Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Richiediamo chiarezza. Di Rom si parla poco e male, anche quando il tema delle notizie non è "apertamente" razzista o pietista, le notizie sono piene di errori sui nomi e sulle località

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 02/04/2007 @ 10:18:11, in Italia, visitato 1140 volte)

Vi invio il comunicato della presentazione del libro "E per patria una lingua segreta. Rom e Sinti in provincia di Venezia", che si terrà a Padova presso la Fiera di Civitas, il 5 Maggio.

Cordiali Saluti

Davide Turatti

Presentazione del libro
E PER PATRIA UNA LINGUA SEGRETA

5 MAGGIO 2007 ORE 16.30
Fiera di Padova
Civitas XII edizione 4-6 maggio 2007

Intervengono:
L’Assessora alle Politiche sociali della Provincia di Venezia
I curatori del volume,
COSES
Il Presidente dell’associazione “osservAzione”
Coordina Sergio Frigo, giornalista del Gazzettino

Il libro raccoglie il lavoro di ricerca del COSES, svolto su incarico dell’Amministrazione Provinciale di Venezia (Assessorato alle Politiche sociali), dedicato alla presenza dei rom e dei sinti sul territorio. La ricerca si compone sostanzialmente di quattro parti riguardanti rispettivamente:

• l’analisi per comune, avvalendosi della conoscenza degli assistenti sociali, della presenza in provincia di rom e sinti e delle problematiche ad essa collegate. Particolarmente importante è in questa sezione l’approfondimento del rapporto tra i ‘nomadi’ e gli operatori dei servizi sociali, la popolazione residente e le Istituzioni;
• lo studio dei problemi sollevati dall’inserimento dei minori nel sistema scolastico attraverso una serie di interviste a testimoni privilegiati puntate sugli aspetti comportamentali, ma anche sui problemi di attrito linguistico;
• un focus, con interviste ancora rivolte a testimoni privilegiati, su alcuni problemi legati all’inserimento dei rom e dei sinti nel mondo del lavoro;
• una quindicina di interviste dirette a rom e sinti di varie zone della provincia veneziana, cercando di capire (e di far capire) che senso abbia in questo nuovo Millennio essere o nascondere di appartenere a queste etnie.

Il libro esce ulteriormente arricchito da un contributo dello studioso Nando Sigona e da una scheda sulla legislazione nazionale ed europea riguardante rom e sinti a cura di Carla Osella.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/04/2007 @ 09:55:45, in casa, visitato 1498 volte)

Da Roma_Francais

Alcune famiglie Manouches da qualche anno vivono su di un terreno di loro proprietà a Bessancourt. Infatti, hanno comperato dei lotti sui quali hanno installato i caravan. E' un modo di vita che hanno scelto, nessuno li obbliga, è un loro diritto. Non chiedono privilegi. Non sono alla mercè delle istituzioni caritatevoli, che siano cristiane, musulmane, laiche, atee, governative...

NO, guadagnano la loro vita col sudore della fronte, come molti dei loro compatrioti, Cosa chiedono? È tanto normale che si hanno difficoltà ad immaginare che debbano passare per la giustizia!

  1. LUCE

  2. RACCOLTA DELL'IMMONDIZIA

  3. UN AUTOBUS CHE ARRIVI SINO A LI'

A chi verrebbe l'idea che queste tre cose, basiche e fondamentali, siano rifiutate a dei cittadini sul territorio della Repubblica francese? E' quindi un caso a Bessancourt. Col pretesto che il terreno di cui sono proprietari si situa in una zona "verde", questi servizi basici vengono rifiutati. Tuttavia, su questa famosa "zona verde", sono le stesse persone che, una volta acquistati i terreni, li hanno sgomberati da alcune tonnellate di rifiuti accumulati da moltissimo tempo. Così, oggi quello spazio è cambiato, poiché i proprietari lo mantengono molto accuratamente. E' altrettanto vero che dall'altra parte del sentiero che borda i terreni sono sepolti, dagli enti pubblici locali (ecologi? ) rifiuti che debordano dappertutto. Capite così chi è l'ecologista in quest'affare.

Quindi, cosa per lo meno stupefacente, questi Sinté hanno vicini che, loro, non hanno gli stessi problemi, mentre si trovano sullo stesso "bordo verde". "Tanto meglio per i nostri vicini", dicono i nostri cugini sinti; il problema non è che loro abbiano l'elettricità, o il diritto di costruire piccoli chalets (conformemente alla legge, non superano i 20 m²), ciò è normale, il problema è che noi, non abbiamo questi stessi diritti, mentre siamo nella stessa situazione.

Parteggiamo perfettamente con questo punto di vista. Di conseguenza, le associazioni "La voix des Rroms", "Femmes rroms, sinté et kalé", "Samudaripen", assieme al Centro AVER di ricerca e d'azione contro tutte le forme di razzismo, hanno sostenuto la loro azione. [...] I rappresentanti delle famiglie coinvolte hanno depositato un reclamo contro ignoti per discriminazione dinanzi al tribunale di Pontoise. Sfortunatamente, non è il solo caso di discriminazione che i Rroms, Sinté e Kalé subiscono in Francia, paese, tra l'altro, dell'uguaglianza. E' triste che nel paese dell'uguaglianza, si debba investire il giudice per essere considerato uguale al proprio simile. Speriamo che ciò risolva i problemi dei nostri amici di Bessancourt, ed anche, serva più globalmente a diminuire le discriminazioni, che siano dirette o indirette, nei confronti del nostro popolo. Perché, ricordiamo, non ha mai impedito nessuno fra noi ad essere così francesi, anche quando ciò ha implicato prendere la macchia durante la Resistenza.

Source: http://lesrroms.blogg.org

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 01/04/2007 @ 10:30:58, in media, visitato 1787 volte)

Da Macedonian_Roma

Siamo lieti di informarvi che la Televisione dei Rom d'Europa (ERT) "Sutel" è ora visibile anche su internet:

mms://stream2.idividi.com.mk/tvsutel1

I vostri suggerimenti sulle trasmissioni possono esserci inviati a: tvsutel@yahoo. com

Con i migliori saluti,
Mustafa Asanovski
TV Sutel

____________ _________ _____

Pakavalen dikhutnalen,

Si amen bari losaj te da tumen avdie infromacija kaj I Romani Evropaki Televizija (RET) “Sutel” saj te dikhen la ko internet:

mms://stream2.idividi.com.mk/tvsutel1

Tumare sugestije (sar I o emituvanje o toni) shaj te bicalen preku amaro email: tvsutel@yahoo. com

Devlesa.
Mustafa Asanovski
TV Sutel

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 31/03/2007 @ 17:30:58, in Regole, visitato 2680 volte)

Da Mundo_Gitano

Dichiarazione del Parlamento Catalano sul riconoscimento della persecuzione e genocidio dei Rom

Letta nella Sessione Parlamentare del 29 marzo

L'articolo 607 del Codice Penale richiama la punizione del crimine di genocidio per "quanti, con l'intenzione di totale o parziale distruzione di un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso [...], ne uccidono uno o più membri [...], assoggettano il gruppo o i suoi componenti a condizioni d'esistenza che mettono la loro vita in pericolo o grave stato di salute [...], portano il gruppo o i suoi membri alla dispersione, l'adozione di qualsiasi misura che restringe il loro modo di vita o la riproduzione, od attraverso lo spostamento forzato dei componenti da un gruppo all'altro".

Occorre tener conto dei seguenti fatti storici:

- Tra il 1499 e il 1783 il quello che oggi è il territorio di Catalonia, furono approvate almeno una dozzina di leggi che proibivano l'identità e i segni culturali della comunità Rom, allo scopo di assimilarli forzatamente o della loro sparizione come popolo. Le ragioni proprie di questi testi legali si basavano sull'idea di costruire e consolidare uno stato unificato con una propria egemonia culturale durante questo periodo, rendendo le differenze inattendibili e mettendo in discussione il potere stabilito. Il risultato fu la sostituzione di una lunga coesistenza tra culture e religioni di popolazioni numericamente diverse tra loro, col fanatismo e la repressione.

- La Corona catalano-aragonese pure seguì questa politica anti-Rom, inizialmente con l'espulsione della comunità Rom, che si evolse poi nell'assimilazione forzata dei sui membri, passando attraverso la schiavitù e la persecuzione criminale dei Rom e dei suoi simboli storici (linguaggio, vestiti, occupazioni, residenza e mobilità tra gli altri).

- Causa una mancanza nel manuale lavorale, dopo l'espulsione degli Arabi, l'oppressiva persecuzione e le politiche di assimilazione furono modificate così che la comunità Rom  fosse considerata come possibile forza lavoro, specialmente per lavori in campagna. D'altra parte, la residenza dei Rom continuò ad essere limitata e vennero applicate misure discriminatorie, con l'obiettivo di eliminare l'identità Rom.

- La repressione raggiunse una scala più vasta e crudele il 30 luglio 1749 con "Il Grande Raid". Durante il regno di Fernando IV venne emesso un ordine reale per imprigionare tutti i Rom nei diversi territori, senza riguardo all'età, sesso o salute. E' stato documentato che almeno nove milioni di Rom vennero imprigionati o furono mandati ai lavori forzati in miniera o negli arsenali, dove molti di loro perirono.

- Visto che con nessuna delle misure applicate portarono alla sparizione della comunità Rom, al tempo di Carlo III furono applicate politiche di integrazione con lo scopo dell'assimilazione culturale, che includeva la perdita del loro linguaggio e la sedentarizzazione forzata.

- Nel XX secolo, con la Guerra Civile e la seguente dittatura di Franco, si intensificò l'intolleranza verso la comunità Rom. La loro lingua venne nuovamente proibita e fu considerata come un gergo deliquenziale, contro cui applicare la legge sul pericolo sociale. Resta da dire che il Regolamento della Guardia Civil incluse due articoli apposta sui Rom, che violavano la presunzione d'innocenza. Nel contempo, tanto l'Amministrazione come pure istituzioni religiose e caritatevoli finanziarono programmi dedicati ad insegnare ai Rom a non essere Rom.

- Con la promulgazione della Costituzione Spagnola terminò la discriminazione legale, con l'articolo 14 che riconosce che tutti i cittadini Spagnoli sono uguali di fronte alla legge, senza differenza di nascita, sesso, opinioni religiose o qualsiasi altra condizione personale o sociale. Lo stesso articolo 14 della Costituzione ha ispirato leggi che promuovono azioni affermative destinate a particolari gruppi sociali, basate sul principio di eguaglianza delle opportunità attraverso il trattamento differenziale di quanti siano differenti per garantire l'eguaglianza.

Considerando le conseguenze economiche, sociali e culturali di tutte le leggi anti-Rom che si sono susseguite nei secoli e che continuano a pesare sulla società odierna e che sono in larga parte la causa dell'ineguaglianza dei Rom.

Il Parlamento Catalano:

  1. Dichiara e riconosce che i Rom che vivono in Spagna, e specificatamente in Catalonia, sono stati vittime di un genocidio storico e continuato.
  2. Deplora le leggi razziste ed anti-Rom che hanno guidato le istituzioni catalane e tutte quelle situazioni che hanno prodotto trattamenti discriminatori e la vulnerabilità della comunità Rom attraverso la storia.
  3. Promette di lavorare per l'applicazione di politiche inclusive, effettive e determinate con l'obiettivo di raggiungere all'eguaglianza delle opportunità per i membri della comunità Rom in Catalonia ed il riconoscimento ed il mantenimento dei segni della sua cultura ed identità, secondo le risoluzioni 1045/VI e 1046/VI del Parlamento,  le menzionate risoluzioni del governo, l'articolo 42.7 dello statuto autonomista e la Direttiva EU 2000/43/CE, riguardo all'applicazione del principio di pari trattamento degli individui, senza differenza di origine razziale o etnica.

Palazzo del Parlamento, 29 marzo 2007

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 30/03/2007 @ 09:56:43, in Italia, visitato 2309 volte)

Su Osservazione.org è apparsa una interessante intervista a Dijana Pavlovic, ricca di spunti sulla recente attualità. Potevamo non ripubblicarla?

In Italia si parla spesso di 'problema nomadi', secondo te a cosa si riferiscono?
Se ne parla spesso al livello locale (comuni e province) e raramente al livello di stato. O dietro le tragedie come roghi e sgomberi, oppure dietro i fatti di cronaca come casi di pedofilia e di micro criminalità. Sempre attraverso un'ottica di emergenza umanitaria, di sicurezza e di ordine pubblico. Si usano al livello mediatico, secondo me appositamente, due parole che mettono paura e suscitano la diffidenza da parte dei cittadini ( appunto "problema nomadi"). E' ovvio dal modo in cui e ne parla, che si riferiscono sempre allo stesso luogo comune: zingari e per ciò ladri, non lavoratori, quelli che non rispettano le leggi ecc. Il motivo, secondo me è sempre quel vecchio giochino, banale e scontato, però sempre funzionante: creare paura per poter controllare e strumentalizzare per scopi politici. Perché la gente ci crede? Per proteggere e recintare il suo piccolo benessere, per non dover mettere in discussione l'unico modello di vita che conosce, ma questo argomento merita un approfondimento per cui qui non c'è spazio, e forse è anche superfluo, visto che ci sono tanti saggi e libri di sociologia che ne parlano.

Come vedi le attuali aperture del governo verso rom e sinti?
In modo positivo. Secondo me è il momento per noi di creare un dialogo, pretendendo una risposta approfondita e seria, che possa dare le soluzioni alle nostre esigenze vere e reali, senza più luoghi comuni e strumentalizzazioni.

Quali sono le priorità su cui intervenire?
Tutte le questioni legate al popolo romanò sono priorità. Una richiesta e una risposta seria dovrebbero accomunare tutti gli strati di questo complesso argomento. Certo, affrontare le emergenze umanitarie senza più assistenzialismo e carità, ma con argomenti concreti come lavoro, abitabilità, sanità, scolarizzazione è fondamentale. Ma questo ha meno senso e efficacia se non si combattono il razzismo e i luoghi comuni. Come? Creando occasioni per promuovere la nostra cultura e il nostro modo di vivere, riconoscendo lo status di minoranza linguistica, proponendo l'immagine dei Rom e dei Sinti anche in modo positivo. Si deve riconoscere ufficialmente il diritto di vivere non solo secondo un unico modello di vita.

Come si può promuovere la partecipazione di rom e sinti in questi processi?
Le associazioni, pur con le difficoltà che conosciamo, potrebbero dare spazio alle iniziative dei Rom e Sinti, riservando loro il ruolo di protagonista nelle cause che gli riguardano, come del resto è avvenuto a Mantova. La politica potrebbe superare la logica della mascotte, e candidare i Rom e Sinti investendo seriamente sulle loro candidature .

Alle ultime elezioni amministrative a Milano non sei stata eletta, stai continuando la tua attivita' politica?
Certo. Penso che la vera possibilità di cambiare qualcosa sta nella partecipazione politica. A Milano c'è una situazione drammatica, legata in particolare ai Rom rumeni. Contro "il patto di legalità e di socialità" abbiamo promosso un appello al quale hanno aderito tantissime persone e associazioni, e stiamo lavorando a una serie di iniziative. La mia candidatura non è stata una questione di immagine. La mia lista, candidandomi si è assunta la responsabilità di portare avanti questo argomento e lo sta facendo con impegno e serietà.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 30/03/2007 @ 09:32:08, in blog, visitato 2043 volte)

Serbia, l'infanzia rom subisce discriminazioni multidimensionali
Il Rapporto sulla Condizione dell’infanzia in Serbia 2006 sui bambini poveri ed esclusi, prodotto congiuntamente dall’Ufficio Statistico della Repubblica di Serbia, dal Consiglio per i Diritti del Bambino della Repubblica Serba e dall’Ufficio UNICEF di Belgrado, è basato sulle informazioni e sui dati statistici raccolti nella "Ricerca sulla situazione della famiglia e sulle pratiche di cura" e dal ...

Vaticano, riconoscere le identità e le culture sinte e rom
Occorre riconoscere i valori delle culture Rom e Sinte e rispettarne l’identità. Lo ha ribadito il cardinale Renato Raffaele Martino, presidente Pontificio Consiglio per la Pastorale per i Migranti e gli Itineranti in un comunicato ai partecipanti all’Incontro annuale del Comitato cattolico internazionale per i Rom e Sinti, svoltosi nei giorni scorsi.
Il porporato ha ricordato quanto da lu...

Bologna, la musica sinta in una tesi al D.A.M.S.
Congratulazioni da tutti noi di sucardrom a Luca Zerbinati che si è laureato al D.A.M.S (Discipline di Arte Musica e Spettacolo) di Bologna con un tesi dal titolo “La musica dei sinti italiani. I musicisti sinti estrajxaria delle famiglie Gabrielli e Held”.
La tesi del dottor Luca Zerbinati consiste in una ricerca sul repertorio dei musicisti sinti tradizionali. È stata svolta una r...

Una razza: quella Umana (One race: Human race)
Presentiamo la prima parte della relazione "La razza tra scienza e mito" proposta il 21 Marzo, giornata mondiale contro il razzismo da Diego Saccani, Daiana e Manuel Gabrieli che svolgono l'anno di Servizio Civile all'Ente Morale Opera Nomadi Sezione di Mantova.
La giornata di studi promossa da Sucar Drom, dall'Ist...

Reggio Emilia, le minoranze sinte e rom nel dibattito sul partito democratico
Il sindaco di Reggio Emilia Graziano Delrio è intervenuto il 10 marzo al Centro Internazionale Malaguzzi ponendo alcuni temi di riflessione per il Partito Democratico. Uno dei tre temi posti è sull'eguaglianza e Graziano Delrio (in foto) ha fatto esplicitamente riferimento alle minoranze sinte e rom. Di seguito un breve sunto dell'intervento.
“Il tema dell’uguaglianza. Non possiamo non lavo...

Svizzera, costa troppo riconoscere ai Rom e ai Sinti la convenzione ILO n. 169
La Convenzione 169 dell'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) fissa i diritti dei popoli indigeni e tribali. Diciotto Stati l'hanno ratificata, ma non la Svizzera ne tanto meno l'Italia. Il governo elvetico si riconosce nei principi generali della convenzione, ma teme che una ratifica comporti nuovi obblighi nei confron...

Quartu Sant'Elena (CA), teppisti lanciano bombe molotov contro i Rom
Pesante atto intimidatorio a poche ore dalla partenza dei quaranta immigrati Rom che avevano trovato alloggio a pochi passi da una delle spiagge più belle del litorale.
La comunità rumena, da giovedì scorso insediata in un terreno privato lungo la costa, ieri è tornata a casa, in Romania, grazie agli aiuti di Caritas e Provincia ma prima ha dovuto fare i conti con una pesante intimidazione...

Rom e Sinti Insieme, interviene Santino Spinelli
L'incontro di Mantova ha dimostrato che i Rom e Sinti possono essere autonomi. L'autonomia che significa libertà di confronto, di espressione e di decisione è la grande nemica delle organizzazioni "pro-zingari" che hanno avuto il demerito di creare "Ziganopoli", un sistema di controllo e di sfruttamento di Rom e Sinti.
Occorre, certo crescere, l'incontro lo ha dimostrato, sono ancora molti ...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 29/03/2007 @ 09:37:28, in Europa, visitato 1952 volte)

Da Czech_Roma

Il 17 gennaio 2007, l'Alta Corte di Olomouc ha pubblicato un approfondito verdetto sul caso della sterilizzazione illegale di Helena Ferenčíková nel 2001, dopo la nascita del suo secondo figlio, [il verdetto] richiede che l'ospedale che ha operato la sterilizzazione si scusi. Il verdetto dell'Alta Corte sostiene quello del 2005 del Tribunale Regionale di Ostrava, ma la corte non ha riconosciuto ad Helena Ferenčíková il compenso di 1 milione di corone per danni fisici e psicologici.

In una lettera del 27 febbraio 2007, l'ospedale Vítkovice si è scusato con la signora Ferenčíková per "l'usurpazione del [...] vostro diritto di protezione della personalità [...]".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 28/03/2007 @ 10:34:27, in Regole, visitato 2043 volte)
Un paio di giorni fa, il padre della famiglia Mogos, Marin Mogos, si è suicidato per strangolamento nel centro di transito dell'aeroporto di Bucarest. Nel 1990. a seguito dei disordini per la caduta del dittatore Ceausescu, la sua famiglia fuggì in Germania. I Mogos, assieme ai loro tre figli, chiesero di rinunciare alla cittadinanza rumena e diventarono apolidi.

A seguito del rifiuto della loro richiesta d'asilo e del successivo procedimento al tribunale di Wiesbaden, la famiglia venne espulsa in Romania nel 2002. Per paura di rappresaglie in Romania, la famiglia rifiutò di entrare in Romania e da allora finirono in quella terra di nessuno del centro di transito. Il cibo e le medicine erano insufficienti (Mogos soffriva di diabete). Tutta la famiglia ha sofferto di depressione e stati di paura. La figlia maggiore ha probabilmente lasciato il centro di transito nel frattempo. L'insostenibile situazione a portato Mogos al suicidio.

Questo tragico evento mette un'ombra nella tanto celebrata entrata di Romania e Bulgaria nell'Unione Europea e pone il fatto che nell'Unione Europea ci sono cittadini di seconda classe - senza stato, che formalmente erano cittadini rumeni. Persone che, per ragioni consce e comprensibili, non vogliono più essere cittadini di Romania e rifiutano di ritornarci, mentre hanno paura di perdere la possibilità di rimanere in Germania, dove si sono integrati.

Persone, che pure loro integrati in Germania e ancora apolidi, ma che hanno richiesto la loro rinaturalizzazione sono parimente minacciati di deportazione in Romania. A loro viene risposto che la rinaturalizzazione può avvenire in Romania. Molti anni di vita in Germania, la nascita e la crescita dei bambini e il terminare di un'integrazione di successo sono totalmente ignorati.

Come ex cittadini rumeni, i Rom apolidi sono effettivi cittadini dell'Unione Europea. La burocrazia tedesca nondimeno adopera lo status di apolide per farne cittadini di seconda classe ed escluderli dalla libertà di movimento come diritto fondamentale nella EU. Il governo rumeno presta la sua assistenza a questa procedura.

Förderverein Roma e. V. si rammarica profondamente per la tragica morte di Marin Mogos  e condanna fermamente l'ignoranza e l'attitudine inumana delle autorità tedesche.

Förderverein Roma e. V.
Stoltzestraße 17
60311 Frankfurt am Main
00 49 69/440123
foerderverein. roma@t-online. de

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 28/03/2007 @ 09:51:44, in Kumpanija, visitato 2247 volte)

Bolzano, l'intervento di Radames Gabrielli su convivenza e discriminazioni
Pubblichiamo una parte dell'intervento tenuto da Radames Gabrielli, Presidente dell'Associazione Nevo Drom, al convegno "Rom e Sinti: convivenza e discriminazioni", promosso dall'Osservatorio provinciale sull'immigrazione in collaborazione con la Ripartizione provinciale Politiche sociali a Bolz...

Mantova, è nato Romanò Phralipè, Rom e Sinti Insieme
A Mantova sabato 24 marzo è nato Romanò Phralipè, Rom e Sinti Insieme, il primo coordinamento nazionale di Sinti e Rom che intende riunire intorno a sé tutte le comunità presenti in Italia. L’incontro, a cui hanno partecipato i più rappresentativi leader rom e sinti, è stato promosso dalle associazioni Sucar Drom,...

Follonica (GR), bambina rom di cinque mesi muore in un incendio
Un drammatico episodio si è verificato nel Comune di Follonica, in Provincia di Grosseto, in una abitazione di fortuna situata a fianco di un depuratore di proprietà del comune. Una bambina romena di cinque mesi è morta in un incendio che è divampato la scorsa notte.
Nell'incendio, secondo quanto riferito dai vigili del fuoco, sono rimaste ustionate gravemente anche quattro persone e altre...

Congratulazioni Eva, sei grande!
Venerdì 16 marzo, alle ore 9.30, nella Sala Cammarata dell’Università di Trieste, Eva Rizzin ha discusso la tesi di dottorato sul fenomeno dell’Antiziganismo nell’Europa allargata. Appartenente alla comunità dei Sinti Estrekarija, Eva Rizzin è da tempo impegnata infatti nella lotta all’antiziganismo con l’associazione di promozione sociale OsservA...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/03/2007 @ 09:48:06, in Europa, visitato 2076 volte)

I Problemi dei Diritti Umani Affrontati dalla Donne Rom in Serbia Portati all'Attenzione del Comitato ONU sui Diritti delle Donne

Budapest, Belgrado, 22 marzo 2007: European Roma Rights Centre (ERRC), agendo in partnership con Bibija, Eureka e Spazio delle Donne, OnG con base in Serbia, hanno sottoposto il loro rapporto al Comitato ONU sull'Eliminazione della Discriminazione Contro le Donne (CEDAW).  [...]

Il rapporto è basato su una ricerca intrapresa nel 2006 e 2007, coinvolgente sei ricercatrici Romnià [...]. Deprivazioni dei diritti nelle aree della scolarizzazione, sanità ed impiego, incidenza della violenza domestica e abusi razzialmente motivati, sono tra i problemi principali. Sono particolarmente esposte a circostanze precarie quante vivono attualmente in Serbia come Rifugiati Interni (IDPs) dal Kosovo o rimpatriati recentemente dai paesi occidentali, in particolare dalla Germania.

I temi di maggior preoccupazione includono:

Violenza contro le donne: Violenza domestica è riportata dalla maggioranza delle donne che hanno risposto alla ricerca. Metà delle intervistate hanno rifiutato di parlare di violenza domestica, delle rimanenti 81, 63 hanno risposto indicando abusi fisici e verbali da parte di membri della famiglia. Se il problema della violenza domestica riguarda anche donne della comunità maggioritaria, le Romnià sono particolarmente vulnerabili a causa dei diffusi pregiudizi e negligenza di quanti incaricati del rispetto della legge. Le donne testimoniano che la polizia è riluttante nell'agire in loro protezione, quando addirittura non sottopongono loro stessi le vittime ad abusi.

Le donne ed i bambini Rom sono anche i bersagli preferiti degli attacchi fisici e verbali dei gruppi neonazisti.

Scolarizzazione: Le donne affrontano serie barriere nell'acceso scolare come si riflette negli alti tassi di analfabetizzazione femminile comparato a quello maschile e a quello di donne e uomini non-rom. Le barriere spaziano dall'alto tasso di povertà alle tradizioni patriarcali di alcune comunità, che si concretizzano in basse aspettative che le ragazze completino il ciclo educativo. L'ineguaglianza nell'accesso alla scolarizzazione è esarcebata da pratiche discriminatorie [...] come il porle in scuole differenziali per bambini ritardati mentalmente, o la segregazione in classi di soli Rom, trattamenti umilianti da parte di insegnanti e compagni di classe. La mancanza di documenti e della residenza pure impediscono l'accesso all'educazione.

Impiego: Molte Romnià non hanno accesso all'impiego formale come risultato della bassa scolarità, come della discriminazione diretta ed indiretta. Le donne che lavorano nell'economia sommersa sono escluse dai benefici e dall'assicurazione sociale. Un numero di richieste su discriminazione contro le Romnià nel campo dell'accesso al lavoro sono state documentate.

Salute: La situazione sanitaria femminile è significativamente peggiore di quella generale, come risultato delle inadeguate condizioni di vita - come il substandard alloggiativo, l'estrema povertà e la posizione svantaggiata di alcune Romnià all'interno della famiglia. La mancanza di documenti, di assicurazione sanitaria impediscono l'accesso ai servizi sanitari. Problemi strutturali nell'accesso ai servizi sono communati con le evidenti ratiche discriminatorie del personale medico rispetto alle donne Rom. La discriminazione è particolarmente evidente nell'area riproduttiva e della sanità materna, come pure nell'emergenza sanitaria, che sono i servizi sanitari più adoperati.

La ricerca è stata portata avanti col supporto di Open Society Institute Public Health Program.

Per ulteriori informazioni, contattare:

Ostalinda Maya Ovalle (ERRC): ostalinda.maya@ errc.org
Ilona Kovacs, Piroska Kovacs (Eureka): ilonasu2000@ yahoo.com
Svetlana Ilic (Bibija): bibija@eunet. yu
Vera Kurtic (Women's Space): catz@bankerinter. net

The full report is available in English at the website of the European Roma Rights Centre: http://www.errc. org/db/02/ 1A/m0000021A. zip.
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


23/09/2019 @ 09:57:35
script eseguito in 163 ms

 

Immagine
 Ricordi, idee, speranze, progetti...... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 126 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, pe...
15/08/2019 @ 09:29:56
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source