\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Campagna Nessuno escluso! Milano città per tutti
Di Fabrizio (del 11/11/2008 @ 09:00:49, in Italia, visitato 1468 volte)

Ricevo da RETE MIGRANTI MILANO

Nessuno escluso! Milano città per tutti

Milano è la città in cui viviamo, lavoriamo o studiamo, qualcuno da sempre, altri da tempi più recenti.

E' una città ricca di storia e di cultura, fiorente di attività e piena di opportunità. E’ una città al passo con i tempi, in cui si possono ottenere ottime cure sanitarie e scegliere i migliori istituti educativi. Milano è una bella città, ma per pochi... meglio se in salute e con un cospicuo conto in banca.

Per il resto della popolazione, la grossa fetta dei non privilegiati a cui gli immigrati appartengono di diritto, il presente è faticoso, precario, ed il futuro sempre più chiuso.

In questa città è facile soccombere all'onda mediatica diffamatoria nei confronti del diverso, dell’indifeso, del “senza diritto” perché senza documenti (o viceversa). Non lo è altrettanto riconoscere la ricchezza e il contributo che gli immigrati danno ovunque. Più di altri dovrebbero saperlo i milanesi che oggi si avvalgono, sempre di più, delle prestazioni lavorative e delle qualità umane della popolazione immigrata (contributo al PIL lombardo dei lavoratori stranieri 10,7% - dati Ismu, osservatorio regionale, rapporto regionale sull’immigrazione 04/2008).

E' sufficiente immaginare un solo giorno senza migranti a Milano per avere la percezione dell'ampiezza del fenomeno immigrazione e per rendersi conto della paralisi che ne scaturirebbe.

C'è un profondo divario tra questa visione del migrante come elemento imprescindibile per lo sviluppo dell'economia e della vita cittadina, e dell'immigrato come reietto, ultimo nella scala sociale di una città che con gli “ultimi” sa essere spietata. Senza renderci conto che “ultimi” sempre più velocemente, stiamo per diventarlo tutti.

Le retate sui mezzi pubblici, le ronde notturne, l'espulsione dagli alloggi, le campagne contro le moschee, gli sgomberi violenti, la schedatura etnica di Rom e Sinti, l'esercito nelle strade, la reclusione nei Cpt (Cie), la criminalizzazione degli irregolari, i pestaggi, sono modalità che non si addicono a chi proclama di avere a cuore la sicurezza della comunità.

Coloro che amano davvero questa città sentono l’urgenza e la necessità di costruire un’alternativa a una Milano per pochi e lottano perché il diritto alla salute, all'educazione, alla casa, al lavoro, a un reddito dignitoso, siano diritti di tutti e vengano applicati senza discriminazione.

La Rete Migranti Milano riunisce diverse associazioni di migranti, forze sociali, politiche e sindacali che, superando i particolarismi, lavorano insieme a partire dal rifiuto di questo modello di città.

La campagna aspira a mettere in moto azioni permanenti che puntino a ricostruire il tessuto sociale cittadino, nel tentativo di aprire il futuro e costruire un nuovo modello di città solidale.

Nessuno escluso!

Milano città per tutti

E’ una campagna di denuncia, controinformazione e sensibilizzazione che sveli l’inganno mediatico e persecutorio nei confronti dell'immigrato, capro espiatorio e diversivo perché i cittadini non si occupino della drammatica situazione sociale ed esistenziale in cui si trovano.

Che parte dai quartieri per costruire una rete solidale tra persone, associazioni, comunità di stranieri affinché nessuno debba più sentirsi solo di fronte a questa nuova violenta ondata di intolleranza.

Che propone un dialogo tra le differenti culture presenti in una città già multietnica, affinché si chiudano le porte al razzismo e alla xenofobia.

Un’azione antirazzista permanente, nonviolenta e quotidiana, perché non è con la violenza,il controllo e la repressione, che questa città diverrà più sicura.