Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Desideri, disperazioni e voglia di normalità dalla periferia più periferica.

-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 09/10/2013 @ 09:06:33, in scuola, visitato 1475 volte)

Le sottoscritte insegnanti del plesso di scuola primaria di Via Russo 27 chiedono l'attivazione del trasporto per gli alunni rom che frequentano la scuola.

Non abbiamo saputo nulla a riguardo dalle istituzioni e questo silenzio pesa, e sulle famiglie e sugli operatori che da anni cercano di mettere in pratica ciò che dice la nostra Costituzione (art. 2, 3 e 34).

Quest'anno inoltre nella scuola verrà attivato il "Progetto nazionale per l'inclusione e l'integrazione dei bambini rom, sinti e caminanti"; la condizione di base per lo sua attuazione è la presenza, a scuola dei bambini del campo di Via Idro.

Il governo italiano ho assunto in sede nazionale, europea e internazionale l'impegno di promuovere lo parità di trattamento e l'inclusione economica e sociale delle comunità RSC nello società, assicurare un miglioramento duraturo e sostenibile delle loro condizioni di vita per renderne effettiva e permanente la responsabilizzazione, la partecipazione al proprio sviluppo sociale, l'esercizio e il pieno godimento dei propri diritti. Il progetto di cui sopra rientra in questo impegno e dovrebbe essere una delle azioni messe in atto per favorire processi d'inclusione dei bambini e adolescenti rom.

Ora ci chiediamo coma sarà possibile attuare il progetto con la mancanza di materia prima (alunni) e perché ogni anno dobbiamo rivolgerci a voi e agli organi
di stampa per cercare di ottenere qualcosa che è la conditio sine qua non.

A coloro che potrebbero obiettare che I'anno scorso lo presenza o scuola degli alunni è stata scarsa nonostante il pullman rispendiamo che le condizioni di degrado e pericolo verificatesi al campo non ne hanno sicuramente facilitato la presenza.

Avviare le persone (di qualunque etnia, religione, sesso...) all'autonomia e alla responsabilizzazione presuppone un percorso di socializzazione, istruzione e condivisione.

Tutto ciò è quello che gli insegnanti cernono di praticare do almeno 20 anni.

E le istituzioni?

Inoltre, nonostante l'assicurazione da parte della Dott.ssa Villella, nell'incontro tenutosi a scuola il 16 settembre con la presenza del Dirigente Scolastico Uboldi e le insegnanti interessate e coinvolte nel progetto, che íl contratto con le mediatrici culturali (facilitatrici?) sarebbe stato rinnovato, od ora 24 settembre non c'è nessuna conferma.

Rinnovando la nostro fiducia nell'amministrazione comunale chiediamo che al più presto le istanze di cui sopra vengano defínitivamente accolte.

Gli insegnanti dello scuola di Via Russo, 27 e il personale ATA.

(seguono firme)

Alla cortese attenzione
del Sindaco, GIULIANO PISAPIA,
dell'assessore, MARCO GRANELLI
dell'assessore, PIERFRANCESCO MAJORINO
dell'assessore, FRANCESCO CAPPELLI
dell'assessore PIERFRANCESCO MARAN
del Presidente del Consiglío dí Zona 2, MARIO VILLA
del presidente dello Commissione scuola, ALBERTO CIULLINI
del presidente della Commissione Consiliare ""Educazione - Istruzione", ELISABETTA STRADA
del presidente della Commissione Consiliare ""Mobilità e Ambiente", MARCO CORMIO
del presidente dello Commissione Coesione Sociale, Inclusione e Sicurezza, STEFANO COSTA

    7 ottobre 2013:
    Buon giorno a tutti. Siamo gli insegnanti e il personale ATA della scuola primaria di Via Russo che hanno sottoscritto la lettera a voi inviata il 25 settembre 2013. Ad oggi non abbiamo ricevuto alcuna risposta alla nostra richiesta ma la cortesia istituzionale avrebbe richiesto almeno un vostro cenno, anche per farci pervenire la sensazione che le istituzioni cui ci rivolgiamo non siano totalmente sorde ai bisogni dei bambini. Il vostro silenzio dunque ci costringe a non fermarci qui; chiederemo a gran voce una risposta, anche se ciò significherà dover contattare e diffondere le nostre istanze tramite gli organi di stampa (cosa che faremo nei prossimi giorni).

    Distinti saluti.

    Gli insegnanti della scuola primaria di Via Russo

ULTIM'ORA:

Gentilissime
sono consapevole delle attuali difficoltà che l'assenza del trasporto scolastico sta provocando alla frequenza scolastica dei bambini del campo di Via Idro.
Difficoltà che ovviamente si ripercuotono sull'organizzazione scolastica e sull'organizzazione familiare.
Come immagino sapete le attuali difficoltà di bilancio dell'Amministrazione comunale hanno reso necessario anche un intervento di razionalizzazione del servizio di trasporto scolastico che, fatto salvo quello relativo agli alunni con disabilità, ha interessato tutte le altre tipologie di trasporto scolastico.
In particolare per il trasporto dei bambini residenti nei cosiddetti "Campi Nomadi" sto verificando, insieme agli uffici competenti e ad ATM la disponibilità economica residua con l'obiettivo, entro la fine di questo mese di poter riattivare il servizio o offrire possibili alternative.
Vi chiedo quindi di pazientare ancora un poco sapendo che considero l'inserimento scolastico di tutti i bambini, indipendentemente da condizioni sociali, etniche o religiose, e la loro frequenza un obiettivo prioritario dell'Amministrazione comunale e mio personale

Francesco Cappelli

Segreteria Assessore
Educazione e Istruzione
Via Porpora, 10
20131 MILANO
0288448160-48162-48161

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/10/2013 @ 09:00:25, in musica e parole, visitato 1288 volte)
Un Minuto Con: Kelemen, violinista ungherese - orgoglioso delle sue radici rom - By Michael Roddy (Editing by Pravin Char) Copyright Thomson Reuters, 2013.


LONDRA (Reuters) - Il violinista ungherese Barnabas Kelemen che studiò col virtuoso Isaac Stern e ha ottenuto il premio della rivista Gramophone per il miglior Cd del 2013 di musica da camera, ciò che lo rende orgoglioso è la sua origine rom.

Kelemen, che era a Londra per ritirare il prestigioso premio Gramophone per il suo disco sulle suonate per violino di Bartok ed esibirsi domenica con sua moglie Katalin Kokas nel Kelemen Quartet alla Wigmore Hall, riconosce suo nonno violinista come la figura ispiratrice della sua vita.

"Posso suonare lo stile gypsy e lo adoro," dice Kelemen, 35 anni, in un'intervista alla Reuters.

"E' molto importante artisticamente," dice, notando che a causa della discriminazione contro la comunità rom in Ungheria e altrove nell'Europa centrale, "ci sono molti esempi di genitori che non parlano della loro provenienza."

Kelemen, d'altra parte, è orgoglioso che suo nonno Pali Pertis potrebbe essere stato il modello del compositore francese Maurice Ravel, quando scrisse il famoso "Tzigane" ispirato ai Rom, se non direttamente attinto dai Rom. Fu commissionato dalla violinista ungherese Jelly d'Aranyi e da lei eseguita la prima volta nel 1924.

"Mio nonno nacque nel 1903 e fu un vero bambino prodigio, da giovane viaggiò in Europa e non è improbabile che Ravel stesso abbia ascoltato mio nonno a Parigi.

Kokas, seduto al tavolo durante l'intervista, interviene suggerendo che sia andata così, ma Kelemen, pur non in disaccordo, dice "Non è provato".

Ecco cos'altro ha avuto da dire sul perché musica dei principali compositori ungheresi come Bartok e Kodaly si suoni meglio che mai, sul perché gli Ungheresi possano avere un vantaggio ma non siano gli unici a poterla eseguire, e sul futuro della sua carriera.

Le sonate per violino per cui tu e il pianista Zoltan Kocsis avete vinto il premio Gramophone per la musica da camera, non sono delle novità su disco, infatti il vostro mentore Isaac Stern registrò la prima sonata già nel 1951. Cosa rende speciale la vostra versione?

Devo dirti che la generazione di musicisti ungheresi che ora opera e ha studiato negli ultimi 10-20 anni, ha appreso da maestri fantastici che a loro volta furono educati dalla generazione dei Bartok e ne bevvero come il latte materno. Ciò che per loro era nuovo, per noi è naturale, ma ancora molto fresco. Parliamo un linguaggio che è unico e io stesso sto insegnando a nuove generazioni di studenti. Quindi, siamo in un momento molto fortunato riguardo lo stile di Bartok e Kodaly.

Si dice spesso che i migliori interpreti della musica russa sono i Russi, della musica ungherese gli Ungheresi, ma è così nel vostro caso?

Non sono tra quanti dicono che Bartok può essere suonato soltanto da Ungheresi, ma è molto importante per gli Ungheresi... e devi capire che parte della nostra musica data da tempi antichi, alcune melodie popolari hanno relazioni con la musica cinese e asiatica, e quindi è realmente unica...

Il premio Gramophone, il recital alla Wigmore Hall e l'apparizione a novembre come solista nell'estremamente impegnativo concerto per violino di Penderecki assieme alla London Philarmonic Orchestra, questo sembra essere il tuo anno, giusto?

Non sta a me dirlo, ma faccio il mio lavoro e cerco di suonare il meglio possibile, godendo delle cose belle che stanno arrivando. Sono sempre stato una persona e un musicista che si è divertito nello sviluppare passo dopo passo la sua carriera concertistica. Non mi sono mai spinto, e nessuno mi ha mai fatto pressioni eccessive.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/10/2013 @ 09:07:11, in Kumpanija, visitato 1244 volte)

La prima risposta (molto italiana) è:

  • non può fregarmene di meno ...ma parlare di Beppe fa salire il numero dei lettori, quindi:

Altra risposta all'italiana:

  • la domanda è mal posta.

Il mio umilissimo parere l'avevo già dato un anno e mezzo fa, e non si parlava di Beppe, bensì di un piccolo fatto di cronaca nera in Emilia. Sapendo quanto sono pigri i miei lettori, riassumo il concetto chiave: UN BUON 80% DI CHI SI PROFESSA RAZZISTA LO FA PER CONFORMISMO, IN REALTA' VUOLE CHE RAZZISTI LO DIVENTINO GLI ALTRI.

Sì, anche Beppe... mi ricorda tanto certi personaggi da commedia all'italiana, come Borghezio, o Sgarbi o Sallusti, per andare su altri temi. Non sono così, lo fanno per esigenze di scena e non sarebbero neanche obbligati a recitare quel copione. Ma vivono il terrore che i riflettori si dimentichino di loro, e allora devono ricorrere alla battuta, meglio se fuori contesto e che non porti a nulla. Un po' come sparare una puzza in un convegno elegante, magari qualcuno si volta a vedere chi è stato.

Ma il Beppe è un caso a parte, lo ammetto.

Perché da un lato vuole accarezzare la pancia popolana di un'Italia immiserita (nel portafoglio e nel cervello), dall'altra vorrebbe diventare un maitre-a-penser (scusate ma ho un problema con gli accenti) del XXI secolo. Non essendo mai stato né popolano né intellettuale, si è dovuto inventare un movimento, e ora corre davvero il rischio che il movimento si mangi il suo fondatore.

Perché, e qua torno al RAZZISMO DA BAR SPORT di Beppe, nel movimento c'è finito di tutto. Anche nel suo famoso blog (lo leggo dagli inizi, peccato che col tempo sia diventato illeggibile, sia come grafica che come contenuti): ha iniziato con padre Zanotelli per finire ai sacri confini invasi da negri e rumeni. In mezzo c'è stato di tutto e il suo contrario. Con una chiusa desolante, degna più di Casaleggio che del Beppe: NON E' NEI 10 PUNTI.

Ora... ... ... ... ... se 300 persone affogano alle porte di Lampedusa, se i superstiti vengono denunciati come "clandestini" ... ... ... (tento di mantenermi calmo, ma il VAFFANCULO GRILLO lo trattengo a stento), vorrei dagli eletti un briciolo di MORALITA', quella parola che ho sentito tante volte abbinata ai casi più improbabili. Non solo:

Generale, il tuo carro armato è una macchina potente

Spiana un bosco e sfracella cento uomini.
Ma ha un difetto:
ha bisogno di un carrista.

Generale, il tuo bombardiere è potente.
Vola più rapido d'una tempesta e porta più di un elefante.
Ma ha un difetto:
ha bisogno di un meccanico.

Generale, l'uomo fa di tutto.
Può volare e può uccidere.
Ma ha un difetto:
può pensare.

e allora, viva quei pescatori che sfidano la Guardia Costiera per salvare i naufraghi, viva quel poliziotto che non arresterà un clandestino, viva quell'eletto che sfiderà il suo partito e abolirà la Bossi-Fini (alla faccia di Beppe, i VAFFANCULO arrivano anche così).

Cosa cambia, abolendo il reato di clandestinità? Forse non lo sanno neanche quei M5S e SEL che l'hanno proposto, ma hanno fatto quello che loro competeva. Rimane un quadro europeo che è tutto da dipanare, ma mi permetto di azzardare che, se deve sempre esserci un'altra urgenza,, i 10 PUNTI valgono (e servono) quanto i 10 PIANI DI MORBIDEZZA.

Con questo, spero di aver accontentato i lettori più pigri. Per i solutori più che abili, ho ancora qualcosa:

Vi ricordate Maroni (sì, credo sia ancora vivo) quando a inizio anno diceva "Sul razzismo ci abbiamo marciato"? La Lega non nacque in un'Italia dalla coscienza limpida e pulita, ci mise ovviamente del proprio, ma i razzisti esistevano già. E iniziò prendendosela con gli immigrati, aggiungendo la categoria dei ladri (grandi e piccoli) come contorno; facendosi passare come anti-sistema, come movimento più che partito, come un gruppo di persone antipatiche, ma serie e oneste. Poi, abbiamo visto com'è finita.

In realtà, una fine non c'è. La Lega oggi è abbastanza sputtanata di suo, e PD e PDL ne hanno approfittato per sposarsi, un po' come quelle coppie che litigano ogni giorno, ma stanno insieme un po' per interesse, un po' perché c'è la famiglia da salvare, un po' perché forse si amano davvero ma non vogliono ammetterlo.

Ma la Lega puzza di cadavere, e forse non basteranno gli imbalsamatori Salvini o Tosi a profumarla. Che fine faranno quanti votavano Lega perché speravano in un partito serio ed onesto (turandosi il naso già 20 anni fa)? Che poi magari erano democristi o ciocialisti in crisi di coscienza?

Quanti saranno? Beppe come un avvoltoio è da tempo che se lo chiede; la Kasta, i ladri, gli immigrati... hanno sostituito la Biowash. Alla vecchia Italia codina propone il 2.0, visto che questo paese Internet non l'ha mai capito.

Chiusura:

Siamo nell'ennesima storia italiana: che Beppe e Napo Orso Capo non si sopportino, l'hanno capito tutti. Sulla PELLE dei "clandestini", che rimangono una pietra dello scandalo, assisteremo al passaggio di consegne tra la Turco-Napolitano e la Grillo-Casaleggio (con Bossi e Fini come testimoni di staffetta). A furia di insulti, ma nel segno PRATICO di un'italica continuità.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/10/2013 @ 09:08:05, in Europa, visitato 1019 volte)

Nessun accesso ai servizi sanitari ai Rom senza tessere sanitarie 01-10-2013 10:15 by Aleksandar Dimishkovski

Uno studio sull'erogazione dell'assistenza sanitaria a Rom ed Egizi in un comune albanese, ha trovato che molti membri di queste comunità non hanno accesso ai servizi pubblici sanitari più richiesti, semplicemente perché non hanno tessere sanitarie.

Nello studio, commissionato dal progetto Best Practices for Roma Integration (BPRI), il 79% dei 175 Rom intervistati nel comune di Shushicoe, nell'Albania del sud-ovest, dicono di non avere una tessera sanitaria, e questo è identificato come il maggiore ostacolo nel loro accesso ai servizi sanitari, quindi con un impatto negativo sulla loro salute.

La ricerca è firmata da Bledar Taho, a capo dell'Istituto di Cultura Romanì di Albania, organizzazione giovanile locale che promuove una maggior protezione dei diritti umani dei Rom. Taho è tra i sette giovani Rom dei Balcani occidentali, scelti da BPRI per studiare e identificare i gap tra legislazione e prassi effettive nell'integrazione delle comunità rom nella regione.

Dice: "Il governo centrale deve modificare la legge per assicurare che ogni residente nel paese abbia diritto all'assistenza sanitaria universale, anche se disoccupato o non registrato presso un'agenzia del lavoro governativa."

Lo studio di Taho fornisce anche una panoramica sulle condizioni di vita dei Rom a Shushicoe, con il 77% degli intervistati che valutano i servizi di igiene pubblica nel loro quartiere come poveri o molto poveri. Tre quarti degli intervistati si dicono insoddisfatti del servizio di raccolta dei rifiuti.

"Per molti Rom, un aspetto chiave del processo di integrazione è migliorare l'accesso ai servizi pubblici, che dovrebbero già comunque essere a disposizione di tutti i cittadini," dice Judith Kiers, project manager di BPRI. "Se saremo in grado di individuare e superare alcuni degli ostacoli che impediscono ai Rom l'accesso a servizi pubblici come sanità e istruzione, potremo sostenere veramente il loro processo di integrazione."

Taho, già attivo nell'incoraggiare i giovani Rom a partecipare alla vita pubblica e ai processi decisionali, dice di sperare che la sua ricerca serva come strumento di ausilio.

BPRI è un progetto regionale finanziato dall'Unione Europea, sostenuto dai paesi che partecipano all'OSCE e sviluppato dall'Ufficio per le Istituzioni Democratiche e i Diritti Umani (ODIHR). Il progetto sostiene programmi innovativi per promuovere la maggior partecipazione rom nella vita pubblica e politica e nel processo decisionale, aiutando a combattere la discriminazione e contribuendo a migliori condizioni di vita.

Lo studio è disponibile in tre lingue:

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/10/2013 @ 09:06:31, in sport, visitato 1442 volte)

(Ndr interessante: leggo che "lo stesso trattamento, [...], era stato riservato a parti invertite a Sofia")

Da Goal

Razzismo anche in Armenia, i tifosi di casa accolgono la Bulgaria in maniera poco amichevole: "Zingari!" La polizia è dovuta intervenire per fermare il lancio di uova e petardi all'aeroporto di Yerevan. Il ct bulgaro Penev: "Non ci fanno paura".

La piaga del razzismo colpisce continuamente. E non soltanto in Italia. Stavolta accade in Armenia, dove i tifosi di casa hanno accolto l'arrivo nel Paese della Bulgaria, avversaria domani sera a Yerevan, effettuando un fitto lancio di uova e intonando cori discriminatori.

All'aeroporto della Capitale, vari tifosi della nazionale di casa hanno rivolto epiteti come "bulgari zingari" agli avversari. Lo stesso trattamento, secondo loro, era stato riservato a parti invertite a Sofia, l'11 settembre 2012, quando la Bulgaria vinse per 1-0 e le squadre terminarono in 10 contro 9.

La polizia in tenuta antisommossa è dovuta intervenire per evitare il peggio. I sostenitori armeni, infatti, hanno lanciato petardi e fumogeni e tentato di colpire i giocatori bulgari, in attesa di salire sul pullman una volta scesi dall'aereo, lanciando loro delle uova.

Il commissario tecnico della Bulgaria, l'ex attaccante Lubo Penev, non si preoccupa. "Se pensano di farci paura in questa maniera, hanno sbagliato" le sue parole. La sua nazionale ha ancora delle chances di arrivare seconda nel gruppo dell'Italia, mentre l'Armenia è già eliminata.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/10/2013 @ 09:06:09, in Regole, visitato 1402 volte)

UN PRIMO RISULTATO DELLA CONSULTA ROM E SINTI DI MILANO CONTRO L'"EMERGENZA NOMADI" DECRETATA DAL GOVERNO BERLUSCONI. CANCELLATI I DATI PERSONALI DEL CENSIMENTO SU BASE ETNICA DEL 2008

La Consulta Rom e Sinti di Milano ha avviato a giugno 2013, in collaborazione con ERRC (European Roma Rights Center), un'azione legale per la cancellazione dei dati personali - un vero archivio parallelo su base etnica - e per ottenere un risarcimento per danni morali da parte delle comunità di Milano che hanno subito il censimento etnico nell'ambito della cosiddetta “emergenza nomadi" decretata dal governo Berlusconi nel maggio del 2008.

Questa "emergenza" - e tutti i suoi effetti: censimento, regolamento prefettizio - è stata definitivamente dichiarata illegittima, motivando le richieste di cancellazione dei dati e il risarcimento danni.

Il 4 ottobre il prefetto di Milano ha trasmesso all'avvocato della Consulta, Gilberto Pagani, il verbale di cancellazione dei dati, sia cartacei, sia digitali, raccolti con il censimento. Un primo importante risultato dell'azione della Consulta che ora proseguirà con la causa per il risarcimento danni di chi ha subito un censimento razziale nell'estate del 2008.

In allegato il verbale di cancellazione.

Per informazioni: 339.7608728

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/10/2013 @ 09:00:10, in media, visitato 2025 volte)

Segnalazione di Franco Marchi

Scritto da Giovanni Pili 13 ottobre 2013 su

Dopo la bufala sul "Vendola pedofilo", la pagina di Catena Umana Italia ci delizia con una nuova perla; quella dei Rom che getterebbero cibo donato loro, nei cassonetti. La lettera, firmata da un certo Damiano Angeli, fa riferimento ad un gruppo di "clandestini/rifugiati politici". Facciamo notare che i Rom sono cittadini italiani, inoltre non si può essere allo stesso tempo clandestini e rifugiati; tra l'altro secondo Angeli percepirebbero un sussidio di "€45 giornalieri oltre che all'alloggio nei rispettivi stabili", ma questo rende ancora più confusa la descrizione dell'autore.



Se percepisci un sussidio significa che sei regolare. Oltre a questo i suddetti "Rom/clandestini/rifugiati" si trovano - guarda un po' - vicino ad una ditta che confeziona cibo per le mense. Lo testimonia, nella pagina, proprio una ragazza che abita in zona, il cui commento è stato ignorato dagli amministratori. Del resto chi fa girare la lettera non si preoccupa minimamente di spiegarci chi sia l'autore, giusto per capire se per caso non abbia interessi personali o ideologici.



La foto allegata alla "notizia" non significa un fico secco, del resto i cibi dopo un certo periodo di tempo hanno questo vizio - poco patriottico - di decomporsi e andare a male. Tutte le attività economiche alimentari sono tenute a gettar via il cibo scaduto o invenduto. Non è colpa dei clandestini.

Cercando la fonte della lettera scopriamo che questa è rimbalzata anche su Tutti i Crimini degli Immigrati, un sito chiaramente "tollerante e tendente a verificare le notizie", come quando recentemente hanno delirato di uno stupro commesso dai profughi di Lampedusa ai danni di una ragazzina imbarcata assieme a loro. Ovviamente non era vero niente. Basta leggere con attenzione il testo che loro stessi hanno copia-incollato.

Francamente non sappiamo cosa sia peggio, se sprecare una cotoletta o l'intelligenza di chi legge, commenta, e magari fa finta di non vedere un suo simile, gettato da un barcone, morire annegato.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/10/2013 @ 09:05:47, in Europa, visitato 1154 volte)

di Ettore Bianchi - Italia Oggi

Niente soldi Ue per gli zingari
Nei quartieri rom prende piede l'islamismo radicale

Gli zingari bulgari non hanno peli sulla lingua e lanciano l'accusa: dei fondi dell'Unione europea qui non arrivano che le briciole. A parlare è Orhan Tahir, rom e presidente di un'organizzazione non governativa che li rappresenta. Gli fanno eco i portavoce dei 60 mila zingari che vivono a Stolipinovo, quartiere della città bulgara di Plovdiv che si trova a un centinaio di chilometri a sudest della capitale Sofia: da anni veniamo attaccati per questa storia dei fondi comunitari, ma non siamo noi a beneficiarne.

La spiegazione fornita da Anton Karaguiozov, responsabile dell'associazione locale Roma, è che i soldi destinati ai rom sono trattenuti dai bulgari: essi sono più smaliziati e preparati, sanno come muoversi nei meandri della burocrazia e come redigere correttamente le complicate domande di sovvenzione.

Così gli zingari si prendono la colpa, gli altri i cospicui flussi di denaro.

Ma non è finita. Perché, secondo Karaguiozov, in quello che ormai è diventato un ghetto si continua a essere scambiati per romeni: noi invece, dice il portavoce degli zingari, non rubiamo e ci accontentiamo delle entrate provenienti dalle nostre attività lavorative. Tradotto, significa vivere di aiuti sociali e di espedienti: contrabbando di sigarette, recupero di rottame, vendita di vecchi prodotti usati. Uno dei problemi principali è quello della formazione scolastica: gli insegnanti, dice ancora Karaguiozov, prendono la loro assegnazione a Stolipinovo come una punizione e si accontentano di fare il minimo indispensabile. Così le famiglie non muoiono dalla voglia di mandare i figli a lezione.

Intanto i servizi di sicurezza rilevano il forte rischio della penetrazione dell'Islam radicale in questi gruppi sociali sempre più emarginati. Orhan Tahir afferma che si tratta di bombe a orologeria. Il guaio è che lo stato bulgaro, troppo debole e privo di una politica coerente sugli zingari, è praticamente assente.

Quanto ai fondi distribuiti da Bruxelles, Tahir precisa che i rom sono inclusi nel vasto gruppo delle persone vulnerabili, che comprende varie categorie sociali che vanno dalle ragazze madri ai carcerati sulla via del reinserimento sociale. Di fatto, sono i poteri locali a decidere sull'assegnazione e sulle priorità. Rom e zingari si trovano in fondo alla lista. Tahir lancia quella che a prima vista ha tutta l'aria di essere una provocazione, ma che non lo è affatto secondo il diretto interessato: se domani l'Europa decidesse di interrompere la distribuzione di questi soldi, vi assicuro che i rom neppure se ne accorgerebbero. Inoltre, prosegue, quando sento Viviane Reding (la commissaria Ue per la giustizia e i diritti) annunciare decine di miliardi di euro previsti per i rom, mi metto le mani nei capelli e mi domando in che mondo vivano questi politici e funzionari a Bruxelles.

Intanto, nei ghetti, la gente continua a vivere senza acqua corrente né servizi essenziali. E perfino il ministro degli interni francese, Manuel Valls, socialista, si è messo in concorrenza con la destra di Marine Le Pen affermando che i rom devono andarsene dalla Francia. Non è soltanto una questione di soldi.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 17/10/2013 @ 09:01:59, in Europa, visitato 1504 volte)

Premessa: la notizia è già vecchia e digerita, l'informazione online ha tempi spietati.

Parto allora da un mese fa, 18 settembre: Grecia, vi ricordate? Nella foto c'è tutto e il suo contrario: maniche corte estive, un trenino per turisti (o per bambini), passanti indifferenti, una signora grassa, la fisarmonica e... la protagonista di cui non sappiamo niente.

    LA FOTO INDIGNA IL WEB era il commento riportato da tutti i media, che poi sono gli stessi che quando si parla di cose mooooolto più serie, ripetono che l'Italia rischia di fare la fine della Grecia. Già, ma forse intendono altro.
    INDIGNARSI: so che è un sentimento comune (non azzardatevi a chiamarci BUONISTI, siamo solo umani). A me successe al tempo della vicenda di Natalka: bruciata viva da una molotov a Kosice. Poi, la lunghissima degenza, la solidarietà che sollevò il suo caso in uno dei paesi più razzisti d'Europa, solidarietà che fu più forte dei commenti (postumi) sprezzanti e derisori dei neonazisti, e dei perbenisti che accusarono i genitori di voler speculare su quanto era successo. Ma quante volte una persona può indignarsi, per quanto tempo? A ogni cronaca simile mi sento più povero e deprivato, nel senso di impotente.

Neanche un mese dopo la Grecia, indignazione, di nuovo. Siamo a Napoli, e suona nella mente un campanello d'allarme: perché li vicino ci fu il pogrom di Ponticelli, a Torregaveta due ragazzine rom annegarono nell'indifferenza generale, in città ci fu l'omicidio di Petru Birladeanu.

Leggo l'articolo e il quadro è diverso dalle cronache passate: la gente del quartiere ha preso le parti della romnì e del bambino, ha cercato come poteva di aiutarla.

Lo stesso appare nell'altro video di Leggo: gente normalissima, che non si pone il problema di essere giudicata razzista o antirazzista. Poi, torna quel sottile veleno che i giornali sanno distribuire così bene: "La donna, che probabilmente non è la madre, è sparita dopo aver strappato di dosso gli abitini bruciati alla piccola."

Cosa si intende con probabilmente non è la madre? La donna è sparita, come racconta Leggo, o ha ricevuto le prime cure dal benzinaio, come scrive il Corriere del Mezzogiorno? E, ammesso che abbia importanza, quale paura può avere una madre rom a Napoli?

Napoli, ma potrebbe essere Grecia, Milano, Parigi o Mosca... Anche con la gente migliore del mondo, si vive sapendo che essere Rom comporta dei rischi, magari da parte di qualcuno che non c'è con la testa, e che se ci si trova a Ponticelli, a Opera, alle Vallette nel momento sbagliato, la pazzia può diventare collettiva.

Con i bambini, visto che l'infanzia è sacra, che diventano il bersaglio per misurare il disprezzo etnico. Non solo nei fatti, provatevi a leggere qualche commento sui forum razzisti, per perdere ogni fiducia nel futuro di questa umanità.

    Oppure no, un po' di fiducia rimane. Qualche anno fa, passai per una brutta depressione. Non mi guarirono gli psichiatri o altri specialisti. Fu un campo rom, uno di quelli che sono il simbolo mediatico del degrado. Pieno di amici che conoscevo da anni e della loro unica ricchezza: un esercito costante di figli. Giocando con loro, iniziai a migliorare.
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 18/10/2013 @ 09:07:12, in conflitti, visitato 1372 volte)

MEMORS- Francesco Brajdic from Luca Bravi on Vimeo.

nome: Francesco Brajdic
data di nascita: Lubiana, 1939
luogo di nascita:
posizione attuale: Udine
campo:

Francesco Brajdic ricorda il proprio internamento insieme alla madre Maria e ai suoi sette fratelli (tra cui Stanka Brajdic) a Gonars. Racconta infine del successivo trasporto di sua madre verso Buchenwald e Ravensbrück.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


23/09/2020 @ 14:48:07
script eseguito in 154 ms

 

Immagine
 3 febbraio 2011: benvenuti a Milano... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 3958 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
LEGGI UN MOMENTO QUESTA OFFERTA DI PRESTITO .... O...
22/09/2020 @ 22:57:26
Di Alesi Gallo
LEGGI UN MOMENTO QUESTA OFFERTA DI PRESTITO .... O...
22/09/2020 @ 22:55:50
Di Alesi Gallo
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source