\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Spagna
Di Fabrizio (del 12/11/2008 @ 09:18:37, in Europa, visitato 1379 volte)

Da Mundo_Gitano

Le organizzazioni gitane che durante gli ultimi giorni si sono preoccupate di conoscere la situazione dei gitani attorno a Castellar, che si son visti obbligati ad abbandonare le loro case davanti al timore di essere aggrediti violentemente dagli altri vicini non gitani della località, vogliono manifestare quanto segue:

Primo. Dobbiamo fare un appello a tutti, gitani, "gadches" (non gitani), autorità, giornalisti e cittadini in generale per analizzare i fatti con sufficiente obiettività al fine di evitare che la situazione si radicalizzi rendendo sempre più difficile il ritorno alla normalità democratica. Normalità che deve manifestarsi nel mutuo rispetto, che sempre c'è stato nell'immensa memoria dei popoli d'Andalusia dove vivono i gitani, inclusi i nostri fratelli di Castellar.

Secondo. Anche se sembra inutile, dobbiamo insistere perché non si debba cadere in accuse assurde, inappropriate e false, come dire che tutti i "gadches" sarebbero razzisti, o che tutti i gitani siano delinquenti. Quello che pare sì evidente è che a Castellar ci sono stati comportamenti razzisti da parte di alcuni cittadini del posto e che alcuni gitani sono intervenuti in un confronto per strada tra giovani, atti che entrambe vanno condannati.

Terzo: Tanto la violenza razzista che i comportamenti incivili o delittuosi sono croste  che qualsiasi società democratica deve sradicare; noi, gitani e gitane del secolo XXI, diciamo che questi fatti devono essere denunciati davanti ai giudici perché sia la giustizia, non gli individui, ad appurare le responsabilità, castigare esemplarmente i colpevoli e difenda con fermezza le vittime di qualsiasi aggressione.

Quarto. Da qui vogliamo e dobbiamo manifestare il nostro appoggio alle autorità locali e provinciali di Castellar e di Jaén. Il dialogo con queste, non sempre facile, è stato possibile per il mutuo rispetto ed il desiderio che tutti condividiamo di porre fine il prima possibile alla situazione che Castellar vive e continua a vivere. Il Consiglio Cittadino, la Sottodelegazione e Delegazione del Governo hanno ascoltato le nostre ragioni ed assieme siamo arrivati ad accordi precisi che possono essere la soluzione definitiva al conflitto in atto.

Quinto. A noi, gitani e gitane preoccupati per la situazione di evidente povertà e marginalizzazione in cui vivono i gitani di Castellar, interessa porre in risalto che gli assi del nostro intervento davanti alle autorità di Jaén, siano stati i seguenti:

  1. Si deve garantire la protezione e la sicurezza delle famiglie gitane di Castellar. Queste persone sono terrorizzata. Non possono esercitare con libertà i loro diritti fondamentali come cittadini, per paura di essere aggrediti. I bambini, specialmente, devono essere protetti perché possano andare a scuola senza paura.
  2. La situazione di estrema povertà dei gitani di Castellar esige un'attenzione urgente da parte delle autorità. Garantire loro il diritto alla sussistenza e stabilire un piano di aiuto alle famiglie, personalizzato per ognuna a livello delle loro necessità, è un'azione che si deve realizzare senza alcun ritardo.
  3. Il Consiglio Comunale e la Giunta Andalusa da parte loro devono includere queste famiglie nei piani di promozione sociale e sviluppo personale da loro stabiliti. Solo un'azione decisa in questa materia può essere la garanzia che in un futuro prossimo spariscano le differenze che ancora oggi esistono nella nostra terra, dove c'è chi ha tutto mentre altri scarseggiano dell'indispensabile per vivere.
  4. Nel contempo abbiamo manifestato il nostro desiderio che venga costituita una commissione che segua puntualmente gli accordi presi, e vigili, tanto con le autorità che con le associazioni gitane presenti in questo dialogo, quando una delle parti non tenga fede ai compromessi adottati.

Sesto. Vogliamo manifestare che da parte delle autorità che assieme a noi han partecipato a questo dialogo, abbiamo incontrato la miglior volontà di dare risposta alle nostre petizioni. Lo puntualizziamo perché giusto.

Settimo. Per finire, vogliamo manifestare che avendo presentato varie denuncie alla Guardia Civil, che avranno il loro logico proseguimento davanti agli organi giudiziari pertinenti, noi, facendo valere i nostri diritti costituzionali, saremo part in causa nelle denuncie che riterrà la Corte, perché venga fatta giustizia e venga punito chi abbia violato il diritto di qualsiasi cittadino a vivere in pace, con la garanzia che la sua persona ed i suoi beni non siano violati o distrutti.

UNION ROMANI
Dirección Postal/Postal Address:
Apartado de Correos 202
E-08080 BARCELONA (Spain)
Tel. +34 934127745
Fax. +34 934127040
E-mail: u-romani@pangea.org
URL: http://www.unionromani.org/index_es