Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Notizie in italiano dai Rom, Sinti, Kalé, Pavees di tutto il mondo

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 10/12/2006 @ 10:22:56, in Europa, visitato 1288 volte)

La popolazione Rom continua ad essere discriminata e questa settimana il ballerino spagnolo di flamenco Joaquín Cortés, Rom lui stesso, è giunto al Parlamento Europeo per cercare aiuto per la più grande minoranza europea. Cortés ha incontrato parlamentari e il Presidente Josep Borrell.

La comunità Rom soffre discriminazione nel campo della scolarizzazione, della rappresentanza e partecipazione politica, della casa e dell'impiego. Secondo il rapporto EU 205 sul razzismo e la xenofobia, "I Rom sono spesso stereotipati come criminali, mentre in realtà sono vittime di crimini."

STOP alla campagna di ANTI-ZIGANISMO

Cortés ha detto ai parlamentari, "la ragione principale della mia presenza è che sono di origine Rom e la mia fondazione è promotrice di STOP alla campagna di ANTI-ZIGANISMO. Sono qui perché intendo questa istituzione come impegnata nella difesa dei diritti umani nella EU."

"Sono uno dei rari Rom europei a cui la fortuna è stata benevola così posso asserire orgogliosamente la mia identità senza tema di essere perseguito, umiliato o (fatto) capro espiatorio," ha detto Cortés. "Assieme dobbiamo batterci per l'integrazione sociale della cultura Rom e spero che in un futuro prossimo una nuova generazione viva una vita migliore."

Josep Borrell ha detto che Cortés potrebbe essere "la faccia del lavoro del Parlamento per difendere i diritti dei Rom" e può "promuovere un'immagine positiva della causa."

Il Parlamento è stato attivo in questo tema con una risoluzione del giugno 2006, richiedente misure per combattere i livelli estremi di discriminazione che le donne Rom soffrono nel campo dell'etnicità e di genere e la risoluzione dell'aprile 2005 che condanna "assolutamente tutte le forme di discriminazione fronteggiate dal popolo Rom".

L'anno 2007 di uguali opportunità per tutti

Dei 12-15 milioni di Rom in Europa, 7-9 milioni vivono nella EU, la più parte nell'Europa Centrale ed Orientale. La Romania, che raggiungerà la EU l'1 gennaio, ha la più vasta popolazione Rom in Europa, 1-2 milioni.

La visita del ballerino arriva poco prima del 2007, anno delle pari opportunità, quando tutti i paesi EU si misureranno nella lotta alla discriminazione contro i Rom e le altre minoranze.

REF. : 20061130STO00793

Ulteriori informazioni:

Resolution on the situation of Roma women in the EU
Resolution on the situation of the Roma in the EU
The EU and Roma
Joaquin Cortés website

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/12/2006 @ 09:28:00, in Kumpanija, visitato 1269 volte)

Sempre da Les Rroms acteurs un'altra rapida storiella di buona domenica

Un colonnello d'armata di un certo paese si è follemente innamorato di una giovane rromni che gli aveva letto la mano. Va quindi dal padre della ragazza per chiederne la mano. Comincia un dialogo tra il vecchio rrom e il giovane colonnello:

  • Che mestiere fai?

Sono colonnello.

  • Ti ho chiesto che mestiere fai.

Ma sono il colonnello dell'armata di questo paese!

  • Euuh.... bon... ascolta ragazzo, prima impara a intrecciare dei panieri e poi torna che si ridiscute. Colonnello non è un mestiere. E se domani lasci l'armata, come farai a provvedere a mia figlia?
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/12/2006 @ 10:16:20, in Kumpanija, visitato 1382 volte)

Da Mundo_Gitano

Alcune note sulla storia del popolo Rom in Colombia, per PROCESO ORGANIZATIVO DEL PUEBLO ROM (GITANO) DE COLOMBIA, PRORROM

Il 5 agosto 1998, nella kumpania di Girón (Santander), nel quadro dello storico incontro chiamato "Passato, Presente e Futuro del Popolo Rom di Colombia" sorse il Proceso Organizativo del Pueblo Rom (Gitano) de Colombia (PRORROM). Attualmente i Rom stanno lavorando intensamente perché il Governo Nazionale, con la partecipazione dei Rom stessi, costruisca un quadro giuridico che regoli le relazioni tra loro e lo Stato, attraverso la promulgazione di uno "Statuto di Autonomia Culturale per il popolo Rom di Colombia".

La presenza Rom in Colombia è più antica di quanto si creda. I Rom si incontrano in Colombia dall'epoca della dominazione ispanica in America.

E' stato stabilito che nel 1498, col terzo viaggio di Cristoforo Colombo, arrivarono i primi quattro Rom, conosciuti come egiptianos o egiptanos. Erano Antón de Egipto, Catalina de Egipto, Macías de Egipto y María de Egipto, che avevano commutato la condanna per omicidio in lavori forzati nelle galee.

Fu così che durante i primi anni dell'invasione spagnola iniziarono ad essere tradotti in maniera legale dalle imbarcazioni della Corona, molti Rom, svuotando in questa maniera le carceri iberiche, mantenendo nel nuovo mondo le loro vite ed usanze, cosa che allora in Spagna era considerato un grave delitto. Più avanti nel tempo, la legislazione coloniale cambiò radicalmente, arrivando a considerare i Rom come un cattivo esempio per i popoli indigeni, proibendo il loro ingresso nelle Americhe e ordinando la deportazione di quanti vi si erano stabiliti.

Nonostante i persistenti intenti della Corona spagnola di controllare l'immigrazione illegale, o come erano chiamati allora "llovidos", durante il primo secolo gli arrivi furono considerevoli, inclusi quanti arrivarono con autorizzazioni o con tutte le carte legali. Gli stratagemmi utilizzati dai "llovidos" per burlarsi dei controlli coloniali furono diversi e di una creatività infinita: dal cambio di nome e cognome, passando per la compera di false autorizzazioni, sino al farsi passare per nobili e burocrati. Si suppone che con questi artifizi arrivarono in quella che oggi è la Colombia, non solo stranieri, mori ed ebrei, ma anche un gran numero di Rom.

Parte della legislazione coloniale dell'epoca era indirizzata verso i cosiddetti "vagabundos". In questo senso sono abbondanti i riferimenti ai problemi ed inconvenienti che causano questi "vagabundos" che in gruppi familiari andavano da un luogo all'altro, senza domicilio fisso né lavoro conosciuto. Le descrizioni sui "vagabundos" si avvicinano alla vita itinerante e nomade dei Rom e questo porta a supporre che i Rom dell'epoca fossero catalogati in quel modo. Inoltre si trovano riferimenti ai Rom nei numerosi giudizi emessi dal Tribunale del Santo Ufficio, meglio conosciuto come Inquisizione. Sotto l'Inquisizione furono torturati e bruciati non solo cristiani convertiti, mori ed ebre, ma anche molti Rom [...]

I alcune regioni di Nueva Granada ci fu un fenomeno che la storiografia ha studiato sotto il nome di "arrochelados". Gli "arrochelados" erano un gruppo di persone che vivevano al margine della legislazione coloniale e che erano riusciti a costruire, in un cero senso, società alternative al sistema della dominazione ispanica. Una delle strategie di sopravvivenza di questi gruppi fu l'invisibilità, proprio come fu adottata dai Rom. Recenti studi storici hanno presentato una nuova visione dell'epoca coloniale che abbandona gli stereotipi secondo cui si è trattato di un'epoca ordinata e tranquilla. [...] Diverse regioni furono attraversate costantemente da gruppi nomadi ed itineranti: commercianti, "vagabundos" ed altre persone che si dedicavano ad attività differenti dalla coltivazione della terra.

A cosa si deve il fatto che le testimonianze storiche sui Rom in Colombia siano poche e talvolta inesistenti? Questa situazione è dovuta a due ragioni: La prima è che, date le incessanti persecuzioni di cui erano vittima in Spagna e in tutta Europa, si fecero ingenti sforzi per sparire come etnonimo. Ci sono diverse testimonianze dalla Spagna, che evidenziano come la Corona, nel suo affanno integrazionista e assimilazionista, proibisse espressamente l'utilizzazione del nome Gitano. D'altra parte, era logico che se esistevano proibizioni tassative della Corona all'ingresso e alla permanenza dei Rom nelle colonie americane, non ci fosse altra alternativa che rifugiarsi nell'invisibilità.

I Rom attuali, nella quasi totalità di nazionalità colombiana, tramandano attraverso la tradizione orale che la nostra presenza in Colombia data dalla metà del XIX secolo, in ogni caso prima che il paese adottasse il nome attuale. Questa tradizione orale è corroborata da quella di viaggiatori stranieri dell'epoca che menzionano la presenza di carovane di Rom che, con una certa frequenza, percorrevano la rotta Caracas-Bogotá -Quito-Lima- Buenos Aires.

Bisogna inoltre menzionare che la situazione sociale e politica tra il 1821 e il 1851 vide in Colombia diverse leggi abolizioniste che favorirono l'arrivo di diversi gruppi Rom dall'Europa dell'Est, dove vivono sottomessi o in schiavitù. Queste leggi abolizioniste stabilivano che chiunque arrivasse nelle nuove terre fosse immediatamente riconosciuto come persona libera e ciò portò all'arrivo di molti Rom in fuga verso la libertà.

Gabriel García Márquez ricrea nel famoso "Cent'anni di Solitudine" alcuni tratti significativi della storia del paese, in particolare della regione del Caribe. García Márquez ritenne che la ricreazione letteraria di parte della storia del paese senza la presenza dei Rom, sarebbe stata incompleta ed inesatta, per questo li pone come protagonisti invisibili della narrazione, che vanno da un paese all'altro, portando strumenti ed artefatti sconosciuti dal resto della popolazione del tempo. Molti dei gruppi familiari Rom che vivono oggi in Colombia sono, conseguentemente, discendenti dell'emblematico Melquíades.

La presenza dei Rom in Colombia cresce relativamente durane gli anni tra la prima e la seconda guerra mondiale, quando molti gruppi Rom fuggivano dagli orrori della guerra e dalle orde nazi-fasciste, seguendo le rotte di quanti arrivarono via mare nel XIX secolo.

Oggi, secondo quanto riportato dal censimento del 2005, la popolazione Rom in Colombia è di 4.832 persone, cioè lo 0,001% della popolazione totale. Senza dubbio i Rom sono molti di più e questa cifra non tiene conto dei Rom con nazionalità colombiana che si trovano incrociando di continuo le frontiere coi paesi vicini e quanti vivono all'estero.

Tramite PRORROM alcune nostre richieste sono state riconosciute formalmente dallo Stato colombiano. Tra queste le più importanti:

  1. Lo Stato riconosce i popolo Rom come gruppo etnico e transnazionale che è parte della Colombia, dato che abita nel paese da prima della Repubblica.

  2. Lo Stato riconosce che le disposizioni legali contenute nella Convenzione 169 del 1989 dell'Organizzazione Mondiale del Lavoro "Sui Popoli Indigeni e Tribali nei Paesi Indipendenti", si applicano estensivamente al nostro popolo, dato che la nozione di Tribale si adatta perfettamente al tipo di organizzazione sociale tradizionale dei Rom.

  3. Lo Stato riconosce che le disposizioni legali e costituzionali che proteggono i diritti dei popoli indigeni e afrodiscendenti, per simmetria positiva, siano estensive al popolo Rom.

I Rom chiedono un impegno allo Stato colombiano per il riconoscimento attuato dei diritti del nostro popolo, si traduca in politiche pubbliche che preservino la nostra integrità etnica e culturale, che migliorino i nostri precari livelli di vita attuali. Speriamo che le conseguenze del riconoscimento costituzionale della Colombia come paese plurinazionale comprendano il nostro popolo.

BIBLIOGRAFIA

  • JUANCARLOS GAMBOA MARTÍNEZ, ANA DALILA GÓMEZ BAOS, VENECER GÓMEZ FUENTES, et. al. Tras el Rastro de Melquíades. Memoria y Resistencia de los Rom de Colombia. PRORROM. Bogotá, D.C. 2005.

  • VENECER GÓMEZ FUENTES, JUANCARLOS GAMBOA MARTÍNEZ y HUGO ALEJANDRO PATERNINA ESPINOSA. Los Rom de Colombia: Itinerario de un Pueblo Invisible. Suport Mutu. PRORROM. Bogotá, D.C. 2000.

PRORROM

PROCESO ORGANIZATIVO DEL PUEBLO ROM (GITANO) DE COLOMBIA / PROTSESO ORGANIZATSIAKO LE RROMANE NARODOSKO KOLOMBIAKO

 [Organización Confederada a Saveto Katar le Organizatsi ay Kumpeniyi Rromane Anda´l Americhi, (SKOKRA)]

 ¿Dime, hombre,

 dónde esta nuestra tierra,

nuestros montes, nuestros ríos,

nuestros campos y bosques?


¿Dónde esta nuestra patria?

¿Dónde nuestras tumbas?

Están en las palabras,

en las palabras de nuestra lengua Romaní.


ESLAM DRUDAK

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 08/12/2006 @ 13:02:07, in blog, visitato 1319 volte)

Castelgoffredo (MN), divieto di sosta ai nomadi
Mercoledì 29 novembre 2006 in un'intervista online, pubblicata sulla Gazzetta di Mantova, il Sindaco di Castelgoffredo ha dichiarato di aver "inserito nella segnaletica posta all'inizio dell'area urbana anche quella che vieta la sosta ai nomadi". "Perchè vogliamo difendere i cittadini pacifici, onesti e inermi da individui che da se...

Ferrara, sarà ristrutturato il "campo nomadi"
Saranno in gran parte finanziati con fondi regionali gli interventi già approvati dalla Giunta per migliorare le condizioni di sicurezza all'interno del "campo nomadi" di via delle Bonifiche. I lavori, progettati dal servizio Edilizia pubblica del Comune, su segnalazione della Circoscrizione Zona Nord, comprendono la sostituzione di componenti elettriche, la creazione di nuovi anelli di...

Butta la luna e la lotta contro il razzismo
Segnaliamo la lettera di Flora Rossi, inviata al quotidiano La Repubblica, critica sulla fiction Rai Butta la Luna, interpretata da Fiona May.
Gentile Dottor Augias, Le scriviamo come madri di bambine afroitaliane, nere e miste. Aspettavamo con interesse di vedere la fiction “Butta la lun...

Roma, il Prefetto Achille Serra vuole discriminare i Rom Rumeni?
«Negli ultimi 20 giorni il giudice di pace di Roma ha bocciato le richieste di espulsione di nomadi romeni che avevano commesso reati, sostenendo che a breve diventeranno cittadini comunitari e in virtù di questo l'espulsione diverrà un atto inutile».
A comunicare il dato, ieri mattina, al Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza è stato proprio il...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/12/2006 @ 10:03:54, in lavoro, visitato 1373 volte)

Da Romanian_Roma

BUCAREST - I programmi per migliorare lo status dei Rom impegnano due euro pro capite annualmente, questo ha detto Gelu Duminica, direttore esecutivo dell'Agenzia per lo Sviluppo Comunitario "Impreruna", durante un seminario tenutosi la scorsa settimana. Ha anche detto che questi progetti dagli anni '90 hanno assegnato 50 milioni di euro, per migliorare lo status della comunità Rom che conta 1,5 milioni di persone. L'Unione Europea ha garantito 42 milioni di euro e la Romania i restanti 8 milioni. "Con un semplice calcolo, ai Rom sono stati assegnati 2 euro pro capite nei passati 16 anni," spiega Duminica. "Circa il 40% è stato speso per assistenza tecnica: formazione, monitoraggio," continua, "I programmi sono stati valutati nel corso degli anni. La nostra agenzia ha sviluppato un programma per la creazione di lavoro, che è stato giudicato il miglior programma europeo".

DIVERS - http://www.divers. ro

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/12/2006 @ 10:34:01, in musica e parole, visitato 1366 volte)

Da Rana Halprin

Salve!

Sto per aggiornare il mio sito web con ulteriori fotografie e film clips.

Sarò in Italia e nell'Europa dell'Est a prinavera-estate 2007 e sto cercando qualcuno che mi introduca presso famiglie Rom di musicisti - non musicisti famosi - ma che integrino la musica e la danza nella vita come anima e cultura!

[...]

I migliori saluti
Rana Halprin

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/12/2006 @ 09:21:20, in Italia, visitato 1259 volte)

La Regione Lazio istituira' una borsa di studio intitolata a Sasha Traikovich, il giovane rom morto insieme alla moglie Lijuba Mikic nel rogo del campo nomadi di Via dei Gordiani.

L'iniziativa e' degli assessori agli Affari istituzionali, Regino Brachetti, e all'Istruzione, Silvia Costa, che hanno deciso di concretizzare in questo modo l'impegno delle istituzioni a riconoscere e rendere il giusto tributo nei confronti sacrificio del ragazzo nomade che prima di morire ha salvato dalle fiamme i genitori, due sorelle e una nipotina.
La borsa di studio sara' destinata a uno studente di etnia rom, anche e soprattutto nella prospettiva di promuovere e sostenere la scolarizzazione dei ragazzi dei campi nomadi, spesso protagonisti di massicci fenomeni di abbandono scolastico.
"La morte di Sasha Traikovich e della giovane moglie - ha detto l'assessore Brachetti - devono diventare il simbolo, per i ragazzi rom, di una voglia di riscatto e di integrazione, che la scuola puo' concretizzare, anche attraverso la diffusione dei valori della tolleranza e della solidarieta' che le sono propri".
"La conoscenza e l'istruzione costituiscono un formidabile mezzo di autotutela, - ha concluso Brachetti - pure nella prospettiva della ricerca di sicurezza, propria e degli altri".
"Vogliamo che la memoria del gesto eroico di Sasha, che ha perso la vita con la giovane moglie, - ha dichiarato l'assessore Costa - prosegua nel tempo e che aiuti i giovani rom a proseguire negli studi, ad uscire da situazioni difficili e ad allontanarsi dal pericolo di abbandono della scuola".
"E', questo, uno degli obiettivi prioritari del mio Assessorato: di recente abbiamo istituito l'Osservatorio sulla dispersione e l'abbandono scolastico - ha concluso la Costa - e a breve attiveremo un tavolo con le 24 Comunita' Rom della capitale, per discutere dell'accompagnamento e dell inserimento scolastico e formativo dei ragazzi rom dopo la scuola dell'obbligo".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/12/2006 @ 10:17:50, in Europa, visitato 1470 volte)

Da IDEA international debate education association

Strasburgo, 28.11.2006 - Il Consiglio di Europa addestrerà i funzionari a Sarajevo [...] per controllare e valutare leggi che assicurino pari trattamento ai Rom in Bosnia Erzegovina - questo è parte di un prossimo progetto a più largo respiro che coinvolgerà altri quattro paesi balcanici: Albania, Macedonia, Montenegro e Serbia.

Cittadini europei storicamente bersaglio di razzismo ed esclusione,  Rom hanno anche patito i recenti conflitti nei Balcani. Per questa ragione, gli esperti del Consiglio d'Europa - Divisione Rom e Viaggianti, attraverso il finanziamento della Commissione Europea, aiuteranno le azioni  e gli sforzi governativi per i Rom in Bosnia Erzegovina.

Con lo slogan "Pari Diritti e Trattamento per i Rom nel Sud Est d'Europa" il programma ha già raggiunto il suo primo ciclo di formazione in Macedonia e Albania, con un simile piano di formazione in Serbia.

Il programma include anche "Dosta!" - una parola romani che significa "abbastanza" - una campagna di sensibilizzazione per combattere contro pregiudizi e stereotipi che vanta testimonials come il tedesco premio Nobel Günter Grass, il regista francese Tony Gatlif e il musicista rom Saban Bajramovic.

[...]

Dal 1993, le tematiche di Rom e Viaggianti sono state al centro di tre priorità del Consiglio d'Europa: protezione delle minoranze, lotta al razzismo e all'intolleranza e lotta all'esclusione sociale. La difficile situazione fronteggiata dai circa 8-10 milioni di Rom in Europa rappresenta una minaccia alla coesione sociale negli stati membri. Inoltre, sempre più le associazioni dei Rom e Viaggianti si sono ripetutamente appellati al Consiglio d'Europa perché a questa minoranza siano assicurati i diritti fondamentali.

Press contacts:
In Sarajevo:
Radmila Stojadinovic of the Council of Europe office, Tel. +387 33 26 37 40 
Frane Maroevic (Spokesperson, European Commission Delegation to Bosnia and Herzegovina) , Tel. +387 33 254 749 or Mobile +387 61 103 076

In Strasbourg:
Ivana D'Alessandro (Roma and Travellers Division), Tel. +33 (0)3 90 21 51 51
Panos Kakaviatos (Council of Europe Press Service), Tel. +33 (0)3 90 21 47 06


Press Release
Council of Europe Press Division
Ref: 727a06
Tel: +33 (0)3 88 41 25 60
Fax:+33 (0)3 88 41 39 11
pressunit@coe.int
internet: www.coe.int/ press

To receive our press releases by e-mail, contact : Council.of.Europe. Press@coe.int

A political organisation set up in 1949, the Council of Europe works to promote democracy and human rights continent-wide.

It also develops common responses to social, cultural and legal challenges in its 46 member states.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/12/2006 @ 09:34:18, in lavoro, visitato 1358 volte)

E' un Rom macedone,  potete visitare il suo sito personale www.elvishajdar. com che presenta le sue capacità nel campo della information technology.

Se avete bisogno, scrivetegli: http://www.elvishaj dar.com/mk/ services_ wd.html

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 05/12/2006 @ 10:10:53, in Europa, visitato 1482 volte)


Rom e cancellati: amnesia europea

30.11.2006 scrive Franco Juri

Una marcia europea dei "cancellati" contro l'indifferenza del governo e parlamento sloveni. Per ribadire il loro diritto alla cittadinanza. Intanto in Slovenia dilaga la rivolta razzista anti-rom. Scenari inquietanti per un Paese che nella prima metà del 2008 presiderà l'UE

La lunga marcia dei cancellati è cominciata lunedì scorso a Lubiana. E' passata per Trieste, dove 48 vittime della cancellazione che non si vogliono arrendere o rassegnare di fronte all'indifferenza del governo e del parlamento di Lubiana che continuano a glissare sul problema, sono state accolte in Consiglio regionale dall'assessore alla cultura e alle politiche della pace Roberto Antonaz e da alcuni consiglieri di diversi partiti della sinistra (Rifondazione, PdCI, DS e Verdi).

Poi è stata la volta di Monfalcone, dove ad esprimere la propria solidarietà ai cancellati della Slovenia (ma anche a qualche cancellato italiano che si è unito alla carovana, come il giovane rom nato a Roma da genitori ex-jugoslavi Zvonko Đurđević) sono stati gli operai della Fincantieri, quelli del sindacato FIOM, con alle spalle una lunga tradizione di lotte operaie e di solidarietà interetnica.

Ad applaudire il gruppo accompagnato nel loro viaggio verso Bruxelles dagli attivisti sloveni e italiani di "Karavla mir" e "Dostje" c'erano pure alcuni lavoratori del Bangladesh e del Pakistan, alcuni dei tanti che nella Monfalcone progressista e cosmopolita hanno ottenuto un diritto di domicilio esemplare rispetto ad altre realtà industrializzate. Da Monfalcone a Parigi, al parlamento francese insieme ai "sans papier" e poi a Bruxelles dal commissario Franco Frattini, accompagnati da due deputati della sinistra europea, Giusto Catania e Roberto Musacchio che avvertono: la Slovenia risolva questo problema prima di prendere in mano le redini dell'UE. Viaggio imbarazzante per il governo sloveno, che sulla marcia europea dei diseredati ex-jugoslavi preferisce per ora mordersi la lingua. Solo due i messaggi pervenuti dal mondo politico ai cancellati in procinto di partire; quello solidale del deputato socialdemocratico Aurelio Juri, e quello critico e stigmatizzante dell'eurodeputato del Partito democratico sloveno Miha Brejc.

Molti cancellati, nonostante due delibere a loro favore della corte costituzionale slovena, continuano a rimanere tali, a non godere cioé di quegli elementari diritti di cittadinanza o di residenza che furono cancellati amministrativamente in una notte del 1992 e più tardi solo parzialmente riconosciuti a coloro che risucirono a mettere insieme tutta la documentazione richiesta, perlopiù andata in fiamme lì dove infuriava la guerra.

La rivolta razzista

Ma il problema dei cancellati è solo uno dei problemi che la Slovenia dovrà o dovrebbe risolvere prima di assumere la presidenza dell'Unione Europea nella prima metà del 2008. L'altro inquietante scenario che sembra purtroppo dilagare ed essere sfuggito di mano allo stesso governo Janša, che fin'ora lo ha ispirato e sostenuto tramite i propri commissari politici, è la rivolta anti-rom in tutta la Slovenia.

Ad Ambrus c'è stato sabato scorso il primo caso di violenza, con in prima fila la testa insanguinata di un contestatario locale che assieme ad altre centinaia di compaesani bloccava le strade impedendo alla polizia l'accesso all'insediamento rom della famiglia Strojan. La polizia ha caricato ed ha colpito la testa di un locale militante del partito di governo. Negli scontri sono stati leggermente feriti anche altri paesani.

Il giorno dopo ne ha fatto le spese il direttore della polizia di Lubiana, mentre Janša ed il ministro degli Interni Mate hanno chiesto scusa alla popolazione di Ambrus, dove quasi tutti votano tradizionalmente per il loro partito.

I disordini erano cominciati in seguito alla notizia che la famiglia rom, ospitata nel centro di permanenza per stranieri di Postumia (25 persone di cui 21 tra donne, bambini ed un'anziana) per sfuggire al linciaggio della folla di Ambrus, si era decisa a tornare a casa propria dopo che le tante promesse del governo di trovare una sistemazione alternativa erano finite in una sommossa nazionale;da Ambrus a Mala huda, da Grosuplje a Ig, da Kocevje a Ribnica e Lubiana. Barricate, blocchi stradali persino con la partecipazione dei locali vigili del fuoco e dei loro mezzi antincendio, uomini minacciosi armati di pali e seghe a motore, pronti ad affrontare anche le unità speciali di polizia, gli skin head e le "viole", gli ultras del Maribor, pronti ad aiutare gli insorti, e una polizia tollerante e intimidita con l'eccezione dei disordini ad Ambrus di sabato, finiti con una testa rotta e le dimissioni immediate del direttore di polizia.

Immagini da klu klux klan ma con dimensioni di massa da far rabbrividire anche il regista cinematografico più azzardato. Ogni ipotesi di insediamento dei rom, in qualsiasi parte del paese, persino a Lubiana, porta in strada le cosiddette "vaške straže" la cui simbologia politica rievoca direttamente il collaborazionismo filonazista nella seconda guerra mondiale.

Una revansce in chiave attuale e xenofoba, su cui - salvo rare eccezioni - il mondo politico tace o balbetta, mentre la chiesa cattolica e un buona fetta dell'intellighenzia glissano pavidamente. A fare le spese della furia popolare anti-rom è stato pure il nuovo sindaco di Lubiana Zoran Janković che ha tentato di offrire una sistemazione alla famiglia Strojan nel proprio comune. E' stato fischiato e contestato aspramente dalla folla della comunità locale interessata ed ha fatto, vistosamente preoccupato, un realistico dietro front.

Martedì per il solo sospetto (infondato) che nei veicoli della polizia dell'accademia di Gotenica presso Kočevje ci potesse essere uno Strojan è insorta la cittadina di Ribnica; al post odi blocco le »straže« hanno fermato persino i poliziotti e li hanno perquisiti, umiliando nuovamente lo stato di diritto. Cinquanta intellettuali di area liberal-progressista hanno richiesto intanto, in un appello a favore dei diritti dei Rom, le dimissioni del ministro degli interni Dragutin Mate cui addebitano la responsabilità diretta del caos razzista nel paese.

Gli Strojan intanto aspettano nel CPT di Postumia, il governo mantiene un atteggiamento ambiguo, esibendo la propria impotenza ed umanitaria benevolenza ma senza perdere occasione di puntare l'indice su presunte divisioni in seno alla stessa famiglia e sulla "poca affidabilità" di questa al momento di trovare un accordo.

La stessa sindrome dell'antisemitismo

Cosa sta succedendo nella Slovenia del 2006, nel paese che tra meno di due anni dovrebbe presiedere l'Unione Europea? E' forse in preda alla sindrome di angoscia collettiva che sembra pervadere una buona fetta dei paesi dell'est europeo e che ricorda quella dell'antisemitismo nella Germania di Weimar? Dalla Polonia all'Ungheria, alla Slovenia. Com'è possibile che un paese con il reddito più alto tra quelli dei nuovi membri UE e noto per la sua tradizionale moderazione e per una proverbiale (apparente) stabilità politica, diventi ora poligono di lotte razziali e di un crescente culto del linciaggio e delle "vaške straže"?.

La risposta va probabilmente cercata nella dilagante insicurezza, nel disagio che accompagna la gente in una fase di transizione particolarmente incerta, dove diventa tangibile e dolente ma anche redatto a tavolino, in nome delle leggi del libero mercato, il ridimensionamento dello stato sociale, dell'assistenza pubblica, di quella pensionistica, dei pari diritti alla scuola ed alla sanità.

E poi è in arrivo l' Euro e con lui la grande paura dei rincari e dell' ulteriore perdita del potere d'acquisto. E poi Schengen e la libera circolazione all'interno dell' area, e l'arrivo della Romania e della Bulgaria e di tanti immigrati più giovani e più fertili.

Insomma la percezione è quella di un sommovimento tettonico epocale che sta angosciando il piccolo individuo, sempre più insicuro e che cerca nella propria rassicurante comunità tradizionale un rifugio, da difendere ad ogni costo, anche con le seghe a motore.

La classe politica al potere è impegnata ormai da alcuni anni a spiegare alla gente che l'assistenzialismo sociale va ridotto al minimo, cominciando dai settori più "parassitari". E l'idea del "parassita sociale", responsabile del malessere generalizzato, s'insinua nell' immaginario collettivo della gente che cerca e trova il capro espiatorio nei più deboli.

Emira è bosniaca e lavora alla TV pubblica come donna delle pulizie con un contratto precario; entra nello studio tutta imbronciata e borbotta: "Maledetti Zingari, loro non lavorano e incassano l'assistenza sociale.Ed io qui a sgobbare! Maledetti!".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


12/12/2019 @ 13:21:26
script eseguito in 160 ms

 

Immagine
 da lontano a più vicini... di cicciosax



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 432 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
12/12/2019 @ 08:20:56
Di ANNA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
02/12/2019 @ 11:17:21
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source