\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Ungheria
Di Fabrizio (del 10/10/2013 @ 09:00:25, in musica e parole, visitato 1329 volte)
Un Minuto Con: Kelemen, violinista ungherese - orgoglioso delle sue radici rom - By Michael Roddy (Editing by Pravin Char) Copyright Thomson Reuters, 2013.


LONDRA (Reuters) - Il violinista ungherese Barnabas Kelemen che studiò col virtuoso Isaac Stern e ha ottenuto il premio della rivista Gramophone per il miglior Cd del 2013 di musica da camera, ciò che lo rende orgoglioso è la sua origine rom.

Kelemen, che era a Londra per ritirare il prestigioso premio Gramophone per il suo disco sulle suonate per violino di Bartok ed esibirsi domenica con sua moglie Katalin Kokas nel Kelemen Quartet alla Wigmore Hall, riconosce suo nonno violinista come la figura ispiratrice della sua vita.

"Posso suonare lo stile gypsy e lo adoro," dice Kelemen, 35 anni, in un'intervista alla Reuters.

"E' molto importante artisticamente," dice, notando che a causa della discriminazione contro la comunità rom in Ungheria e altrove nell'Europa centrale, "ci sono molti esempi di genitori che non parlano della loro provenienza."

Kelemen, d'altra parte, è orgoglioso che suo nonno Pali Pertis potrebbe essere stato il modello del compositore francese Maurice Ravel, quando scrisse il famoso "Tzigane" ispirato ai Rom, se non direttamente attinto dai Rom. Fu commissionato dalla violinista ungherese Jelly d'Aranyi e da lei eseguita la prima volta nel 1924.

"Mio nonno nacque nel 1903 e fu un vero bambino prodigio, da giovane viaggiò in Europa e non è improbabile che Ravel stesso abbia ascoltato mio nonno a Parigi.

Kokas, seduto al tavolo durante l'intervista, interviene suggerendo che sia andata così, ma Kelemen, pur non in disaccordo, dice "Non è provato".

Ecco cos'altro ha avuto da dire sul perché musica dei principali compositori ungheresi come Bartok e Kodaly si suoni meglio che mai, sul perché gli Ungheresi possano avere un vantaggio ma non siano gli unici a poterla eseguire, e sul futuro della sua carriera.

Le sonate per violino per cui tu e il pianista Zoltan Kocsis avete vinto il premio Gramophone per la musica da camera, non sono delle novità su disco, infatti il vostro mentore Isaac Stern registrò la prima sonata già nel 1951. Cosa rende speciale la vostra versione?

Devo dirti che la generazione di musicisti ungheresi che ora opera e ha studiato negli ultimi 10-20 anni, ha appreso da maestri fantastici che a loro volta furono educati dalla generazione dei Bartok e ne bevvero come il latte materno. Ciò che per loro era nuovo, per noi è naturale, ma ancora molto fresco. Parliamo un linguaggio che è unico e io stesso sto insegnando a nuove generazioni di studenti. Quindi, siamo in un momento molto fortunato riguardo lo stile di Bartok e Kodaly.

Si dice spesso che i migliori interpreti della musica russa sono i Russi, della musica ungherese gli Ungheresi, ma è così nel vostro caso?

Non sono tra quanti dicono che Bartok può essere suonato soltanto da Ungheresi, ma è molto importante per gli Ungheresi... e devi capire che parte della nostra musica data da tempi antichi, alcune melodie popolari hanno relazioni con la musica cinese e asiatica, e quindi è realmente unica...

Il premio Gramophone, il recital alla Wigmore Hall e l'apparizione a novembre come solista nell'estremamente impegnativo concerto per violino di Penderecki assieme alla London Philarmonic Orchestra, questo sembra essere il tuo anno, giusto?

Non sta a me dirlo, ma faccio il mio lavoro e cerco di suonare il meglio possibile, godendo delle cose belle che stanno arrivando. Sono sempre stato una persona e un musicista che si è divertito nello sviluppare passo dopo passo la sua carriera concertistica. Non mi sono mai spinto, e nessuno mi ha mai fatto pressioni eccessive.