di città.

La campagna aspira a mettere in moto azioni permanenti che puntino a ricostruire il tessuto sociale cittadino, nel tentativo di aprire il futuro e costruire un nuovo modello di città solidale.

Nessuno escluso!

Milano città per tutti

E’ una campagna di denuncia, controinformazione e sensibilizzazione che sveli l’inganno mediatico e persecutorio nei confronti dell'immigrato, capro espiatorio e diversivo perché i cittadini non si occupino della drammatica situazione sociale ed esistenziale in cui si trovano.

Che parte dai quartieri per costruire una rete solidale tra persone, associazioni, comunità di stranieri affinché nessuno debba più sentirsi solo di fronte a questa nuova violenta ondata di intolleranza.

Che propone un dialogo tra le differenti culture presenti in una città già multietnica, affinché si chiudano le porte al razzismo e alla xenofobia.

Un’azione antirazzista permanente, nonviolenta e quotidiana, perché non è con la violenza,il controllo e la repressione, che questa città diverrà più sicura.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/11/2008 @ 08:56:36, in musica e parole, visitato 2317 volte)

Da Mentelocale.it

L'attore-autore ha lavorato 5 anni al libro 'Non chiamarmi zingaro'. Indagine e incontro con un mondo tenuto ai margini. Al Ducale il 13 novembre - di Laura Santini GENOVA, 08 NOVEMBRE 2008

Palazzo Ducale - h.17.00
Piazza Matteotti 9 - 16123 Genova
010 5574000

"Ho cercato un po' nelle librerie, poi trovando poco o niente ho deciso di mettermi in viaggio", spiega Pino Petruzzelli, attore e drammaturgo ma anche direttore artistico del Centro Teatro Ipotesi, raccontando di un pellegrinaggio non solo verso l'Est europeo ma anche in Svizzera e Francia per capire e far capire chi sono quelli che noi chiamiamo zingari, ma che più correttamente si dovrebbero indicare come Rom e Sinti, popoli nomadi secolarmente vittime di persecuzioni: "per capire una realtà che mi sembra sconosciuta o meglio disconosciuta".

Del libro che ne è emerso, Non chiamarmi zingaro, uscito a giugno per la casa editrice Chiarelettere, si parlerà giovedì 13 novembre in un incontro a Palazzo Ducale (Sala del Minor Consiglio, ore 17), dove interverranno Luca Borzani, la comunità di Sant'Egidio (che organizza l'appuntamento) e alcuni Rom e Sinti. Quindi anche loro prenderanno la parola? "Non credo - continua Petruzzelli - preferiscono non parlare per paura di essere messi in mezzo". Una paura che si rivolge all'interno verso altri della loro comunità o all'esterno verso la società? "L'esterno ovviamente, anche perché basta dire di essere zingari che tutti i rapporti di lavoro o di altro tipo cadono e rientrano nell'ambito del sospetto. Per molti di loro, già inseriti nella società - che studiano, lavorano, hanno una casa in affitto - sarebbe gravissimo esporsi, proprio perché inseriti benissimo tra noi senza aver rivelato le loro origini. E spesso i più integrati sono quelli più legati alle loro tradizioni e che parlano meglio la loro lingua, il romanes o romané - con radici sanscrite e trasversale a Rom e Sinti".

Pino Petruzzelli si dice di parte, dichiaratamente di parte: "felice di esserlo e di restarlo", ma dalle sue parole emerge soprattutto l'incredulità, la sorpresa non certo verso quello che ha scoperto e capito ma verso quello che molti di noi ancora non si domandano e non comprendono. Chi sono e come vivono? Qui e altrove? "I campi nomadi sono una realtà tutta italiana, 'soluzione' drammatica e inaccettabile che colloca queste comunità ai margini della città e della società magari vicino a discariche o in roulotte desuete e strasfruttate eredità del terremoto in Irpinia, altro che antiquariato. Fa eccezione l'Abruzzo dove vivono con/dentro la società, mescolati agli altri in abitazioni normali". Anche qui la storia era partita dai campi nomadi, scelti solo come soluzione temporanea e poi abbandonati per dare a queste persone la possibilità di vivere in vere e proprie case i cosiddetti "campi verticali, non baracche, ma edifici, come accade per altro in tutta Europa".

Possiamo una volta per tutte affrontare la storia che circola di bocca in bocca da tempi immemori ("le comunità Rom e Sinti sono in Italia dal 1400") secondo la quale loro vivono nei campi nomadi per scelta perché non vogliono integrarsi, perché nella loro cultura il lavoro non è un valore, anzi lo sarebbe il suo contrario, e che non sono puliti e che rubano i bambini, e che e che... Puoi finalmente dirci perché più che una storiella è una bugia dalla gambe lunghe che fa passi grandi per nutrire a piene mani l'incalzante e comoda ignoranza, ma che non si può, come sempre, fare di tutta l'erba un solo fascio?
"Tendiamo a vedere solo quelli che stanno per strada, ma Rom e Sinti, come dicevo, in altri stati europei e anche in Abruzzo, convivono nella società e tra loro ci sono laureati e gente che lavora come noi in vari ambiti. Persino a Genova c'è un ragazzo che installa sistemi di sicurezza nelle banche. Sì, un Rom che mette in sicurezza i nostri soldi, da non credere eppure è vero e per anni ha lavorato tornando poi la sera al campo nomadi, appunto".

Parlando di cultura e tradizioni, Petruzzelli spiega alcune differenze importanti su cui nessuno mai o troppo pochi troppo raramente si sono soffermati. "L'eredità che per noi è un fatto naturale, cioè quando i nostri cari muoiono lasciano a figli e congiunti i loro averi; per loro è una pratica inconcepibile, perché hanno una visione molto diversa di ciò che è puro e di ciò che è impuro. Trarre profitto è impuro e quindi tutti i beni vanno seppelliti con chi muore. La droga è qualcosa di impuro e non va neanche toccata, tantomeno consumata. È ovvio poi che, essendo in contatto con la nostra società, in alcuni campi nomadi il fenomeno droga ha creato disastri come per esempio a Firenze". E qui Petruzzelli apre un'ampia parentesi ricordando che i campi nomadi italiani nascono come 'soluzione' temporanea e di emergenza, pensati per un numero specifico di famiglie e per un arco di tempo definito. "Ma poi restano in piedi per 20 anni o più e delle dieci famiglie originali ce ne vivono 60 perché nel frattempo i giovani si sono sposati e hanno fatti figli, insomma le comunità sono cresciute, ma lo spazio è diventato totalmente inadeguato (vedi legge regionale ligure per cui il campo di Bolzaneto dovrebbe garantire 100mq a famiglia". I lavori principali per tradizione sono quelli che ci immaginiamo legati all'artigianato - ovviamente poco praticabili nel nostro contemporaneo - all'allevamento di cavalli, alle attività circensi, alle giostre "e non è facile per molti riciclarsi".

E a proposito degli zingari che rubano i bambini? "Ti ringrazio per questa domanda, perché proprio uno studio dell'Università di Verona ha verificato che negli ultimi vent'anni non un solo Rom o Sinto, facendo un'indagine in tutte le procure d'Italia, è stato condannato per questo reato. Voglio invece ricordare che in Svizzera (fino al '72) si rapivano i bimbi Rom e Sinti per strapparli alla loro cultura in un progetto di azzeramento di quelle culture con danni gravissimi sui bambini e le famiglie ovviamente".

A proposito delle donne e della loro emancipazione, mi sa che occorre fare un passo indietro, o no? "Certo, c'è un maschilismo molto forte, però anche in questo caso bisogna approfondire. Perché se superficialmente all'interno della famiglia la donna serve a tavola, è anche vero che ha un forte ruolo di leader interno ed esterno per cui l'uomo esegue quello che lei ha deciso. E poi la portavoce italiana è una donna Sinta. Mentre se passiamo al matrimonio, è l'amore a vincere: se due ragazzini consenzienti scappano insieme, sta poi al Kris - tribunale degli anziani - far smuovere le famiglie che magari avevano combinato diversamente, per organizzare subito il matrimonio nel nome appunto dell'amore".

Acquista on-line Non chiamarmi zingaro di Pino Petruzzelli su IBS.it


Dillo come sai
Intanto il lavoro di Pino Petruzzelli è tornato a rivolgersi al teatro, dove però ha fatto tesoro dell'esperienza recente e ha costruito il progetto Dillo come sai (in collaborazione con la comunità di Sant'Egidio, il consorzio Agorà e il supporto dell'assessore regionale Massimiliano Costa) un corso di formazione professionale per Rom e Sinti genovesi per formare una compagnia teatrale in tutte le sue componenti: attori/trici, cantanti, ma anche ufficio stampa, organizzazione. «Non vuole essere una ghettizzazione, ma dargli l'opportunità di creare in autonomia una compagnia e partire quindi con un rapporto di parità: pari mezzi, pari accesso». Sono nove in tutto le persone selezionate, di età molto diverse dai 15 ai 42 anni, uomini e donne avvisati tramite volantini e manifesti nei campi nomadi. C'è Marianna, virtuosa di fisarmonica, lo stesso maestro Gianluca Campi è rimasto colpito dal talento; Jan, anche lui alla fisarmonica; Carlotta e Sergio che recitano e fanno danza, seguita anche da Isetta e Ismeta; poi Ismet segue il corso da organizzatore teatrale. E il Teatro Stabile e l'Archivolto hanno regalato a tutta la compagnia l'ingresso ai teatri per tutta la stagione, in serate a loro scelta.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/11/2008 @ 08:55:50, in Italia, visitato 1524 volte)

Da Roma_Italia

Giovedì 20 novembre 2008 - Ore 10.00
Provincia di Viterbo
Palazzo Gentili - Sala Conferenze
Via Aurelio Saffi, 49 Viterbo (VT)
www.24marzo.it

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Principi Fondamentali - Art. 3:
Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.
È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.


RAZZA = RAZZISMO
Riflessioni a settant’anni dalle leggi razziali

Daniela Santucci, ricercatrice dell’Istituto Superiore di Sanità "La biologia delle razze animali"

Marcello Gentili, avvocato penalista "La legislazione razzista italiana del 1938"

Vera Vigevani Jarach, scrittrice e Madre di Piazza di Maggio "La via dell'emigrazione degli ebrei in Argentina"

Giulia Spizzichino, della Comunità ebraica di Roma "La vita nel ghetto di Roma: dalle persecuzioni, alle deportazioni, alle Fosse Ardeatine"

Giorgio Bezzecchi, Presidente Vicario Nazionale dell'Opera Nomadi "Le persecuzioni dei zingari italiani: dalle schedature ad Auschwitz"

Maurizio Pagani, Presidente della Opera Nomadi di Milano "Le politiche pubbliche verso le minoranze zingare"

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 10/11/2008 @ 14:40:33, in musica e parole, visitato 1070 volte)

L' associazione culturale Thèm Romanò organizza, nell'ambito della stagione teatrale 2008-2009 del Comune di Lanciano, in collaborazione con l' Istituzione Deputazione Teatrale a partire dalle ore 21.30 di sabato 15 novembre a Lanciano presso il Teatro Fedele Fenaroli la quindicesima edizione del...

continua a leggere

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/11/2008 @ 14:09:33, in Italia, visitato 1483 volte)

Da Il Secolo XIX

Uno dei ragazzini aveva subito un furto in casa e ha dato la colpa ai circensi

I luoghi comuni, gli stereotipi sono difficili da cambiare. Un ragazzino di 16 anni giorni fa aveva subito un furto in casa. Con un’ardita associazione mentale ha pensato immediatamente agli zingari. E quando ha visto il cartello pubblicitario di un circo ha dato subito la colpa a loro. E, insieme ad un amico, ha subito escogitato una vendetta: lanciare una molotov contro il tendone.

E’ questa l’assurda motivazione data per “giustificare” una cosa tanto grave. Poteva essere una strage, ma per fortuna non è andata così. Dopo la paura, i lavoratori del circo parlano tranquillamente con i cronisti. «Non abbiamo avuto problemi con nessuno, la gente del posto ci saluta con cordialità, i nostri bambini da una settimana frequentano le scuole della città. Non è la prima volta che veniamo a Sarzana è una città accogliente dove ci siamo sempre trovati bene - racconta una giovane donna con l’aria spaventata che ben interpreta lo stato d’animo dei circensi che poi continua - Questa bravata poteva costare davvero cara: se la bomba fosse stata lanciata di notte avremo potuto bruciare tutti quanti, insieme ai nostri bambini».

«Il nostro è un circo grande, una cittadella recintata - dice Francesca Karoli, contitolare del circo - Quel gesto poteva distruggere le nostre vite, il nostro lavoro di anni di sudore. Giriamo l’Italia da anni e anche i paesi vicini, non ci è mai accaduta una cosa tanto grave. Siamo sconvolti!». Dopo il lancio delle molotov nel recinto dei cavalli tra la gente del circo Karoli si respira un’aria di paura. L’ ordigno è stato gettato poco prima dello spettacolo pomeridiano che ospitava un gran numero di bambini e le loro famiglie. Solo per un caso la bomba non è esplosa: nella stalla, poco distante il tendone già gremito di persone, si trovavano una trentina di cavalli ed è facile immaginare che se i quadrupedi si fossero spaventati per lo scoppio dell’ordigno, all’interno dell’area del circo sarebbe stato il caos.

I responsabili del gravissimo gesto, sono due ragazzini di 16 anni uno residente a Sarzana e l’altro a Vezzano. Entrambi sono subito stati individuati dai carabinieri che li hanno fermati e denunciati al Tribunale dei minori di Genova. La cronaca della terribile giornata ha avuto inizio poco prima delle ore 17, quando i due con gli scooter, si erano fermati in via Silea, proprio dietro il grosso parcheggio della variante Aurelia (ex “area Gerardo”) dove in questi giorni fa tappa il circo Karoli. Uno dei due, acceso l’innesco di una bottiglia incendiaria, l’ha lanciata nell’area delle scuderie, dove si trovavano una trentina di cavalli.

Poi sono fuggiti a tutta velocità. L’azione però è stata vista da un testimone che è riuscito ad annotare – seppur in maniera parziale e confusa entrambe le targhe. Per un caso fortuito la bottiglia, rimbalzata sul tetto della stalla e caduta sul cortile, proprio in mezzo ai cavalli, non s’è rotta e quindi la benzina contenuta non è esplosa.

Uno degli stallieri, vista la fiammata, è subito accorso e ha prontamente spento l’ordigno. Immediata la chiamata al 112. Diramate le ricerche, i due ciclomotori sono stati presto trovati. Infatti, due mezzi corrispondenti alla descrizione e con le targhe compatibili a quelle parziali riportate dal testimone, erano parcheggiati, col motore ancora caldo, uno a fianco all’altro nel parcheggio di Porta Romana. I giovani proprietari erano poco distante, come nulla fosse, a chiacchierare con alcuni amici presso il monumento di piazza Garibaldi, in pieno centro a Sarzana.

Accompagnati in caserma, i ragazzini hanno subito confessato, permettendo anche di ritrovare il panno usato per l’innesco e l’accendino che, insieme alla bottiglia e ai due motorini, sono stati sequestrati. In caserma sono arrivati anche i genitori dei giovani: non volevano credere a quello che avevano fatto i loro figli. I due sedicenni sono accusati di fabbricazione, detenzione e porto materiale esplosivo e tentato incendio doloso.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 

Ricevo da Tommaso Vitale

Il Coordinamento Rom (ACLI; Arci; Associazione Liberi; Associazione Nocetum;  Associazione Oltre il Campo; Aven Amenza;  Caritas Ambrosiana; CGIL Milano; Comitato per le libertà e i diritti sociali; Comitato Rom e Sinti Insieme; Comunità S.Egidio; Fondazione Casa della Carità; Gruppo Abele; Naga;  Opera Nomadi; Padri Somaschi) organizza un

Incontro con le associazioni e con gli operatori del diritto su:
Combattere la discriminazione strutturale contro i ROM: cause strategiche e ruolo della società  civile

con

Lilla Farkas Avvocato esperto in tutela dei diritti umani, Componente del  Network of Independent Experts in the Non-discrimination Field della Commissione Europea e dell’ Hungarian Equal Treatment Authority

e

Mariana Berbec Rostas Associate Legal Officer for Legal Capacity Development Program, Legal Aid and Community Empowerment Clinics  della Open Society Justice Initiative

Camera del Lavoro  di Milano
corso di Porta Vittoria 43
Sala De Carlini
12 novembre 2008 Ore 19.30

L’incontro sarà l’occasione per riprendere la discussione sulla costituzione a Milano di un Osservatorio sui diritti fondamentali, sui possano aderire operatori del diritto, docenti ed  esperti che intendono far valere gli strumenti legali di lotta alla xenofobia, al razzismo e alle discriminazioni e di tutela dei diritti fondamentali.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/11/2008 @ 10:48:51, in blog, visitato 1218 volte)

Da Postcrazia

L'idea "buona" di schedare i Senza Dimora l'aveva già avuta Alemanno ad agosto. Adesso rispunta dal cappello della Lega insieme a un'impressionante cocktail di porcherie e ieri sera è stata inserita nel "pacchetto sicurezza", in votazione martedì. Questo il testo dell'emendamento:

Dopo il comma 3 dell'articolo 2 della legge 24 dicembre 1954, n. 1228 è aggiunto il seguente:
"3-bis. 1. E' comunque istituito presso il Ministero dell'interno un apposito registro delle persone che non hanno fissa dimora. 
2. Con decreto del Ministro dell'interno, da adottarsi nel termine di 180 giorni dall'entrata in vigore della presente legge, sono stabilite le modalità di funzionamento del registro di cui al comma 1 attraverso l'utilizzo del sistema INA-SAIA.".

Il vizietto di schedare le persone anziché occuparsi dei loro problemi resta. Il problema in questione è la residenza. La mancanza di residenza anagrafica impedisce ai senza dimora di accedere ai propri diritti, perché li rende invisibili rispetto alla burocrazia. In molti comuni si è provveduto, in molti altri no: se si vuole fare qualcosa si parta da questo.

La sicurezza è prima di tutto un diritto delle persone più fragili. Spero che qualcuno se lo ricordi, prima o poi.

(grazie a Giro per la segnalazione)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


29/01/2020 @ 09:22:24
script eseguito in 63 ms

 

Immagine
 da lontano a più vicini... di cicciosax



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2215 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< gennaio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
27/01/2020 @ 16:13:20
Di Monica
Testimonianza su come metto fine alle mie preoccup...
23/01/2020 @ 18:28:29
Di MR PENDELIS
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source