\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Io, i miei genitori e le mille difficoltà dei rom in Italia
Di Fabrizio (del 23/01/2014 @ 09:10:01, in Italia, visitato 1172 volte)

Posted on 15 gennaio 2014 La voce degli attivisti rom e sinti
Come accaduto per i miei genitori, che hanno vissuto sotto i ponti per due anni. Ed è lì che mio padre è stato colpito da un ictus. Di Gladiola Lacramioara Lacatus.

Molti dei rom che abitano in Italia, in particolare nella regione in cui vivo io, la Calabria, sono arrivati da altri Paesi per vari motivi, come la ricerca di un lavoro per poter mantenere i propri figli.

Cercano di dare loro un futuro migliore.

Arrivati qui, però, si ritrovano spesso a vivere in pessime condizioni, perché la maggior parte di loro non ha il documento d'identità, il codice fiscale, e per avere questi documenti devono essere in possesso di alcuni requisiti, come un alloggio e una retribuzione.

Il punto è che per entrare in possesso di questi requisiti hanno bisogno di un lavoro regolare e non in nero. E per dei rom che si ritrovano spesso costretti a vivere nei campi, isolati dal resto del mondo, questo non è affatto scontato.

Senza questi criteri e documenti non possono usufruire del servizio medico sanitario.

Ed è questa la situazione che vivono anche i miei genitori, arrivati in Italia dalla Romania, i quali sono oggi ospiti presso una casa d'accoglienza per persone in difficoltà. I miei genitori hanno vissuto sotto un ponte per circa due anni ed è lì che mio padre ebbe un ictus, che lo ha limitato nella deambulazione e uso della parola.

Nonostante adesso siano in una struttura e non più per strada, non hanno i documenti e l'assistenza medico sanitaria, e questo perché mia madre non ha trovato un lavoro.

Sono 5 anni che non sento la voce di mio padre, che non posso avere una conversazione con lui, spesso mi ritrovo a piangere e a volte a darmi la colpa di tutto ciò.

Abbiamo problemi con i farmaci che sono molto costosi e non possiamo permetterceli: mamma chiede spesso aiuto a persone che hanno l'assistenza medica, ma questo non potrà farlo ancora per molto.

Grazie all'aiuto delle suore presso le quali sono ospite, abbiamo portato mio padre in comune per iscriverlo all'anagrafe, però ci hanno detto che se non ha un lavoro fisso non può essere iscritto all'anagrafe.

Io e mia sorella siamo ospiti presso una casa famiglia da 6 anni, da quando abbiamo avuto un incidente nel campo dove alloggiavamo (vivevamo dentro una baracca costruita dai nostri genitori).

E' difficile vivere in queste condizioni soprattutto per le persone malate, che hanno difficoltà nel trovare lavoro.

Spesso si crede che i rom non vogliano vivere nelle case e non vogliano lavorare come tutti gli altri cittadini. Ma non è vero. Sono le difficoltà che incontrano qui in Italia, la vita nei campi, la discriminazione e i pregiudizi diffusi nei loro confronti, che li spingono ai margini della società.

Spero che un giorno l'Italia diventi un Paese dove anche i rom potranno vivere normalmente. Insieme agli italiani. Senza più discriminazioni e pregiudizi.

*nella foto Gladiola