Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Blog INDIPENDENTE di informazione e divulgazione

-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 04/12/2012 @ 09:07:27, in Europa, visitato 1051 volte)

27 novembre: Finalmente, dopo sette mesi il municipio [di Nish, ndr.] ha fornito la corrente elettrica a questi esseri umani. by Paul Polansky

Il caso presentato luglio scorso

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/12/2012 @ 09:06:44, in scuola, visitato 773 volte)

Da Czech_Roma

  Prague, 23.11.2012 20:46, Per avere successo studentessa rom deve lasciare le scuole ceche

Il portale di notizie Novinky.cz ha pubblicato (in lingua ceca, tradotto in inglese da Gwendolyn Albert ndr.)) la seguente intervista con Magdaléna Karvayová, una donna rom che ha frequentato le superiori, nonostante la perdurante discriminazione a causa del colore della sua pelle. Sin da giovane si è trovata di fronte odio, non ha mai avuto molti amici a scuola ed era disprezzata dagli insegnanti, anche se i voti che prendeva dimostravano che era un'alunna di talento. Si è iscritta ad una scuola superiore internazionale per sfuggire da quell'ambiente sgradevole, ed anche là ha ottenuto successo. Per lungo tempo nessuno ha creduto che potesse farcela, ma alla fine è riuscita a segnare un percorso praticabile per i suoi fratelli più piccoli.

Cosa faceva tuo padre per vivere?

Si guadagnava da vivere come indovino. Aveva una laurea, che dopo la rivoluzione non è stata riconosciuta. Mia madre faceva le pulizie.

Sei cresciuta in una vasta comunità rom?

Allora a Jince u Příbrami c'erano solo tre famiglie rom, ma avevamo sempre dei parenti in visita, quindi di volta in volta mi trovavo in una specie di comunità rom.

Incontravate intolleranza e pregiudizi?

All'inizio. Ho avuto dei conflitti con dei bambini che avevano qualche anno più di me, e non solo a scuola. Ad esempio, una volta era andata in negozio ed un ragazzo che era in agguato mi ha afferrato la gola. Era è più tranquillo, perché tutti ci conosciamo.

Quanto, i tuoi genitori ti hanno motivato a studiare?

Mi hanno appoggiato, ma la motivazione veniva soprattutto da me stessa. Avevo due fratelli e sorelle più piccoli e dovevo prendermi cura di loro, ma quando uscivo dicevo loro che dovevo studiare.

Com'era a scuola?

Una catastrofe. In tutta la scuola eravamo soltanto due studentesse rom. Non avevo amiche e le mie compagne mi perseguitavano. Se solo camminavo nel corridoio, i ragazzi mi spintonavano dicendo "Fuori di qui grassa zingara!". Mi avrebbero spinto la testa nella tazza del gabinetto. Se mi lamentavo con l'insegnante, lei mi accarezzava il viso rispondedomi "Facendo così, ti succederà di nuovo". Così mio padre veniva a scuola tutti i giorni per lamesso.entarsi, ma il direttore si limitava ad annuire ed il giorno seguente era lo stesso.

Com'erano i tuoi voti?

Non ho mai preso meno del massimo dei voti. Facevo del mio meglio per combattere, per mostrare loro - posso studiare anche meglio di voi, allora perché mi trattate così? Poi è scattata una reazione e ho iniziato io stessa a diventare una persona aggressiva, cosa che non piaceva a me né alla mia famiglia. Decidemmo che avrei studiato alla Scuola Superiore Internazionale (Mezinárodní gymnázium), dove c'erano sol studenti stranieri. L'ambiente multiculturale mi attraeva. Ci sono andata a 12 anni.

Il tuo ambiente come ha reagito quando ti hanno accettata?

Gli insegnanti delle elementari mi hanno detto che non dovevo nemmeno provarci, nessuno di loro credeva in me. Quando ho ottenuto un premio come miglior studentessa del mese, mio padre l'ha portato alla scuola elementare per mostrarlo. Dopo, anche i miei fratelli minori sono andati alle stesse mie elementari, Anche loro hanno incontrato problemi, ma mai quanto me.

Com'era alle superiori?

Esattamente all'opposto. Il personale mi ha baciato e abbracciato per tutti i miei sei anni di scuola. Il mio inglese non era del livello richiesto lì, ma gli insegnanti mi aiutavano. Mi sono integrata in pochi mesi. Non c'era nessuna ragione perché gli stranieri mi discriminassero, al contrario: ero qualcosa di speciale per loro. Gli altri studenti venivano da tutto il mondo, ma io ero la prima romanì.

Perché hai deciso per l'Anglo-American College?

Quando volevo iscrivermi alla Charles University, la prima domanda che mi hanno fatto, guardando la mia carta d'identità, è stata: "Tu non sei Ceca, vero?" Quell'approccio mi ha spento, avevo paura di ritrovarmi quella roba daccapo. Dato che l'istruzione individualizzata funzione anche meglio per me, ho scelto di frequentare l'Anglo-American.

Come fai fronte alla retta, che è piuttosto alta?

Lì c'è una borsa di studio per gli studenti rom - copre il 100% della retta se si mantiene una certa media di valutazione. Così finora non ho pagato nessuna tassa scolastica.

Perché stai studiando diritto comparato?

Dopo le esperienze che ho passato, ho deciso di aiutare gli altri, perché sono sicura che non è capitato solo a me. Dovevo scegliere tra diritto e psicologia, e diritto mi è sembrato più confacente. Voglio dedicare me stessa all'istruzione, ai diritti umani e soprattutto alla minoranza romanì.


da Czech_Roma

Ostrava, 24.11.2012 20:16, Gli insegnanti cechi affermano che la comunità romanì non è interessata allo studio Deník.cz, translated by Gwendolyn Albert

I genitori di alcuni studenti rom di Ostrava sono recentemente scesi in strada a manifestare davanti al Municipio Nuovo. Tra i problemi che li preoccupano, il fatto che ai bambini romanì non siano offerte le stesse condizioni educative degli altri bambini, che vengono discriminati ed esclusi dall'istruzione regolare, per essere mandati in scuole e classi per soli rom. Il portale di notizie Deník.cz ha ora pubblicato un rapporto sulle esperienze negative e positive di quanti insegnano hai rom nella scuola pubblica. Romea.cz ne presenta qui la traduzione.

Esperienze negative

Gli insegnanti contattai da Deník.cz e quanti lavorano nella scuola con i bambini romanì, dicono che la situazione è un po' differente da come è stata dipinta dai suoi critici. Dicono che i genitori rom non partecipano spesso alle riunioni di classe e non mostrano interesse nell'istruzione dei loro figli, e spesso, neanche lo mostrano i bambini stessi.

Il punto è che l'istruzione non è importante nella loro cultura. Un altro problema è che i genitori di questi bambini non hanno mai completato l'istruzione primaria, quindi per loro è difficile aiutare i loro figli con le responsabilità scolastiche, questi è la reale situazione," dice Šárka Honová, direttrice dell'elementare Trnkovecká a Slezská Ostrava. Molti degli alunni sono rom.

Honová dice che un altro problema è che i bambini romanì spesso non hanno il materiale scolastico che serve. "E' stato annullato il beneficio per le matite e le famiglie semplicemente non hanno i soldi per comperarle, o li usano per altro," ritiene Honová.

Barbora (36 anni) è un'insegnante con parecchi bambini romanì in classe. Dice che non è facile interessarli nell'istruzione. "Funziona quando sono più giovani, ma già a 13-14 anni non hanno più alcun interesse nell'istruzione. Non ho il tempo per focalizzarmi solo su di loro, specialmente quando le famiglie non cooperano," dice Barbora, che non vuole rivelare il suo vero nome, per paura che dei genitori si vendichino su di lei. "I genitori di questi studenti non sono mai venuti alle riunioni di classe.

Secondo Jolana Šmarhovyčová, un'assistente sociale, sarebbe d'aiuto contare più mediatrici scolastiche romanì, che aiuterebbero i bambini nell'uso del materiale scolastico e nel rapporto con le insegnanti. Anche la direttrice Honová è dello stesso parere.

Aggiunge: "Sfortunatamente, nessuno ci da il denaro che servirebbe. Però, se i genitori non hanno interesse nell'istruzione dei figli, neanche gli assistenti potranno servire."

Esempi positivi

Markéta (26 anni) lavora per un'organizzazione che assiste i bambini romanì ad Ostrava. Dalla sua esperienza ha appreso che a molti di loro piace andare a scuola.

"Ho visitato la famiglia di un bambino di 10 anni. Durante il periodo in cui l'ho aiutato, i suoi voti sono migliorati di molto. Occorre pazienza," dice la giovane.

Šmarhovyčová sottolinea che spesso i bambini romanì vivono segregati dalla società maggioritaria. Anche se ufficialmente classi e scuole per soli rom non esistono, dice che nel pratico ci sono queste divisioni.

Chiede: "Come possono questi bambini essere sufficientemente motivati, quando mancano di esempi positivi? Quando i loro compagni di classe sono tutti nella loro stessa situazione?"

Recentemente si è tenuta ad Ostrava una conferenza sull'istruzione per le minoranze. Vi hanno preso parte autorità locali e organizzazioni non-profit, oltre a genitori e dirigenti scolastici.

"Abbiamo proposto che l'ente legale incaricato delle scuole, monitori la percentuale dei bambini romanì che le frequentano. Se la percentuale dovesse raggiungere una data cifra, lì non si dovranno più iscrivere bambini romanì," dice Šmarhovyčová, aggiungendo che dev'essere aumentato anche il numero di mediatrici scolastiche. "Penso che le parti si apriranno tra loro e che la situazione migliorerà."

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/12/2012 @ 09:04:18, in scuola, visitato 865 volte)

Buongiorno Slovacchia Presov: dal prossimo anno gli alunni rom saranno a fianco degli altri bambini - 21 novembre 2012

Secondo una sentenza della Corte regionale di Presov del mese di ottobre, la scuola primaria di Šarišské Michalany, che ha creato classi separate per bambini provenienti da "ambienti socialmente svantaggiati", ha violato il principio della parità di accesso all’istruzione. Secondo quanto scrive oggi il quotidiano Sme, la scuola, con quasi i due terzi di questi alunni (per lo più dalle comunità rom), dovrà pertanto chiudere le 15 classi separate e comprendere gli alunni rom nelle classi regolari entro l'inizio del nuovo anno scolastico. In questo modo si eviterà, ha scritto la corte, una discriminazione su base etnica.

Il nuovo direttore Jaroslav Valastiak ha però dei dubbi: se non rispetta il verdetto, infrange il verdetto della corte. Ma se formasse solo classi solo socialmente miste, la struttura diverrà esclusivamente una scuola rom. Dopo la sentenza, ha detto, quattro bambini hanno lasciato la scuola e altri genitori stanno pensando di farlo, e cercarsi una scuola diversa per evitare che i loro figli condividano le classi con bambini rom spesso affamati e non preparati, con scarse abitudini igieniche. La discriminazione, pensano i genitori, è contro i loro figli che devono adattarsi al ritmo più lento di apprendimento dei bambini delle comunità emarginate.

Secondo Valastiak, scrive Sme, la sentenza è legittima ed è contro ogni forma di segregazione sociale nella scuola, ma secondo lui l'integrazione forzata non porterà ad alcun beneficio. La sua posizione è condivisa dalla maestra di appoggio per i rom, Monika Duzdova, che pensa che gli oltre 400 bambini della scuola a diversi livelli di istruzione, diversa estrazione sociale e con prospettive diverse non possono essere semplicemente "mischiati". Lei è scettica nei confronti di questo tipo di "giustizia", considerando che addirittura gli stessi genitori rom sono contro quest'idea di classi miste ove i loro bambini dovrebbero studiare fianco a fianco con i figli di famiglie "bianche".

Del resto, la scuola stessa ha già provveduto a trasferire i migliori studenti rom nelle classi ordinarie per favorirne l’integrazione.

(Fonte Sme)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 01/12/2012 @ 09:14:55, in Italia, visitato 699 volte)
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 01/12/2012 @ 09:01:32, in Kumpanija, visitato 838 volte)

29 novembre 2012


Si sono svolti nel pomeriggio, in città, i funerali del maestro Giorgio Ferri, cofondatore dell'Opera Nomadi di Reggio e tra i primi insegnanti elementari in Italia che si occuparono dell'educazione dei bambini 'zingari'. Il maestro Ferri, che abitava in via Vasco de Gama, nel rione Cln, aveva compiuto 80 anni un mese fa. Nei giorni scorsi era stato ricoverato al Santa Maria Nuova per alcuni problemi di salute. Ieri, improvviso, il decesso.
Giorgio Ferri ha dedicato una lunga parte della sua vita all'impegno per l'integrazione dei nomadi: nel 1965, il ministero dell'istruzione istituì in nove province italiane una scuola elementare destinata ai bambini di famiglie sinte. Una venne aperta proprio a Reggio, nel quartiere di Baragalla, e toccò al maestro Ferri insegnare i rudimenti della lingua e dell'organizzazione della nostra società ai bimbi nomadi.
Una rappresentanza della comunità sinta di Reggio ha partecipato oggi alla cerimonia funebre, che si è svolta nella chiesa dell'Immacolata concezione, in via Bismatova. Quindi la tumulazione nel cimitero di Gavassa. Giorgio Ferri lascia quattro figli.

Un ricordo del maestro Ferri di Paolo Bonacini, direttore di Telereggio - Il 30 dicembre del 1996, con il termometro stabile sotto zero, Telereggio raccontò la storia di due marocchini che vivevano sotto il ponte del Crostolo, in città, lanciando un appello per trovare loro una sistemazione più dignitosa. I primi a rispondere, il giorno dopo, furono alcuni esponenti dell'Opera Nomadi di Reggio, che regalarono ai due immigrati una roulotte, memori delle analoghe sofferenze da loro patite 40anni prima. Dell'Opera Nomadi Giorgio Ferri è stato per decenni il cuore e l'ispiratore. Un reggiano doc, cattolico e altruista, che mentre tanti racoglievano firme contro gli zingari, fomentando odio, andava controcorrente lavorando per l'integrazione dei sinti, cercando cocciutamente di portare a scuola i loro ragazzi e di insegnare loro le basi per avere una prospettiva di vita e di lavoro normale, come condizione indispensabile alla convivenza. Quel giorno, quando alcuni nomadi regalarono la roulotte ai marocchini, venne anche lui davanti alle telecamere per dire senza tanti giri di parole cosa ancora mancava dopo la scolarizzazione. Giorgi Ferri era anche un bravo pescatore; all'apertura della della stagione della trota saliva con gli amici sull'appennino e ne scendeva sempre con il maggior numero di pesci o con il trofeo più pesante. Forse perchè era nelle grazie del Signore, o forse, più semplicemente, perchè era più bravo degli altri.
Ciao Giorgio, ci mancherai.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 30/11/2012 @ 09:07:42, in media, visitato 1101 volte)

  • Perché Pirlo si incazza quando scrivono che è Sinto?
  • Perché negli articoli sul calcioscommesse la parola evidenziata è ZINGARI, quando di zingari non c'è ombra?

Vorrei chiederlo ai vari Osservatori sul razzismo, se il RAZZISMO sia una parolaccia da appioppare al solito noto di turno (di preferenza un politico) o non una tara che riguarda l'informazione generale. In Italia si mastica tanto POLITICA che SPORT (anzi, più SPORT che POLITICA) e sarebbe il caso di essere meno "aristocratici" nel scegliere di cosa scrivere.

    Altra domanda: Chi ci informa?

Non mi riferisco ai Corriere, Giornale, Repubblica, o canali televisivi nazionali... intendo l'informazione diffusa degli ultimi decenni, con portali internet, televisioni locali, social network ecc. Cosa significa informazione diffusa: tante voci diverse o essere circondati dall'omologazione?

    Se di omologazione si tratta, l'omologazione è razzista?

Non mi interessano qua gli esempi eclatanti di razzismo, di quelli tutti sanno scrivere.

    Facciamo un esempio terra-terra, quotidiano direi:

Uno dei tanti problemi della nostra bella Italia è la scarsa attenzione ambientale della grande maggioranza dei cittadini. Un altro problema è l'atteggiamento "disinvolto" degli Italiani di fronte a leggi, regole, doveri... (salvo prendersela con gli altri quando le infrangono, perché lo vorremmo fare noi).

Questa primavera è entrato in vigore il SISTRI, cioè il sistema informatico di tracciabilità dei rifiuti. Al solito c'è chi si è adeguato e chi no.

Se parliamo di legge, non è importante se chi non si è adeguato l'ha fatto per impossibilità finanziarie o per la solita furbizia italiota, perché la legge prevede anche punizioni per chi non la rispetta. Ma è un dato di fatto che molti Rom e Sinti da sempre campano con la raccolta del metallo e dei rifiuti, e che non tutti hanno le possibilità finanziarie di adeguarsi alle nuove regole.

Il risultato naturale di questo stato di cose è l'aumento dell'attività repressiva delle forze dell'ordine contro i traffici illegali di rifiuti. Che altro potrebbero fare?

    A questo punto, entra in ballo il ruolo dell'informazione:

Quando viene fermato un camion con contenuto sospetto, non ci si dimentica mai di aggiungere "rom e sinti" se per caso risultano alla guida o il furgone è di loro proprietà. Etnicizzazione del reato? Anche, ma la domanda è: se qualcuno trasporta sostanze inquinanti, qualcun altro gliele avrà pure fornite. Che differenza c'è tra i due reati? Che il fornitore di veleni resta sempre anonimo.

    Ragionamento di chiusura: si parla di piccoli reati, che ottengono l'onore della cronaca solo su quelle pagine e quei siti locali di cui accennavo sopra. Ve la immaginate una simile redazione, che mette il nome (italiano) di qualche stimato concittadino, o (addirittura!) di un possibile finanziatore locale? Potrà avere un futuro questo mezzo d'informazione?

Finisce così che il reato di uno ZINGARO nasconda l'omertà mediatica su un sistema che fa campare zingari e no.

    E, qua chiudo veramente, se torniamo al discorso precedente su informazione diffusa ed omologazione": tra le fonti che consultiamo quotidianamente, esistono media ZINGARI? Sono mai esistiti? Cosa si può fare per cambiare un panorama così squilibrato?
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 29/11/2012 @ 09:08:37, in media, visitato 1049 volte)



Nel riportare la notizia di un furto, o di una rapina, quanto conta la cittadinanza di chi compie il reato? La risposta giusta sembra essere "dipende", almeno da quanto abbiamo potuto constatare facendo una rapida ricerca negli archivi di alcune agenzie.

Abbiamo inserito le parole "furto" e "rapina" nell'archivio dell'agenzia relativo all'ultimo mese, e i risultati, relativi solo a questo ultimo periodo - metà ottobre, inizio novembre - evidenziano una diversità di comportamento: se il crimine è compiuto da un cittadino straniero, l'indicazione della nazionalità è sempre presente, molto spesso nel titolo; ma se il reato è ad opera di un italiano, allora la nazionalità appare raramente nel testo, e mai, o quasi, nel titolo.

"Tre nomadi arrestate in A14 dopo furto" (20 ottobre), "Furti, arrestate due polacche" (21 ottobre), "Romeno e bosniaco in manette dopo un colpo fallito" (23 ottobre), "Tre slavi arrestati per furto a Jesi" (29 ottobre), "Furto alcolici in bar, arrestato romeno" ( 31 ottobre), "Furto in cantiere, arrestati 3 romeni" (3 novembre), "Bosniaco arrestato per rapina ad anziana" (9 novembre) "Nomade ucciso, arrestati i tre complici" (9 novembre), "Furto in azienda, arrestati 2 romeni" (13 novembre), "Rubano in villa, arrestati due serbi" (16 novembre), "Bottino wurstel e pomodori, ventenne romeno condannato a Bolzano" (19 novembre): ecco i titoli con cui l'agenzia Ansa riporta alcune notizie. E gli esempi di questo tipo sono diversi, anche monitorando altre agenzie: "Ladro col ‘gesso' a Catania, arrestato figlio dell'Imam", (29 ottobre), a "Roma: Carabinieri, rubava nelle auto in sosta. Arrestata 42enne rom" (20 novembre), entrambi pubblicati dall'agenzia Asca, oppure "Roma, cc arrestano due nomadi per furti in automobili" (14 novembre), "Deposito AMA: 44enne romeno arrestato da cc" (16 novembre), "Roma, ruba nelle auto in sosta: arrestata da cc 42enne nomade" (20 novembre), pubblicati da Il Velino.

Non sono assenti i casi in cui viene indicata la nazionalità delle persone coinvolte anche quando è italiana, ma sono più rari.

Emblematico il titolo di una notizia Ansa del 29 ottobre: "Furto e truffa, badante denunciata da Cc" (29 ottobre): nel titolo non viene citata la nazionalità, che si evince solo proseguendo la lettura dell'articolo. La signora è italiana, ma il lettore leggendo solo il titolo potrebbe pensare che si tratti di una cittadina straniera, essendo la parola "badante" utilizzata prevalentemente per identificare le assistenti familiari straniere.

L'Asca il 7 novembre scrive "Roma: poliziotto libero da servizio sventa rapina alle poste", e solo nel testo si indica che il ladro è "un 43enne romano"; il 9 novembre titola "Roma: Quarticciolo passato al setaccio dai Carabinieri. Due arresti", specificando poi che i fermati sono un cittadino italiano e uno russo, e il 15 novembre riporta "Roma: ladri in azione negli uffici VIII Municipio. Due arresti", e nell'articolo scopriamo che sono "entrambi romani".

Il 3 novembre l'agenzia Il Velino scrive "Roma, arrestato 50enne che rubava I-Phone5 aggredendo dipendente", e nel testo si specifica che è un "50enne romano", così come nella notizia del 7 novembre "Roma, carabinieri sventano rapina a sala bingo: 3 arresti".

In due casi, Il Velino riporta la nazionalità italiana anche nei titoli (3 novembre, "Torino, cc denunciano sei italiani per furto aggravato", 20 novembre, "Roma, tenta rapina e picchia trans: arrestato 39enne romano").

Ma non è riportando la nazionalità, italiana o straniera che sia, che si andrebbe nella giusta direzione. Il percorso da prendere è stato già indicato nelle Linee guida elaborate dalla associazione Carta di Roma che sottolinea la necessità di "usare con maggiore responsabilità e consapevolezza rispetto a quanto avviene attualmente la nazionalità per nominare il/la protagonista di un fatto di cronaca". E prosegue affermando che "Informazioni quali l'origine, la religione, lo status giuridico -immigrato, richiedente asilo, rifugiato, regolare/irregolare ecc.- non dovrebbero essere utilizzate per qualificare i protagonisti se non sono rilevanti e pertinenti per la comprensione della notizia". E la nazionalità, nel caso di un furto, o di una rapina, non sembra essere un dettaglio rilevante.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 28/11/2012 @ 09:07:06, in Italia, visitato 1042 volte)

La votazione del Consiglio comunale sull'osservazione, presentata dall'Associazione Sucar Drom, al Piano del Governo del Territorio del Comune di Mantova è stata una sconfitta. Una sconfitta non solo sul merito ma su una linea politica di mediazione e di governo delle problematiche vissute dalle famiglie sinte in rapporto con il Comune di Mantova che ho sempre convintamente sostenuto.

La proposta presentata e bocciata dal Consiglio comunale, con tutti i suoi limiti, era l'unico modo che la legislazione urbanistica vigente offriva per costruire un percorso serio di governo delle aspirazioni legittime di tanti sinti mantovani. Un percorso di mediazione che contemperava diritti e doveri nel rispetto della legge a 360° e si consideri che i doveri prevalevano sui diritti, ma questa è la legge oggi. Un percorso che avrebbe aiutato a chiudere quello che tutti unanimemente considerano un ghetto, offrendo una concreta possibilità di uscire da logiche assistenziali che tanto costano in termini morali ai mantovani, appartenenti alla minoranza storica linguistica sinta, e che tanto costano in termini di risorse finanziarie alla Comunità mantovana nella sua interezza.

Il voto del Consiglio comunale produrrà sicuramente nei prossimi anni un danno economico non indifferente al Comune di Mantova e nelle esperienze già viste in altre Città potrà produrre, per conseguenza, violazioni dei diritti umani con ripercussioni che stento a pensare per la nostra comunità.

Rendo merito e ringrazio i tredici (13) Consiglieri comunali che hanno votato a favore della proposta da me sottoscritta, in particolare ringrazio il Signor Sindaco per il tentativo in extremis di mediazione e ringrazio i Consiglieri Zecchini, Acerbi e Nicolini per i loro interventi. Purtroppo non è bastato.

Non ho capito la posizione dei tredici (13) Consiglieri che hanno votato contro. A parte un appello al tema lavoro, che purtroppo oggi è sempre più difficile da reperire, da parte del Consigliere De Marchi, gli altri consiglieri non si sono espressi, ma riterrei doveroso un loro pronunciamento pubblico sulle motivazioni della scelta che hanno fatto.

E' anche da evidenziare che sul tema del lavoro, dove mi sono speso in maniera prioritaria in questi anni, l'Associazione Sucar Drom non ha mai ricevuto nessun appoggio politico e/o istituzionale dalla Lega Nord e in particolare dal Consigliere De Marchi. Giusto puntare sul lavoro ma poi bisogna spendersi politicamente per realizzare gli inserimenti lavorativi, anche abbattendo pregiudizi e stereotipi. Quindi mi chiedo legittimamente quanto sia sincero questo appello e quanto invece non sia frutto di un'ideologia. Un'ideologia che utilizza politicamente il “campo nomadi” per racimolare qualche decina di voti ed arrivare a sedersi in Consiglio comunale.

La mia impressione è che il voto contrario sia stato frutto di tanti fattori. Sicuramente la pochezza della risposta della Prof.ssa Treu, alla richiesta di lumi del Consigliere Gianolio, penso abbia influito. Ad una domanda di delucidazione tecnica, la risposta della Prof.ssa Treu è stata una considerazione politica.

Un altro fattore è stato sicuramente il rimpasto in Giunta comunale che ha visto escluso Arnaldo De Pietri che si era speso politicamente per costruire serie possibilità di uscita alle famiglie dal cosiddetto “campo nomadi”.

Anche l'impossibilità di essere presente all'assessore Marco Cavarocchi, ieri in Consiglio comunale penso possa aver influito.

Rimane il dubbio, inoltre, che alcuni Consiglieri comunali abbiano più votato di pancia che non di testa, facendosi ingannare dalle sirene xenofobe.

Ma il fatto è indiscutibile: la linea politica di mediazione e di governo è stata sconfitta in Consiglio comunale e nulla si vede all'orizzonte di serio e costruttivo. Ne traggo le conseguenze e lunedì prossimo presenterò le mie dimissioni nelle mani della Presidente Barbara Nardi e del Consiglio direttivo dell'Associazione Sucar Drom perchè ritengo da oggi impercorribile alcun percorso di mediazione e penso impraticabile nessun accordo con il Comune di Mantova.

Carlo Berini
Vice presidente, Associazione Sucar Drom


Leggi anche: Una occasione persa per i Sinti e per Mantova RADIOBASE

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/11/2012 @ 09:07:19, in Italia, visitato 1139 volte)

Da Martesana2, n. 298 Novembre 2012 - di Deborah Besseghini (capogruppo Sel zona2) - Scritto in relazione a Non bastano le case riservate. Ai rom anche un lavoro sicuro, di Serena Coppetti, "Il Giornale" 08/11/12

Che noia! Ogni volta che un consiglio di zona approva qualche delibera in argomento, la Lega cerca di richiamare dagli inferi l'ombra di Zinagaropoli attraverso il medium della stampa, e ci tocca rispondere alle solite infondate accuse che vorrebbero questa amministrazione prona ai voleri delle comunità rom, con le quali ovviamente Pisapia sarebbe in combutta.

Dico solo due cose sulla questione del limes e dei margini.

Primo, che grazie alla politica degli sgomberi della precedente amministrazione, le comunità rom si sono limitate a girare in senso orario e antiorario intorno ai confini di Milano come la famosa mula di Sant'Ambrogio. Quello che questa amministrazione sta cercando di fare è esattamente il contrario: evitare di sprecare soldi pubblici in azioni inutili. Se si vuole cominciare a metter mano al "problema" rom e lavorare per una effettiva inclusione sociale delle comunità rom e sinte, dobbiamo pensare a politiche di lungo periodo, non ad azioni spettacolari, e smettere di muoverci secondo una logica emergenziale.

Secondo, bisogna combattere la progressiva marginalizzazione dei gruppi più deboli e evitare che sul territorio sorgano e si radichino baraccopoli e favelas, anche come conseguenza della crisi economica. Dobbiamo dunque avere il coraggio, in generale, di spendere soldi pubblici per evitare che la crescente marginalizzazione delle comunità più deboli diventi un problema sociale e di sicurezza ingovernabile. Altro che cittadini discriminati! Questo è un obbiettivo comune a tutti.

Quanto detto non riguarda solo i rom, ma per restare sulla possibilità dell'inclusione sociale dei rom, a mio parere, dobbiamo deciderci: o investiamo risorse in un piano di lungo periodo volto a superare le condizioni di marginalità, come han fatto con buoni risultati altri paesi europei (per esempio la Spagna), oppure, se davvero si ritiene dimostrato che tutti i rom in quanto tali, e senza eccezione alcuna, siano asociali e inadatti o non desiderosi di partecipare alla vita di una più vasta comunità, allora è da domandarsi davvero perché continuare a investire in eterno risorse per spostarli da destra a sinistra, da sinistra a destra, da sopra a sotto, da sotto a sopra, e da un paese comunitario all'altro. Bruciamoli tutti che ci costa meno!

Il "superamento" dei campi rom è l'obbiettivo dichiarato nel lungo periodo tanto della vecchia quanto della nuova amministrazione. Non capisco dunque fino in fondo le polemiche della Lega. Sarebbe invece interessante capire come sono state spese le ingenti risorse del piano Maroni per la cosiddetta "emergenza nomadi", visto che non mi pare si sia risolto nemmeno un pezzo del "problema".

La politica del superamento dei campi, in ogni modo, implica necessariamente che da qualche parte i rom che vivono nei campi debbano andare, e le istituzioni hanno qualche responsabilità a riguardo. Quello che il Consiglio di zona 2 ha voluto sottolineare con la sua delibera è che tale politica non può funzionare se non si ragiona ampiamente anche sul fronte dell'accompagnamento al lavoro, e non solo su quello dell'abitazione. Niente di strano: se lavori, esci dal campo anche con le tue gambe e non hai bisogno di ulteriore assistenza. Di più: senza una politica che favorisca l'istruzione e l'inserimento lavorativo dei rom e dei sinti, parlare di sicurezza e di legalità credo sia come abbaiare alla luna. Bisogna creare le condizioni perché nel futuro queste persone escano dalla condizione di estremo disagio sociale ed economico in cui sono spesso confinate: solo allora si potranno combattere efficacemente le varie forme di criminalità più o meno organizzata sviluppatesi in questi anni all'interno anche delle comunità rom.

Nessuno si illude che percorsi di questo tipo possano funzionare immediatamente in tutti i casi, ma se funzionassero per qualcuno, e soprattutto per i più giovani, sarebbe già un bel passo avanti nella direzione del superamento della marginalità per la popolazione rom e sinta. E d'altronde, meglio avere il coraggio di scegliere una direzione e coerentemente prendere delle decisioni, per quanto eventualmente impopolari, piuttosto che continuare a abbaiare alla luna o a camminare in tondo, come notoriamente avevano il vizio di fare la mula di Sant'Ambrogio e i rom a Milano al tempo di De Corato.

(N.d.a. Partito con la sua mula nottetempo da Porta Romana, e diretto a Pavia con l'intento di scappare da Milano perché non voleva diventarne il vescovo, Ambrogio si ritrovò a Porta Romana la mattina successiva. Aveva semplicemente girato intorno alla città. Un'altra volta la fidata mula lo portò, si dice, solo fino a Corbetta…)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie piů cliccate


23/09/2019 @ 12:20:20
script eseguito in 162 ms

 

Immagine
 Milano via Idro 62 - anno 1990... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 387 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
BuongiornoQuesto messaggio č per gli individui, pe...
15/08/2019 @ 09:29:56
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source