Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Gli Zingari fanno ancora paura?

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 14/07/2005 @ 21:49:36, in media, visitato 1558 volte)

14. 7. 2005 - Secondo il giornale La Repubblica, 76 Rom, tra cui 40 bambini, sono finiti in mezzo alla strada e senza nessuna possibilità di riparo o ricovero futuri. Originari della Romania, erano legalmente in Italia e vivevano in un accampamento alle porte di Milano.

Nell'accampamento, d'altra parte, risiedeva uno dei Rom accusato di aver recentemente violentato un ragazza italiana di 19 anni,. Del fatto sono stati incriminati 3 Rom, e in Italia si è aperto un grande dibattito sui temi dei Rom e dell'immigrazione, facendo pressione sulle autorità perché prendessero provvedimenti. Il primo risultato è stata la decisione del comune di sgomberare l'intera comunità e di abbattere il campo.

I 76 Rom hanno ottenuto di poter dormire per 10 notti col permesso del comune elle strutture mese a disposizione dall'associazione Caritas. Scaduti i dieci giorni, la Caritas sta continuando ad ospitare ed assistere i Rom, senza più ricevere alcun contributo dal comune. La municipalità non intende permettere ai Rom di ritornare nei confini cittadini e la provincia sembra intenzionata a organizzare dei campi sosta nei dintorni della città. Ma al momento ogni soluzione sembra distante per i disaccordi che permangono tra l'amministrazione comunale e quella provinciale

(Dzeno Associaton)© - Repubblica Ceca


Dal Blog NON TROPPO - 10. 7. 2005 

Oggi forze estremiste hanno attaccato indiscriminatamente la città di Milano e i suoi abitanti. Questi mostri hanno designato determinati gruppi come bersaglio, senza alcuna giustificazione. Dirottando un'agenda di terrore, il loro pregiudizio e razzismo li ha portati a trarre il massimo vantaggio dal loro potere

Sto parlando della polizia italiana, che senza alcuna considerazione per le conseguenze, ha compiuto arresti di Zingari, tossicodipendenti, immigrati e potenziali piccoli criminali, dicendo di operare per il bene della Sicurezza Nazionale:

http://news.bbc.co.uk/1/hi/world/europe/4667513.stm

La polizia compie raid in diversi campi Zingari e altre aree abbandonate.

Tra gli arrestati, 83 sono cittadini extra EU. Per 52 di loro sono già scattati gli ordini di espulsione. "I capi di accusa riguardano principalmente furti, mancato rispetto degli arresti domiciliari e delle leggi antidroga." ha commentato il col. Piccino al Corriere della Sera dopo gli arresti.

La polizia italiana è conosciuta per la presenza di elementi fascisti nei suoi quadri, e sembra privilegiare le azioni contro Zingari ed immigrati. Quando sono stato a Milano qualche anno fa, mi ricordo che nei bar girava parecchia cocaina, ma dubito che chi la spacciasse facesse parte di gruppi a rischio: erano tutti italiani che lavoravano in banca, studi legali e altre rispettabili professioni.

by Ian at July 10, 2005 06:25 PM

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/07/2005 @ 16:56:41, in media, visitato 1570 volte)

Non c'entra proprio niente, ma visto la minaccia delle ultime righe:  Se qualcuno dei protagonisti si sentisse in qualche modo offeso o calunniato, me lo comunichi e sarà mia premura rimuovere tutto ‘sto popò di roba, con la velocità di un razzo nel culo.  preferisco metterlo in dispensa, si sa mai che venga utile...

Da: broonotipresentosally

Praticamente ci sono questi due che improvvisamente si sono innamorati e si sono sposati.
Che poi “improvvisamente” è una parola che caratterizza più di una tappa della loro vita.
 
A lei, per esempio, improvvisamente un giorno sono cresciute le tette.
Lui, per esempio, improvvisamente un giorno è arrivato al 20% della RCS.
Analogia?
Diciamo che la RCS, in Italia, può essere rappresentata come le gigantesche tette di una gran gnocca chiamata politica finanziaria.
Un passaggio obbligato, insomma, per ogni uomo che vuole arrivare a triangoli di potere ben più allettanti.
Triangoli di potere, cosa avete capito, si intende potere economico-potere dell’informazione-potere politico.
 
Praticamente lei fino a ieri era Poppea nella nota fiction, oggi fa la produttrice di film.
Ma lei parcheggiamola un attimo qui accanto, che tanto dove la metti sta.
 
L’ultima volta che le notizie diedero il nome di qualcuno interessato a scalare la RCS, fecero il nome del cavaliere.
Un paio di anni fa.
Ma alla RCS, che non sono cretini, vennero sollevati immediatamente gli impenetrabili scudi del patto sindacale, rimandandolo a casa con tanti saluti.
 
Il cavaliere, che esattamente come quelli della RCS certo non è cretino, capì che lui quel patto non solo non l’avrebbe mai potuto superare, ma soprattutto, se avesse insistito, l’avrebbe visto trasformarsi nella sua condanna al tracollo.
 
Il patto sindacale, per capirci, è un meccanismo che mette al riparo gli azionisti già proprietari di quote, dagli eventuali attacchi di quelli che improvvisamente decidono di tentare di acquistare la maggioranza della proprietà di un’azienda quotata.
Chi sottoscrive quel patto, detiene (sommando le reciproche quote) la maggioranza, e se vuole può lasciare che chiunque arrivi a comprarsi fino al 49% delle quote senza dire nulla, impedendogli però di comprarsi il restante 2%, facendo in modo che chi si è comprato quel 49% si ritrovi con una quantità allucinante di soldi da sborsare, una quantità esorbitante di azioni, ma potere zero nello stesso momento.
Niente di più di un serbatoio di soldi senza potere decisionale, insomma.
 
Il cavaliere questo lo sapeva benissimo, e dato che a lui la RCS interessava non certo per mettere da parte qualche soldino, ci ha provato, ha capito che mezza finanza italiana ne avrebbe approfittato per fargli pagare qualche vecchia incazzatura da lui procurata, e ha detto “Grazie e arrivederci”.
Se il suo interesse verso la RCS può essere considerato, a memoria d’uomo, l’unica impresa che ha mollato alla prima difficoltà, senza nemmeno provare a cambiare qualche legge, un motivo ci sarà.
Anche lui che tutto può, del resto, sapeva benissimo che sul muro Consob ci avrebbe sbattuto rovinosamente il plastico naso.
 
Dal nulla, qualche mese fa, spunta tale Ri*ucci.
Uno che nessuno aveva mai sentito nominare, si ritrova improvvisamente con il 20% della RCS in tasca.
Il 20% della RCS, per capirci, equivale a qualche centinaio di milioni di euro.
Ma vogliamo fermarci qui?
Ma noooo.
Lui annuncia che vuole arrivare ben più in alto, ad una percentuale per ottenere la quale, si stima, dovrà movimentare tra i 5 e i 6 miliardi di euro.
Cioè, non lui.
Le banche che gli forniscono il credito.
Ri*ucci.
Che se il nome non ricordasse incredibilmente il RItorno di Cuccia, …vabbè…niente.
Qualcuno l’aveva mai sentito nominare?
Ora le banche gli garantiscono migliaia di miliardi di prestiti.
Assolutamente solo sulla fiducia, visto che se la Consob lo dovesse veramente costringere a lanciare l’opa, tutti insieme gli azionisti potrebbero metterlo nella merda.
Ma le banche lo sanno che gli italiani si cagano sotto e vogliono capitalizzare al volo ad ogni occasione propizia, e quindi gli dicono “vai caro e fai il prezzo che vuoi, noi copriamo, tanto quelli mollano”
Del resto, perché pensare di non dar crediti per migliaia di miliardi ad uno che fino a ieri costruiva case e oggi vuole la RCS?
Ma no, non sto parlando del Cavaliere.
Sempre di Ri*ucci.
Come “Ri*ucci chi?”
Quello che si è sposato ieri con Anna Palchi, non avete visto i telegiornali?
 
Ora, succede che tutti improvvisamente si sono visti spuntare questo qui e mezza finanza italiana si sta chiedendo chi cazzo ci sia dietro di lui, visto che pure un bambino sa che nessuna banca ti da 10 euro se non sei figlio di un banchiere, figuriamoci migliaia di miliardi ad uno sconosciuto, ma soprattutto tutti si stanno chiedendo come mai uno che costruiva case oggi vuole la RCS.
 
Adesso riprendiamo un attimo la neo-mogliettina parcheggiata poco fa.
Tanto, come dicevo, è lì ferma e buona.
Perché anche a Poppea, le banche, improvvisamente hanno deciso di dare crediti impensabili per chiunque sia proprietario di imperi aziendali, figuriamoci per una che si presenta con un curriculum stampato su dodici fogli patinati divisi per mesi dell’anno.
Oggi, improvvisamente (che bella parola), la lupa de noartri fa la produttrice di film.
 
Per chi non mastica di ruoli del mondo dello spettacolo, il produttore è quello che ci mette i soldi.
Cioè, non lei.
Le banche che le forniscono il credito.
Cosa chiedono come garanzia le banche che forniscono i soldi per produrre film?
Magari qualche film prodotto precedentemente, di successo?
Non ne ha.
Magari qualche partecipazione personale in ruoli di primo piano in film che hanno sbancato al botteghino?
Non ne ha.
E allora come può garantire alla banca che il film avrà successo?
Ri-parcheggiamola un attimo, che tanto sta lì tanto quanto prima.
 
Perché un film abbia successo, servono due requisiti fondamentali.
La promozione e la distribuzione.
In Italia, si sa, il cinema “povero” è stato azzoppato se non addirittura messo in ginocchio, dopo che l’intera catena di distribuzione è finita nelle mani di una nota azienda italiana, che è proprietaria di quasi tutte le sale, nelle quali piazza per settimane intere quasi esclusivamente i film prodotti da se stessa o film di bassa qualità ma di sicuro incasso, spesso americani, per poi spostarli dopo ormai pochi mesi nell’altrettanto nota catena di videoteche.
Per un’assoluta involontaria catena di coincidenze, capita che quella stessa azienda sia la proprietaria di tutti quei canali (tv) attraverso i quali i film vengono “promozionati” attraverso martellanti trailer a tutte le ore.
Il percorso è studiato ben bene.
Si pubblicizzano solo certi film, solo quelli vengono messi nelle sale, solo quelli la gente va a vedere, solo quelli fanno soldi a palate.
 
Riprendiamo la parcheggiata e avviamoci verso la fine della storia.
 
Se tu sei Poppea e chiedi qualche milione di euro per fare una cosa che non hai mai fatto, come minimo la banca, dopo essersi fatta una risata, ti da comunque la possibilità, magari chiamando anche gli altri colleghi perché questa proprio non se la devono perdere, di spiegare in base a quale assurdo ragionamento dovrebbero pensare che il tuo film avrà successo e di conseguenza loro riavranno i loro soldi indietro con tanti interessi e grazie.
 
Semplice.
Basta che tu spieghi con una certa sicurezza che qualsiasi cagata tu deciderai di produrre, nelle sale ci arriverà, verrà distribuito senza nemmeno batter ciglio e arrivando nelle principali sale italiane probabilmente sotto natale, farà anche i soldi promessi.
 
“Eh si, ma lei come fa ad essere certa che il suo film verrà distribuito in tutte le principali sale?” chiede il direttore della banca.
“Ma signori, sono la moglie di Ri*ucci”
“E Ri*ucci chi sarebbe?”
“Quello che sta scalando la RCS”
“E la RCS cosa sarebbe?”
“Il Corriere della Sera che tanto interessava al Cavaliere”
“E il cavaliere chi sarebbe?”
“Il proprietario di quasi tutte le sale cinematografiche italiane”
“E lei cosa fa nella vita?”
“Da poco produco film di sicuro successo”
 
Fine del teorema.
Riassunto?
Se il primo film della Palchi avrà il logo Medusa Film, dietro Ri*ucci c’è il cavaliere.
 
Vah che razza di dono di nozze è riuscita a ottenere.
 
 
 
Tutto questo è frutto solo di un mio ragionamento personale.
Non ha basi fondate.
Non proviene da documentazioni di alcun genere.
È una pura e semplice storia inventata da me e non vuole esprimere giudizi personali su nessuno nei citati, ma solo analizzare una storia che è già pubblica, sotto l’aspetto “possibili relazioni affaristiche” e costituisce puro e semplice esercizio.
Se qualcuno dei protagonisti si sentisse in qualche modo offeso o calunniato, me lo comunichi e sarà mia premura rimuovere tutto ‘sto popò di roba, con la velocità di un razzo nel culo.
Articolo Permalink Commenti Oppure (7)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Usa
Di Fabrizio (del 12/07/2005 @ 23:41:00, in Regole, visitato 2085 volte)

Qualcuno ha già conosciuto Mengro e Lele, animatori della lista Allgypsies. Due Rom, lui capo-cantiere e lei infermiera, perfettamente integrati nella società, anche se qualche problema sussiste

OK, scampato l'uragano Dennis (chi invece cercasse informazioni da Cuba, QUI) ritrovo Lele più battagliera che mai:

Questa la comunicazione incriminata:

"Zingari in America e i loro crimini:

CONTENUTO DEL CORSO:

Questo corso è stato progettato perché le leggi anticrimine vadano incontro alle esigenze delle squadre anti Zingare che operano nell'area metropolitana di Chicago.

Verranno trattati i seguenti argomenti:

  • Frodi e rimedi;
  • Truffe domestiche;
  • Indovini
  • truffe sentimentali

Metodi operativi

Sospetti

Veicoli

Vittime

Sistemi di spostamento

Misure prosecutorie

Misure preventive

I partecipanti riceveranno un album fotografico corredato dagli identikit dei sospetti nell'area metropolitana di Chicago.

Istruttori:

  • Inspector Bill Hendrickson of the Illinois State Police
  • Special Agent Richard Packert of the Illinois State Police.

Registratevi subito."


Sono venuta a conoscenza della vostra iniziativa navigando in rete.

Sono letteralmente sgomenta! Forse non siete a conoscenza che noi, il popolo Rom (conosciuti anche come Zingari), siamo un gruppo razziale e culturale ben definito?

Vorrei sapere se avete mai considerato di tenere corsi su "gli Afro Americani e i loro crimini", oppure "i Latino Americani e i loro crimini"? O meglio: Il popolo Bianco e i loro crimini? Spete, se penso all'affare Exon, mi viene in mente un tipico crimine perpetrato dai Bianchi, come ripulire profitti illegali: più lucroso e più interessante della spazzatura che volete insegnare su quanto possiamo aver nmai rubato negli ultimi secoli!

Ci sono DEI Rom coinvolti in attività criminose? Naturalmente, proprio come per Bianchi, Neri Latini... Ma la maggior parte di noi, come loro, rispettiamo la legge.

Mi ritengo insultata ersonalmente e come appartenente alla mia etnia, etichettati come criminali. Un corso serio sulle truffe avrebbe potuto svolgersi lo stesso senza epiteti razziali.

Spero che non fosse vostra intenzione promuovere stereotipi razziali, anche se questo è stato il risultato.

A proposito, visto che un altro stereotipo è che siamo tutti analfabeti, spero di non darvi questa impressione.

Per terminare: non è un problema di Internet o meno, nella vostra vita privata potete pensarla come volete e non mi interessa cosa ne pensate del mio popolo, ma siete ufficiali pubblici, io e la mia razza siamo parte di quanti voi servite. Ecco la ragione profonda della mia critica.

A questo punto spero vogliate rinominare il corso che terrete

Sincerely,

Ileigha Reyes-Mason - All Gypsies Group USA


NdR: vorrei poter dire che adoro Lele (anzi: Ileigha Reyes-Mason) quando si arrabbia, e già che ci sono, riporto anche una risposta in tono diverso (very english style) : - )

Spettabili signori

Mi è stata sottoposta all'attenzione il corso che intendete tenere.

In tutta onestà trovo stupefacente che al giorno d'oggi si mostri una tale insensività razziale nella formazione dei quadri di polizia.

Sono sicuro che quanti hanno ideato questo corso, non intitolerebbero mai qualcosa come "Gli abitanti francesi negli U.S.A. e i loro crimini", perciò vi chiedo la ragione di una scelta siffatta.

Nel caso non ne siate a conoscenza laparola "Zingaro" con la "Z" maiuscola si riferisce specificatamente a quanti siano di origine etnica Rom, quindi una etnia con la sua Cultura e Costumi precisi.

Quindi credo che il corso sia da riferirsi più in generale a quanti siano Vaganti o Artisti itineranti in generale; non intendo in questo momento confutare la vostra sociologia del crimine, quanto il presupposto che questi atti siano connaturati conl'essere "Zingari" o Rom. Per quanto mi risulta, tali crimini sono perpetrati tanto da Bianchi, Neri o Ispanici, questo dovunque nel mondo.

Come appartenente alla etnia Rom e componente della mia associazione pubblica, aspetto con attenzione la vostra risposta ed eventuali commenti 

Yours Sincerely

Wayne Danewood.

MA, BA( Hons), M.CIM, M.RKG.

N.U.S Racial & Religious Discriminations Officer

De Montfort University

England

Un caso simile

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/07/2005 @ 23:35:30, in Italia, visitato 7135 volte)

dalla mailing list sardegnainmovimento:

“In Movimento -
Cittadini, società, culture”



XI Meeting Internazionale Antirazzista


16-23 luglio 2005

Cecina mare (LI)


dedicato ad Otello Urso (dirigente Arci Sicilia) scomparso il 22/07/2004 a Cecina




Promosso da:

Regione Toscana, Provincia di Livorno, Comuni di Bibbona, Castagneto Carducci, Cecina, Livorno, Rosignano Marittimo, San Vincenzo, CESVOT, RETIS.


Organizzato da

ARCI

in collaborazione con CGIL

con l’adesione di Banca Popolare Etica



PROGRAMMA


Sabato 16 luglio

Ore 15.00

Apertura del Meeting e presentazione del Programma

Partecipano: Paolo Beni (Presidente Nazionale Arci), Mauro Bini (Presidente Arci Bassa Val di Cecina), Fulvio Fammoni (Segretario Nazionale CGIL), Luciano Franchi (Presidente regionale Cesvot), Monica Giuntini (Vice-Presidente Provincia di Livorno), Giorgio Kutufà (Presidente Provincia di Livorno), Claudio Martini (Presidente della Regione Toscana), Gianni Salvadori (Assessore alle Politiche Sociali, Regione Toscana), Lio Scheggi (Presidente URPT), Firorella Marini (Sindaco di Bibbona), Fabio Tinti (Sindaco di Castagneto Carducci), Paolo Pacini (Sindaco di Cecina), Alessandro Cosimi (Sindaco di Livorno), Alessandro Nenci (Sindaco di Rosignano M.mo), Michele Biagi (Sindaco di San Vincenzo), Luciano Silvestri (Segretario Regionale CGIL Toscana), Vincenzo Striano (Presidente Arci Toscana), Rappresentanti Forum migrati.


Ore 16.00

“Forum Regionale dei migranti”


Partecipano: Comunità dei migranti della Toscana, Consiglieri aggiunti, Consigli degli stranieri, Monica Giuntini (Vice-Presidente Provincia di Livorno), Giorgio Kutufà (Presidente Provincia di Livorno), Claudio Martini (Presidente Regione Toscana), Lio Scheggi (Presidente URPT).


Ore 18.00

Presentazione del Corso di Formazione CSVOT interdelegazionale: “Dialoghi sulla diversità – preliminari sociali per la formazione di operatori e operatrici di parità e intercultura nell’ambito del volontariato e dell’associazionismo.”

Partecipano: Liana Borghi (Giardino dei Ciliegi), Riccardo Pieralli (Ireos)


Ore 21.30

Proiezione del video “Parole e voci per una comunicazione sociale” di Cesare D’Agliana



Domenica 17 luglio

Ore 10.00

“Immigrazione e diritto d’asilo: è possibile un’alternativa?”

Incontro tra movimenti, studiosi, associazioni e partiti.

Partecipano:
Leila Abi (Nosotras), Andrea Accardi (MSF), Farhia Aidid Aden (Punto di partenza), Luigi Andreini (CNCA), Alessandra Ballerini (ASGI), Lucio Barletta (Italia dei Valori), Paolo Beni (ARCI), Moreno Biagioni (ANCI Toscana), Sergio Briguglio, Angelo Caputo (Magistratura Democratica), Daniela Carboni (Amnesty International), Giuseppe Casucci (UIL), Luca Cefisi (SDI), Lisa Clark (Beati Costruttori di Pace), Daniela Consoli (ASGI), Kurosh Danesh (CGIL), Pape Diaw (ARCI Toscana), Anne Marie Duprè (FCEI), Roberta Fantozzi (PRC), Giuseppe Faso (Africa Insieme), Tommaso Fattori (Social Forum Toscano), Aly Baba Faye (DS), Mercedes Frias (Assessore Comune di Empoli), Stefano Galieni (Liberazione), Sandro Giuggiolini (Scalambriniani; Meeting di Loreto), Ibrhaime Goumbale (SinCobas), Maurizio Gressi (Comitato per la promozione e protezione dei Diritti Umani), Maurizio Gubbiotti (Legambiente), Sveva Haertter (FIOM CGIL), Maria Rosa Jijon (Candelaria), Samira Karoui (presidente CESDI, Livorno), Franco Lovascio (SinCobas), Cristiano Lucchi (Rete Liliput), Victor Magiar (Ass. Martin Buber), Fabio Marcelli (Giuristi democratici), Alessandro Margara (Fondazione Michelucci), Francesco Martone (senatore, PRC), Cesare Megha (Responsabile Immigrazione FGCI), Stefano Mencherini (Giornalista), Sandro Mezzadra (Università di Bologna), don Bruno Mioli (Migrantes), Filippo Miraglia (ARCI), Enrico Montalbano (Rete Antirazzista Siciliana), Alessia Montuori (Senza Confine), don Emanuele Morelli (Caritas), Luciano Mulhbauer (Consiglio Regionale Lombardia, PRC), Maurizio Musolino (PdCI), Demir Mustafà (Amapilè Romano), Grazia Naletto (Lunaria), Luca Pacini (ANCI), Pasqualina Napoletano (Europarlamentare PSE/DS), Edda Paddo (Todo Cambia, Milano), Gigi Perrone (Sociologo delle migrazioni, Università di Lecce), Alessia Petraglia (Consiglio Regionale della Toscana, DS), Daniela Pompei (com. di Sant’Egidio), Enrico Pugliese (sociologo), Fabio Quassoli (Università di Milano Bicocca), Annamaria Rivera (antropologa, Università di Bari), Elena Rozzi (Save the children), Gianfranco Schiavone (ICS), Giampaolo Silvestri (Verdi), Giannicola Sinisi (Margherita), Piero Soldini (CGIL), Nicola Solimano (Fondazione Michelucci), Gigi Sullo (Carta/Cantiere per il futuro), Vincenzo Striano (ARCI Toscana), Lorenzo Trucco (ASGI), Fulvio Vassallo Paleologo (ICS/ASGI), Armando Veneto (UDEUR), Nazzarena Zorzella (ASGI).


Ore 17.00

Iscrizione ai laboratori e seminari.


Ore 18.00

“Immigrazione, diritti e società plurale”

Accesso alla cittadinanza, diritto alla salute, tutela contro le discriminazioni


Tavola rotonda a cura di Magistratura Democratica

Intervengono: Fabrizio Amato (Magistratura Democratica), Andrea Amato (IMED), Cecilia Corsi (Università di Firenze), Angela Oriti (Medici senza frontiere).

Coordina: Angelo Caputo (Magistratura democratica).


Ore 18.00

Tavola rotonda: La solidarietà toscana con il popolo Saharawi


Partecipano: Daniela Pampaloni (Comitato cooperazione decentrata della Val di Cecina), Sandro Giannetti (rappresentante della gioventù Saharawi ANSDS in Italia), un rappresentante del Comitato di Gemellaggio del Comune di Rosignano Marittimo.


Ore 21.00

“La violazione del diritto d’asilo: quali prospettive nel contesto italiano ed europeo”

Partecipano: Laura Boldrini (ACNUR), Carmen Cordaro (ARCI), Touty Coundoul (TamTam Vilagge), Kurosh Danesh (CGIL), Cristopher Hein (CIR), Luca Pacini (ANCI), Gianfranco Schiavone (ICS), Lorenzo Trucco (ASGI)

Coordina: Fabio Marcelli (Giuristi democratici)


Ore 22.30 – La Cecinella

Concerto: Alan Farrington Band



Lunedì 18 luglio

Ore 10.00-13.00/15.00-18.00 Laboratori


Ore 10.00-13.00

Seminario di formazione europea RETIS “Introduzione ai diritti fondamentali economici e sociali”

Partecipano: Pierre Barge (Segretario generale dell’Associazione europea delle leghe dei diritti umani), Daniel Dumont (Università Saint-Louis di Bruxelles), François Tulkens (Università Saint-Louis di Bruxelles), Arrigo Zanella (Segretario generale RETIS).


Ore 10.00-18.00

Seminario ONC/CNEL, ANCI, UPI Regione Toscana e altre Regioni “Partecipazione e diritto di voto

Partecipano: Mourad Abderrezak (Presidente del Consiglio degli stranieri, Provincia di Firenze), Vittorio Angiolini (Costituzionalista – Università di Milano), Paolo Attanasio (coautore della ricerca su “Immigrazione e diritto di voto” curata dalla Caritas), Maurizio Bartolucci (Consigliere Comunale Roma), Moreno Biagioni (ANCI Toscana), Marida Bolognesi (Parlamentare), Francesca Chiavacci (Presidente ARCI Firenze), Roberto Digiovan Paolo (AICCRE, Comitato delle Regioni Bruxelles), Rosa D’Amelio (assessore alle Politiche sociali Regione Campania), Monica Donini (Presidente del consiglio della Regione Emilia Romagna), Agostino Fragai (Assessore alle riforme istituzionali ed al rapporto con gli Enti locali Regione Toscana), Andrea Frattani (Assessore alla città multietnica del Comune di Prato), Mercedes Frias (Assessore Comune di Empoli), Massimiliano Morettini (Consigliere Comune di Genova), Irene Gorelli (Assessore alle Politiche Sociali, Provincia di Prato), Manola Guazzini (Assessore alle Politiche sociali e all’immigrazione Provincia di Pisa), Giuseppe Pericu (Sindaco di Genova), Gabriel Rusu (Consigliere comunale aggiunto Comune di Roma), Umberto Saleri (CGIL), Silvia Scozzesi (ANCI), Fabio Sturani (Sindaco di Ancona e Vice presidente ANCI con delega sull’immigrazione), Paolo Arancini (Assessore Castagneto Carducci).


Ore 18.00

Tavola rotonda

“Migranti agenti di co-sviluppo: perché no?”

Partecipano: Alberto Tarozzi (Docente di Sociologia dello Sviluppo, Università di Bologna), Antonio Galante (Presidenza nazionale INCA), Gianfranco Benzi (Dipartimento Internazionale CGIL), Sergio Bassoli (Direttore di Progetto Sviluppo).

Coordina: Danesh Kurosh (Ufficio Immigrazione CGIL)


Ore 18.00

Progetto Rom Toscana: “I rom e il mondo del lavoro”

Incontro con Zoran Lapov (Università di Firenze, EUROFOR)


Ore 22.30 – La Cecinella

Concerto: EACH ONE TEACH ONE – HipHop e Gospel da Bremer”heaven” – Germania

(“TwiceAsNice” avec Big Lebasti, Matze & DJ Phax Mulder “Los Meditillas”, Shana e Latimo “WeBurnConnected”, “Straßenlage”, R.T., Brobick & Mightymoe, “Prayers and Preachers”, Gospel, “The Wild Thirteenz”, B’Boyz, Paddythe Beat, Mohamed e DJ URBAN).


Ore 22.30 – Villa Guerrazzi

Concerto: Jeff Berlin/ Walter Paoli/ Mauro Grossi



Martedì 19 luglio

Ore 10.00-13.00/15.00-18.00 Laboratori


Ore 10.00-18.00

Seminario di formazione europea RETIS e ONC/CNEL, ANCI, UPI Regione Toscana ed altre Regioni “Casa: una grave questione sociale”

Partecipano: Mario Banelli, Alfio Baldi (Responsabile Casa, ANCI Toscana), Paolo Bianchi (presidente ARCI Prato), Claude Cahn (Direttore Programmi del Centro Europeo dei diritti dei rom, Budapest), Livia Cantore (ARCI Puglia), Gianni Chiesa (Associazione “Casa Amica”), Daniela Gai (Assessore alle Politiche sociali della Provincia di Pistoia), Samuele Lippi (Assessore Comune di Cecina), Simone Naldoni (Assessore Comune di Scandicci), Michelle Noris (Direttrice Unità Alloggio, Irlanda – coautrice del rapporto su “Sviluppi dell’alloggio nei paesi europei”), Angelo Passaleva (Presidente RETIS), Ramon Pena-Casas (Osservatorio Sociale Europeo), Valter Reggiani (coordinatore gruppo di lavoro ONC/CNEL), Gianni Salvadori (Assessore alle Politiche sociali Regione Toscana), Nicola Solimano (Fondazione Michelucci), Silvia Scozzese (ANCI), Damiano Stufara (assessore alle Politiche sociali Regione Umbria), Maurizio Trabuio (“Casa e colori”, Padova), Marc Uhry (Alpil Lyon, Francia), Walter Williams (esperto casa “terzo settore”, Università di Bologna).


Ore 10.00

“Un Contratto per qualificare e tutelare il lavoro di assistenza familiare delle donne immigrate”

Assemblea Nazionale lavoratori e Lavoratrici settore Domestico e Familiare.

Presentazione di una ricerca dell’IRES: Immigrazione e lavoro infermieristico.

Partecipano: Ramona Campari (segreteria Nazionale FILCAMS CGIL, Responsabile Lavoro Domestico), Ivano Corraini (Segretario Generale FILCAMS CGIL), Piero Soldini (Responsabile Immigrazione, CGIL).


Ore 16.00

Tavola rotonda: “Salute e qualità della vita delle donne Immigrate fra scelte riproduttive e segregazione lavorativa”

Partecipano: Leila Abi (ARCI Firenze), Carolina Cardena (CGIL Novara), Lilly Chiaromonte (CGIL), Luisia Demostenos (Regione Umbria), Sally Kane (CGIL Marche), Carla Mastrantonio (CGIL, Funzione Pubblica, La Spezia), Liliana Pena (CGIL Asti), Nicoletta Rocchi (Segreteria Nazionale CGIL), Maria Grazia Ruggerini (Coop Le Nove).


Ore 18.00

Incontro tra i rappresentanti delle Comunità dei migranti e rappresentati degli Enti Locali della Provincia di Livorno


Ore 18.00

Tavola rotonda: L’inserimento sociale e lavorativo dei rom

Partecipano: Sergio Giovagnoli (Presidente ARCI Lazio), Valter Paradisi (Assessore Comune Rosignano Marittimo), rappresentanti degli Enti locali.


Ore 19.00

RETIS Conferenza “Per una cittadinanza dei diritti fondamentali”

Partecipano: Pierre Barge (Segretario generale dell’Associazione europea delle leghe dei diritti umani), Marco Buemi (Esperto Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali), Giuseppe Carovani (Sindaco di Calenzano, ANCI), Jose Antonio Garcia Alvarez (Direttore dei Servizi sociali, Gijon, Spagna), David Kirk (Assessore, Hampshire, Ingliterra), Luisa Laurelli (Presidente Commissione Coezione sociale del Congresso dei Poteri locali e regionali, Comune di Roma), Angelo Passaleva (Presidente RETIS), Angel Gerardo Pisarello Prados (Università di Barcelona), Pablo Salazar del Risco (RETIS/CESVOT), Paolo Vulpiani (Esperto Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali).


Ore 21.00

Proiezione del Video: “48 Ore a Novi Ligure. Sono stati loro”, di Guido Chiesa

A seguire

“Il ritorno del securitarismo: da Varese verso le elezioni del 2006”

Partecipano: Adel Jabbar (Università ‘Ca Foscari, Venezia), Giuseppe Musolino (presidente ARCI di Varese), Annamaria Rivera (antropologa, Università di Bari), Marco Sorrentino (ARCI Torino).


Ore 22.30 – La Cecinella

Concerto: The Lotus Band – Gray



Mercoledì 20 luglio

Ore 10.00 -13.00/15.00 -18.00 Laboratori


Ore 10.00 - 18.00

Seminario di formazione europea RETIS e ONC/CNEL, ANCI, UPI Regione Toscana ed altre Regioni “Lavoro e Centri per l’Impiego”

All’interno: “Lavoro e Partecipazione – lotta contro le discriminazioni. Contrattare la parità”. Presentazione di un’indagine sulle discriminazioni istituzionali a cura di IRES
.

Partecipano: Fiorenza Anatrini (Assessore Formazione, Lavoro, Pari Opportunità della Provincia di Siena), Ugo Ascoli (Assessore al lavoro Regione Marche), Sandra Breschi (Centro per l’Impiego di Firenze – Progetto “SOS Famiglie”), Marcello Canovaro (Assessore Provincia Livorno), Beppe Corso (Presidente ARCI Lucca), Francesco Di Maggio (Direzione Flussi Migratori INPS), Aurora Ferraro (CGIL Marche), Luisa Gnecchi (Vice-Presidente Provincia Autonoma di Bolzano), Francisco Manuel Lopez (Segretario organizzativo UGT Asturie, Spagna), Ugo Melchionda (O.I.M), Agostino Megale (Direttore IRES), Ramon Pena-Casas (Osservatorio Sociale europeo), Hector Roces Garcia (Segretario generale UGT Asturie, Spagna), Gianfranco Simoncini (Assessore Istruzione, Formazione, Lavoro Regione Toscana), Piero Soldini (Responsabile Immigrazione CGIL), Andrea Tagliasacchi (Presidente della provincia di Lucca e dell’UPI), Beatriz Vacato (Centro di formazione dell’Organizzazione Mondiale del Lavoro, Torino).


Ore 11.00

Seminario: “Istituti Penali Minorili: un carcere per stranieri”

Partecipano: Vanna Bechelli (Regione Toscana), Carla Caporali (Direttrice USSM Perugia), Maria Luisa Casati (Associazione Meucci), Stefania Ciavattini (IPM Milano), Giorgio Concato (Università di Firenze), Giovanna Consolati (Associazione Meucci), Maura Lorenzini (Educatrice USSM Genova), Concetta Giordano (vicedirettore IPM Firenze), Stefano Kovac (ARCI Toscana), Alessandro Martini (Assessore Provincia di Firenze), Tiziana Minelli (CGM Firenze), Umberto Moisè (Presidente ARCI Carrara), Marzio Mori (Caritas, Presidente cooperativa “Il Cenacolo”), Giancarlo Parissi (ARCI/Associazione CIAO), Paolo Pecchioli (Educatore IPM Firenze), Angelo Passaleva (REMI), David Pellegrini (Assessore alle Politiche Sociali, Provincia di Lucca), Gianni Salvadori (Assessore alle politiche sociali Regione Toscana), Lauro Seriacopi (Associazione Meucci), Carlo Triarico (Associazione Agricoltura Biodinamica), Regione Toscana, Regione Liguria, Regione Umbria.


Ore 17.30

Tavola rotonda: “Immigrazione e democrazia”

Partecipano: Paolo Beni (Presidente ARCI Nazionale), Alessandro Cosimi (Sindaco di Livorno), Oliviero Diliberto (PdCI), Antonio Di Pietro (Italia dei Valori), Guglielmo Epifani (CGIL), Piero Fassino (DS), Dario Franceschini (Margherita), Franco Giordano (PRC), Alfonso Pecoraro Scanio (Verdi).


Ore 18.00

Progetto Rom Toscana: “I rom, l’area pisana e l’area fiorentina”

Incontro con Dzevat Etem (Presidente associazione ACER) e Demir Mustafà (Associazione AMALIPE’ ROMANO, ARCI Toscana).


Ore 21.30

Proiezione del video “Un canto per Sheik” di Elisabetta Caracciolo


Ore 21.30

Spettacolo Teatrale: “A come Srebenica” di e con Roberta Biagiarelli


Ore 22.30 La Cecinella

Concerto: Orchestra di Piazza Vittorio



Giovedì 21 luglio

Ore 10.00-13.00/15.00-18.00 Laboratori


Ore 10.00

Seminario ANCI, UPI Regione Toscana ed altre Regioni “Esperienze di indagine sui fenomeni migratori”.

Partecipano: Anna Aiello (Centro Antidiscriminazione della Provincia di Pistoia), Giorgio Alessandrini (ONC/CNEL), Massimo Angrisano (Osservatorio Sociale Regione Campania), Antonietta Bellisari (Osservatorio Sociale Regione Lazio), Fabio Berti (Osservatorio Sociale della Provincia di Siena), Vinicio Biagi (Regione Toscana), Patrizia Farina (Osservatorio Sociale Regione Lombardia), Barbara Ferrone (Osservatorio delle politiche Sociali della provincia di Massa-Carrara), Monica Giuntini (Provincia di Livorno), Marco La Mastra (Osservatorio Sociale della Provincia di Arezzo), Michele Parpajola (Osservatorio delle Politiche Sociali della Provincia di Prato), Paola Pupino (Centro Antidiscriminazione della Provincia di Pistoia), Claudio Rognoni (Osservatorio delle Politiche Sociali della Provincia di Pisa), Nicola Solimano (Fondazione Michelucci), Andrea Stuppini (Regione Emilia Romagna), Alberto Tassinari (O.A.S.I),.


Ore 10.00-13.00

Seminario di formazione europea Retis e ARCI, Provincia di Livorno, CGIL scuola: “Il diritto all’istruzione”


Ore 15.00-18.00

Scambi di buone pratiche – Peer review europea Retis e ARCI, Provincia di Livorno, CGIL scuola: “Lotta contro l'abbandono scolastico - I minori immigrati nella scuola e nella società”

Relatori: Massimo Bettin (UDS/UDU), Mirella Castagnoli (CGIL Scuola, Brescia), Fabrizio Da Crema (Dipartimento Formazione Ricerca CGIL), Bice Danno (CGIL Scuola Lazio), Edwin de Boevé (Direttore generale di Dynamo Internazionale), Monica Giuntini (Provincia di Livorno), Daniela Lastri (Assessore Istruzione e Formazione Professionale Servizi socio-educativi per l’infanzia Comune di Firenze), Maurizio Pascucci (ARCI Toscana), Ramon Pena-Casas (Osservatorio Sociale europeo), Jean David Ponci (Esperto dell’Associazione internazionale per il diritto all'istruzione ed alla libertà dell'insegnamento, Ginevra), Gianfranco Simoncini (Assessore Istruzione, Formazione, Lavoro Regione Toscana), Claudio Treves (Dipartimento Mercato del Lavoro, CGIL).


Ore 11.00

Seminario: “Un altro modo: esperienze di accoglienza autogestita dopo il carcere”

Incontro/aperitivo “leggero” con presentazione di due esperienze sperimentali di accoglienza condotte da Arci Prato e Arci Firenze/CIAO.

Partecipano: rappresentanti dei Comuni di Firenze e Prato, ARCI Firenze, ARCI Prato, rappresentanti dei circoli ARCI di Signa, Associazione CIAO, servizi Sert e Siast dei due territori.


Ore 17.00

Seminario: “Un altro modo è possibile: esperienze di carcere a custodia attenuata e ruolo del territorio”

Partecipano: Sebastiano Ardita (Direttore generale uff.detenuti e trattamento DAP – Roma), Marisa Brigantini (Psicologa C.C. Lorusso Cutugno – Torino), Francesca Chiavacci (Presidente ARCI Firenze), Giovanna Ferretti (funzionario Provincia di Firenze), Cosimo Giordano (Direttore Scuola Polizia Penitenziaria – Roma), Maria Grazia Grazioso (Direttrice Istituto Mario Gozzini – Firenze), Alessandro Margara (Fondazione Michelucci), Maria Elisa Martusciello (N.C.P. Sollicciano), Pietro Masciullo (N.C.P. Sollicciano), Margherita Michelini (Direttrice C.C. a custodia attenuata – Empoli), Palmina Nespoli (N.C.P. Sollicciano), Maria Luisa Palma (Direttrice C.C. a custodia attenuata - Lauro ), Salvatore Rigione (PRAP Firenze), Franco Scarpa (Dirigente dell’ufficio trattamento intramurario PRAP Firenze), Angelo Simontacchi (Provincia di Firenze), Vincenzo Striano (Presidente ARCI Toscana), associazioni del settore.


Ore 17.30

Tavola rotonda: Rete toscana per l’alloggio sociale e l’accoglienza.

Partecipano: Luigi Andreini (CNCA), Luciano Franchi (Presidente CESVOT), Stefano Kovac (ARCI Toscana), Claudio Machetti (Fondazione Monte dei Paschi), Cinzia Simoni (ARCI Livorno), Nicola Solimano (Fondazione Michelucci)


Ore 18.00

Tavola rotonda “Immigrazione, Comunicazione e campagna “Diritti senza confini”

Partecipano: Daniele Barbieri (Giornalista CARTA), Fabio Cortese (giornalista RAI), Fulvio Fammoni (Segretario Nazionale CGIL), Marcello Magrini (Presidente ARCI Pistoia), Emanuele Patti (ARCI Lombardia), Alfio Pellegrini (ARCI Toscana), Paolo Serventi Longhi (Segretario Generale FNSI), Paola Vivanco (Giornalista, campagna “Le parole lasciano impronte”).


Ore 21.00

Tavola rotonda: “L’Europa e i migranti: per una rete di tutela europea dei migranti”

Partecipano: Giusto Catania (Europarlamentare PRC), Tana De Zulueta (Europarlamentare Verdi), Anne Marie Duprè (FCEI), Nuccio Iovene (Parlamentare, DS), Claire Rodier (GISTI, Francia), Piero Soldini (CGIL).


Ore 21.30

Proiezione del video “La polverera” – Il calcio è sport delle donne. La domenica romana vissuta dalla comunità sudamericana
(a cura dell’associazione Moving Music).


Ore 22.30 – La Cecinella

Concerto: Les Anarchistes



Venerdì 22 luglio

Ore 10.00-13.00

Seminario di Formazione europea RETIS: “Il diritto alla protezione sociale ed alla salute”


Ore 15.00-18.00

Scambi di buone pratiche – Peer review europea Retis : “Accoglienza nei servizi ”

Relatori: Caroline de la Porte (Università europea Fiesole), María Antonia Fernández Felgueroso (Asserore, Gijon, Spagna), Jose Antonio Garcia Alvarez (Direttore dei Servizi sociali, Gijon, Spagna), Alessandro Cosimi (Sindaco di Livorno), Aldo Morrone (Direttore sanitario del poliambulatorio del San Gallicano di Roma), Alessandro Nenci (Sindaco di Rosignano M.mo), Ramon Pena-Casas (Osservatorio sociale europeo), Roberto Polillo (medico, responsabile sanità CGIL nazionale), Mario Romeri (Agenzia Regionale di sanità), Laura Turini (ARCI Empoli).


Ore 10.00-14.00

“Immigrati in circolo - La partecipazione degli immigrati nel sindacato, nelle associazioni, nei movimenti”

Partecipano: Marina Bastianello (Presidente ARCI Veneto), Michele Bianchi (Assessore Rosignano M.mo), Laura Grazzini (ARCI Firenze), Dino Greco (segretario generale CGIL Brescia)


Ore 15.00

Tavola rotonda: 2006 – Quale politica di accoglienza e di integrazione per i richiedenti asilo e i rifugiati?

Partecipano: Elena Behr (ACNUR), Virginia Costa (Servizio Centrale protezione richiedenti asilo e rifugiati), Sergio Ferraiolo (Ministero dell’interno), Stefano Kovac (ARCI Toscana), Filippo Miraglia (ARCI Nazionale), Luca Pacini (ANCI), Simona Sinopoli (ARCI Roma)


Ore 17.30

Tavola rotonda: “Migranti: uguaglianza o discriminazione?”

Partecipano: Rosy Bindi (Parlamentare Margherita), don Luigi Ciotti (Libera), Guglielmo Loy (Segretario nazionale UIL), Marco Solimano (Presidente ARCI Livorno), Vincenzo Striano (presidente ARCI Toscana), Livia Turco (DS), Nichi Vendola (Presidente Regione Puglia)


Ore 18.00

Progetto Rom Toscana: “I rom e l’area fiorentina”

Incontro con Demir Mustafà (associazione AMALIPE’ – ARCI Toscana)


Ore 21.00

Presentazione del libro: “I nuovi italiani” di Livia Turco


Partecipa: Enrico Pugliese (Sociologo)

Presentazione del libro: “ABC” di Don Luigi Ciotti (Libera)

Partecipano: Fausto Bertoncini (Presidente ARCI Siena), Maurizio Pascucci (ARCI Toscana), Gianfranco Simoncini (Assessore all'istruzione, alla formazione ed al lavoro Regione Toscana).


Ore 22.30 – La Cecinella

Concerto: String & Drum



Sabato 23 luglio

Il forum sociale sull’acqua presenta:

Ore 11.30

“Verso il Forum italiano dei movimenti per l’acqua”

Ore 15.00

“Fra emergenza ed emersione digitale. Una proposta di incontro tra movimenti”




Laboratori (da lunedì a giovedì)


1. laboratorio di danza creativa (condotto da Sandra Almeida Flores e Vanessa Mendes Castro Fernandes - SOS Racismo Portugal); ore 15-18 Pineta

2. “Corpi migranti” laboratorio teatrale di espressione corporea (condotto da Marco Bruci e Andrea Zampetti - associazione Mouche Mat) 10-13 Pineta

3. “Living together” - laboratori per i giovani:

a) Laboratorio per la sperimentazione di percorsi di coesistenza pacifica (condotto da Lorenza Soldani, Eva Venturini, Chiara Cestelli) 10.00-13.00 Pineta

b) laboratori di

Break-Dance ore 10-13 Tensostruttura Campeggio Le Tamerici:
nell’ambito del laboratorio condotto dai vice-campioni del mondo Mohamed & Paddy TheBeat, MATZE e DJ URBAN e che viene riproposto dopo il successo dell’anno scorso, i partecipanti verranno “iniziati” al mondo della break-dance.

Rap ore 10-13 Tensostruttura Campeggio Le Tamerici:
questo laboratorio condotto da Latimo e Shana (meditillas) propone la creazione di poesie scritte dai partecipanti che vengono poi musicate e rappresentate.

Graffiti ore 15-18 La Cecinella:
in questo laboratorio condotto da Big Lebasti e Phax Mulder si impara a fare i primi schizzi, a sviluppare il proprio nome d’arte e a trasformare graficamente le proprie idee.

4. Campo Base: “Aquiloni in libertà”, laboratorio di Pittura (condotto dal maestro pittore Mario Cini). Spazio Scarcerarci – La Cecinella 10-13



Inoltre:

Bar “Non Alcol”: preformazione al mestiere di barman/banconiere condotta da educatori (ARCI e coop. il Cenacolo Firenze) e rivolta a minori non accompagnati e di area penale (10.00/12.00) e somministrazione al pubblico (dalle 16.00/17.00 a chiusura giornata).

Ludoteca per i bambini ospiti del meeting “Giovannino Perdigiorno… in giro per il mondo” (da domenica a venerdì, dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle 16.30 alle ore 19.30).

Torneo di calcetto internazionale “Carlo Giuliani” aperto a tutti/e.

Il gioco dell’oca del rifugiato (da domenica 17 a venerdì 22 ore 17)

Pizzeria, ristorante, osteria biologica: in tutti i punti ristoro verranno utilizzati alcuni prodotti provenienti dai territori confiscati alla mafia, in particolare vino (in tutti i punti), pasta (nel ristorante self-service), farina, olio, pomodoro (nella pizzeria), legumi (nell’osteria). La pizzeria organizzerà tutte le sere a mezzanotte una “spaghettata antimafia”.

Incontri di formazione sulla cooperazione internazionale.

Tutte le sere dopo mezzanotte: discoteca.

L’allestimento della manifestazione è curato dalla Coop. Promolavoro la quale si avvale della collaborazione degli operatori del Centro Servizi – sportello dell’ARCI Toscana per fasce deboli.

Un ringraziamento particolare all’associazione “Babel” per i servizi di traduzione e di interpretariato.



******************************************

ARCI Nuova Associazione
Comitato Provinciale di Sassari
V.le Umberto I, 119 - 07100 Sassari
Tel./fax: (+39).079.270637
E-mail: sassari@arci.it
Web: www.arci.it
******************************************

AttivArci per i bambini di tutto il mondo.
Dai il tuo contributo ai progetti di solidarietà dell'ARCI.
Info: www.attivarci.it oppure attivarci@arci.it
******************************************

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/07/2005 @ 17:59:49, in conflitti, visitato 2335 volte)

Daniele Mezzana (visitate il suo blog) è coautore di un libro sulla rappresentazione delle società africane.

Sto digerendolo con molta calma: non è facile comprendere tutti i riferimenti all'organizzazione di un continente così vasto.

Ogni tanto il discorso si fa più esplicito:

[...] Quale fosse il posto dell'Africa in tutto questo non sempre era chiaro. "Come un succube l'Africa pesa sul riposo dell'Europa..." In una stampa ne "Le Rire" (18.iv.1896), l'Europa viene rappresentata come una giovane donna addormentata (La stampa è stata copiata da "Lustige Blätter". E' un pastiche del dipinto Le Cauchemar di Johann Heinrich Füssli (1741 - 1825). Starobinski, 1987, pp. 82, 76). Una particolarità, fra parentesi, è che la didascalia parla di "succube", cioè un demone donna che si riteneva avesse rapporti sessuali con uomini addormentati (Oxford English Dictionary), mentre la figura ritratta è quella di un "incubo", demone maschio, conformemente alle convenzioni del genere,in cui le figure rappresentate sonosempre "unisex". La didascalia parla di "Uno dei numerosi malesseri (ma forse il più pesante) che ora gravano sul vecchio continente.Ogni potenza europea ha qui il suo ostacolo o vespaio". La rappresentazione è singolare. Se il continente è vecchio, allora perché viene rappresentato come una giovane donna? Perché l'Europa viene rappresentata con sembianze umane e femminili e l'Africa come un demone e maschio? E soprattutto, quando l'Africa èvittima dell'aggressione europea, perché viene rappresentata come l'aggressore, come l'incubo di un'Europa che sta svanendo? E' il capovolgimento del mondo: incolpare la vittima.Come immagine dell'Africa si richiama al gargoyle del primo Medioevo.

[...]

Il regime europeo più scellerato in Africa era il Libero Stato del Congo di re Leopoldo. [...] costituito nel 1885 sotto il dominio personale di re Leopoldo, era un'iniziativa finanziaria ed economica più che un'entità politica. Esso rivendicava le terre che non venivano coltivate bene e vietava alla popolazione diiniziare nuove coltivazioni, imponendo al contempo pesanti tributi e prestazioni di lavoro.

[...]

"E' un suicidio per gli europei, notava un osservatore inglese, ammettere che gli indigeni possano fare qualcosa meglio di loro.Devono sostenere di essere superiori in tutto e permettere agli indigeni di svolgere soltanto un ruolo secondario o subordinato" (Symonds, 1966, p. 76;cfr.Memmi 1957/1965) [...]

A poco a poco, l'immagine cambiò e gli africani vennero caratterizzati non più come selvaggi o primitivi, bensì come impulsivi e infantili - la seconda parte del "mezzo diavolo e mezzo bambino".

[pagg. 156, 157, 158]


Società africane. L'Africa sub-sahariana tra immagine e realtà - Anno 2005 - Editore Zelig - Collana Futura - 330 p., brossura (cur. Mezzana Daniele, Quaranta Giancarlo)

Immagine d'Africa
Articolo Permalink Commenti Oppure (2)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/07/2005 @ 11:20:14, in blog, visitato 1453 volte)
Dopo un periodo di grande attività in Internet, non avevo più notizie dalla "banda" di Mantova. Mi ha scritto ieri Carlo Berini, Presidente della sezione locale dell'Opera Nomadi. per segnalarmi una pagina interessante, che riporta alcuni atti di un convegno dell'anno scorso sulla mediazione culturale, e altre risorse su storia, progetti, legislazione locale e internazionale.
Ricordo, per chi fosse interessato, che esiste anche una pagina di questo blog, dedicata agli approfondimenti e documenti da scaricare.
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/07/2005 @ 10:10:14, in musica e parole, visitato 1980 volte)


Ciiiccio!!!! Meno di tre settimane e inizia il festival di Guca

Per chi non ne avesse mai sentito parlare, QUI:

foto e immagini da scaricare, la storia del festival degli ottoni e le informazioni su trasporti e alloggi.

Articolo Permalink Commenti Oppure (2)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/07/2005 @ 15:06:39, in media, visitato 4639 volte)

Loredana su Corriere Milano

Nel nostro villaggio virtuale, mancava un cinema (forse è meglio un'arena all'aperto).

Su Zingari in Carrozza, ho scritto abbastanza, non vorrei insistere. Continuo a cercare volontari che mi diano una mano con associazioni, parrocchie, sale di proiezione, scuole, centri sociali, perché si organizzino proiezioni pubbliche.

Alcuni strumenti a disposizione: Dalle pagine di ViviMilano, ha scaricato due brevi trailer:

  1. 56k - ADSL
  2. 56k - ADSL

che intanto potete riprodurre su computer (necessitano di Real Player, scaricabile gratuitamente da QUI).

Se qualcuno volesse, c'è anche un piccolo comunicato stampa (una pagina) in formato .DOC o .PDF

...buona visione

Articolo Permalink Commenti Oppure (4)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/07/2005 @ 00:35:11, in Italia, visitato 1755 volte)

Ricevo e porto a conoscenza:

l'ass.ne interculturale TODO CAMBIA dopo l'affollatissima festa di ieri sera

VA IN FERIE

la sede di piazza XXIV maggio 2 rimarrà chiusa per un po', ma il sito è sempre a disposizione...
anzi, prima di andare in vacanza l'abbiamo finalmente aggiornato...
andate a dare un'occhiata a www.todocambia.org
 
niente peli sulla lingua, come al solito...
 
le principali novità:
 
- EMERGENZA RAZZISMO (DI STATO)
 
- GLI IMMIGRATI NON MANGIANO I BAMBINI (in "parole sagge" - di luigi manconi - massimo rispetto!)
 
- XI MEETING INTERNAZIONALE ANTIRAZZISTA DI CECINA


 
ci vediamo a settembre!

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/07/2005 @ 20:07:37, in musica e parole, visitato 2621 volte)

Giovedì scorso avevo scritto Disonesti e smemorati, poi m'è venuto un dubbio: possibile che qualcuno si sia offeso? : - P

Una delle qualità migliori che riconosco ai Rom, è di essere inguaribili bugiardi. Un po' come i leghisti, i giornalisti e i blogger; anche se devo riconoscere che di solito le bugie dei Rom fanno meno danni. L'ho già scritto e lo ripeto, non siete migliori o peggiori di loro: solamente, tendete a fidarvi delle bugie che arrivano da chi riconoscete della vostra tribù, chiamandole verità.

Tutto questo sproloquio, per presentare un altro redattore virtuale: Tikla, che sa inventare bugie e storie come il più scafato direttore di telegiornale. Solo, che lavorare in un telegiornale gli farebbe schifo.

Quel giorno, ero contento. Era stata una buona giornata, mia moglie aveva lavorato bene e mi aveva preparato un buon pasto. Ora che faceva notte, toccava a me lavorare. Dovevo soltanto scopare davanti al carro. Ma non era un lavoro che mi piaceva (a dire il vero, non ho mai amato troppo il lavoro), così brontolavo ad alta voce tra me e me:

"Sono sempre io a restare ultimo. E' quasi mezzanotte e ho tanta voglia di dormire. Mia moglie, lei che fa tutto, ha una paura atroce di uscire di notte. Vede fantasmi ovunque. Fortunatamente io non hopaura di niente, neanche del Diavolo in persona!".

Non avevo neanche finito di parlare, che mi apparve proprio lui, il Diavolo:

"E così, tu non hai paura di me?"

Non capii subito con chi avevo a che fare. Magari era qualcuno dei dintorni che voleva farmi paura. E poi col buio non civedevo molto bene. Gli risposi:

"Devi essere veramente molto forte per sfidare Tikla in duello. Mi piacciono gli uomini coraggiosi. Ma non è sufficiente dire delel parole campate in aria: dovrai provarmi la tua forza".

Il Maligno stava forse per sfidarmi a duello? Avevo terribilmente paura, ma dovevo nasconderla. Fortunatamente, era notte fonda, cosicché il Diavolo non mi vedeva tremare. E lui disse:

"Se riesci a vincermi nelle diverse scommesse che ti proporrò, ti concederò la fortuna".

Io sapevo per averlo sentito spesso dai vecchi della tribù, che quel tipo era ricchissimo. Non possedeva forse tutte le fortune della terra? Io ero povero da sempre. Mi sarebbe piaciuto avere una manciata d'oro per acquistare un cavallo nuovo, che il mio era lì lì per rendere l'anima.

"Ma se perdi una sola delle mie scommesse..."

"Ecco il pericolo" mi dissi "E poi quante scommesse mi proporrà? E come farò a vincerle tutte?"

"Ti renderò più disgraziato di quanto tu non sia mai stato!"

Più disgraziato?? Lo ero già così tanto. Dopo tutto, cosa potevo perdere ancora? Ripresi coraggio. Anche la paura era completamente svanita. Dal momento che ero soltanto un Rom ingenuo - almeno così credevano tutti - non dubitavo di nulla e, senza la minima esitazione, accettai la sfida del Diavolo.

"Da cosa cominciamo?" domandai.

"Cominceremo col vedere chi di noi due griderà più forte"

"E sia" gli concessi "A te l'onore di farmi sentire la potenza della tua voce!"

Il Diavolo si riempì d'aria i polmoni, chiuse gli occhi ed emise un grido terribile. Il soffio fu così potente che mi scaraventò sul tetto del carro. Quando riaprii gli occhi, il Diavolo mi guardava stupito:

"Cosa fai lassù appollaiato?"

....

E poi, com'è andata? Racconta Tikla!

Ragazzo, adesso sono proprio stanco. Continuo la prossima volta e vediamo se qualcuno indovina : - )

tratto da: Tikla e il Diavolo

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


12/11/2019 @ 21:49:36
script eseguito in 172 ms

 

Immagine
 Manifestazione a Parigi per la casa e contro la guerra... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4608 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
08/11/2019 @ 09:18:43
Di FRANCESCA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
05/11/2019 @ 19:07:35
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source