Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Desideri, disperazioni e voglia di normalità dalla periferia più periferica.

-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Sucar Drom (del 17/01/2014 @ 09:04:50, in blog, visitato 1337 volte)

Roma, la Questura si dissocia
Il 28 dicembre scorso sul profilo Facebook e Twitter della Questura di Roma è stato postato il seguente comunicato: "In relazione al tweet apparso sul profilo della Questura di Roma nella giornata del 26 di...

Bolzano, il Porrajmos e la memoria

Rivergaro (PC), dialisi in festa con la Musica dei Viandanti


Milano, il lancio di ROMED2 e ROMACT
Il 18 gennaio a Milano, dalle ore 9.00 a Palazzo Reale in Piazza Duomo, saranno lanciati i due programmi europei, ROMED2 e ROMACT, a favore delle minoranze linguistiche sinte e rom e delle mi...

Lombardia, smonta lo stereotipo e abbatti le discriminazioni
Concorso a premi per manifesti artistici "SMONTA LO STEREOTIPO, COSTRUISCI LA CONOSCENZA" rivolto alle scuole secondarie di primo e secondo grado della Regione Lombardia.

Jesi (AN), il Porrajmos con Santino Spinelli


Roma, memorie dallo sterminio di sinti e rom
In occasione della Giornata della Memoria, in cui si commemorano tutte le vittime delle persecuzioni nazifasciste, Associazione 21 luglio e Associazione Sucar Drom organizzano l’evento “Samudaripen. Tutti morti...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/01/2014 @ 09:01:12, in Italia, visitato 1349 volte)
Incontro con Alexian Santino Spinelli. Musicista, scrittore e docente universitario - di Donato Savria

Il razzismo non ci appartiene, ma gli zingari se ne devono andare a casa loro. Quante volte abbiamo sentito quest'affermazione? Politici, semplici cittadini, vecchi, giovani.. troppo spesso la non informazione è peggiore di un'informazione sbagliata. Il pregiudizio regna sovrano e noi, popolo del XXI secolo, siamo così pigri da non voler cercare altre risposte, prendiamo per buono ciò che ci dicono Tv, radio, giornali. Ascoltiamo una sola "campana", non ci interessa altro.

E' arrivato il momento di aprire gli occhi, andare controcorrente; vogliamo ricordare le persecuzioni che gli zingari hanno subìto nel corso della loro storia millenaria e non vogliamo nascondere sotto il tappeto, com'è stato fatto fino ad ora, le torture che hanno subìto in Germania e in Svizzera, storie scomode per qualcuno. Distinguersi dalla massa e schierarsi con un popolo che non è stato mai difeso da nessuno. L'uomo non nasce mendicante, ma lo diventa, e se lo è diventato cerchiamo di capirne il motivo. Un popolo porta con sé tradizioni che non devono assolutamente cadere nell'oblìo: proprio per questo abbiamo raggiunto telefonicamente l'ambasciatore per la cultura romanì nel mondo, Santino Spinelli, detto Alexian. Musicista compositore, cantautore, insegnante, poeta, saggista. Ha due lauree: una in Lingue e Letterature Straniere Moderne e l'altra in Musicologia, entrambe conseguite all'Università degli Studi di Bologna. Insegna lingua e Cultura Romanì all'Università di Chieti. Con il suo gruppo, l' "Alexian Group", tiene numerosi concerti di musica romanì in Italia e all'estero.

Entriamo in un mondo completamente nuovo, la musica romanì. Se ne parla troppo poco, e spesso non si da il giusto valore ed il giusto tributo. Quali sono le caratteristiche?

Domanda difficile. Ci sono molti stili e molti contributi da parte delle diverse comunità, ad esempio in Spagna il "flamenco", in Ungheria la "ciarda" e così via. I rom hanno dato uno sviluppo notevole alla musica in ogni zona in cui si sono stanziati. La musica romanì comprende tantissimi stili diversi, i quali hanno arricchito l'arte e la cultura europea. I rom hanno introdotto, in Europa, anche due nuovi strumenti, la "zurla" (oboe in legno di albicocco, formato con profilo conico sia interno sia esterno, con padiglione svasato, munito di ancia doppia montata su un cannello metallico con disco appoggia labbra) e Il "cimbalom" (detto anche cembalo ungherese), uno strumento musicale a corde battute o pizzicate, strumento che possiamo considerare antenato del pianoforte.

I grandi compositori europei hanno sempre dato una certa importanza alla musica rom, soprattutto nei Paesi dell'est, come Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia, etc.; queste nazioni, sotto il controllo asburgico in epoche passate, guardavano il popolo e la cultura rom con occhi diversi, cercavano la libertà e vedevano in loro il simbolo della libertà. La musica rom è diventata in questo modo musica nazionale, è stata tenuta in considerazione da grandi compositori, da Johannes Brahms, a Franz Peter Schubert, fino ai giorni nostri con Goran Bregovic'; una schiera vastissima di autori e compositori che non hanno, però, riconosciuto l'apporto che il nostro popolo ha dato alla musica.

L'"Alexian Group" da anni gira l'Italia, varcando spesso anche i confini nazionali, portando la musica e la cultura romanì in giro per piazze, palazzetti e teatri. E' stato difficile affermarsi e imporsi nel mondo musicale?

Il successo non è arrivato subito. E' arrivato con l'impegno, il lavoro, la ricerca, la valorizzazione di un patrimonio artistico culturale, poi messo in musica. Abbiamo cercato di creare una musica "rom europea"; stiamo lavorando per pubblicare un nuovo cd, "ROMANO' DIVES" prodotto con la collaborazione de "L'orchestra Europea per la Pace" e dell'attore Silvio Orlando. Abbiamo avuto la fortuna di suonare davanti al Papa emerito Benedetto XVI, in occasione della festa della famiglia, in mondovisione con diretta anche su RAI 1, abbiamo avuto l'onore di collaborare con tantissimi artisti provenienti da tutto il mondo; avvenimenti che lasciano qualcosa di profondo dentro ma cerchiamo sempre di non perdere di vista il nostro obiettivo: diffondere l'arte rom, la cultura e la voce del nostro popolo. Europa unita e senza discriminazione, questo è quello che vogliamo.

Molte sono le opere pubblicate dal suo gruppo, l'ultima uscirà a breve; dove trovate l'ispirazione per andare avanti e continuare a produrre testi e canzoni?

L'ispirazione si può trovare in qualsiasi cosa. Noi, popolo da sempre discriminato e sottovalutato vogliamo far conoscere la nostra cultura e la nostra arte. Sicuramente sia la cultura, sia le emozioni profonde vissute quotidianamente donano ispirazione per nuove opere.

Cosa vuol dire, oggi, essere rom in Italia?

Significa essere portatori di una cultura diversa, cultura che nasce intorno all'anno 1000, una cultura che trova la sua patria in India, o meglio nelle regioni a nord- ovest dell'India; rappresentiamo noi oggi un popolo che è stato costretto a una migrazione forzata. La prima tappa è stata l'Europa e dopo, attraverso le deportazioni, siamo arrivati in America, Australia e Africa. Oggi con oltre sedici milioni di persone, i "rom", "sinti", "kalè", "manouches", "romaniche" (cinque gruppi, cinque etnie con origini simili, che noi chiamiamo zingari), sono presenti con le loro comunità in tutti i continenti. In Italia vivono circa 170.000 persone di etnia rom, di cui il 70% sono cittadini italiani, residenti in Italia e vivono nelle case. Esempio pratico: italiano campano, italiano rom. Sono due cose identiche.

In Italia spesso il pregiudizio prende il sopravvento sulla razionalità e sulla conoscenza diretta di un determinato argomento. L'Italia è un Paese razzista?

Gli italiani non sono razzisti per cultura, lo sono diventati ultimamente per indottrinamento. Una buona parte del popolo italiano si è fatta pilotare e aggirare da movimenti xenofobi e razzisti. La politica ha sfruttato e sfrutta, troppo spesso, questo tema per fomentare la folla, per creare consenso. Tutto questo porta a discriminare, non solo i rom, ma tutte le etnie diverse. Oggi la società ha bisogno di scaricare le colpe, trovare un capro espiatorio, e come sempre i più deboli subiscono una maggiore repressione, una maggiore forma di discriminazione.

Integrazione, un tema molto attuale e discusso; negli ultimi dieci anni c'è stato un cambiamento culturale nei confronti di persone di etnia rom?

Stiamo peggiorando giorno dopo giorno. L'Italia ha ignorato e continua a ignorare le direttive indicate dall'Unione Europea; il nostro Paese sta continuando ad adottare misure orrende di segregazione razziale, i campi nomadi. Nel corso degli ultimi anni sono nate moltissime associazioni, ma il loro unico obiettivo è speculare il denaro pubblico in maniera privata. Il rom oggi serve per far girare questi soldi in teoria pubblici. La cultura sta morendo ogni giorno, si sfrutta una cultura, la nostra, per spicciole politiche e giochi di potere.

Campi nomadi come "campi d'internamento". Moltissimi comuni italiani oggi stanno adottando provvedimenti noti sotto il nome di "Piano Nomadi". L'informazione ce ne parla come un problema, arrivano notizie unilaterali, vuole dare una risposta di contro-informazione?

I rom devono essere un problema per coloro i quali devono speculare sulla loro pelle. Sono stanziati milioni e milioni di euro per queste persone, ma alla fine non arriva assolutamente nulla. Le associazioni che si occupano di rom fanno sparire questo denaro con progetti fasulli, senza alcun risultato.

Piano Nomadi. Cerchiamo di fare chiarezza in modo definitivo, i rom NON SONO NOMADI PER CULTURA, quindi già l'approccio dello Stato italiano è sbagliato. Perché bisogna creare campi nomadi e precludere la libertà di moltissime persone? Questi esseri umani (non zingari, non rom, non nomadi, ma persone), provengono dalle case, soprattutto dall'ex - Jugoslavia o dalla Romania. Sedentari a tutti gli effetti in uno Stato, nomadi in un altro. Non ha senso. Non siamo nomadi, ma migranti forzati. I rom sono costretti a vivere in condizioni disumane, schiavizzati nei "lager moderni", spesso anche illegali. Giorno dopo giorno non ci avviciniamo verso nessun miglioramento, anzi stiamo indietreggiando. Questa segregazione contribuisce a creare il malcontento anche della cittadinanza ubicata nei dintorni di questi pseudo-ghetti odierni. Non possiamo parlare d'integrazione se al popolo italiano, i media, mostrano solamente la desolazione e il degrado dei posti dove sono costretti a vivere i rom. La cultura rom non è fatta di baracche fatiscenti, accattonaggio, fame e miseria; ha radici profonde che proviamo a far splendere attraverso l'informazione e l'arte.

Ai vari governi che si sono susseguiti fino ad oggi non interessa risolvere la questione rom, non interessa dare dignità a persone normali, l'unico scopo è fare voti attraverso propagande razziali e xenofobe e sfruttare il denaro pubblico spettante a queste popolazioni. Non c'è nessuna differenza, Destra, Sinistra, Centro, tutti hanno adottato la politica della discriminazione, tutti egualmente corresponsabili.

Cultura romanì. Invece di restare chiusi nel nostro mondo, cosa dovremmo apprendere e imparare?

Prima di tutto, il rispetto per le persone oltre gli stereotipi negativi; conoscere prima di giudicare; avvicinarsi all'arte, la cultura, la letteratura e la lingua rom poiché rappresentano un patrimonio per l'intera umanità, ma troppe persone non sanno nemmeno che esiste tutto ciò. Gli stereotipi vedono sempre il rom ai margini della società, quindi anche la nostra arte è declassata . E' come accostare all'Italia solamente il fattore "mafia", eludendo la conoscenza di Leopardi, Dante, Verdi, Puccini, etc. sono due piani completamente diversi e vanno giudicati in modo completamente diverso. Troppo spesso si arriva a generalizzare fino a un punto che sfiora l'assurdo, la cronaca diventa cultura. La cultura rom vivrà solo se anche gli altri, i non rom, la terranno in vita. Bisogna valorizzare e diffondere il genere rom affinchè non scompaia.


Un ringraziamento speciale ad Alexian Santino Spinelli. Trattare argomenti così poco conosciuti e così delicati credo serva per migliorare, ognuno nel proprio piccolo. Appena conclusa l'intervista, ripensando all'ultima dichiarazione rilasciata mi è balzata alla mente una poesia di Vladimir Majakovskij, "Non rinchiuderti Partito nelle tue stanze, resta amico dei ragazzi di strada"; certo, va inserita e adattata nel giusto contesto. Non possiamo isolarci e prendere per buono tutto ciò che dice la televisione, non possiamo aver paura degli "zingari" solo perché non li conosciamo, non possiamo giudicarli senza averci mai parlato.

L'Alexian Group da anni si batte a favore dell'Intercultura; l'ultima notte del 2013 il gruppo si è esibito in terra sarda per un concerto in lingua rom in collaborazione con l'artista italo-brasiliana, Pamela D'Amico, anche lei impegnata da anni nel suo progetto: portare la cultura brasiliana nel nostro Paese in maniera tale da non farci limitare a pensare al Brasile come terra di calciatori o ballerine. C'è anche altro, basta solo informarsi e avere "fame" di conoscenza.

L'anima e il cervello non hanno etnìe, facciamo tesoro di ciò che disse Vittorio Arrigoni (eroe contemporaneo, morto per la libertà del popolo palestinese): "non credo nei confini, nelle barriere, nelle bandiere. Credo che apparteniamo tutti, indipendentemente dalle latitudini e dalle longitudini, alla stessa famiglia, che è la famiglia umana".

Integrazione, cittadinanza attiva e partecipazione; non lasciamo che restino solamente belle parole da sventolare nei momenti opportuni, facciamole diventare realtà attraverso l'impegno e la conoscenza. Impariamo a rispettare popolazioni con etnìe diverse e cerchiamo di coglierne i lati positivi, cerchiamo di migliorarci e parliamo di "pregiudizio" solo come una piaga degli anni scorsi.

Solo su questi binari possiamo aspettarci un futuro più giusto, luminoso.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 19/01/2014 @ 09:06:40, in conflitti, visitato 1961 volte)

Segnalazione di 9 mesi fa

  Vol 3, article posted August 2013 - Rifugiati siriani ignorati: gli zingari by Kemal Vural Tarlan, Documentary Photographer

Il 17 dicembre 2010, in Tunisia un giovane laureato, venditore ambulante, diede inizio a quella che è conosciuta comunemente come "Primavera Araba". Questa rivolta partita da una strada araba si diffuso poi in tutto il Medio Oriente. Come risultato, diversi regimi dittatoriali nel Medio Oriente, al potere da quasi mezzo secolo, persero uno a uno il potere. Quando i disordini arrivarono nel 2011 in Siria, si ipotizzava che anche il regime Baas sarebbe caduto rapidamente. Al contrario, il regime siriano è tuttora in piedi, dati alcuni motivi come la religione, la diversità etnica della Siria, la posizione geografica, i collegamenti politici tra i diversi gruppi sotto il regime Baas e la stabilità internazionale.

Il conflitto è ora al terzo anno ed ha causato oltre 70.000 morti in Siria. Milioni tra i vari gruppi etnici hanno dovuto lasciare le proprie case e città. Oltre un milione di Siriani hanno lasciato il paese per fuggire nelle nazioni limitrofe, e alcune sono stati obbligati ad immigrare in città relativamente più sicure fuori dalla Siria. Oggi, stanno cercando di sopravvivere in campi e appartamenti nei paesi vicini. Per oltre un anno, ho condotto un documentario fotografico riguardo ai Siriani conosciuti come "ospiti" in città vicine ai confini siriani, e come rifugiati o richiedenti asilo dalla legge internazionale. Li ho fotografati mentre lavoravano nelle fattorie o mentre sudavano dalla paura attraversando quotidianamente i campi minati, nelle loro tende o in lacrime in un appartamento. Più recentemente, ho provato a fotografare ogni momento della loro vita, come testimonianza di una storia. La realtà del popolo siriano in questa stessa regione, assieme e divisi in diverse etnie, fedi e culture.

In mezzo a questi popoli e comunità, c'è un antico gruppo che non solo vive qui dal Medio Evo, ma anche diffuso in tutto il mondo. Ci sono centinaia di migliaia di zingari, conosciuti come Dom, Dummi, Nawwar, Kurbet e Zott, capaci di parlare diverse tra le lingue locali, oltre al curdo, il domari, il turco e l'arabo. Questi gruppi zingari vivono nomadicamente in tutta la Siria e si sono stabiliti, insediati ed integrati con le popolazioni locali. All'inizio del secolo scorso, furono divisi da confini artificiali tra le nazioni. Anche vivendo in paesi diversi, sono rimasti in comunicazione per via parentale, e tra parenti ci sono stati anche matrimoni. Con lo scoppio della recente guerra civile, sono stai esposti a discriminazione da parte delle altre popolazioni e hanno cercato di scappare nelle città dove vivevano altri parenti. C'è una semplice realtà per loro, anche se vivono in paesi diversi; condividono il medesimo destino. Hanno una bassa qualità di vita, sono umiliati, disprezzati, discriminati e ostracizzati sul lavoro da gruppi predominanti rispetto agli zingari.

Gli zingari che hanno vissuto in Siria negli ultimi due anni, si sono trovati in una guerra dove non avevano un lato in cui schierarsi. In un'area abbandonata, una stazione dalle parti di Gaziantep, ho incrociato un gruppo che cercava di vivere in tende di teloni e plastica. Il campo è abitato principalmente da donne e bambini. Gli uomini si sono spostati più vicino alla città, nella speranza di un lavoro. I bambini corrono all'interno delle tende, al cui interno ci sono solo alcune coperte, con un pezzo di pane secco in mano. Vengono da Aleppo. "I ribelli erano entrati in città. L'esercito ci disse che aeroplani da guerra stavano per bombardare le nostre case e che dovevamo andarcene. Così abbiamo abbandonato le nostre case e i nostri averi e siamo partiti. Le notizie arrivate sinora dicono che adesso è tutto bombardato. Non abbiamo più una casa." dice la ragazza, tatuata sul volto e sulle mani. Poi ho chiesto: "Con quale fazione stavate?" Risponde: "Per noi non faceva alcuna differenza. Le nostre case sono bombardate, eravamo tristi e miserabili, ed ora tutti siamo senza cibo."

Ho discusso con un uomo di nome Hasan sui Dom della Siria. Hasan ha 17 anni, è sposato e ha 2 figli. Ha piazzato la tenda in una quartiere di Nizip dove vivono i Dom. Lo hanno aiutato a piantare la tenda. Dentro vivono in 9 in tutto, inclusi suo suocero, sorelle e fratelli. Hasan parla fluentemente domari, curdo e arabo. Ammette di essere un Domari. Gli zingari venuti dalla Siria non possono parlare turco. Si presentano come Turchi e quelli che parlano il turco sono soprattutto Curdi e zingari del Turkmenistan. Indica un'altra tenda e dice: "Non credergli, dicono di essere Curdi, ma sono parenti miei e vivevano per strada dietro la mia casa ad Aleppo." Abbiamo continuato a parlare dei suoi parenti dentro e fuori la Siria.

Da Hasan e da altre persone con cui ho parlato, ho ottenuto queste informazioni: Latakia è dove gli zingari lottano per sopravvivere, ci sono attacchi aerei regolari. Dicono che la gente emigra nelle città della Siria Occidentale, come Sham, o in città controllate dalla comunità-società curda, come Afrin, Kobani o Qamishli. Quanti di loro sono artigiani come dentisti, fabbri, circoncisori, intessitoti di setacci, musici e lattonieri, non riescono ad esercitare i loro mestieri per l'industrializzazione, la modernizzazione della produzione e le leggi. Hasan in Siria lavorava nelle costruzioni, se c'era bisogno di lui per lavorare in Turchia ci andava. "I lavoratori turchi prendono 80 lire (1 lira turca = 0,33 euro, ndr.), però noi lavoravamo per 40, anche se per noi non c'era molto lavoro. Di solito lavoriamo una volta alla settimana. Presto, la mia famiglia si trasferirà a Mersin, dove i bambini e gli adulti raccoglieranno le fragole. Sembra che questa guerra non debba finire mai e, quando lo farà, andrò ad Aleppo."

Un affollato gruppo di richiedenti asilo, sotto un mandorlo appena fiorito ai bordi del deserto, si irrita quando mi vedono dietro all'imam Keskin della zona di Urfa. Non dicono che poche parole, anche se sono sicuri che non sono un dipendente pubblico. Le anziane lanciano maledizioni contro quanti ritengono abbiano causato "la loro situazione attuale" [...]. Mentre sto per andarmene, una di loro mi urla contro di "non fare sapere dove sono loro, scattando foto." Due giorni prima le tende degli zingari sono state date alle fiamme nel vicino distretto di Yenice, dalla polizia che agiva in seguito alle lamentele dei residenti. Nelle cronache non ci sono stati riferimenti agli zingari, solo un accenno sulla stampa nazionale a "bruciate le tende dei Siriani". I richiedenti è da due giorni che stanno cercando di scappare dalla polizia. Le autorità locali hanno impedito loro di fermarsi con le tende nel distretto, sia per i pregiudizi, che per le lamentele e l'inquinamento visivo.

Ultimamente, gli zingari in cerca di asilo che dalla Siria fuggono nel nostro paese, cercano rifugio in appartamenti non rifiniti, capannoni e nei quartieri poveri. I loro parenti, che vivono qui, hanno piantato delle tende vicino alle mura delle loro case, anche se non hanno pane da condividere. Assieme vanno per le strade a raccogliere cartoni, beni fatiscenti e un pezzo di pane. Ma molti di loro sono ancora accampati in tende di emergenza, vicino a città, paesi e villaggi lungo il confine tra Mardin e Antakya.

Sono stati accusati di furti e immoralità, discriminati dagli Arabi, Curdi e Turchi che risiedono nei campi, anche se riescono a mimetizzarsi in quegli stessi campi per la loro capacità di parlare quelle lingue, dopo essersi inseriti regolarmente. D'altra parte sono discriminati ed esposti ai medesimi pregiudizi da chi gestisce i campi, fin quando questi ultimi non riescono a demotivarli a sostare lì.

La maggior parte di loro è fuori dai campi ed è tornata nuovamente ad uno stile di vita nomade, per non essere umiliati dai "gagé" e non essere rinchiusi dietro il filo spinato. Partiranno per lavorare come joppers (braccianti o manovali senza qualificazione, ndr.) nelle regioni mediterranee ed interne anatoliche, come forza lavoro a buon mercato, quando le temperature si alzeranno. Si dice che lavorino in queste aree per 5 lire turche a testa per giorno.

Concludendo, gli zingari sono state le vittime della "guerra civile" iniziata tra diversi gruppi etnici che avevano convissuto. Gli zingari nei Balcani hanno patito particolarmente la disintegrazione dei paesi del blocco comunista. In Iraq, migliaia di zingari sono stati obbligati all'immigrazione dalle bande armate degli sciiti radicali, per "la loro insufficiente fede nell'islam". Allora, molti si rifugiarono in Siria. Durante le rivolte in Medio Oriente, entrate ora nel terzo anno, gli zingari si sono ritrovati nel mezzo dei conflitti, ripetendosi la storia. Le notizie provenienti dalla stampa riferiscono che le loro condizioni di vita stanno diventando sempre più problematiche.

Le nuove autorità di questi paesi hanno intrapreso una nuova strategia di fronte a queste rivolte: solo promesse evasive a minoranze etniche e religiose, zingari compresi. Finché queste tematiche verranno trascurate dai politici, e verranno trascurate l'uguaglianza religiosa ed etnica, oltre alla pace, la struttura multiculturale del Medio Oriente continuerà a deteriorarsi.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/01/2014 @ 09:08:23, in Kumpanija, visitato 3044 volte)
Può esistere un'immagine più "irrispettosa" di questa, riguardo il GIORNO DELLA MEMORIA? Cosa ci fa qua e perché, lo scoprirete leggendo questo post...

di Jovica Jovic - Cari amici, c'è una cosa che da tempo mi fa stare molto male, soprattutto di questo periodo. E non è la salute, non sono i soldi... è quella parola: PORRAJMOS.

Ogni anno, l'ultima settimana di gennaio ci incontriamo, voi a sentirmi e io a suonare, per la Giornata della Memoria, e quella parola ritorna puntuale. Voi, magari, la dite perché l'avete sentita da qualcuno istruito e, come noi Rom, la ripetete perché quello che è accaduto allora fu di una tale violenza, che dopo tutti cercarono un termine per descriverlo. Gli Ebrei trovarono la parola Shoa, tra i Rom cominciò a diffondersi "porrajmos".

Quello che molti di voi non immaginano, è che la parola nella mia lingua significa STUPRO (si può usare solo per gli organi sessuali), quindi è estremamente violenta, ma del tutto inadatta ed offensiva ad essere pronunciata per descrivere gli stermini della seconda guerra mondiale. Può andare bene per qualcuno di voi, ma io non potrò mai dirla di fronte alle mie figlie, di fronte a una qualsiasi famiglia rom.

Ecco, parlerò a qualcuno di voi, sperando che mi capiate. Tenterò di essere calmo e comprensibile, e per questo devo spiegarvi alcuni termini della mia lingua (i termini in lingua romanés sono stati adattati alla grafia italiana, ndr.) :

  • PORADJOS: donna, apri le gambe.
  • PORAVESLES tu
  • PORAVASLES noi
  • PORAJMOS in tanti, assieme, come fare un'ammucchiata.

Per essere completi, esiste nella nostra lingua anche (due parole staccate) PO RAJMOS, che si può tradurre con "la signorilità", ma è ovvio che questo non ha alcuna relazione con l'uso che si dovrebbe fare della parola.

Quello che ho detto vale per la maggioranza dei Rom e dei Sinti - non pensate che il mio sia un capriccio: ho 60 anni, e sono figlio di una famiglia che ha partecipato alla II guerra mondiale, lì sono morti mio nonno, mio zio e poco dopo mio fratello che aveva contratto il tifo. La storia è raccontata nel libro Niente è più intatto di un cuore spezzato. Per me ricordare oggi quegli anni, usando quella parola, è come mancare di rispetto a loro e ucciderli nuovamente.

Tra i Rom, c'è chi non parla più il romanés, e altri che lo parlano per sentito dire, magari adattandolo alla lingua del paese dove vivono. Anche loro parlano allora di "porajmos" senza sapere di cosa si tratti. A loro non posso rimproverare molto. Ma quando ho parlato di questi miei sentimenti a Rom influenti e di cultura, mi è stato risposto pressappoco così: "Jovica, tu hai ragione. Ma ormai è tardi, è una parola che sta circolando da tempo e quello che tu chiedi non ha un valore pratico, anzi sarebbe anche impopolare". Avrà poco valore e sarà impopolare forse per loro, per me è una questione di rispetto per me e per l'affetto alla mia famiglia.

Con voi gagé le cose non sono andate molto diversamente. Ho scritto a molte persone di cultura, a molti che vivono nel mondo dell'informazione e della divulgazione. Le stesse persone che mi chiamano a suonare. Non ho avuto risposta. Durante i concerti, chiedo che se ne parli, ma non c'è mai il tempo pratico per farlo. Solo Moni Ovadia, durante la presentazione milanese del libro "La meravigliosa vita di Jovica Jovic", che ha scritto con Marco Rovelli, ha rotto infine il muro del silenzio.

Allora che termine usare, mi chiederete? Ultimamente, ho sentito adoperare SAMUDARIPEN, viene dalla parlata dei Rom Khorakhané, significa "totale omicidio". Anche i Rom Abruzzesi hanno un termine simile: MUNDARIPE'. Il termine esatto da adoperare sarebbe BARO MUNDARIMOS LE MANUCHENGO, cioè:

  • BARO = grande
  • MUNDARIMOS = omicidio totale
  • LE MANUCHENGO = dell'umanità.

Si sarebbe potuto dire LE RROMENGO, ma in questo caso si sarebbe reso omaggio solo alle vittime rom, con MANUCHENGO invece io ricordo anche gli Ebrei, gli omosessuali, i Testimoni di Geova...

Questo è tutto. Non mi importa di quanti sono stati zitti sinora, io andrò avanti finché campo a difendere le mie idee e i miei ricordi. Se volete, se avete capito, datemi una mano a far circolare questi pensieri, anche sulla stampa, anche su Facebook, dovunque. E forse, riusciremo assieme a fare un po' di luce, su tutti i defunti uccisi dal razzismo e dal fascismo

Grazie.

Nota del redattore: Sembra destino che sul Giorno della Memoria io debba incrociare la strada di Jovica: è successo nel 2011 e poi nel 2012 fu lui a stimolare le mie riflessioni. Come mai?

  1. Jovica, valente musicista, è un amico che rispetto. Conoscendolo, trovo che quell'etichetta "musicista" sia limitativa per una persona intelligente e di grande senso morale come lui.
  2. Non ha importanza (anzi, ne ha molta, ma non intendo scrivere di questo) se quanto Jovica ha affermato sopra possa essere condivisibile o di vostro gradimento. La cosa importante, per me, è che possa esprimersi sulla storia della sua famiglia, sui suoi valori, e questo non possiamo portarglielo via, come se fosse un campo o un documento.

Non so neanche dove arriveranno le sue parole, la strada è lunga e affollata da gente che ruba idee e frammenti di vita ai Rom, e tenta poi di spacciarli come se fossero una loro invenzione. In mezzo a tante grida, Jovica ha salvato la sua fisarmonica. E' ora che si salvino anche le sue idee.

Anche questo video, per terminare, potrà sembrare irrispettoso, ma almeno è allegro. Perché, ricordando questa giornata, le giovani generazioni e la loro gioia sono il nostro solo comune futuro.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/01/2014 @ 09:04:25, in musica e parole, visitato 1405 volte)

di Zuzanna Krasnopolska in Società Italiana delle Lettere|

Bronisława Wajs - detta Papusza, poetessa dimenticata, incompresa e sconosciuta, è stata riscoperta nel 2013 grazie alla pubblicazione della sua storia scritta dalla giornalista Angelika Kuzhniak e intitolata Papusza. In più il film scritto e diretto da Joanna Kos-Krauze e di Krzysztof Krauze "Papusza" (i coniugi-autori del premiato "Nikifor" del 2004) ha fatto riscoprire l'eccezionalità di quest'artista così insolita.

Bronisława Wajs nasce... non si sa quando. Gli zingari non prendono nota delle date sul calendario, regolano il passare del tempo in base al ritmo della natura. Bronisława nacque nel giorno in cui gli agricoltori terminarono la mietitura del grano, metà agosto del 1910 (o 1908 o 1909, secondo le diverse testimonianze). Il padre rimane una figura sconosciuta, la madre è una zingara galiziana. La ragazza cresce in mezzo alla natura, osserva attentamente gli alberi, i fiori, gli uccelli. Di sera siede al ruscello e canta. Sa anche ballare bene. Conosce il potere magico delle erbe. E' bellissima, la chiamano "Papusza", cioè "Bambola".

Zingarella povera, giovane,
bella come un mirtillo,
denti bianchi come perle,
occhi brillanti come l'oro vero.
Gli orecchini fatti di foglie, eccoli
Come oro genuino son belli
(frammento di "Orecchino di foglia", p. 57)

Impara a leggere e a scrivere da sola, comprando (e pagando con galline rubate) qualche minuto di lezione dai ragazzi che frequentano le scuole e da una commessa ebrea. Conosce Jerzy Ficowski (1924-2006) - poeta, critico, scrittore, traduttore, studioso di Bruno Schulz e della cultura zingara ed ebrea - che dopo aver letto le sue poesie, s'impegna a promuoverla, a tradurla in polacco (mantenendo l'asprezza dello stile), a farla pubblicare (e dunque guadagnare) e a iscriverla all'Associazione dei Letterati Polacchi con tutti i privilegi che ne derivano, inclusa la pensione. Grazie a Ficowski incontra Julian Tuwim (1894-1953) - uno dei fondatori del movimento poetico "Skamander", forse uno dei più grandi poeti polacchi - che trova le poesie della Wajs piene d'innocenza e di onestà, virtù che lui stesso cerca di trasmettere. Le creazioni di Papusza sono apprezzate anche da altri, tra cui Wisława Szymborska.

Fino a questo punto la vita di Papusza sembra una favola. La realtà però non è il mondo delle fiabe e così ben presto arriva un'ombra che offusca e distrugge questo mondo idilliaco.

Prima la seconda guerra mondiale, con la persecuzione e la strage degli zingari (il numero totale degli zingari ammazzati in Europa Orientale rimane sconosciuto). L'esistenza ridotta al minimo: la fame attenuata con qualche corteccia, le notti passate fra le canne con le gambe in acqua gelata, il tifo, la morte delle persone care. Dopo il massacro arriva il nuovo regime, nuove regole, nuove persecuzioni. E' sterile, adotta un bambino (che chiama Tarzan, affascinata dall'immagine di un ragazzo selvaggio seduto su un ramo accanto a una fanciulla), figlio di uno zingaro e una gagi. Dopo la pubblicazione di qualche articolo sulla cultura zingara di Ficowski e qualche poesia di Papusza, gli zingari smettono di fidarsi di lei, cominciano a trattarla come una spia, traditrice dei loro segreti. La Wajs è costretta a fuggire con il figlio e il marito arpista (in effetti suo zio, fratello del patrigno, molto più grande di lei), ma le persecuzioni continueranno per tutta la vita e la porteranno all'esaurimento nervoso. Bronisława Wajs muore... questa volta la data è certa - l'8 febbraio 1987. Le infermiere diranno che poco prima di morire, Papusza si toccava le orecchie in cerca dei suoi orecchini preferiti, fatti con le galle di quercia:

Dov'è il mio orecchino preferito?
Si sarà nascosto nel bosco selvatico?
Quanto mancano agli occhi neri
Questi miei orecchini cari!
(frammento di "Orecchino di foglia", p. 56).

Papusza è considerata la più grande poetessa zingara polacca. Zingara, sì, e fiera di esserlo, addirittura rideva quando si sentiva chiamare con quella parola politicamente corretta e artificiale "rom". Zingara polacca, anche se spesso si sentiva dire di tornare "nel suo paese". Le poesie trasmettono un senso di pace, anche quando descrivono le persecuzioni più atroci. Saranno i suoi occhi da bambina, meravigliata di fronte allo spettacolo del creato, a diffondere questa unica sensazione di quiete. Proprio come una bambina chiede alle stelle di rendere ciechi i nemici:

Ah, tu, la mia buona stellina! [...]
Acceca gli occhi ai tedeschi!
Torci le loro vie!
Non mostrargli la strada giusta!
Conducili per il sentiero infido,
perché sopravviva il bambino ebreo e zingaro.
(frammento di "Lacrime di sangue - cosa abbiamo vissuto al tempo dei nazisti in Volinia nel '43 e '44", p. 68).

E come una bambina non tratta seriamente i propri versi, anzi, si stupisce ogni volta che qualcuno la considera una persona importante: "Son venuti a parlare con me? Ci sono poeti, ci sono poesie belle, favole meravigliose, ma io son niente. Non possiedo nessuna istruzione, nessuna scuola. Cosa può dire una vecchia Zingara che assomiglia ad un porcino dimenticato nel bosco di autunno? Sono una ragazza povera, vivo sotto il cespuglio. Nervosa, ho un'anima piccolissima. Sono una persona ordinaria, forse peggiore degli altri" (p. 20). Ovvero: "[Dicono che scrivo] poesie, ma non sono poesie. Canzoni. Le poesie son roba diversa. Ci vogliono le rime, la canzone è semplice. La canzone è inferiore. E la poesia è in alto, ci vuole gente istruita. Ci vuole l'università ed io non ho finito neanche una classe. Non posso scrivere poesie". (p. 70). Come una bambina commette molti errori di ortografia, di sintassi, di interpunzione. Nelle lettere indirizzate a Ficowski o a Tuwim si scusa della calligrafia che considera racchia. Ma è proprio grazie a questo suo modo di scrivere unico che il lettore riesce a vedere meglio il mondo descritto, riesce anch'egli a diventare bambino.

Quello che scrive rimane sempre legato alla sua identità, al suo essere zingara, che la porta a delle considerazioni sorprendenti: "Oggi se una Zingara è brava, sa leggere meglio il futuro, se è scema non sa più farlo. Dice qualsiasi cosa per guadagnare e andare avanti. Io per esempio leggo il futuro in modo psichico: riconosco se una persona non è di umore giusto e quando è amata e innamorata, riconosco dalla sua fronte che tipo di persona può essere; se è buona o cattiva, se saggia o stupida, se caratterizzata da una forte volontà oppure debole. Quando leggo le carte assumo un'espressione seria e leggo il futuro con la serietà. Lo stesso fa un poeta, penso. Ci deve essere qualche spirito, qualche respiro e subito si sa tutto". (p. 65). La capacità di osservazione e lo spirito di curiosità la portano alla riflessione sull'origine, sul significato e sul senso della parola: "La mia canzone è silenziosa come una lacrima. Io canto a me stessa, non a qualcuno. Da quando ero bambina qualcosa in me non andava bene. Avevo paura perché non sapevo da dove provenivano le parole, chi me le ha insegnate. Diciamo "foglia", "uccello", "prato", ma è vero quello che diciamo? Forse Dio ha fatto sì che noi ci siamo accordati a parlare così?". (p. 82).

Dopo molti anni,
ma forse molto prima, tra poco,
le tue mani troveranno la mia canzone.
Da dove è venuta?
Nel giorno o nel sonno?
E mi ricorderai, mi penserai -
era una favola
o vero era?
E ti scorderai
delle mie canzoni
e di tutto
. ("Canzone", p. 83).

Il 2013 è stato l'anno di Papusza in Polonia. Il libro di Angelika Kuzhniak è una forma di reportage dove i frammenti degli scritti della Wajs, le trascrizioni delle vecchie interviste e il racconto della Kuzhniak si intrecciano senza un particolare ordine cronologico, ma con la tenerezza di qualcuno che vuole bene al soggetto che sta cercando di ritrarre. Il film di Joanna Kos-Krauze e Krzysztof Krauze, assolutamente fenomenale e girato in bianco e nero, si concentra sull'eccezionalità della figura di Papusza, una donna straordinaria che ha avuto il coraggio di essere se stessa. La pellicola è stata già apprezzata durante il Festival internazionale del cinema di Karlovy Vary.

***

  • Tutte le citazioni provengono da Papusza di Angelika Kuzhniak (ed. Czarne, Wołowiec 2013).
  • Le poesie provengono dalla raccolta Lesie, ojcze moj [Bosco, padre mio] di Papusza (ed. Nisza, Warszawa 2013).
  • Trailer del film Papusza (diretto da Joanna Kos-Krauze, Krzysztof Krauze, 2013):
  • Tagged LM n.82, Papusza, poesia |
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Frances Oliver Catania (del 22/01/2014 @ 09:04:13, in Italia, visitato 2236 volte)

Mercoledì 29 gennaio, ore 20.45
Libreria Popolare, via Tadino 18 - Milano
Incontro con l'autrice Hajrija (Maria) Seferovic in compagnia di Frances Oliver Catania e Fabrizio Casavola

Un piccolo libro che rappresenta una scommessa: avevamo incontrato qualche anno fa questa anziana signora in un suo momento di grave difficoltà. Assieme, si è provato ad affrontare i problemi (ancora irrisolti) e ci si è conosciuti meglio.
Sempre assieme, si è messo per iscritto tutto quello che Maria Seferovic ricordava di una vita, suo malgrado, avventurosa, i consigli e le conoscenze che avrebbe potuto dare a qualche concittadino più giovane. Partendo da quello che può interessare tutti noi: COME STAR BENE E COSA CUCINARE, aggiungendo qualche altro rimedio e ricetta, e farcendo il tutto con qualche racconto nato proprio nel suo nord est milanese.
Vi proponiamo, durante questo incontro, di provare a rifare lo stesso percorso di conoscenza e di amicizia, parlando di viaggi e della cultura che nasce dal continuo spostarsi, di rimedi naturali, di cucina (esotica?), concedendole un sipario che le è stato a lungo negato.
Ed infine, la storia, grande e piccola: i due conflitti che hanno segnato la sua vita. Perché, ci ritroviamo a due giorni dalle celebrazioni del Giorno della Memoria, e visto che il rischio è di dimenticarsene subito, un buon modo per tenere viva la memoria è cominciare a conoscersi, attraverso quella cultura che è il vivere quotidiano.

Maria Seferovic forse l'avete intravista per la prima volta ripresa nel film "Io, la mia famiglia rom e Woody Allen", arrancare con un carrello della spesa nelle campagne lombarde. Nasce a Travnik (attuale Bosnia) nel 1938, prima di cinque figli. La famiglia si spostava spesso per guadagnarsi da vivere con la vendita di cavalli, e facendo pentole e piatti di rame che vendevano ai mercati. Dalla fine degli anni '60 con la sua kumpanja alterna soggiorni in Italia e nell'ex Jugoslavia, che abbandona definitivamente allo scoppio del conflitto negli anni '90.
Attualmente risiede nel nord est milanese. Anche se scrive lentamente e a fatica, è un'autentica enciclopedia vivente.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/01/2014 @ 09:10:01, in Italia, visitato 1229 volte)

Posted on 15 gennaio 2014 La voce degli attivisti rom e sinti
Come accaduto per i miei genitori, che hanno vissuto sotto i ponti per due anni. Ed è lì che mio padre è stato colpito da un ictus. Di Gladiola Lacramioara Lacatus.

Molti dei rom che abitano in Italia, in particolare nella regione in cui vivo io, la Calabria, sono arrivati da altri Paesi per vari motivi, come la ricerca di un lavoro per poter mantenere i propri figli.

Cercano di dare loro un futuro migliore.

Arrivati qui, però, si ritrovano spesso a vivere in pessime condizioni, perché la maggior parte di loro non ha il documento d'identità, il codice fiscale, e per avere questi documenti devono essere in possesso di alcuni requisiti, come un alloggio e una retribuzione.

Il punto è che per entrare in possesso di questi requisiti hanno bisogno di un lavoro regolare e non in nero. E per dei rom che si ritrovano spesso costretti a vivere nei campi, isolati dal resto del mondo, questo non è affatto scontato.

Senza questi criteri e documenti non possono usufruire del servizio medico sanitario.

Ed è questa la situazione che vivono anche i miei genitori, arrivati in Italia dalla Romania, i quali sono oggi ospiti presso una casa d'accoglienza per persone in difficoltà. I miei genitori hanno vissuto sotto un ponte per circa due anni ed è lì che mio padre ebbe un ictus, che lo ha limitato nella deambulazione e uso della parola.

Nonostante adesso siano in una struttura e non più per strada, non hanno i documenti e l'assistenza medico sanitaria, e questo perché mia madre non ha trovato un lavoro.

Sono 5 anni che non sento la voce di mio padre, che non posso avere una conversazione con lui, spesso mi ritrovo a piangere e a volte a darmi la colpa di tutto ciò.

Abbiamo problemi con i farmaci che sono molto costosi e non possiamo permetterceli: mamma chiede spesso aiuto a persone che hanno l'assistenza medica, ma questo non potrà farlo ancora per molto.

Grazie all'aiuto delle suore presso le quali sono ospite, abbiamo portato mio padre in comune per iscriverlo all'anagrafe, però ci hanno detto che se non ha un lavoro fisso non può essere iscritto all'anagrafe.

Io e mia sorella siamo ospiti presso una casa famiglia da 6 anni, da quando abbiamo avuto un incidente nel campo dove alloggiavamo (vivevamo dentro una baracca costruita dai nostri genitori).

E' difficile vivere in queste condizioni soprattutto per le persone malate, che hanno difficoltà nel trovare lavoro.

Spesso si crede che i rom non vogliano vivere nelle case e non vogliano lavorare come tutti gli altri cittadini. Ma non è vero. Sono le difficoltà che incontrano qui in Italia, la vita nei campi, la discriminazione e i pregiudizi diffusi nei loro confronti, che li spingono ai margini della società.

Spero che un giorno l'Italia diventi un Paese dove anche i rom potranno vivere normalmente. Insieme agli italiani. Senza più discriminazioni e pregiudizi.

*nella foto Gladiola

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/01/2014 @ 09:03:17, in Italia, visitato 1557 volte)

Volantino distribuito stamattina all'apertura del Terzo Forum delle politiche sociali, presso il Teatro Elfo Puccini in Corso Buenos Aires, 33 MILANO

E' passato un anno dall'ultimo Forum delle Politiche Sociali. In questo lasso di tempo abbiamo cercato più volte di richiamare l'attenzione dell'Amministrazione comunale sulla grave situazione del campo rom di via Idro, comunale e regolare, abbandonato a sé stesso da ormai troppo tempo.
Abbiamo chiesto che tornasse a occuparsi del campo, tempestivamente e con adeguate risorse economiche e umane, riqualificando gli spazi comuni, ripristinando la legalità e le basilari condizioni di sicurezza e vivibilità, individuando un "gestore" capace e affidabile, coinvolgendo i cittadini della zona 2 e il Consiglio di Zona.
Abbiamo avuto vari incontri con l'assessore Granelli, siamo stati ascoltati e rassicurati, ma alle parole sono seguiti pochi fatti. Proprio pochi e di poco rilievo.
Intanto la situazione si è ulteriormente deteriorata. Alcune famiglie sono state costrette a scappare dal campo perdendo tutto quello che avevano. In una sciagurata lite ci è scappato il morto. Altre famiglie ricevono quotidiane minacce e si sono rassegnate a lasciare a loro volta il campo, ma per loro non si riesce ancora a trovare una soluzione adeguata.

Per effetto di questa situazione è diminuita la frequenza scolastica e si sono del tutto interrotte le attività volontarie - educative, ricreative e sociali ‑ condotte nel campo e in particolar modo nel Centro polifunzionale, che è stato devastato nell'indifferenza generale e risulta ormai inutilizzabile.
Poteva andare diversamente? Pensiamo di sì, e comunque non crediamo che possa essere tutto attribuito alla cattiva sorte. Per il campo di via Idro si sarebbe almeno potuto tentare di fare qualcosa, ma non si è fatto niente. Se ciò è dovuto a una scelta non lo sappiamo, ma se fosse così, è evidente che non si è trattato di una scelta giudiziosa.
Allo stato delle cose, la riqualificazione del campo è diventata, se non impossibile, certamente molto difficile e il problema della comunità rom di via Idro, formata da un centinaio di cittadini italiani, resta irrisolto.
Ed è questo problema che vorremmo sottoporre all'attenzione del Forum, accogliendo l'invito dell'assessore Majorino ‑ che finora si è tenuto fuori dalla questione di via Idro, come se non lo riguardasse. Non ci aspettiamo che sia risolto in questi giorni, ma non vorremmo che tra un Forum e l'altro le cose restino così come sono, o trovino il modo di peggiorare.

La Rete delle associazioni e degli amici della Comunità rom di via Idro

ciclostilato in proprio - 24 gennaio 2014

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/01/2014 @ 09:05:45, in scuola, visitato 1423 volte)

da
Scheda
Autori:
Daniela Sala
Credits:
Musiche: Grre en famille - "Roots culture"; Grre en famille - "Chacun pour soi"
Data: 18 dicembre, 2013 - 15:56

Sfantu Gheorghe è una piccola cittadina nel nord della Romania che conta 60mila abitanti e si trova nella regione storica della Transilvania. In questa zona la minoranza seclera (di lingua ungherese), costituisce circa il 75% della popolazione, mentre nella sola Sfantu Gheorghe la popolazione di etnia rom è stimata tra le 5 e le 6mila persone. Duemila di loro vivono ad Orko, un quartiere ghetto ai margini della città. Ufficialmente, almeno stando ai dati dell'ultimo censimento, in tutta Sfantu Gheorghe le persone di etnia Rom non sarebbero più di 200.

Nella sola scuola di Orko, la scuola San Filippo Neri che va dall'asilo alle medie, i bambini iscritti sono più di 500. Tutti Rom. "Non è una scuola per Rom - ci tiene a precisare Robert Kiss, direttore della scuola - chiunque può iscrivere i propri figli qui". Semplicemente, spiega, è la scuola di questo quartiere e trovandosi a ridosso del quartiere rom è normale che i genitori iscrivano i propri figli qui. Peccato però che a ridosso della scuola abitino anche famiglie di etnia ungherese: tutti i loro figli sono iscritti ad altre scuole in città.

La scuola di Orko esiste grazie ad un prete, Markos Andras. Mandato qui all'inizio degli anni '90, visto che la maggior parte dei rom qui sono di religione cattolica, Andras fece costruire un luogo di ritrovo per gli abitanti del luogo. In breve si rese conto che la maggior parte dei bambini e ragazzi di Orko non sapeva né leggere né scrivere e i pochi che frequentavano le scuole in città erano fortemente discriminati e abbandonavano gli studi dopo pochi anni. Così nel 1999 la struttura è stata convertita in una scuola e da allora funziona ininterrottamente. Lo spazio è poco e i bambini molti, così le lezioni si svolgono in due turni, mattina e pomeriggio.

L'analfabetismo, rispetto a 15 anni fa è certamente in calo, ma i numeri testimoniano un tasso di abbandono scolastico tuttora altissimo. Se infatti gli alunni iscritti alla prima elementare sono 59, quelli di quinta sono meno della metà, solo 23. E alle medie va ancora peggio: 25 in prima media, 18 in seconda e solo 10 in terza.

Il caso di Orko è tutt'altro che è un caso isolato: nel 2006 30 città rumene hanno ricevuto dei fondi dall'Unione europea per l'integrazione scolastica dei minori rom e per 4 anni, fino al 2010 la regista e attivista per i diritti umani rumena Mona Nicoara ha seguito e documentato le vite di 3 studenti Rom di Targu Lapus per vedere come l'integrazione stava funzionando. Il risultato è il documentario "Our school" (vedi QUI, ndr.): i giovani protagonisti non solo alla fine non sono integrati nelle scuole della città ma sono addirittura spostati in una "scuola speciale" per disabili mentali. Nel 2007 la Corte europea per i diritti dell'uomo ha condannato la segregazione scolastica dei rom come una violazione della dignità umana. Sentenza ad oggi senza conseguenze.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 26/01/2014 @ 09:02:40, in Europa, visitato 1206 volte)

I Rom residenti a Govanhill intendono essere parte della soluzione by Catriona Stewart, Columnist/reporter. Wednesday 08/01/2014 EveningTimes

[...]

Tutti parlano dei problemi più pubblicizzati nella comunità del South Side - provvisorietà, sovraffollamento, crimine.

E' il tipo di discorsi che si ascoltano in continuazione dai residenti stanchi dei problemi di Govanhill... e della sua reputazione.

L'unica differenza è che questo gruppo è rom, la comunità regolarmente accusata di scatenare i problemi.

"I problemi c'erano già prima del nostro arrivo," dice Marcela Adamova, operatrice di sviluppo per i Rom presso Oxfam Scozia.

"Veniamo però colpevolizzati per cose non causate da noi. E' soltanto un piccolo gruppo di persone che sta dando a tutti una cattiva reputazione."

Uno dei problemi principali, ritiene Marcela, è la mancanza di comunicazione tra i residenti "storici" di Govanhill ed i Rom.

Come risposta, assieme ad Eva  - Kourova, lavoratrice di comunità, ha creato un nuovo centro comunitario in Albert Road per Rom e no.

Dice Eva: "Vogliamo che i Rom abbiano a disposizione gli stessi servizi di chiunque altro a Govanhill; un posto dove incontrarsi e parlare. Ma speriamo che anche gli altri abitanti del luogo prendano parte attiva a questo dialogo, tra i due gruppi. "

"Qui una gran parte del problema sono la mancanza di comunicazione e comprensione culturale."

I gruppi rom dalla Slovacchia e dalla Romania iniziarono ad arrivare a Glasgow, e la maggioranza di loro si insediò a Govanhill.

Il rapporto più recente, Mapping the Roma Community in Scotland, stima ci siano tra i 3.000 e i 4.000 Rom che vivono nella città.

Per una comunità piccola, l'influsso è stato enorme e la gente del posto ha trovato difficoltà nell'accogliere questi nuovi vicini.

I Rom sono stati rimproverati di scaricare rifiuti abusivamente, comportamenti antisociali e problemi alloggiativi come il sovraffollamento.

Dice Marcela, proveniente dalla Slovacchia: "Siamo arrivati a Glasgow per le stesse ragioni degli altri gruppi - un'opportunità di vita migliore. Ma voci e preconcetti possono rendere tutto difficile. Siamo una cultura di strada che gli altri trovano scomoda. A noi piace, parlare e socializzare all'aperto, è così che condividiamo le notizie e scopriamo cosa succede. Ma la gente pensa che stiamo complottando. Inoltre, per noi non è insolito avere i nostri nonni che vivono con noi o sostenere altri parenti, ma la gente si lamenta del sovraffollamento. E poi, appartamenti in cui vivano sino a 20 persone, come dice la stampa - in realtà è una cosa veramente rara. Non sono mai stata in un appartamento con così tante persone."

Madalin Caladras, un giovane di 20 anni, negli ultimi cinque ha vissuto a Govanhill.

Eva e Marcela ritengono che potrebbe lavorare con loro - il suo inglese è eccellente - ma Madalin ha altri progetti.

Madalin ritiene che la zona non sia più come quando arrivò ed ora spera di trasferirsi in Francia - parla sia inglese che francese.

Dice: "Qui mi sento stabilito; arrivai perché mio zio era qui e parlava bene della zona. Ma non è più come quando arrivai. Qua la gente combatterà per strada, è abbastanza intimidante. La mia famiglia è a Parigi e così spero presto di trasferirmi là."

Lenka Milkova ha vissuto quattro anni a Govanhill e ne ha fatto della zona la sua dimora.

Aggiunge: "Qui mi sento bene. Sono felici di stare qui. E' molto meglio che tornare indietro e sento per il bene dei miei figli che vivere qui è il mio futuro e questo la chiamo casa. Le opportunità per noi potrebbero essere migliori e mi preoccupo che i miei figli siano esposti alle discriminizioni di altri gruppi giovanili, ma vogliamo lavorare e riuscire."

Marcela dice che ora l'obiettivo è lavorare per migliorare la vita della prossima generazione di Rom.

Le scuole dell'area si sono attivate per aiutare gli alunni in classe e a rimanere a scuola.

Marcela, 33 anni, due anni fa ha anche fondato il gruppo  Romano Lav - Voce Romanì in romanes - per dare sostegno ai Rom della zona.

Dice Eva: "Sono stati spesi un sacco di soldi e di sforzi in indagini, relazioni scritte e impiegati, piuttosto che nel personale e nei servizi di prima linea. Ma il problema principale è la comunicazione, e speriamo davvero che gli abitanti di qui vengano a trovarci in Albert Road. Parlare tra noi - è l'unico modo di risolvere i problemi."

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


30/10/2020 @ 00:03:56
script eseguito in 290 ms

 

Immagine
 Dale Farm: The Big Weekend... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 475 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, ch...
20/10/2020 @ 08:03:13
Di FRANCO
LEGGI UN MOMENTO QUESTA OFFERTA DI PRESTITO .... O...
07/10/2020 @ 20:34:53
Di Alesi Gallo
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source